annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

La donna come un carretto!! ( ? )

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • La donna come un carretto!! ( ? )

    Non da youtube e nemmeno da fb o altri "social"... certo, nemmeno da un trattato di sociologia ma solo da RAI tre, nella trasmissione "agorà" che sta andando in onda in questi istanti ( ore 09:57 del 24 11 2017 ), ascoltato pochi minuti addietro da una delle partecipanti la discussione... la donna ora alla stessa stregua di un carretto, si parla di utero in affitto e/o di procreazione assistita e sue varianti..
    La tecnologia oggi permette cose strabilianti, ma altrettanto "strabilianti" e aberranti sono le applicazioni che se ne fanno, dalla scissione dell'atomo si è arrivati alla bomba atomica e ai fatti della seconda guerra mondiale, una applicazione di ritrovati tecnologici mal applicati, di fatto, questo modus operandi ci accompagna da sempre, fa parte del dualismo "bene-male", non esiste uno se non esiste l'altro. Succedeva e succede anche oggi, che una coppia ( marito e moglie ) non riesca a procreare, a formare famiglia a tutto tondo...come la intendo io cioè, madre-padre-figli... succedeva e succede anche oggi che una famiglia versa in cattive situazioni economiche ma molto prolifera, poco mangiare ma molti figli, quindi, da sempre sono esistite certe condizioni che hanno a che fare con la coppia ( marito-moglie ) e il formare vera famiglia e quindi... da questo processo scaturisca quella che si chiama comunità e poi società. Ma cos'è la società oltre al sostantivo scritto? Lungi da me proporre un trattato di antropologia o di sociologia, non saprei da dove cominciare, col presente scritto e prendendo spunto da quanto detto all'inizio, voglio solo esporre quanto l'uomo/l'umanità tutta sia un calderone di contraddizioni, contraddizioni che al tempo presente si sono sbilanciate, a prevalere purtroppo sono quei valori che di fatto non sono valori ma solo prese di posizioni e come da sempre, chi è sereno e tranquillo non si sogna di invadere cose/situazioni che non gli appartengono... mentre invece, chi non è sereno ed è sempre in cerca di "conquiste", da sempre si muove animato da arroganza e sopraffazione, cercando di piegare alle sue esigenze, ogni altra maniera di vivere di altre persone, cercando tentando di assoggettarle ai suo bassi istinti, direi animaleschi ( con tutto rispetto per gli animali ). "La donna come un carretto", si fa un gran parlare di femminicidio, ci si indigna ( a ragione ) quando questi fatti giungono alla nostra percezione/conoscenza, ma, scusate, quando la pratica dell'utero in affitto viene praticata a scopi commerciali, non si è "uccisa" una donna?... Non si è svuotato del senso più alto di ciò che la donna è da milioni di anni ( la culla della società )? Ora che il "progresso" tecnologico lo permette, ci si permette di poter fare a meno di una donna, riducendola a semplice "vettore" di vita, di una vita con la quale convive per nove mesi e alla quale non può non trasferire sensazioni ed emozioni e altrettanto riceverne... signori miei, questa è legge naturale incontrovertibile ma stiamo cercando in tutti i modi di piegarla alle nostre insane voglie... questo lo chiamiamo progresso? Io direi/credo che ormai siamo andati oltre ogni limite... quindi, sentir parlare di femminicidio, alle mie orecchie risulta solo un argomento di discussione come un'altro, fine a se stesso e pretestuoso... di fatto, la donna viene uccisa in tanti altri e svariati modi... tutti "normalizzati"... di fatto, nei tribunali, se si riesce a provarlo, molte morti di operai nelle fabbriche o attività lavorative, risultano come omicidio anche se colposo ma altre volte volontario... se pur nessuno direttamente ha "accoltellato" quell'operaio, alla stessa maniera di come, nessuno di noi può sentirsi colpevole di uno dei tanti e quotidiani femminicidii.. o di un aborto " terapeutico"... e nemmeno dall'aver espropriato la donna dei valori che ha per sua natura... e che nessuno tra noi le ha mai potuto o saputo dare...( menomale, così non possiamo riprenderceli )
    f.sco

  • #2
    L’utero in affitto in Italia è una pratica illegale ed un reato e non mi pare si senta un gran bisogno di modificare la situazione.
    La procreazione assistita è una normalissima pratica medica, che una minoranza bigotta è riuscita a far normare in modo ridicolmente rigido qualche anno fa e che è stata gradatamente liberalizzata da una serie di sentenze che hanno ormai di fatto smantellato quella grottesca “”legge””rendendola un patetico simulacro buono come monito ai tanti bigottottimisti che proliferano in questo paese.
    L’aborto terapeutico è un intervento sanitario per proteggere un essere umano vivente dai danni e dal pericolo rappresentato da una complicazione della gravidanza. È utilizzato da sempre, ed è ESCLUSIVA potestà del medico decidere se è utile, necessario o inutile, assumendosene le relative totali responsabilità, in quanto se la decisione medica provoca la morte della donna non c’è alcuna attenuante nel fatto che il feto sia sopravvissuto.
    Nel messaggio non viene citato, non so se volutamente o meno, ma in Italia esiste ed ESISTERÀ per sempre anche sia l’aborto non terapeutico che ora la contraccezione ritardata tramite pillola del giorno o settimana dopo.

    Tutto questo non per polemica, ma solo per chiarire l’attuale situazione in attesa di capire meglio il “dove vado a parare” della interessante filippica sopra riportata.
    Ultima modifica di BrightingEyes; 24-11-2017, 11:06.
    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

    Commenta


    • #3
      Ho scritto...aborto "terapeutico"...
      terapeutico tra virgolette, per dire che moltissime volte, la stragrande maggioranza dei casi, tanto terapeutico non è, se se ne fa un abuso...tal quale come la procreazione assistita e ogni altra pratica che prende spunto da una effettiva necessità di altri per poi renderla cosa da supermercato.. e qui emerge il mercato appunto.
      f.sco

      Commenta


      • #4
        Ed io ti ho informato che puoi scriverlo sia con che senza virgolette, tanto nessun medico in Italia ha necessità di fingere che un aborto sia terapeutico in quanto esiste una legge che permette alle donne di abortire per qualsivoglia motivo passi loro per la mente. Sia di mercato sia per puro benessere personale. Quella che sia necessario chiamare un aborto "terapeutico" per aiutare una povera disgraziata è, grazie a Dio, a politici seri e ai referendum quando non erano usati come clava da dare in testa al nemico politico, un brutto ricordo del passato, che molti comunque ti posso garantire NON RINNEGANO ed anzi ricordano con orgoglio...
        Io non sono donna, sebbene qualche fasullo competente a volte lo dica, ma ritengo che le donne siano ormai perfettamente in grado di difendersi sia da chi le considera carretti sia da chi le vorrebbe sempre angeli, ma del focolare e della culla. Possibilmente.

        Concordo che il mercato in queste tematiche non è il massimo, ma credo che la 194 e le modifiche giudiziare alla 40 siano state un forte colpo proprio al mercato dei colleghi "furboni" che sugli aiutini segreti per salvare la faccia alla figlia della persona importante hanno fondato imperi.
        La legge italiana al momento è fra le migliori al mondo. Anche l'aborto legislativo del duo Binetti Roccella si è risolto in un buon compromesso grazie agli sberloni in forma di sentenza ingoiati dal duo comico-politico.
        Non solo. Le pillole anticoncezionali "del giorno dopo" sono ormai patrimonio dell'umanità meglio dei monumenti unesco, ed internet sta ridicolizzando il grottesco tentativo dei benpensanti mondiali di bloccarne la diffusione.
        Quindi di che parliamo?
        Ultima modifica di BrightingEyes; 24-11-2017, 12:21.
        “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
        O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

        Commenta


        • #5
          "Quindi di che parliamo"?... io direi anzi dico che con te non si sta parlando di nulla...
          ma una cosa te la voglio dire, mantieni un pensiero unico e non cambiarlo alla bisogna.

          Ancora una volta qui in basso riporto la tua firma... con la quale stai a dire il contrario di quanto hai affermato rispondendo/commentando al mio post.

          "proprietà" di BrightingEyes
          “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.
          Bertrand Russell


          deciditi!!!
          f.sco

          Commenta


          • #6
            Ma ce la fai ad evitare attacchi personali?
            Era una domanda seria! Io non ho capito con chi ce l'avevi con la tua arringa! Il mercato, ok. E quindi?
            Sull'utero in affitto imposto alle donne non consenzienti, trattate come carretti, siamo d'accordo in moltissimi. Ma guarda che anche la mia firma non sancisce nulla, ma fa solo riflettere sulle certezze fallaci.
            Comunque se non stiamo parlando di nulla abbandono. Mica c'è problema eh!
            “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
            O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

            Commenta


            • #7
              Quando vuoi ma con altro spirito, la discussione è aperta a tutti... anche per te.

              Quello che ho voluto far emergere in questa discussione, di fatto è emerso già da tempo nella realtà di tutti i giorni, nella vita di noi tutti. La piattaforma virtuale come il presente forum, può risultare utile per portare a conoscenza di fatti che magari a qualcuno non sono ancora noti, ecco, ora quel "qualcuno" sa di questa problematica ( ? ) ed io esprimo il mio parere definendola tragica problematica. Aver appurata la capacità e messo appunto la tecnica, non ci deve autorizzare a tutti i costi a metterla in pratica... perché, se così fosse e lo si ritenesse giusto... vista la portata globale della "cosa", non dovremmo opporci più di tanto a che il nord coreano ( ? ) si diverta coi suoi "botti" atomici, che farebbe o sta facendo di male?... Di fatto sta mettendo in pratica quanto i suoi scienziati hanno "scoperto"... che facciamo, impediamo il loro progresso tecnologico? Noooo! 'nsia mai... e dopo aver perfezionato il suo "giocattolo", se gli fa piacere o comodo, i fine settimana li dedica ai "fuochi d'artificio"...possiamo vietarglielo? Dopotutto, proprio da quelle parti ci sono arrivati i tric-trac che allietano le nostre feste patronali. Certo che a parlare di queste cose tra "maschietti", la cosa stona un tantino, che se la sbrighino tra loro donne!.. Mica dobbiamo preoccuparci di loro... tanto, nelle nostre case, nascono solo figli maschi... si fa per dire.
              f.sco

              Commenta


              • #8
                Mi associo anch'io: di questa discussione e di dove si voglia andare a parare, si capisce poco o nulla. cerca di essere più chiaro. Oltretutto, sembra che tu stia parlando di "utero in affitto" cioè la surrogazione di maternità, che in Italia è vietato.
                In ogni caso, seppure il fenomeno sia poco diffuso, ne è stata comunque chiesta l'abolizione universale:
                "Nel febbraio del 2016 si è tenuto a Parigi un convegno per l'abolizione universale della surrogazione di maternità, organizzato dalle associazioni femministe francesi e patrocinato dal parlamento di Parigi, al quale hanno aderito ricercatrici, giuriste, medici, attiviste e attivisti per i diritti umani di tutto il mondo.
                A conclusione dei lavori dell'assemblea, è stata formulata la richiesta formale perché la pratica della maternità surrogata venga proibita e resa illegale in tutto il mondo, in quanto ritenuta "disumanizzante" e contraria alla dignità e ai diritti delle donne e dei neonati."

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da Optmum Visualizza il messaggio
                  Quello che ho voluto far emergere in questa discussione, di fatto è emerso già da tempo nella realtà di tutti i giorni, nella vita di noi tutti. La piattaforma virtuale come il presente forum, può risultare utile per portare a conoscenza di fatti che magari a qualcuno non sono ancora noti, ecco, ora quel "qualcuno" sa di questa problematica ( ? ) ed io esprimo il mio parere definendola tragica problematica.
                  Il tuo parere mi pare di capire sia che non ogni innovazione tecnologica deve per forza essere applicata in pratica. Ottimo! Fin qui l'abbiam capita tutti.
                  E quindi?
                  L'esempio del nordcoreano è banale. Per il bene di tutti, soprattutto i suoi concittadini è senz'altro consigliabile che non applichi le sue tecnologie. Fin qui ci siamo.
                  Ma il titolo della discussione è, crudamente, chiaro! Assodato che nessuno vede di buon'occhio l'utero in affitto, specie per ragioni economiche, a quali tecnologie che secondo te non dovvrebbero essere applicate ti riferisci? Qual'è la "problematica" che ti appare tragica?
                  Qualche accenno lo hai fatto. Chiarisci senza tanti ghirigori lessicali, così emerge davvero qualcosa delle tue opinioni.
                  Che puoi esprimere liberamente, anche se, pur in una sezione "ai confini", questo non sarebbe un forum politico. Ma nessuno ti impedirà di dire la tua. Anche se prevedo che il tuo carattere "infiammabile" non prenderà benissimo le risposte. Che sono opinioni altrui, degne della stessa visibilità, ovviamente!

                  L'hai aperta tu la discussione eh! Arriva al punto se davvero senti di avere qualcosa da esprimere!
                  “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                  O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                  Commenta


                  • #10
                    "La donna come un carretto"...

                    di quali tecnologie dovrei parlare?
                    Quelle della monta equina applicata al genere umano?
                    Quelle tecnologie geniche per le quali ci sembra di poter tutto su tutti e ad ogni costo?
                    Quanto alla mia "infiammabilità", vedi tu di non accendere il cerino per primo.
                    Quello che ho voluto dire e/o fare l'ho detto/fatto, nessun ghirigori lessicale, dopotutto, la situazione del degrado sociale/morale del momento, non necessita di alcuna capacità di espressione, è sotto gli occhi di tutti... solo tu ( sino ad ora ) non le vedi ed io, non sono uno che ha la facoltà o capacità di renderti la vista.
                    Quanto poi al forum politico o meno, nelle varie sezioni di questo forum si legge di norme e regolamenti anche se riguardanti energia e circondario, ma da chi sono stati dettati?... dal fruttarolo sotto casa tua?
                    f.sco

                    Commenta


                    • #11
                      Livingreen,

                      il tuo intervento capita a "fagiolo"...

                      io sento e posso esprimere compiacimento se in pratica le cose si evolveranno nella giusta direzione, quindi, ciò che sino ad ora ( ancora ) è possibile che si realizzi, tra non molto dovrebbe rientrare nei meandri dell'illecito e dell'immorale... dopotutto, sta succedendo come colui che seduto sul ramo di un albero... lo trancia senza capire o sapere che così facendo precipiterà al suolo...
                      L'utero in affitto ha causato molti più danni di quelli che possiamo rilevare, i danni si evidenzieranno tra alcuni anni, quando tale pratica si spera sia "morta e sepolta", non più bambini con due "padri" o con due "madri" o per coppie etero over 60-70-90 ancora?
                      Il diritto alla maternità/paternità non sancisce l'obbligo a ricorrere a pratiche disumanizzanti che sono tali, sia per il "carretto" che per il "trasportato"... come pure per chi ha messo il trasportato sul/nel carretto, ma che futuro stiamo preparando per le generazioni a venire?... Parliamo tanto di inquinamento atmosferico e altro di snaturante... ma non spendiamo due parole sull'importanza del singolo individuo " .....mi batterò perché tu possa esprimerla", ci riempiamo la bocca con frasi fatte... in pratica però, l'importante che il mio seminato nessuno lo calpesti.

                      f.sco

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Optmum Visualizza il messaggio
                        "di quali tecnologie dovrei parlare?
                        Ma se non lo sai tu che ce lo chiedi a fare? Sei tu che hai citato i "ritrovati tecnologici mal applicati" Io leggo cosa scrivi TU:

                        Originariamente inviato da Optmum Visualizza il messaggio
                        Aver appurata la capacità e messo appunto la tecnica, non ci deve autorizzare a tutti i costi a metterla in pratica...
                        Di che stai parlando? Dell'utero in affitto? Ok siamo tutti d'accordo, ma in Italia e in molti altri paesi è vietato.
                        Ma se era questo l'argomento cosa c'azzecca con la filippica successiva? L'aborto terapeutico, la procreazione assistita, le morti sul lavoro, la Corea del Nord... guarda che nessuno lo ha capito!
                        E in ultimo... se vuoi discutere siamo qua (sempre che tu riesca a spiegare di COSA vorresti discutere). Ma ognuno dice la sua e del fatto che se dico la mia tu ti accenda come un cerino ti garantisco che non mi può importare di meno.
                        Tanto al limite cancellerò le tue fiammate!
                        Ci siamo fin qui?
                        Seconda cosa non sta a te sindacare su norme e regolamenti del forum. Credo che l'estensore delle regole abbia un negozio di frutta e verdura, si. E con ciò? Il suo parere per me resta di gran lunga superiore alla tua valutazione. Spiace, ma le cose van così.
                        Le sezioni "ai confini" permettono di andare un pò oltre. Io ho visto spesso alcuni utenti, uno in particolare a dirla tutta, cercare di aprire discussioni politiche ogni tre per due. Magari dandoci sopra una spruzzata di "scientificità del condominio" tanto per fingere si discuta di cose scientifiche.
                        Nessuno ha censurato nulla e tutti possono dire la loro. Presumibilmente la dirà anche chi è contrario a certe idee e le considera anzi vere e proprie bufale. Finchè qualcuno non esagera si discute.
                        Lo si può fare in forma civile o "incendiandosi". Solo chi si incendia (con o senza motivo) rischia sanzioni.
                        Ultima modifica di BrightingEyes; 25-11-2017, 17:37.
                        “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                        O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                        Commenta


                        • #13
                          Ho capito che tu non hai capito!... Io ho riportato di una discussione che stavo ascoltando alla TV e l'ho proposta quì all'attenzione dei frequentatori, ho pure espresso la mia veduta in merito... mi inciti ad addentrarmi nei meandri tecnico-scientifici ( ben sapendo tu/voi ) che non saprei nemmeno da dove cominciare... quindi, che stai a blaterare?
                          Quanto poi al filo conduttore che ho proposto, riferendomi ad altre tecnologie, altre tragiche tecnologie, ho voluto e sicuramente tutti gli altri lo hanno capito, ho voluto prospettare scenari tragici e irreversibili se vi si ricorre come ai famosi tric-trac festaioli.. quindi? pur nella mia semplice esposizione, sei tu che sei fossilizzato nelle tue convinzioni... dopotutto e a ben vedere, stai cercando di ridicolizzare il sottoscritto senza apportare alcun elemento in merito alla notizia che io ho proposto ai frequentatori del forum... ti limiti a sottolineare che alcune cose sono state già risolte e accantonate... ok.. di fatto, stai soltando dicendo che l'argomento e i risvolti sociali che ne scaturiscono, non è di tuo interesse quindi? Se questo è il tuo "apporto", che scrivi a fare? Riportando la "notizia" ed esprimendo il mio convincimento... io il mio "compito" l'ho assolto... ora fai tu.

                          f.sco

                          Commenta


                          • #14
                            Per carità! Hai già fatto tutto tu, presumibilmente.
                            Io non ho probabilmente capito nulla, specie delle altre “tragiche tecnologie”. Ma immagino che qualche gentile lettrice sarà molto sollevata dalla tua premura. Forse.
                            Comunque non preoccuparti. Non intendo in alcun modo metterti in ridicolo. Mi pareva d’aver intuito certe posizioni nel tuo “convincimento” e volevo dire la mia. A me pare più ridicolo scrivere tanto per poi non dire granché, ma mi adeguo ci mancherebbe.
                            “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                            O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                            Commenta

                            Attendi un attimo...
                            X
                            TOP100-SOLAR