annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Servizio delle "Iene" 9/4/07

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Servizio delle "Iene" 9/4/07

    Ciao ragazzi,

    ieri sera hanno trasmesso alle "iene" un interessantissimo servizio relativo ad un signore che lamentava il fatto di dover per forza consumare tutta l'energia prodotta per beneficiare dell'incentivo in "conto energia".

    C'è anche un intervista al Pecorario.

    Sul sito www.iene.it è possibile vedere l'intero filmato <img src=">

    Ciao
    Lorenzo
    Impianto da 1.5 KWp, 7 pannelli Sanyo HIT215 + Inverter Fronius IG15 ROMA - Orient: SudEst - Tilt 30°

    www.lollo71.it

  • #2
    Ciao, anche io ho visto quel servizio ma, nel mio caso, mi ha lasciato un poco perplesso...
    Io mi sto informando da qualche tempo circa i pannelli solari e dovunque io abbia guardato (forum come questo o siti di installatori/venditori) ho sempre trovato riferimento al fatto che

    tanta energia consumi = tanti soldi prendi

    per lo meno con il vecchio conto energia.
    Ogni volta che ho chiesto delucidazioni mi e' sempre stato risposto: "fai due conti di quanto consumi in 1 anno e compra un impianto adeguato, non un KW di piu' non uno di meno".

    Alla fine del servizio non ho capito se l'amico agricoltore e' stato fregato da un installatore poco onesto che non gli ha spiegato questo cavillo o se semplicemente ha cercato di fare il furbo vedendo l'incentivo come fonte di facile guadagno (a nostre spese, visto che l'incentivo e' pagato da tutti noi con le nostre tasse).

    Un'altra cosa che non mi e' piaciuta e' che il servizio ha descritto il decreto, senza specificarlo, dal punto di vista di un possessore di partita IVA e non dal punto di vista del privato, rischiando cosi' di essere sfuorviante per chi come me non ha partita IVA.

    Nello

    Commenta


    • #3
      secondo me l'agricoltore doveva pensarci prima.....bastava leggerlo il decreto.....

      Commenta


      • #4
        Ciao Nello,

        purtroppo il vecchio decreto stabiliva che l'icentivo viene riconosciuto su tutta l'energia prodotta e consumata.
        La lamentela dell'agricoltore (che probabilmente ha avuto la pecca di non dimensionare l'impianto ai propri consumi) è proprio quella di produrre 30.000 KWh, di questi ne consuma la metà e quindi l'incentivo si limita a questo quantitativo.

        Per te che devi ancora fare l'impianto il problema non si pone. Con il nuovo decreto, infatti, ti viene incentivata davvero TUTTA l'energia che produci, indipendentemente da quanta ne consumi.

        Infine, per quanto riguarda il possesso di partita IVA hai ragione. La soluzione alternativa proposta dal Pecorario (per altro non conveniente come hanno dimostrato le Iene) è valida solo per chi la ha.

        Ciao!
        Impianto da 1.5 KWp, 7 pannelli Sanyo HIT215 + Inverter Fronius IG15 ROMA - Orient: SudEst - Tilt 30°

        www.lollo71.it

        Commenta


        • #5
          Ho visto anch'io il servizio ma non mi è piaciuto per niente, secondo me una persona che non sa nulla del Conto Energia capisce che è l'ennesima fregatura. POteva leggersi il decreto prima di fare un impianto da 20 kW, avrà speso almeno 100.000 euro e si sarà affidato ad un tecnico. Se si faceva un impianto un pò più piccolo tipo 15 kW risolveva i problema.
          Mi sono piaciuto poi come erano installati i cavi senza il "becco d'anitra" così entra acqua a volontà...piccole cose ma alla lunga si pagano!
          Mi picciono le trasmissioni un pò "irriverenti" ma questa volta hanno dato il segnale sbagliato secondo me...
          RemTechnology
          "E' meglio essere approssimativamente corretti che esattamente sbagliati"
          (v. 5.0 - Gennaio 2020) - RemTechnology 1999 - 2020 - ing.remtechnology@gmail.com
          Leggete il regolamento del Forum EnergeticAmbiente.it

          Commenta


          • #6
            sarebbe da tagliare le palle alla società che ha progettato il sistema senza informare il cliente dei sistemi incentivanti......e quindi consigliandolo per il meglio....

            www.econtek.it
            "MAKE YOUR ENERGY!!"

            on SKYPE econtek-italy

            "la vera sfida non è realizzare un impianto fotovoltaico, quanto grande si vuole, ma farlo funzionare bene per 20 anni!!!"

            Commenta


            • #7
              ciao a tutti, correggetemi se sbaglio: il nuovo decreto mi incentiva tutta l'energia prodotta... che riesco a consumare nei 3 anni successivi.
              Il che vuol dire che se non cambio le mie abitudini e di conseguenza i miei consumi, buona parte del surplus non mi viene comunque pagato. Giusto?

              scusate il piccolo off-topic

              Nello

              Commenta


              • #8
                anch'io ho visto la parte finale...
                e l'impressione che mi ha dato non è positiva
                sembra che sotto-sotto ci sia la fregatura...

                Inoltre i conti non tornavano:
                in caso di scambio sul posto non hanno considerato
                il risparmio energetico

                Commenta


                • #9
                  CITAZIONE (Viracocha @ 10/4/2007, 19:36)
                  Inoltre i conti non tornavano:
                  in caso di scambio sul posto non hanno considerato
                  il risparmio energetico

                  Esatto! Quel servizio non mi è proprio piaciuto

                  Commenta


                  • #10
                    ho istallato Adobe Flash Player. ma non riesco a vedere i video sapete dirmi come mai?

                    Commenta


                    • #11
                      La disciplina dello scambio sul posto non è cambiata di una virgola con il nuovo conto energia. Quindi, a meno di prossime nuove delibere (necessarie per poter cominciare a presentare domande), l'incentivo, per chi si avvale dello scambio sul posto, è ancora pagato sui consumi e non sulla produzione. Credo che ciò che sia cambiato siano soltanto i limiti di potenza per poter accedere allo scambio sul posto: prima era consentita solo per impianti di potenza inferiore ai 20 Kw, adesso è aperta a tutti gli impianti.
                      Il tutto può essere confermato o smentito dalla prossima delibera, cioè non vale assolutamente niente :P
                      Corregetemi se sbaglio.
                      Giulio

                      Commenta


                      • #12
                        Il TRIO MEDUSA questa volta ha clamorosamente toppato e con loro anche il Ministro.

                        Il Sig. Alfredo facendo il passaggio dal regime di “scambio sul posto” al regime di “autoproduttore” (avrà sicuramente partita iva come azienda agricola!) oltre ad ottenere la tariffa di 0,46 euro/kWh (come giustamente hanno segnalato) su tutta la produzione di 25.000 kWh non solo potrà consumare l’energia che produce direttamente mentre sta consumando e quindi avere un risparmio sulla bolletta elettrica ma l’energia in eccesso convogliata nella rete elettrica verrà ritirata e pagata dall’Aquirente Unico alla tariffa di 0,095 euro/kWh.

                        Quindi, al contrario di quello che hanno detto in conclusione, al Sig. Alfredo converrebbe ECCOME!!!

                        Il problema del Sig. Alfredo non è quindi la convenienza ma è che doveva richiedere il passaggio dal regime di “scambio sul posto” al regime di “autoproduttore” PRIMA dell’entrata in esercizio dell’impianto!!!

                        Ora, per rispetto di tutti i cittadini e di tutti gli addetti ai lavori del settore fotovoltaico, LE IENE dovrebbero rettificare il servizio mandato in onda chiarendo in primis le idee al nostro Ministro e dicendo al Sig. Alfredo che non deve prendersela con lo Stato e i decreti ma con chi gli ha venduto e progettato l’impianto e non gli ha detto come stavano le cose!!!

                        Ciao a tutti

                        Commenta


                        • #13
                          In effetti sbagli...lo scambio sul posto per impianti fotovoltaici rimane vincolato a 20 kW. Inoltre l'incentivo è, secondo il decreto, su tutta la produzione, aldilà dei consumi...almeno sarà così fino alla delibera AEEG attesa entro il 25 aprile... :B):
                          Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
                          Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
                          Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
                          ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
                          Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

                          Commenta


                          • #14
                            CITAZIONE
                            In effetti sbagli...lo scambio sul posto per impianti fotovoltaici rimane vincolato a 20 kW. Inoltre l'incentivo è, secondo il decreto, su tutta la produzione, aldilà dei consumi...almeno sarà così fino alla delibera AEEG attesa entro il 25 aprile...

                            Probabilmente non ho letto bene il nuovo conto energia. In effetti l'art.6 comma 1 parla di energia prodotta. Di sicuro mi sono sbagliato sul limite dei 20 Kw. Mi rimane però un dubbio: se la delibera relativa alla disciplina dello scambio sul posto è sempre la stessa (in effetti il dl di febbraio 2007 fa riferimento a quella del 10 febbraio 2006)come possiamo dire che cambieranno le modalità? Forse chiarirà tutto la nuova delibera....
                            Ciao.

                            Commenta


                            • #15
                              Come è stato detto in altri dibattiti conviene aspettare la delibera entro sto benedetto 25 Aprile.
                              Per il resto sono d'accordo sulla toppata delle iene, il conto energia non è affatto una fregatura, e nel conteggio economico hanno lasciato qualche dettaglio fondamentale.

                              1. Risparmio in bolletta
                              2. In caso d passaggio a produttore i 9 cent che t dà l'ENEL o chi per essa
                              3. Su sti 9 cent/kWh ho capito che aprendo partita IVA ci devi pagare le TASSE
                              4. La colpa nn è dello stato ma di chi ha progettato o installato l'impianto o del proprietario stesso.

                              C'è da dire che persino Pecoraro nn ha le idee chiara... figuriamoci come stiamo messi male!!!

                              Commenta


                              • #16
                                nel 1° decreto conto energia luglio 2005 tutta l'energia prodotta veniva incentivata per impianti da 1 kwp a 1Mwp , poi dal fantomatico 10 febbraio 2006 hanno cambiato dei commi ,così sottilmente che gli impianti da 1 a 20 kwp veniva incentivata l'energia prodotta e consumata , , con quello nuovo pare che si ritorni al 1° , boh aspettiamo e vediamo .

                                Commenta


                                • #17
                                  Se c'è qualcuno che legge questo forum e che appartiene a qualche associazione "fotovoltaica" (produttori, installatori, consulenti), forse è bene che invii una nota di richiesta di correzione alle Iene, perchè una trasmissione di questo genere danneggia veramente il settore. Già c'è abbastanza confusione (basta leggere i post disorientati presenti in quasi tutti i topics nel forum), la disinformazione della televisione è esplosiva. La trasmissione, di contro, evidenzia come affidarsi a progettisti ed installatori non esattamente al top possa essere di danno....
                                  Saluti a tutti
                                  Giovanni

                                  Commenta


                                  • #18
                                    mail inviata e corretta

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Se ho capito bene il Signore ha installato l'impianto sotto il vecchio conto energia.
                                      E questo infatti non era una buona legge.


                                      Ed invece di scrivere un mail alle iene fate una cosa guista e scrivete alla ditta che ha installato
                                      questo impianto, perchè questo è il vero problema del settore fotovoltaico.
                                      Persone che
                                      vogliano fare soldi facile e che non danno ai clienti una consulenza professionale.

                                      Delta

                                      Commenta


                                      • #20
                                        CITAZIONE (pdrgnn @ 11/4/2007, 23:24)
                                        Se c'è qualcuno che legge questo forum e che appartiene a qualche associazione "fotovoltaica" (produttori, installatori, consulenti), forse è bene che invii una nota di richiesta di correzione alle Iene, perchè una trasmissione di questo genere danneggia veramente il settore. Già c'è abbastanza confusione (basta leggere i post disorientati presenti in quasi tutti i topics nel forum), la disinformazione della televisione è esplosiva. La trasmissione, di contro, evidenzia come affidarsi a progettisti ed installatori non esattamente al top possa essere di danno....
                                        Saluti a tutti
                                        Giovanni

                                        ... per una trasmissione negativa se ne può trovare anche una positiva..

                                        http://www.rai.it/mpmedia/0,,News%5E21129,00.html

                                        ( ..all'interno di questa trasmissione c'è un servizio che parla delfotovoltaico.. )

                                        ... la televisione non è la vera verità.. è un elettrodomestico come il frigo o come il frullatore... e si deve imparare ad usarlo nella maniera corretta ( l'ideale sarebbe tenendolo spento il + possibile.. <img src="> ..

                                        C.H.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Scusate se mi intrometto in questa discussione...
                                          Ho letto la delibera dell'autority sul conto energia e cito:

                                          "Nel caso di impianti fotovoltaici con potenza nominale non inferiore a 1 kW e non
                                          superiore ai 20 kW che si avvalgono del servizio di scambio sul posto, il
                                          pagamento delle tariffe incentivanti e dell’eventuale premio viene effettuato
                                          bimestralmente dal soggetto attuatore, che eroga un corrispettivo pari al prodotto
                                          tra l’energia elettrica prodotta dall’impianto fotovoltaico e la tariffa incentivante
                                          riconosciuta eventualmente maggiorata dall’eventuale premio. Il pagamento viene
                                          effettuato nel mese successivo a quello in cui l’ammontare bimestrale cumulato di
                                          detto corrispettivo supera il valore di 250 euro."

                                          Allegato A, Articolo 8, Comma 3 (Modalità di erogazione delle tariffe incentivanti e del premio)

                                          questa è legge...
                                          spero di aver levato qualche dubbio

                                          Commenta


                                          • #22
                                            CITAZIONE (CRICCIO @ 18/4/2007, 01:42)
                                            Scusate se mi intrometto in questa discussione...
                                            Ho letto la delibera dell'autority sul conto energia e cito:

                                            "Nel caso di impianti fotovoltaici con potenza nominale non inferiore a 1 kW e non
                                            superiore ai 20 kW che si avvalgono del servizio di scambio sul posto, il
                                            pagamento delle tariffe incentivanti e dell’eventuale premio viene effettuato
                                            bimestralmente dal soggetto attuatore, che eroga un corrispettivo pari al prodotto
                                            tra l’energia elettrica prodotta dall’impianto fotovoltaico e la tariffa incentivante
                                            riconosciuta eventualmente maggiorata dall’eventuale premio. Il pagamento viene
                                            effettuato nel mese successivo a quello in cui l’ammontare bimestrale cumulato di
                                            detto corrispettivo supera il valore di 250 euro."

                                            Allegato A, Articolo 8, Comma 3 (Modalità di erogazione delle tariffe incentivanti e del premio)

                                            questa è legge...
                                            spero di aver levato qualche dubbio

                                            piccola domandina dal sapore vagamente tecnico rivolta a tutti i tecnci del settore che lodano il conto energia (poi vorrei sapere i motivi tecnici per i quali bisognerebbe lodarlo....... <_< ):

                                            Come sono disposti i contatori nel caso di scambio sul posto?

                                            Rispondere con un disegno è meglio :B):

                                            Commenta


                                            • #23
                                              ... dopo diverso tempo ho visto il servizio in oggetto...

                                              ..altro che far male al fotovoltaico..

                                              ..questo "Bolognese" di chiara origine Romagno-Saudita

                                              .. un "agricoltore biologico" che toglie parte della propria terra coltivabile per renderla un'opera del genere è deprecabile... con tutto lo spazio inutilizzato dei tetti dei fienili e cascine...

                                              ..ha voluto SPECULARE con il fotovoltaico..
                                              .. e ne è rimasto vittima...

                                              .. la cosa che però non è stata detta è se abbia avuto dei finanziamenti a fondo perduto ( ho parlato con persone che hanno ricevuto un finanziamento a f.p. del 20% per essere inquadrati nell'Agricoltura, avendo ristrutturato parte delle loro abitazioni)

                                              .. avrà chiesto informazioni su qualche forum e sarà stato informato da qualche PSEUDO esperto... d'altronde ora i superesperti PUllulano come le mosche sulla ....

                                              ...sempre più un paese di comici debuttanti... :woot:

                                              C.H.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Un servizio negativo non scoraggia chi vuole informarsi e ha le idee chiare.

                                                So i venditori di fumo a fare danni, tipo quelli che "i pannelli li ripaghi in 5 anni".
                                                Tra cui come già detto lo stesso nostro caro ministro.

                                                Commenta

                                                Attendi un attimo...
                                                X
                                                TOP100-SOLAR