annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Contattori in presenza di trafo

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Contattori in presenza di trafo

    Non la prima volta che mi capita di dover utilizzare un contattore controllato dal rel di interfaccia.
    Per impianti sotto i 50-60 kW mi sembra infatti pi conveniente rispetto ad uno scatolato motorizzato.
    Il dubbio il suo dimensionamento in presenza di un trafo.
    L'applicazione definita come AC-6a
    Online ho trovato questa utility: AC-6a Switching of transformer.

    Il problema che:
    1) Una corrente di 20-30 volte quella nominale mi sembra eccessivo
    2) I contattori sono tripolari, mentre a me (noi) servirebbero quadripolari

    St quindi cercando di estrarre un fattore di "sovradimensionamento", che sarebbe molto pi pratico
    Qualcuno ci ha lavorato e ha qualche consiglio o parere?

  • #2
    Originariamente inviato da F.Capuzzi Visualizza il messaggio
    Una corrente di 20-30 volte quella nominale mi sembra eccessivo...
    Eccessivo in base a quale considerazione?

    La corrente d'inserzione di un trasformatore puo' arrivare anche a 30 volte la nominale: se non la conosci per forza di cose devi sceglierlo con potere d'interruzione spannometrico di 20-30 In, altrimenti per dimensionarlo come va dimensionato, interpella il costruttore del trasformatore.

    mp

    Commenta


    • #3
      Scusate se intervengo in questa discussione, ma vorrei avere una informazione in merito all'utilizzo di un contattore pilotato dal sistema di interfaccia. La regola tecnica chiede che tale dispositivo sia alimentato in serie ad un bobina a mancanza di tensione. Se utilizzo pertanto un contattore (NC) con rel interno necessaria comunque prevedere tale bobina? Eventuale mancanza di tensione mi farebbe scattare comunque il contattore, ma tecnicamente non sarebbe corretto in quanto la bobina a mancanza di tensione specifica per tale funzione.
      GRAZIE

      Commenta


      • #4
        Eccessivo in base a quale considerazione?
        Eccessivo per un trasformatore di isolamento a basse perdite in resina e di potenza inferiore ai 60kW

        @analogico:

        Il contattore (se normalmente aperto) gi a sicurezza intrinseca; la bobina di minima tensione necessaria solo nel caso utilizzi un interruttore automatico

        Commenta


        • #5
          Oltretutto secondo me il problema non il potere di interruzione, visto che la corrente di spunto si ha solo per pochi istanti, ma la corrente di picco, ovvero la massima corrente che il contattore pu sopportare senza danneggiarsi.
          Purtroppo i contattori della ABB non indicano questo parametro (o sono io che non l'ho trovato!)

          Commenta


          • #6
            Ciao F.Capuzzi,

            Ti riporto il mio caso: trasformatore da 100kVA della K-factor con corrente di inserzione pari a 15*In circa 2100A. E' stato adottato un magnetotermico ABB da 250A che ha una soglia di intervento magnetica pari a 10*In regolato a 175A per l'intervento termico in base al dimensionamento dei cavi.


            Saluti,

            Eubrun

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da eubrun Visualizza il messaggio
              E' stato adottato un magnetotermico...
              K-factor mi piace perche' dichiara da subito la corrente d'inserzione senza bisogno di doversi attaccare al telefono...

              Con un magnetotermico ok, ma tu monteresti anche se protetto da fusibile, un contattore con potere d'interruzione minore della corrente d'inserzione?

              mp

              Commenta


              • #8
                A me la Brollo ha comunicato un valore di 12-13 In per trafo intorno ai 100kW;
                In entrambi i casi ho utilizzato anche io un magnetotermico con una Ith magnetica adeguata (per la cronaca, il problema grosso l'abbiamo avuto invece col magnetotermico in cabina Enel, che al momento di attaccare il trafo scattava una volta si e una no..)
                Per, come diceva giustamente M.Paganelli, lavorando coi contattori la cosa non dico si complichi ma sicuramente meno banale, se non altro, a parer mio, a causa dei data sheet (parlo per ABB) un po' carenti

                Commenta


                • #9
                  salve, un solo appunto: secondo la guida CEI 82-25 quando il dispositivo di interfaccia realizzato con contattore abbinato a fusibili quest'ultimo deve essere di categoria AC-1 o AC-7a, onnipolare ed idoneo al sezionamento. Non so se ci siano modifiche in merito (CEI 0-21, etc),
                  saluti

                  Commenta


                  • #10
                    non mi sembradi aver letto di nessuna modifica a riguardo. TNE indica comunque che si puo usare anche contattori tripolari nei sistemi ove il neutro non attivo (sistemi TN-S).
                    @F.Capuzzi : per il problema con i MT sta nella motorizzazione, che sovente piuttosto deboluccia meccanicamente e tende a rompere il dispositivo di riarmo. Qualcuno ha esperienza in merito? Consigli su marche o modelli????

                    Commenta


                    • #11
                      Per quanto riguarda gli interruttori MT si valuta bene la soglia di
                      intervento magnetica in modo da coordinarla col trafo, ma per i
                      contattori combinati con fusibili come si procede?
                      Inoltre giusto usare contattori 4P NC?

                      Commenta


                      • #12
                        secondo la guida CEI 82-25 quando il dispositivo di interfaccia realizzato con contattore abbinato a fusibili quest'ultimo deve essere di categoria AC-1 o AC-7a
                        Purtroppo non ho a disposizione la guida, ma mi sembra strano che si parli di categoria AC-1 o ac-7a anche in presenza di un trasformatore, a cui corrisponde la categoria di impiego ac-6a

                        Per quanto riguarda gli IMT (MT secondo me ambiguo!) noi abbiamo usato scatolati sia abb che merlin-gerin, col riarmo a molla e non a staffa, e per ora non abbiamo avuto particolari problemi

                        Non credo poi si possano usare contattori NC, visto che non sarebbero a sicurezza intrinseca

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da F.Capuzzi Visualizza il messaggio
                          Non credo poi si possano usare contattori NC, visto che non sarebbero a sicurezza intrinseca
                          Io ragiono in questo modo e sono ben accette critiche:
                          In normale esercizio la SPI alimenta la bobina di minima tensione del contattore che a sua volta mantiene i contatti chiusi,
                          nel momento in cui la tensione manca, la bobina di minima non pi eccitata e apre i contatti. Cosa sbaglio?

                          Commenta


                          • #14
                            Il contattore E' una bobina, non ha senso parlare di bobina di minima tensione associata ad un contattore.
                            L'interfaccia controlla direttamente la bobina del contattore:
                            Se l'interfaccia non d segnale di ok il contattore deve lasciare i contatti aperti, quindi deve essere del tipo normalmente aperto.
                            Se fosse normalmente chiuso (NC) , aprirebbe i contatti solo a bobina eccitata, ovvero su segnale del rel di interfaccia, il che non andrebbe bene perch in caso di quasto del rel la protezione non funzionerebbe

                            Commenta


                            • #15
                              Andiamo a piccoli passi, l'interfaccia io posso impostarla o come NC o NA, se io collego le uscite dell'interfaccia in configurazione NC, significa che alimento la bobina del contattore, che a sua volta, essendo eccitata, mantiene i contatti del contattore chiusi. Nel momento in cui manca la rete, i contatti dell'interfaccia si aprono, la bobina del contattore non pi eccitata e dunque il contattore si apre (Quindi questo il caso di un contattore NA).
                              Caso opposto interfaccia NA, il contattore deve essere NC
                              Giusto?
                              Ultima modifica di MarcoImp; 25-01-2012, 23:34.

                              Commenta


                              • #16
                                Tutto giusto, solo che semplicemente non permesso l'uso di un contattore NC!
                                Perch, se il rel di interfaccia si guastasse, mancasse la tensione, si staccasse un filo etc. etc. (ovvero genericamente in caso di guasto al sistema di interfaccia) il contattore rimarrebbe chiuso:
                                in questo caso il sistema di interfaccia non sarebbe "a sicurezza intrinseca"

                                Commenta


                                • #17
                                  Grazie Sig. F.Capuzzi stato chiarissimo.
                                  Ho un dubbio che mi sorto appena adesso, ma la corrente d'inserzione del trafo, coinvolge sia gli interruttori a valle che a monte del trafo, o solo il MT a monte (quello tra trafo e rete enel) ?

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Solo quello a monte: al momento dell'inserzione, essendo gli inverter spenti, il trafo come se fosse "a vuoto"

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Se la corrente di inserzione coinvolge solo il MT a monte, a questo punto non dovrei preoccuparmi del contattore (DDI) poich a valle del trafo, al massimo lo si prende AC3.
                                      Mi confermate?

                                      Commenta


                                      • #20
                                        per quello che so io posso confermare, anzi dovrebbe andare bene anche AC-1

                                        Commenta


                                        • #21
                                          salve
                                          qualcuno di voi ha trovato un contattore, da usare come DDI, che il costruttore ha dichiarato idoneo al sezionamento ?

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Dipende dalle potenze, ma ad esempio GHISALBA un buon prodotto!

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Da quel che ricordo tutti la normativa di prodotto impone che i contattori siano in grado di interrompere almeno 8 volte la corrente nominale, non capisco la domanda? l'importante che siano protetti dal cortocircuito con fusibili o MT...

                                              Commenta


                                              • #24
                                                provo a spiegarmi meglio ...
                                                dalla norma CEI 0-21 :
                                                8.2.2.3 Dispositivi ammessi in funzione di DDI
                                                Il dispositivo di interfaccia deve essere costituito da:
                                                interruttore di manovra-sezionatore o interruttore automatico idoneo al sezionamento,
                                                oppure
                                                un contattore onnipolare di categoria AC3 idoneo al sezionamento; tuttavia, per
                                                generatori con inverter di potenza nominale fino a 6 kW, con DDI interno, possibile
                                                utilizzare contattori di categoria AC1.

                                                .... in sostanza chiedevo se qualcuno ha chiesto e ricevuto dal costruttore di contattori, una conferma della sopracitata idoneit.
                                                grazie

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Secondo me "idoneo al sezionamento" significa che adatto a sezionare il circuito in quella particolare situazione, quindi che presenta un potere di interruzione e una tensione di isolamento congrue

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originariamente inviato da F.Capuzzi Visualizza il messaggio
                                                    Non la prima volta che mi capita di dover utilizzare un contattore controllato dal rel di interfaccia.
                                                    Per impianti sotto i 50-60 kW
                                                    2) I contattori sono tripolari, mentre a me (noi) servirebbero quadripolari

                                                    St quindi cercando di estrarre un fattore di "sovradimensionamento", che sarebbe molto pi pratico
                                                    Qualcuno ci ha lavorato e ha qualche consiglio o parere?
                                                    Io ho un caso analogo che sto dimensionando: 55KW, trasformatore Trasfeco da 65KVA che mi indica una corrente di inserzione di 9,5 volte la nominale (molto meno di 20 o addirittura 30). Ho gi istallato in un altro impianto un pochino pi piccolo (45KW) un altro contattore Lovato serie B http://www.lovatoelectric.com/BIBLIO...Contattori.pdf fammi sapere che ne pensi del B145400 o 115400

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      fammi sapere che ne pensi del B145400 o 115400
                                                      La cosa interessante che sono indicati questi parametri:

                                                      "Corrente di breve durata ammissibile per 10 s"
                                                      "Potere di chiusura (valore efficace)"

                                                      che sono proprio quelli che secondo me ci interessano maggiormente.
                                                      Per il B115 viene dato un valore di 1100A.

                                                      Tenendosi larghi (corrente di inserzione =20 volte Ith), si potrebbe utizzare senza controindicazioni fino ad una corrente nominale del trafo di circa 60A, corrispondenti a circa 40kW
                                                      Tenendo conto per che la corrente di inserzione dura meno di mezzo secondo, e non 10 secondi, sicuramente ci si pu allargare ..
                                                      Cosa ne dite?

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Ho una tabella della Lovato con l'indicazione del modello di contattore da scegliere in funzione della potenza del trasformatore che s emi dai una email ti posso inviare.
                                                        A me in questo senso rimane il dubbio relativamente all' AC1-AC3 i quadripolari sono AC1 e i tripolari AC3 il che mi lascia da pensare...

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          ok ho pensato. Alla fine probabilmente basta sovradimensionare il contattore. cio se per la protezioni in AC1 e cio con carico resistivo per un 65 KW il B115 basta e avanza, per un trasformatore da 65KVA metter un B180.

                                                          Commenta

                                                          Attendi un attimo...
                                                          X
                                                          TOP100-SOLAR