annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Teoria della free energy

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Teoria della free energy

    Lo so benissimo che in questo settore di forum intitolato "FREE ENERGY" ci sono tante stupidaggini e bluf.
    Tuttavia anch'io vorrei aggiungere qualcosa al riguardo

    la teoria della free energy la seguente:

    Tutti sappiamo che possiamo ricavare energia di movimento da un gas se questo gas ha una temperatura maggiore rispetto al gas che gli sta vicino.
    La maggiore temperatura provoca maggiore pressione e quindi movimento, la cosidetta energia eolica proprio questo, cio il sole scalda di pi alcune zone e quindi pi pressione e vento.

    Se NON c' differenza di temperatura allora non ci pu essere differenza di pressione e quindi tutto FERMO, in un ambiente cosi apparentemente fermo la temperatura maggiore dello ZERO assoluto di kelvin.
    Questo significa che in quel ambiente tutto FERMO, ci sono atomi invisibli che disordinatamente si muovono.
    La cosidetta free energy consisterebbe nel mettere ordine al movimento caotico delle molecole e degli atomi, questo per chiaramente in contrasto con le leggi della termodinamica.
    Le leggi della termodinamica stabiliscono che un gas alla temperatura di 20 gradi centigradi non pu gratuitamente fare +10 da una parte e +30 da un'altra parte, sebbene che la somma media sia dempre 20 gradi centigradi centigradi questo non permesso, a meno che di pompare energia esterna per fare separazione, come avviene in un banale frigorifero dove dentro c' pi freddo e dietro caldo come una stufa.

    Per fare la free energy bisogna mettere ordine al caos, cio controllare il movimento di ogni SINGOLO atomo.

    Per fare la free energy bisogna frenare il movimento di ogni singolo atomo e tutto questo esteso per miliardi di atomi, nella pratica questo risultato finora impossibile.

    Sembra paradossale ma nell'acceleratore di particelle un singolo atomo viene accelerato e frenato a piacere, ma questo controllo avviene solo per un singolo atomo e NON avviene per miliardi di atomi e quindi non c' applicazione pratica.

    Ricavare energia frenando un singolo atomo, ed eseguire questo controllo divino anche su gli altri miliardi di atomi significherebbe fare la free energy, perch non soltanto io otterrei energia dalla frenatura di un singolo atomo ma in pi si formerebbe una zona fredda e quindi anche un vento da sfruttare.(2 piccioni con una fava).

    L'alta temperatura di un gas, altro non che veloce movimento disordinato degli atomi, a livello atomistico non esiste l'alta temperatura, esiste invece gli atomi che si urtano con violenza e l'urto genera fotoni.

    Indicando con Diff_temp_zero la differenza di temperatura tra 2 masse di gas uguale a ZERO, allora possiamo dire che la free energy il tentativo di sfruttare Diff_temp_zero.
    Anche con Diff_temp_zero gli atomi si muovono e urtano fra di loro, tuttavia sembra impossibile prendere questa energia perch i principi della termodinamica lo impediscono, ci non toglie che questa energia esista.
    E' come se io avessi un tavolo da bigliardo pieno di palle che si stanno muovendo, se le palle sono soltanto una allora non c' problema a sfruttarne l'energia, ma se le palle sono tante allora abbiamo un grande disordine e non riusciamo a sfruttare la cosidetta energia di Diff_temp_zero.


    Dai! Aspiranti inventori e aspiranti ingegneri, datevi da fare!

    Mettere ordine al caos, mettete ordine al movimento disordinato degli atomi, e la gloria sarà vostra per sempre!...











    Edited by gencodicephp - 16/7/2006, 11:29

  • #2
    uhm, tra le tante cazzate che insegnano a scuola c' un certo "secondo principio della termodinamica" che un po' in opposizione a quanto dici...

    comunque gli acceleratori di particelle hanno centrali elettriche dedicate per fermare un singolo atomo...

    Commenta


    • #3
      esercizio di fisica


      Tutto buio, non c' luce, non c' vento e non c' neache ionizzazione di aria, apparentemente non c' niente di niente.

      Nelle condizioni sopra descritte calcolare l'energia cinetica posseduta da un metro cubo di aria a temperatura e pressione ambiente.

      Per convenzione si dichiara che la temperatura ambiente di 26,85 gradi Celsius


      ---------------------------------------------------------------------------
      Probabile soluzione dell'esercizio...


      Il sistema internazionale usa l'unità di misura kelvin, si deve sommare 273,15 per sapere la temperatura in kelvin
      (26,85+273,15) = 300

      T=300 gradi kelvin

      il peso specifico dell'aria 1,18453 grammi/litro
      ovvero 1,18453 kg/metro cubo
      L'aria composta da 80% di azoto e 20% di ossigeno, rispettivamente i pesi atomici sono 14 e 16.
      Per semplicità di calcolo consideriamo soltanto l'azoto perch l'ossigeno solo la quarta parte e poi c' poca differenza tra peso atomico dell'azoto e peso atomico dell'ossigeno.
      Consideriamo quindi che il peso atomico 14.

      E' già noto il numero puro di avogadro che 6.02 * 10^23
      esso rappresenta il rapporto tra il peso atomico ufficiale dell'elemento cosiderato e la massa di un oggetto macroscopico.
      Indicando con N il numero degli atomi di un metro cubo di aria e indicando con Ps il peso specifico possiamo scrivere....
      N=(Ps x avogadro)/(peso atomico)
      N=1,18453 x 6,02 x 10 ^23 /14
      N=50,9 x10^21 atomi

      Bene! adesso sapppiamo il numero degli atomi di un metro cubo di aria a pressione e temperatura ambiente, ma non abbiamo ancora calcolato l'energia cinetica complessiva.



      11300 una costante
      questa costante rappresenta la temperatura in gradi Celsius se ogni singolo atomo avesse l'energia cinetica di un elettronvolt.

      Si ricorda che un elettronvolt corrisponde a 1,602 x 10^-19 joule

      Per avevamo detto che la temperatura ambiente non 11300 gradi celsius ma 300 gradi kelvin, occorre quindi fare qualche conversione.

      11300 gradi Celsius=11573,15 gradi kelvin

      11573,15 sta a un elettronvolt come 300 sta a incognita X

      X=300/11573,15
      X=0,0259 eletronvolt

      per l'elettronvolt una unità di misura troppo piccola, questa unità va bene per considerare l'energia di un singolo atomo o singola particella subatomica, nel nostro caso abbiamo a che fare con un metro cubo di aria.

      1 eletronvolt = 1,602 x 10^-19 joule

      0,0259 eletronvolt=4.149 x 10^-21 joule

      Dunque un singolo atomo possiede l'energia cinetica di 4.149 x 10^-21 joule

      Energia cinetica complessiva=(4.149 x 10^-21 joule) x (N)
      Energia cinetica complessiva=(4.149 x 10^-21 joule) x (50.9 x10^+21 atomi)
      Energia cinetica complessiva=4.149 x 50.9
      Energia cinetica complessiva=211 joule
      Energia cinetica complessiva=211 watt x secondo

      fine dell'esercizio
      <img src=">




      Edited by gencodicephp - 21/7/2006, 15:19

      Commenta


      • #4
        35 joule sfruttabili solo se se in grado di far arrivare la temperatura di quel metro cubo di aria allo zero kelvin sfruttando tutta l'energia che si libera dall'arresto delle molecole...

        inoltre vorrei farti notare che un litro di benzina ha un potere calorifico di 32.066 kJ/l, mentre quello dell'aria (ammesso che il tuo esercizio sia svolto in maniera corretta) di 35 J/1000 l. portiamo il tutto in J/l:

        benzina: 32.066.000 J/l
        aria: 0,035 J/l

        questo significa che per ottenere una quantità di energia pari a quella contenuta in un litro di benzina sfruttando TUTTA l'energia cinetica delle molecole d'aria occorrono 916.171.428,57 l di aria! image

        Edited by IIIFurlaIII - 19/7/2006, 10:26

        Commenta


        • #5
          ...certo che e' proprio grosso da scrivere "La teoria della free energy la seguente"..ghghghghggh...complimenti!, ma chi risolve gli esercizi in meno tempo cosa vince? <img src=">

          Commenta


          • #6
            hei genco, dai tuoi calcoli,
            viene fuori che 1 metro3 d'aria contiene 5*10+22 molecole...(te sei dimenticato un sei dell'avogadro)
            comunque abbastanza corretto quello che dici, compreso che non sappiamo di cosa serva...
            l'acqua dovrebbe avere 8*10+19 molecole su cm3 ...o me sbajo?
            salve

            Commenta


            • #7
              CITAZIONE (IIIFurlaIII @ 18/7/2006, 16:08)
              211 joule sfruttabili solo se se in grado di far arrivare la temperatura di quel metro cubo di aria allo zero kelvin sfruttando tutta l'energia che si libera dall'arresto delle molecole...

              Nel primo messaggio era scritto che la free energy consiste di sfruttare quei 211 joule senza fare uso di nessuna differenza di temperatura.

              (Leggi bene il primo messaggio)

              Che poi non si possa prendere quei 211 joule senza che ci sia una differenza di temperatura, questo ti d ragione.

              D'altronde la barriera invalicabile proprio quella, cio io voglio significare che in giro ci sono i sognatori che vogliono prendere energia dal nulla, prima dovrebbero prenderla dove c' ma con il requisito di differenza di temperatura rogorosamente uguale a ZERO.

              Nel mondo micrsocopico degli atomi non esistono termometri e non esiste la temperatura, esiste invece l'energia di movimento degli atomi.

              Prima tentare di prendere quella, e poi tentare altre cose molto pi fantasiose.

              A riguardo di quello che ho appena detto, io pensavo alle nanotecnologie che in questo periodo storico si stanno evolvendo in modo interessante.




              Edited by gencodicephp - 21/7/2006, 15:23

              Commenta


              • #8
                oops,
                l'acqua 4*10+19 molecole,
                e anche l'aria non ha atomi,per fortuna, ma molecole ,O2 ,ecc...
                ma il senso del tuo ragionamento non cambia...

                Commenta


                • #9
                  QUOTE (gencodicephp @ 20/7/2006, 11:37)
                  Nel mondo micrsocopico degli atomi non esistono termometri e non esiste la temperatura, esiste invece l'energia di movimento degli atomi.

                  no, forse non ti chiaro il concetto: la temperatura di un corpo una grandezza macroscopica che direttamente proporzionale all'energia cinetica media delle molecole del corpo preso in considerazione. se vuoi sfruttare l'energia cinetica delle molecole, dovrai sottrarre loro una parte di tale energia; sottraendo energia alle molecole, riduci la temperatura del corpo.

                  questo concetto già applicato nelle pompe di calore, solo che impensabile usare l'aria come fonte, per grossi impianti (vista la scarsa capacità termica).

                  Commenta


                  • #10
                    Furla ha ragione.

                    Commenta


                    • #11
                      Arrivato a questo punto finisce la teoria e inizia il progetto

                      image

                      Il progetto serve per avere energia gratuita per sempre, esso converte il calore del gas in elettricità, la temperatura del gas quella ambiente.

                      Il disegno rappresenta una scatola chiusa ermeticamente, il gas non pu uscire.

                      Ma la scatola non affatto isolata termicamente, infatti la scatola di metallo, il metallo un buon conduttore di calore.

                      All'interno di questa scalota ci sono tante lastre rettangolari in parallelo, essa sembra essere una normale batteria di auto.

                      In realta ogni piastra composta da miliardi di solenoidi collegati fra di loro, in serie al solenoide collegato un diodo raddrizzatore per fare passare la corrente solo in un senso.

                      Quando una carica elettrica passa vicino ad un solenoide succedono 2 cose:
                      1) la carica elettrica riceve una frenata (perdita di energia cinetica a livello microscopico) e (perdita di temperatura a livello MACROSCOPICO)
                      2) nel solenoide passa una corrente elettrica che dura quell'attimo in cui gli passa vicino la carica (guadagno di energia).

                      L'abbassamento della temperatura di scarso valore perch la temperatura all'esterno della scatola tende a mantenerla normale.
                      Principio della termodinamica, se c' una differenza di temperatura questa tende a scomparire.
                      Ecco fatto la free energy. (e ci voleva tanto?)


                      Ovviamente il dispositivo non pu funzionare se la scatola viene messa in un luogo dove c' la temperatura uguale a ZERO kelvin, (o quasi uguale).












                      Edited by gencodicephp - 25/7/2006, 14:01

                      Commenta


                      • #12
                        vorrei ricordarti che gli atomi (come le molecole) sono solitamente neutri, solo quando ionizzati hanno carica elettrica; e quando lo sono, o sono molto reattivi, con conseguenze probabilmente negative sulla scatola e sui solenoidi, o sono allo stato di plasma, con conseguenze ancora peggiori sulla scatola e sui solenoidi <img src=">... inoltre, anche trovando composti carichi elettrricamente e chimicamente stabili, l'energia ottenuta, come dimostrato in precedenza, miliardi di volte pi bassa di quella che si ottiene con un litro di benzina. solo per rifarsi dell'energia spesa per costruire l'apparecchio occorrerebbe portare a temperature polari l'intera atmosfera terrestre...

                        Commenta


                        • #13
                          CITAZIONE (IIIFurlaIII @ 20/7/2006, 22:15)
                          vorrei ricordarti che gli atomi (come le molecole) sono solitamente neutri, solo quando ionizzati hanno carica elettrica; e quando lo sono, o sono molto reattivi, con conseguenze probabilmente negative sulla scatola e sui solenoidi, o sono allo stato di plasma, con conseguenze ancora peggiori sulla scatola e sui solenoidi <img src=">... inoltre, anche trovando composti carichi elettrricamente e chimicamente stabili, l'energia ottenuta, come dimostrato in precedenza, miliardi di volte pi bassa di quella che si ottiene con un litro di benzina. solo per rifarsi dell'energia spesa per costruire l'apparecchio occorrerebbe portare a temperature polari l'intera atmosfera terrestre...

                          A me non mi risulta quello che dici.
                          Per ionizzare bastano 2 elettrodi con un p di tensione, cio assomiglia molto ad un condensatore elettrolitico per al posto delle piastre normali ci sono le piastre fatte con la nanotecnologia.

                          Commenta


                          • #14
                            beh genco,ionizzare un gas come l'idrogeno costa molto,in termini di energia,di sicuro pi di una soluzione conduttrice,
                            non cercher la costante dielettrica del'idrogeno,,
                            per per ipotesi ammettiamo la soluzione pi favorevole per il tuo progetto,,
                            gli elettrolizzatori al meglio, funzionano a circa 2 v, per1m3, almeno 1000a,
                            2 kw di potenza, contro quanti ,35 w di un metro3 d'aria?,
                            nun me sembra un gran rendimento per free energy,
                            a te che te pare?

                            Commenta


                            • #15
                              CITAZIONE (rabazon @ 21/7/2006, 03:02)
                              beh genco,ionizzare un gas come l'idrogeno costa molto,in termini di energia,di sicuro pi di una soluzione conduttrice,
                              non cercher la costante dielettrica del'idrogeno,,
                              per per ipotesi ammettiamo la soluzione pi favorevole per il tuo progetto,,
                              gli elettrolizzatori al meglio, funzionano a circa 2 v, per1m3, almeno 1000a,
                              2 kw di potenza, contro quanti ,211 w di un metro3 d'aria?,
                              nun me sembra un gran rendimento per free energy,
                              a te che te pare?

                              Non vero quello che dici.
                              Ionizzare un gas come l'idrogeno costa NIENTE (se il circuito aperto).

                              Ionizzare non costa niente se la corrente ZERO.
                              Un comune condensatore pu rimanere carico per molto tempo, la parola carico significa che internamente ionizzato, certo che se io cortocircuito i 2 capi del condensatore allora passa una forte corrente e quello si scarica subito.
                              Il mio progetto composto da 2 circuiti eletrrici.
                              Il primo circuito aperto e serve per ionizzare il gas, il secondo circuito collegato alle piastre e da li si preleva corrente elettrica.
                              La corrente esiste soltanto nel secondo circuito e questa corrente causata dall'agitazione termica, l'agitazione termica dei protoni.

                              Spetta alla piastra elettronica (composta da miliardi di solenoidi) frenare il moto dei protoni che gli passano vicino.

                              Ogni solenoide composto da poche molecole e in serie ad ognuno di essi c' un diodo raddrizzatore, anch'esso composto da poche molecole.

                              Una volta che il gas stato ionizzato, a noi NON interessa chiudere chissà quale circuito, quindi la corrente elettrica che misuriamo nel primo circuito esattamente ZERO.

                              Potenza1=tensione1 x corrente1
                              Potenza1=12 volt x zero
                              Poternza1= ZERO

                              Ritengo che la mia idea brillante, poi se nessuno la capisce io non ci posso fare niente (per il momento, poi quando le nanotecnologie saranno pi abbordabili vediamo che si pu fare).





                              Edited by gencodicephp - 21/7/2006, 15:24

                              Commenta


                              • #16
                                ok, genco,
                                se trovi un gas che per ionizzarlo e mantenerlo ionizzato costa niente in termini d'energia,
                                magari lo trovi in un'altra dimensione, che ne so?
                                magari un vortice de canapa, qualcuno qui te lo pu proporre...
                                se volano libbbbberi i mattoni...
                                va tutto bene ...

                                Commenta


                                • #17
                                  QUOTE (gencodicephp @ 20/7/2006, 22:39)
                                  A me non mi risulta quello che dici.
                                  Per ionizzare bastano 2 elettrodi con un p di tensione, cio assomiglia molto ad un condensatore elettrolitico per al posto delle piastre normali ci sono le piastre fatte con la nanotecnologia.

                                  impossibile ionizzare senza spendere energia. altrimenti si potrebbe sfruttare semplicemente il calore generato dal recupero degli elettroni da parte degli ioni positivi, senza tanti nano-fronzoli.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Vai al supermercato e compri una pila da 9 volt, poi metti la lingua sul morsetto + e -.
                                    Sentirai un leggero formicolio sulla punta della lingua.
                                    Quel formicolio causato dal fatto che i morsetti sono eletrizzati.

                                    Non mi devi dire che per mantenere quella eletrizzazione ci vuole un gruppo elettrogeno o quant'altro.
                                    I morsetti della pila possono stare eletrizzati per molti mesi.

                                    Certamente io NON devo chiudere il circuito perch altrimenti si scarica la pila.


                                    Certamente l'eletrizzazione dei morsetti non durerà in eterno, questo perch la pila non ideale, cio ci sono delle piccolissime perdite interne e col passare dei mesi, (dico mesi), la pila tende a scaricarsi spontaneamente anche senza sfruttarla.


                                    Nel caso del nostro progetto ci interessa soltanto eletrizzare il gas e nient'altro di pi, cio non dobbiamo chiudere il circuito elettrico e alimentare qualche lampadona.

                                    Se l'isolamento perfetto le cariche elettrostatiche possono stare la dove sono all'infinito, senza alimentazione alcuna, certamente l'isolamento perfetto non esiste nella realtà, ma non per questo mi devi raccontare la frenaccia che io devo mettere un gruppo elettrogeno da 3000 watt turbo-benzina per mantenere l'eletrizzazione del gas (cerchiamo di essere seri) .
                                    ----------------------
                                    domanda:
                                    Perch la necessità di elettrizzare il gas ?

                                    risposta:
                                    Perch il solenoide sensibile alle cariche elettriche e niente affatto sensibile al passaggio di qualche atomo di idrogeno di carica neutra.

                                    Mi sono spiegato?

                                    Io sono diplomato in elettronica e conosco bene l'elettrostatica, e conosco bene anche la legge di Lenz.




                                    Edited by gencodicephp - 21/7/2006, 15:38

                                    Commenta


                                    • #19
                                      uhuu ma xche' nn lo spieghi a quelli che si occupano di tokamak che e' cosi' gratuito generare un plasma e mantenerlo tale.

                                      xche' a casa mia ionizzare l'idrogeno significa avere un plasma di idrogeno, visto che ne ha solo 1 di elettrone, e se riuscissi a generare e mantenere un plasma di idrogeno a temperatura ambiente come funziona la tua scatola senza archi voltaici da decine di ampere penso che ti darebbero come minimo 4 premi nobel anche senza la free-energy


                                      auguri x il tuo giocattolino!

                                      PS l'idrogeno fugge da qualsiasi contenitore.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        <img src=:">
                                        Il plasma del tokamak sta alla temperatura di 100 milioni di gradi, lo credo bene che per fare quel tipo di pirlate ci vuole tanta energia.

                                        Io non ho mai parlato plasma, se leggi bene, ho parlato di temperatura ambiente. :wacko:



                                        Commenta


                                        • #21
                                          Ciao,
                                          CITAZIONE
                                          Vai al supermercato e compri una pila da 9 volt, poi metti la lingua sul morsetto + e -.
                                          Sentirai un leggero formicolio sulla punta della lingua.

                                          quando metti la lingua sulla pila hai chiuso un circuito usando come conduttore la tua saliva!

                                          CITAZIONE
                                          Quel formicolio causato dal fatto che i morsetti sono ionizzati.

                                          ???


                                          A me non risulta. Che intendi per ionizzato?

                                          da wikipedia:

                                          La ionizzazione viene eseguita solitamente tramite applicazione di alta energia agli atomi, in forma di potenziale elettrico o radiazione

                                          Bye

                                          Commenta


                                          • #22
                                            intendo elettrizzato

                                            Ecco! Forse era meglio dicevo "elettrizzato".

                                            Forse c' stato un malinteso sul significato delle parole.

                                            Ma comunque il succo del discroso non cambia.

                                            Edited by gencodicephp - 21/7/2006, 15:29

                                            Commenta


                                            • #23
                                              CITAZIONE (gencodicephp @ 21/7/2006, 07:21)
                                              Ionizzare non costa niente se la corrente ZERO.
                                              Un comune condensatore pu rimanere carico per molto tempo, la parola carico significa che internamente ionizzato, certo che se io cortocircuito i 2 capi del condensatore allora passa una forte corrente e quello si scarica subito.

                                              Peccato che nel condensatore il dielettrico sia tendenzialmente:

                                              1) solido (le cariche restano ferme)
                                              2) isolante

                                              In un gas ionizzato c' CONDUZIONE = PASSAGGIO DI CORRENTE. Gli ioni stessi sono portatori di carica.


                                              Genco, mi pareva che le facessi un po' tanto facili.... :P

                                              "Una nuova verit scientifica non trionfa perch i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perch alla fine muoiono, e nasce una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari." Max Planck

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Non mi risulta.
                                                Quando cammino sui binari del treno e guardo in alto, vedo un conduttore di corrente elettrica.
                                                L'aria che c' tra il conduttore, e i binari, elettrizzata questo non significa che necessariamente sta passando corrente tra conduttore che sta in alto e i binari che sono in basso.
                                                Certamente c' una tensione elettrica.

                                                Quando io dico di elettrizzare il gas di idrogeno intendo dire di mettere una tensione elettrica isolata.
                                                Non intendo dire che passa della corrente.
                                                La corrente passa soltanto nel primo istante di una frazione di secondo, quando mette in tensione per la prima volta il gas.
                                                Mi rendo conto che il gas deve essere avvolto da una menbrana di isolante elettrico, e per la scatola non deve essere un isolante termico.
                                                Quindi immagino che, durante la costruzione del marchingegno, ci debba essere una scatola di plastica sottile che viene inserita dentro un'altra scatola metallica, questo per avere una composizione di materiali che isoli il gas dal punto di vista elettrico ma non dal punto di vista termico.
                                                La scatola pu essere tutto quello che volete, ma non un termos.
                                                Per elettrizzare il gas va benissimo una pila da 9 volt che vendono al supermercato, la pila va collegata a 2 elettrodi.
                                                I 2 elettrodi devono essere isolati fra di loro, la corrente deve essere ZERO, fatta eccezzione la prima volta che si preme l'interruttore e che il gas viene elettrizzato per la prima volta, in quel momento ci sono delle cariche che si spostano, ma quello spostamento dura una frazione di secondo, (dipende dalla capacità della pila da 9 volt).

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  ma io nn ho ancora capito

                                                  x gas elettrizzato tu che cosa intendi?

                                                  un plasma di H- fatto in qualche modo?

                                                  un plasma di H+ ed elettroni fatto in qualche modo?

                                                  del semplice gas che funge da isolante tra 2 piastre polarizzate inversamente?


                                                  io credo che la tua idea sia la 3, ma con idrogeni neutri come pensi di eccitare le bobine con il tuo Karma?

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    CITAZIONE
                                                    Sentirai un leggero formicolio sulla punta della lingua.
                                                    Quel formicolio causato dal fatto che i morsetti sono eletrizzati.
                                                    Certamente io NON devo chiudere il circuito perch altrimenti si scarica la pila.

                                                    Il circuito chiuso dalla lingua, la quale presenta una certa resistenza nei confronti della corrente elettrica. Quindi: effetto Joule.

                                                    CITAZIONE
                                                    Io non ho mai parlato plasma, se leggi bene, ho parlato di temperatura ambiente.

                                                    Nel momento in cui uno parla di "gas (parzialmente) ionizzato" implicitamente si assume che il gas sia in uno stato di "(parziale) plasma", poich i termini "gas ionizzato" e "plasma" sono sinonimi.


                                                    CITAZIONE
                                                    Ionizzare non costa niente se la corrente ZERO.

                                                    Siccome l'ipotesi non verificata ("la corrente zero"), segue che la tesi sbagliata ("ionizzare non costa niente"). In altre parole: impossibile ionizzare un gas senza spendere energia.

                                                    CITAZIONE
                                                    Un comune condensatore pu rimanere carico per molto tempo, la parola carico significa che internamente ionizzato, certo che se io cortocircuito i 2 capi del condensatore allora passa una forte corrente e quello si scarica subito.

                                                    Sicch il dielettrico si ionizza...? Forse intendevi polarizzato... :huh: I due fenomeni fisici per son ben diversi l'uno dall'altro.

                                                    CITAZIONE
                                                    Quando cammino sui binari del treno e guardo in alto, vedo un conduttore di corrente elettrica.
                                                    L'aria che c' tra il conduttore, e i binari, elettrizzata questo non significa che necessariamente sta passando corrente tra conduttore che sta in alto e i binari che sono in basso.

                                                    Una volta avevo sentito parlare di effetto corona, di correnti di dispersione... <img src="> Tutti fenomeni in cui la corrente ZERO e quindi l'energia dissipata ZERO, vero? <_< Ad ogni modo, per informazione: 1) una piccola parte d'aria sempre ionizzata; 2) il conduttore non ionizza uniformemente tutta l'aria che c' tra esso ed il suolo.

                                                    CITAZIONE
                                                    Quando io dico di elettrizzare il gas di idrogeno intendo dire di mettere una tensione elettrica isolata.
                                                    Non intendo dire che passa della corrente.

                                                    In un gas parzialmente ionizzato sottoposto ad una d.d.p. si generano delle correnti di dispersione, in virt del fatto che un gas parzialmente ionizzato conduce elettricamente. Caso limite: plasma.

                                                    CITAZIONE
                                                    La corrente esiste soltanto nel secondo circuito e questa corrente causata dall'agitazione termica, l'agitazione termica dei protoni.

                                                    Modello della conduzione elettrica di Drude-Lorentz (1905): [...] il termine dovuto all'agitazione termica non contribuisce alla corrente elettrica.


                                                    CITAZIONE
                                                    Tutti sappiamo che possiamo ricavare energia di movimento da un gas se questo gas ha una temperatura maggiore rispetto al gas che gli sta vicino.

                                                    Ma tutti sappiamo pure che per ricavare energia basta che il gas sia in movimanto, senza che intervengano differenze di temperatura.

                                                    CITAZIONE
                                                    Se NON c' differenza di temperatura allora non ci pu essere differenza di pressione e quindi tutto FERMO, in un ambiente cosi apparentemente fermo la temperatura maggiore dello ZERO assoluto di kelvin.

                                                    Be', ma allora come funziona un banale soffietto?

                                                    CITAZIONE
                                                    Sembra paradossale ma nell'acceleratore di particelle un singolo atomo viene accelerato e frenato a piacere, ma questo controllo avviene solo per un singolo atomo e NON avviene per miliardi di atomi e quindi non c' applicazione pratica.

                                                    Sembra paradossale ma un utente di questo forum s' preso la briga di raccogliere un po' delle tue baggianate e di confutarle. E non ha sprecato tempo, perch certe cavolate devono avere le gambe corte.
                                                    Ritornando agli acceleratori di particelle... Accelerano una sola particella per volta, neh? :blink: Ma chissà come fanno a selezionare e ad iniettare nell'acceleratore una sola particella per volta... E magari un tubo catodico spara uno ed un solo elettrone su un singolo fosforo (caspita, che precisione!)... E magari una valvola termoionica emette un solo elettrone alla volta dal filamento... image

                                                    CITAZIONE
                                                    Ritengo che la mia idea brillante, poi se nessuno la capisce io non ci posso fare niente.

                                                    Ripassa un po' di elettromagnetismo classico.
                                                    Ritengo questo mio consiglio brillante, poi se tu non lo capisci io non ci posso fare niente.

                                                    CITAZIONE
                                                    Io sono diplomato in elettronica [...]

                                                    Ci non aumenta la veridicità scientifica delle tue affermazioni. N prova che tu abbia una conoscenza approfondita dei fenomeni elettromagnetici. Un conto studiare, un altro capire.

                                                    Saluti a tutti! <img src=">



                                                    Edited by Wechselstrom - 21/7/2006, 23:19

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Chiariamo un concetto che sta alla base. Per ionizzare un atomo devo far si che l'elettrone (uno o piu', mettiamo uno) salti via dall'atomo. Per far questo l'elettrone deve ricevere energia, altrimenti NON salta. Se l'energia la fornisce una pila con un qualche meccanismo qualsiasi, questa erogherà una energia che nel migliore dei casi quella minima per far saltar via l'elettrone. Nella realtà le cose vanno diversamente, e la pila erogherà parecchia energia in pi.
                                                      Per mantenere l'atomo ionizzato, deve esistere un qualche meccanismo che costringa l'elettrone e l'atomo a non unirsi nuovamente. Per far questo possiamo ad esempio separare con un campo elettrico i due, che tenderanno a migrare in direzioni opposte. Per far questo serve energia.
                                                      Quindi parlare di produrre energia senza scaricar la pila in pratica impossibile sulla base dei semplici ragionamenti di cui sopra.

                                                      Ora, ammettiamo di costruire il congegno che suggerisci tu. Due piastre poste a distanza x e fra queste il gas idrogeno. Bene, quello che otteniamo un condensatore, con idrogeno che fa da dielettrico. Se la tensione supera una certa soglia allora il dielettrico si perfora. Vuol dire che il campo elettrico ionizza il gas e fa passare cosi' gli elettroni per annullare la differenza di carica fra le due piastre.
                                                      Quindi se ionizzi scarichi le piastre, e quindi consumi energia, ed anche tanta. Ti dico questo perch il meccanismo che sta alla base del laser ad azoto di tipo TEA su cui ho lavorato, e quindi un meccanismo che conosco molto bene. Nessuna OU, soltanto un bel lampo nella riga di emissione del gas (azoto nel mio caso) fra l'altro con rendimenti molto bassi.

                                                      Un saluto.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        E' ovvio che la soglia non deve essere superata MAI.

                                                        Se la soglia NON viene mai superata poi, (dopo che si caricato il condensatore) la corrente ZERO

                                                        Ho modificato il disegno: adesso dovrebbe esserti pi chiaro


                                                        image

                                                        Edited by gencodicephp - 25/7/2006, 14:03

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Comunque hai detto bene....

                                                          Quello come un condensatore eletronico.

                                                          Si tratta per di un condensatore fuori norma perch il dielettrico gas di idrogeno, inoltre in mezzo al dielettrico ci sono delle piastre che negli altri condensatori non ci sono.
                                                          Ogni piastra contiene circa 100 mila miliardi di solenoidi con diodo raddrizzatore, ovvio che con numeri cosi alti mi riferisco alla nanotecnologia.
                                                          Quelle piastre possono essere costruite da quelle società che fanno i microprocessori, per esempio la Intel potrebbe farle.

                                                          Vedo che tutti quanti che si preoccupano della stupidaggine che riguarda la quantità di energia necessaria per mettere sotto tensione il gas.
                                                          Il problema VERO che UNO SOLO di protone deve passare in prossimità di un solenoide, altrimenti vince il CAOS.



                                                          Questo il vero problema e non le fesserie che riguardano la quantità di energia per mettere sotto tensione un condensatore cui soglia non deve MAI essere superata.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            CITAZIONE
                                                            E' ovvio che la soglia non deve essere superata MAI.

                                                            Il fatto che la ionizzazione del gas legata proprio alla perforazione del dielettrico. Pensa ad un fulmine che cade....
                                                            Puoi ionizzare anche in altri modi, ma ti serve sempre energia purtroppo. Quindi la cosa non funziona cosi' com'e'.

                                                            PS: Non un condensatore particolare. Infatti si dice condensatore un sistema formato da due conduttori posti ad una certa distanza, non eccessiva, fra i quali esiste un isolante ed ai quali si applica una differenza di potenziale. Quindi un condensatore e basta <img src=">

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR