annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ing. Alex Sorokin a confronto con il Prof.Battaglia su Radio1, 18/07/07_ore 9.37

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ing. Alex Sorokin a confronto con il Prof.Battaglia su Radio1, 18/07/07_ore 9.37

    Attacco ingiustificato alle rinnovabili, si parlava di nucleare, anzi di incidente nucleare....

    dopo il terremoto di magnitudo 6.8 della scala Richter che ha provocato la fuga di acqua contenente materiale radioattivo da un reattore della centrale nucleare di Kashiwazaki-Kariwa, fuga radioattiva made in Japan il Prof Battaglia si presenta alle 9.41 su radio1 e ci viene a raccontare che questa fuga radioattiva NON ESISTE e "perchè stiamo parlando di incidente nucleare", sue testuali parole......

    L'Ing. Alex Sorokin (per giunta ex Ing.Nucleare) che crede fermamente nelle energie rinnovabili avendo cambiato il proprio profilo e le proprie idee nel corso della propria attrività alla luce anche dei disastri nucleari caratteristici di una tecnologia non controllabile in situazioni di pericolo, riportava dati alla mano, tra le altre cose, l'indotto generato dalla fliera solare fotovoltaica in Gemania che non è proprio il paese del sole....si parla di circa 200mila occupati solo nel fotovoltaico....

    ma il Prof.Battaglia ignorando del tutto questo dato, prima di raccontarci una favoletta attraverso una serie di parallelismi pindarici rassicurandoci sulla falsità della notizia relativa all'incidente nucleare di Kashiwazaki-Kariwa (grazie Professore ora siamo tutti più tranquilli) ci faceva sapere che:
    "l'energia rinnovabile è una pia illusione" parole testuali del Prof.Battaglia ore 9.47 del 18/07/07


    Lo sappiamo tutti che le rinnovabili non sono la soluzione definitiva per il problema energetico nazionale, ma SONO UN PUNTO DI INZIO
    ORMAI LA STRADA è TRACCIATA.

    Senza commenti ulteriori.


    Ing.Alessandro Caffarelli
    Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

  • #2
    Oramai è diventato di moda parlare del sig. Battaglia. Cmq a mio parere non è questa la sezione adatta.

    Commenta


    • #3
      Io cerco di parlarne il meno possibile anche perchè non mi interessa parlarne, ma quello di questa mattina in diretta radio-nazionale è stato un attacco ingiustificato al settore delle rinnovabili, e siccome il solare FV fa parte di questo settore credo sia giusto avvisare gli utenti di questo forum nella sezione discussioni solari, di questo attacco ingiustificato alle rinnovabili in una radio-trasmissione in diretta nazionale in cui si stava parlando di NUCLEARE ANZI DI INCIDENTE NUCLEARE

      Ale
      Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

      Commenta


      • #4
        Con la stessa logica dell'attacco al nucleare "senza se e senza ma", come si potrebbe commentare un fatto del genere ben più grave (http://www.repubblica.it/2007/07/sezioni/e...na-fosforo.html):

        Evacuate 900 persone evacuate. Ventuno intossicati, uno è grave
        Il vice-premier evoca lo spettro di Chernobyl, ma le autorità rassicurano
        Ucraina, deraglia treno carico di fosforo
        Allarme per un'enorme nube tossica


        E se questo fosoforo fosse stato destinato per drogare il silicio di pannelli FV?

        Saluti

        Commenta


        • #5
          Mercoledi 18Luglio 2007 - RADIODIRETTA NAZIONALE:

          "L'energia rinnovabile è una pia illusione" firmato Prof.Franco Battaglia

          non si lavora in questo modo, non è corretto un comportamento del genere, è un messaggio deviante che arriva diretto a centinaia di migliaia di radioascoltatori:

          SI STAVA PARLANDO DI INCIDENTE NUCLEARE

          Saluti a Lei

          Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

          Commenta


          • #6
            Come al solito il lupo perde il pelo, ma non il vizio....... di andare OT.
            Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

            Commenta


            • #7
              CITAZIONE (StevenING @ 18/7/2007,10:48)
              E se questo fosoforo fosse stato destinato per drogare il silicio di pannelli FV?

              CITAZIONE (da Repubblica.it @ 17/07/2007,00:00)
              Il fosforo giallo, utilizzato per la produzione di fertilizzanti, pesticidi ed esplosivi, è considerato una sostanza tossica di prima categoria, dagli effetti letali se viene inalato o entra in contatto con la pelle, anche in una concentrazione di un decimo di grammo. Facilmente infiammabile, intacca le ossa, il cervello e il fegato.

              StevenING, rassicurati, questo estratto l'ho ricavato direttamente dal link che hai fornito (ma l'avevi letto tutto, o solo titolo e didascalia?)

              Rassicurati ancor di più, che gli effetti inquinanti durano poco tempo, molto, ma molto meno di una contaminazione da materiale radiattivo.

              ••••••••••••

              Commenta


              • #8
                Tranquillo Nll, l'avevo già letto. La mia domanda era appositamente provocatoria ed ipotetica.

                Non mi devi rassicurare di un bel niente, perchè io metto sullo stesso piano un morto per intossicazione di zolfo, per un incidente aereo o per raggi gamma.

                Commenta


                • #9
                  Ciao,
                  con il permesso dell'autore, incollo un commento di FB sul terremoto in Giappone: mi sembra molto interessante, soprattutto nella parte in cui quantifica la radioattività dell'acqua.

                  "Caro amico,

                  Il mio articolo di ieri voleva puntare il dito sulla sgradevole realtà di
                  certa stampa che non perde l'occasione di strillare, spesso a sproposito,
                  contro il nucleare. Non immaginavo che la realtà fosse ben più preoccupante,
                  come purtroppo mi tocca costatare stamattina.

                  In Giappone c'è stato un terremoto che ha causato 9 morti, 1000 feriti, 1000
                  case distrutte e 10.000 senza-tetto. In Italia, la stampa, la televisione,
                  la radio, le agenzie (Ansa compresa) lo hanno diffuso, e continuano a farlo,
                  come se fosse stato un incidente nucleare. Sono stato addirittura
                  intervistato dalla radio nazionale (ospiti anche il ministro Pecoraro Scanio
                  e il suo collega della passata legislatura, On. Matteoli) e per un'ora non abbiamo parlato altro che di nucleare. Secondo il ministro - che, come al solito, ha straparlato di fusione fredda (che mai esister&agrave, di fusione
                  calda (che ancora non esiste), di energie eolica e fotovoltaica (che, per
                  ragioni tecniche, mai potranno superare, insieme, il paio di punti
                  percentuali) - l'incidente dimostra che il nucleare non è sicuro; secondo
                  l'ex-ministro questo incidente deve invitare a far riflettere sulla
                  sicurezza del nucleare; l'intervistatore, infine, osservava che il fatto che
                  un "semplice" terremoto avesse fermato i reattori ben dimostrerebbe che il nucleare è inaffidabile.

                  E' esattamente tutto il contrario: il nucleare sarebbe inaffidabile se,
                  durante il terremoto, i reattori non si fossero fermati, come invece hanno
                  fatto non appena registrate le prime oscillazioni. Il "semplice" terremoto
                  del Giappone è stato 10 volte più intenso di quello che in Italia ha fatto
                  crollare la scuola di S. Giuliano, in Molise, che, ricordo, ha causato non 9
                  ma ben 27 morti. Il terremoto giapponese è stato della stessa intensità di
                  quello, sempre in Giappone, del 2004, quando nulla allora successe ad alcuno
                  dei 53 reattori nucleari in esercizio.

                  Le oscillazioni di quest'ultimo terremoto hanno fatto tracimare un metro
                  cubo d'acqua delle piscine della centrale ove sono immerse le barre del
                  combustibile spento. E', quella, acqua distillata e continuamente purificata
                  degli elementi radioattivi che inevitabilmente si formano per interazione
                  delle impurezze (ineliminabili al 100%) con le radiazioni dalle barre.
                  L'acqua tracimata e scaricata in mare, in particolare, conteneva un livello
                  di radioattività di 50 becquerel/litro, che è un numero inintelligibile
                  finché non si confronta con altri, e in particolare con l'attività
                  dell'acqua minerale che normalmente beviamo: l'attività di una bottiglia di
                  acqua della sorgente di Garbarino, in Piemonte, è di 47000 becquerel/litro e
                  quella di una bottiglia di Gareisa è di 144 becquerel/litro. Le dosi di
                  riferimento stabilite dal nostro severissimo Decreto L.vo 230/95 sono di
                  700mila becquerel/annuo, il che significa che se anche tutta l'acqua
                  tracimata dalle piscine del reattore di Kashiwazaki Kariwa fosse bevuta da
                  una sola persona nel corso di un anno (dovrebbe berne 4 litri al giorno), le
                  dosi di radioattività da quella persona assunte sarebbero 10 volte inferiori
                  al massimo consentito dalle nostre ultracautelative leggi (quell'acqua,
                  piuttosto, non andrebbe però bevuta perché, essendo distillata, potrebbe
                  causare l'esplosione delle cellule che di essa si gonfierebbero per osmosi).

                  In definitiva, anziché lagnarci degli ipotetici rischi del nucleare in caso
                  di possibili eventi nefasti, dovremmo congratularci con gli ingegneri
                  nucleari per il fatto che gli impianti da essi realizzati, in presenza di
                  siffatto evento, mostrano ammirevole e confortante sicurezza. Il caso
                  recente del Giappone, allora, dovrebbe essere un ulteriore invito a
                  ripensare con fiducia, in Italia, l'opzione nucleare. Soprattutto visto che
                  non esistono altre opzioni: una realtà, questa, di cui non nutro speranza
                  alcuna di far prendere atto al ministro Pecoraro Scanio, ma di cui spero di
                  poter convincere l'ex-ministro Matteoli, se mai avrà la bontà e pazienza di
                  seguire mezz'ora di semplice aritmetica.

                  fb"

                  Ho visto che ci sono altre discussioni in argomento, ma tutto sommato mi sembra ragionvole postare qui.

                  Saluti a tutti.

                  Commenta


                  • #10
                    CITAZIONE
                    Ho visto che ci sono altre discussioni in argomento, ma tutto sommato mi sembra ragionvole postare qui.

                    Onestamente non condivido la tua scelta... non vedo perchè consolidare certe vecchie e scorrette abitudini... quando lo stesso tema è trattato nelle sezioni opportune...

                    Vorrà dire che siamo allo sdoganamento ufficiale dell'ANARCHIA che regna nella sezione... -_- ... e non ne capisco onestamente il motivo, così come non capisco perchè il professore non intervenga di persona, visto che è nuovamente abilitato a farlo.

                    Niente di personale, Francesco, lo sai... e non mi aspetto neppure una risposta, intendiamoci...

                    Vorrà dire che quando vorrò tornare a discutere di bilanci costi/benefici delle FER posterò in nucleare, giusto?

                    Mah... :blink: ...

                    Ciao!

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao,
                      forse la discussione doveva essere iniziata in un'altra sezione, ma nell'ambito della discussione, mi sembra che la collocazione sia corretta.

                      Comunque, il prof. non è intervenuto perché non vuole più partecipare al forum: io gli ho chiesto un chiarimento su quello che era successo, e lui mi ha dato una spiegazione che mi sembrava interessante. (Un ignorante come me quando sente parlare di fuga di acqua radioattiva si immagina una roba pazzesca che avvelena per diecimila anni il mare).

                      Ho pensato che vi potesse interessare, ho chiesto a fb il permesso di postare la sua risposta ecc. ecc.

                      ciao

                      Commenta


                      • #12
                        Ok, giusto per saperlo...

                        Fai come credi Francesco, come la penso lo sai...

                        Ma la ratio di questa sezione non è di certo quello che penso io che non sono nessuno...

                        Ormai la ritengo terra di conquista: il primo che arriva pianta la bandierina che vuole... <_< ...

                        Ciao!

                        Commenta


                        • #13
                          Per i curiosi ecco il link della trasmissione: http://www.radio.rai.it/radio1/radioanchio...o2007_07_18.ram

                          Pace!
                          Gym
                          Dal giorno 08/02/2017 questo account è inattivo.
                          Per favore non inviate alcun messaggio (soprattutto mail) al sottoscritto riguardante questo Forum poiché non otterrete alcuna risposta.
                          Grazie!

                          Commenta


                          • #14
                            pur sostenendo di essere a favore di un nucleare "di transizione", ovvero in attesa che qualche fonte rinnovabile divenga a basso costo ed accessibile a tutti (anche ai pensionati, ma senza finanziarie), credo che non possa giovare il negare che tale opzione sia del tutto scevra da pericoli. la verità innanzi tutto. come anche direi ai produttori/venditori del FV di essere più chiari nell'esporre che il rendimento dei pannelli non è esattamente, alla fine, come descritto nei depliants o nelle comunicazioni verbali.

                            Commenta


                            • #15
                              francescomat:

                              C'e' chi sostiene che il riscaldamento globale sia influenzato dall'uomo e chi sostiene il contrario. C'e' chi sostiene leFER e chi le reputa una pia illusione.
                              Questi sonodiscorsi profondi. Cosi' profondi da diventare oceanici. Ci sono studi universitari che proseguono da anni in ogni parte del mondo. Nella rosa delle possibilita' si trova di tutto. Non c'e dubbio

                              quindi vanno selezionate le informazioni. E filtrate.

                              Ponevo la domanda riguardante il riscaldamento globale ad unmio amico professore alla UCLA. Ripeto: UCLA !

                              la sua risposta sai quale e' stata: attualmente il 95% degli scienziati ritiene che il riscaldamento globale sia condizionato dall'uomo. Questa percentuale e' in costante aumnto (pochi anni fa era notevolmente piu' bassa). Il 95% degli articoli su riviste scientifiche di alto livello (ripeto: riviste scientifiche di alto livello!) sostendono la stessa csa e con lo stesso trend in crescita.
                              Teniamo conto che il mondo del petrolio ha grande influenza sulla distribuzione dei grant su cui si basa la ricerca di alto livello.....


                              ora, tornando a noi: come possiamo scegliere tra le vari posizioni?

                              tra l'altro non siamo neppure in grado di stabilire quanto le posizioni fuori dal coro si basino su studi di alto livello. Per quanto Battaglia sia dotato (non lo metto in dubbio) e l'universita' di Modena sia all'avnguardia (non metto in dubbio neppure questo), non sono convinto che le loro ricerche possano essere economicamente sostenute in maniera sufficiente per sviluppare una ricerca di alto livello su argomenti cosi' allargati e complessi. Non se ne abbia male nessuno. Non ho neppure ben capito se battaglia all'interno dell'universita' getisce un laboratorio di ricerca o no. E su che argomenti. E con quante persone (post doc intendo).
                              Non mi pare abbia mai citato una pubblicazione che descrive il modello da loro impostato per arrivare alle sue nette e rigide posizioni. A sostenere la tesi opposta invece ci sono modelli. Magari sbagliati ma sicuramente pubblicati e riproducibili.


                              Insomma: ognuno ha il diritto di dire quello che vuole e di supportare le sue idee nel modo che piu' preferisce. Assolutmente.

                              La nostra giornaa ha 24 ore. Non possiamo dare seguito ad ogni informazione e dobbiamo filtrare.

                              Che strumento consiglieresti per filtrare le affermazioni scientifiche di numerosi ricercatori di fama mondiale?

                              A me vengono in mente le pubblicazioni.

                              Commenta


                              • #16
                                Per quanto mi riguarda, io sostengo una posizione mediana:

                                Il nucleare (a fusione, generato dai reattori ITER), è la migliore risposta per le necessità industriali, là dove le fonti rinnovabili sono ottime per le necessità domestiche e di piccoli centri urbani. Inutile buttarsi a testate su posizioni di 'o l'uno o l'altro'.
                                Per quanto riguarda l'etanolo ed i cosiddetti biocarburanti, sono estremamente favorevole ai diesel che riciclano l'olio usato...ma per favore non mi si parli di biocarburanti su scala di massa! Il terreno coltivabile serve per il CIBO, non per il carburante. Potenziamo le auto solari (che non correranno come le formula 1 macchissenefrega!), quelle a gas e persino quelle ad aria compressa per la città, semmai.

                                Woof!

                                Commenta


                                • #17
                                  CITAZIONE (valmaximus @ 19/7/2007, 19:40)
                                  Per quanto mi riguarda, io sostengo una posizione mediana:

                                  Il nucleare (a fusione, generato dai reattori ITER), è la migliore risposta per le necessità industriali, là dove le fonti rinnovabili sono ottime per le necessità domestiche e di piccoli centri urbani. Inutile buttarsi a testate su posizioni di 'o l'uno o l'altro'.
                                  Per quanto riguarda l'etanolo ed i cosiddetti biocarburanti, sono estremamente favorevole ai diesel che riciclano l'olio usato...ma per favore non mi si parli di biocarburanti su scala di massa! Il terreno coltivabile serve per il CIBO, non per il carburante. Potenziamo le auto solari (che non correranno come le formula 1 macchissenefrega!), quelle a gas e persino quelle ad aria compressa per la città, semmai.

                                  Woof!

                                  Beh, perlomeno tu hai una mentalità aperta alle FER, il che (per me) è un bene!

                                  Pace!
                                  Gym
                                  Dal giorno 08/02/2017 questo account è inattivo.
                                  Per favore non inviate alcun messaggio (soprattutto mail) al sottoscritto riguardante questo Forum poiché non otterrete alcuna risposta.
                                  Grazie!

                                  Commenta


                                  • #18
                                    certo che ci vuole una bella faccia di bronzo per minimizzare 1200 LITRI DI ACQUA PESANTE FINITI IN MARE... detto questo, detto tutto.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      CITAZIONE (elFranZ @ 20/7/2007, 09:37)
                                      certo che ci vuole una bella faccia di bronzo per minimizzare 1200 LITRI DI ACQUA PESANTE FINITI IN MARE... detto questo, detto tutto.

                                      cavolo... una quantità davvero enorme rispetto a quella che già c'e in mare.... ^_^ , chissa da dove li hanno presi poi quei 1200 litri lol

                                      Commenta


                                      • #20
                                        CITAZIONE (BlueIce @ 20/7/2007, 21:42)
                                        CITAZIONE (elFranZ @ 20/7/2007, 09:37)
                                        certo che ci vuole una bella faccia di bronzo per minimizzare 1200 LITRI DI ACQUA PESANTE FINITI IN MARE... detto questo, detto tutto.

                                        cavolo... una quantità davvero enorme rispetto a quella che già c'e in mare.... ^_^ , chissa da dove li hanno presi poi quei 1200 litri lol

                                        stai scherzando, vero? lo sai che quando andiamo a fare cic ciac in acqua, è bene che i contatori geiger stiano zitti, vero? o magari un bel filetto di merluzzo al neutrone, non so...

                                        Commenta


                                        • #21
                                          elFranz, quell'acqua contiene 90 kBq di radioattività. E' circa 3 volte più radioattiva del vino da tavola !!!!. <img src=:">
                                          Come puoi dire che sia così dannosa? Hai qualche altra infomazione al riguardo?
                                          Ciao

                                          Commenta


                                          • #22
                                            CITAZIONE (StevenING @ 21/7/2007, 17:15)
                                            elFranz, quell'acqua contiene 90 kBq di radioattività. E' circa 3 volte più radioattiva del vino da tavola !!!!. <img src=:">
                                            Come puoi dire che sia così dannosa? Hai qualche altra infomazione al riguardo?
                                            Ciao

                                            dove hai recuperato questi dati?
                                            e aggiungo... tu che citi numeri, te lo faresti un bagnettino in zona? o una frittura di mare?

                                            Commenta


                                            • #23
                                              l'inquinamento radioattivo non si misura in litri....

                                              SE, e ripeto... SE i valori sono quelli riportati, l'inquinamento radioattivo è ben al disotto di qualunque soglia di pericolosità, ed, ancor di più si trova al margine della rdioattività naturale di fondo se si considera la dluizione nell'oceano.
                                              Si rischia, insomma, di non riuscire nemmeno a misurarlo.
                                              Vi ricordo che in Italia, il Decreto del Ministero della Sanità dell’11 dicembre 2002 autorizza l’utilizzo dell’acqua Garbarino (sorgente in provincia di Cuneo) per imbottigliamento e vendita se la concentrazione di radon non supera il valore di 100 Bq/l e come bibita in situ se la concentrazione di radon non supera il valore di 500 Bq/l.
                                              Considerando che la vendita è per utilizzo umano diretto, (ben diversa dalla diluizione in milion di metri cubi di acqua di mare ), è come avere versato in mare 180 bottiglie di minerale "Garbarino"
                                              Vi ricordo anche che i materiali da costruzione per le centrali nucleari sono selezionati anche in base alla loro attività radiogena, cosa che non succede per i nornali materiali da costruzione ad esempio, e che in molti casi si sono scoperti eventi di inquinamento radioattivo domestico quando il dipendente o il visitatore sono stati bloccati dal total body all'ingresso perchè TROPPO radioattivi... a causa dell'attività del tufo, del granito o dei laterizi con cui erano costruite le loro case.
                                              Senza la quantificazione del livello di attività, si rischia di mettere sullo stesso piano tutti gli incidenti nucleari, quando invece in alcuni casi si tratta di un una goccia che cade da un bicchier d'acqua, in altri la tragedia del vajont.. e sempre di acqua si tratta.
                                              Vista la scarsa conoscenza generale in merito alla radioprotezione, consiglio a tutti l'acquisto di un contatore Geiger, che costa poche lire e permette interessanti esperienze su quelli che sono il livelli di radioattività cui siamo normalmente esposti, e che sarebbe utilissimo in caso di emergenze vere o presunte.

                                              elFranz, se i numeri sono quelli (e con un Geiger lo si vede subito) si può fare sia il bagno che la frittura di mare.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                CITAZIONE (elFranZ @ 21/7/2007, 17:49)
                                                [dove hai recuperato questi dati?

                                                Sono quanto dichiarato dalla Tepco e riporatati ad esempio dalla WNN:

                                                The tremors caused 1.2 cubic meters of water to spill from the used nuclear fuel cooling pond of unit 6. Plant owners Tokyo Electric Power Company (Tepco) said the water would contain 90 kBq of radioactivity*, and had drained from the plant building to the sea in accordance with environmental regulations. The cooling pond itself was undamaged.. (http://www.world-nuclear-news.org)

                                                Per quanto ho potuto verificare, nessuno contesta questi dati: probabilmente chi conosce questi impianti, sa benissimo di quale acqua si stia parlando...

                                                E i tuoi dati da dove vengono?

                                                Ciao

                                                * 90 KBq su 1200 litri, sono 75 Bq/l <img src=">

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  CITAZIONE (StevenING @ 22/7/2007, 10:02)
                                                  CITAZIONE (elFranZ @ 21/7/2007, 17:49)
                                                  [dove hai recuperato questi dati?

                                                  Sono quanto dichiarato dalla Tepco e riporatati ad esempio dalla WNN:

                                                  The tremors caused 1.2 cubic meters of water to spill from the used nuclear fuel cooling pond of unit 6. Plant owners Tokyo Electric Power Company (Tepco) said the water would contain 90 kBq of radioactivity*, and had drained from the plant building to the sea in accordance with environmental regulations. The cooling pond itself was undamaged.. (http://www.world-nuclear-news.org)

                                                  Per quanto ho potuto verificare, nessuno contesta questi dati: probabilmente chi conosce questi impianti, sa benissimo di quale acqua si stia parlando...

                                                  E i tuoi dati da dove vengono?

                                                  Ciao

                                                  * 90 KBq su 1200 litri, sono 75 Bq/l <img src=">

                                                  sembri farne una questione di principio... ok, va bene, hai vinto, contento? ora vai e fattici il bagno lì, visto ke ti fidi tanto dei numeri...

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Se il Geiger confema, perché no?

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Alla luce di certi "programmi" energetici che illustri rappresentanti politici stanno riportando a galla in questi ultimi giorni, ri-tirandoli fuori dalle fogne delle proprie abitazioni, capisco solo ora il fine di quell'intervento radiofonico datato luglio luglio 2007……

                                                      Aprivo il post scrivendo:
                                                      “Attacco ingiustificato alle rinnovabili, si parlava di nucleare, anzi di incidente nucleare...”

                                                      E’ incredibile con quanti mesi di anticipo sia iniziata la campagna elettorale

                                                      ALLUCINANTE
                                                      Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

                                                      Commenta

                                                      Attendi un attimo...
                                                      X
                                                      TOP100-SOLAR