annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Nuova astronautica

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Nuova astronautica

    La chiave di volta dell'esplorazione spaziale è la messa a punto di nuovi sistemi propulsivi che permettano di muoversi agilmente nell'ambito del sistema solare ed oltre. Esistono due tipi di sistemi propulsivi molto promettenti, quello di B.Heim e il motore di Alcubierre.
    L'obiettivo della colonizzazione dello spazio è la Luna, con una base permanente polare ed un osservatorio astronomico, e marte, con la possibilità di terraformazione dopo la costituzione di una colonia. Poi bisognerà cercare di studiare bene i pianeti extrasolari simil-terra più vicini.
    Non date retta alla favola che bisogna pensare ai problemi della Terra piuttosto che andare nello spazio: è esattamente il contrario, è proprio perchè è stata abbandonata la corsa allo spazio, che sulla Terra si va tutto immiserendo.
    La colonizzazione dello spazio è un ideale capace di trascinare l'umanità alle più alte conquiste e ricadute sulla Terra.
    Proprio perchè l'uomo è destinato al cosmo.

  • #2
    Originariamente inviato da Franco52 Visualizza il messaggio
    La chiave di volta dell'esplorazione spaziale è la messa a punto di nuovi sistemi propulsivi che permettano di muoversi agilmente nell'ambito del sistema solare ed oltre. Esistono due tipi di sistemi propulsivi molto promettenti, quello di B.Heim e il motore di Alcubierre.
    Quoto quello da te espresso.
    Ma mi chiedo perchè inizi sempre una nuova discussione, che rimane senza seguito e senza seguaci, quando invece esiste già una discussione aperta sull'argomento , Energia e tecnica per i viaggi nello spazio ?
    L'argomento da trattare sarebbe interessante e se ne è parlato diffusamente, ma non riguardo a tali sistemi propulsivi che forse pochi conoscono.
    Saluti.
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

    Commenta


    • #3
      http://lunar.colorado.edu/~jaburns/p...onomy.moon.pdf

      Astronomia dalla Luna: un salto gigantesco nelle ricerche astronomiche

      Commenta


      • #4
        Base Lunare Polare

        1985lbsa.conf...77B Page 78

        Commenta


        • #5
          Terraformazione di Marte

          Terraforming of Mars - Wikipedia, the free encyclopedia

          In più aggiungerei di spostare Deimos in orbita geosincrona per farne un riflettore solare.

          Commenta


          • #6
            Terraformazione di Venere

            Terraformazione di Venere - Wikipedia
            File allegati

            Commenta


            • #7
              Che le cavità a specchio intrappolino la luce è falso, e lo si sa da parecchio (forse dovresti cercare in rete "meccanica quantitstica", prima di postare certe cose), che poi un laser pointer da 5 milliwat possa dissociare tutte le molecole di CO2 dell'atmosfera di Venere credo che non possa pensarlo nessuno. E studiare qualche fondamento di fisica e chimica, magari?

              Commenta


              • #8
                Si potrebbero far atterrare sulla superficie di Venere migliaia di questi reattori per mezzo di elicotteri venusiani,
                ed alimentarli con la stessa energia termica di Venere (400°C), col principio della cella termoelettrica
                File allegati

                Commenta


                • #9
                  migliaia di questi reattori
                  Con 5 milliwatt l'uno, solo per arrivare a 1 watt ce ne vogliono duecento...
                  Ora, a spanne arrivano sulla terra circa 174 milioni di gigawatt (miliardi di watt) di radiazione solare, e su Venere circa il doppio visto che è più vicina: almeno il 30% è costituito da raggi ultravioletti della frequenza e dela potenza giuste per la reazione. E questi 104 milioni di gigawatt non bastano a fare nessun terraforming (che fra l'altro è una cosa completamente diversa dal "creare" ossigeno).
                  Rimangono 244 milioni di gigawatt in calore e luce da utilizzare (gli UV fanno già il loro lavoro, mica vorrai sottrarre energia dagli UV incidenti per fare una cella fotoelettrica che poi produca di nuovo gli UV, vero?).
                  Quindi, rimane solo da fare una serie di generatori che producano almeno metà della potenza elettrica necessaria (120 milardi di gigawatt) per alimentare i 24.000 miliardi di puntatori laser da 5 milliwatt utilizzando tutto il calore che arriva dal Sole, così il pianeta si congela.

                  Ah, naturalmente nessuno stirling funziona in quel modo: tutte le macchine termiche convertono il calore in energia prelevando da una sorgente calda e scaricando in una fredda, e quella fredda su Venere è quella ambiente (400°). I venti gradi all'interno dello Stirling non possono esistere. Al massimo, si potrebbe partire da 1000° ottenuti in qualche modo e scaricare a 400°.

                  Come ho già detto, ti sarebbe utile studiare qualche fondamento di fisica e chimica delle medie, con particolare riferimento ad argomenti come "cos'è l'energia", cos'è la potenza" e "cos'è la temperatura"

                  Commenta


                  • #10
                    Livingreen, ci sono anche laserini da 2 watts,
                    per quanto riguarda il caldo-freddo, basta ISOLARE...

                    Commenta


                    • #11
                      Livingreen, ci sono anche laserini da 2 watts
                      Bene, allora serviranno solo 120 milioni di miliardi di laserini, invece di 24000 milioni di miliardi...
                      per quanto riguarda il caldo-freddo, basta ISOLARE...
                      Mi sa che non conosci proprio i fondamenti... se la temperatura è di 400°, non penserai mica che basti "isolare" perchè scenda, vero? La temperatura MINIMA che si potrà ottenere sarà equilibrata a quella ambiente, e sarà anch'essa di 400°.
                      E questo senza contare che scaricando energia termica sulla parte a 20° (ammesso che esistesse) questa aumenterebbe di temperatura, che non può dissipare visto che l'ambiente è a temperatura più alta: risultato, si torna ai 400° di temperatura MINIMA.....

                      Commenta


                      • #12
                        Guarda che meraviglia....
                        File allegati

                        Commenta


                        • #13
                          A parte che conosco l'aerogel da parecchio, non ti dice niente il fatto che la temperatura ambiente sulla Terra sia leggermente più bassa che su Venere? Quel fiore si trova in un posto dove ci saranno forse 25 gradi di temperatura, e viene facilmente isolato da una fiamma di 1000°. Prova ad aspettare che la fiamma abbia scaldato a 400° tutta la stanza dove si trova il fiore, poi vedi che fine fa il fiorellino "isolato"....
                          Per favore, almeno le cose principali cerca di studiarle, non si può continuare a sentir dire certe enormità.

                          Commenta


                          • #14
                            Le invenzioni di Franco non sono ai confini della scienza, ma al di fuori della scienza.
                            MI risulta che su venere il problema non sia la CO2 ma piogge acide di H2SO4 , l'atmosfera è di ac. solforico, i raggi UV del sole , più intensi che sulla terra , gli fanno il solletico.
                            Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                            Commenta


                            • #15
                              Nuovi sistemi propulsivi

                              Il motore di Alcubierre:

                              http://www.energeticambiente.it/ai-c...settimane.html


                              Il sistema di B.Heim:

                              http://www.energeticambiente.it/ai-c...e-tre-ore.html

                              Commenta


                              • #16
                                Per quanto riguarda il sistema di Heim, l'esperimento da fare è molto semplice,
                                si deve circolarizzare un tondino di ferro da 1 cm per 6 metri di diametro,
                                poi gli si avvolge a toroide del filo di rame da 1 mm che si alimenta ad HF, a 110 MHz, 1 A
                                con la semionda negativa tagliata con un raddrizzatore...

                                Commenta


                                • #17
                                  Visto che sei cosi entusiasta di questi motori Arcubierre ed Heim, perchè non ci decrivi come sono fatti?
                                  Forse allora riuscirò a capirti .
                                  Sauti.
                                  Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Bene, leggendo il link vedo che il motore di Heim creerebbe due nuove dimensioni oltre a quelle einsteniane, utilizzando una macchina a raggi X da 350 terawatt (la macchina libera in 70 nanosecondi 80 volte l'ammontare globale di potenza elettrica prodotta nel mondo) da far circolare in un toroide superconduttore che -si dice testualmente- non è possibile costruire con i materiali conosciuti. Una cosetta solo leggermente più grande e costosa dell'acceleratore LHC del CERN di Ginevra, insomma.

                                    E per te sarebbe un semplice tondino di ferro, alimentato con un ampére invece dei 27 milioni della macchina in questione, alla frequenza di 110 MHz (110 milioni di Hertz) invece dei 300 EHz (300 miliardi di milioni di Hertz) della macchina minima necessaria?
                                    Ma ce l'hai il senso delle proporzioni?

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Sei pianeti simil-terra scoperti finora. Eccoli:

                                      Gliese 370 b - Wikipedia

                                      Kepler-22 b - Wikipedia

                                      Gliese 581 g - Wikipedia

                                      Gliese 667 - Wikipedia

                                      Scoperto un nuovo pianeta simile alla Terra: è HD 40307g - NextMe

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Franco fai finta di non capire quello che uno ti dice?
                                        Cosa vuoi che ce ne freghi dei pianeti extraterrestri? Queste sono cose che già abbiamo letto giorno per giorno dai giornali, dalle tv edai vari siti.
                                        Non c'era bisogno del tuo intervento per saperlo. Queste cose che proponi tu sono cose irrealizzabili ed esistenti nella tua fantasia.
                                        Questa non è nuova astronautica , ma solo fantasia, di astronautica non c'e niente. Parliamo di argomenti seri per favore.
                                        Ti propongo come come prossimo pilota della macchina ai raggi X di Heim, sei d'accordo?
                                        Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Estrazione di sostanze volatili dalla regolite lunare:

                                          http://fti.neep.wisc.edu/pdf/wcsar8808-1.pdf

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Farina di basalto come simulante della regolite

                                            e camera di simulazione lunare:
                                            File allegati

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Ahh, quante belle cose che ci fai vedere Franco!
                                              Sono cosi belle e interessanti, che io non perdo nemmeno il tempo di vederle.
                                              Meglio parlare con un sordo.
                                              Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                              Commenta


                                              • #24
                                                In effetti è un dialogo tra sordi perchè, però, la pensiamo molto diversamente sugli scopi
                                                dell'astronautica...
                                                per me è il motore primo dell'umanità
                                                che deve guardarsi intorno nel firmamento

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Io guardo il firmamento con occhi entusiasti e vorrei andarci veramente lassù, come più volte ho espresso, ma vorrei andarci veramente, non con la fantasia come fai tu.
                                                  Sino a quando parli di cose irrealizzabili tutto è fantasia. Io parlo invece di cose futuribili , alla portata dell'intelletto umano e della tecnologia oggi esistente . Se solo si spendessero i soldi destinati alla creazione di armi , alla realizzazioni di mezzi reali per viaggiare nello spazio a quest'ora Odissea nello spazio sarebbe già ora. Invece dopo più di 30-40 anni dalla conquista della luna, siamo ancora a guardare la luna dalla terra. Secondo le previsioni dell'epoca anni 70-80 dovevamo essere già su Marte.
                                                  Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                                  Commenta

                                                  Attendi un attimo...
                                                  X
                                                  TOP100-SOLAR