annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Relatività, spazio, tempo ecc. ecc. secondo Experimentator, Pulvirenti e altri scienziati incompresi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Relatività, spazio, tempo ecc. ecc. secondo Experimentator, Pulvirenti e altri scienziati incompresi

    Salve , posto questo 3D sulla relatività come una discussione da bar ,magari per sentire il parere degli amici cosa ne pensano essendo un argomento al di fuori delle esperienze comuni del nostro mondo .

    Leggendo una delle spiegazioni della relatività mi sono imbattuto in questo video che pretende di descrivere la relatività con poche formule , ma secondo me cade in errore .

    RELATIVITA' SENZA FORMULE - 1 - Dilatazione dei tempi - YouTube

    Cosa ne pensate ?

    Una delle critiche :


    Leonardo Paradiso6 mesi fa
    E' l'orologio a luce; all'orologio a luce non si applica la teoria della relatività ristretta. Tale teoria è stata formulata per moti unidirezionali non per moti misti in più direzioni, tipo orizzontali + verticali. La dilatazione dei tempi è una delle conseguenze dell'applicazione delle trasformazioni di Lorentz dunque una conseguenza puramente matematica non spiegabile fisicamente; la discussione del video è errata.
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

  • #2
    Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
    Cosa ne pensate ?
    Che la spiegazione del video è chiarissima e lineare.

    Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
    E' l'orologio a luce; all'orologio a luce non si applica la teoria della relatività ristretta. Tale teoria è stata formulata per moti unidirezionali non per moti misti in più direzioni, tipo orizzontali + verticali. La dilatazione dei tempi è una delle conseguenze dell'applicazione delle trasformazioni di Lorentz dunque una conseguenza puramente matematica non spiegabile fisicamente; la discussione del video è errata.
    Questo invece è un periodo del tutto arbitrario e ben poco chiaro.
    Chi lo dice che la teoria della realtività ristretta vale solo per moti unidirezionali? E dove esisterebbe un moto "pluridirezionale" di un singolo fotone o di una particella?
    Che la discussione del video sia errata è una frase apodittica del tutto slegata da qualsiasi prova sperimentale o teorica che potrebbe scrivere un bambino!
    Del resto la teoria della relatività è ben visibile in molti aspetti della ricerca e tecnologia spaziale, dai satelliti alla stazione spaziale.
    Su che basi dovrebbe far sorgere "sospetti"??
    Io mica l'ho capito!
    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

    Commenta


    • #3
      Vabbehh , l'argomento un po difficile viene spiegato in maniera semplicistica , bisognerebbe applicare le trasformazioni di Lorenz .

      La relatività si basa su un principio naturale sempre verificato che la velocità della luce è uguale per tutti gli osservatori inerziali .
      Quindi se misurata da chi è fermo o chi è in movimento essa appare sempre la stessa da qualunque osservatore o fermo o in movimento .

      Ora dal video si vede che l'ipotenusa del triangolo misura 1.76 mentre altezza 1 sec. il percorso impiegato dalla luce .
      Quindi da chi è fermo la luce avrebbe impiegato 1.76 sec , mentre da chi è in movimento un sec per percorrere lo stesso tragitto .

      A parte che la luce non dovrebbe seguire il percorso del soggetto in movimento in quanto in questo modo sarebbe vincolata al movimento del soggetto , ma invece una volta emessa diventerebbe indipendente . Se io sono un osservatore a terra a distanza di 1 sec luce ed una astronave emette un raggio di luce verso di me , io vedo il raggio di luce nella posizione dove era 1 sec prima ,anche se in effetti dopo un sec l'astronave ha percorso una certa distanza . Come avviene per le stelle io vedo la luce che fu emessa dalla stella 4 anni prima, per esempio per una stella distante 4 anni luce .
      Cosi anche per le galassie distanti 13 miliardi di anni luce io vedo la luce che fu emessa 13 miliardi di anni fa , oggi non sappiamo come sono perché la luce non è ancora giunta sino a noi .
      Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

      Commenta


      • #4
        Come sono contento d'esser ignorante… non ci trovo nulla di sbagliato in quella spiegazione, anche perché non ho capito dove eventualmente lo sia.
        Come scrive EXP… Credo che rivolgendosi ad un pubblico, di certo non "inoltrato in materia" già averla spiegata cosi terra terra, è una buona cosa.
        Quando ho installato il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, ho dovuto risolvere problemi che prima non avevo.:cry:
        Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
        Caldaia a basamento Immergas NCX 25 Sirio Vip 1990 - rendimento 94,4%.:shocked:
        Meglio un amico sbronzo che un parente §tronzo.

        Commenta


        • #5
          Bene se lo hai capito in quel modo ok , relatività spiegata col teorema di Pitagora , ma nella realtà nessuno può calcolare quella ipotenusa in quanto non è una ipotenusa .
          L'osservatore a terra non vedrà mai quella ipotenusa come raggio luminoso .


          Come detto la luce che vediamo dalle galassie lontane 13 miliardi anni fa , ci dicono dove so trovavano 13 miliardi anni fa .
          In astronomia e cosmologia, la Legge di Hubble, scoperta da Georges Lemaître nel 1927 ma comunemente attribuita ad Edwin Hubble che la enunciò nel 1929,afferma che esiste una relazione lineare tra lo spostamento verso il rosso della luce emessa dalle galassie e la loro distanza: tanto maggiore è la distanza della galassia e tanto maggiore sarà il suo spostamento verso il rosso.

          Da questa osservazione Hobble dedusse che le galassie si allontanano da noi ipotizzando un universo in espansione e quindi l' origine del Big bang .

          Ora una osservazione, se quelle galassie erano distanti 13 miliardi di anni fa , la luce che riceviamo oggi è il messaggero della loro posizione in quel tempo , oggi in realtà non sappiamo se sono più lontane o più vicine .
          Inoltre per effetti relativistici l luce verrebbe deviata nel suo percorso dalle masse galattiche ed anche attenuata provocando uno spostamento verso il rosso .

          Quindi tutte queste teorie non sono che solo teorie , ma in realtà sappiamo poco o nulla di quello che succede la fuori , ci basiamo solo sulle informazioni che riceviamo da un raggio di luce .
          Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

          Commenta


          • #6
            L'ipotenusa è una semplificazione!
            Se invece del raggio di luce usassimo una pallina "sparata" contro il soffitto dell'astronave a 100 kmh e l'astronave stesse viaggiando in avanti a 100 kmh... dovrebbe essere facilmente comprensibile che la pallina in realtà non percorre nello spazio una linea diritta verticale, anche se tutti sull'astronave la vedranno così, perché in realtà la velocità dell'astronave si SOMMA parzialmente a quella della pallina, facendo descrivere alla pallina la famosa ipotenusa!
            Dato che l'ipotenusa è più lunga del cateto nel triangolo che ne risulta, è ovvio che la velocità assoluta della pallina è MAGGIORE della velocità relativa della stessa nel sistema astronave! Cioè la pallina lanciata in alto a 100 kmh in realtà viaggia a 1.xy * 100 kmh! Questo indipendentemente dal fatto che ci sia o meno l'osservatore esterno!
            Nel caso della luce questo NON è possibile, in quanto il raggio che parte diretto verso l'alto nell'astronave NON PUÒ superare la velocità della luce!
            Quindi quell'ipotenusa deve esistere, ma non può essere più lunga del cateto verticale! Creando un paradosso che la relatività risolve! La velocità resta la stessa sempre per la luce, ma il tempo viene "deformato" come anche lo spazio per rispettare questa legge fondamentale universale!
            Tutto quanto sopra non ha alcuna relazione col fatto che la luce proveniente da una galassia a 10 miliardi di anni luce ci ha messo, ovviamente, 10 miliardi di anni a raggiungerci!
            “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
            O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

            Commenta


            • #7
              Che sia una semplificazione siamo d'accordo , rischia di essere imprecisa . Dovremmo invece parlare di contrazione o dilatazione dello spazio-tempo ,o curvatura dello spazio tempo , in quanto per la relatività lo spazio è a 4 dimensioni .
              In poche parole l'ipotenusa per rendere l'idea dovrebbe essere più corta e curvata , cosi come il cateto .
              Consiglio di leggere questa sintesi divulgativa :
              Sintesi : teoria della relativita


              Lo spazio-tempo 4-dimensionale viene così perturbato dalle masse che generano il campo
              gravitazionale che lo incurvano. Questo significa che lo spazio-tempo della realtà fisica non è
              piatto, cioè euclideo. In esso non valgono più le regole della geometria euclidea. In uno spazio
              non euclideo, per esempio, la somma degli angoli di un triangolo è diversa da 180 gradi, il rapporto
              fra circonferenza e diametro è diverso da pigreco e due rette parallele si possono incontrare. Lo
              spazio-tempo reale non è euclideo.

              Un corpo qualunque, nel suo moto nello spazio-tempo, deve seguire una geodetica. Questo
              principio deriva da un principio naturale più generale, il principio di minima azione, secondo
              il quale la natura compie sempre il minimo "sforzo", ovvero la natura è priva di "fantasia". Un
              corpo percorrendo una geodetica soddisfa il principio di minima azione.

              A tal proposito vorrei fare una critica al principio di equivalenza di Einstein .


              Questo fenomeno va sotto il nome di principio di equivalenza ed esprime il fatto che
              la massa inerziale è uguale alla massa gravitazionale, ovvero che due corpi si attirano
              gravitazionalmente con la stessa massa con la quale reagiscono a qualunque forza, di
              qualunque tipo.

              Il coefficiente di proporzionalità fra forza e accelerazione si chiama massa inerziale (o
              semplicemente massa) e la formula che lega queste grandezze è la arcinota F = ma.

              Poi dirò perché questa equivalenza è solo proponibile per brevi periodi di tempo , mentre un'altra grandezza come la forza centripeta o centrifuga , porta le stesse conseguenze della forza di gravità a cui sarebbe sovrapponibile .
              Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

              Commenta


              • #8
                experimentator, ho letto il contenuto del link ed ho capito tutto... belin ci ho visto una punta di sadismo, che me vuoi fa impazzì!
                Qualcosa di più umano, che so, la congettura dei numeri primi gemelli ad esempio.
                Quando ho installato il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, ho dovuto risolvere problemi che prima non avevo.:cry:
                Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
                Caldaia a basamento Immergas NCX 25 Sirio Vip 1990 - rendimento 94,4%.:shocked:
                Meglio un amico sbronzo che un parente §tronzo.

                Commenta


                • #9
                  Expy, devo ammettere che capire i concetti della relatività Einsteiniana è complesso, ma capire dove vuoi andare tu a parare lo è anche di più!
                  Io non ho capito cosa ti lasciasse perplesso nel filmato, semplice e istruttivo, che hai linkato.
                  Il resto dei tuoi interventi è anche più oscuro.
                  Tu scrivi che, visto che lo spazio-tempo è curvo l'ipotenusa ed il cateto dovrebbero essere più corti e curvi. Si può discutere, credo fosse lo scopo del primo post, ma non su basi così vaghe!
                  Lo spazio-tempo non è una sfera (che è un oggetto tridimensionale), ma una realtà dove spazio e tempo possono deformarsi in forme che noi definiamo curve solo perché non siamo in grado di figurarci strutture a più di 3 dimensioni.
                  In realtà lo spazio viene "curvato" dalla massa. La simulazione più vicina è quella dove palle più o meno pesanti vengono appoggiate su superfici morbide come un telo di gomma elastica e lo deformano. Addirittura in quel caso se lanci una pallina più leggera intorno a una Delle palle la vedrai orbitare attorno e vedrai l'effetto simulato dell'attrazione gravitazionale dato dal telo elastico che scende verso il peso maggiore. (Il telo gravitazionale - YouTube)
                  Senza masse a deformarlo però lo spazio è lineare e la discussione sulla traiettoria della luce, con ipotenusa e cateti annessi, non ha nulla a che vedere con le deformazioni gravitazionali spaziali, ma con la deformazione dell'altra dimensione. Il tempo!
                  Ipotenusa e cateto sono solo semplificazioni. In realtà la relatività dimostra che lo spazio che il fotone percorre è SEMPRE lo stesso. Non a caso la velocità della luce è una costante naturale universale. Quindi ipotenusa e cateto non devono essere curvi o più o meno corti, ma UGUALI! Questo però è possibile solo se deformi una Delle dimensioni. In questo caso il tempo.
                  Che infatti si deforma. Ed è stato dimostrato sperimentalmente!
                  Ultima modifica di BrightingEyes; 21-09-2018, 10:28.
                  “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                  O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                    un'altra grandezza come la forza centripeta o centrifuga , porta le stesse conseguenze della forza di gravità a cui sarebbe sovrapponibile .
                    Su questo principio è possibile progettare un nuovo tipo di riduttore di tensione.

                    Mi spiego meglio....

                    Si abbia a disposizione una giostra; sostituisco i cavalli di plastica con batterie di accumulatori, collego gli accumulatori a delle lampade.

                    Ovviamente dopo un certo tempo gli accumulatori si scaricano e le lampade smettono di emettere luce.

                    Ma supponiamo di avviare la giostra e farla girare, per causa della gravita fittizia generata dalla forza centrifuga, il tempo scorre più lentamente quindi le lampade si caricano dopo un tempo più lungo.

                    Ora supponiamo che non mi interessa più fare luce da lampade che sono in movimento, ma voglio raccogliere quell'energia dall'esterno, per raccoglierla serve necessariamente un collettore come quello che si usano nei motori a corrente continua, in altre parole sposto le lampade che stanno dentro la giostra verso l'esterno lontano dalla giostra cioè sulla terra ferma.

                    Il perno della giostra serve per vincolare la rotazione della giostra ma anche deve servire per raccogliere l'energia degli accumulatori, quindi il perno della giostra deve servire anche come collettore che ha spazzole di carbone.

                    Mentre gli accumulatori girano, io dall'esterno raccolgo l'energia elettrica che passa attraverso il collettore della giostra (che è anche il perno centrale della giostra).

                    Per causa dell'intensa gravità che c'è sulla giostra, un osservatore esterno vede che il tempo sulla giostra scorre più lentamente e quindi le pile si scaricano dopo, ma la raccolta viene fatta nel "mondo" esterno tramite collettore a spazzole.

                    Energia = Potenza x Tempo

                    Siccome l'energia si calcola facendo potenza per il tempo, è evidente che per rispettare la legge della conservazione dell'energia, la tensione in uscita deve diminuire per forza.

                    Mediante un voltmetro l'osservatore esterno misura che la tensione elettrica è 8 volt anziché 12 volt, ma contemporaneamente l'osservatore che sta sulla giostra vede che il voltmetro indica una tensione elettrica di 12 volt.

                    E' evidente che c'è qualcuno o qualcosa che riduce la tensione elettrica, ma nel circuito non esistono resistenze o potenziometri.

                    In altre parole il potenziometro è invisibile o inesistente, forse si potrebbe definire "potenziometro relativistico".

                    Sicuramente la tensione sarà ridotta, altrimenti creerei energia dal nulla assoluto e questo sarebbe in contrasto con la legge della conservazione delle'energia.
                    i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

                    Commenta


                    • #11
                      Non ho capito granché del principio che dovrebbe ridurre la tensione, ma credo di poter garantire che la legge di conservazione dell'energia non verrebbe messa in dubbio da una produzione di energia elettrica che ben difficilmente sarebbe superiore a quella utilizzata per fare girare la giostra!

                      Cerchiamo cmq di non andare OT. La discussione è sulla relatività vera o falsa. Atteniamoci al titolo, che già così c'è da sbizzarrirsi!
                      “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                      O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                      Commenta


                      • #12
                        Vince una sola lettura non basta , bisogna leggerlo più volte e fermarsi .

                        Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                        Expy, devo ammettere che capire i concetti della relatività Einsteiniana è complesso, ma capire dove vuoi andare tu a parare lo è anche di più!
                        !
                        Lascia perdere quel filmatino da scuola media, forse può servire a capire perchè il tempo si accorcia o si allunga , ma nulla di più .

                        La mia critica comunque non è al filmatino ed il 3D non si impernia in quello , ma sulla relatività , come credo si sia capito .
                        Rileggendo oggi o concetti della relatività e visto che non la debbo imparare a memoria per darmi un esame , ho trovato dei punti critici si cui io oggi mi pongo delle domande .
                        Certo oggi non ho la freschezza delle formule matematiche di allora ne posso ne so fare calcoli difficili che possono confutare la teoria , anche se era di difficile comprensione ai vecchi tempi .
                        Per quello che mi ricordo io all'epoca il prof. di fisica si concentrò di più sulle coordinate di Lorenz e su quello insisteva agli esami ,quindi sulla RR , della successiva teoria della relatività generale si fece solo un discorso generico con alcune formule già risolte , in pratica le premesse delle formule ed i risultati fisici .
                        Non ho più gli appunti dell'epoca anche se mi sarebbe piaciuto approfondire la questione , ma essendo una facoltà di chimica questo argomento era ai confini del corso di studi .

                        C'erano vi sono diversi punti critici nella teoria , già allora come ora .
                        Più che altro a me sembra un giochetto di matematica in cui si va tentoni ed a postulati con approssimazioni successive per far quadrare i conti , mi verrebbe da dire come quelli della lega e 5stelle , ma sorvoliamo .

                        Rileggendo ora, io mi pongo delle domande e cerco di dare delle risposte o ricevere risposte da chi è in grado di darle in questo forum o altrove .
                        Ecco anche il motivo della posizione del 3D su 4 amici al bar e non ai confini della scienza .

                        Ora dico per esempio uno dei punti critici e la domanda che mi pongo , poi vedremo anche gli altri punti di dubbio , la velocità della luce è costante .

                        Per quello che sappiamo questo dato viene confermato , ma dove ? Nel nostro sistema planetario . Non abbiamo misure fatte in altri luoghi dello spazio .

                        Quello che sappiamo sulla terra è velocità della luce nel vuoto e nell'aria o nei gas o nei liquidi , e questa varia in base al mezzo conduttore .
                        Lasciamo perdere la questione dell'etere in quanto presupporrebbe l'esistenza di qualcosa su cui muoversi di cui non sappiamo nulla ed anche perché si è visto che campo elettrico e magnetico si possono propagare nel vuoto , anzi un mezzo conduttore non fa altro che rallentare la velocità .
                        Ora dico tu Einstein hai postulato la costanza della velocità della luce solo per l' esperimento di Michelson e Morley ?

                        Questo diventa un postulato universale …

                        Ma cosa ne sappiamo noi a che velocità viaggia nella costellazione di Andromeda o della isotropia dello spazio lontano da noi ?

                        L'hai misurata ?
                        Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                        Commenta


                        • #13
                          La teoria della relatività generale è una TEORIA, non una legge. Quindi sicuramente può essere ancora messa in discussione in aspetti non ancora accertati dalla sperimentazione ed osservazione scientifica.
                          Temo però che la cosiddetta "critica" che, se non ho capito male, si baserebbe sul "cosa ne sappiamo che nell'Empireo biblico la luce non vada a velocità doppia?", sia un pò debole!
                          Intendiamoci... è la solita affermazione totalmente innegabile! In effetti non esiste nè esisterà mai nessuno in grado di rispondere a questa domanda. Se anche in un immane sforzo si riuscisse a mandare un uomo su Andromenda o nell'Empireo e a farlo tornare sano e salvo è molto probabile che il poveretto, dopo avere annunciato ai 4 venti con tanto di prove che la luce viaggia alla stessa velocità anche in Andromeda si sentirebbe rispondere "si vabbè... in Andromeda! Ma cosa ne sappiamo che nella galassia AK56/bis in realtà non viaggi a velocità diversa?"
                          Ripeto, non è su queste basi ingenuamente inconsistenti che si può discutere!
                          La relatività viene confermata da una mole di esperimenti ed osservazioni ben descritte. Servono argomenti più concreti delle fantasie per metterla in dubbio.
                          “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                          O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                          Commenta


                          • #14
                            Ripeto, non è su queste basi ingenuamente inconsistenti che si può discutere!
                            La relatività viene confermata da una mole di esperimenti ed osservazioni ben descritte. Servono argomenti più concreti delle fantasie per metterla in dubbio.
                            soprattutto da uno che in altro forum …..non è riuscito a risolvere un problema di una semplicità imbarazzante , e non solo non è riuscito a risolverlo ma ha anche fatto polemica dicendo che la professoressa sbagliava i calcoli …. fate vobis

                            risolvibile da un alunno del 1° anno delle superiori ….

                            il problema era questo :

                            Preparare una soluzione al 10% di HCl a partire dall'acido commerciale a 37%. Densità HCl 37% = 1.19 g/mL.

                            in questo forum invece vuole mettere in discussione le teorie di Einstein ?? ma mi faccia il favore mi faccia!!!

                            La mia critica comunque non è al filmatino ed il 3D non si impernia in quello , ma sulla relatività , come credo si sia capito
                            NO non si capisce una mazza

                            Rileggendo oggi o concetti della relatività e visto che non la debbo imparare a memoria per darmi un esame , ho trovato dei punti critici si cui io oggi mi pongo delle domande .
                            Certo oggi non ho la freschezza delle formule matematiche di allora ne posso ne so fare calcoli difficili che possono confutare la teoria , anche se era di difficile comprensione ai vecchi tempi .
                            Per quello che mi ricordo io all'epoca il prof. di fisica si concentrò di più sulle coordinate di Lorenz e su quello insisteva agli esami ,quindi sulla RR , della successiva teoria della relatività generale si fece solo un discorso generico con alcune formule già risolte , in pratica le premesse delle formule ed i risultati fisici .
                            Non ho più gli appunti dell'epoca anche se mi sarebbe piaciuto approfondire la questione , ma essendo una facoltà di chimica questo argomento era ai confini del corso di studi .
                            la lingua del forum è l'italiano!!

                            poi NON si studiano a memoria materie scientifiche , si usa la logica!!,

                            altrimenti i risultati ottenuti sono questi !!

                            Quello che sappiamo sulla terra è velocità della luce nel vuoto e nell'aria o nei gas o nei liquidi , e questa varia in base al mezzo conduttore
                            ma per favore…. ma quale mezzo CONDUTTORE … se mai ,mezzo, e basta !!

                            la luce si PROPAGA in un mezzo … non si "CONDUCE" un bel niente

                            i conduttori sono altra cosa
                            più studio e più mi accorgo di non sapere una mazza

                            Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione , un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato!!

                            Commenta


                            • #15
                              Molto divertente …

                              La tua firma, più studio e più mi accorgo di non capire una mazza , o come disse qualcuno più famoso , più so e più mi accorgo di non sapere si addice al caso nostro .
                              Cosi per una volta sono d' accordo con te . Aimè mi confesso dico la verità …

                              Però se posso fare un appunto avrei preferito che tu almeno avessi provato a parlare della relatività anziché parlare di me ,andando OT , ma siamo al bar ti sia concesso , ne hai facoltà .
                              Non ti fissare però sempre e solo su un argomento ed un soggetto , non fartene una malattia .
                              Io non sono nessuno … quindi cerca di parlare almeno di qualcuno che conta anziché di me . Non sono cosi importante .

                              Ora mi confesso, si purtroppo è dalla riforma della legge Fornero che mi vengono questi dubbi su tutto , se uno stato sovrano è capace di mandare il pensione una persona dopo 5 anni anziché dei 6 mesi previsti , non esiste più nulla di certo nella vita , non esiste più religione , non esiste lo stato garante , quindi siamo allo sbando , questo è quello che hanno fatto e detto agli italiani .

                              La colpa quindi non è tua , ma della riforma Fornero , vedi quanti danni ha provocato nei pensionati che doveva mandarli a casa prima … ?

                              Va bene dicevamo... dicevamo della velocità della luce , che dovrebbe essere costante per tutti gli osservatori , poiché da prove fatte sulla Terra risulta che essa è costante .
                              Ma sulla Terra e solo sulla Terra !
                              Vabbehh prendiamola per buona , anche perchè poi bisogna andare a capire come sono state fatte le misure con successive riflessioni su specchi , in posizioni perpendicolari dello spazio . Ma tutte le direzioni o solo alcune direzioni ?

                              Non fu osservato il vento dell'etere , quindi l'etere non esiste . Ma perché vi doveva essere un vento ? Ora non voglio dire che etere esiste , non fraintendete , ma che se anche esistesse non vedo perché doveva produrre un vento in una o l'altra direzione come se fosse aria , potrebbe anche essere che non interferisce con la materia e se ne frega se la terra si muove , lui è inerte .

                              Il vuoto assoluto è sufficiente come mezzo conduttore o propagatore della luce , Hyde , non vuol dire che conduce come la corrente o al contrario è isolante , ma solo il supporto su cui si muove . Ma poi tu hai anche facoltà di dire questo ed altro , ti ho chiamato apposta per corregger e i miei errori …

                              Ora in verità sappiamo che il vuoto dello spazio cosmico o anche il vuoto dentro una campana , non sono assolutamente vuoti , ma pervasi da particelle o onde elettromagnetiche o onde gravitazionali o neutrini , solo dio sa quanto ,che viaggiano a velocità luminale ed attraversano la terra da parte a parte senza colpo ferire .

                              Si parla ora di energia oscura e di materia oscura di cui non sappiamo nulla , in quanto non ci manda dei messaggeri utili che noi possiamo intercettare con i nostri strumenti essendo basati solo sulla rilevazione di fotoni .

                              Quindi ancora una volta siamo come dei ciechi che vedono un solo colore , ma il resto non lo vedono e si fanno una visione parziale della realtà .

                              Siamo sulla Terra , siamo esseri umani , basiamo la nostra matematica su base decimale solo perché abbiamo 10 dita delle mani ed abbiamo imparato a contare un dito su l'altro .
                              Se per ipotesi fossero sopravvissuti i dinosauri che avevano 3 dita oggi avremmo un sistema matematico a 3 o 6 numeri . Idem se ci fossero degli extraterrestri che avessero solo 2 dita contrapposte nella mano oggi useremo il sistema binario senza bisogna dei computer .

                              Quello che voglio dire è che anche la nostra matematica è relativa e non assoluta e procede per approssimazioni successive , inventandosi nuove formule e nuovi calcoli .
                              Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                              Commenta


                              • #16
                                Beh.... Si! Si era capito Expy!
                                La tua posizione è chiara. È la posizione di chi non capisce nulla di un problema e si consola asserendo che tanto ne sappiamo pochissimo e comunque anche ne sapessimo non saremmo comunque mai sicuri che quel che sappiamo è certo.
                                Molte religioni, cattolica non esclusa, basano la loro residua attrattiva su questi ragionamenti.
                                Ma sono solo ragionamenti consolatorii!
                                La Scienza non pretende di indicare la Verità e la Via! Cerca solo di trovare spiegazioni a fenomeni naturali. E ci riesce perfettamente!
                                Non spiega ancora tutto? Verissimo!
                                Ma questo NON mette di per sè in dubbio le acquisizioni precedenti!
                                Il fatto che della materia oscura sappiamo poco NON è un argomento serio per ipotizzare buchi nella teoria della relatività!
                                La velocità della luce è una costante che viene quotidianamente usata e confermata in svariati campi scientifici.
                                Qui non ci sono tutti ciechi che vedono solo un colore, come ti piace illuderti, ma un ampio numero di perfetti vedenti che stanno esplorando un'ambiente ancora scarsamente conosciuto, accompagnati da una folla di ciechi più o meno completi che ciacolano fra loro consolandosi di non vedere con l'illusoria fiducia che in realtà anche gli altri non vedano nulla! Con Leonardo Paradiso alla testa della folta armata ipovedente!
                                Tornando al tema, ripeto la domanda.
                                Quali aspetti precisi della teoria della relatività ti sembrano scorretti?
                                Ultima modifica di BrightingEyes; 22-09-2018, 08:19.
                                “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                Commenta


                                • #17
                                  Vede sig experimentator.... lei vuole delle risposte di fisica quantistica , quando già dovrebbe ripassare un pochino di matematica di base.

                                  dalle premesse nel suo 1° post si capisce benissimo che di triangoli non ne capa na sega … infatti lei scrive :

                                  Ora dal video si vede che l'ipotenusa del triangolo misura 1.76 mentre altezza 1 sec.
                                  IN UNA FRASE CI SONO GIà 3 ERRORI

                                  adesso mi spiega come fa a misurare 1,76 ?? l'ipotenusa?? se mai misura 2 e non 1,76

                                  sa quale è l'ipotenusa?

                                  il signore , nel video spiega , che quel triangolo rettangolo occupa un'area della metà di un triangolo equilatero ed il cateto + lungo del triangolo rettangolo coincide con l'altezza del triangolo equilatero…. ( lo fa vedere bene anche con le squadrette )

                                  come minimo, se l'area è la metà di un triangolo equilatero ……

                                  OVVIAMENTE….

                                  l'ipotenusa di quel triangolo rettangolo misura (per forza) il doppio del cateto + corto !!!

                                  si … cateto e NON altezza!! NEMMENO L'ALTEZZA DI UN TRIANGOLO RETTANGOLO SA COSA è ??

                                  quindi prima di parlare di bosoni iperioni mesoni e leptoni ,onde evitare figuracce come queste, vada a studiarSI le basi di geometria che è meglio


                                  Molto divertente …
                                  lo trova ancora molto divertente?
                                  più studio e più mi accorgo di non sapere una mazza

                                  Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione , un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato!!

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Vabbè, ma si parla di geometria non euclidea e expy avrà un pò allargato, relativamente, il campo di riflessione alla sua personale non-euclidea!
                                    In realtà expy ha fatto un pò di confusione fra le misure di lunghezza, che come dice mr Hyde sono ovvie in un triangolo rettangolo del genere proposto e ben descritte nel filmato, e la velocità del corpo o della luce lanciata verso l'alto nell'astronave.
                                    Del resto che expy non avesse capito un granchè (si vede che vedeva solo il colore sbagliato... capita!) lo si evince facilmente anche dalle elucubrazioni sulla "visibilità" del raggio di luce che ci propone:

                                    "A parte che la luce non dovrebbe seguire il percorso del soggetto in movimento in quanto in questo modo sarebbe vincolata al movimento del soggetto , ma invece una volta emessa diventerebbe indipendente . Se io sono un osservatore a terra a distanza di 1 sec luce ed una astronave emette un raggio di luce verso di me , io vedo il raggio di luce nella posizione dove era 1 sec prima ,anche se in effetti dopo un sec l'astronave ha percorso una certa distanza . Come avviene per le stelle io vedo la luce che fu emessa dalla stella 4 anni prima, per esempio per una stella distante 4 anni luce . "

                                    Expy.. tu puoi VEDERE la luce solo... attraverso la luce! Quindi l'esperimento (del tutto teorico) proposto nel video NON prevede in alcun modo una reale visibilità del famoso raggio di luce che va verso l'alto nell'astronave! Perchè, ovviamente, se il raggio di luce va SOLO verso l'alto NON va verso i tuoi occhi, ovunque tu sia piazzato esternamente! Ed ancora più ovviamente non determinerebbe una traiettoria sull'ipotenusa visibile a te! Un fotone non emette "luce" attorno a se mentre viaggia verso una direzione! Nessun punto dell'ipotenusa famosa sarebbe realmente visibile se i fotoni hanno la sola direzione "verso l'alto" e non incontrano ostacoli su cui rimbalzare e colpire il tuo occhio!
                                    E' solo una semplificazione che cerca di far capire come la costante della velocità della luce debba per forza di cose prevedere un'alterazione delle dimensioni spazio-temporali in certe condizioni! Altrimenti un raggio di luce emesso su un astronave che vada al 99% della velocità della luce si sposterebbe lento come una lumaca sull'astronave o dovrebbe infrangere la velocità della luce! NON è così! La luce mantiene la sua velocità (qui come su Andromeda!) e lo spazio-tempo si deforma per adeguarsi a questa costante universale!
                                    Rileggendo le tue riflessioni ora capisco il senso del richiamo alla luce che arriva dopo 13 miliardi di anni dalle galassie lontane 13 miliardi di anni luce! Ma è una riflessione ingenuamente sbagliata se riferita alle condizioni in cui tu immagini la visibilità della famosa astronave con l'ipotenusa!!


                                    Ultima modifica di BrightingEyes; 22-09-2018, 10:10.
                                    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Vabbè, ma si parla di geometria non euclidea e expy avrà un pò allargato, relativamente, il campo di riflessione alla sua personale non-euclidea!

                                      In realtà expy ha fatto un pò di confusione fra le misure di lunghezza, che come dice mr Hyde sono ovvie in un triangolo rettangolo del genere proposto e ben descritte nel filmato, e la velocità del corpo o della luce lanciata verso l'alto nell'astronave.
                                      Del resto che expy non avesse capito un granchè (si vede che vedeva solo il colore sbagliato... capita!) lo si evince facilmente anche dalle elucubrazioni sulla "visibilità" del raggio di luce che ci propone:
                                      Va bene BE , capisco …..

                                      ma non posso accettare che una persona che non sa nulla di nulla delle basi di chimica fisica e matematica , si permetta tali argomentazioni con degli spunti di SACCENZA ai limiti della dem….

                                      esempi ?

                                      Leggendo una delle spiegazioni della relatività mi sono imbattuto in questo video che pretende di descrivere la relatività con poche formule , ma secondo me cade in errore .
                                      L'ERRORE lo fa lui che non ha capito nemmeno quale è l'ipotenusa ed il cateto del triangolo rettangolo

                                      Vabbehh , l'argomento un po difficile viene spiegato in maniera semplicistica , bisognerebbe applicare le trasformazioni di Lorenz
                                      non conosce nemmeno il nome corretto , figuriamoci se potrebbe argomentare le sue formule …. il nome è LORENTZ

                                      Quindi tutte queste teorie non sono che solo teorie
                                      azzzz….. che profondità di concetto ….anche una mela è solo una mela , però possiamo anche chiamarla apple …. MA PER FAVOREEE

                                      Che sia una semplificazione siamo d'accordo , rischia di essere imprecisa . Dovremmo invece parlare di contrazione o dilatazione dello spazio-tempo ,o curvatura dello spazio tempo , in quanto per la relatività lo spazio è a 4 dimensioni
                                      ma se non capisce nemmeno la MONODIMENSIONE con che pretesa vorrebbe argomentare la quadridimensione?????

                                      Vince una sola lettura non basta , bisogna leggerlo più volte e fermarsi
                                      mica è una poesia da imparare a memoria , bisogna capirlo e non leggerlo 300 volte (ecco poi perché escono dottori che non sanno nemmeno spiegare la polarità dell'acqua)

                                      Lascia perdere quel filmatino da scuola media, forse può servire a capire perchè il tempo si accorcia o si allunga , ma nulla di più .
                                      peccato che geometria si studia alle elementari e lui NON conosce la differenza tra altezza ,cateti e ipotenusa di un triangolo rettangolo!!



                                      etc etc ….
                                      più studio e più mi accorgo di non sapere una mazza

                                      Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione , un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato!!

                                      Commenta


                                      • #20
                                        E' pur sempre il bar! L'effetto alcolemico involontario ci sta!
                                        “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                        O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Bravo m. Hyde cosi mi piaci . solo che anziché correggere i miei errori dovresti dire quali sono le tue idee .

                                          Fai come quei giornalisti di parte del PD che criticano il politico per aver sbagliato un verbo o un congiuntivo , anziché vedere la sostanza delle cose .

                                          Riguardo la filmato l 'ho visionato solo una volta e mi è bastato , l'ho messo solo li per cominciare la discussione sulla relatività, mica come conferma .

                                          Si vede che è un filmato divulgativo a livello di scuola media , ho messo li un numero 1.76 tanto per dire che l'ipotenusa è maggiore del cateto , se ho sbagliato nel numero per una svista, hai fatto bene a correggerlo , cosi visto che sto scrivendo un libro sulla relatività tu assumo come correttore di bozze .
                                          Il video era proprio per te per farti capire almeno qualche accenno facile , facile .
                                          Comunque la misura 1.76 si riferisce solo ad una posizione del tempo che è variabile , non è sbagliata . il cateto che dici tu è un cateto ma anche una altezza essendo l'altezza dell'astronave su cui rimbalza il raggio .
                                          Quindi se non capisci bene quello che dico vai a quel paese …

                                          Il video è sbagliato in quanto in questo modo i raggi da analizzare sono 2 anziché uno come nella realtà .

                                          Mi raccomando segui la discussione , correggi gli errori , benissimo , ma vorrei sentire anche il tuo parere personale , non critiche ai congiuntivi .

                                          Ora tornando al discorso di BE , non è che pretendi ora che io vuoti il sacco tutto in una volta … , piano piano .

                                          Io leggo qualcosa e poi mi vengono i dubbi e li esprimo di getto , mica mi sono programmato . Poi mi posso anche correggere se ho sbagliato , lo ha fatto anche Einstein quando disse di aver commesso un errore nella costante cosmologica . Nessuno è perfetto , tranne Hyde …

                                          Per quanto riguarda la costanza luce possiamo dire che il dato è relativo al nostro intorno planetario su cui sono state fatte le misure .
                                          Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ok. Noi abbiamo pazienza, non preoccuparti!
                                            Finora dopo una ventina di messaggi non hai ancora inserito un solo argomento serio.
                                            La pensata che ad Andromeda magari la luce viaggia a 49 kmh perché la son prudenti e rispettano i limiti o che l'ipotenusa in realtà è curva () e "più corta" (de che?) nel filmatino da elementari che han capito tutti (è per quello che è elementare!) meno te... NON sono argomenti.
                                            Restiamo in attesa...
                                            “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                            O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Mi hai fatto perdere 5 minuti di tempo inutili , per spiegare delle cose a te che non hai capito na mazza , come affermi .

                                              Originariamente inviato da Mr.Hyde Visualizza il messaggio
                                              IN UNA FRASE CI SONO GIà 3 ERRORI ...?


                                              VAI A PULIRTI ILNASO , DAI ..

                                              adesso mi spiega come fa a misurare 1,76 ?? l'ipotenusa?? se mai misura 2 e non 1,76
                                              L'ipotenusa varia in base al tempo base , al minuto 7.20 è 1.6


                                              l'ipotenusa di quel triangolo rettangolo misura (per forza) il doppio del cateto + corto !!! … ?

                                              Se non capisci quello che leggi , il problema non è mio , ma tuo .

                                              RELATIVITA' SENZA FORMULE - 1 - Dilatazione dei tempi - YouTube

                                              Ora lasciamo perde le provocazioni dei troll e parliamo di cose serie .



                                              Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                              Commenta


                                              • #24
                                                L'ipotenusa varia in base al tempo base , al minuto 7.20 è 1.6
                                                Già......e il cateto più corto è esattamente la metà cioè 0,8
                                                Guardi che così sta solo aggravando la sua situazione
                                                Le figuracce aumentano
                                                Lei aveva scritto che l'ipotenusa misurava 1,76 con cateto più corto = a 1
                                                Il che è palesemente IMPOSSIBILE
                                                CI ARRIVA? CE LA FA?
                                                più studio e più mi accorgo di non sapere una mazza

                                                Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione , un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato!!

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                                  Il video è sbagliato in quanto in questo modo i raggi da analizzare sono 2 anziché uno come nella realtà .

                                                  Mi raccomando segui la discussione , correggi gli errori , benissimo , ma vorrei sentire anche il tuo parere personale , non critiche ai congiuntivi .
                                                  Consiglierei di sorvolare su sta faccenda dell' 1,76... per il tuo interesse eh!
                                                  Concentriamoci invece sulle solite affermazioni apodittiche!
                                                  Questa è ad es. interessante. In quale senso "i raggi da analizzare sono 2 anziche 1 come nella realtà"??? Di quali "raggi" parliamo? Relativi a quale circonferenza? Io non vedo alcun errore nel filmato. Ma ho già visto (e non sono il solo, credo) una bella manciata di errori nei tuoi commenti!
                                                  Ti sei caricato dell'onere non banale addirittura di spiegare al colto ed all'inclita perchè la teoria della relatività generale è errata!
                                                  Bene! Spiegacelo! Tralasciando per favore le fesserie tipo "è solo una teoria, chiccidice che su Andromeda, ecc".
                                                  Hai affermato che sia la famosa ipotenusa che il cateto sarebbero in realtà curvi. Se vuoi critiche non sui congiuntivi cominciamo a dipanare un pò questo concetto o quello dei raggi da analizzare!
                                                  Che dici?

                                                  Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                                  Per quanto riguarda la costanza luce possiamo dire che il dato è relativo al nostro intorno planetario su cui sono state fatte le misure .
                                                  Altra fesseria! La luce si comporta allo stesso identico modo nel nostro "intorno planetario" (che credo significhi sistema solare, sbaglio?) come in ogni altro angolo dell'universo esplorato con gli strumenti che abbiamo. Se intendi parlare degli eventuali universi paralleli teorizzati da teoria delle stringhe ecc. si può discutere. Magari in un'altra dimensione vigono leggi fisiche diverse, ma al momento questa sarebbe solo una speculazione filosofica inutile, in quanto la relatività generale non credo si prtenda di applicarla anche fuori dall'universo esplorabile al momento.
                                                  Non cominciamo con le frasette da asilo delle suore sul "echiccidice" perchè a quel punto non staremmo più facendo una discussione scientifica e il "vero o falso" del titolo prenderebbe una piega esclusivamente fideistica. In parole povere "echiccidice" lo puoi usare sui forum di terrapiattisti, creazionisti e sciochimicari. Non qui!
                                                  Ultima modifica di BrightingEyes; 22-09-2018, 15:57.
                                                  “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                  O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originariamente inviato da Mr.Hyde Visualizza il messaggio
                                                    Lei aveva scritto che l'ipotenusa misurava 1,76 con cateto più corto = a 1
                                                    Sei un troll Hyde .

                                                    Lascia perdere il filmato che è sbagliato , ti sei fissato su questa cosa , ma non posso perdere tempo con te soprattutto perché sei testone .

                                                    Semmai dai un'occhiata a questo più realistico , fai i compiti a casa e poi mi porti i risultati ...
                                                    http://online.scuola.zanichelli.it/c...ll_Lorentz.pdf

                                                    Per ora non ho tempo da perdere perché debbo andare a cena con amici , ci sentiamo appena posso , semmai potreste portare voi qualche contributo alla discussione
                                                    anziché fare critiche inutili .

                                                    Einstein ci mise 10 anni per la sua teoria della RG , io sto iniziando ora …

                                                    Per dare una idea a BE di quello che penso io sulla relatività , Hyde lasciamolo stare da parte in quanto lui stesso dice che non capisce una mazza quindi non so a quale titolo viene a rompere , dicevo l'immagine di quel filmato che descriveva l'azione della gravità con un lenzuolo su cui venivano poggiate delle palle è errata o imprecisa , in quanto dobbiamo immaginare lo spazio non come un lenzuolo su due dimensioni , ma come una rete di connessioni a tre dimensioni , tipo un reticolo cristallino cubico .
                                                    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                                      Sei un troll Hyde .
                                                      Non direi. Troll è chi inserisce apposta commenti insulsi ed irritanti. Se non ti decidi a spiegare gli argomenti su cui basare la tua "neo-relatività" per ora sei più vicino tu al troll che Hyde!
                                                      Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                                      Lascia perdere il filmato che è sbagliato , ti sei fissato su questa cosa , ma non posso perdere tempo con te soprattutto perché sei testone .
                                                      Non lasciamo perdere proprio nulla. Il filmato è giusto. Sono i testoni, quelli veri tra l'altro pure presuntuosi, a non capirlo.


                                                      Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                                      semmai potreste portare voi qualche contributo alla discussione
                                                      Quale discussione? Quello che ci hai ammanito finora sono FESSERIE. Discussione esaurita! Se presenti qualche straccio di argomento ne discuteremo.
                                                      Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                                      Einstein ci mise 10 anni per la sua teoria della RG , io sto iniziando ora …
                                                      E... ma mi sa che se non hai scoperto il segreto di Matusalemme il mondo farà a meno delle tue conclusioni! (questa è sottile...)


                                                      Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                                      dicevo l'immagine di quel filmato che descriveva l'azione della gravità con un lenzuolo su cui venivano poggiate delle palle è errata o imprecisa , in quanto dobbiamo immaginare lo spazio non come un lenzuolo su due dimensioni , ma come una rete di connessioni a tre dimensioni , tipo un reticolo cristallino cubico .
                                                      Asd&Lol!!
                                                      Quindi dici che non c'è il megalenzuolone elastico steso sul sistema solare?? Maddai!?!
                                                      Vabbè, non infierisco!
                                                      Guarda che anche i bambini delle elementari capiscono che quella è una OTTIMA simulazione che fa capire bene il concetto di deformazione spaziale. In realtà la massa deformando lo spazio crea esattamente un "pozzo gravitazionale" nel quale gli oggetti tendono a precipitare a spirale. Ovvio che non esiste un "lenzuolo" bidimensionale. Ma ogni corpo che si muove nello spazio tridimensionale subisce una serie di forze che il "lenzuolo" esemplifica bene.
                                                      Sul fatto di immaginarsi il reticolo cristallino cubico evito di commentare.
                                                      “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                      O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Hyde lasciamolo stare da parte in quanto lui stesso dice che non capisce una mazza quindi non so a quale titolo viene a rompere
                                                        OT
                                                        vediamo se riesco almeno a farle capire quale è il motivo della mia firma.(anche se non dovrei farlo)

                                                        Quando avevo 12 anni , la scuola organizzò una settimana bianca , durante una discesa su una pista rossa ebbi la sfortuna di rompermi il femore in 4 pezzi . questo evento spaziotemporale mi cambiò la vita e tutto il susseguirsi degli eventi futuri.
                                                        Brutta frattura con quasi un mese in trazione , mi operarono mettendomi il "maniglione" , ero un ragazzo molto attivo mi piaceva un sacco fare sport .
                                                        Aimè (invece poi si rivelò un colpo di fortuna) questo evento portò a dedicarmi ad altri interessi .
                                                        Il mio migliore amico mi veniva spesso a trovare e portava sempre dei giochi in scatola per passare il tempo in modo piacevole.
                                                        Un giorno portò un gioco in scatola che da li a poco avrebbe cambiato il mio futuro ed il mio concetto di divertimento.

                                                        I miei genitori pur non essendo ricchi mi accontentarono .
                                                        Iniziai a leggere il libretto in cui erano riportati tutti gli esperimenti guidati , questo mondo mi affascinava , quella materia era fantastica . Al mattino non vedevo l'ora di svegliarmi per giocare con quelle provette . In breve avevo fatto tutti gli esperimenti , il libretto non mi bastava + ed i reagenti erano finiti.

                                                        Cominciai a leggere il libro di chimica di mio fratello + grande che faceva già la seconda superiore , tramite un conoscente di famiglia comincia a procurarmi i prodotti chimici dalla farmacia , ed intanto prendevo contatto con un negozio che riforniva vetreria e strumenti ad ospedali e laboratori di chimica , in breve la mia stanzetta diventava una specie di laboratorio. Al 13esimo anno mi feci regalare un distillatore semplice con mantello elettrico riscaldante .
                                                        Di teoria , mi ricordo che i problemi maggiori li ebbi studiando
                                                        la teoria atomica
                                                        che per me a 12 anni si presentava insormontabile senza l'aiuto di qualche professore di chimica. Sulla configurazione elettronica ci persi dei mesi .

                                                        Intanto le mie conoscenze crescevano e gli esperimenti erano sempre + interessanti , cominciavo a veder il mondo che mi circondava in maniera molto diversa da prima , capivo che tutto era costituito da particelle infinitamente piccole e che in realtà la materia al suo interno era occupata quasi interamente da spazi vuoti ( distanza dell'elettrone dal nucleo ) , capivo che le reazioni chimiche erano date dall'interazione elettronica e dalla forza con cui un atomo attira a se gli elettroni , capivo che la differenza tra un atomo e l'altro era solo nel numero di elettroni protoni e neutroni , ricordo di essere rimasto esterrefatto quando studiai per la prima volta la tabella periodica degli elementi e gli isotopi , la differenza tra il carbonio(12C )e l'azoto(14N)era di un solo protone 1 solo neutrone e di 1 solo elettrone …. ma uno era un solido e l'altro un gas con punto di ebollizione alla pressione normale di -196°C …. quelle particelle dal peso insignificante davano una differenza del genere??? azz… non ci credevo .


                                                        Negli anni continuai a crescere in laboratorio e a studiare chimica da autodidatta fino a che si presentò il primo giorno di scuola in cui si faceva finalmente la materia da me adorata ...chimica (negli ITIS ai tempi si iniziava chimica al 2° anno , quindi io avevo già 15 anni ) , ad ogni domanda del prof alla classe , io rispondevo con grande orgoglio ed emozione fino a che mi tacitarono ( divieto di risposta ) ….

                                                        alla fine del biennio scelsi di fare perito chimico industriale , mentre già leggevo grazie ad amici + grandi ,libri ed appunti universitari di chimica pura , fisica-chimica analisi chimica etc... Il mio laboratorio cominciava ad essere ben attrezzato per fare reazioni di chimica organica le mie conoscenze crescevano esponenzialmente . A 17 anni contestai l'assoluta stabilità dell'anello aromatico ai forti ossidanti dimostrando con dati ed esperimenti che anch'esso in determinate condizioni poteva subire reazioni di demolizione anche
                                                        con concentrazione di ossidanti molto blande
                                                        , fu poi utilizzato per incrementare le potenzialità dei depuratori acque provenienti da impianti che producevano vernici in solvente benzene .

                                                        Oggi lavoro su impianti chimici industriali da 22 anni , ed ho mantenuto la mia forte passione per la chimica , quando non lavoro in azienda , faccio ricerche di chimica nel mio laboratorio che ormai è di 60 m2 ben attrezzato e sempre in espansione , ultimamente colgo l'occasione per fare consulenza e ricerca anche per una ditta che tratta biodiesel , ho ancora tanti sogni e progetti nel cassetto, mi mancano 5 anni al mezzo secolo ed al mattino quando mi sveglio non vedo l'ora di entrare nel mio laboratorio …. come quel bambino che non vede l'ora di aprire i regali di natale sotto l'albero, continuo a studiare chimica e fisica ogni giorno , e + vado avanti e più mi accorgo che chimica è una materia infinita e le mie conoscenze rispetto ad essa sono come un granello di sabbia nel deserto .

                                                        fine OT

                                                        spero che abbia capito il significato della mia firma

                                                        saluti
                                                        più studio e più mi accorgo di non sapere una mazza

                                                        Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione , un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato!!

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                                          .....Guarda che anche i bambini delle elementari capiscono che quella è una OTTIMA simulazione che fa capire bene il concetto di deformazione spaziale.
                                                          . In realtà la massa deformando lo spazio crea esattamente un "pozzo gravitazionale" nel quale gli oggetti tendono a precipitare a spirale. Ovvio che non esiste un "lenzuolo" bidimensionale. Ma ogni corpo che si muove nello spazio tridimensionale subisce una serie di forze che il "lenzuolo" esemplifica bene.
                                                          .
                                                          Behhh nessuno ti vieta di vedere la cosa in questo modo , ma lo capisci anche tu che è sbagliato .

                                                          Più che vedere un lenzuolo con delle righe parallele deformate in prossimità della pallina , io vedo una rete tridimensionale deformata nelle vicinanza della pallina a simulare l'attrazione gravitazionale .

                                                          Il pozzo gravitazionale , che brutta parola , non è un pozzo su cui tutto precipita , il campo gravitazionale non è dissimile dal campo elettrico o dal campo magnetico e quindi le linee di forza non sono bidimensionali ma tridimensionali attorno all'oggetto sferico .

                                                          La sfericità degli oggetti a cui tendono a conformarsi per forza di gravità tutti i corpi celesti , essendo le forze dirette tutte verso il centro di massa , generano la deformazione dello spazio tempo .
                                                          In pratica una formica o qualsiasi oggetto sopra una superficie sferica non segue un percorso piatto , ma curvo .
                                                          Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Si, expy. Stai affastellando banalità che tutti già abbiamo capito. Da tempo!
                                                            Il pozzo gravitazionale potrà pure sembrarti un "brutta parola" (ma perché poi. ?) ma rende bene il concetto. Se non piace puoi usare "imbuto gravitazionale" https://www.google.it/url?sa=t&sourc...=1537685639652 va bene uguale!
                                                            Resta una SIMULAZIONE per far comprendere le dinamiche dell'attrazione gravitazionale che, garantisco, NESSUNO pensa che sia davvero data da un lenzuolone steso fra il Sole ed i pianeti!
                                                            La geodetica della tua formica vale per una superficie curva. Nel caso dello spazio-tempo le cose non sono così semplicistiche.

                                                            Comunque stai di nuovo divagando. Hai scritto che spiegavi le ragioni per cui la RG a te sembra falsa, ci hai accennato che avresti spiegato perché nell"'esempio linkato sia ipotenusa che cateto citati dovrebbero essere curvi... concentrati su un argomento e SPIEGALO!

                                                            P.S. Un concetto che deriva direttamente dal concetto di iperspazio quadridimensionale apre prospettive affascinanti:
                                                            "...Quantunque ciò sia ragionevolmente difficile se non addirittura impossibile da visualizzare, in uno spazio quadridimensionale passano infiniti spazi tridimensionali, esattamente come in uno spazio tridimensionale passano infiniti piani, e in un piano infinite rette." Quarta dimensione - Wikipedia.
                                                            In parole semplici uno spazio quadrimensionale come può essere considerato l'universo reale ha già in se la certezza geometrica di permettere INFINITI universi tridimensionali che sono l'unica parte di universo che i nostri sensi ci permettono di sperimentare!
                                                            Quasi una dimostrazione matematica dell'assurdità della visione antropocentrica classica di molte religioni!
                                                            Ultima modifica di BrightingEyes; 23-09-2018, 09:07.
                                                            “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                            O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR