Realizzare sistema di pompaggio per caricamento impianto solare - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Realizzare sistema di pompaggio per caricamento impianto solare

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Realizzare sistema di pompaggio per caricamento impianto solare

    Buongiorno a tutti, come da titolo vorrei realizzare un sistema di pompaggio per ricaricare il mio impianto solare a circolazione forzata e vorrei un vostro autorevole aiuto nel realizzarlo. Partiamo dalla pompa, che caratteristiche deve avere?. Attualmente il mio impianto e caricato a una pressione di 4 bar se avete bisogno di ulteriori info non esitate a chiedere. Grazie a tutti

  • #2
    Servirebbe anche a me in quanto ho un impianto con diverse piccole perdite perciò una volta al anno dovrò ripristinare il liquido. ...https://www.energeticambiente.it/sol...to-solare.html
    ..

    Commenta


    • #3
      <iframe width="640" height="360" src="https://www.youtube.com/embed/ri90eEjg-TE" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>

      Commenta


      • #4
        Perche non li modificate a svuotamente e vi togliete qualunque problema ?
        AUTO BANNATO

        Commenta


        • #5
          In mega ritardo, ma lascio questo messaggio più che altro per i posteri.



          Ho avuto un problema similare: l'installatore 6 anni fa ha fatto il sistema con il multistrato, invece che in INOX, con il risultato che si è ovviamente fuso. Mi sono fatto coraggio e ho risolto da solo montando una coppia di tubi INOX certificati, da DN 16, con l'isolante già applicato. Poi ovviamente viene il carico: come farlo?



          Anni fa avevo provato la soluzione della pompa a trapano: un gran casino, ve lo assicuro Quindi a questo giro mi son detto che volevo fare qualcosa di più decente.



          Materiali



          1 x filtro in INOX da 3/4" (Tipo questo: Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   3-4--filtro-in-acciaio-inox-cestino-per-valvola-di-fondo-pompa-autoadescante.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 67.9 KB 
ID: 1955840)

          1 x Manicotto 3/4"

          1 x Tanica da 25 litri

          1 x pompa da 1hp (ma vanno bene anche quelle da 0,75hp per gli impiantini) anche non autoadescante

          Tubi a volontà e raccordi vari. Attenzione che gli ingombri a mia disposizione non mi hanno permesso lìuso di un tubo trasparente retato di spessore adeguato per le bocche da 1" della pompa. Il che è un po' un peccato, ma fate caso ai vostri ingombri prima di comprare valangate di tubi.

          1 x interruttore bipolare (le pompe di norma non vengono consegnate con un interruttore)



          Il Costo non dovrebbe superare i 150 euro.



          Assemblaggio
          1. Prendete la tanica e tagliate via la copertura fino alla maniglia. Questo spazio vi servirà per lavare la tanica per bene e mettere la tazza a filtro.
          2. Con una punta a tazza della corretta misura per il filtro a tazza, fare un buco sotto la base in posizione OPPOSTA all'imbocco della tanica. Lì ci andrà il filtro. Sotto mettete un manicotto che stringerete bene. Per sigillare lo spazio tra il manicotto e la tanica usate del silicone
          3. Dal manicotto fate partire il tubo che andrà all'entrata della pompa (di norma il foro centrale)
          4. Dall'uscita della pompa portate il tubo all'ingresso del sistema solare
          5. Dall'uscita del sistema solare portate il tubo all'imbocco della tanica.
          6. Dovete trovare un modo di far stare la tanica in una posizione elevata alla pompa.
          Per gravità (e teoria dei vasi comunicanti) il liquido entrerà nella pompa e risalità fino ad eguagliare il livello del restante liquido nella tanica. Adesso potete accendere la pompa e caricare il sistema secondo le regole dettate dal produttore dell'impianto.



          In generale dovreste tenere la valvola flusso e il rubinetto di pompa (quella spece di manopola che sta sopra la pompa di circolazione, che spesso incorpora anche il termometro) chiusi, aprite entrambi i rubinetti di carico e scarico e fate andare la pompa che avete costruita.



          Dato che voi non siete bravi e pratici (ma manco io ) dovrete prendere la mano sulla potenza della pompa. Quindi tenete aperto il rubinetto di carico e chiudete piano piano quello di scarico: vedrete che la pressione comincia a salire. Quando vi sentite "pronti" chiudete il rubinetto di scarico, a pressione raggiunta chiudete il rubinetto di carico e spengete la pompa.



          A questo punto aprite il flusso e fate partire la pompa del circuito solare e fatela andare per una buona giornata intera con lo sfiatatoio aperto sul tetto (perchè lo avete messo uno sfiatatoio, vero? Se non lo avete messo, rifate tutto: è fondamentale e lo dovete mettere all'uscita del pannello vedete il gruppo di uscita dal pannello, cove c'è il porta sonda e sopra un rubinetto e lo sfiatatoio. Non risparmiate, mettete il rubinetto: proteggerà lo sfiatatoio dalle alte temperature della glicole in estate).



          Poi la sera chiudete lo sfiatatoio, con il relativo rubinetto. Avete appena caricato il vostro impianto solare



          Per la glicole mi permetto di darvi una mezza dritta: usate solo quella per uso alimentare, altrimenti se si rompe la serpentina di scambio nel boiler vi intossicate. In particolare ho scoperto che esistono 2 prodotti: uno è il tipico glicole verde, che nella mia esperienza fa schiuma. Poi c'è un prodotto che non schiuma e vi risolve un sacco di problemi: Antigelo Atorssico della FIMI, l'unica cosa che mi disturba è il fatto che sia trasparente: se avete una perdita nella serpentina non ve ne accorgerete.



          Quindi una pompa di carico casalinga ve la fate pure in casa. Certo, quelle che vendono a 400/500 euro sono fiche e hanno anche il carrellino, ma così almeno vi caricate e "rabboccate" il sistema come e quando volete

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da Garani Visualizza il messaggio
            .......Per la glicole mi permetto di darvi una mezza dritta: usate solo quella per uso alimentare, altrimenti se si rompe la serpentina di scambio nel boiler vi intossicate......
            Per la miseria sempre dopo so le cose,non sapevo esistesse il glicole "alimentare" ho appena preso 20 lt di Tyf....
            ..

            Commenta

            Attendi un attimo...
            X