annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Media tensione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Media tensione

    .......come si potrebbe sfruttare senza essere accusati di furto ?
    Ho una linea di media tensione (delle FS) che mi passa sul terreno.

    Secondo voi il campo elettromagnetico indurrebbe corrente su un filo di rame posto vicino ? Quanto vicino ? Vorrei evitare di rimanere folgorato.......
    Sono 132 KV ........ Voi cosa fareste ?

    Un saluto a tutti

    Osiride

  • #2
    CITAZIONE (osiride @ 25/10/2004, 23:57)
    .......come si potrebbe sfruttare senza essere accusati di furto ?
    Ho una linea di media tensione (delle FS) che mi passa sul terreno.

    Secondo voi il campo elettromagnetico indurrebbe corrente su un filo di rame posto vicino ? Quanto vicino ? Vorrei evitare di rimanere folgorato.......
    Sono 132 KV ........ Voi cosa fareste ?

    Un saluto a tutti

    Osiride

    Ciao a tutti
    Ciao Osiride ovviamente non free energy, piuttosto recover energy, una idea che mi era già balenata tempo fa, ma sono sprovvisto di linee ad alta tensione vicino a casa mia (meno male).
    Senza avvicinarti troppo, ma mantenendo per gli esperimenti una distanza che pu essere quella normale di chi passa sotto la linea, si potrebbe vedere cosa succede con un circuito accordato LC a 50 Hz.
    Non ho fatto ancora i conti, ma penso che la bobina sia molto grande in aria, ma se funziona dovresti avere già all' uscita una tensione che non saprei al momento quantizzare, ma a 50 Hz.
    Come va l' impianto a turbina?

    Salutoni
    Furio57

    Edited by Furio57 - 28/10/2004, 00:50
    L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
    LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
    Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

    Commenta


    • #3
      mmmmmmmmmm interessante piu che altro ti potrebbeno accusare di manomissione e cmq dovrebbero prima venire a saperlo quindi costruisci il tuo circuito indotto con comodo attnto pero non vorrei che con qualche piccolo errore ti accadesse quello che accade a cannet frazione di caronia (me) vicino al mio paese
      dove gli impianti elettriciesplodono improvvisamente e apparentemente senza motivo

      Commenta


      • #4
        CITAZIONE (osiride @ 25/10/2004, 23:57)
        .......come si potrebbe sfruttare senza essere accusati di furto ?
        Ho una linea di media tensione (delle FS) che mi passa sul terreno.

        Secondo voi il campo elettromagnetico indurrebbe corrente su un filo di rame posto vicino ? Quanto vicino ? Vorrei evitare di rimanere folgorato.......
        Sono 132 KV ........ Voi cosa fareste ?

        Un saluto a tutti

        Osiride

        CITAZIONE
        .......come si potrebbe sfruttare senza essere accusati di furto ?
        Ho una linea di media tensione (delle FS) che mi passa sul terreno.
        Secondo voi il campo elettromagnetico indurrebbe corrente su un filo di rame posto vicino ? Quanto vicino ? Vorrei evitare di rimanere folgorato.......
        Sono 132 KV ........ Voi cosa fareste ?
        Osiride


        Ma come "media tensione" a 132kV????


        Penso cmq che tu NON ti riferisca alla linea del treno ( quella e' a soli 3kV in corrente continua )
        ma ad una linea ENEL che alimenta qualche cabina di trasformazione e rettificazione destinata
        appunto ad erogare i famosi 3kVcc ad uso elettrotrazione, in tal caso si puo' fare qualcosa abbastanza
        facilmente, basta stendere un bel po di filo elettrico isolato all' esterno della casa, magari camuffandolo
        da filo stendibiancheria, ed utilizzare in qualche modo l' energia recuperata
        e' poca ed e' difficile stabilirne la tensione e corrente, generalmente cmq la tensione a vuoto e'
        tanto alta da innescare la scarica in un tubo neon, l' impedenza troppo elevata del filo captatore fa
        si che, a scarica avvenuta, la tensione scenda a valori adatti al tubo neon
        con questo sistema ci riesci ad alimentare perennemente un tubo neon uso illuminazione, dipendentemente
        dalle dimensioni del sistema captatore e dalla sua posizione riesci ad ottenere abbastanza energia da
        illuminare tubi dai 4W fino a 3-4 tubi da 58W in serie.
        normalmente, per un impianto stile stendibiancheria una quindicina di watt li tiri fuori, NON sara' granche'
        ma e' perfetto per illuminare l' ingresso di casa gratuitamente!

        NOTA: ci sarebbe anche la via gia descritta della risonanza, ma per arrivare a dei Q discreti hai bisogno
        di bobine di dimensioni mastodontiche..... meglio evitare almeno all' inizio!

        Il giochino con antenna filare e bobina risonante a parametri distribuiti funziona invece benissimo nel
        caso in cui le onde EM provengano da un antenna trasmittente, meglio se in onde lunghe, medie o corte.



        Ah, dimenticavo, il sistema NON e' considerabile furto.

        Commenta


        • #5
          S media tensione, circa 132 KV, un'elettrodotto delle FS che carica gli accumulatori di Roma Termini. Il filo a quale distanza deve essere ?
          Furio,
          per il momento la mini parabola pronta, la turbinetta anche, l'ho comprata insieme aalla caldaia della Wilesco. Apppppppppppproposito uno spettacolo quando entra in funzione con solo 1,5 bar di pressione dalla caldaia, un sibilo mostruoso, sembra quasi di assistere all'accensione di un minijet. Devo mettere tutto insieme, il tempo tiranno purtroppo ed ho veramente poco tempo. Ma prima o poi ............

          Saluti

          Osiride

          Commenta


          • #6
            mmmm spiegari meglio osiride non capisco che centra la caldaia/parabola con la media tensione booooooo

            Commenta


            • #7
              Ciao a tutti
              Ciao Ag-smit, ciao Osiride
              Per ag-smith, se vai a vedere il mio post su questo forum puoi capire cosa centra la parabola.
              Per Osiride, la turbinetta un' acquisto che forse a Natale mi faccio anch'io, anche se di plastica mi sembra funzioni benissimo.

              Un salutone
              Furio57
              L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
              LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
              Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

              Commenta


              • #8
                Hola Osiride!
                Hola All List!

                CITAZIONE
                S media tensione, circa 132 KV


                Ma allora se e' da 132kV si tratta di ALTA tensione!

                CITAZIONE
                un'elettrodotto delle FS che carica gli accumulatori di Roma Termini. Il filo a quale distanza deve essere ?


                Trattandosi di un cavo interrato, la distanza del filo captatore dovra'
                essere la inferiore possibile.
                purtroppo, i cavi interrati sono coassiali, e per di piu' ben schermati
                dal terreno nel quale sono stati posati, sara' molto difficile riuscire ad
                alimentare un carico con il solo campo elettrico emesso

                La stessa cosa vale per il campo magnetico, visto che i 3 cavi delle
                altrettante fasi scorrono insieme tra di loro ( perdipiu' attorcigliati )
                il campo magnetico emesso da un cavo tende ad essere annullato
                dal campo emesso dagli altri due.


                Insomma, per parlare in chiare lettere, se sei vicino alla sottostazione
                di trasformazione prova a stendere un po di filo volante stile
                stendibiancheria o, meglio, antenna longwire radioamatoriale,
                se invece casa tua e' interessata solo ed esclusivamente dal cavo
                interrato, hai pochissime speranze di recuperarci qualcosa.

                Commenta


                • #9
                  ciao Teslacoil!
                  Anch'io mi ero interessato alla possibilita' di captare energia dagli elettrodotti.
                  Mi sono ancora rimasti dei dubbi pero'. Innanzi tutto vorrei capire se l' antenna che dovremmo costruire possa captare anche solo il campo elettrico. A frequenze cos basse come la frequenza di rete non e' forse piu' intenso il campo magnetico? Per cui potrebbe essere indicata un' antenna che privilegi la parte magnetica della radiazione elettromagnetica da "ricevere", come un' antenna a telaio (una o piu' lunghe spire di cavo). In altre parola: quale' l' antenna migliore per ricevere i 50Hz? Tu hai proposto di stendere un filo tipo longwire: ipoteticamente un eventuale carico da alimentare andrebbe collegato tra un capo del filo e la terra?
                  Ciao, e complimenti per le tue bobine!

                  Commenta


                  • #10
                    Hola Marco!
                    Hola All!

                    CITAZIONE
                    Anch'io mi ero interessato alla possibilita' di captare energia dagli elettrodotti.


                    Perfetto, ti propongo un esperimento facile facile che tutti potrebbero
                    fare senza bisogno di particolari nozioni tecniche e senza rischi:

                    Prendi un tubo neon abbastanza lungo ( da 36W minimo, meglio quelli
                    dai 58 in su ) aspetta le tenebre e recati al di sotto di un bell'
                    elettrodotto di quelli krasti, ( preferibilmente un bell' esafase con
                    conduttori trinati e tralicci colorati di bianco e rosso )
                    Sorpresa, il neon emettera' un lucore in mano tua senza alcun
                    collegamento!

                    La luce emessa e' purtroppo bassissima, praticamente inusabile, ma
                    se metti a massa un lato del neon e connetti l' altro ad un lungo
                    filo posto parallelo all' elettrodotto la luminosita' incrementera' di netto
                    fino a portarlo ad accendersi a piena luce!



                    CITAZIONE
                    Mi sono ancora rimasti dei dubbi pero'. Innanzi tutto vorrei capire se l' antenna che dovremmo costruire possa captare anche solo il campo elettrico. A frequenze cos basse come la frequenza di rete non e' forse piu' intenso il campo magnetico? Per cui potrebbe essere indicata un' antenna che privilegi la parte magnetica della radiazione elettromagnetica da "ricevere", come un' antenna a telaio (una o piu' lunghe spire di cavo).


                    Dunque, il campo elettrico emesso dipende direttamente dalla
                    tensione e direttamente dalla distanza dei conduttori, il campo magnetico
                    invece dipende direttamente dalla corrente e direttamente dalla distanza
                    dei conduttori, quindi, in buona sostanza, NON c'e' un rapporto
                    tra i due perche' uno dipende dalla tensione ed uno dalla corrente!

                    Aggiungo anche che a frequenze cosi' basse, il campo M tende a diminuire
                    piu' velocemente rispetto al campo E man mano che ci si allontana dall'
                    "antenna" trasmittente

                    CITAZIONE
                    In altre parola: quale' l' antenna migliore per ricevere i 50Hz?


                    BELLA DOMANDA!!!!!
                    Se sei terribilmente vicino all' elettrodotto, e magari puoi permetterti
                    di stendere dei lunghi fili a forma di spirale rettangolare esttamente
                    DI SOTTO all' elettrodotto allora sicuramente devi andare di antenna
                    magnetica, se sei il proprietario di un campo coltivato sopra al quale
                    passa l' elettrodotto potresti riuscire ad alimentarci gratis tutta la
                    casa, se invece puoi permetterti solamente di installare un antenna
                    di fianco all' elettrodotto allora credo che cercare di recuperare il
                    campo elettrico sia la tua unica soluzione fattibile

                    Tieni presente che, se tenti di recuperare il campo M otterrai un uscita
                    a bassa impedenza ( quindi bassa tensione ma forte corrente ) che
                    bene o male e' facile da gestire, se invece tenti di recuperare il campo E
                    otterrai un uscita ad altissima impedenza ( quindi tensioni elevatissime
                    e correnti molto basse ) che ovviamente devono essere gestite da
                    enormi bobinoni risonanti, sistemi anticorona ed ottimi isolatori!

                    In entrambi i casi, l' uscita sara' ( ovviamente! ) a 50Hz quindi, se riesci
                    ad ottenere una tensione abbastanza vicina a quella di rete, ti basta
                    solamente uno stabilizzatore di tensione a variac motorizzato per
                    alimentarci direttamente i normali carichi di casa.

                    CITAZIONE
                    Tu hai proposto di stendere un filo tipo longwire: ipoteticamente un eventuale carico da alimentare andrebbe collegato tra un capo del filo e la terra?


                    Si, contando l' uso a 50Hz e' l' unica possibilita.
                    Per frequenze molto piu' alte, quindi per chi abita in prossimita' di
                    ripetitori radio - TV o simili, viene molto meglio l' uso di 2 fili accordati in
                    quarto d' onda per alimentare il tubo neon con sistema bilanciato ed
                    evitare fastidiose connessioni a massa ( che a causa dell' alta frequenza,
                    dovrebbero essere cortissime )

                    CITAZIONE
                    Ciao, e complimenti per le tue bobine!


                    TNX!

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao Teslacoil!
                      Ti ringrazio per la risposta, ho colmato buona parte delle mie curiosita'
                      Quello che vorrei approfondire, anche perche' rientra nel discorso elettrosmog di bassa frequenza, e' sul tipo di campo emesso da una linea ad alta tensione.
                      Dunque ricapitolando: a distanze prossime alla linea il campo e' prettamente magnetico (specialmente se in vicinanza di una sola delle fasi), a distanze via via + lontane riesce a "sopravvivere il campo elettrico (dipendente ovviamente dalla V in gioco) ...... possibile pero' che la linea si comporti da antenna e generi un vero e proprio campo elettromagnetico? (il quale arriverebbe anche a distanze superiori di quelle dei singoli campi elettrico e magnetico)

                      Commenta


                      • #12
                        CITAZIONE
                        (specialmente se in vicinanza di una sola delle fasi)



                        Beh, quando puoi dire di essere in vicinanza di una sola delle fasi (
                        quindi si suppone che le altre siano almeno ad una decade di distanza )
                        il "campo" che stai prendendoti e' praticamente solo elettrico.......
                        anche se per la verita' NON si tratterebbe piu' di "campo" ma di scintilla
                        + arco vere e proprie!


                        Il campo magnetico massimo lo dovresti trovare esattamente in mezzo
                        tra due conduttori, il campo elettrico massimo invece lo trovi a contatto
                        con uno solo di essi ( grazie alla pippa, in quel caso hai tutta la tensione
                        della fase a disposizione )

                        Il campo M incrementa di valore se aumenti la distanza tra i conduttori
                        perche' in tal modo l' induttanza della linea viene incrementata

                        il campo E incremente di valore se aumenti la distanza tra i conduttori
                        perche' la vicinanza di un altro conduttore con fase differente tende
                        ad emettere un altro campo E a fase differente che va ad sottrarsi al
                        primo

                        Il campo E riesce ad essere misurabile a lunghissima distanza ( ma questo
                        NON vuol dire che possa essere usato per alimentarci casa perche'
                        si tratta comunque di un segnalino debolissimo, che al massimo e' utile
                        per ricevere informazioni via radio dopo essere stato selezionato ed
                        amplificato di parecchi dB ) il campo M invece tende ad essere al di sotto
                        della soglia del rumore naturale solo dopo qualche chilometro dalla linea.




                        CITAZIONE
                        possibile pero' che la linea si comporti da antenna e generi un vero e proprio campo elettromagnetico? (il quale arriverebbe anche a distanze superiori di quelle dei singoli campi elettrico e magnetico)


                        Eh, nonostante le precauzioni che impiegano per evitare la irradiazione
                        della linea ( i conduttori vicini a fasi differenti la fanno assomigliare ad
                        una linea di trasmissione, NON un antenna ) qualcosa scappa sempre
                        Purtroppo e' inutile tentare di assorbire energia dalla radiazione EM,
                        troppo bassa, buona al massimo per trasmettere via radio dati con
                        telegrafia lenta

                        Commenta


                        • #13
                          Ciao a tutti,

                          X Fabio: dici che la mia recinzione vicino al canale abbastanza vicina al traliccio di alta tensione per ricavarci qualcosa?

                          Commenta


                          • #14
                            Teslacoil,
                            c' un motivo particolare per cui bisogna prendere tubi neon da almeno 50 W ? Perch ho provato con un tubo neon da 7 w sotto il traliccio e parallelo al filo ma di luce neanche a parlarne.
                            Magari scopro che non ci passa corrente...........eheheheheheheheh.........comunq ue sono due tralicci paralleli ed in ognuno di essi passano tre fili, uno da un lato e due dall'altro. I due che si trovano sullo stesso lato si trovano uno sotto e l'altro sopra distanti circa 3 metri.

                            Osiride

                            Commenta


                            • #15
                              Hola osiride!
                              Hola all!

                              Il motivo per il quale sono richiesti tubi di potenza e' solo uno.
                              la loro lunghezza e' tale da fungere da minima "antenna" e captare piu'
                              agevolmente il campo elettrico disperso.

                              l' uso di tubi piu' piccoli e' possibile a patto che vengano "allungati"
                              artificialmente con un bello spezzone di filo elettrico di qualche metro
                              connesso dal lato opposto a quello in cui lo reggi e tenuto preferibilmente
                              parallelo all' elettrodotto e sollevato ed isolato da terra.

                              Commenta


                              • #16
                                Ho steso un filo di circa 10 metri (quello utilizzato per la corrente di casa), un capo legato ad un palo e all'altro ho messo un tester. Risultato ........ niente niente niente......neanche 250 micro ampere..........secondo me passa solo ogni tanto corrente su questi elettrodotti.............altri metodi di verifica ?????????????????

                                Ogni tanto friccica.l'elettrodotto....ci riprovo quando sento lo sfriccichiooooo.......


                                Saluti Osiride







                                Commenta


                                • #17
                                  All,
                                  ho steso un filo di 10 metri legando un capo ad un palo e l'altro al tester.....risultato nienteeeeeeeeeee................altri metodi ?

                                  Secondo me passa corrente ogni tanto....riprovo quando friccica......


                                  Ciao OSiride


                                  Commenta


                                  • #18
                                    Hola Osiride!

                                    torno a ripeterti che, se l'elettrodotto passa SOTTO il terreno le speranze
                                    di recuperarci un briciolo di energia saranno bassissime.


                                    se invece l' elettrodotto e' aereo, qualche speranza di riuscire a recuperare
                                    energia potresti anche averle.
                                    NON e' cmq certo che l' elettrodotto sia SEMPRE sotto tensione, potrebbero
                                    anche accenderlo solo quando e' richiesta energia dal carico

                                    ( gli elettrodotti, per chi NON lo sapesse, presentano una capacita' tra i cavi
                                    tuttl' altro che trascurabile, alla tensione di lavoro della linea la corrente
                                    reattiva circolante e' molto ELEVATA, sono richiesti grossi induttori di rifasamento per ridurne le perdite che comunque ci sono in abbondanza!

                                    Commenta


                                    • #19
                                      L'elettredotto aereo, ma non spillo neanche qualche micro ampere..........la corrente passa perch sento friccicare..........qualche altra idea ????

                                      Osiride

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Hola Osiride!

                                        hai provato con un tubo al neon?
                                        ha impedenza elevatissima quando e' spento, che poi si abbassa di colpo
                                        quando si accende.
                                        il filo si puo' dunque caricare elettrostaticamente prima di innescare
                                        la scarica vera propria che lo riportera' a potenziale zero.

                                        NB off topic
                                        mentre scrivevo la prima riga di questo messaggio ho visto il monitor
                                        tremare vistosamente, molto piu' del solito tremolio imposto dal battere
                                        i tasti sulla tastiera, subito dopo mi sono accorto che anc' io stavo tremando

                                        Cosa diavolo mi stava succedendo????
                                        mi ci sono voluti un paio di secondi per realizzare che la causa del tremolio
                                        fosse una scossa di terremoto, ipotesi poi avvalorata da una lampada
                                        sospesa al soffitto che ho visto traballare, e quindi confermata anche dagli
                                        altri membri della famiglia, che l' hanno avvertita maggiormente perche'
                                        ai piani piu' alti ( io sono in cantina )

                                        Incredibile ma vero, il terremoto nella pianura padana tanto forte da
                                        essere avvertibile anche in un semiinterrato!

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Ciao a tutti,
                                          stasera friggeva e ho provato con un tubo neon da 150 cm da 52 watt. Posizionato in orizzontale ad una distanza di circa 6-7 metri si accendeva leggermente a metà. Posizionato in verticale, con la parte terminale sulla mano, si accedendeva completamente, sempre in maniera leggera. Qualcosa c'!!!!!!!!!!!!!!!!
                                          La cosa strana che sono tre i cavi che passano sull'elettrodotto, ma solo su uno ha l'effetto descritto prima. Come mai ? Poi mi domandavo un'altra cosa : in teoria il tubo neon dovrebbe accendersi di pi quando parallelo al cavo dell'elettrodotto e non quando perpendicolare, come mai questa anomalia ?
                                          Come faccio a sfruttarla questa energia ? Anche se poca, potrebbe tornare utile per alimentare qualcosa a casa, che ne dite ?

                                          Un saluto

                                          Osiride

                                          Commenta


                                          • #22
                                            successo anche a me la settimana scorsa ma nessun giornale ha detto nulla. Io sono in Toscana. Forse era un UFO di 6000Km di diametro che atterrava in giardino e prima era passato sopra a casa tua.

                                            State attenti con la media, quella fa male, mooolto male.
                                            I tre fili sono perch trifase. Tutta l'energia viene distribuita in trifase facendo il neutro in cabina con il centro stella del trasformatore e da questo poi si ricava con una fase il 220V comune.

                                            Il neon come ha detto Teslacoil, si accende a causa del campo elettrico, non a causa di quello magnetico. Quindi gli elettrodi del tubo al neon da un lato stanno a potenziale di terra, la tua mano, dall'altro stanno al potenziale di carica del campo elettrico. Non ti avvicinare troppo ai cavi di media. Stacci lontano e lascia perdere l'energia dispersa non ci si fa nulla di utile.
                                            Ciao!

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Hola Osiride!
                                              Hola Lawrence!
                                              Hola All!


                                              Innanzitutto rispondo a questo MSG per evitare che lawrence si rattristi pensando di essere sempre l' ultimo
                                              a rispondere, quello che chiude i theread con una bella noticina in stile "bicchiere a meta' che e' quasi del
                                              tutto vuoto" che calma le acque e induce a desistere.........
                                              Nota bene: sei tu che lo hai ammesso!


                                              CITAZIONE
                                              stasera friggeva e ho provato con un tubo neon da 150 cm da 52 watt. Posizionato in orizzontale ad una distanza di circa 6-7 metri si accendeva leggermente a metà. Posizionato in verticale, con la parte terminale sulla mano, si accedendeva completamente, sempre in maniera leggera. Qualcosa c'!!!!!!!!!!!!!!!!
                                              La cosa strana che sono tre i cavi che passano sull'elettrodotto, ma solo su uno ha l'effetto descritto prima. Come mai ? Poi mi domandavo un'altra cosa : in teoria il tubo neon dovrebbe accendersi di pi quando parallelo al cavo dell'elettrodotto e non quando perpendicolare, come mai questa anomalia ?



                                              Prova a pensare al neon come una lunga serie di resistenze, ad ogni punto di congiunzione tra una
                                              resistenza e la successiva c'e' l' armatura di un condensatore di piccolissimo valore che si accoppia
                                              alla linea di media.

                                              Se il neon e' parallelo alla linea, tutti i condensatori avranno piu' o meno lo stesso valore di capacita',
                                              la differenza di potenziale su ogni resistore dunque va via via ad abbassarsi man mano che ci si allontana
                                              dall' estremita' del tubo ( nota bene, il potenziale elettrico misurato verso terra aumenta, ma la differenza
                                              di potenziale ai capi di ogni resistenza va via via a ridursi )

                                              Se invece alzi il neon in verticale, il condensatore con valore piu' elevato sara' quello con la minor
                                              quantita' di aria ( dielettrico ) che lo separa dal cavo.
                                              il gradiente di potenziale lungo il tubo scende dunque dal massimo in punta allo zero alla base in
                                              maniera piu' proporzionale, ai capi di ogni singola resistenza c'e' una tensione comunque disuguale
                                              ma comunque con ordine di grandezza simile.

                                              Per accendere il neon a luminosita' maggiore hai bisogno di una elevata capacita' verso il cavo di media
                                              ma tutta concentrata verso il terminale superiore del neon e NON distribuita sullo stesso, un bel
                                              cavo monopolare steso parallelo alla linea, ben isolato alle estremita' e ai vari punti di ancoraggio e
                                              posto ad una altezza di sicurezza tale da NON essere raggiungibile con le mani ti aiutera' parecchio!


                                              CITAZIONE
                                              Come faccio a sfruttarla questa energia ? Anche se poca, potrebbe tornare utile per alimentare qualcosa a casa, che ne dite ?



                                              Normalmente viene sfruttata per illuminare la tromba delle scale, il garage o la cantina utilizzando uno o
                                              piu' tubi al neon ( tutti connessi in serie, che rimangono accesi 24h/24 ) ma nel tuo caso, se la tensione
                                              di linea e' foriera di ripetuti distacchi la cosa e' praticamente inutilizzabile
                                              ( seguendo la legge di Murphy, se la tensione di linea viene tolta per 10 minuti al giorno e l' utilizzo della
                                              luce in garage e' limitato a 10 minuti giornalieri, ci sono il 99% delle possibilita' che la luce si spenga
                                              appena ti avvicini alla saracinesca e si riaccenda appena ti allontani, nel restante 1% dei casi la luce
                                              sara' gia' spenta al momento del tuo arrivo e perdurera' spenta anche dopo la tua uscita a causa di
                                              un guasto tecnico sulla linea )


                                              Bando alle ciance, su QUESTO LINK trovi un sistema
                                              per estrarre energia dall' aria.... si tratta proprio di un modo ( che peraltro NON reputo nemmeno
                                              poi cosi' tanto efficiente ma potrebbe essere un inizio ) per tentare di cavare qualche ragnetto dal buco,
                                              poi, chissa, se la cosa funziona si puo' tentare di migliorarla e/o espanderla!

                                              DeltaHf ha giusto giusto un mega elettrodotto TERNA da 400kV esafase che gli passa dietro casa
                                              ed un enorme giardino dove stendere tutti i fili che vuole senza che nessuno gli chieda perche', in
                                              piu' ha tra i rottami smontati dalla sua ormai trapassata Lancia Delta HF ( ora dovrebbe cambiare nickname
                                              in Seat_Marbella ) una bella bobina, ha 120A/h di batterie a prendere polvere in cantina ed un bel
                                              gruppo di continuita con inverter per mantenere acceso il PC anche in caso di blackout ( che a causa
                                              degli esperimenti che fa sono anche molto frequenti! ), ci vorrebbe veramente poco per..........


                                              Io potrei consigliarti di aggiungere un condensatore tra massa e filo captatore ( le bottiglie di leyda vanno
                                              benissimo, per il valore di capacita dovresti fare qualche esperimento ) ed un bel condensatorone
                                              elettrolitico di altissima capacita' in parallelo alla batteria.

                                              Ricordati di connettere SEMPRE a massa il filo PRIMA DI AVVICINARTI, segui il consiglio di lowrence e
                                              cerca di postare i risultati sul forum PRIMA di metterti a fare un nuovo esperimento! ( NON si sa mai! )


                                              Ancora OCIO, l' alta tensione NON perdona!

                                              Commenta

                                              Attendi un attimo...
                                              X
                                              TOP100-SOLAR