annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Calcolare scaglioni ENEL in EXCEL

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Calcolare scaglioni ENEL in EXCEL

    Salve,

    spero che non sia un messaggio ripetitivo, sto impazzendo con gli scaglioni ENEL ed Excel. In realtà vorrei, magari qualcuno lo ha già fatto, riportare su una cella Excel il consumo in KW in un determinato periodo (valori espicitati nella bolletta ENEL) e con Excel ricavare i kW ripartiti per i 4 scaglioni ENEL.

    Mi spiego ancora meglio, ho ad esempio dal 30.04.2012 al 31.05.2012 un consumo di 321 KW in 31 giorni. Nella bolletta risulta nella colonna Servizi di Rete / QUOTA VARIABILE :

    1° scaglione 153 KW
    2° scaglione 71 KW
    3° scaglione 97 KW

    Io vorrei che inserendo in excel i valori 321 e 31 mi calcoli in una colonna i valori 153, 71, 97.

    Devo dire con dispiacere che ho capito il meccanismo pro-die, ma da 2 giorni sto impazzendo con Excel poichè non riesco in nessun modo a fare un piccolo algoritmo che mi calcoli automaticamente i 3 valori che visivamente anche un bambino di 3 anni farebbe subito.

    Potete aiutarmi almeno con idee??? Mi è utile questa procedura per fare delle simulazioni in seguito, ma anche per capire se l'ENEL abbia calcolato correttamente gli scaglioni per applicare le rispettive tariffe.

    Sto impazzendo....

    salva a tutti,

    dopo qualche dose pesante di thè e qualche tentativo sono riuscito a costruire un foglio excel che risolve il mio intento.

    Vi chiedo, se interessati, di provarlo, nel mio caso ho inserito 3 periodi di tempo, potete trascinare le formule in orizzontale all'infinito così da aggingere altri periodi di fatturazione.

    Pertanto, inserite i KW consumati in un periodo di riferimento, inserite il numero di giorni nel periodo, quindi controllate che i KW suddivisi per scaglioni nel foglio excel corrispondano a quelli indicati sulla vs. bolletta.

    Se trovate un bug, un errore con una particolare coppia di valori vi prego di farmelo notare così posso capire se l'algoritmo o formule riportate nelle celle degli scaglioni siano funzionali o è tutto da rifare.

    Grazie per qualsiasi suggerimento, vi terrò aggiornati non appena ho un file completo di tutte le funzioni che ho in mente, spero.
    File allegati
    Ultima modifica di nll; 16-01-2015, 11:33. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

  • #2
    lo provo e ti so dire!

    Commenta


    • #3
      Grazie!

      Sono nuovo di questo mondo Enel e fotovoltaico, intanto mi sono reso conto di aver perso tanto tempo nel capire gli scaglioni perchè tutti segnalano una suddivisione del tipo 0-1800 1801-2640 2641-3540 3541-4400 4401-MAX, invece dal file dell'autorità dell'energia ultimo del 2012 scopro che le soglie oggi sono 1800 2640 4440 quindi riportando quelle soglie nel file che ho postato nel 2° post tutti i calcoli ritornano, così tutti i valori riportati nelle bollette.

      Adesso devo capire come fa l'ENEL, attraverso le indicazioni dell'autorità, a calcolare le ACCISE (C), come ricava la quota fissa COMMERCIALIZZAZIONE (pari a 2,5 euro giugno 2012), la quota fissa componente di dispacciamento (-0,644200 giugno 2012) e la COMPONENTE di PEREQUAZIONE ( -0,001120 giugno 2012).

      Se qualcuno già conosce come ricavare questi valori dall'informativa che rilascia continuamente l'autorità dell'energia e può indicarmelo mi aiuterebbe molto.

      Buona domenica!

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da emangias Visualizza il messaggio
        COMPONENTE di PEREQUAZIONE
        La componente di perequazione, (che nel linguaggio tecnico è detta anche PPE), garantisce l'equilibrio tra i costi effettivi di acquisto e dispacciamento dell'energia elettrica destinata al servizio di maggior tutela e quanto pagato dai clienti di quel servizio a partire dal 1° gennaio 2008.
        Non si applica ai clienti con contratti del mercato libero e ciò significa che questa componente favorisce certe categorie privilegiate e va a sfavorire le piccole imprese private le quali non sono competitive e quindi si crea fallimento e disoccupazione.

        E' possibile applicare le derivate della serie di Taylor per arrivare ad una comprensione più esauriente dei complessi processi matematici che sono legati alla perequazione.
        Uno sviluppo di Taylor che può considerarsi una funzione avente più funzioni cui risultato potrebbe essere una variabile reale o complessa.
        Lo sviluppo di Taylor troncato al secondo ordine per una funzione a valori scalari in più di una variabile si può scrivere nella seguente forma compatta: ,
        dove denota il gradiente della funzione e la sua matrice hessiana. Servendosi della notazione multi-indice la serie di Taylor per più variabili si scrive

        Commenta


        • #5
          Calcolo EXCEL, UN BUG!

          Originariamente inviato da emangias
          Se trovate un bug, un errore con una particolare coppia di valori vi prego di farmelo notare così posso capire se l'algoritmo o formule riportate nelle celle degli scaglioni siano funzionali o è tutto da rifare.
          Ciao eman,
          complimenti per il tuo Excel, semplice ed efficace!
          Chiedevi di suggerire eventuali bug, penso di averne trovato uno!

          Infatto ho fatto diverse prove e sul terzo (e quarto) scaglione ci sono dei problemi.
          Infatti i calcoli tornano fino a quando si arriva al terzo scaglione, poi dev'esserci qualche errorino, perchè mi segna la metà dei kWh che mi ritrovo in bolletta. Di conseguenza l'errore me lo riporto pari pari sul quarto, che si vede "appioppare" i kWh mancanti dal 3°. per il resto gira bene.
          Non riesco però a modificare la formula. Appena ho più tempo guardo meglio.
          Grazie ancora per aver condiviso il foglio.

          Commenta


          • #6
            Calcolo EXCEL, risoluzione BUG ?

            Originariamente inviato da COMPLESSO Visualizza il messaggio

            Ho fatto diverse prove e sul terzo (e quarto) scaglione ci sono dei problemi.
            Infatti i calcoli tornano fino a quando si arriva al terzo scaglione, poi dev'esserci qualche errorino, perchè mi segna la metà dei kWh che mi ritrovo in bolletta. Di conseguenza l'errore me lo riporto pari pari sul quarto, che si vede "appioppare" i kWh mancanti dal 3°. per il resto gira bene.
            Originariamente inviato da emangias
            Se trovate un bug, un errore con una particolare coppia di valori vi prego di farmelo notare così posso capire se l'algoritmo o formule riportate nelle celle degli scaglioni siano funzionali o è tutto da rifare.

            Grazie per qualsiasi suggerimento, vi terrò aggiornati non appena ho un file completo di tutte le funzioni che ho in mente, spero.
            Ciao Ema,
            grazie mille per aver condiviso il file! Ottimo lavoro!
            Anche io ho riscontrato gli stessi problemi di COMPLESSO.
            Mi sono permesso di modificare un pò le formule e sembra che giri bene per tutti gli scaglioni.
            Provatelo e fatemi sapere!
            Ciao
            Fabio
            File allegati

            Commenta


            • #7
              In caso di discrepanza tra valori enel e valori calcolati posso affidarmi al foglio di calcolo?

              Commenta


              • #8
                nel 4° scaglione sballa

                Ho scaricato il file ed è davvero interessante però nel 4° scaglione non è preciso. Che fare ?

                Commenta


                • #9
                  Ho creato delle formule alternative, semplificandole e successivamente parametrizzandole. Nel secondo foglio ho riportato quelle caricate da Fabio79, così da confrontarle.
                  Entrambe danno gli stessi risultati, però nelle mie non si passa per il calcolo del consumo annuo, ma si usano solo il numero di giorni e il consumo del periodo.


                  Per ogni fascia la formula è sempre la stessa:
                  =MIN(MAX(KW-(giorni*F1/365);0);((F2-F1)/365*giorni))


                  dove:
                  KW: è il valore dei KW consumati nel periodo (es: 957)
                  giorni: è il numero di giorni (es: 31)
                  F2 e F1 sono il limite superiore e inferiore dello scaglione (es: 2640 e 1800)


                  La formula andrebbe bene anche per il primo e il quarto scaglione, se non fosse che una parte diventa inutile.
                  Infatti per il primo scaglione F1=0, dunque si riduce a =MIN(MAX(KW-0;0);(F2/365*giorni)) e dunque =MIN(KW;(F2/365*giorni))
                  Nel quarto scaglione, F2 avrebbe un valore infinito, dunque il MIN restituisce sempre il primo dei due valori, cioè =MAX(KW-(giorni*F1/365);0)


                  Nel primo foglio (Nuovo) ho usato le formule più semplici, dove al posto di F2 ed F1 ho usato direttamente i valori numerici.
                  Nel terzo foglio (Parametrico) ho parametrizzato tutto. Nel giorno in cui l'autorità decidesse di cambiare le soglie, basterebbe modificare i valori nella colonna B.


                  Buon divertimento!

                  Ho scoperto perché si ha l'errore nel terzo e quarto scaglione. E' una questione di arrotondamenti.
                  Un esempio:
                  139 KWh per 15 giorni, considerando anche i valori decimali:
                  Scaglione 1: 73,973 -> arrotondato a 74
                  Scaglione 2: 34,521 -> arrotondato a 35
                  Scaglione 3: 30,507 -> arrotondato a 31 (?)

                  Purtroppo la somma dei tre valori non restituisce 139, ma 140. Dunque in bolletta, per lo scaglione 3 troveremo 30 e non 31. Ho corretto le formule usando la funzione "arrotondamento" e semplificandole ulteriormente.

                  =ARROTONDA(MIN(MAX(C3-C14-C13;0);1800/365*C$2))
                  dove:
                  C3 = KWh consumati nel periodo
                  C$2 = numero di giorni
                  Purtroppo non è più possibile farla parametrica perché devo sottrarre i valori calcolati negli scaglioni precedenti (C14 e C13).

                  Nell'allegato solo il foglio "Arrotondamento" restituisce valori corretti. Ho lasciato anche gli altri per fare dei confronti.

                  Una curiosità. I valori nella riga "Totali di controllo nel periodo" davano apparentemente valori corretti perché le percentuali poi si compensavano, ma non i valori interi. Infatti facendo le somme a mano, ci si accorgeva dell'incongruenza.

                  Buoni conti a tutti,
                  Marco
                  File allegati
                  Ultima modifica di nll; 16-01-2015, 11:34. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X
                  TOP100-SOLAR