annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

MIRACOLO

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • MIRACOLO

    MIRACOLO!!
    Perchè essere virtuosi e risparmiare, quando con questa mia luminosa idea si può impunemente continuare a sprecare e consumare per produrre cose inutili!
    HO RISOLTO IL PROBLEMA DEL RISCALDAMENTO GLOBALE
    Basta rivestire la terra come si fa per una caramella per ridurre la quantità di energia solare ricevuta. In effetti è un esagerazione, basta creare un anello simile a quelli di Saturno per ridure l' assorbimento termico di quanto necessario a controllare il riscaldamento, in attesa di applicare sistemi di vita virtuosi che riducano la percentuale di gas serra.
    L' idea è estremamente semplice: si producono già fogli metallici o di materiale plastico, eventualmente metallizzato, ad esempio rislan, di spessore di due centesimi di millimetro od inferiore, una ricerca ottimizzata credo possa ulteriormente ridurlo a pochi millesimi.
    La terra ha una circonferenza di poco superiore ai 40'000 km, una altezza d' orbita usuale è di circa 300-400 km, si può considerare ragionevole una circonferenza d' orbita di circa 50'000 km.
    supponendo per semplificare un foglio di peso specifico 1 e spessore 1 centesimo, 1 kg coprirebbe 100 m2 (10x 10 m), 1 km2 peserebbe quindi 10 tonnellate, un anello largo un km e circondante tutta la terra 500'000 tonnellate. come il carico di 10 navi carboniere medie, 2-3 grandi
    Non dispongo dei dati sull' eccesso di riscaldamento della terra, nè di quanto converrebbe ridurlo, per evitare una catastrofe ambientale, sta ad eventuali futuri ricercatori dirlo. Converrebbe probabilmente produrre numerosi foglietti, con gli angoli piegati, come le famose orecchie d' asino dei quaderni delle elementari. disposti nella zona tropicale.
    Tutte questi foglietti creerebbero ovviamente dei problemi ai lanci spziali e dovrebbero essere ovviamente mappati, come si faceva per i campi minati.
    Si tratta di un progetto sufficientemente dispendioso e righiedente elevate risorse tecnologiche per essere interessante. I alternativa potrebbe essere lanciata della polvere, ad esempio bort o microsfere, ma credo risulti più pesante.
    Ho scelto un nome per questo progetto, partorito dalla mia immaginazione, sarà "Progetto Pulfero" in ricordo di un buon gatto. E' concessa una licenza Open a questa mia idea, a condizione che nello sviluppo venga citato il nome Pulfero

  • #2
    ci sarebbero un paio di problemini tecnici da risolvere

    ciao

    Commenta


    • #3
      solo un paio ???

      per favore ...

      comunque pulfero è un comune italiano , magari i pulferoti si potrebbero lusingare di dare a questo importate progetto il nome del loro comune !!!

      Commenta


      • #4

        Note di Moderazione: nll
        Siete pregati d'intervenire con un vostro contributo alla discussione, altrimenti astenetevi. Vi ricordo che il regolamento vieta i messaggi inutili e quelli polemici. Se ritenete che questa discussione debba essere moderata in qualche modo, ci sono apposite discussioni in "COMUNICAZIONI al FORUM" per fare tali segnalazioni.


        ••••••••••••

        Commenta


        • #5
          A parte la valanga di problemi tecnici che non so se possono nemmeno essere risolvibili all' attuale stato dell' arte...

          Credo che influenzare l' apporto di energia solare ricevuto dalla terra in zona equatoriale in maniera tale da scongiurare il surriscaldamento terrestre, porti a inevitabili squilibri ambientali.

          Commenta


          • #6
            tanto x cominciare:
            ci vorrebbero 50°000 voli dello shuttle

            ciao

            Commenta


            • #7
              Ma poi l' ombra di un nastro largo 1 km alla distanza di 300 km arriverebbe sulla superficie della Terra?
              Forse sarebbe come ombreggiare una palla diametro 1,2 km con l' ombra di una tagliatella a 30 metri di distanza.
              Ultima modifica di amir; 10-09-2010, 21:25.

              Commenta


              • #8
                Non lo so.. Probabilmente non cambia molto, maaaaa io una cosa del genere faccio fatica ad immaginarmela si avrebbe un gigantesco spiegamento di persone e mezzi... io direi che sarebbe meglio concentrarsi su altro, magari si ottengono risultati più proficui

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da primus71 Visualizza il messaggio
                  ...ci vorrebbero 50°000 voli dello shuttle...
                  macché, non sei al corrente dei progressi della scienza:
                  Ora c' è il Tractor Beam!
                  http://nexus404.com/Blog/2010/09/10/...-on-particles/



                  BZZZZAPPP e uno
                  BZZZZAPPP e due
                  BZZZZAPPP e avanti...

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da pulfero Visualizza il messaggio
                    peso specifico 1 e spessore 1 centesimo
                    Peso specifico e spessore non sono adimensionali in fisica. Quali unità stai usando?

                    Commenta


                    • #11
                      E' proprio perchè è difficile complicato e forse impossibile che ho messo la mia idea in rete. Forse è possibile svilupparla forse no. Immagino una miriade di foglietti laggerissimi, che si orientano da soli perpendicolarmente al sole. Qualche istitutuzione potrebbe prendersi in carico uno studio di fattibilità, orientato in varie direzioni:
                      1) effetto di una riduzione della radiazione solare del 0,01 % sull' effetto serra
                      2) costruzione di fogli ultrasottili
                      3) ecc.


                      sono vecchio ed uso unità antiche. il peso specifico era definito come peso di un litro di una qualche sostanza nel vuoto, 1 per l' acqua a 4°C, ora si chiama densità.

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da pulfero Visualizza il messaggio

                        sono vecchio ed uso unità antiche. il peso specifico era definito come peso di un litro di una qualche sostanza nel vuoto, 1 per l' acqua a 4°C, ora si chiama densità.
                        diciamo che si chiama densità da un bel po' di tempo, e sono cose diverse;
                        cmq, quello che voleva dire bessel è che non hai messo le unità:
                        1 di cosa? mele, pere o banane?

                        e poi:
                        come orienti i foglietti in modo perpendicolare al sole?

                        ciao

                        Commenta


                        • #13
                          Densità e peso specifico sono due cose diverse, ma
                          spesso succede di confonderle..
                          Il peso specifico si misura in[N/m3] (scusatemi ma
                          non riesco a mettere il pedice ) e la densità in [Kg/m3]...

                          Forse intendi dire perpedicolari ai raggi del sole che dovrebbero colpire la superficie terrestre...

                          Commenta


                          • #14
                            il peso specifico nel vecchio sistema tecnico era in kg peso per litro, eliminati i kg peso ed il litro, nel sistema internazionale utilizzando tonnellate di massa e metri cubi, guarda caso si ottiene lo stesso risultato. E' ancora stranamente identico alla specific gravity del sistema americano ASTM, cambia solo la temperatura di riferimento che è di 60°F.
                            per i centesimi domando umilmente perdono, eliminate le unità intermedie, si dovrebbe scrivere micrometri (microns), mi secca cercare e copiare la lettera greca mu.
                            E' per questo che lo stato italiano calcola la tassa sui natanti in cm!!.
                            Ho le conoscenze tecniche e pratiche se desiderate per tenere un corso sulle unità di misura e la relativa analisi dimensionali, nonchè di parlare delle numerosissime unità di misura anglosassoni; non era però questo lo scopo della mia entrata nella discussione

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da pulfero Visualizza il messaggio
                              nel sistema internazionale utilizzando tonnellate di massa e metri cubi, guarda caso si ottiene lo stesso risultato.
                              non proprio:
                              se parli di massa vuol che dire che parli di densità, e non si usano le tonnellate ma i kg.
                              a prescindere da ciò, come gli orienti i foglietti?

                              ciao

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da primus71 Visualizza il messaggio
                                a prescindere da ciò, come gli orienti i foglietti?
                                mmm...
                                faccio circolare una corrente sul bordo del foglietto. Il campo magnetico (solare) creerà una coppia di ribaltamento, dato che nasceranno due forze uguali e contrarie nei tratti di circuito ortogonali al campo. Può andare?

                                Ma i foglietti sono tutti staccati tra di loro? Perchè se sono basculanti su un telaio è tutto più facile.

                                Commenta


                                • #17
                                  i foglietti potrebbero orientarsi con il vento solare, è già scritto, piegando gli spigoli.
                                  E' solamente un' idea, potrebbe forse essere verificata in alcune direzioni come già detto:
                                  appurando di quanto dovrebbe essere ridotto l' irradiamento solare per evitare una catastrofe in tempi brevi, nel mentere si riducono le emissioni di gas terra e l' entalpia dei processi terrestri
                                  di quale peso per metro quadro possono essere prodotti dei foglietti riflettenti gli ultrarossi
                                  so, per parlare di prodotti poveri che l' oro può essere laminato a spessori tali da diventare trasparente, non credo che sia il caso di usarlo.
                                  con foglietti di 01 microns il peso si ridurrebbe per 1 km di anello a 5000 t . forse si può fare meglio.
                                  successivamente andrebbe eventualmente verificato o trovato il modo di orientare i fogli, effettuato uno studio di come distribuirli nella zona tropicale ecc.
                                  Si tratta di fantasie, allo stato attuale, con più basi tecniche di molti film di fantascienza, forse potrebbe essere usato come idea base per farne uno.

                                  dott. ing. "pulfero"

                                  Pulfero era il nome del mio gatto, non ha nulla a che fare col paesino sul Natisone, in cui sono stato solamente una volta

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da pulfero Visualizza il messaggio
                                    i foglietti potrebbero orientarsi con il vento solare, è già scritto, piegando gli spigoli.
                                    Sì, ma mandi un astronauta a piegare gli spigoli?

                                    Si tratta di fantasie, allo stato attuale, con più basi tecniche di molti film di fantascienza, forse potrebbe essere usato come idea base per farne uno.
                                    Una cosa vagamente del genere era stata fatta sul pianeta Solaria, se non mi ricordo male. Vedi "Fondazione e Terra", di Isaac Asimov.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Concordo sulla valanga di problemi tecnici, ma se vogliamo divertirci e parlare pseudoseriamente c'è un aspetto che non condivido:
                                      Perchè creare una fascia equatoriale di 50.000 kmq? Tutta la fascia non direttamente colpita dal sole sarebbe un inutile ostacolo per lanci spaziali, satelliti, ecc.
                                      Credo invece sarebbe più efficace un gigantesco "parasole" da fissare in un'orbita stabile verso il sole (che si frappone sempre fra Sole e Terra insomma).
                                      Credo però che il problema più grave sarebbe la spinta del vento solare che trasformebbe l'ombrellone nella prima nave a vela solare se non contrastato da una spinta contraria!
                                      “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                      O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                      Commenta


                                      • #20
                                        L' idea è affascinante, ci avevo già pensato, però l' ombrellone risulterebbe essere un po' distante dalla terra. Per essere funzionale dovrebbe essere posizionato ad una distanza tale dalla terra da compiere come la terraun giro circa all' anno, con un orbita leggermente elittica per per compensare l' eccentricità dell' orbita terrestre, e quindi la non costante velocità di rivoluzione della terra attorno al sole. Tenendo conto che la posizione di un satellite è comunque quella di equilibrio tra accelerazione di gravità e accelerazione centrifuga o centripeta che dir si voglia, il raggio di rotazione dell' ombrellone sarebbe di grossomodo un milione e mezzo di chilometri (1.5 Gm per i puristi del SI, quelli che non pagano la tassa della barca perchè espressa in centimetri). ricordo che il raggio dell' orbita dei satelliti geostazionari è di circa 42169 km e quello della luna circa 384400 km. Se qualcosa si deve fare, suggerisco ulteriori luminose o perlomeno riflettenti idee: Inventare un asfalto di colore ghiaro, in modo da riflettere una parte dei raggi solari. Pccato che nelle zone equatoriali le strade siano poche. Idem per tetti e facciate delle abitazioni. Rivestire di Domopack almeno una parte dei deserti, l' operazione di pulizia dalla sabbia risolverà poi il problema della disoccupazione nei paesi sottosviluppati Fare tante barchette di alluminio e farle galleggiare sugli oceani

                                        Commenta

                                        Attendi un attimo...
                                        X
                                        TOP100-SOLAR