Moduli a film sottile e polo a massa - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Moduli a film sottile e polo a massa

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Moduli a film sottile e polo a massa

    Ciao a tutti, nel tempo ho rimediato da un cliente vecchio un ups apc da 3000va 4 batterie da 100ha ora devo acquistare i pannelli e i regolatori di carica, ora sono in procinto di acquistare 40 pannelli a film sottile a buon prezzo ho letto che però hanno bisogno di avere un polo a massa per limitare un effetto di "polarizzazione", non ho trovato molto sulla rete che mi spiegasse bene questo effetto... Vorrei chiedere a voi esperti se secondo voi posso collegare questi pannelli a questo ups e con quali accortezze, ci ringrazio anticipatamente periconsigli...[emoji12]

    Inviato dal mio Techpad973G utilizzando Tapatalk

  • #2
    .... per come hai descritto il tuo futuro impianto "ad isola" credo che il tuo sia un non problema, ovvero:

    1- i pannelli li utilizzerai su dei regolatori di carica e se sono di tipo a film sottile forse la configurazione ottimale sarà quella di collegare i pannelli in parallelo piu' che in serie, magari utilizzando degli economici regolatori di carica con tecnologia pwm, invece che mppt.
    2- le batterie e loro regolatori dovrebbero essere "separate" galvanicamente da terra, ovvero il gruppo di continuità della apc comunque ha un trafo che separa la componente alternata da quella continua.

    In pratica, visti i voltaggi di funzionamento delle stringhe (bassi) e il tipo di conversione non dovresti avere nessun problema a mettere a terra un polo dei pannelli/stringhe con un semplice spezzone di filo e 2 morsetti.

    I tuoi problemi, forse, saranno altri, come ad esempio il ciclo di carica scarica delle batterie, la gestione del gruppo di continuità (verifica se di tipo online, se necessita della presenza costante della rete elettrica e puo' funzionare solo per qualche minuto tramite le batterie), la gestione della carica delle batterie (come si comporta il regolatore collegato ai pannelli insieme a quello presente sul gruppo di continuità??) ......

    Commenta


    • #3
      Grazie molte scresan per i consigli, allora spiego più nel dettaglio la configurazione che avevo in mente, l'ups è un APC smart 3000va onda pura, con trasformatore toroidale con max 2250w di potenza massima continua e picco 2500w , io ho apportato alcune modifiche per quanto riguarda il raffreddamento dei mosfet di potenza ed ho scollegato la parte PCB (SK madre) adibita alla ricarica delle batterie.
      In modalità inverter funziona bene anche con carichi vicini al suo massimo.

      Per la configurazione dei pannelli, in origine avevo pensato di collegarli come mi hai consigliato tu in parallelo ossia 4 stringhe da 10 pannelli e ad ogni stringa un regolatore di carica mppt perché il voltaggio del pannello a circuito aperto è di 46v l'ups ha bisogno di 48v, i regolatori di carica pwm andrebbero comunque bene?
      Oppure collegare in serie 2 stringhe in parallelo in questo modo avrei un voltaggio doppio stessa corrente... E fattibile come configurazione?

      Per la messa a terra dei pannelli potrei fare in questo modo: il negativo dei pannelli e struttura li collego a terra compresa la messa a terra dell'UPS? O separatamente?

      Per quanto riguarda i cicli delle batterie so che non avranno vita lunga, ma ho la possibilità di riciclarne un po'... poi magari col tempo riuscirò ad acquistare le stazionarie... [emoji2]

      Inviato dal mio Techpad973G utilizzando Tapatalk

      Commenta

      Attendi un attimo...
      X