annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

gli alieni siamo noi

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • gli alieni siamo noi

    Vi rendete conto della teconologia che abbiamo e che amumenta in modo esponenziale? E ci sono popolazioni sulla terra che erano, sono e saranno sempre come 100000 anni fa! Un cane, una scimmia era uguale 10000, 30000000 anni fa... Alcune popolazioni sono uguali a 300000 anni fa! Noi ci siamo evoluti, perché? Il cane era uguale 100000 anni fa, la scimmia, i delfini idem e idem certe popolazioni mentre altre si evolvono! Perché? Perché ci sono persone ancora allo stato della pietra e noi scriviamo con i pc e tutta la tecnologia che si evolve a macchia d'olio e c'è chi è rimasto, come gli animali, a 100000000 anni dietro??? Ve lo siete mai chiesti? Siamo di questo pianeta o siamo delle colonie extraterrestri?

  • #2
    Originariamente inviato da serongeri Visualizza il messaggio
    Siamo di questo pianeta o siamo delle colonie extraterrestri?
    Se la conoscenza umana è arrivata a tanto è merito del linguaggio e della scrittura, grazie alla quale è, è stato e sarà possibile apprendere le esperienze e le intuizioni di chi è vissuto prima. Se leggiamo un libro di medicina, di meccanica,ecc.. in poco tempo apprendiamo nozioni che per maturare ed essere spiegate hanno impiegato centinaia di anni (e anche più)! Noi in meno di un anno possiamo capire come funziona il cuore, o come funziona un motore a scoppio. Se non avessimo i libri, internet o chi ci tramanda queste preziose informazioni, forse saremmo uguali a quelle tribù che vivono come 100000 anni fa.
    Ciao
    L'aspirazione alla verità è più preziosa del suo sicuro possesso [Lessing]

    Commenta


    • #3
      come è nato il peer to peer?

      Originariamente inviato da atomax Visualizza il messaggio
      Se la conoscenza umana è arrivata a tanto è merito del linguaggio e della scrittura
      bravo, hai centrato il problema. le differenza è tuttta lì,
      cioè che ci differenzia da un homo primitivo e noi è niente di più delle corde vocali.come la scittura che è infatti cioè che interpretiamo prova nelle prime civiltà riconosciute. ovvero popoli mesopotanici e egiziani.

      il problema si ha quando sia i popoli mesopotanici che egizi mostrano capacità intellettive , ingegneristice, e soprattutto astronomiche molto avanzate. queste avanzamenti tecnici non quadrano molto con la totale mancanza di strumentalizzazzione adatta.

      contesto materialmente in un paio di esempi: la levigazione(da non confondere col taglio) di marmo rosso sfoggiata dagli egizi non è una cosa facile... oggigiorno riusciamo tagliare il materiale sopraelencato solo con apposite seghe circolare ad alto potenziale di polvere di diamanti. per poi levigare le stesse con macchinari precisi apposisti sempre al diamante.
      non chiaro quindi i strumenti utilizzati dagli egizi per ottenere tali risultati.

      un altra cosa non molto chiara è che i sumeri conoscevano il sistema eliocentrico( ovvero sole al centro e non il sole ) nel circa 4000 a.c. ,cioè con la sola osservazione ottica. e ancora meno chiara è la fonte con cui hanno appreso la conformazione del sistema solare ( lasciando la questione niburu apparte) , quindi risconoscendo pianeti invisibili ad occhio nudo, quali nettuno urano e l'èx plutone. e come se non bastasse c'è anche una breve descizione per ogni pianeta..congruente con le scoperte scientifiche del secolo scorso.

      a complicare ancora di più questo enigma ci sono le iscizioni di entrambi i popoli che con tutto lo zelo e l'innocenza del mondo , che "semplicemente" queste conoscenze sono state insegnate "esseri scesi dal cielo" ..

      oltretutto i sumeri nelle loro "librerie di terracotta"rispondono alla domanda iniziale del topic.. siamo alieni solo per metà.. metà siamo scimmie...grazie all ingegneria genetica.
      ogniuno poi crede a quello che richiede più giusto, scusate il discorso un po' lungo e forse seccante
      "Secrecy, once accepted, becomes an addiction "Edward Teller

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da greeenmind Visualizza il messaggio

        un altra cosa non molto chiara è che i sumeri conoscevano il sistema eliocentrico( ovvero sole al centro e non il sole ) nel circa 4000 a.c. ,cioè con la sola osservazione ottica. e ancora meno chiara è la fonte con cui hanno appreso la conformazione del sistema solare ( lasciando la questione niburu apparte) , quindi risconoscendo pianeti invisibili ad occhio nudo, quali nettuno urano e l'èx plutone. e come se non bastasse c'è anche una breve descizione per ogni pianeta..congruente con le scoperte scientifiche del secolo scorso.

        a complicare ancora di più questo enigma ci sono le iscizioni di entrambi i popoli che con tutto lo zelo e l'innocenza del mondo , che "semplicemente" queste conoscenze sono state insegnate "esseri scesi dal cielo" ..

        oltretutto i sumeri nelle loro "librerie di terracotta"rispondono alla domanda iniziale del topic.. siamo alieni solo per metà.. metà siamo scimmie...grazie all ingegneria genetica.
        ogniuno poi crede a quello che richiede più giusto, scusate il discorso un po' lungo e forse seccante
        scusa
        che riferimenti hai per affermare questo?

        ciao

        Commenta


        • #5
          quindi, c'è qualcosa di strano... come facevano migliaia di anni fa a sapere tante cose, e a fare cose (tipo il taglio di blocchi di marmo)??? E a tutt'oggi ci sono tribù, gente che ancora vive all'età della pietra??? Spero che non mi si contraddica con la termodinamica anche in questo!!! Non siamo di questo pianeta, siamo una colonia extraterreste! Noi non siamo di qui!!! Sorridete pure, ma se non condividete, confutate e, confutate il perché il cane è ed era un cane, la scimmia, il delfino uguale, e certe popolazioni sono uguali a 10000000 anni fa e "noi" siamo quel che siamo.

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da atomax Visualizza il messaggio
            Se la conoscenza umana è arrivata a tanto è merito del linguaggio e della scrittura, grazie alla quale è, è stato e sarà possibile apprendere le esperienze e le intuizioni di chi è vissuto prima. Se leggiamo un libro di medicina, di meccanica,ecc.. in poco tempo apprendiamo nozioni che per maturare ed essere spiegate hanno impiegato centinaia di anni (e anche più)! Noi in meno di un anno possiamo capire come funziona il cuore, o come funziona un motore a scoppio. Se non avessimo i libri, internet o chi ci tramanda queste preziose informazioni, forse saremmo uguali a quelle tribù che vivono come 100000 anni fa.
            Ciao
            Caro amico, abbiamo i libri, internet e tutto quello che dici... ma perché li abbiamo solo noi e altri esseri apparentemente uguali a noi vivono ancora da trogloditi? Perché? Me lo sai spiegare? No.... penso proprio di no...

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da serongeri Visualizza il messaggio
              Caro amico, abbiamo i libri, internet e tutto quello che dici... ma perché li abbiamo solo noi e altri esseri apparentemente uguali a noi vivono ancora da trogloditi? Perché? Me lo sai spiegare? No.... penso proprio di no...
              Le persone dei paesi sottosviluppati non hanno accesso all'informazione perchè purtroppo questa non è gratis!
              Alcune tribù isolate dal mondo non conoscono nemmeno l'esistenza dell'informazione a causa del loro isolamento (l'isolamento non porta ad alcun progresso). Tale isolamento è dovuto principalmente ad una questione geografica. Chi va negli angoli più nascosti della giungla ad insegnare a leggere a quelle tribù? (e poi...non avrebbe senso, loro stanno bene così). Infine ti pongo una domanda... Supponiamo che da domani si torni a 10000 anni fa, quante persone secondo te vivrebbero diversamente da quelle tribù? Qualcuno di questo forum (che saprebbe generarsi un pò di energia elettrica e forza motrice) qualche altro, insomma facciamo un 2%? E il resto? Vivrebbe esatammente come quelle tribù!
              Ciao
              L'aspirazione alla verità è più preziosa del suo sicuro possesso [Lessing]

              Commenta


              • #8
                A mio avviso i veri "extra-terrestri" sono stati Faraday, Fermi, Einstein, Galileo ecc... Sono quelle menti geniali che funzionano da "turbo" per l'umanità. Poi c'è ciascuno di noi (chi più chi meno) che realizza e migliora le loro idee documentando i risultati al fine di trasmetterli nel tempo. Anche l'evoluzione genetica degli esseri viventi funziona così...
                Poi se ci sono stati gli alieni a portare la conoscenza sulla terra 4000 anni fa, mi chiedo: ma con tutta la tecnologia e la conoscenza che dovevano possedere, sono venuti fin qui per insegnarci a tagliare il marmo? Magari lasciare una pergamena con su scritto come realizzare una centrale a fusione o il trasporto dell'energia senza fili, o come realizzare un mezzo di trasporto in grado di compire lo stesso loro viaggio, no è?!? Vabbè dai...scherzo!
                Su queste cose tutti possono dire la loro, quando la mente non è in grado di spiegare scientificamente una cosa, inizia a pensarle di tutti i colori! Ma è giusto che sia così...
                Ciao
                L'aspirazione alla verità è più preziosa del suo sicuro possesso [Lessing]

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da serongeri Visualizza il messaggio
                  Caro amico, abbiamo i libri, internet e tutto quello che dici... ma perché li abbiamo solo noi e altri esseri apparentemente uguali a noi vivono ancora da trogloditi? Perché? Me lo sai spiegare? No.... penso proprio di no...
                  ma come!
                  non sai che le capanne zulu sono raggiunte dalla fibra ottica?

                  ciao

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da primus71 Visualizza il messaggio
                    scusa
                    che riferimenti hai per affermare questo?
                    ciao
                    ciao, i riferimenti a cui faccio riferimento sono i reperti trovati da vari archeologi nella mesopotamia....ovvero tavolette di argilla scirtte in cuneiforme.

                    la più famosa di questa famiglia di reperti giunti a noi è il conosciuto"codice di hammuraby" ovvero quella che identifichiamo come la prima costituzione scritta. tuttavia questa è solo una delle moltissime tavolette ritrovate che riportano informazione di vario genere .. dallo stile di vita sumero, alle gerarchie .. ecc ecc.

                    in questa immagine che ti allego, che ti renderà chiaro quell che dicevo prima, è rappresentato il sistema solare secondo i sumeri, e potrai notare come infatti dicevoè rappresentato il sistema eliocentrico, con approssimazione è anche infatti corretta anche la grandezza dei pianeti di cui abbiamo conoscenza oggi.

                    mi soffermo un attimo su quelle che ti dicevo erano le brevi descrizione della conformazione dei pianeti. particolarmenti aniteressante trovo quella fatta x i pianeti "invisibili ad occhio nudo"

                    NETTUNO
                    Il suo colore era blu come acqua pura cristallina;
                    lei era l'inizio del Mare superiore.
                    URANO
                    In lontananza lo sposo di Antu(nettuno, li chiamano anche pianeti gemelli o sposi.) iniziò a brillare,
                    di pari grandezza di Antu per dimensione.
                    An(urano) si distingueva, come compagno della sposa, per un colore blu-verdastro.
                    MARTE
                    Lahmu era bello da guardare,
                    era di diversi colori; il suo copricapo era bianco come la neve, così pure i suoi sandali(polo nord e sud ghiacciati confermati dalle immagini nasa delle ultimi anni ).

                    se ti servono altre informazioni non esitare a chiedere. ciao
                    File allegati
                    "Secrecy, once accepted, becomes an addiction "Edward Teller

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da greeenmind Visualizza il messaggio
                      [MODERAZIONE: Quando si fa la citazione di un post intero va messo SOLO il riferimento e non l'intero testo!!! nll]
                      scusa lo scetticismo, ma ne ho lette e viste a camionate di interpretazioni simili di testi e simboli antichi, io sinceramente credo che per affermare una cosa del genere bisogna che ci pervenga qualcosa di simile ad un testo di fisica o di matematica, e non solo uno, visto che le conoscenze di intere civiltà non si possono esaurire in disegni o iscrizioni.

                      ciao
                      Ultima modifica di nll; 03-02-2009, 09:27.

                      Commenta


                      • #12
                        il taglio del marmo viene fatto ancora oggi dagli artigiani egizi usando semplicemente delle sfere di marmo e sfregandole contro i blocchi da lavorare.

                        per quanto riguarda la tavoletta puo essere vero come l'incontrario, ma probabilmente sarà come quell'alieno raffigurato su una parete di una tomba egizia che poi non è altro che un vaso ...

                        ciao a tutti
                        _________________________________________
                        A tutti quelli che credono che gli uomini antichi non sapessero costruire delle meraviglie architettoniche

                        http://www.greatpyramidexplanation.com/

                        Commenta


                        • #13
                          i dinosauri sono spariti di botto... come mai? e come mai i resti sono tutti concentrati in determinati luoghi? Bho... forse perché la loro esistenza poco si coniugava con un insediamento extraterrestre? SI dice che in natura nulla è lasciato al caso... Bene, però ci sono discrepanze abissali... Diciamo che noi siamo animali, mammiferi... ok? Siamo gli esseri viventi più intelligenti... Facendo una statistica:
                          1. uomo
                          2. scimmia
                          3. cane
                          4. delfino
                          e così via
                          però, tra il 2 e il 4 c'è poca differenza mentre tra il primo (noi) e il secondo (cane, delfino scimmia che si voglia) c'è un abisso!!! Come mai questo divario?
                          Se non ci fossimo noi, ci sarebbero le tribù primitive e gli animali.. ma il mondo non soffrirebbe di inquinamento e cose varie... tutto sarebbe in equilibrio! Forse siamo estranei a questo mondo... e lo stiamo distruggendo! Chi è parte integrante di un ecosistema contribuisce (senza accorgersene) a mantenerlo vivo, non a distruggerlo... Sono pazzo?

                          Commenta


                          • #14
                            opinioni

                            Originariamente inviato da primus71 Visualizza il messaggio
                            scusa lo scetticismo, ma ne ho lette e viste a camionate di interpretazioni simili di testi e simboli antichi
                            in parte capisco quello che vuoi dire.. ci sono tante bufale su cui molti "psuedo archeologi" tentano di fare fortuna spacciandole per una scoperta genuina...ma non facciamo di tutta l'erba un fascio. x quanto riguarda lo scietticismo... liberissimo di esserlo... anzi io non sono mica "contro" lo scietticismo... a me intressa la verità..qualunque essa sia . sia ke mi sbaglio e ke no, e cerco prove che portino ad essa.e devo dire che mi piace confrontarmi con opinioni diverse.

                            Originariamente inviato da primus71 Visualizza il messaggio
                            io sinceramente credo che per affermare una cosa del genere bisogna che ci pervenga qualcosa di simile ad un testo di fisica o di matematica, e non solo uno, visto che le conoscenze di intere civiltà non si possono esaurire in disegni o iscrizioni.
                            quell immagine che ti ho proposto erano disegni riassuntivi della conoscenza astronomica sumera..perchè qulla particolare non quadra con la strumentazione di studio a loro appartenete. in realtà ci sono (come dicevo) moltissimi testi (come giustamente hai osservato tu )che parlano dell'astronomia conosciuta da questo popolo scritte in cuneiforme su tavolette di argilla. se la carta non ce l'avevano non credo sia colpa loro.. e come ti dicevo ci sono altre tavolette che parlano della matematica , dell'organizzazione della gerarchia, della semina e del raccolto, dell' educazione dei bambini..in pratica di un società.

                            spiegami cosa non ti convince...?
                            "Secrecy, once accepted, becomes an addiction "Edward Teller

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da vengance Visualizza il messaggio
                              il taglio del marmo viene fatto ancora oggi dagli artigiani egizi usando semplicemente delle sfere di marmo e sfregandole contro i blocchi da lavorare.
                              molto interessante , non lo sapevo .hai immagini da postare, vorrei sapere tutto, forme dimensioni, tempo di lavorazione, no sai xkè potresti aver risolto un mistero da un altra parte del mondo... poi magari ti spiego.

                              Originariamente inviato da vengance Visualizza il messaggio
                              per quanto riguarda la tavoletta puo essere vero come l'incontrario, ma probabilmente sarà come quell'alieno raffigurato su una parete di una tomba egizia che poi non è altro che un vaso ...
                              sì.. e la terra è piatta... scusa la battuta, ma non credo sia giusto diffamare un reperto come quella di cui ti parlo con del pressapochismo giusto per dispetto.
                              ...l'alieno di cui parli.. è un vaso bello e buono , ma anche se fosse non significherebbe niente.
                              quello di cui sto parlando io è ben diverso,le tavolette non sono state mai messe in discussione da nessuno e da nessuna analisi: CARBONIO14, test sulla composizione, e tutte le altre prove hanno confermato al 100 % l'autenticità del reperto. sono conoscenze astronomiche oggettive-esatte. quindi bisogna capire in che modo questo popolo ne è venuto a conoscenza. spero tu mi possa aiutare nel capire , se ci sono mitivi concreti per dubitare di quello che ho detto riguardo alle tavolette per favore fammelo presente
                              "Secrecy, once accepted, becomes an addiction "Edward Teller

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da greeenmind Visualizza il messaggio

                                spiegami cosa non ti convince...?
                                non mi convince questo:

                                se noi sappiamo come è fatto marte ad esempio, è perchè abbiamo i telescopi, e non solo, questo vuol dire che abbiamo tutta la tecnologia e la conoscenza per fabbricarli cioè conoscenze di fisica di ottica di chimica di metallurgia ecc. ecc.

                                vale a dire che se si ottengono dei risultati, dietro ci deve essere tutto un ambaradan che non si può ridurre a iscrizioni e tavolette, ma deve lasciare tracce molto consistenti di una civiltà tecnologica

                                ciao

                                Commenta


                                • #17
                                  teorie

                                  Originariamente inviato da primus71 Visualizza il messaggio
                                  se ....tecnologica
                                  ho pensato anche io questa cosa ! e questo ci porta dritti alle uniche soluzioni al mistero possibili:

                                  la prima è che ci manca qualche pezzo del puzzle...reperti di strumenti e le nozioni(un po' di tutta la fatica che abbiamo fatto noi per arrivare a tali scoperte!) come dicevi tu non sono state ritrovati,e quindi lascia presupporre che i sumeri in realtà fossero un popolo molto più avanzato di come è stato presentato fino ad adesso dalla comunità storico/scientifica,che avevano nozioni fisiche chimiche e tecnologie avanzate. che conoscessero alcuni strumenti simili a ciò che oggi noi chiameremo telescopio con cui hanno fatto tali osservazioni che poi hano riportato su per iscitto...

                                  un appunto negativo a questa teoria... se venissero ritrovati questi repert "mancanti" resta ambiguo come una popolazione con tali nozioni ancora doveva scrivere con lo scalpello su della terracotta lasciata indurire al sole x un giorno intero e vivere di agricoltura ed allevamento... voglio dire lo sviluppo tecnologico sarebbe un tantino squilibrato e poco coerente.

                                  e l'altra opzione è che la spiegazione dell'ottenimento di queste informazioni descritta dal popolo stesso( da esseri venuti dal cielo ) sia veritiera per quanto "sopra le righe " è comunque possibile .

                                  appunti negativi alla seconda teoria... dove sono finite gli strumenti forniti x tali osservazioni da questi " special guests" ?possono essere spariti? e mi vengono in mente altri 1000 dubbi uno +grosso dell'altro.

                                  bhè .. intanto quindi sarebbe utile continuare a scavare e cercare qualche nuovo reperto che aiuti a conprendere meglio el cose..
                                  "Secrecy, once accepted, becomes an addiction "Edward Teller

                                  Commenta


                                  • #18
                                    per quel che riguarda il taglio del marmo l'avevo letta in una di dichiarazione di ZAHI HAWASS, non l'avrei neanke citata se mia sorella non mi avesse portato dall'egitto un portacenere in marmo realizzato con il metodo che ho detto prima, non so nient'altro purtroppo

                                    non mi sono espresso tanto bene, la frase sull'alieno l'ho detta perchè non sapevo che si potesse datare anke l'argilla e credevo fosse un falso
                                    ciao

                                    PS: che mistero?
                                    Ultima modifica di vengance; 05-02-2009, 00:08.
                                    _________________________________________
                                    A tutti quelli che credono che gli uomini antichi non sapessero costruire delle meraviglie architettoniche

                                    http://www.greatpyramidexplanation.com/

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originariamente inviato da primus71 Visualizza il messaggio
                                      vale a dire che se si ottengono dei risultati, dietro ci deve essere tutto un ambaradan che non si può ridurre a iscrizioni e tavolette, ma deve lasciare tracce molto consistenti di una civiltà tecnologica
                                      Quella della mancanza di tracce "consistenti" è un vecchio e tuttora solidissimo cavallo di battaglia dell'archeologia classica, ufficiale. In realtà non è un ostacolo assoluto. Anche senza vagolare in ipotesi fantascientifiche ci sono molti indizi che fanno ritenere che la leggenda di civiltà prediluviane non sia poi così campata per aria. E' ormai accertato che il rapido (rapido.... si parla sempre di centinaia di anni eh! Non 40 giorni e 40 notti sia chiaro!) innalzamento del livello dei mari (circa 100 metri) del 7000 - 8000 a.c ha inondato zone ampie e densamente popolate. Una per tutte la grande pianura fra le isole indonesiane e la Cina. Un'eventuale civiltà relativamente avanzata (occhio! Parliamo sempre di civiltà prima età del ferro, ultima età del bronzo o giù di lì... paragonabile a egizi, assiri o tuttalpiù greci, romani...) potrebbe benissimo avere avuto uno sviluppo che può aver dato origine a conoscenze tramandate attraverso documenti ora perduti. Molte civiltà hanno miti sul diluvio e su civiltà precedenti (di solito empie e quindi punite dal diluvio). E' possibilissimo che tutte le tracce di queste teoriche civiltà siano state cancellate dall'innalzamento del mare. Se non fosse per qualche piramide nemmeno dell'egitto potrebbe restare traccia sotto 100 metri di mare. Ciò che resta del faro di Alessandria sta a 10 metri dal pelo dell'acqua, a 30 metri dalla costa... e ne abbiamo recuperato qualche pezzo da pochi anni pur sapendo da sempre che era lì. L'abbandono graduale degli insediamenti con migrazione forzata spiegherebbe facilmente la relativa regressione culturale. Le prime città in realtà sono le prime a non essere state toccate dall'innalzamento dei mari. Segni di altre città coperte di fango e detriti sono stati trovati in profondità sotto gli strati di limo.

                                      Quindi è senz'altro un volo pindarico di fantasia pensare a misteriose civiltà prediluviane in grado di fare osservazioni astronomiche poi trasmesse parzialmente ai popoli assiri e c.
                                      Ma che sia una storia totalmente impossibile... questo no.
                                      “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                      O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio

                                        Quindi è senz'altro un volo pindarico di fantasia pensare a misteriose civiltà prediluviane in grado di fare osservazioni astronomiche poi trasmesse parzialmente ai popoli assiri e c.
                                        Ma che sia una storia totalmente impossibile... questo no.
                                        l'uomo fa osservazioni astronomiche da quando è apparso sulla terra, basti pensare a quello che ci hanno lasciato i maya oppure a Stonehenge; da qui a dire che vedessero le calotte di marte o il colore di nettuno ce ne corre, perchè avrebbero avuto bisogno di telescopi, il che vuol dire tutta la tecnologia che c'è dietro

                                        ciao

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Beh, il mio non era un tentativo di avvalorare tesi perlomeno audaci.
                                          Mi limitavo a segnalare che basare troppe sicurezze sulla mancanza di tracce tecnologiche non è detto che sia sempre corretto.
                                          Il famoso "meccanismo di Antikythera" è una prova evidente di cosa voglio dire. Prima della sua scoperta nessun archeologo avrebbe ammesso, nemmeno sotto tortura, che i greci (stiamo parlando del 100 a.c. circa) avessero le conoscenze non solo meccaniche per realizzarlo, ma sopratutto la capacità di PROGETTARE un oggetto del genere. Non è il parto di un artigiano geniale, nessuno in grado di lavorare il bronzo con quell'abilità e precisione poteva contemporaneamente possedere anche le conoscenze dei movimenti planetari necessarie e sopratutto la capacità di progettare l'algortimo meccanico che regola le lancette ed i quadranti del meccanismo. E' il risultato di un lavoro di equipe di diverse intelligenze. Le macchine di Leonardo al confronto sono giocattoli rozzi!
                                          Qualcuno anche ora ci vuol vedere la prova della civiltà avanzatissima persa nei secoli, e questa può essere fantascienza, concordo. Ma NON è fantascienza dire che spesso basarsi su idee preconcette è rischioso in archeologia. E non è detto che qualche reperto anomalo non sia già stato trovato, ma catalogato a forza nelle caselle considerate accettabili. E' già successo! Mai dare per scontato che i "cervelloni" con cattedra abbiano già pensato, studiato e risolto tutto. Prima o poi uno Schliemann può sempre saltare fuori!
                                          “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                          O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                            [MODERAZIONE: Si può citare solo una parte di un intervento. Se vuoi riferirti all'intero messaggio DEVI riportarne SOLAMENTE gli estremi (Autore, Data e ora) e chi vuole va a leggersi l'originale!!! Il "Quote" ti riporta l'intero messaggio, sta a te eliminare il superfluo, oppure evita del tutto la citazione, specialmente se stai rispondendo a chi ha scritto appena prima di te. nll]
                                            Hai l'abilità di scrivere tutto senza dir nulla!
                                            Ultima modifica di nll; 06-02-2009, 09:26. Motivo: Soppressione citazione di un intero post

                                            Commenta


                                            • #23
                                              [MODERAZIONE:

                                              ... e tu di attaccare una persona senza preoccuparti di confutare le sue argomentazioni...

                                              Comunque il tuo rimane un giudizio personale dettato dalla tua difficoltà a comprendere quanto detto da BrightingEyes, che invece mi è parso molto chiaro. Se non argomenti le tue tesi, nessuno potrà crederti sulla parola, non hai sufficiente credito nel campo perché questo avvenga, né puoi con poche generiche parole porre dei dubbi su chi ha detto la sua prima di te, questo non fa che accendere polemiche che costringono il moderatore a intervenire. Quindi, se non hai nulla di nuovo da dire, evita di scrivere, giova di più alla tua immagine e a quella del forum. nll]

                                              ••••••••••••

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Beh, magari non ha tutti i torti chi critica, cerco di essere più chiaro.
                                                Il mio pensiero è che esistono molte "certezze precostituite" in campo archeologico che si basano sull'opinione di accademici e studiosi pochissimo vogliosi di vedersi messo in gioco il lavoro di anni dall'ultimo arrivato. Non è un giudizio solo personale, ma frutto di discussioni con stimati archeologi che però fanno un lavoro più sul campo. (Per essere precisi senza citare inutilmente nomi un archeologo marino subacqueo e un paio di "svangatori laureati" che faticano negli scavi in Sardegna).
                                                Sui media arriva il parere dei cattedratici e pochissimo del dibattito interno (che è vivace, garantisco! ), ma le opinioni sono a dir poco MOLTO variegate.
                                                In questo spazio si sono infilati nel tempo molti dilettanti e professionisti un pò più "disinvolti" che hanno approfittato per raccogliere, organizzare a volte inventare indizi e tracce un pò border-line per imbastire affascinanti teorie, a volte ragionevoli, a volte al limite della fantascienza o dell'occulto.
                                                Io credo che, pur ammettendo che esistono molte visioni un pò facilone e fantasiose, sia doveroso chiarire che nel campo archeologico non esiste un "dogma", una "verità rivelata".
                                                Moltissime scoperte (da Troia al diluvio agli scheletri degli ominidi ecc) hanno attraversato prima una fase di totale rifiuto con seguito di risate della parte "arrivata" del mondo scientifico.
                                                Le ipotesi di civiltà progredite (ma sempre progredite a livelli bronzo-ferro, niente oricalco, astronavi e sottomarini per intenderci!) di cui si possa essere persa traccia certa è da tempo che si sono affacciate ed esistono indizi che, pur non incontestabili, sono molto più facilmente spiegabili con questa ipotesi che con altre, più "ortodosse".
                                                Il meccanismo di Antikythera è uno di questi. Esiste e va spiegato. E' facile dire "ma guarda come erano bravi i greci antichi... ma non ci sono molte altre prove coeve che i Greci avessero le conoscenze necessarie. Se non per l'aspetto costruttivo dove tutti si concentrano. Infatti tutti a provare che si, per un bravo artigiano lavorare il bronzo così era possibile, ecc. ecc. Ma il succo è che il bravo artigiano NON poteva essere in grado di conoscere con precisione i complessissimi movimenti celesti che il meccansimo riporta e tantomeno progettare da zero un apparecchio del genere! E' ovviamente possibile che sia parto di diverse menti di altissimo livello certo. Ma è pure possibilissimo che sia la copia (magari della copia della copia) di un meccanismo molto più antico. Copiare è facile in fondo e un meccansimo del genere era un tesoro assoluto per quei tempi.
                                                Più chiaro?
                                                “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da greeenmind Visualizza il messaggio
                                                  ... resta ambiguo come una popolazione con tali nozioni ancora doveva ... vivere di agricoltura ed allevamento...
                                                  Noi, con le nostre avanzate nozioni, come produciamo il nostro cibo se non con agricoltura ed allevamento?

                                                  r

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Alieni lo siamo diventati, non riusciamo a comprendere più le dinamiche biologiche della natura e peggio ancora i nostri predecessori. E' vero che oggi usiamo molta tecnologia, ma quanti sanno come funziona o meglio ancora come costruire. La specializzazione ha comportato una frammentazione del sapere incapace di comprendere la complessita dei fenomeni naturali. Lo sviluppo di una civiltà poggia su due fattori principali: la scrittura come modo di trasmissione della conoscenza e la disponibilità di energia.
                                                    Consiglio s Serogeri di dare un'occhiata al mio blog ***
                                                    Cordiali saluti a tutti.

                                                    [MODERAZIONE: L'indirizzo del tuo blog lo puoi trasmettere solo come MP a chi te lo richiede. nll]
                                                    Ultima modifica di nll; 06-02-2009, 13:49. Motivo: Soppressione indirizzo web non consentito

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Originariamente inviato da PALLINOF Visualizza il messaggio
                                                      Alieni lo siamo diventati, non riusciamo a comprendere più le dinamiche biologiche della natura e peggio ancora i nostri predecessori.

                                                      [MODERAZIONE: L'indirizzo del tuo blog lo puoi trasmettere solo come MP a chi te lo richiede. nll]
                                                      ah no?
                                                      per questo arriviamo a 80 anni senza tanti problemi?

                                                      ciao

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Due cose, Pallino:

                                                        1) conosciamo talmente meglio i processi biologici che ci regolano da avere fatto drasticamente salire l'età media nei paesi più sviluppati, dove la medicina moderna è applicata
                                                        2) per quanto sia vero che un sig. rossi qualunque, senza alcuno studio approfondito, non possa improvvisarsi ingegnere (nucleare, informatico, ecc) o dottore, è anche vero che questo vale per QUALUNQUE disciplina, da tempi ben più remoti del 21° secolo. Dubito che saresti stato un valido carpentiere nel 1200, per dirne una. Al massimo, avresti dovuto fare molta pratica prima di entare in una gilda come padroncino.

                                                        X Sero:
                                                        1) la tecnologia 'aumenta in modo esponenziale' perché ogni nuova scoperta si basa su quelle precedenti, a patto che sopravvivano studi e documenti delle suddette. Oggi abbiamo non solo una miriade di supporti ben conservati, ma l'educazione è altesì diffusa a livello di massa, permettendo così quello sviluppo che tanto ti soprende, unitamente a forti spinte competitive in seno alla società, spinte che stimolano i giovani a dare il meglio e ad essere creativi. Anche cervelloni come Einstein e Feynman a loro volta debbono molto a chi ha fornito indirettamente loro i dati per sviluppare le proprie teorie.

                                                        2) Ci sono popolazioni, tristemente, sottosviluppate, perché presso di loro non sorge manco una scuola, ed è un miracolo fare arrivare a loro solo cibo e medicinali. Sai come si dice, no? 'Nessuno nasce imparato'.

                                                        3) Credo che i cani abbiano un po' meno di 100.000 anni. Vabbe', battutina. Ad ogni modo, la nostra intelligenza è cresciuta perché quella è la nostra SPECIALIZZAZIONE, conosci questa magica parola, vero? Una specializzazione che, insieme alla nostra conformazione fisica, ci ha permesso di manipolare l'ambiente e, conseguentemente, noi stessi. Esempio: sviluppando e migliorando le nostre condizioni di vita nel tempo, nei paesi sviluppati viviamo più a lungo, siamo più alti, ecc. Laddove le popolazioni rimaste 'tagliate fuori' dallo sviluppo ancora vivono meno, sono più cagionevoli sotto alcuni aspetti e meno in altri... Gli altri animali, se naturalmente ti fossi premunito di procurarti qulche documento sui reperti fossili e in biologia, sono specializzati nella forma più elementare della sopravvivenza: cacciare/raccogliere, accoppiarsi, fuggire/nascondersi, e così via, con le differenziazioni relative al tipo di ambiente (acqua, terra, cielo). E, sempre se tu avessi studiato biologia 101 alle medie, avresti visto che gli animali di oggi differiscono già notevolmente dai loro remoti antenati. Pensa ad esempio alle tante specie estinte come mammuth, smilodonti, l'intera megafauna... E, ma qui spero di non farti venire un infarto fatale con una simile rivelazione, noi discendiamo dalle SCIMMIE. Da non crederci, eh?

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          X Greenmind

                                                          http://it.wikipedia.org/wiki/Sumeri

                                                          Come si evince dal link, se andava bene i sumeri al massimo arrivavano a distinguere Venere, Marte, Mercurio, Giove e Saturno. La loro tecnologia non si poteva certo definire di livello industriale, e la loro conoscenza del creato era a dir poco lontana da quella corrente. Sicuramente attribuivano ai loro dei celesti le tante benedizioni che ricevevano, ma quale popolo antico non lo faceva? Da qui a passare agli extraterrestri non è leggere 'sopra le righe', ma volare di fantasia.
                                                          E poi, c'è sempre l'eterno dilemma, e lo dico senza sfottò di sorta: degli alieni colonizzano il pianeta, il NOSTRO pianeta, e a noi se va bene ci danno qualche nozione accademica, e costruiscono civiltà fiorenti che non lasciano la benché minima traccia consistente? Sarebbe fantastico se trovassimo l'equivalente di una discarica piena di materiali plastici, per dirne una. Non dovresti riflettere meglio sul fatto che, invece, con tutta la nostra buona volontà troviamo solo resti primitivi, vasellame in terracotta, e coproliti?

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            di nuovo xSero:

                                                            I dinosauri sono spariti 'di botto', sicuro, considerando un arco di tempo GEOLOGICO, vale a dire milioni di anni. Tieni presente, però, che se tu fossi nato proprio nel giorno fatale in cui l'asteroide DK colpì la Terra, avresti avuto il tempo di vivere cent'anni, morire e diventare polvere prima di vedere l'ultimo dnosauro raggiungere il Grande Rettile nel cielo. Questo perché l'asteroide sconvolse sì radicalmente il clima, preparando il terreno all'estinzione dei signori del pianeta, ma non accadde di sicuro in un notte. In più (e torniamo a biologia 101, studia cribbio!), diverse specie di dinosauri sono sopravvissute fino ad oggi: gli uccelli, per dirne una, sono TUTTI diretti discendenti di quei bestioni, passando per quella singolare transizione che era l'Archaeopteryx. Coccodrilli e alligatori? pronipoti dei dinosauri. E se anche lo squalo non è un dinosauro, è comunque uno dei pochi animali marini che ha avuto il privilegio di sopravvivere alla catastrofe... Insomma, a loro andò male forte ma non scomparirono in blocco.
                                                            Perché se ne trovano i resti fossili in alcune zone sì ed in altre no? Be', intervengono vari fattori:

                                                            I) la fossilizzazione è un processo che richiede specifiche condizioni di clima e terreno al momento della morte dell'animale, condizioni che devono perdurare per un po' di tempo. E la Terra, sai, non è come quei pianeti extraterrestri dove tutte le condizoni climatiche/geologiche sono identiche dal polo nord al polo sud. Cenere alla cenere, polvere alla polvere valeva anche per loro (quando poi i cadaveri non venivano mangiati dagli insetti, cannibalizzati dagli affamatissimi sopravvissuti, ecc)
                                                            II) molte zone dove i dinosauri morirono si trovano oggi in fondo al mare o sono state sepolte da colate laviche o sono sprofondate nei processi sismici. In altre parole, se ci sono ancora dei resti, o sono distrutti o irraggiungibili

                                                            Ad ogni modo, per la tua statistica ti ho risposto prima: noi abbiamo una specializzazione precisa, ma compensiamo con notevoli manchevolezze fisiche nel confronto con gli altri animali, che invece, potendo rinunciare all'intelligenza, hanno migliori prestazioni sul piano fisico. Del resto, senza ali artificiali, col cavolo che sappiamo volare, giusto?
                                                            Quanto all'ambiente, purtroppo è l'eterno dilemma: non lo stiamo distruggendo tanto per la nostra 'malvagità' (e francamente non credo proprio che siamo nati con una qualche tara spirituale/genetica. Semplicemente, siamo aggressivi e capaci di uccidere come qualunque grosso scimmione, solo siamo più creativi in tale senso), quanto perché, proprio perché in grado di manipolare l'ambiente, proprio perché in grado di riprodurci in gran numero (ricordo un divertente aneddoto che ho letto una volta: se una donna nufraga su un'isola piena di uomini, avremo una donna felice, se un uomo naufraga su un'isola piena di donne, avremo una catastrofe ecologica) e di vivere più a lungo, siamo al punto in cui anche riducendo allo stretto essenziale i consumi, non possiamo evitare di inquinare nel processo di fabbricazione dei beni e nella produzione di energia. E anche se disponessimo della mitica fusione nucleare, ancora dovremmo coltivare ampi spazi di terra e abbattere foreste per l'allevamento degli animali da pascolo, e scavare miniere per l'estrazione dei minerali, e così via. Insomma, Sero, noi facciamo esattamente quello che facciamo per mangiare, riprodurci e vivere bene, ma siamo TROPPI. Cinicamente parlando, solo una drastica riduzione del nostro numero darebbe fiato al pianeta.
                                                            OK, poi potremmo essere decisamente idioti e scatenare una bella guerra nucleare globale, ma è uno scenario un tantino estremo, anche se, paradossalmente, rientrerebbe ancora nei nostri comportamenti di animali intelligenti. Olè!
                                                            Ultima modifica di Valmax; 08-02-2009, 02:13.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR