annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Rappresentazione della musica

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Rappresentazione della musica

    Potete vedere QUI una proposta di rappresentazione della musica alternativa al pentagramma.

    Vorrei far notare che non e' una visualizzazione ad effetto (come quelle presenti in diversi programmi multimediali) ma e' proprio un modo per scrivere la musica (da migliorare).

    Ciao
    Mario
    Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
    -------------------------------------------------------------------
    Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
    -------------------------------------------------------------------
    L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
    Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
    ------------------------------------------------

  • #2
    scusa Mario, ma non mi sembra un modo di scrivere la musica, piuttosto un sistema di rappresentazione grafica per effetti multimedia.
    O almeno, se inteso come modo per scrivere la musica un modo poco intelligente di farlo.
    Esistono parecchie decine di sistemi di scrittura attualmente in uso (la musica non si scrive solo sul pentagramma ... beh ... la musica per l'orchestra di Sanremo si).
    Ognuno di questi sistemi di scrittura ha i suoi pregi e difetti, punti forti ecc...
    C' anche il modo di crearsi di volta in volta il proprio sistema di notazione conoscendo i parametri sonori e i modi di rappresentare le grandezze (rappresentazione simbolica o posizionale) ... da qui, aggiungi che si pu disegnare su due dimensioni, magari simulandone una terza ...

    Questo presunto sistema di scrittura ad esempio, non ha alcuna versatilità nella base dei tempi. Per di pi non capisco come si possa continuare a scrivere la musica dopo la prima battuta senza dover cancellare tutto, dato che si scrive "avvitando" lo spartito (e ogni 360 succede un patatrac).

    A dire il vero non altro che la notazione di pianoroll ritorta nella dimensione tempo (giusto per togliere versatilit&agrave.


    mah.


    per come motore per un effetto grafico pu avere senso

    Commenta


    • #3
      Io, (come tanti altri), possiedo il programma gratuito "audacity" 1.2.4 e posso vedere le forme d'onda dei suoni, musica compresa.

      Il modo pi efficiente per rappresentare i suoni e la musica sono i numeri, e non quei geroglifi che si usa fare per rapprentare la musica e poi per impararla necessitano anni di studio e scinziati lunari.
      Il complesso inutile indica imbroglio oppure stupidità, i questo si tratta semplicemente di stupidità collettiva.

      Commenta


      • #4
        :lol: :lol: :lol:
        ahaha,
        genco ... sfido chiunque a suonare una partitura composta solo da numeri.
        Il sistema pi semplice dal punto di vista logico, non sempre il pi comodo da leggere quando si tratta di suonare uno strumento.
        I vari sistemi di notazione musicale non sono frutto di stupidità collettiva, ma di ingegno nel trovare soluzioni pratiche a problemi non di poco conto.

        Commenta


        • #5
          ho provato a seguire quella dei beatles, ma non l'ho riconosciuta, visivamente.

          comunque carina come visualizzazione, forse bisogna 'farci l'occhio'.


          scusate, ne approfitto qui:
          compo, sto impazzendo cercando di far suonare un midifile con hypersonic come vst
          in flstudio... non prende il program change, mi tocca rimettere a posto le voci
          ad ogni midi...
          dai che tu lo sai come si fa...

          Commenta


          • #6
            CITAZIONE (rere @ 27/2/2007, 17:04)
            ho provato a seguire quella dei beatles, ma non l'ho riconosciuta, visivamente.

            i vari quadrati concentrici indicano l'altezza delle note (pi lontani sono dal centro, pi alta l'ottava), mentre ogni raggio indica un ottavo (divisione temporale).
            riguardo il pentagramma, pur non sapendo suonare a prima vista, lo trovo molto immediato. riguardo la notazione 3D non so bene a cosa si riferisse compo, io la uso solo per stabilire lo spazio che do agli strumenti quando registro qualcosa (bilanciamento R-L, distanza/spazio nelle frequenze, riverberazione e ritardi).
            stranger, per numeri intendevi qualcosa simile alle tab da chitarra? io lo uso negli appunti se non ricordo dove prendo un determinato rivolto, altrimenti lo trovo molto poco pratico.

            Commenta


            • #7
              CITAZIONE (compositore @ 27/2/2007, 16:35)
              :lol: :lol: :lol:
              ahaha,
              genco ... sfido chiunque a suonare una partitura composta solo da numeri.
              Il sistema pi semplice dal punto di vista logico, non sempre il pi comodo da leggere quando si tratta di suonare uno strumento.
              I vari sistemi di notazione musicale non sono frutto di stupidità collettiva, ma di ingegno nel trovare soluzioni pratiche a problemi non di poco conto.

              Perch no?

              il suono semplicemente tempo, frequenza, intensità

              poniamo per l'intensità sonora una scala di valori da 1 a 5 e che il 5 fosse la massima intesità mentre 1 il minimo

              per esempio il musicista vede sul foglio scritto (1,10,5) (2,0,0) (1,3,5)
              (1,10,2) significa che per un tempo di un secondo deve emettere un suono da 10 khz (forse corrisponde al "DO" oppure "RE" non lo so) intensità leggermente sopra la media perch c' scritto 2

              (2,0,0) significa che per un tempo di 2 secondi ci deve essere il silenzio assoluto, l'intensità sempre zero

              (1,3,5) significa che per un tempo di 1 secondo la frequenza di 3 khz, massima intensità sonora (per la tromba significa a tutto fiato)


              Cosa sono tutte queste SCEMATE "DO" "RE" "MI" "FA" "SOL" "LA" ?

              Non so chi che ha inventato la scrirttura della musica ma doveva essere un p tonto-rimbambito

              Sui tasti del pianoforte scrive direttasmente il numero della frequenza in KHZ e basta


              Imparo a suonare in 2 giorni, e non in 2 anni

              Commenta


              • #8
                stranger,
                CITAZIONE
                Imparo a suonare in 2 giorni, e non in 2 anni

                Io - pur suonando diversi strumenti - non mi sono mai deciso a imparare a leggere il pentagramma per una repulsione innata verso un modo cervellotico di scrivere 12 note usando solo 7 posti, mettendo davanti il segnalino # oppure b se la nota che segue non ha la frequenza prevista ma maggiore o minore.

                Ciao
                Mario
                Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
                -------------------------------------------------------------------
                Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
                -------------------------------------------------------------------
                L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
                Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
                ------------------------------------------------

                Commenta


                • #9
                  in effetti lo scoglio che ha fermato pure me, d'altra parte
                  concordo con compositore, quando dice che
                  ''Il sistema pi semplice dal punto di vista logico, non sempre il pi comodo da leggere quando si tratta di suonare uno strumento.
                  I vari sistemi di notazione musicale non sono frutto di stupidità collettiva, ma di ingegno nel trovare soluzioni pratiche a problemi non di poco conto.''

                  un metodo bisogna pur sempre impararlo.

                  se dev'essere 'universale', certamente 'irrita' qualcuno,
                  ma niente ci vieta di usarne un altro pi consono.

                  per quel che mi riguarda, avrei preferito delle pastiglie :P

                  (quando mio figlio era piccolo, e sentiva suonare un amico
                  tastierista, bravissimo, gli dicevo che prendeva le 'pianistin' :woot: )
                  sempre il solito giocherellone, ma avrei voluto che imparasse
                  uno strumento. niente.

                  comunque le mie due grandi passioni, elettronica e musica,
                  non ho avuto la costanza di coltivarle e di approfondirle... sarà per un'altra volta.

                  in ogni modo, anche se mi avessero scritto la frequenza sui tasti
                  e il disegnino sullo spartito del tasto da premere sulla tastiera o sul manico della chitarra, bisognava pur sempre allenarsi e farsi il mazzo.

                  e questo non bello, preferisco le pianistin. :lol:


                  Commenta


                  • #10
                    CITAZIONE (mariomaggi @ 27/2/2007, 18:58)
                    Io - pur suonando diversi strumenti - non mi sono mai deciso a imparare a leggere il pentagramma per una repulsione innata verso un modo cervellotico di scrivere 12 note usando solo 7 posti, mettendo davanti il segnalino # oppure b se la nota che segue non ha la frequenza prevista ma maggiore o minore.

                    la risposta a questo che se rimani nell'ambito tonale, come credo farai, le note che usi sono sempre 7 per volta.
                    Usare 7 posti per volta corrisponde alla palette in uso (scala diatonica) e contemporaneamente riduce il numero di posizioni verticali rappresentabili (poich la scrittura nel pentagramma posizionale nelle altezze e simbolica nel tempo).

                    Scegliere una rappresentazione posizionale per un parametro x ha il vantaggio che questo parametro direttamente visualizzato "a misura" sul foglio. Mentre la rappresentazione simbolica presuppone una decodifica a livello mentale (imparare a memoria la corrispondenza simbolo/significato).
                    Per quanto riguarda la rappresentazione algoritmica (quella preferita da genco), dal punto di vista psicologico equivalente a quella simbolica, il cervello cio fà lo stesso tipo di operazioni a riconoscere un simbolo o una quantità scritta in numero (esistono sistemi di scrittura in cui uno dei parametri del suono rappresentato da un numero, ad es.: grado di libertà di una serie di note).
                    Durante i millenni (l'origine sempre l'India pre-vedica), si comunque capito che meglio variegare il metodo di rappresentazione per i vari parametri: es.: se uso il simbolico per l'altezza non lo uso per il tempo o l'intensità. Oppure, usando gli stessi metodi, variegare le modalità: questo perch chi legge alla fine un essere umano e una serie di numeri la reggi per un minuto al massimo.

                    p.s.: ribadisco che sistemi di scrittura ne esistono a iosa ... genco: sono felice che ti sei messo a inventarne uno, ma non avere la pretesa che sia un buon sistema di scrittura (stai tranquillo che non lo per nessuno al mondo per ovvi motivi ... ma da quel punto di partenza e studiandoci un po' su lo puoi migliorare ... ricorda che devi prendere sempre in considerazione la psicologia umana)

                    Commenta


                    • #11
                      Nei vecchi organi elettronici per bambini, i tasti do,re,mi etc. venivano contrassegnati da un pallino colorato.
                      L'arancione era il do, il giallo era il re,etc.
                      Ci potremmo armare di pennarelli colorati e scrivere la musica su un rotolo di carta igienica: a ogni rettangolo di carta igienica corrispondono i 4/4 . :P

                      Anche io non amo la lettura degli spartiti <_<

                      Commenta


                      • #12
                        Chi ha l'orecchio assoluto spesso accomuna le varie note a colori!

                        Commenta


                        • #13
                          Purtroppo l'orecchio assoluto una qualità che mi manca, già molto se riconosco i timbri degli strumenti...
                          Ancora un po' e creeranno il pentagramma Mp3, con la compressione scritta delle note musicali....... <img src=">

                          Commenta


                          • #14
                            CITAZIONE (OggettoVolanteIdentificato @ 28/2/2007, 17:52)
                            Ancora un po' e creeranno il pentagramma Mp3, con la compressione scritta delle note musicali....... <img src=">

                            esiste, anche se l'algoritmo di compressione non lo stesso:

                            questa composizione per 6 strumenti + tre voci umane, dura 6 minuti, pi variegata di quanto vi possiate immaginare ed tutto qui:

                            Edited by compositore - 1/3/2007, 05:10

                            Attached Image

                            Attached Image

                            Commenta

                            Attendi un attimo...
                            X
                            TOP100-SOLAR