annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Forze di adesione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Si dovrebbe separare in due il capillare per evitare che il capillare faccia salire l'acqua...e che quindi si intrappoli acqua nel capillare...e che quindi l'acqua intrappolata non scarichi il suo peso sulle pareti del capillare ma sul pistone.

    Posso farvi un'altra domanda?

    Se dovessi svuotare un lungo capillare diciamo di 10 metri,alla base,che percentuale di energia potenziale si trasformerebbe in energia cinetica(attrito compreso)? Il 100%? Il 50? Di questa energia potenziale una parte servirebbe per "scollare" le molecole d'acqua dalla parete del capillare? E questa eventuale energia necessaria per scollare le molecole dalla parete si trasformerebbe in seguito in energia cinetica? Grazie ancora per il vostro tempo... sia mai che se funzionasse potessi fare una donazione al forum
    Ultima modifica di GabrieleCito; 19-05-2014, 18:11.

    Commenta


    • #17
      Con la tua spiegazione ne capisco meno di prima. Ma se usi il capillare per far salire l'acqua, perché devi separare il capillare perché l'acqua non salga?

      Non esiste che il capillare ti permetta di arrivare ad altezze di 10m, quindi non preoccuparti di svuotarlo: è già quasi completamente vuoto!

      Se c'è tensione superficiale anche per svuotarlo devi vincere quella tensione, perché non c'è un interruttore per spegnerla, quindi per vincerla devi spendere tutta l'energia che hai ipoteticamente accumulato e qualcosa in più per la perdita di carico (rendimento <1).

      Tutti i tuoi presupposti si basano su errori concettuali, continuo a dire che il sistema non può assolutamente funzionare.

      ••••••••••••

      Commenta


      • #18
        Cerco di farti capire l'idea.Il pistone alla base del cilindro sale perche' l'acqua che scaricava il peso sul pistone ora e' intrappolata nel capillare,voglio dire se inserisco un capillare in un bicchiere il livello dell'acqua nel bicchiere si abbassa(e sale nel capillare)...e' questo il punto. Quindi se il pistone sale di esempio un centimetro,anche l'acqua nel capillare salira' di un centimetro,e questo per tutto il tragitto di salita. Arrivato in cima,se togliessi il capillare il livello dell'acqua si rialzerebbe... chiaro ora?

        Alla fine del tragitto,se il pistone si fosse alzato di 100cm anche l'acqua nel capillare si sarebbe alzata di 100cm...

        Essendo diminuita l'altezza del liquido nel cilindro,il contrappeso si muove

        nll,se hai capito il concetto vorrei cercare di farti capire anche come avere un surplus energetico dalla cosa...hehehe

        P.S. Almeno da come la vedo io

        E poi di nuovo,un capillare posto in orizzontale,si svuota?

        bah,meglio lasciar perdere
        Ultima modifica di nll; 20-05-2014, 21:53. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

        Commenta


        • #19
          Con la tensione superficiale sono in gioco forze molto piccole, ma le stesse sono presenti sia all'interno che all'esterno del capillare, con la differenza che all'esterno la superficie è maggiore e quindi quel che guadagni con la minima parte d'acqua che emerge dal cilindro te lo perdi nel tentativo del pistone di risalire, con l'acqua che aderisce all'esterno del capillare (superficie maggiore di quella interna).

          NON FUNZIONAAAAAAAA!!!!!!!

          E' fisica delle scuole medie inferiori (scuola secondaria di primo grado, per dirla al giorno d'oggi)

          Non hai spiegato nulla, prova e te ne renderai conto anche tu. Ma è possibile che ci siano ancora persone che insistono su queste sciocchezze? Perché prima di scriverle qui non le sperimenti? In fin dei conti si tratta di pochi e poveri materiali, con poche decine di euro ti togli la soddisfazione e te la metti via.

          Finalmente qualcosa su cui mi trovi perfettamente d'accordo: "bah,meglio lasciar perdere"

          ••••••••••••

          Commenta


          • #20
            Ciao! Ho una domanda...se immergessi un capillare di vetro con all'interno un solido molto molto sottile,come da disegno,e dalla posizione perfettamente orizzontale dovessi sfilare il solido dal capillare,oltre all'attrito dovuto allo sfregamento delle pareti,dovrei vincere anche la forza di adesione o coesione in questo caso del mercurio sul vetro? GrazieClicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   sss.png 
Visite: 1 
Dimensione: 4.9 KB 
ID: 1944760

            Con la tensione superficiale sono in gioco forze molto piccole, ma le stesse sono presenti sia all'interno che all'esterno del capillare, con la differenza che all'esterno la superficie è maggiore e quindi quel che guadagni con la minima parte d'acqua che emerge dal cilindro te lo perdi nel tentativo del pistone di risalire, con l'acqua che aderisce all'esterno del capillare (superficie maggiore di quella interna).
            Mi sembra comunque che non hai ancora capito il sistema... Il capillare resta fermo,non sale con il pistone
            Ultima modifica di GabrieleCito; 25-05-2014, 17:16.

            Commenta


            • #21
              Tu non hai capito il tuo sistema: se il capillare resta fermo, l'acqua no! E' il movimento relativo che devi calcolare, ovvero se entrambe si spostano simultaneamente nella stessa direzione e velocità, sono relativamente fermi.

              Non perdere tempo in disegnini che nulla hanno di tecnico (non uso altri termini, altrimenti avresti ragione ad offenderti), cerca prima di sperimentare, come già ti ho scritto, poi torna e riferiscici le tue osservazioni e misure, vedrai che le risposte che cerchi sarai stato in grado di dartele da solo.

              ••••••••••••

              Commenta


              • #22
                Da qualche parte ho già visto disegnini simili . . .
                C.W.?

                Questo:
                The Museum of Unworkable Devices
                non ti dice, eh?

                Commenta


                • #23
                  Nll,è colpa mia. Non riesco a esprimermi correttamente per farti capire ciò che io intendo. Ti dico solo chè sono CERTO che si sviluppi del moto sfruttabile attraverso il mio sistema e che si possa attingere energia. Questo perchè se capisci lo schema è logico. Non sono capace di dire che nel complesso possa funzionare perchè poi il capillare che è completamente sommerso dall'acqua deve essere diviso in due parti longitudinalmente e immagino questo richieda energia...ma forse mi sbaglio.

                  Semplicemente se metti un bicchiere pieno d'acqua su una bilancia peserà un tot. Se ci immergi un capillare questo bicchiere peserà un pò di meno...se fosse attaccato ad un contrappeso questo bicchiere salirebbe e il capillare continuerebbe a riempirsi mantenendo sbilanciato il sistema...più semplice di così. Ripeto che da questo punto non saprei se l'energia per dividere longitudinalmente il capillare che è completamente immerso richieda l'energia che ho guadagnato....

                  Commenta


                  • #24
                    Semplicemente se metti un bicchiere pieno d'acqua su una bilancia peserà un tot. Se ci immergi un capillare questo bicchiere peserà un pò di meno
                    azz.... bella questa teoria ...ma come ?

                    se immergo il capillare in un bicchiere di acqua posto su una bilancia .... il peso totale diminuisce???? ...

                    cioè? .. vuoi che ti giro un video? ...o lo capisci da solo che il peso aumenta?(tono scherzoso)

                    cordialmente

                    Francy
                    Ultima modifica di Mr.Hyde; 25-05-2014, 22:52.

                    Commenta


                    • #25
                      Beh...il liquido che entra nel capillare scarica il suo peso nel capillare stesso...l'acqua nel bicchiere diminuisce di altezza e quindi il peso apparente è inferiore

                      http://www.lhup.edu/~dsimanek/museum/capillar.htm

                      Ho letto attentamente...invece di separare il capillare nel mio sistema,bisognerebbe unirlo,attaccare le pareti interne. Questa l-unica differenza concettuale. Unirlo perche(scusate ho ubuntu e mi si e' incasinata la tastiera) in questo modo l'effetto capillare cioe' la fuoriuscita dell'acqua dal contenitore si sviluppa su una superficie minore quindi se avessi 4 pareti di un capillare dove per ogni parete si innalzasse un volume x (quindi 4x) unendo il capillare avrei solo due pareti quindi avrei un;innalzamento di 2x....

                      Adesso la tastiera funziona di nuovo...mistero....


                      http://www.youtube.com/watch?v=c5bTaDUsxHQ


                      Ultima modifica di GabrieleCito; 27-05-2014, 11:04.

                      Commenta


                      • #26
                        Se immergi un capillare nel bicchiere pieno d'acqua la bilancia, incredibile a dirsi, segnerà un aumento di peso pari al peso del capillare... com'era già? Ah sì, l'area "domande di fisica di base" o similare, su cui dirottare post come questi

                        Commenta


                        • #27
                          Beh...il liquido che entra nel capillare scarica il suo peso nel capillare stesso...l'acqua nel bicchiere diminuisce di altezza e quindi il peso apparente è inferiore


                          Gabriele , il peso di un corpo è direttamente proporzionale sia alla massa(m) che all' accelerazione gravitazionale (g),

                          quindi

                          P= m x g

                          nel tuo caso (visto che non puoi cambiare l'accelerazione gravitazionale )...aggiungendo il capillare , aumenti la massa (m), di conseguenza P aumenta

                          cosi' lo comprendi meglio? ...o devo girare il video?
                          Ultima modifica di Mr.Hyde; 26-05-2014, 00:57.

                          Commenta


                          • #28
                            Non vi e' ancora chiaro? Invece di far scendere un capillare che pesa di piu dato che e' pieno d'acqua faccio salire il contenitore...

                            Scusate non avevo letto i messaggi.... dai non fate finta di non capire...

                            Allora,supponendo di avere un capillare dallo spessore microscopico,se lo immergo e lo fisso all'esterno ad un appoggio ESTERNO al sistema,l'acqua nel contenitore SI ABBASSERA DI LIVELLO e peserà di meno sul fondo. Su questo spero siamo d'accordo...

                            O se preferite,se immergo un capillare che pesa x,sempre di spessore delle pareti microscopiche,questo aumenterà di peso causa l'acqua contenuta al suo interno. TUTTI I LIBRI DI FISICA DICONO QUESTO. La mia era solo una rielaborazione del concetto.

                            Sentite questa. Se ho un parallelepipedo di vetro di dimensioni 1 x 10 x 100 e lo immergo nel mercurio dal latopiatto cioè dalla faccia 100x10,non è forse vero che la forza di adesione per tutto il tratto che va dalla superficie al completo affondamento eserciterà una reazione all'azione di immergere il corpo INFERIORE, rispetto alla possibilità di immergere il corpo dal lato corto cioè dal lato 1x10? Credo sia logico pensare che le forze di adesione che agiscono sul lato più largo nel complesso esercitino una forza di gran lunga superiore a quelle del lato piu' stretto. Immagino sia da tenere conto della tensione superficiale che agisce quando cerco di immergere la faccia dall'area maggiore,ma tenendo presente che (più che altro lavora la mia immaginazione) la tensione superficiale si comporta come una membrana elastica,la quale dovrebbe accumulare l'energia in più esercitata per affondare il solido,la rilasci in seguito rispettando il primo principio. L'ho buttata li,ditemi che ve ne pare

                            Un calcolo rudimentale:

                            1° caso 100x10+100x10(le due faccie più grandi)+100x1+100x1(le due faccie laterali) 2200cm2
                            2° caso 100x1+100x1 + 1x10+1x10 220 cm2

                            Come vedete sui due casi agiscono forze di adesione 10volte più grandi di una rispetto all'altra. Ripeto però che c'è da considerare la tensione superficiale che però a mio modo di vedere si comporta come un elastico...cioè restituisce l'energia

                            Sapete bene che il fenomeno della capillarità nel caso del mercurio e vetro si comporta in maniera opposta a quello dell'acqua,cioè il menisco invece di salire affonda...

                            Ed'è fondamentale sottolineare che la forza di adesione si manifesta anche su una superficie e non solo su un capillare,ma questo so che già lo sapete,facevo solo per chiarezza della mia ipotesi

                            Per evitare un pò l'effeto "tensione superficiale" si potrebbero aggiungere delle piccole fine pareti attorno a tutto il lato largo e bucare il lato largo appunto per far uscire l'aria durante l'affondamento

                            Per essere chiari io dico che serve una quantità di energia diversa per immergere il solido,in base alla faccia che si sceglie sia verticale(se è un parallelepipedo,se poi è una sfera o un cubo allora l'energia è la stessa)

                            Prima di continuare aspetto qualche parere

                            http://www.youtube.com/watch?v=c5bTaDUsxHQ


                            Ultima modifica di nll; 10-07-2014, 18:40. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

                            Commenta


                            • #29
                              e noi aspettiamo che tu provi a mettere in pratica quello che dici visto che sei cosi sicuro, in fin dei conti sono esperimenti relativamente semplici alla portata di tutti. Aspettiamo fiduciosi i tuoi video....
                              Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                              Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                              Commenta


                              • #30
                                Scusatemi se intervengo... la capillarità dove abito è intensa, ieri ho pulito dei secchi perché ho sgobbato tutto il giorno per il giardino, non erano bagnati, volevo che asciugassero e come sempre li ho ribaltati a secchio in giù... è tecnica antica, la solita procedura di miseria... Ma li ho appoggiati su un qualcosa di sbagliato che può forse essere utile a Gabriele Citossi.

                                Il tuo pistone eccetera, che usi per poi discutere e non trovare mai soluzione, prova a fabbricare un buon metro di ghiaia che poggi sul terreno, meglio se lo inserisci... tipo un drenaggio misero...

                                Poi dove avviene caldo e freddo di atmosfera, tra giorno e notte... tipo la montagna in primavera che non trova la situazione stabile quando continuano le perturbazioni per colpa del pasticcio [del disastro ecologico globale] che è scienza, lo sanno bene gli scienziati ed è il tema del documentario The 11th Hour (film) - Wikipedia, the free encyclopedia Anche questo è compito di vacanze per chi non lo ha in memoria.

                                Dunque, se un secchio si bagna e si riveste di gocciolone rovesciato per un EFFETTO REALE per essere reale la tua idea mi sa che il pistone deve essere enorme per produrre dalla capillarità che tira su goccioline e gocce più grosse, dipende dal materiale... SIA FORMATA UNA MACCHINA APPOSITA per provare la tua idea medante una osservazione di come la vita in campagna durante la primavera.

                                La capillarità ed altre forze così sono però enormi in scala naturale e insufficienti in scala di machcina sperimentale!

                                L'energia è qualcosa che richiede come un prendere bene l'acqua dei torrenti e metterla in un serbatoio, predando il torrente... cosa da non fare è anche propibita ma è un problema reale di questo anno... che eredita il fallimento dell'ecologia anche a piccola scala...

                                per poi sotto il serbatoio usare un ugello apposito che prende poco ma giusto (sopra c'è come 600 litri di acqua)... CAPITO ???

                                Ma c'è di mezzo il consumo del serbatoio per un FLUSSO CHE RENDE ENERGIA CONTINUA, CAPITO ???

                                Ed è difficile proprio per una PORTATA di un qualcosa che spinge tanto e sempre!
                                SE NON è tanta LA PORTATA ed il continuare sempre a portare una specie di SPINTA o di reazione,
                                è SEMPRE INSUFFICIENTE tutto il pensare ed anche il costruire ! E' un problema senza soluzione !

                                ciao

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X
                                TOP100-SOLAR