annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Piastra a induzione e condensa.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Piastra a induzione e condensa.

    Ho recentemente rinnovato l'arredamento di casa e nella nuova cucina ho sostituito i fornelli a gas con quelli a induzione. Tutto ok dal punto di vista funzionale salvo un inconveniente che la moglie mi ha fatto notare : quando fa bollire l'acqua in una pentola dopo pochi minuti sulle pareti interne della cappa e sui filtri si genera una forte condensa con copiosi gocciolamenti. Anche con la ventola alla massima portata il problema persiste anche se meno abbondante. La cappa è nuova ed ha una portata adeguata (350>600 mc/h).
    La cosa ha una sua logica , con il gas il fuoco dei fornelli che lambisce la/le pentole oltre a scaldare il recipiente genera una forte corrente di aria calda che riscalda le superfici interne della cappa che quindi non favoriscono la condensa e il vapore sale direttamente nello scarico della cappa senza condensare. Con l'induzione la corrente calda non c'è essendo il calore generato internamente alla pentola per cui le pareti della cappa restano fredde e favoriscono il generarsi della condensa. Ho contattato dei rivenditori di cappe e ho scoperto che il problema è ben conosciuto da quando si sono diffusi i piani a induzione tanto che ora sono comparse sul mercato cappe specifiche per eliminarlo. Due le soluzioni proposte : una cappa classica dotata di piastre di condensazione lungo il percorso di aspirazione che raccolgono la condensa e la convogliano in appositi serbatoi da svuotare periodicamente.
    La seconda è piu innovativa : l'aspirazione è direttamente da una griglia posta al centro del piano di cottura per cui il vapore viene aspirato verso il basso. Ovviamente con complicazioni costruttive e costi molto superiori. Ora propongo un quesito ai super tecnici del forum : come si può risolvere
    il problema della condensa su una cappa tradizionale già installata senza smontare tutta la cucina e senza spendere un patrimonio?
    Viva la tecnologia che semplifica la vita.
    Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

  • #2
    Non ci avevo pensato che dipendesse dal passaggio a induzione, ma succede anche a me.
    In cucina tra finestra e cappa ho una finestra a ribalta, se non la apro si bagnano finestra e pensili laterali.....
    Ovviamente la cappa deve stare accesa.

    Ovviamente non credo sia una soluzione praticabile aggiungere una finestra ...

    Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

    Commenta


    • #3
      Anche io non lo avevo notato , ma non cuciniamo molto e a lungo , però guarda caso , un mese fà ero con mio cugino che monta cucine e si sono accorti del problema , è proprio un fatto di spinta da calore , che nell'induzione manca , oltre al fatto che se avete notato sostituendo induzione al posto del gas, si trova a 5-10cm più basso rispetto alla cappa , perchè manca la sporgenza fuochi e ferri reggipentola.... andrebbe abbassata la cappa dello stesso spazio....
      AUTO BANNATO

      Commenta


      • #4
        Interessante, mi sembra difficile da risolvere in assenza dei grossi sprechi che sono i moti convettivi generati dal gas...

        Forse si risolve o riduce con una attenta modifica delle abitudini: far bollire l'acqua col coperchio abbassato o lasciando una piccola fessura.

        Si può fare anche coi fornelli a gas, e si nota che bisogna abbassare molto la fiamma per evitare che l'acqua fuoriesca.

        Vale anche con l'induzione: una ebollizione violenta è un forte spreco di energia, tanto a più di 100°C l'acqua non va.

        Con l'induzione dovrebbe essere più facile regolare di fino la potenza per mantenere una ebollizione "minima".

        Serman ho detto cavolate o tua moglie gradisce (come tutti) vedere il mare in tempesta?

        Commenta


        • #5
          Utilizzo da quasi 2 anni induzione in cucina.... al 10% con la mia mogliettina in realtà. [emoji41]
          Ho valutato all'acquisto le cappe specifiche ma ad oggi non ho particolari problemi.

          Come fa notare Riccardo una buona norma è quella di evitare ebollizione violenta dell'acqua ma gestire con il coperchio semichiuso avendo accortezza del caso.
          L'avere in 5 minuti acqua pronta .... senza fiamma e gas combusti in casa e a cappa spenta.... fino all'ebollizione poi è impagabile.
          F.



          Inviato dal mio SM-A920F utilizzando Tapatalk

          Commenta


          • #6
            Bravo , non avere i gas incombusti mescolatti all'odore del cibo è impagabile.... anche dove risiedo sono 5-6 anno che ho messo induzione al posto del metano....

            ora quandovado a mangiare da altri a volte mi accorgo subito della differenza se si mangia in cucina specialmente dove c'è ancora il GPL puzza bestiale da incombusot il metano puzza meno, come dove ho FV da 10 anni in appennino, misi subito induzione togliendo GPL , cosa che andava fatta a prescindere da FV , perchè togliere bombola di GPl ti toglie mille problemi oltre a costo e approvigionamento....

            comuqneu considerate anche la differente distanza pentola cappa .....
            AUTO BANNATO

            Commenta


            • #7
              So che rappresenterebbe uno spreco di energia ma ... scaldare la cappa? Dovrebbe essere abbastanza semplice inserirvi un filo riscaldante di quelli normalmente utilizzati nei terrari "agganciandolo" magari al accensione delle piastre.
              P.S.
              Temo che aumentare la velocità delle ventole di aspirazione tenda a peggiorare il fenomeno rappresentando una maggiore sottrazione di calore anche per la cappa
              Domotica: schemi e collegamenti
              e-book Domotica come fare per... guida rapida

              Commenta


              • #8
                Il problema è che si procede a realizzare dispositivi a risparmio energetico, all'efficienza dei dispositivi e poi... "toh" ci siamo dimenticati di rendere un servizio vero all'utente/consumatore! Mi è vento alla mente il fenomeno che non permette alla rugiada di bagnare un determinato tipo di foglie, di fatto, si formano minuscole gocce d'acqua che ingrandendosi scivolano via verso un serbatoio apposito. Se si riesce a non far aderire il vapore alla cappa, questo fa si che il vapore-quasi acqua, non potendo aderire ad alcuna superficie...farà come succede con la formazione delle nuvole...seguirà la corrente d'aria generata dall'aspiratore, una sorta di aerosol che se rimane fine, non ce la fa a contrastare la corrente d'aria e affan... condensa... ma è solo una mia ipotesi, occorrerebbe visionare lo spaccato della cappa per scoprire zone dove il flusso d'aria rallenta/ristagna, proprio li, si formano le gocce più grandi che fanno da innesco alla condensa che a questo punto, procede in un crescendo rossiniano...

                f.sco

                Commenta


                • #9
                  Chiariamo : le soluzioni ci sono già! Due produttori offrono la cappa anti condensa a catalogo : la Galvanet con la cappa Mod. Sliver che usa sia il preriscaldo della cappa che una piastra di condensazione da svuotare periodicamente. Sul sito trovate un video del funzionamento. C'è poi la Faber che ha un modello specifico con una doppia ventola che sfrutta un sistema di vortici che dovrebbe impedire la condensa. In comune hanno il prezzo stratosferico sproporzionato ai benefici offerti. Quello che sto cercando è una soluzione economica e casalinga per modificare la cappa esistente. Il preriscaldo della cappa è una possibile soluzione. In alternativa sto valutando il rivestimento delle pareti metalliche interne con leggeri pannelli di materiale isolante o fogli di silicone per eliminare le superfici fredde su cui si deposita il vapore. Al momento è tutto un "work in progress" !
                  Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                  Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                  Commenta


                  • #10
                    diciamo che con i fogli di silicone... ti eri già avvicinato al mio suggerimento.. quindi, stessa lunghezza d'onda direi e se già ci sono due indizi...si è prossimi alla soluzione.

                    f.sco

                    Commenta


                    • #11
                      Il tutto cercando di non creare un nuovo focolaio di batteri .....
                      F.

                      Inviato dal mio SM-A920F utilizzando Tapatalk

                      Commenta


                      • #12
                        Anche io mi sono "scontrato" con questo imprevisto problema al momento di attivare il piano ad induzione... Abituato ad avere spesso in ebollizione l'acqua per la pasta ho subito visto che il volume di consensa che crea è molto maggiore. La spiegazione è esattamente quella suddetta e le soluzioni immediate idem, ovvero usare il coperchio e dosare la potenza della cappa... Sostanzialmente l'acqua sobbolle, la pasta si cuoce ugualmente e dal coperchio [quelli di vetro con valvolina] esce giusto un filo di vapore che la cappa normale aspira senza troppi problemi. Per evitare che l'umidità penetrasse nei pensili ho foderato tutti i contorni degli sportelli con guarnizione antispifferi adesiva, quella che si mette sulle finestre, e ho risolto il problema. Il resto asciugo con pezzetta a fine cottura.
                        Meno "evoluto" come sistema ma anche decisamente economico...

                        Commenta


                        • #13
                          Economico, ma a mio avviso anche da attuare come già detto.
                          Evitare la condensa sulle pareti metalliche della piastra con sistemi di riscaldamento/isolamento del metallo, a parte la complessità, potrebbe solo "spostare" il problema facendo condensare il vapore in punti dove potrebbe fare perfino più danni, per esempio le tubazioni che convogliano i fumi.

                          Noi di solito la cappa aspirante neanche la accendiamo sempre, e condensa sulle pareti non ne ho notata (ma la mia cappa ha come parete fredda solo una piccola appendice anteriore ripiegabile, circa 15x60cm)

                          Avere tanta condensa forse è effettivamente sintomo di un uso eccessivo della fonte riscaldante... bisogna far ragionare gli/le chef

                          Commenta


                          • #14
                            oggi ad un collega che ha i piani ad induzione (e che è entusiata) ho chiesto se aveva problemi di condensa alla cappa.
                            Avreste dovuto vedere la faccia meravigliata che ha fatto in quanto non capiva come facevo a sapere questa cosa.
                            Non aveva associato il problema a quanto spiegato in questa discussione.
                            Mi ha detto che aveva contattato il fornitore della cucina in merito al problema della condensa e che quest'ultimo non ci aveva capito un tubo "buttandogliela in caciara" come si dice dalle nostre parti.
                            In ogni caso mi ha detto che il problema lo fa solo quando fa il minestrone perchè per la pasta già fa quanto consigliato in questa discussione.
                            Ulteriore conferma è che ha notato che intorno alla lampadina (ad incandescenza) all'interno della cappa c'è una zona asciutta.
                            Impianto FV 2,94 kWp 23° -85 est 1° CE e 3 PDC Riello aria 13 kWt dal 2007.
                            Caminetto aria Montegrappa CMP05 10,5 kWt, 4* dal 2011. Caldaia a metano Riello Family 26K.Twingo Electric Zen dal 2021

                            Commenta


                            • #15
                              Insomma, risparmi energia per cucinare e la spendi per smaltire il vapore, questa novità del piano a induzione... così accroccato, non vi sembra na strunzata?

                              f.sco

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da Optmum Visualizza il messaggio
                                Insomma, risparmi energia per cucinare e la spendi per smaltire il vapore, questa novità del piano a induzione... così accroccato, non vi sembra na strunzata?

                                f.sco
                                Oddio, diciamo che mi pare un problema secondario... Nel senso che il discorso vapore esiste ma adeguando un pò i metodi di cottura [cosa che comunque tutti abbiamo dovuto fare rispetto al gas, e per quanto sia stato complicato all'inizio oggi ti dico mai più senza] la cosa si può contenere entro livelli gestibili e non fastidiosi. A fronte dei tanti vantaggi direi che definirlo accroccato mi pare eccessivo.

                                Commenta


                                • #17
                                  non dico che il piano cottura a induzione non funzioni... dico solo che questa tecnologia messa a disposizione di "falegnami" vecchia scuola... possono solo accroccare una cucina tecnologica... poi, sicuramente ci stanno seri professionisti e, mi pare che è stato riportato di piani cottura con aspirazione sullo stesso piano, senza la solita cappa... ma si evidenziava pure un costo esorbitante... quindi, se immettiamo i numeri in un calderone costi/benefici-qualità/prezzo-aspettative/delusioni, credo che il bilancio, ancora penda verso il negativo.

                                  f.sco

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Il piano cottura ad induzione per me è stata una grande svolta e a distanza di 6 anni il mio bilancio è decisamente positivo.
                                    Hai l’acqua che bolle in 3 minuti, si pulisce in un attimo, hai maggior superficie su cui cucinare rispetto a quelli a gas e una precisione nel regolare la potenza impensabile col gas.

                                    Sicuramente ci vuole un po’ ad abituarsi e vista la potenza rischi che l’acqua vada fuori con pochi istanti di distrazione.

                                    La mia cappa non “piange” ma la parete su cui poggia il PCI un po’ si (soprattutto se dimentico di accendere la cappa) o quando faccio minestrone e zuppe. A quel punto guardo il lato positivo e passo sulla parete un panno in microfibra così la sgrasso senza fatica

                                    Mi rendo conto della differenza quando cucino al mare dove ho il classico fornello a gas...

                                    Ps per non far troppo vapore metto al massimo fino a far bollire l’acqua e dopo aver versato la pasta copro con coperchio a 4,5 (900W) oppure senza coperchio a 7,5 (1500W)
                                    Ultima modifica di JO GREEN; 03-03-2020, 23:46. Motivo: Ps
                                    FV: 4.68 kwp - 13 PANNELLI SunPower X22 - 360wp - inverter ABB UNO-DM 4 - azimuth = 10 - tilt = 15° - dal 15/02/2019 - Penta-split Daikin Stylish con gas R32 (25+25+25+25+42) dal 31/10/2018 http://pvoutput.org/list.jsp?id=73607

                                    Commenta

                                    Attendi un attimo...
                                    X
                                    TOP100-SOLAR