annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Impianto Fotovoltaico installato da 6 mesi ma non ancora connesso alla rete

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Impianto Fotovoltaico installato da 6 mesi ma non ancora connesso alla rete

    Buongiorno, ho installato un nuovo impianto FV il 30/10/19 e ad oggi (19/04/20) per disguidi burocratici + sospensione per emergenza Covid non è stato ancora allacciato alla rete.

    Chiedo un vostro contributo per capire come poter utilizzare l’impianto almeno in orari diurni in attesa dell’allaccio.

    Grazie a tutti.

  • #2
    C'e' poco da capire. Non puoi utilizzarlo.
    [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

    Commenta


    • #3
      Se hai inverter Solaredge e il meter puoi limitare a piacimento sino ad azzerare l'immissione in rete e quindi usarlo. Con altri impianti non saprei.
      FV 2.97 kWp, 9 x 330 Ja-Solar con ottimizzatori SE P300, SolarEdge SE3000H.
      https://pvoutput.org/list.jsp?userid=84798

      Commenta


      • #4
        Sapendo però stai commettendo un illecito. Non è possibile utilizzarlo in aderenza alle normative. Se poi kmer ti autorizza in deroga, il discorso cambia
        [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

        Commenta


        • #5
          Non credo sia un illecito, ho recentemente appreso l'informazione partecipando a un webinar (gratuito e aperto a tutti, ci sono anche la prossima settimana, uno al giorno, se qualcun'altro è interessato) di Solaredge.
          Aggiungo il link ai webinar Solaredge della prossima settimana: https://marketing.solaredge.com/acto...42/t/page/fm/0
          FV 2.97 kWp, 9 x 330 Ja-Solar con ottimizzatori SE P300, SolarEdge SE3000H.
          https://pvoutput.org/list.jsp?userid=84798

          Commenta


          • #6
            Chiedi a Enel distribuzione se è un illecito o meno. Vedi cosa ti rispondono.
            [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

            Commenta


            • #7
              E' interessante la questione. Tu riesci a indicare un link a una fonte per questa informazione? Io purtroppo non riesco perché come detto l'ho appresa nel corso di un webinar in diretta e non so se è già a disposizione la registrazione.
              FV 2.97 kWp, 9 x 330 Ja-Solar con ottimizzatori SE P300, SolarEdge SE3000H.
              https://pvoutput.org/list.jsp?userid=84798

              Commenta


              • #8
                Ho trovato un' indicazione sul sito Solaredge sulla possibilità di limitare l'immissione in rete " tramite un’opzione integrata nel firmware dell’inverter".
                In particolare il relatore del webinar diceva che è possibile utilizzare questa funzione anche per utilizzare l'impianto in attesa della connessione alla rete. Poi altro non so e mi arrendo.

                https://www.solaredge.com/it/solutio...ering-solution
                FV 2.97 kWp, 9 x 330 Ja-Solar con ottimizzatori SE P300, SolarEdge SE3000H.
                https://pvoutput.org/list.jsp?userid=84798

                Commenta


                • #9
                  Basta seguire la normativa in merito le richieste di connessione. C'è scritto tutto. Compreso il fatto che l'impianto può essere avviato esclusivamente dopo che enel distribuzione ha completato iter di connessione ed effettuato il sopralluogo. Basta scaricare e leggere.
                  [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Kmer Visualizza il messaggio
                    Ho trovato un' indicazione sul sito Solaredge sulla possibilità di limitare l'immissione in rete " tramite un’opzione integrata nel firmware dell’inverter".
                    In particolare il relatore del webinar diceva che è possibile utilizzare questa funzione anche per utilizzare l'impianto in attesa della connessione alla rete. Poi altro non so e mi arrendo.

                    https://www.solaredge.com/it/solutio...ering-solution
                    Solaredge può dire quel che vuole. Il fatto che alcuni inverter possano tagliare immissione, non vuole dire che siano autorizzati ad avviarlo in attesa dell'iter. Vuole solo dire che hai più possibilità di fregarli e non farti beccare. Ma sempre di illecito sì tratta. Io ve lo ho detto. Chiaro che poi ognuno è responsabile di sé. Fate pure.
                    [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                    Commenta


                    • #11
                      Per la verità questa è una questione che come al solito non è chiara per niente. Anche io seguendo diversi webinar ho fatto domande tramite chat sulla funzionalità richiesta attualmente agli inverter di limitare l'immissione in rete fino ad annullarla e sul perché andava fatta comunque domanda di connessione a E-Distribuzione se non c'è immissione: un tecnico Fronius mi ha ricordato il chiarimento dato dall'Autorità energia e gas sul problema e che poiché il collegamento dell'inverter provoca una alterazione dello scambio di energia con la rete anche senza immissione, è obbligatoria comunque la domanda di connessione con tutta la conseguente burocrazia. Inoltre poiché l'ultimo modello Fronius ha la possibilità di lavorare in bakup e di essere collegato a batterie di accumulo, ho chiesto se si poteva far lavorare sempre il sistema ad isola con switch automatico sulla rete in caso di necessità. Mi ha risposto che queste tipologie di inverter sono progettate per lavorare su correnti sinusoidali già generate da altro generatore, e se dovessero lavorare sempre ad isola e quindi come gruppo elettrogeno i loro componenti elettronici sono troppo sollecitati e decadrebbe la garanzia sull'inverter !
                      Comunque io vorrei tra l'altro sapere da E-Distribuzione come mai quando devono installare un contatore normale su una nuova utenza non sono necessarie tutte le documentazioni di conformità che invece chiedono se devo allacciare un inverter fotovoltaico anche senza immissione in rete!

                      Commenta


                      • #12
                        Posso essere d'accordo su un paio di aspetti, ma la questione non cambia. Tutto quello che è connesso in rete, quindi non a isola, può essere connesso una volta terminata la procedura di connessione. Possiamo fare tutte le riflessioni possibili, ci mancherebbe. Resta il fatto che non puoi legittimamente attivare impianto di produzione se la procedura non è stata definîta e chiusa positivamente.
                        [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                        Commenta


                        • #13
                          Sono d'accordo con te.

                          Commenta


                          • #14
                            Vi ringrazio per il contributo, ho comunque un inverter Solax e non credo sia in grado di modulare l’energia in funzione della domanda in autoconsumo. Resta il fatto che sono in attesa da 6 mesi per un allaccio e non ho ad oggi neanche una previsione di quando verrà gestito. Mi sembra un tempo biblico.

                            Commenta


                            • #15
                              Chiama Enel distribuzione e chiedi a loro. Dovrebbe saperti dire chi ti ha fatto la pratica in realtà. In ogni caso sei an he capitato in un momento particolare. Tuttavia anche se avevi altri inverter, con capacità di inibire immissione, è vietato mettere impianto in produzione se la pratica non è conclusa ed approvata. Non escludo che qualcuno se ne freghi e lo faccia, ci mancherebbe. Ma si sta poco ad avere problemi. Capisco anche che stai perdendo produzione, di questo periodo anche di tutto rispetto. Il mio consiglio è di fare pressioni per una bella smossa
                              [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da Cloudnrg Visualizza il messaggio
                                Buongiorno, ho installato un nuovo impianto FV il 30/10/19 e ad oggi (19/04/20) per disguidi burocratici + sospensione per emergenza Covid non è stato ancora allacciato alla rete.

                                Chiedo un vostro contributo per capire come poter utilizzare l’impianto almeno in orari diurni in attesa dell’allaccio.

                                Grazie a tutti.
                                Sono anch'io nelle stesse condizioni: Impianto acquistato a Settembre 2019 (con impegno di installarlo ad inizio Novembre 2019 che poi, per pessima gestione dell'installatore è stato installato a metà gennaio 2020). Dopo telefonate continue ad e-distribuzione per finalizzare queste assurde procedure burocratiche ero arrivato ad ottenere l'appuntamento per la connessione il 3 Aprile, ma l'appuntamento è stato annullato per COVID-19.
                                Dopo la fine della sospensione imposta da ARERA fino al 15 maggio, mi hanno dato un appuntamento per il 27 maggio, ma subito dopo hanno annullato anche questo appuntamento poiché dicono che hanno ricevuto "ordini dall'alto" e che non si muovono fino a quando il Ministero non formalizzerà le linee guida per e-distribuzione.
                                Francamente mi sembra il solito baraccone parastatale dove nessuno ha voglia di prendersi la minima responsabilità e fanno a scarica barile con il Governo! La verità è che loro se non fanno nulla lo stipendio a fine mese lo vedono sul conto e non sono come i "comuni mortali" che se non lavorano restano senza soldi ...
                                Poi non ho ancora capito a cosa serva il contatore di produzione se, per lo scambio su posto, basta ed avanza il contatore bidirezionale di fornitura. Se poi si vuol vedere quanto si è prodotto a lordo dell'autoconsumo, basterebbe un semplice "conta-scatti" senza bisogno di far entrare in casa gli addetti di e-distribuzione.
                                Fatto sta che in Italia non usciremo dal guado fino a quando non si darà fuoco a tutta la cartaccia che scrivono certi burocrati che hanno il solo interesse di dimostrare che servono a qualcosa e di dare un senso al loro (lauto) stipendio (ma in realtà tutto andrebbe molto meglio senza di loro ...).
                                Ho letto la normativa TICA, ma sarebbe meglio chiamarla normativa UCAS (Ufficio Complicazione Affari Semplici). Non basterebbe dare la responsabilità PENALE all'installatore (che dovrebbe seguire un serio corso di certificazione prima di improvvisarsi installatore di fotovoltaico) e prevedere la possibilità di un controllo successivo da parte di e-distribuzione a campione casuale (oppure specifico in caso di evidenti problemi di installazione), con richiamo e pena pecuniaria per l'installatore che non abbia eseguito tutto a regola d'arte con l'eventuale annullamento della certificazione in caso di reiterazione dei problemi?

                                Commenta


                                • #17
                                  e-Distribuzione si trincera dietro un "non possiamo fare nulla fino a quando il ministero non ci darà le linee guida per eseguire i lavori all'interno delle abitazioni".

                                  Commenta

                                  Attendi un attimo...
                                  X
                                  TOP100-SOLAR