Impianto ibrido fotovoltaico e termico per un piccolo condominio - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Impianto ibrido fotovoltaico e termico per un piccolo condominio

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Impianto ibrido fotovoltaico e termico per un piccolo condominio

    Ciao a tutti,

    abbiamo un piccolo condominio da sei appartamenti da 100mq l'uno, due per piano, tutto in famiglia, e sto pensando di renderlo il più possibile autosufficiente energeticamente.

    Al momento ogni appartamento ha la propria caldaia, ma mi piacerebbe centralizzare il tutto.

    Tetto piano con una superficie disponibile di circa 150mq, località provincia di Bari, Acquaviva delle Fonti.

    Ho visto che ci sono pannelli solari ibridi (collettori pvt) e che l'ideale è l'unione con una pompa di calore.

    Per i pannelli ibridi ho visto un paio di aziende, tipo Aleo, o Korus di Indea.

    Supponendo un impianto da 18/20kw:

    - quanto spazio occuperebbe? Ipotizzando 30mq/6kw, dovrebbe essere ~100mq, corretto?

    - leggendo in giro sembra che gli inseguitori solari aumentino la produzione del 30-40%, giusto?

    - ha senso pensare ad un accumulatore di idrogeno per un sistema del genere?

    Avete qualche suggerimento/link/azienda a proposito?


    Saluti


    Edit: a quanto pare non è possibile fare un impianto fotovoltaico condiviso perché ogni appartamento deve avere il proprio contatore...
    Ultima modifica di elect; 12-11-2015, 11:52.

  • #2
    Qui in puglia abbiamo tanto sole e temperature miti....sistemi come sonde geotermiche, solare termodinamico o ibrido sono antieconomici...
    rendono, ma un FV tradizionale abbinato ad una PdC è molto + affidabile ed economico!
    in particolare i primi pannelli ibridi soffrivano di corrosione galvanica per le correnti nell'acqua, ora dovrebbero essere migliorati, ma ogni aziend ha il suo sistema proprietario... molto meglio un FV classico con moduli 60 celle, in futuro per ogni evenienza avrai sempre ricambi!
    e se fai FV+Pdc non avrai neanche bisogno di pannelli termici...

    le soluzioni sono:
    1. impianto di riscaldamento centralizzato + FV condominiale adatto (<20kwp) + eventuale 3kw FV per ogni utenza
    2. ognuno si fa la propria caldaia Pdc + impiantoFV (4.5-6.0kwp)...costi simili e eviti ogni bega!

    come spazio con pannelli standard considera 38mq per 6kwp, i 30 li raggiungi con quelli ad alto rendimento

    lascia perdere inseguitori e (per ora) accumuli...
    FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
    FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
    FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

    Commenta


    • #3
      Il tuo suggerimento riguardo inseguitori ed accumuli conferma quanto dettomi da altre parti...

      Cose ne diresti invece di un paio ibridi e tutti gli altri FV puri + PdC?

      Non mi è chiaro come nel caso di FV condominiale venga suddivisa l'energia..

      Commenta


      • #4
        dovresti fare un impianto FV condominiale + impianto riscaldamento centralizzato e installare dei contabilizzatori di calore... poi mettere eventualmente altro FV per il resto dei consumi..
        ma se avete ognuno il riscaldamento indipendente, è molto + economico farsi ognuno il proprio impianto FV e la propria caldaia Pdc, magari direttamente una monoblocco da mettere al posto di quelle che avete e che al 90% sono sui balconi!
        se i 150 mq sono PULITI e senza ombre, puoi mettere una 70ina di pannelli a basso tilt... 18,2kwp con pannelli standard da 260w (3kwp cadauno), 21kwp con pannelli da 300W, 24,150 con pannelli da 345W (ma i costi salgono parecchio)
        il "paio" di ibridi non vano bene, hanno rendimenti diversi rispetto agli altri, e quindi andranno o su inverter dedicato o minimo un mppt separato...
        FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
        FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
        FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

        Commenta


        • #5
          Elect..

          - ma i vari appartamenti sono riscaldati mediante termi o pavimento radiante?
          - hai necessita di raffrescare'
          - la palazzina è ben isolata in parete e tetto?

          Un approccio "condominiale" non è male (macchina unica, maggior autoconsumo da fv)..ma ci sono molti aspetti che remano contro:

          - sarebbe comunque un peccato non fare il FV per ogni appartamento ad uso normai utenze..e quindi comunque dovresti fare 6 piccoli impianti da connettere ad ogni appartamento..oltre ad uno ad uso pdc centralizzata...il che complica comunque le cose.
          - poi devi pensare all'ACS...se distribuisci alta T pe ri termi, no ****lem..altrimenti se hai radinate, come fai? dovresti mandare SEMPRE un AT e poi miscelare in ogni apartamento, no efficienza.
          - in estate dover mandare in giro AT solo per fare ACS è un peccato...
          - se serve rinfrescare , col centralizzato non puoi, salvo eliminare acs dal sistema centrale e ognuno la fa per se (ma come)?

          Inatnto dicci qualche info in piu e poi ti do i miei personali consigli
          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

          Commenta


          • #6
            già, dimenticavo il sistema distributivo del calore per la PdC:
            pavimento: PERFETTO
            fancoils: BUONO
            radiatori alluminio: Discreti
            radiatori ghisa: Insomma...

            Alla fine marco diciamo la stessa cosa:
            il condominiale va meglio sotto un profilo di autoconsumo, ma presenta diverse problematiche, non da ultmo portare acqua calda per almeno 3 piani senza dispersioni (e senza predisposizioni)... e poi si sa che in un condominio mettere 6 teste d'accordo non è mai facile (non lo è neanche se sono 2 a dire il vero

            la soluzione + "pacifica" potrebbe essere la suddivisione del terrazzo in base ai millesimi e ognuno fa l'impianto per se, inverter nel vano scale e usando le canalizzazioni interne non ci sarà neanche bisogno di toccare i prospetti!
            Ovviamente fare tutti insieme e impianti identici porterebbe a ottimizzazioni dei costi...
            FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
            FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
            FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
              dovresti fare un impianto FV condominiale + impianto riscaldamento centralizzato e installare dei contabilizzatori di calore... poi mettere eventualmente altro FV per il resto dei consumi..
              ma se avete ognuno il riscaldamento indipendente, è molto + economico farsi ognuno il proprio impianto FV e la propria caldaia Pdc, magari direttamente una monoblocco da mettere al posto di quelle che avete e che al 90% sono sui balconi!
              se i 150 mq sono PULITI e senza ombre, puoi mettere una 70ina di pannelli a basso tilt... 18,2kwp con pannelli standard da 260w (3kwp cadauno), 21kwp con pannelli da 300W, 24,150 con pannelli da 345W (ma i costi salgono parecchio)
              il "paio" di ibridi non vano bene, hanno rendimenti diversi rispetto agli altri, e quindi andranno o su inverter dedicato o minimo un mppt separato...
              Si, le caldaie al momento son tutte e sei sui balconi.

              Al momento il terrazzo è questo, le foto sono prese camminando (quasi) in senso orario. 2 appartamenti da 110mq per piano + lo spazio per le scale e l'ascensore (praticamente quello sotto quella specie di tettoia diagonale). Stavo pensando di fare magari un rialzo in modo da eliminare del tutto l'ombra..

              Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
              Elect..

              - ma i vari appartamenti sono riscaldati mediante termi o pavimento radiante?
              - hai necessita di raffrescare'
              - la palazzina è ben isolata in parete e tetto?

              Un approccio "condominiale" non è male (macchina unica, maggior autoconsumo da fv)..ma ci sono molti aspetti che remano contro:

              - sarebbe comunque un peccato non fare il FV per ogni appartamento ad uso normai utenze..e quindi comunque dovresti fare 6 piccoli impianti da connettere ad ogni appartamento..oltre ad uno ad uso pdc centralizzata...il che complica comunque le cose.
              - poi devi pensare all'ACS...se distribuisci alta T pe ri termi, no ****lem..altrimenti se hai radinate, come fai? dovresti mandare SEMPRE un AT e poi miscelare in ogni apartamento, no efficienza.
              - in estate dover mandare in giro AT solo per fare ACS è un peccato...
              - se serve rinfrescare , col centralizzato non puoi, salvo eliminare acs dal sistema centrale e ognuno la fa per se (ma come)?

              Inatnto dicci qualche info in piu e poi ti do i miei personali consigli
              Putroppo è un palazzo anni 90, per cui niente riscaldamento a pavimento o isolazioni particolari, termosifoni in ghisa purtroppo.. Appartamenti col condizionatore al momento

              Consigli?


              Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
              già, dimenticavo il sistema distributivo del calore per la PdC:
              pavimento: PERFETTO
              fancoils: BUONO
              radiatori alluminio: Discreti
              radiatori ghisa: Insomma...

              Alla fine marco diciamo la stessa cosa:
              il condominiale va meglio sotto un profilo di autoconsumo, ma presenta diverse problematiche, non da ultmo portare acqua calda per almeno 3 piani senza dispersioni (e senza predisposizioni)... e poi si sa che in un condominio mettere 6 teste d'accordo non è mai facile (non lo è neanche se sono 2 a dire il vero

              la soluzione + "pacifica" potrebbe essere la suddivisione del terrazzo in base ai millesimi e ognuno fa l'impianto per se, inverter nel vano scale e usando le canalizzazioni interne non ci sarà neanche bisogno di toccare i prospetti!
              Ovviamente fare tutti insieme e impianti identici porterebbe a ottimizzazioni dei costi...
              Anche io onestamente penso che l'ottimizzazione migliore sia l'approccio unico. Grande impianto, un inverter unico e poi suddivisione tra tutti internamente.... no?

              Cmq leggevo che i pannelli ibridi, essendo raffreddati, hanno un'efficienza migliore, oltre ad avere anche una longevità maggiore (40 vs 20 anni), c'è niente solo FV sotto questo aspetto?

              Commenta


              • #8
                No, il centralizzato è solo inerente al riscaldamento, non alle utenze elettriche, è vietato!
                però se mi dici ghisa...lascia stare, molto meglio usare gli split! io nella mia piccola casa di 80mq ho deciso di soprassedere anche quest'anno alla caldaia pdc (anche se me serve una piccola e andrebbe su radiatori in alluminio a bassa temperatura) perchè ho 3 split, mi scaldano tutta la casa con COP da 4.5 a 5.25 e ho lasciato aperti solo i termoarredi dei bagni... invece di tagliare il 100% del metano spendendo soldi per la pdc ne taglio l'80-90% GRATIS con i clima che già uso per raffrescarmi!
                i pannelli standard durano oltre 30 anni tranquillamente, quelli ibridi...i primi si sono corrosi in un paio d'anni per le correnti galvaniche!
                il tuo terrazzo non è dei + semplici, la soluzione migliore, comune permettendo (ma non dovrebbero esserci problemi) sarebbe:
                • Clima split in ogni casa così da avere caldo e fresco, molti condomini saranno già a posto, altri potrebbero dover aggiungere delle macchine (ma con meno di 1000€ installi delle SIGNORE macchine daikin o mitsubishi)
                • lasciare il metano solo per scaldare i bagni e l'ACS
                • fare un pergolato FV comune a tutti, dove piazzare i vari impianti possibilmente uguali, ma che potrebbero essere tarati sulle utenze (a chi 3, a chi 4, a chi 6kwp)
                • eventualmente per abbattere ulteriormente il metano, mettere piani cottura ad induzione (detrazione 50% se prorogano il bonus mobili) e scaldaacqua pdc (1000E detrazione 65%)
                infine per mettere gli ibridi oltre a salire parecchio i costi, dovrai fare collegamenti idraulici esposti alle intemperie che ti vanno per tutto il palazzo...
                FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                Commenta


                • #9
                  Concordo al 100% ala proposta di Jump.
                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                  Commenta


                  • #10
                    Ok, primo preventivo

                    Il costo di un impianto (da 3kwp) è di 6700 euro cadauno. Il costo chiavi in mano comprende: Sopralluoghi, progetto esecutivo, progetto al comune per richiesta permessi, richiesta all'enel per l'installazione de contatore di misura, comunicazione al gse con allegati i n° di matricola dei pannelli, il montaggio, le strutture,,le certificazioni e tutto quanto necessario per rendere attivo l'impianto.

                    Cmq un installatore mi ha proposto la possibilità di mettere un unico contatore da 20 kW.. poi bisogna vedere come lo riconoscerà l'Enel..

                    In ogni caso mi interessava un pergolato comune con gli inseguitore mono-assiali TOPtracker 8.5 della Deger, pesano appen 115kg, uniti ai Sunpower E20 da 435 W, avrei un 2,175 kW ad unità (cinque ognuno)... che ne pensate?
                    Ultima modifica di elect; 24-11-2015, 21:08.

                    Commenta


                    • #11
                      6700 euro cadauno è buono per sunpower, ma non hai specificato niente di strutture, scaricatori etc
                      però se li metti così i moduli (30° sud fregandotene degli allineamenti dei muri) ne metti ben pochi di pannelli...
                      stessa cosa per l'inseguitore...
                      • a parte che montarlo su un pergolato su pergolato ci vuole coraggio (o un pergolato in CLS)
                      • a parte che i sunpower sono + potenti sono gli X-21 da 345 e non 435 W (MAGARI)
                      • a parte che sono larghi 1,08 e quindi ce ne metti 4 (1,38kw)
                      a parte tutto questo, gli inseguitori per evitare gli autoombreggiamenti devono essere messi ad una certa distanza, e quindi la densità di potenza installata è molto bassa...

                      la soluzione IDEALE per te è il pergolato ad altezza del torrino scale, parallelo ai muri, pannelli a basso tilt (ca. 10°) messi abbastanza fitti...

                      Per la ripartizione... si potrebbe fare un grosso impianto da 20kwp e poi mettere un contatore di sottrazione in ogni appartamento,,,tecnicamente è possibile, ma non so a livello legale (marcober è + esperto di me), al max lo si potrebbe usare per una sorta di "climatizzazione" condominiale

                      Ma i condomini che dicono? quanti sono propensi e quanti no?
                      FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                      FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                      FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
                        6700 euro cadauno è buono per sunpower, ma non hai specificato niente di strutture, scaricatori etc
                        però se li metti così i moduli (30° sud fregandotene degli allineamenti dei muri) ne metti ben pochi di pannelli...
                        stessa cosa per l'inseguitore...
                        • a parte che montarlo su un pergolato su pergolato ci vuole coraggio (o un pergolato in CLS)
                        • a parte che i sunpower sono + potenti sono gli X-21 da 345 e non 435 W (MAGARI)
                        • a parte che sono larghi 1,08 e quindi ce ne metti 4 (1,38kw)
                        a parte tutto questo, gli inseguitori per evitare gli autoombreggiamenti devono essere messi ad una certa distanza, e quindi la densità di potenza installata è molto bassa...

                        la soluzione IDEALE per te è il pergolato ad altezza del torrino scale, parallelo ai muri, pannelli a basso tilt (ca. 10°) messi abbastanza fitti...

                        Per la ripartizione... si potrebbe fare un grosso impianto da 20kwp e poi mettere un contatore di sottrazione in ogni appartamento,,,tecnicamente è possibile, ma non so a livello legale (marcober è + esperto di me), al max lo si potrebbe usare per una sorta di "climatizzazione" condominiale

                        Ma i condomini che dicono? quanti sono propensi e quanti no?
                        esistono i sunpower 435 ma sono di dimensioni maggiori

                        Go solar, reduce your energy bills and discover why SunPower is a world standard in solar solutions for homes, businesses and utilities.

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
                          6700 euro cadauno è buono per sunpower, ma non hai specificato niente di strutture, scaricatori etc
                          però se li metti così i moduli (30° sud fregandotene degli allineamenti dei muri) ne metti ben pochi di pannelli...
                          stessa cosa per l'inseguitore...
                          Ok, chiedo

                          Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
                          a parte tutto questo, gli inseguitori per evitare gli autoombreggiamenti devono essere messi ad una certa distanza, e quindi la densità di potenza installata è molto bassa...
                          Tipo? Con gli inseguitori test reali hanno riscontrato un +28,1%, Vorrei fare due calcoli per capire se potrei installare una maggior potenza con meno pannelli con inseguitori o più pannelli ma statici.

                          Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
                          la soluzione IDEALE per te è il pergolato ad altezza del torrino scale, parallelo ai muri
                          Concordo

                          Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
                          Per la ripartizione... si potrebbe fare un grosso impianto da 20kwp e poi mettere un contatore di sottrazione in ogni appartamento,,,tecnicamente è possibile, ma non so a livello legale (marcober è + esperto di me), al max lo si potrebbe usare per una sorta di "climatizzazione" condominiale
                          Stessa cosa mi han detto anche i tecnici che son venuti

                          Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
                          Ma i condomini che dicono? quanti sono propensi e quanti no?
                          Al momento 4 sicuri ed 1 incerta. Uno di quelli sicuri stava anche valutando di prendere una macchina gpl/metano... Se riuscissi ad avere un impianto sufficientemente dimensionato si potrebbe andare di elettrico..!

                          Originariamente inviato da alexsky Visualizza il messaggio
                          esistono i sunpower 435 ma sono di dimensioni maggiori

                          http://us.sunpower.com/sites/sunpowe...lar-panels.pdf
                          Facendo un piccolo calcolo, la cella degli X21 mi dà 3,59 W, quella degli E20 3,40 W, accetterei di andare su quest'ultimi se il prezzo si dovesse rivelare interessante

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da elect Visualizza il messaggio
                            Tipo? Con gli inseguitori test reali hanno riscontrato un +28,1%, Vorrei fare due calcoli per capire se potrei installare una maggior potenza con meno pannelli con inseguitori o più pannelli ma statici.
                            il rendimento è maggiore ma fatti bene i conti perchè poi gli inseguitori non durano quanto i pannelli

                            Commenta


                            • #15
                              legalmente potresti fare un impnato FV unico, collegato ad un POD condominiale BTA che alimenta le singole pdc dei condomini. In pratica resta un impinato termico condominiale unico, sebbene fatto da piu macchine che partoo secondo una logica "on demand"...e quindi alinetabile con unico contatore condominiale e poi ci si suddivide i kwh TERMICI erogati ai singoli appartamenti (che vanno misurati, ma in modo anche indiretto, cioè misurando i kwh elettrici usati da ciascuno)

                              Tuttavia se la soluzione impiantistica finale è quella di avere 1 macchina per ogni appartamento, è certamente piu intelligente collegare tale macchina sotto i rispettivi contatori, modificare i contratti singoli in D1 (beneficio tariffario per pdc), realizzare un pergolato FV unico dal punti di vista edilizio, ma realizzando dal punto di vista amministativo dei singoli impianti collegati ai singoli contatori.
                              Con questa impostazione anche i consumi per illuminazione dei singoli saranno abbinati al FV, con evidenti benefici economici.

                              altrimenti bisognerebbe realizzare un impianto FV comune ad uso dell'insieme dele PDC..e poi tanti altri FV singoli, do abbinare si contatori singoli (che pero non possono poi beneficiare della tariffa D1)
                              E comunque poi l'autocosnumo che si riesce a ottenere da impianti separati (fra pdc e singoli intendo) è inferiore ad avere la pdc sotto il singolo contatore..perche ad esempio tutta la produzione dell'impianto condominiale fatta fra aprile e giugno e fra settembre e novembre, in pratica non produce alcun autocosumo ma va in pura immissione..mentre se fosse connessa ai consumi di casa, comuqnue in prte sarebbe autocosnumata, con una valorizzazione migliore della pura immissione.
                              Ultima modifica di marcober; 25-11-2015, 10:08.
                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                              Commenta


                              • #16
                                ah ah ah ...Marco, forse stavolta hai un tantino esagerato coi tecnicismi, faccio fatica anche io a starti dietro
                                Assodato che la migliore resa economica per un fattore di economia di scala ma soprattutto di contemporaneità di consumi sarebbe meglio un impianto condominiale, la domanda è:
                                • Posso associare il FV al contatore condominiale e a TUTTI i consumi dei condomini (magari in BTA3?) alla fine diluendo i costi spenderanno molto meno
                                • se lo associo solo ai clima, devo per forza conteggiare i kWt, o posso anche contare i kWe? sarebbe meglio la seconda ipotesi...
                                l'impianto condominiale avrebbe parecchie accortezze da tenere (tipo la ripartizione dei costi, delle detrazioni ma soprattutto dei contributi in conto scambio), ma permetterebbe al condomino che ha fabbisogni maggiori (tipo quello dell'auto elettrica) di poterne usufruire...cosa che con i 2-3kw che gli spetterebbero di "diritto" la vedo difficile...(ah, piccolo OT, meglio metano di GPL, ci faccio 40.000km/anno a circa 2000 euro/anno)

                                alexsky: non conoscevo i 435, ma sono da 2,1 metri, l'inseguitore monta fino a 1,7 di larghezza.

                                elect:
                                • su inseguitore hai si maggiore produzione ma anche maggiori costi di manutenzione (per un FV "standard" se tutto va bene ammontano a ca. 0,00 euro/anno)
                                • gli inseguitori hanno bisogno di almeno il 100% delle loro dimensioni libero intorno, quindi su 100mq ne occupi 25, ma massimo 40 se vai sui bordi e te ne freghi degli ombreggiamenti mattina e pomeriggio (ma in quel caso non fai 28% in +), alla fine avrai una produzione su 100 mq di 100x0,4x1,25= 50mq di pannelli. su pergolato basso tilt vai a mettere con un rapporto di copertura del 90%, i panelli rendono il 90% (rispetto a 30° sud) hai l'equivalente di 81mq...ovvero il 60% in + degli inseguitori!
                                • non valutare SOLO l'efficienza della cella, ma il rapporto costi/benefici...
                                FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                                FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                                FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                                Commenta


                                • #17
                                  Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
                                  • Posso associare il FV al contatore condominiale e a TUTTI i consumi dei condomini (magari in BTA3?) alla fine diluendo i costi spenderanno molto meno
                                  No
                                  Dal punto di vista legale non potresti nemmeno fare quelo che ho detto prima, cioè sottendere varia pdc "locali" ad unico BTA condominiale..ma di fatto nessuno te lo conteterà, potresti sempre dire che le varie pdc sono di fatto l'impinato "condominiale" sostitutive di unica grossa macchina..non è vero perche ogni macchina non partecipa al riscaldamento comune ma solo del singoo appartamento..ma sino li secondo me la si può "tirare".
                                  ma collegarci tutti i consumi dei singoli..anche non termici..no.

                                  • se lo associo solo ai clima, devo per forza conteggiare i kWt, o posso anche contare i kWe? sarebbe meglio la seconda ipotesi...
                                  si avevo anche io modificato in tal senso....ovvio che chi consuma di piu poi beneficierà di piu di autocosnumo e ssp...ma fra i condomini ci si potrebbe accordare che investimento viene anche lui ripartito in modo non iguale..ad esempio sui millesimi da scaldare...oppure sui consumi di 2 anni (si paga inizialmnete sui millesimi e poi ci si conguaglia fra di loor in base alla media consumi di 2 anni). In tal modo chi consuma di piu sfrutta di piu SSP ma ha anche investito di piu per avere titolo a farlo.
                                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
                                    • gli inseguitori hanno bisogno di almeno il 100% delle loro dimensioni libero intorno, quindi su 100mq ne occupi 25, ma massimo 40 se vai sui bordi e te ne freghi degli ombreggiamenti mattina e pomeriggio (ma in quel caso non fai 28% in +), alla fine avrai una produzione su 100 mq di 100x0,4x1,25= 50mq di pannelli. su pergolato basso tilt vai a mettere con un rapporto di copertura del 90%, i panelli rendono il 90% (rispetto a 30° sud) hai l'equivalente di 81mq...ovvero il 60% in + degli inseguitori!
                                    Mi sa che hai ragione..

                                    Ipotizzando anche di riuscire a farci stare cinque E20 da 2x1m sull'inseguitore, avrei 2*5=10mq. Questo significa 100mq/(10*2) = 5 inseguitori in tutto.. mettiamo che riesco cmq a farcene stare anche due in più sfruttando bene i bordi, fa 7 inseguitori * 5 pannelli ad inseguitore * 2mq a pannello = 70mq * 1,28 = 89.6mq di pannelli contro 81mq, ma dall'altra non ho manutenzione e nessun prezzo aggiuntivo (quello degli inseguitori stessi, circa 900 euro), oltre a delle assunzioni un pò troppo spinte..

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                                      No
                                      Dal punto di vista legale non potresti nemmeno fare quelo che ho detto prima, cioè sottendere varia pdc "locali" ad unico BTA condominiale..ma di fatto nessuno te lo conteterà, potresti sempre dire che le varie pdc sono di fatto l'impinato "condominiale" sostitutive di unica grossa macchina..non è vero perche ogni macchina non partecipa al riscaldamento comune ma solo del singoo appartamento..ma sino li secondo me la si può "tirare".
                                      ma collegarci tutti i consumi dei singoli..anche non termici..no.

                                      Questo è veramente un peccato...

                                      A questo punto converrebbe nel mio caso l'uso di sistemi di accumulo?

                                      Mi spiego, siccome l'enel non mi permette di avere un unico FV a livello condominiale per pdc e luce, stavo pensando ad un sistema ad isola, niente SSP, faccio solo il FV con accumulo in modo che si inserisca prima del contatore attuale. In questo modo i vari condomini accedono all'energia del FV (istantanea/accumulata) finchè ce n'è, altrimenti si rivolgono all'enel tradizionale..

                                      Questa modalità è possibile prima di tutto tecnicamente?

                                      Se sì, c'é qualche possibilità che risulti più conveniente (dato alcuni parametri) rispetto alla soluzione con un impianto per appartamento o non c'è storia..?

                                      Cmq qui trovate la piantina...
                                      Ultima modifica di elect; 25-11-2015, 16:04.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        In teoria se tutti partecipano a compare una cosa comune..poi tutti possono beneficiarne..ma come organizzi al distribuzione? metti un limite di kwh annui da prelevare? puo essere...
                                        Comunque economicamente non sta in piedi...in estate accumuli a poi magari manco usi..in inverno produci poco e accumuli poco
                                        Nell'accumulo perdi di certo 10-20%...
                                        Lascia stare... fai una struttura unica..tanti impianti ma collocati in modo contemporaneo con contratto unico (che è dove risparmi)..collegati ai singoli contatori...e tante pdc aria aria cosi ognuno se le gestisce come vuole, quando serve, con massima efficienza e esenza dover conteggiare e suddividere nulla.
                                        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                                          In teoria se tutti partecipano a compare una cosa comune..poi tutti possono beneficiarne..ma come organizzi al distribuzione? metti un limite di kwh annui da prelevare? puo essere...
                                          Si fissa un prezzo per il kwh prodotto da FV. Tutti pagano tutto. Poi si fa il calcolo e si dividono i soldi che l'impianto ha guadagnato dalla vendita dei kwh per i soldi messi da ognuno per l'impianto stesso.

                                          Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                                          Comunque economicamente non sta in piedi...in estate accumuli a poi magari manco usi..in inverno produci poco e accumuli poco
                                          Nell'accumulo perdi di certo 10-20%...
                                          Questo è quello che mi preoccupava di più, se non ha senso economicamente lascio

                                          Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                                          Lascia stare... fai una struttura unica..tanti impianti ma collocati in modo contemporaneo con contratto unico (che è dove risparmi)..collegati ai singoli contatori...e tante pdc aria aria cosi ognuno se le gestisce come vuole, quando serve, con massima efficienza e esenza dover conteggiare e suddividere nulla.
                                          Va bin, grazie

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originariamente inviato da elect Visualizza il messaggio
                                            Si fissa un prezzo per il kwh prodotto da FV.
                                            e qui casca asino.
                                            Se un condominio fa un forno per la pizza e tutti lo usano..no porblem..ma se lo fa e poi lo affitta, lo noleggia, lo da in uso ditero corrispettivo ad un condomino o ad un esterno, fa un'attivita commerciale.
                                            Quindi tu no puoi avere un impianto condominiale e poi far pagare a tizio e a caio cifre diverse in base al conusmo..perchè è una vendita di energia.
                                            Inoltre la vendita di energia è una cosa un po particolare , perche dovresti far pagare al clinete gli ONERI di SISTEMA e le ACCISE epoi verarle a chi di competenza.
                                            Se nza contare che investimento lo ha pagato già il condomino, perche non credo che il condominio si indebiti in bamca pe rfarlo e poi "rinetra" negli anni vendendo energia..per cui di fatto il singolo dovrebe pagare una cosa che ha gia pagato (investendo nell'impianto)

                                            Avrete grandi soddisfazioni economiche a scaldarvi tutti con pdc, abbinandoci un FV pagato a prezzi da "ingrosso" (20 kw) invece che facendo impianti separato da 3-6 kw... per cui non serve fare "forzature" per strafare...vi leccherete gia i baffi cosi rispetto al metano.
                                            Importante è a fase di trattativa acquisto FV e pdc....un conto è fare 3 kw da solo..un conto è trattare per un 20 kw che poi è "cablato" da 5 impianti da 6. fai conto che comunque ormai anche i grossi impianti si fanno con piu inverter singoli piccoli, per cui alla fine comunque un 20 kw sarebbe fatto con 4 inverter da 5 kw.
                                            Idem pe rle pdc..andare da un installatore con un paccetto da 5 macchine da installare o ruota, secondo me si strappano prezzi ottimi.
                                            E' li che dovete giocarvela..e secondo me vine fuori un super progetto.
                                            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Originariamente inviato da elect Visualizza il messaggio
                                              Mi sa che hai ragione..

                                              Ipotizzando anche di riuscire a farci stare cinque E20 da 2x1m sull'inseguitore, avrei 2*5=10mq. Questo significa 100mq/(10*2) = 5 inseguitori i..
                                              Facciamo che hai un'area sa 10*15 (la migliore per gli inseguitori da 5*2m)
                                              Ci fai 2 file (con spazio 5 m tra loro) in 3 colonne (2m inseguitore, 2m spazio)
                                              Totale 60mq di pannelli che rendono il 130%, ovvero come 78mq

                                              Ora metti I pannelli 2*1 a 30 gradi sud, avrai 4 file da 10 pannelli, ovvero 80 mq che rendono come 80,ma con molta meno struttura

                                              Facciamo ora file a 5-10 gradi sud, ce ne vanno 6 da 10 pannelli, ovvero 120 mq che rendono al 92%, quindi come 110 mq
                                              Questa è la configurazione con di gran lunga la miglior densità di potenza..

                                              Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
                                              FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                                              FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                                              FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Venditore ufficiale Sunpower

                                                6 impianti da 3.105 kW, 9 X21 da 345 W ad impianto
                                                inverter Power One PVI-6.0-OUTD-S-IT

                                                Con pergolato, inclinazione 10°, Azimut 33° Est

                                                45k€ / (3.105 * 6) = 2,415 €/W

                                                Sarebbero 7500€ per ogni mini impianto da 3 kW

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  il pergolato lo costruisce lui?

                                                  Nel disegno in pianta ..forse manca 1 fila di pannelli da 10?
                                                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                                                    il pergolato lo costruisce lui?

                                                    Nel disegno in pianta ..forse manca 1 fila di pannelli da 10?
                                                    Hai ragione, manca una fila da 10.

                                                    Sì, lo fa lui il pergolato.

                                                    Che ne pensate del prezzo? Pare onesto no?

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      non so quanto valga il pergolato..che è comunque anche da progettare in modo serio...ma mi pare prezzo ottimo
                                                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Originariamente inviato da elect Visualizza il messaggio
                                                        Venditore ufficiale Sunpower

                                                        6 impianti da 3.105 kW, 9 X21 da 345 W ad impianto
                                                        inverter Power One PVI-6.0-OUTD-S-IT
                                                        piccola nota:
                                                        0,105 kW ti produrrano 140-150kwh/anno
                                                        valorizzati in SSP ad una media di 16 cent sono 23-24 euro all'anno
                                                        venduti come eccedenze a 4 cent sono 6 euro l'anno
                                                        lo SSP per impianti SUPERIORI a 3kwp costa 36,6 euro/anno, sotto è gratis...
                                                        bisogna vedere se il GSE considera la Pn dei pannelli o dell'inverter...per com'è ora la convenzione dovrebbe andar bene quella dell'inverter, ma non ci metto la mano sul fuoco per il futuro...
                                                        FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                                                        FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                                                        FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Comunque se ognuno si mette la propria PDC.....3 kw rischiano di essere largamente insufficienti....vanno dimensionati in base ai consumi di oggi , cui sommare i consumi previsti per la PDC...a naso ognuno dovrebbe farsi 6 kw, giusto per stare in monofase.
                                                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Ipotizzando un consumo di corrente di 2700 kWh ed un 1k€ di gas all'anno, installando una pompa di calore per raffreddare/riscaldare basterebbe un 6 kW?

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X