re:dna artificiale - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

re:dna artificiale

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • BrightingEyes
    ha risposto
    Ok ernest lo show finisce qui per quanto mi riguarda.
    Se pensi di poter utilizzare questo forum per sublimare la tua aggressività verso il mondo irritando gli utenti hai sbagliato.

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite

    CITAZIONE
    Gentile ernest3327,
    ti ringrazio per la fiducia che mi dai come clown, ma sono nuovamente a ricordarti che il significato delle parole non l'ho inventato io e lo puoi trovare su un comunissimo dizionario.
    Conosci? Dizionario o vocabolario ovvero raccolta, in ordine alfabetico, dei vocaboli di una lingua con la spiegazione del loro significato e uso oppure con la rispettiva traduzione, quando si tratta di lingue straniere.
    Non ci vuole molto, basta sfogliarlo in ordine alfabetico e si arriva alla parola ricercata.
    Come ti devo ricordare che tantissimi termini che oggi usiamo sono stati assegnati moltissimi anni fa dai nostri antenati greci e latini. E mi dovranno perdonare se ora affermo che ai tempi non conoscevano l'esistenza dei virus...
    Massa...uhm..ma cosa vorrà dire massa? Il mio vocabolario dice:

    "Quantità indeterminata di materia o di cose raccolte alla rinfusa"

    In campo biologico ad esempio riporta:

    "Massa cerebrale, l'insieme dei tessuti nervosi contenuti nel cranio; massa sanguigna, quantità totale di sangue in un organismo"

    In campo medico, come da tua gentile richiesta:

    "Massa: processo espansivo di natura infiammatoria o neoplastica a carico di qualsiasi organo o regione del corpo (addome, torace, scatola cranica ecc)"

    L'ultima è quella più significativa .Senza sfogliare dizionari ......
    CITAZIONE
    Ora giustamente potrai dire che oncovirus a questo punto significa virus che genera tumori. Verissimo, si chiamno così propio per questa ragione.
    Ma devo nuovamente ricordarti che ad esempio i vaccini non sono altro che gli stessi virus (vivi, attenuati o modifivati).

    Visto? Oggi hai imparato ancora qualcosa :P
    Però che strano. Ovviamente in campo medico/biologico è comprensibile non conoscere certi argomenti, non si può sapere tutto. Ma il significato delle parole italiane dovresti conoscerlo meglio di me... <img src=">

    Che cosa avrei imparato che anche i virus attenuati generano tumori .Comunque grazie per la lezione se cosi si può chiamare...

    Comè che dovrei conoscere l'italiano meglio di te ?

    CITAZIONE
    CITAZIONE (ernest3327 @ 4/11/2007, 06:22)
    Se ci fosse più trasparenza di sicuro mollerei qualcosa ma visto il marasma che governa l'Italia non èp proprio il caso di dare soldi per ipoteci risultati ,che se arrivano vengono accaparrati dai soliti noti ...Se lo sviluppo e il successivo farmaco fossero prodotti in Italia e i prezzi di vendita non sono quelli di un Diamante , allora e solo allora varrebbe la pena altrimenti non si fà che alimentare delle sanguisughe .....

    Io non faccio politica, lascio il compito ad altri più capaci...
    Poi non esiste solo l'italia. Se non ti sta bene puoi trasferirti in un altro stato.
    Non ti piacerebbe stare al sole dei caraibi invece di stare chiuso in casa a fare esercizio di battitura sulla tastiera del pc?

    Neanche io faccio politica , però vivo in Italia e non in altro stato a -7 .
    Non ti piacerebbe stare in Italia invece di stare in altro stato a -7 .......per rispondere a degli orari improbabili con funzione di moderatore .Lo trovo al quanto strano avere un moderatore dall'altra parte del mondo .A meno che non serva per controllare il forum 24 ore su 24 , non sia mai che sfugga qualche messaggio di notte .....
    Visto che fai la moderatrice quello che scrivi vale molto di più per te che per me .....fatti un giro ogni tanto ...

    CITAZIONE
    CITAZIONE (ernest3327 @ 4/11/2007, 06:22)
    Non ho scelto di nascere ne ho scelto il corpo che possiedo e essere fortunati è solo un punto di vista abbastanza miope peraltro.Non aggiungo altro visto che ti piace non capire.....

    Capisco benissimo. Anzi ora capisco tante cose. La frase che hai scritto la reputo molto lesiva nei confronti di tutte quelle persone che soffrono per colpa di una patologia. Anche loro non hanno scelto di essere ammalate e non è certamente una colpa!
    Hai mai girato per i reparti di un ospedale? Hai mai parlato con quelle persone? Prova a dire a loro "non ho scelto io di nascere e ne ho scelto il corpo che possiedo" poi ne parliamo...

    Reputo lesivo l'accaparramento indebito di risorse (come recentemente trasmesso da qualche tg) finanziarie e spirituali , sottratte a gente disperata che ripone speranze in personaggi loschi , che svolgono i loro idioti convegni ai caraibi per festeggiare le vendite di un nuovo farmaco che sostanzialmente non cambia niente , ma fà arricchire un manipolo di approfittatori e speculatori sulla sofferenza altrui .
    Non vedo perchè il donare qualche soldo ti sollevi dalla tua non colpa di essere fortunata .....

    CITAZIONE
    E per concludere...

    CITAZIONE (ernest3327 @ 4/11/2007, 06:22)
    e tu saresti dipinta in un quadro con qualche centinaio di vipere che ti spuntano dalla testa ....

    Da che pulpito....

    Bye bye darling
    Ely

    La medusa del Caravaggio ti ricorda qualcosa ...dopo una iniezione di retrovirus mutato ....

    The Saludi






    Lascia un commento:


  • BrightingEyes
    ha risposto
    CITAZIONE (ernest3327 @ 6/11/2007, 08:57)
    Chi modera i moderatori ? Per le farneticazioni basta rileggere i post sull'estrazione di energia dalle cellule vive , mi sembra proprio che siamo nel tema .....e comunque la censura è l'unica arma contro il libero pensiero .....

    I moderatori li modera l'amministratore. Se hai lamentele rivolgiti a lui. Da parte mia approvo totalmente gli interventi di Nll. Interventi assurdi e provocatorii come quelli letti qui su un argomento così innocuo mi sembrano decisamente fuori luogo e concordo con Nll che insistere in questo atteggiamento porta diritto al ban. Se poi preferisci chiamarlo ban, censura o vladimiro ha scarsissima importanza.

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite
    CITAZIONE
    iperabazon Inviato il: 5/11/2007, 10:42
    [MODERAZIONE: Scusa, non si tratta di censura, ma di evitare due pesi e due misure. Anche la tua risposta è eliminata, perché resa inutile dagli interventi di moderazione fatti su altri post. nll]

    CITAZIONE
    elFranZ Inviato il: 5/11/2007, 15:07
    [MODERAZIONE: Scusa, non si tratta di censura, ma di evitare due pesi e due misure. Anche la tua risposta è eliminata, perché resa inutile dagli interventi di moderazione fatti su altri post. nll]

    CITAZIONE
    leptone Inviato il: 4/11/2007, 20:17
    [MODERAZIONE: Scusa, non si tratta di censura, ma di evitare due pesi e due misure. Anche la tua risposta è eliminata, perché resa inutile dagli interventi di moderazione fatti su altri post. nll]

    CITAZIONE
    valmaximus Inviato il: 4/11/2007, 19:27
    [MODERAZIONE: Scusa, non si tratta di censura, ma di evitare due pesi e due misure. Anche la tua risposta è eliminata, perché resa inutile dagli interventi di moderazione fatti su altri post. nll]

    Scusate Amici ma cosa volete devo dimostrare imparzialità....
    CITAZIONE
    ernest3327 Inviato il: 5/11/2007, 14:12
    [MODERAZIONE: Invia un messaggio personale al moderatore, o all'amministratore, se vuoi giudicare l'operato di un moderatore, la discussione DEVE rimanere ENTRO IL TEMA ORIGINARIO!!! Le farneticazioni che hai inserito qui sono state rimosse e alla prossima c'è l'allontanamento dal forum. nll]

    [QUOTE=ernest3327,5/11/2007, 09:16]
    CITAZIONE
    ...
    Se hai qualcosa da dire puoi esprimerla in merito del discorso , altrimenti ...

    [MODERAZIONE: Ecco, appunto, altrimenti è meglio tacere, ma se non lo fai autonomamente, allora interviene il moderatore. nll]

    Chi modera i moderatori ? Per le farneticazioni basta rileggere i post sull'estrazione di energia dalle cellule vive , mi sembra proprio che siamo nel tema .....e comunque la censura è l'unica arma contro il libero pensiero .....

    Lascia un commento:


  • elFranZ
    ha risposto
    [MODERAZIONE: Scusa, non si tratta di censura, ma di evitare due pesi e due misure. Anche la tua risposta è eliminata, perché resa inutile dagli interventi di moderazione fatti su altri post. nll]

    Edited by nll - 5/11/2007, 23:53

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite
    [MODERAZIONE: Invia un messaggio personale al moderatore, o all'amministratore, se vuoi giudicare l'operato di un moderatore, la discussione DEVE rimanere ENTRO IL TEMA ORIGINARIO!!! Le farneticazioni che hai inserito qui sono state rimosse e alla prossima c'è l'allontanamento dal forum. nll]

    Edited by nll - 5/11/2007, 23:46

    Lascia un commento:


  • iperabazon
    ha risposto
    [MODERAZIONE: Scusa, non si tratta di censura, ma di evitare due pesi e due misure. Anche la tua risposta è eliminata, perché resa inutile dagli interventi di moderazione fatti su altri post. nll]

    Edited by nll - 5/11/2007, 23:53

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite
    CITAZIONE
    ...
    Se hai qualcosa da dire puoi esprimerla in merito del discorso , altrimenti ...

    [MODERAZIONE: Ecco, appunto, altrimenti è meglio tacere, ma se non lo fai autonomamente, allora interviene il moderatore. nll]

    Edited by nll - 5/11/2007, 23:52

    Lascia un commento:


  • iperabazon
    ha risposto
    [MODERAZIONE: Scusa, non si tratta di censura, ma di evitare due pesi e due misure. Anche la tua risposta è eliminata, perché resa inutile dagli interventi di moderazione fatti su altri post. nll]

    Edited by nll - 5/11/2007, 23:49

    Lascia un commento:


  • leptone
    ha risposto
    [MODERAZIONE: Scusa, non si tratta di censura, ma di evitare due pesi e due misure. Anche la tua risposta è eliminata, perché resa inutile dagli interventi di moderazione fatti su altri post. nll]

    Edited by nll - 5/11/2007, 23:49

    Lascia un commento:


  • valmaximus
    ha risposto
    [MODERAZIONE: Scusa, non si tratta di censura, ma di evitare due pesi e due misure. Anche la tua risposta è eliminata, perché resa inutile dagli interventi di moderazione fatti su altri post. nll]

    Edited by nll - 5/11/2007, 23:49

    Lascia un commento:


  • leptone
    ha risposto
    CITAZIONE (ernest3327 @ 4/11/2007, 06:22)
    Secondo me sei già abbastanza brava ...basta vedere la risposta sopra ...Onco=massa , ma per massa cosa si intende in linguaggio medico ? La risposta non è Orco ....

    Gentile ernest3327,
    ti ringrazio per la fiducia che mi dai come clown, ma sono nuovamente a ricordarti che il significato delle parole non l'ho inventato io e lo puoi trovare su un comunissimo dizionario.
    Conosci? Dizionario o vocabolario ovvero raccolta, in ordine alfabetico, dei vocaboli di una lingua con la spiegazione del loro significato e uso oppure con la rispettiva traduzione, quando si tratta di lingue straniere.
    Non ci vuole molto, basta sfogliarlo in ordine alfabetico e si arriva alla parola ricercata.
    Come ti devo ricordare che tantissimi termini che oggi usiamo sono stati assegnati moltissimi anni fa dai nostri antenati greci e latini. E mi dovranno perdonare se ora affermo che ai tempi non conoscevano l'esistenza dei virus...
    Massa...uhm..ma cosa vorrà dire massa? Il mio vocabolario dice:

    "Quantità indeterminata di materia o di cose raccolte alla rinfusa"

    In campo biologico ad esempio riporta:

    "Massa cerebrale, l'insieme dei tessuti nervosi contenuti nel cranio; massa sanguigna, quantità totale di sangue in un organismo"

    In campo medico, come da tua gentile richiesta:

    "Massa: processo espansivo di natura infiammatoria o neoplastica a carico di qualsiasi organo o regione del corpo (addome, torace, scatola cranica ecc)"

    Ora giustamente potrai dire che oncovirus a questo punto significa virus che genera tumori. Verissimo, si chiamno così propio per questa ragione.
    Ma devo nuovamente ricordarti che ad esempio i vaccini non sono altro che gli stessi virus (vivi, attenuati o modifivati).

    Visto? Oggi hai imparato ancora qualcosa :P
    Però che strano. Ovviamente in campo medico/biologico è comprensibile non conoscere certi argomenti, non si può sapere tutto. Ma il significato delle parole italiane dovresti conoscerlo meglio di me... <img src=">

    CITAZIONE (ernest3327 @ 4/11/2007, 06:22)
    Se ci fosse più trasparenza di sicuro mollerei qualcosa ma visto il marasma che governa l'Italia non èp proprio il caso di dare soldi per ipoteci risultati ,che se arrivano vengono accaparrati dai soliti noti ...Se lo sviluppo e il successivo farmaco fossero prodotti in Italia e i prezzi di vendita non sono quelli di un Diamante , allora e solo allora varrebbe la pena altrimenti non si fà che alimentare delle sanguisughe .....

    Io non faccio politica, lascio il compito ad altri più capaci...
    Poi non esiste solo l'italia. Se non ti sta bene puoi trasferirti in un altro stato.
    Non ti piacerebbe stare al sole dei caraibi invece di stare chiuso in casa a fare esercizio di battitura sulla tastiera del pc?

    CITAZIONE (ernest3327 @ 4/11/2007, 06:22)
    Non ho scelto di nascere ne ho scelto il corpo che possiedo e essere fortunati è solo un punto di vista abbastanza miope peraltro.Non aggiungo altro visto che ti piace non capire.....

    Capisco benissimo. Anzi ora capisco tante cose. La frase che hai scritto la reputo molto lesiva nei confronti di tutte quelle persone che soffrono per colpa di una patologia. Anche loro non hanno scelto di essere ammalate e non è certamente una colpa!
    Hai mai girato per i reparti di un ospedale? Hai mai parlato con quelle persone? Prova a dire a loro "non ho scelto io di nascere e ne ho scelto il corpo che possiedo" poi ne parliamo...

    E per concludere...

    CITAZIONE (ernest3327 @ 4/11/2007, 06:22)
    e tu saresti dipinta in un quadro con qualche centinaio di vipere che ti spuntano dalla testa ....

    Da che pulpito....

    Bye bye darling
    Ely

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite
    CITAZIONE
    1. Il Mycoplasma laboratorium non è molto artificiale, perché se anche la sequenza di Dna è stata sintetizzata in laboratorio, di fatto è la copia di una sequenza esistente in natura. E anche la cellula che ospita la sequenza e tutto il macchinario che dà significato a quella sequenza, è quella di un batterio naturale. Quindi si tratta di un batterio naturale al quale sono stati tolti alcuni geni. Merita un brevetto un batterio così? Mah...

    Leggo or ora ...ma non è lo stesso batterio della Brucellosi ? Lo stesso che si è "perso" in un laboratorio Inglese a ridosso di un allevamento , qualche mese fà .....

    Quando si dice maiali artificiali ...... Spero che non sia troppo criptica e allo stesso tempo clownistica .....


    CITAZIONE
    Pazienza! Non sono brava a fare il clown <img src=">

    E purtroppo non conosce il significato del termine "onco"
    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 13:56)
    Onco sta per oncogeno...

    "Onco" deriva dal greco è significa massa.....

    Secondo me sei già abbastanza brava ...basta vedere la risposta sopra ...Onco=massa , ma per massa cosa si intende in linguaggio medico ? La risposta non è Orco ....

    CITAZIONE
    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 13:56)
    E mai lo sarà ! A meno di qualche "suicida" che regali il suo corpo(allo scientismo) ancora in vita !

    Forse non sarà pronta mai ...il principio dell'inganno dell'indeterminato del falso ....

    Più soldi , più ricerca e zero risultati ...interessante come concetto ...

    Concetti totalmente opinabili in quanto se tutti la pensassero così probabilmente saresti ancora nella tua caverna con la clava in mano... :P

    e tu saresti dipinta in un quadro con qualche centinaio di vipere che ti spuntano dalla testa ....

    Come al solito spero di non essere stato criptico ne comico è una cosa che va da se.....

    CITAZIONE
    Sempre per tua informazione, gentile ernest3327, mi preme ricordarti che non tutti gli enti di ricerca gettano soldi dalla finestra. Come probabilmente non sai che se parecchie patologie oggi hanno una cura grazie a questi fondi.

    Vedo che il mio "indizio" sulla Barbara Ensoli non è servito ....un esempio abbastanza rapido per capire il mio senso criptico...
    La Ensoli sviluppa un Antivirale contro l'Hiv .Lo sviluppa con i soldi di Telethont ma il brevetto prende un'altra strada e finisce in mano privata
    CITAZIONE
    Penso alla scoperta della Barbara Ensoli ed in che mani sia finita ..... dei telethont ebraici ahahahahahahahahahaha

    appunto i soldi di telthont finiti in mano ad un "errante" senza una "gara" per prendersi il brevetto che al "vegliardo solitario" sarà costato pochissimo visto che vestiva con abiti degli anni'20 .Cosi se avrà successo la Ensoli si fregerà di un Nobel e i "********" avranno cacciato i soldi prima per Telethont e poi per pagare (tramite il SSN) che gli fornirà il vaccino magari prodotto in un'altra nazione il tutto per modiche cifre .....

    CITAZIONE
    Comunque tu sei libero di non donare niente. Puoi tenere tutto in banca o visto che sei così diffidente sotto il cuscino.
    Sei anche fortunato perchè con molta probabilità sei tra quelle persone che non hanno e non avranno bisogno di queste cure.
    Non aggiungo altro visto che ti piace tanto ridere.

    Ely

    Se ci fosse più trasparenza di sicuro mollerei qualcosa ma visto il marasma che governa l'Italia non èp proprio il caso di dare soldi per ipoteci risultati ,che se arrivano vengono accaparrati dai soliti noti ...Se lo sviluppo e il successivo farmaco fossero prodotti in Italia e i prezzi di vendita non sono quelli di un Diamante , allora e solo allora varrebbe la pena altrimenti non si fà che alimentare delle sanguisughe .....

    Non ho scelto di nascere ne ho scelto il corpo che possiedo e essere fortunati è solo un punto di vista abbastanza miope peraltro.Non aggiungo altro visto che ti piace non capire.....

    Lascia un commento:


  • iperabazon
    ha risposto
    beh,ora sappiamo che l'ernestino non è d'accordo con l'impianto di un piccolo router.....
    bah...strano....ma forse confonde la cosa con lo scientismo......ma mi sembra litighi pure con la scienza tout court...
    e pure con la logica......

    vabbè.....tirem innanz.......

    Lascia un commento:


  • leptone
    ha risposto
    CITAZIONE (iperabazon @ 2/11/2007, 19:02)
    beh, alè...ci risiamo....

    dunque ely, non te la prendere troppo...
    io non vedo dove hai scritto che queste tecniche sono già state sperimentate su esseri umani...
    ma l'ernestino l'è così...se gli prende uno sturbo...non lo molla più.....
    se vede anche il più piccolo abbozzo di progetto...un frammento di congettura, una larva d'idea....
    per lui è cosa fatta, e di gran pezza, da illuminati scioni masson-newtoniani.....ecc....

    Caro iperabazon,
    non me la prendo affato. Al gentile ernest3327 piace fare battute di spirito con la convinzione che siano comprese da tutti mentre quelle rivolte a lui ahimè non sono comprese.... <img src=">
    CITAZIONE (leptone @ 2/11/2007, 12:35)
    Per tua informazione ti ricordo che la tecnica non è mai stata sperimentata su pazienti ma solo su cellule in laboratorio.

    e nello stesso messaggio :P
    CITAZIONE (leptone @ 2/11/2007, 12:35)
    Uhm... allora non leggi quelli che scrivo. Ti ho già detto che non è mai stato sperimentato su pazienti ma solo su cellule in laboratorio...

    Pazienza! Non sono brava a fare il clown <img src=">

    E purtroppo non conosce il significato del termine "onco"
    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 13:56)
    Onco sta per oncogeno...

    "Onco" deriva dal greco è significa massa.....

    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 13:56)
    E mai lo sarà ! A meno di qualche "suicida" che regali il suo corpo(allo scientismo) ancora in vita !

    Forse non sarà pronta mai ...il principio dell'inganno dell'indeterminato del falso ....

    Più soldi , più ricerca e zero risultati ...interessante come concetto ...

    Concetti totalmente opinabili in quanto se tutti la pensassero così probabilmente saresti ancora nella tua caverna con la clava in mano... :P

    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 13:56)
    Se solo sapessero che i soldi vengono gettati nel nulla , penso che si incacchierebbero un bel pò , "ripagando" con un finanziamento più esiguo se non addirittura nullo .Ci sono in ballo bei soldi da spartirsi , che di colpo svanirebbero.

    Sempre per tua informazione, gentile ernest3327, mi preme ricordarti che non tutti gli enti di ricerca gettano soldi dalla finestra. Come probabilmente non sai che se parecchie patologie oggi hanno una cura grazie a questi fondi.
    Comunque tu sei libero di non donare niente. Puoi tenere tutto in banca o visto che sei così diffidente sotto il cuscino.
    Sei anche fortunato perchè con molta probabilità sei tra quelle persone che non hanno e non avranno bisogno di queste cure.
    Non aggiungo altro visto che ti piace tanto ridere.

    Ely

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite
    CITAZIONE
    a proposito, una domanda senza nessuna ironia o doppio fine. ..solo scientifica....
    ma ernestino...saresti favorevole all'impianto di un piccolo router che ti tiene collegato alla rete perennemente?

    Quello farebbe al tuo caso cosi la smetti di attaccarti al computer per "flirtare" con tutti i moderatori di sesso femminile .....
    Cosi eviti l'innesto dei diapasonrisonanti e hai la voce elettronica di una mod che ti stimola ahahahahahahahaa

    Lascia un commento:


  • iperabazon
    ha risposto
    beh, alè...ci risiamo....

    dunque ely, non te la prendere troppo...
    io non vedo dove hai scritto che queste tecniche sono già state sperimentate su esseri umani...
    ma l'ernestino l'è così...se gli prende uno sturbo...non lo molla più.....
    se vede anche il più piccolo abbozzo di progetto...un frammento di congettura, una larva d'idea....
    per lui è cosa fatta, e di gran pezza, da illuminati scioni masson-newtoniani.....ecc....



    a proposito, una domanda senza nessuna ironia o doppio fine. ..solo scientifica....
    ma ernestino...saresti favorevole all'impianto di un piccolo router che ti tiene collegato alla rete perennemente?

    e questoembra riguardare l'epigenetica... non il dna....
    sbaglio?

    Instancabile, longevo e non ingrassa
    Ecco il super-topo che sconvolge il mondo

    WASHINGTON - Può correre per venti metri al minuto senza stancarsi, vive più a lungo dei suoi simili, fa addirittura più sesso di loro, e infine mangia più del doppio ma senza ingrassare. E' un super topo, ultima creazione degli scienziati americani della Case Western Reserve University di Cleveland, in Ohio. Ne hanno fatti nascere circa cinquecento.

    Richard Hanson, che ha guidato lo studio coordinando il lavoro di 15 ricercatori, spiega che le potenzialità fisiche del super topo possono essere paragonate solo a quelle di atleti come Lance Armstrong, che ha vinto il Tour de France per sei anni consecutivi, dal 1999 al 2005. L'alterazione genetica di un gene coinvolto nel metabolismo del glucosio sembra essere alla base della capacità del topo di non ingrassare e della mancanza di dolori provocati da un'eccessiva produzione di acido lattico.

    Il primo esemplare è stato creato quattro anni fa iniettando un'alta percentuale di enzima, il phosphonenolpyruvate carboxykinase (PEPCK-C), in un embrione di topo. I risultati sono stati pubblicati per la prima volta adesso sulle pagine del Journal of Biological Chemistry. Attualmente gli animali prodotti con questo procedimento sono oltre cinquecento.

    Il topo, che riesce a correre a una velocità cinque volte superiore alla media, mangia il sessanta per cento di più di un topo normale e, contrariamente ad esso, è capace di avere rapporti sessuali anche in età avanzata.

    Gli scienziati del gruppo di ricerca spiegano che l'obiettivo dell'esperimento non era certo quello di arrivare alla creazione di un futuribile "uomo bionico". Ma ammettono che una modificazione similare sul genoma umano sarebbe possibile, almeno in teoria. Tuttavia, precisa il professor Hanson, "noi umani abbiamo lo stesso, identico gene, e dunque potremmo raggiungere gli stessi risultati. Ma sarebbe mostruoso e innaturale, completamente sbagliato".

    In ogni caso, le compagnie farmaceutiche potrebbero utilizzare i risultati della ricerca per sviluppare nuove droghe inframuscolari, che porterebbero sollievo a certe categorie di malati. Il rischio, aggiunge il professore, è che lo stesso uso lo facciano anche gli atleti.

    (2 novembre 2007)

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite
    CITAZIONE
    Gentile ernest,
    non capisco cosa ci trovi da ridere e il senso delle tue esternazioni.

    Evidentemente ti sei persa qualcosa di esilarante ....

    CITAZIONE
    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 11:18)
    La parola oncoretrovirus MoLV suona molto male specialmente le prime 4 lettere ....

    I nomi non li scelgo io e comunque non conta tanto il nome ma quello che può fare. E' come se dicessi che ernest3327 suona male...soprattutto le prime 4 lettere...

    Onco sta per oncogeno ecco perchè non promette nulla di buono , confermato da te stessa
    CITAZIONE
    Uno svantaggio dei vettori derivati da retrovius è che la modifica del DNA avviene in modo non controllato e questo può comportare l'insorgere di fenomeni di mutazione. E' possibile che "l'attacco" avvenga in un gene cellulare importante e essenziale causando la perdita di una funzione, la morte della cellula o entrambe le cose.
    E' possibile che il retrovirus "attacchi" una porzione di DNA che gestisce l'oncosoppressione, inattivando oppure attivando questa difesa quando non dovrebbero esserlo. In questo caso, la cellula contenente questa modifica dispone di un vantaggio proliferativo sulle altre e dare origine a una popolazione cellulare che potrebbe trasformarsi in tumore.

    CITAZIONE
    Uhm... allora non leggi quelli che scrivo. Ti ho già detto che non è mai stato sperimentato su pazienti ma solo su cellule in laboratorio...

    A guardare sopra neanche tu leggi quello che scrivi.....

    CITAZIONE
    Per tua informazione ti ricordo che la tecnica non è mai stata sperimentata su pazienti ma solo su cellule in laboratorio.

    E mai lo sarà ! A meno di qualche "suicida" che regali il suo corpo(allo scientismo) ancora in vita !

    CITAZIONE
    Chi potrà dirlo tra quanto sarà pronta? La tecnologia progredisce.
    Quanti soldi si spederanno? Bhe, maggiori finanziamenti ci saranno maggiori saranno le possibilità di studio. Perchè vorresti saperlo? Paghi tu?

    Ely

    Forse non sarà pronta mai ...il principio dell'inganno dell'indeterminato del falso ....

    Più soldi , più ricerca e zero risultati ...interessante come concetto ...

    CITAZIONE
    Perchè vorresti saperlo? Paghi tu?

    C'è un sacco di gente che vuole sapere come sono spesi i soldi specialmente quelli di telethon (telethont) .

    Se solo sapessero che i soldi vengono gettati nel nulla , penso che si incacchierebbero un bel pò , "ripagando" con un finanziamento più esiguo se non addirittura nullo .Ci sono in ballo bei soldi da spartirsi , che di colpo svanirebbero .

    Non vorrai mica che questi soldi svaniscano vero ?

    ahaahhahahahah

    Penso alla scoperta della Barbara Ensoli ed in che mani sia finita ..... dei telethont ebraici ahahahahahahahahahaha

    Lascia un commento:


  • leptone
    ha risposto
    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 11:18)
    Chiedigli che fine hanno fatto i diapason risonanti :woot: :woot: :woot:

    Forse scrive sotto illoro effetto ahahahahahahahaha

    Gentile ernest,
    non capisco cosa ci trovi da ridere e il senso delle tue esternazioni.

    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 11:18)
    La parola oncoretrovirus MoLV suona molto male specialmente le prime 4 lettere ....

    I nomi non li scelgo io e comunque non conta tanto il nome ma quello che può fare. E' come se dicessi che ernest3327 suona male...soprattutto le prime 4 lettere...

    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 11:18)
    Nonchè del paziente trattato con tale tecnica

    Per tua informazione ti ricordo che la tecnica non è mai stata sperimentata su pazienti ma solo su cellule in laboratorio.

    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 11:18)
    Bè si potrebbe prendere un'altro retrovirus che elimini la situazione che crea il primo , poi un'altro che elimini i difetti del secondo e cosi via ...Altri soldi altra ricerca (altro giro altro regalo) e tutti vissero felici e contenti ...tranne i sottoposti a tali tecniche.

    Uhm... allora non leggi quelli che scrivo. Ti ho già detto che non è mai stato sperimentato su pazienti ma solo su cellule in laboratorio...

    CITAZIONE (ernest3327 @ 2/11/2007, 11:18)
    Tra quanto sarà pronta tra dieci ,20, 30, 50 . Per ogni anno quanti soldi spesi ?

    Chi potrà dirlo tra quanto sarà pronta? La tecnologia progredisce.
    Quanti soldi si spederanno? Bhe, maggiori finanziamenti ci saranno maggiori saranno le possibilità di studio. Perchè vorresti saperlo? Paghi tu?

    Ely

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite
    CITAZIONE
    CITAZIONE (iperabazon @ 28/10/2007, 02:57)
    per i complottoni,beh,era una battuta per le inclinazioni di certi forumisti per i complottoni cosmici,
    tipo scione chimicosone, piduisti newtoniani massoni.,illuminati, energetici,
    guerrafondai kurskisti ,e via andare,,,,non era per ely....
    ma per altri.....

    Ehm... che non erano indirizzati a me credo di averlo capito. E' il resto che non capisco...
    Parole tipo complottoni, scione chimicosone, kurskisti, piduisti... cosa significano? :blink:
    Credo di conoscere abbastanza bene l'italiano anche in campo tecnico, ma questi termini non li ho mai sentiti. Se usate termini strani o qualche forma di italian slang mi mettete in difficoltà <img src=">

    Ely

    Chiedigli che fine hanno fatto i diapason risonanti :woot: :woot: :woot:

    Forse scrive sotto illoro effetto ahahahahahahahaha

    CITAZIONE
    Anche se l'articolo non specifica molto secondo me hanno utilizzato una tecnica più "collaudata" mediante l'utilizzo di retrovirus.
    Visto da vicino, il DNA umano presenta tracce di attacchi operati da retrovirus durante tutta la sua lunga evoluzione.
    I vettori retrovirali derivano principalmente dall’oncoretrovirus MoLV; si utilizzano questi perchè sono relativamente semplici da manipolare e per la loro capacità di "lavoro" in vari tipi di cellule. Tuttavia per poter operare in modo corretto, hanno bisogno che la cellula target sia in condizioni di eseguire la divisione cellulare per poter permettere l'integrazione della nuova porzione di DNA.

    La parola oncoretrovirus MoLV suona molto male specialmente le prime 4 lettere ....

    CITAZIONE
    Uno svantaggio dei vettori derivati da retrovius è che la modifica del DNA avviene in modo non controllato e questo può comportare l'insorgere di fenomeni di mutazione. E' possibile che "l'attacco" avvenga in un gene cellulare importante e essenziale causando la perdita di una funzione, la morte della cellula o entrambe le cose.

    Nonchè del paziente trattato con tale tecnica ......

    CITAZIONE
    E' possibile che il retrovirus "attacchi" una porzione di DNA che gestisce l'oncosoppressione, inattivando oppure attivando questa difesa quando non dovrebbero esserlo. In questo caso, la cellula contenente questa modifica dispone di un vantaggio proliferativo sulle altre e dare origine a una popolazione cellulare che potrebbe trasformarsi in tumore.

    Bè si potrebbe prendere un'altro retrovirus che elimini la situazione che crea il primo , poi un'altro che elimini i difetti del secondo e cosi via ...Altri soldi altra ricerca (altro giro altro regalo) e tutti vissero felici e contenti ...tranne i sottoposti a tali tecniche .

    CITAZIONE
    A questo punto, il nuovo filamento di DNA può entrare nel nucleo e legarsi al DNA della cellula dove i "meccanismi" cellulari opereranno una trascrizione in mRNA per una successiva trasformazione in proteina, proteina che in teoria dovrebbe essere quella mancante.
    Questa tecnica sta rapidamente facendo molti progressi e rappresenta una speranza futura per i portatori di malattie genetiche.

    Ely

    Tra quanto sarà pronta tra dieci ,20, 30, 50 . Per ogni anno quanti soldi spesi ?

    Lascia un commento:


  • leptone
    ha risposto
    CITAZIONE (iperabazon @ 30/10/2007, 16:19)
    beh,
    qui la tecnologia sembra differente...rispetto a venter....

    Anche se l'articolo non specifica molto secondo me hanno utilizzato una tecnica più "collaudata" mediante l'utilizzo di retrovirus.
    Visto da vicino, il DNA umano presenta tracce di attacchi operati da retrovirus durante tutta la sua lunga evoluzione.
    I vettori retrovirali derivano principalmente dall’oncoretrovirus MoLV; si utilizzano questi perchè sono relativamente semplici da manipolare e per la loro capacità di "lavoro" in vari tipi di cellule. Tuttavia per poter operare in modo corretto, hanno bisogno che la cellula target sia in condizioni di eseguire la divisione cellulare per poter permettere l'integrazione della nuova porzione di DNA.
    Per aggirare questo ostacolo si utilizzano vettori derivati da lentivirus. A differenza degli oncoretrovirus, sono in grado di integrarsi anche in cellule non replicanti in quanto sono capaci di attraversare la membrana nucleare.
    Uno svantaggio dei vettori derivati da retrovius è che la modifica del DNA avviene in modo non controllato e questo può comportare l'insorgere di fenomeni di mutazione. E' possibile che "l'attacco" avvenga in un gene cellulare importante e essenziale causando la perdita di una funzione, la morte della cellula o entrambe le cose.
    E' possibile che il retrovirus "attacchi" una porzione di DNA che gestisce l'oncosoppressione, inattivando oppure attivando questa difesa quando non dovrebbero esserlo. In questo caso, la cellula contenente questa modifica dispone di un vantaggio proliferativo sulle altre e dare origine a una popolazione cellulare che potrebbe trasformarsi in tumore.
    La modalità con cui opera è piuttosto semplice; il filamento di RNA virale viene introdotto nella cellula e subisce una retro trascrizione in DNA. A questo punto, il nuovo filamento di DNA può entrare nel nucleo e legarsi al DNA della cellula dove i "meccanismi" cellulari opereranno una trascrizione in mRNA per una successiva trasformazione in proteina, proteina che in teoria dovrebbe essere quella mancante.
    Questa tecnica sta rapidamente facendo molti progressi e rappresenta una speranza futura per i portatori di malattie genetiche.

    Ely

    Lascia un commento:


  • iperabazon
    ha risposto
    beh,
    qui la tecnologia sembra differente...rispetto a venter....

    Chirurghi al microscopio
    Riscrivere i pezzi di Dna difettosi nelle cellule staminali umane, grazie a virus modificati. Uno studio dell’Istituto San Raffaele-Telethon su Nature Biotechnology

    È un intervento di chirurgia molecolare, quello prodotto da un gruppo di ricercatori dell’Istituto San Raffaele-Telethon per la Terapia Genica e dell’Università Vita Salute San Raffaele, in collaborazione con i colleghi californiani della Sangamo BioSciences. I ricercatori, che hanno pubblicato lo studio su Nature Biotechnology, sono riusciti per la prima volta a sostituire, riscrivendola, una sequenza di Dna all'interno di una cellula staminale umana, fatta crescere in laboratorio.

    Per l'esperimento gli scienziati si sono serviti di virus modificati che, fungendo da “vettori”, hanno veicolato una sorta di “equipe di chirurghi biochimici”, ovvero enzimi che hanno tagliato via i pezzi di Dna difettosi e poi riscritto le sequenze corrette direttamente nelle cellule in vitro. La tecnica di base è quella del gene targeting (che ha appena valso il Nobel per la medicina a Mario Capecchi), grazie alla quale il ricercatore può scegliere quali sequenze di Dna vuole sostituire. Un passo avanti rispetto al metodo utilizzato in precedenza: fino a oggi bisognava utilizzare introducendola dall'esterno ex novo) una copia artificiale del gene difettoso, per ripristinarne la funzione. Ma questa tecnica non era in grado di riprodurre perfettamente il funzionamento del gene, perché un il Dna artificiale non può ricapitolare tutte le proprietà di quello normale. Con il nuovo approccio, dicono i ricercatori, sarà invece possibile correggere direttamente il Dna in situ, ripristinando la sequenza corretta e aumentando la percentuale di successo fino al 50 per cento.


    Secondo Angelo Lombardo, che ha partecipato all’esperimento, i risultati ottenuti ampliano anche le prospettive di impiego delle cellule staminali nella terapia delle malattie genetiche, dal momento che la terapia permette di modificare con precisione le informazioni genetiche e di correggere eventuali mutazioni responsabili di queste patologie. I tempi per l’applicazione pratica della nuova tecnologia, però, sono ancora lunghi: secondo Luigi Naldini, condirettore dell’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica e coordinatore dello studio, se tutto andrà per il meglio, tra 4/5 anni si potrà cominciare a sperimentare la correzione del Dna in alcune malattie come l’immunodeficienza congenita legata al cromosoma X. (e.m.)
    .

    Lascia un commento:


  • leptone
    ha risposto
    CITAZIONE (iperabazon @ 28/10/2007, 16:54)
    Sicurezza, morale, regole, ...
    Gli unici a notare il brevetto furono i bioetici canadesi dell’Etc group di Ottawa, che hanno chiesto a Venter di ritirare la richiesta di brevetto e all’ufficio brevetti di non accettarlo con l’accusa che la richiesta era contraria alla morale pubblica e alla sicurezza. L’obiezione maggiore si basa sulla convinzione che l’uomo non debba mischiarsi con un certo tipo di faccende. «Per la prima volta Dio ha un concorrente» ha detto Pat Mooney, dell’Etc.

    Si in effetti ne so qualcosa di questo famoso brevetto...
    Ma di per se dice poco perchè le tecniche di sostituzione di parti del DNA sono comunque note da tempo. Il difficile è riuscire a completare l'operazione con successo. Sembrerebbe che utilizzare retrovirus per violare il dogma centrale della biologia (DNA-RNA-proteine) sia il metodo migliore. Ma questa è solo una mia ipotesi.
    La parte finale dell'articolo mi sembra piuttosto chiara e commenta da sola l'utilità di questo brevetto...

    CITAZIONE (iperabazon @ 28/10/2007, 16:54)
    1. Il Mycoplasma laboratorium non è molto artificiale, perché se anche la sequenza di Dna è stata sintetizzata in laboratorio, di fatto è la copia di una sequenza esistente in natura. E anche la cellula che ospita la sequenza e tutto il macchinario che dà significato a quella sequenza, è quella di un batterio naturale. Quindi si tratta di un batterio naturale al quale sono stati tolti alcuni geni. Merita un brevetto un batterio così? Mah...

    2. Il batterio scelto, un micobatterio appunto, è il più facile da “lavorare”, visto che manca della parete cellulare tipica di molti altri batteri, e questo elimina un possibile impedimento al trasferimento del genoma. Ma ha altri handicap: per esempio è di lenta riproduzione, e se si vuole produrre idrogeno su questa base rischia di essere una produzione molto lenta...

    3. Prima di parlare in modo più approfondito bisogna aspettare che i ricercatori di Venter pubblichino un articolo scientifico, che ancora non si è visto.

    4. Per creare un batterio da lavoro, non è necessario farne uno nuovo: George Church, di Harvard, sta aggiungendo geni utili a batteri esistenti, ottenendo lo stesso risultato.

    5. In natura esistono già batteri capaci di produrre idrogeno e altri capaci di assorbire la CO2 sono noti da quasi un secolo.

    6. Forse l’ambientalismo che si prefigge Venter è solo una patina verde per rendere più accettabile una tecnologia che sarà buona o cattiva secondo il suo utilizzo.

    Ely

    Lascia un commento:


  • iperabazon
    ha risposto
    art interessante completa un pò gli altri...

    Biologia sintetica: la vita creata in laboratorio?
    Era ormai un decennio che bolliva in pentola: aveva cominciato a lavorarci, e ce ne sono le prove, alla fine del secolo scorso. L’aveva anche preannunciato, nel novembre 2002. Sabato 6 ottobre, sulle pagine del quotidiano inglese The Guardian, Craig Venter ha affermato di aver creato una nuova vita. Una dichiarazione da buon commerciante, più che da grande scienziato: del resto questa nuova creatura è destinata a fare dollari a palate. Quanto al personaggio è assai controverso e ha già molti primati: il primo a sequenziare il genoma di un organismo vivente; il primo a pubblicare il genoma di un essere umano (il suo); il primo, nel 2003, a creare un virus sintetico.

    Amelia Beltramini, 10 ottobre 2007


    Quando nel novembre 2002 annunciò che non si proponeva di brevettare qualche gene, ma la vita stessa, non ci credettero in molti. Ma al J. Craig Venter institute di Rockville, Maryland, stavano già lavorando da tempo due dei suoi migliori ricercatori: Clyde Hutchinson, emerito di microbiologia alla University of North Carolina a Chapel Hill, e Hamilton Smith, Nobel della fisiologia e medicina del 1978. Che il batterio sintetico non fossero chiacchiere fu chiaro quando il 31 maggio di quest’anno fu resa pubblica la richiesta di brevetto n. 20070722826, presentata senza clamori il 12 ottobre 2007, con richiesta di pubblicazione in oltre 100 uffici brevetti nazionali a livello internazionale. Il titolo della richiesta di brevetto, "Minimal bacterial genome", cioè il genoma minimo necessario per far sopravvivere un batterio.

    Sicurezza, morale, regole, ...
    In che cosa consiste questa nuova vita creata in laboratorio? È fatta di 381 geni identificati con un lavoro da certosino del gruppo di ricercatori di Venter. Hanno preso il genoma del Mycoplasma genitalium (un batterio sospettato di essere all’origine di uretriti o altre patologie infiammatorie della zona pelvica), il primo sequenziato dai genetisti, e ad uno ad uno hanno disabilitato i suoi 470 geni per verificare di quali poteva fare a meno.
    Scoperto quali erano necessari alla sua sopravvivenza, 381 appunto, hanno sintetizzato in laboratorio una stringa di Dna che li contenesse tutti, per un totale di 580 mila coppie di basi di materiale genetico. Poi hanno preso un micobatterio naturale, hanno enucleato il suo materiale genetico, e vi hanno inserito quello artificiale, conservando tutto il macchinario molecolare necessario per leggere i geni e tradurli in proteine: questo sarebbe l’organismo artificiale.
    Certo si tratta di un progresso nell’ingegneria genetica, o meglio, della biologia sintetica, come si chiama ora questa branca della biologia. Gli unici a notare il brevetto furono i bioetici canadesi dell’Etc group di Ottawa, che hanno chiesto a Venter di ritirare la richiesta di brevetto e all’ufficio brevetti di non accettarlo con l’accusa che la richiesta era contraria alla morale pubblica e alla sicurezza. L’obiezione maggiore si basa sulla convinzione che l’uomo non debba mischiarsi con un certo tipo di faccende. «Per la prima volta Dio ha un concorrente» ha detto Pat Mooney, dell’Etc.

    ... responsabilità della scienza
    Qualche ragione Etc ce l’ha. La biologia sintetica sta avanzando a passi da gigante, e per immaginare usi terribili non ci vuole molta fantasia. Ma in questo caso uno dei vantaggi di un genoma minimo è che i geni rimossi, non necessari alla sopravvivenza, sono essenziali invece per rendere il batterio robusto. Un batterio ridotto ai minimi termini non ha nessuna possibilità di sopravvivenza se si trova allo stato selvatico. Sopravvive giusto in laboratorio, dove viene circondato di ogni tipo di cura. E non è certo interesse dei ricercatori lasciare che la loro creatura sfugga al controllo.
    E infatti alla fine degli anni 90 del secolo scorso era già al lavoro, per conto di Venter, un Ethics and genomics group, guidato da Mildred K. Cho, del Center for Biomedical Ethics della Stanford University, che stilava regole e un codice di condotta per impedire che con il loro metodo si possano sintetizzare batteri patogeni. Mentre sulle pagine della rivista scientifica Science, Cho praticamente non avanzava obiezioni al progetto pur sottolineando che i ricercatori dovevano assumersi la responsabilità di qualsiasi conseguenza negativa derivasse dalla loro creatura.
    In effetti il batterio sintetico, che è marcato in modo da essere riconoscibile, è costruito in modo da morire appena lascia il terreno di coltura del laboratorio reso volutamente innaturale.
    I ricercatori avevano dato alla loro creatura il nome “Synthia”, cioè organismo sintetico, mentre l’Etc l’aveva chiamato Mycoplasma laboratorium, e Venter si è limitato ad adottare questo soprannome.

    Ma il vero problema è: come sarà usato?
    Questo batterio è però un animale da soma: per essere utile deve trasportare qualche altro gene. Con l’aggiunta di geni sintetici, il batterio può fare molte cose. C’è solo da sbizzarrirsi. Secondo Venter potrebbe produrre idrogeno, fonte di energia non inquinante del futuro. Oppure assorbire CO2 o altri gas responsabili dell’effetto serra. Il problema non è come sarebbe possible utilizzarlo, ma come sarà utilizzato. Anche quando si parlò di Ogm si disse che avrebbero reso verde il deserto, e sarebbero diventate coltivabili anche le terre troppo saline. Ma finora dai laboratori sono usciti solo semi resistenti agli erbicidi prodotti dalle aziende di agrobiotecnologie: uno spreco di ricerca quindi.

    Certo qualche obiezione si può fare.
    1. Il Mycoplasma laboratorium non è molto artificiale, perché se anche la sequenza di Dna è stata sintetizzata in laboratorio, di fatto è la copia di una sequenza esistente in natura. E anche la cellula che ospita la sequenza e tutto il macchinario che dà significato a quella sequenza, è quella di un batterio naturale. Quindi si tratta di un batterio naturale al quale sono stati tolti alcuni geni. Merita un brevetto un batterio così? Mah...

    2. Il batterio scelto, un micobatterio appunto, è il più facile da “lavorare”, visto che manca della parete cellulare tipica di molti altri batteri, e questo elimina un possibile impedimento al trasferimento del genoma. Ma ha altri handicap: per esempio è di lenta riproduzione, e se si vuole produrre idrogeno su questa base rischia di essere una produzione molto lenta...

    3. Prima di parlare in modo più approfondito bisogna aspettare che i ricercatori di Venter pubblichino un articolo scientifico, che ancora non si è visto.

    4. Per creare un batterio da lavoro, non è necessario farne uno nuovo: George Church, di Harvard, sta aggiungendo geni utili a batteri esistenti, ottenendo lo stesso risultato.

    5. In natura esistono già batteri capaci di produrre idrogeno e altri capaci di assorbire la CO2 sono noti da quasi un secolo.

    6. Forse l’ambientalismo che si prefigge Venter è solo una patina verde per rendere più accettabile una tecnologia che sarà buona o cattiva secondo il suo utilizzo.

    Lascia un commento:


  • leptone
    ha risposto
    Ma guarda, sinceramente non scomoderei la biologia per cercare nuove fonti di energia. Si certo, è una strada che si può percorrere, ma direi che ad oggi ci sono vie decisamente più semplici e forse più conosciute per produrre energia.
    I finanziamenti per le ricerche sul DNA è bene usarli per curare le malattie. La nostra società ha fame di energia ma non dobbiamo dimenticare che al primo posto vengono le persone.

    CITAZIONE (iperabazon @ 28/10/2007, 02:57)
    per i complottoni,beh,era una battuta per le inclinazioni di certi forumisti per i complottoni cosmici,
    tipo scione chimicosone, piduisti newtoniani massoni.,illuminati, energetici,
    guerrafondai kurskisti ,e via andare,,,,non era per ely....
    ma per altri.....

    Ehm... che non erano indirizzati a me credo di averlo capito. E' il resto che non capisco...
    Parole tipo complottoni, scione chimicosone, kurskisti, piduisti... cosa significano? :blink:
    Credo di conoscere abbastanza bene l'italiano anche in campo tecnico, ma questi termini non li ho mai sentiti. Se usate termini strani o qualche forma di italian slang mi mettete in difficoltà <img src=">

    Ely

    Lascia un commento:


  • iperabazon
    ha risposto
    beh,
    penso che se fossi nei panni di venter,
    metterei l'accento sulle ricerche per energia,
    che ora va di moda,
    inoltre non ci sono i problemi etici e preoccupazioni su effetti frankestein,ecc...
    il che gli permetterebbe di trovare finanziamenti e di poter continuare comunque le ricerche....

    molto affascinante e complessa la cosa.....

    per i complottoni,beh,era una battuta per le inclinazioni di certi forumisti per i complottoni cosmici,
    tipo scione chimicosone, piduisti newtoniani massoni.,illuminati, energetici,
    guerrafondai kurskisti ,e via andare,,,,non era per ely....
    ma per altri.....

    Lascia un commento:


  • leptone
    ha risposto
    CITAZIONE (iperabazon @ 26/10/2007, 17:29)
    da un'idea di ely riapro una discussione...speriamo vada meglio...
    comunque premetto che non sono di certo un esperto di bio...
    mica mi basta consultare quà e là qualche pagina di google per pensare di aver scoperto un complottone...

    Complottone??? :blink:

    CITAZIONE (iperabazon @ 26/10/2007, 17:29)
    certo,trovare sistemi ,e cellule artificiali,che producano ATP e lo utilizzino in piccole batterie ricaricabili....
    producendo elettricità......
    beh ,,,senza scomodare matrix... è affascinante....ma non lo ritrovo.....

    La cellula è il risultato di milioni di anni di evoluzione. Dubito che nel breve l'uomo possa riprodurre artificialmente un "laboratorio" così efficiente.
    Per onore di cronaca, ricordo che la sintesi dell'ATP fatta in laboratorio ha una resa energetica inferiore del 60% rispetto al medesimo processo in cellula.

    CITAZIONE (iperabazon @ 26/10/2007, 17:29)
    invece questo art è del corrierone....
    un punto di vista leggermente differente...
    POSSIBILE ANCHE CHE SI CAMBINO PARTI DI DNA PER MIGLIORARE CARATTERISTICHE FISICHE»
    «Nel XXII secolo ci sarà l'uomo sintetico»
    Parla Venter che ha creato il primo cromosoma: possibile già in questo secolo, ma ci sono ancora limiti etici

    Per fortuna! Io sono contraria all'utilizzo di questa tecnologia per fini non medici. Lo scopo principale è e deve rimanere la cura delle malattie genetiche.
    Questo per poter dare speranza a tutte le persone affette da questo genere di patologie. Alcune non sono gravi e tutto sommato consentono di avere una vita normale, mentre altre purtroppo non lasciamo molte speranze di vita.
    A questo deve servire l'ingegneria genetica e non ad avere un figlio alto, biondo, con gli occhi azzurri, tutto muscoloso e super intelligente!

    CITAZIONE (iperabazon @ 26/10/2007, 17:29)
    inoltre,per continuare un discorso mio....
    e forse penso che venter sia ottimista....
    EPIGENETICA
    Il destino non è scritto nel Dna
    di BRANDON KEIM

    Beh, qua ci troviamo di fronte a scuole di pensiero.
    Io sostengo che il nostro destino, e per destino intendo destino biologico, sia scritto nel DNA. E' pur vero che l'epigenetica studia le modalità con cui viene interpretato il DNA ma ricordo che nel DNA stesso sono codificate tutte le istruzioni che ci consentono si vivere ed essere quelli che siamo.
    Certo, a volte l'interpretazione può far sorgere alterazioni non volute, ma se la base dei dati è già compromessa c'è poco da fare. L'epigenetica in se non è sufficiente per curare le malattie genetiche. Alcuni articoli pubblicati sui giornali, pur essendo corretti, possono generare interpretazioni non corrette e di conseguenza potrebbero suscitare false speranze. E' innegabile che non tutti hanno conoscenze di biologia molecolare.
    Ora cosa succede a una persona a cui è stata diagnosticata una malattia genetica? Confidando nella medicina attuale si rivolge a più specialisti per cercare una possibile cura, ma alla fine da tutti avrà sempre la stessa risposta ovvero che con le tecniche attuali non si può fare niente salvo prescrivere qualche farmaco o qualche terapia per alleviare i sintomi a seconda del problema riscontrato.
    Certo lo studio va avanti e ogni giorno si scoprono cose nuove, ma in pratica questo è quello che possiamo fare oggi.. ottobre 2007.

    Per concludere ricordo che lunedì 29 ottobre è la giornata mondiale sulla psoriasi, una malattia genetica che affligge nel mondo più di 100 milioni di persone.

    Ely

    Lascia un commento:


  • iperabazon
    ha iniziato la discussione re:dna artificiale

    re:dna artificiale

    da un'idea di ely riapro una discussione...speriamo vada meglio...
    comunque premetto che non sono di certo un esperto di bio...
    mica mi basta consultare quà e là qualche pagina di google per pensare di aver scoperto un complottone...

    ho letto una intervista a Venter,su repubblica,
    dove forse troppo intelligentemente, l'accento sulle ricerche sul dna art. veniva posto sulla possibilità di trovare utilizzi energetici....
    è affascinante....ma non lo ritrovo.....


    certo,trovare sistemi ,e cellule artificiali,che producano ATP e lo utilizzino in piccole batterie ricaricabili....
    producendo elettricità......
    beh ,,,senza scomodare matrix... è affascinante....ma non lo ritrovo.....

    invece questo art è del corrierone....
    un punto di vista leggermente differente...
    POSSIBILE ANCHE CHE SI CAMBINO PARTI DI DNA PER MIGLIORARE CARATTERISTICHE FISICHE»
    «Nel XXII secolo ci sarà l'uomo sintetico»
    Parla Venter che ha creato il primo cromosoma: possibile già in questo secolo, ma ci sono ancora limiti etici
    LONDRA - Il superuomo si avvicina. Ormai, parola di uno dei più importanti scienziati moderni, siamo solo a un secolo di distanza. Nel XXII secolo sarà infatti possibile creare un uomo totalmente sintetico. Lo ha affermato Craig Venter, lo scienziato americano noto per aver annunciato la creazione di un cromosoma fabbricato in laboratorio durante un'intervista alla rete televisiva inglese Bbc.
    VERSO L'UOMO SINTETICO - «La creazione di un intero genoma umano in una provetta sarà possibile già in questo secolo - ha affermato Venter - ma non credo che succederà, perchè tutti noi scienziati siamo contrari ad esperimenti di questo tipo sugli uomini. Questo non esclude però che nel prossimo secolo qualcuno lo faccia, oppure cerchi di cambiare singole parti del Dna per migliorare alcune caratteristiche fisiche». Venter ha anche escluso che le sue ricerche, specie quelle sulla creazione di batteri sintetici, possano essere usate per fabbricare armi batteriologiche: «Il nostro laboratorio ha chiesto il controllo di un comitato etico fin dai primi esperimenti - ha spiegato il genetista - e anche adesso tutte le nostre ricerche sono esaminate attentamente da un comitato bioetico statale. Esperimenti simili ai nostri sono svolti nei laboratori di tutto il mondo, l'importante è che siano sempre controllati e resi pubblici».
    ACCUSE - Lo scienziato si è difeso dall'accusa fatta da molti genetisti di aver creato una società privata per sequenziare completamente il genoma umano (la Celera Genomics, che riuscì nel 2001 nell'intento precedendo un consorzio pubblico mondiale) per sfruttare i risultati dal punto di vista commerciale: «Non abbiamo brevettato nessun gene umano - ha spiegato Venter - e i nostri risultati sono pubblici e accessibili a tutti. La società privata serviva ad aumentare la competizione, e infatti siamo riusciti a fare in nove mesi quello che gli altri cercavano di ottenere in quindici anni. Certo, ci ho anche guadagnato, ma non abbiamo mai nascosto i risultati».


    inoltre,per continuare un discorso mio....
    e forse penso che venter sia ottimista....
    EPIGENETICA
    Il destino non è scritto nel Dna
    di BRANDON KEIM





    PIU’ COSE impariamo sul genoma umano, più appare evidente che il Dna non è sinonimo di destino. Studi recenti che approfondiscono la comprensione del cosiddetto “epigenoma”, ovvero di quella serie di reazioni biochimiche che attivano e disattivano i geni, dimostrano che sono proprio tali processi a giocare un ruolo cruciale nella regolazione dello stato di salute e nella trasmissione dei caratteri ereditari. Mappando l’epigenoma e mettendolo in relazione con la genomica e con le informazioni disponibili sullo stato generale di salute, gli scienziati ritengono di poter elaborare delle metodiche volte a prevedere, diagnosticare e curare in maniera più efficace svariate patologie. “Si sta spalancando una finestra su un nuovo mondo, molto più complesso di quello genomico”, commenta Moshe Szyf, epigenetista della McGill University del Canada.

    L’epigenoma può cambiare a seconda del contesto in cui è inserito l’individuo, e si trasmette di generazione in generazione. In parte questa è la ragione per cui due gemelli “identici” possono essere in realtà estremamente diversi, ed è anche il motivo per cui non solo i figli ma anche i nipoti di donne che hanno sofferto di malnutrizione durante la gravidanza possono pesare meno alla nascita. “Al momento, si sta addirittura cercando di scoprire se anche lo status socioeconomico può avere un’influenza sull’epigenoma”, aggiunge Szyf.

    I ricercatori hanno già collegato alcune tipologie di tumori alle variazioni epigenetiche. Nel giro di pochi anni sperano che i medici, esaminando l’epigenoma di un individuo, siano in grado di diagnosticare il cancro anche a un primissimo stadio di sviluppo e di stabilire con precisione quale sia il trattamento più adatto per debellarlo. Lo stesso potrebbe valere per altre patologie, e via via che si farà più chiaro il ruolo svolto dall’ambiente nel determinare cambiamenti nell’epigenoma si riuscirà sempre meglio a gestire i fattori ambientali che influenzano lo stato di salute.

    Il settore di studio, ancora a uno stadio embrionale di sviluppo, potrebbe evolversi molto rapidamente. “L’epigenetica è una delle discipline scientifiche che progrediscono più in fretta”, spiega Melanine Ehrlich, epigenetista della Tulane University il cui laboratorio ha collegato le variazioni epigenetiche all’insorgere nel cancro già nel 1983. All’epoca, l’ambito di studio della Ehrlich era pressoché sconosciuto. Walter Gilbert, biologo vincitore del premio Nobel, aveva commentato che dal momento che i moscerini della frutta non avevano un epigenoma, il mondo non ne aveva bisogno. Negli ultimi vent’anni, però – e specialmente negli ultimi due – diverse ricerche hanno mostrato una relazione tra l’epigenoma, la malattia e lo sviluppo, riscontrando che tale rapporto cambia in risposta all’ambiente e si può trasmettere di genitore in figlio.

    Malgrado le applicazioni più prevedibili riguardassero la cura del diabete, dei disturbi cardiaci, dell’abuso di stupefacenti e della schizofrenia, quelle più promettenti riguardano la cura del cancro. Studi recenti hanno dimostrato che alcuni tipi di tumore derivano dalla disattivazione dei geni che inibiscono la degenerazione cellulare. L’anno scorso, la Food and Drug Administration ha dato il via libera al primo farmaco a base epigenetica, l’azacitadina, usato nel trattamento di una forma di leucemia. Tale sostanza viene impiegata appunto per riattivare i geni.

    Tuttavia, usare i farmaci perché agiscano su porzioni specifiche dell’epigenoma, che opera in tandem con sei milioni di paia di basi di Dna, è estremamente complicate. Secondo la Ehrlich, gli specialisti del settore hanno buone possibilità di perfezionare la diagnosi e il trattamento del cancro e di varie altre patologie, ma per fare ciò hanno bisogno di una mappa su larga scala che mostri le relazioni tra i pattern epigenetici e le malattie, puntualizza Steve Baylin, epigenetista della Johns Hopkins. “Conoscendo tali pattern”, precisa Baylin, “è possibile prevedere quali siano gli individui più a rischio, cambiarne la dieta, l’esposizione a diversi fattori ambientali, stimolarne la prevenzione. Si potrebbero riconoscere prima le malattie e valutare la risposta ai farmaci delle diverse persone”. Tracciare una mappa del genere non sarà facile. Non solo l’epigenoma varia nel tempo, ma è anche diverso nelle varie categorie cellulari (che sono circa duecento). Secondo gli epigenetisti è un lavoro che richiede tempo ma si può fare.

    In Europa, un consorzio di enti sia pubblici che privati sta collaborando al Progetto Epigenoma Umano, mentre in America i progetti di mappatura sono portati avanti in maniera sparsa da vari laboratori finanziati sia dal governo che dalle aziende. “Non abbiamo i fondi per metter su un progetto onnicomprensivo e su larga scala”, spiega Elise Feingold, direttrice dell’Encode Project del National Human Genome Research Institute. La penuria di investimenti ricorda per certi versi gli albori difficili del Progetto Genoma Umano, e le lotte di James Watson per ottenere un aiuto concreto da parte delle istituzioni. Ma l’epigenetica pare aver imparato la lezione dalla follia dei brevetti che aveva accompagnato la nascita del Progetto Genoma Umano. “Quel periodo ha insegnato a tutto come NON si gestisce la proprietà intellettuale”, commenta John Stamatoyannopoulos, fondatore dell’azienda farmaceutica Regulome. “Chiunque chiedeva brevetti a destra e a manca, gli avvocati hanno fatto affari d’oro, l’ufficio brevetti era pressoché saturo di pratiche, e alla fine della fiera si trattava di documenti senza alcun valore”. L’assenza di una corsa ai brevetti potrebbe sembrare sminuire l’urgenza della ricerca, ma in realtà il punto cruciale è che la mappa epigenomica sia accessibile gratuitamente a chiunque, per quanto finora ne sia stata elaborata solo una minima parte. “Ne abbiamo completato meno dell’un per cento; l’un per cento sarebbe già un’esagerazione”, conclude Stamatoyannopoulos. “Ma è comunque fondamentale, perché questo tipo di conoscenza rivoluzionerà il nostro modo di diagnosticare e curare le malattie”.

    © Wired News

Attendi un attimo...
X