free energy senza usare grafene - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

free energy senza usare grafene

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • free energy senza usare grafene

    Qui in questo progetto, il grafene NON esiste.
    Esiste invece banale poliammide che è facilmente reperibile e costa pure poco.
    DOW BW30 RO, 305 x 305 mm | Reverse Osmosis Membranes |



    Le membrane osmotiche sono 2; una piccolissima che sta sopra la turbina, e una molto grande che sta sotto.

    Ambedue le membrane sono dei cerchi perché in vetreria conviene fare figure a forma di cerchio (cosi disse il soffiatore del vetro).

    La membrana piccola R1 ha una superficie di 1 cm quadrato.

    La membrana gigante P1 ha una superficie di 400 centimetri quadrati.

    E' fondamentale il rapporto P1 / R1 che in questo caso è 400.

    Meno di 400 non va bene !

    Se è meno, si deve diminuire R1 oppure aumentare P1

    P1 sta per Pompa, infatti P1 funziona come fosse una pompa (si tratta di una pompa di piccola potenza perché in osmosi la potenza osmotica non è mai grande)

    R1 sta per Resistenza (pone resistenza al passaggio dell'acqua ma in compenso la trasforma in acqua distillata)

    ----------------------------------

    Tutti sappiamo che per estrarre acqua distillata da quella salata serve alta pressione (cosi è, a meno che vogliamo usare grafene che è un materiale speciale bidimensionale)

    L'alta pressione c'è davvero perché il rapporto tra le superficie è 400.

    Inizialmente la membrana gigante fornisce bassa pressione, ma poi l'acqua salatissima si incunea in una sezione sempre più ristretta e la pressione aumenta, aumenta fino a diventare grande e permetterà si superare la RESISTENZA R1.



    ------------------------
    ------------------------
    Per capire il concetto occorre immaginare una siringa: se spingo con bassa pressione lo stantuffo della siringa, ottengo uno spruzzo di acqua molto veloce che va lontano.
    Questo si verifica perché la superficie del pistone della siringa è molto più grande della superficie interna dell'ago.
    Quindi una banale siringa funziona come amplificatore di pressione, ma ovviamente esce poca acqua dall'ago.

    In idraulica superfici diverse funzionano come le leve della meccanica statica: tanto più rapporto delle leve è grande, tanto più si avrà forza (a discapito della velocità).

    ----------------------
    ----------------------

    L'ideale sarebbe usare un filtro trasparente bidimensionale di grafene (con fori nanoscopici per renderlo semimpermeabile), ma siccome attualmente il ferramenta NON lo vende, ci si arrangia come si può e si pensa alla poliammide per fare meccanica di basso rango cioè arcaica.
    Come dire di usare una ruota di pietra anziché una ruota con cuscinetti a rulli e copertone di gomma.

    ------------------------
    ------------------------
    Dimenticavo: le membrane osmotiche sono flessibili e quindi vanno protette da griglie di plastica RIGIDE e di un certo spessore, nel disegno dimenticai di disegnarle.
    Ultima modifica di uforobot; 03-01-2017, 21:22.
    i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

  • #2
    Originariamente inviato da uforobot Visualizza il messaggio
    ... la superficie del pistone della siringa è molto più grande della superficie interna dell'ago.
    Quindi una banale siringa funziona come amplificatore di pressione,
    Questo contraddice il principio di Pascal; spero che la Moderazione recepisca la contraddizione e la cassi senza ritardo.

    Saluti.


    T

    Commenta


    • #3
      Può darsi che mi sono dimenticato il principio di Pascal, ma questo non toglie che la pressione venga trasmessa alla membrana piccola.

      Essendo quella membrana piccola, l'acqua che esce non provoca una caduta di pressione considerevole e quindi continua all'infinito a cadere acqua.
      i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

      Commenta


      • #4
        Ciao a tutti
        Originariamente inviato da Tordesillas Visualizza il messaggio
        ...spero che la Moderazione recepisca la contraddizione e la cassi...
        Ciao Tordesillas Buon anno!
        Qui anche se alcune idee possono sembrare strampalate o decisamente assurde ai più, è permesso esplicitarle.
        Io modero l'educazione e di come ci si pone, NON le varie idee, il resto non importa. Normalmente una assurdità si esaurisce in breve tempo naturalmente con pochi o zero interventi e senza nessun dibattito.

        Cordialità
        Furio57
        L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
        LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
        Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

        Commenta


        • #5
          ciao Furio bentornato!

          Vero quello che dici, ma ufo usa termini noti in modo evidentemente sbagliato, e questa non è free energy ma ignoranza scientifica....

          Comunque sono d'accordo sul fatto che certi 3d si esauriscono da soli se non si fanno polemiche inutili, ma è anche giusto evidenziare le castronerie teoriche, per il buon nome del forum
          I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
          https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

          Commenta


          • #6
            Ecco !
            Qui ho rimediato all'errore di non avere messo le 2 griglie di protezione (colore rosso).


            Poi farò l'esperimento per vedere se sono castronerie.
            i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

            Commenta


            • #7
              Uforobot, la membrana in basso posta tra le due griglie di rinforzo, il massimo della pressione che permetterà di raggiungere sarà quella dell'osmosi diretta e poi si arresta. il sovrappiù della superficie non potrà permettere altra osmosi perché la pressione interna del recipiente sarà egualmente presente su ogni millimetro quadrato del dispositivo ( e quindi anche sulla superficie membrana grande ) e non permetterà altra osmosi e poi, siamo al solito "inghippo", fermo restando che il dispositivo produrrà solo inizialmente della "umidità in uscita veramente irrisoria a muovere una turbina, secondo te, la membrana piccola chi la pulisce del sale che si deposita sulla sua superficie?.. Altro limite invalicabile, all'inizio della osmosi, le membrane non "filtrano" bene è alcuni mg di sale fuoriescono e vanno ad "inquinare" il "solvente". In ultimo ma molto importante da considerare, la griglia visto che deve reggere la membrana e la pressione che si determina all'interno del recipiente, se non è adeguatamente "corazzata", si deforma verso il basso e potrebbe rompersi per la pressione osmotica, un solo bar di pressione su cm2, resterà sempre un solo bar cm2 ma sulla membra piccola di un cm2 eserciterà la pressione di un solo bar, la stessa pressione di un bar cm2 che agisce sulla membrana grande, va sommata a tutti i cm2 della stessa quindi, vedrai che avremo una forza risultante molto importante... ma sempre e solo un bar cm2.

              f.sco
              Ultima modifica di Optmum; 05-01-2017, 19:21.

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Optmum Visualizza il messaggio
                Uforobot, la membrana in basso posta tra le due griglie di rinforzo, il massimo della pressione che permetterà di raggiungere sarà quella dell'osmosi diretta e poi si arresta. il sovrappiù della superficie non potrà permettere altra osmosi perché la pressione interna del recipiente sarà egualmente presente su ogni millimetro quadrato del dispositivo ( e quindi anche sulla superficie membrana grande ) e non permetterà altra osmosi
                Questo non mi sembra comprensibile perché la pressione si sfoga là in quell'altro luogo dove c'è la membrana piccola.


                Originariamente inviato da Optmum Visualizza il messaggio
                secondo te, la membrana piccola chi la pulisce del sale che si deposita sulla sua superficie?..
                Ma nelle rubinetterie casalinghe dove ci sono quegli aggeggi tanti pubblicizzati che purificherebbero l'acqua, chi la pulisce dal sale ?



                Originariamente inviato da Optmum Visualizza il messaggio
                Altro limite invalicabile, all'inizio della osmosi, le membrane non "filtrano" bene è alcuni mg di sale fuoriescono e vanno ad "inquinare" il "solvente".
                Su questo di devo dare ragione perché le membrane di poliammide non sono precise e qualche milligrammo di sale passa ogni tanto, quindi è solo questione di tempo, prima o poi sarò tutto contaminato dal sale.
                Questo limite è valicabile mettendo una pellicola di grafene trasparente resa semimpermeabile con fori nano appositamente fatti mediante procedimenti chimici ( Come creare fori selettivi nel grafene - Energia Plus, ) ma adesso sto andando fuori topic perché in questa discussione non si dovrebbe parlare grafene.
                D'altronde devo dimostrare che il principio è giusto, e per dimostrarlo mi basta fare vedere che per tante ore cade acqua.
                Poi, quando il materiale giusto sarà in vendita ad un prezzo accessibile, farò le cose alla grande e tutto diventerà salato dopo un miliardo di anni.

                Originariamente inviato da Optmum Visualizza il messaggio
                In ultimo ma molto importante da considerare, la griglia visto che deve reggere la membrana e la pressione che si determina all'interno del recipiente, se non è adeguatamente "corazzata"
                Nel messaggio di apertura avevo scritto che la griglia deve essere robusta e RIGIDA (vedi ultima riga del messaggio numero 1).
                -----------------------------------------------------
                -----------------------------------------------------
                Supponiamo di fare l'errore voluto di mettere un rubinetto proprio li dove c'è la membrana piccola, se per errore voluto chiudo il rubinetto, la pressione (P1) aumenta sempre più fino ad arrivare ad un limite che è ?
                Sei capace di calcolarlo ?
                Superficie 400 centimetri quadrati
                salinità 7 cucchiai di cloruro di sodio per litro.

                -----------
                Aprendo poi il rubinetto, quanta pressione (P2) necessita per fare uscire acqua distillata da li dove c'è la membrana piccolissima ?

                Rapporto P1/P2 ?
                P1 --> rubinetto chiuso
                P2 --> rubinetto aperto
                i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

                Commenta


                • #9
                  Uforobot, io con questi "aggeggini" ci lavoro da oltre vent'anni, non mi sono mai preso la briga di sperimentare quello che tu proponi in questo forum quindi, io ci arrivo per pratica e un poco di teoria che non guasta mai. Per il discorso che fai in merito alle pressioni, devi tener conto che a te non serve solo la pressione ma un certo flusso ( litri/h ) d'acqua necessario a muovere la turbina, tale flusso con il sistema in studio qui, ce lo possiamo dimenticare, siamo molto lontani dal traguardo. Le membrane dei depuratori casalinghi in certa misura sono auto pulenti... ma anche queste finiscono per intasarsi ed occorre procedere con un adeguato lavaggio per recuperare la loro funzionalità. La membrana grande, si trova i due fluidi a diversa concentrazione, quella piccola invece, si trova sempre e solo quella ad alta concentrazione, siccome il fenomeno osmotico è identico a quello della membrana grande, la conseguenza è che per poter operare l'osmosi, la membrana piccola avrà bisogno di una pressione molto più elevata perché molto più elevata è la concentrazione che si presenta alla sua superficie quindi, si trova a dover "spremere" acqua dolce da quella ad alta concentrazione salina ummmm.... ninzò, la vedo ardua come impresa, dovresti fornire "qualche" bar in più rispetto a quelli generati dall'osmosi della membrana posta in basso... il parametro reale non saprei dirtelo/dartelo, ma il tutto è assoggettato alle leggi fisiche secondo le quali, ad aumentata concentrazione, dovrai aumentare la pressione per procedere all'osmosi e la soluzione concentrata, non si presta ad essere "spremuta" senza adeguata pressione. Un dissalatore ( quindi per acqua di mare ), deve fornire tanta energia per raggiungere i 50-60 bar per operare l'osmosi inversa... e tu, in un solo dispositivo, ti trovi i due fenomeni osmotici posti in contrapposizione, uno lavora contro l'altro; in basso hai l'osmosi diretta, in alto invece hai l'osmosi inversa che necessita di moltissima energia.

                  f.sco
                  Ultima modifica di Optmum; 06-01-2017, 10:46.

                  Commenta


                  • #10
                    Ho cominciato a montare qualcosa




                    Nella foto che sta in alto, la membrana piccola non è stata ancora montata.

                    Nella foto che sta in basso, sia la membrana piccola che la guarnizione, sono stati ambedue montati.

                    La membrana piccola è affiancata da 2 guarnizioni: nella foto che sta in alto la prima guarnizione di gomma non si vede perché sta dietro la membrana, invece la seconda si vede benissimo perché sta ancora appoggiata sul tavolo.
                    -----------------------------
                    -----------------------------
                    Il contenitore sembra essere di vetro ma di vetro non è, è di plastica.

                    Avevo provato a forare il vetro con frese diamantate ma fu un disastro.

                    Fu un disastro perché quei contenitori di vetro sono fatti di vetro scadente fragilissimo.

                    Una volta andai dal soffiatore del vetro e appena gli feci vedere un contenitore di quelli scadenti che vendono al supermercato, subito a fatto un passo indietro e disse che non mette mano in quelle cose li.

                    Poi mi spiegò che lui maneggia vetro di pirex che è un tipo di vetro che costa di più ma che è meno fragile e quindi più lavorabile.

                    Quindi non ci provate mai a forare i contenitori scadenti di vetro del supermercato, (anche che avete frese diamantate), perché rischiate che si rompe tutto in un botto e qualche scheggia vi si conficca sulla vostra fronte.

                    Poi sono riuscito a trovare un contenitore di plastica alla UPIM quindi non è più necessario sprecare soldi con vetro di qualità pirex e manodopera di soffiatore,
                    ------------------------------
                    ------------------------------
                    Quel coso di colore OTTONE è semplicemente il buco di scarico di un lavandino (girato al contrario).

                    I grandi fori sul contenitore di plastica li ho fatti ieri usando seghe a tazza per il legno.
                    i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

                    Commenta


                    • #11
                      qui la boccia è piena di acqua salata






                      Per vedere se ci sono delle perdite di acqua salatissima occorre mettere il contenitore sul tavolo e aspettare un quarto d'ora; poi vedere se sul tavolo se una goccia di acqua.

                      Se c'è un goccia di acqua significa che il sistema "perde".

                      Se non riesce a rimuovere le perdite, è possibile usare come contenitore un grosso sifone di scarico di un lavandino (di plastica).

                      E' meglio non fare fori troppo grossi, perché si acutizzano i problemi di perdita; inevitabilmente però la superficie della grande membrana deve essere grande perché la forza di osmosi è proporzionale a quella superficie.
                      i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

                      Commenta


                      • #12
                        Contemporaneamente voglio andare avanti anche con il sifone di plastica.






                        Purtroppo la membrana piccola è una membrana di poliammide, e non è la fantastica membrana trasparente di grafene con fori nanotecnologici.

                        D'altronde qui in questa discussione non si deve parlare di grafene perché c'è l'altra discussione intitolata "L'energia infinita da osmosi" e si formerebbe una discussione doppia.

                        ---------------------------------------
                        ---------------------------------------
                        Ho visto che il sistema del sifone di plastica è migliore perché non ci sono perdite di acqua salata.

                        Guai se ci sono perdite di acqua salata perché l'acqua distillata ne verrebbe contaminata e alla lunga si annulla la differenza di salinità, quindi alla lunga non cadrebbe più acqua, e quindi alla lunga la turbina smetterebbe di girare, quindi alla lunga si spegnerebbero i lampioni che illuminano la strada.

                        Si tratta quindi di un problema idraulico.



                        Adesso tutte le acque sono in posizione, aspetto che il sistema vada in pressione.

                        Se non uscirà acqua significa che la superficie della membrana piccola è troppo estesa.
                        Ultima modifica di uforobot; 08-01-2017, 11:41.
                        i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

                        Commenta


                        • #13
                          Uforobot, per innescare l'osmosi inversa che interessa la membrana piccola, occorrono pressioni che raggiungano almeno i 40-45 bar e mi pare di aver detto già sta cosa.
                          Se poi ci mettiamo che l'acqua è salata più di quella di mare, le pressioni minime affinché si inneschi l'osmosi inversa salgono significativamente, ora, mettiamo che tu riesca a raggiungere queste pressioni, pensi che il tutto possa reggerle?...Oppure, hai messo su una specie di cellula urticante delle meduse che se la sciacqui con acqua dolce esplode per effetto dell'osmosi diretta?... Diretta come per la membrana grande per intenderci. Quando si manifesta dissenso/scetticismo circa il funzionamento del tuo esperimento, non è che ci si vuol guadagnare chissà che ma è solo per evitarti spese e delusioni anche se ciò è sbagliato, le esperienze quando ci vogliono... ci vogliono, ci si fa anche male ma qualcosa di positivo resta sempre.

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da Optmum Visualizza il messaggio
                            Uforobot, per innescare l'osmosi inversa che interessa la membrana piccola, occorrono pressioni che raggiungano almeno i 40-45 bar e mi pare di aver detto già sta cosa.
                            .
                            Non oso mettere in dubbio il principio di pascal che anzi lo ritengo sacro è inviolabile.

                            Però ho visto che in commercio esistono i cosi detti "moltiplicatori di pressione".
                            qui c'è un esempio
                            Moltiplicatore inox HC1W - Fino a 8 l/min - Camar S.p.A.

                            Non importa se dal moltiplicatore esce poca acqua a rallentatore (perché la pressione è stata aumentata artificialmente); l'importante che esce un po d'acqua la quale possa ripristinare la differenza di salinità.


                            Per analogia è come il discorso della leva di primo genere.
                            Non importa se con la mano devo muovere la leva di 1 metro e invece il pesantissimo masso si solleva solo di un centimetro; l'importante che riesco a sollevare il pesantissimo masso.


                            Supponiamo che la pressione di osmosi è di 2 bar, amplifico a 70 bar e certamente fuoriesce acqua depurata la quale ripristina la differenza di salinità.

                            Enormi pressioni su una piccola superficie, la piccola superficie deve cedere oppure in alternativa la piccolissima membrana si straccia.

                            Ma non credo che si straccia, altrimenti le centrale osmotica di Oslo non avrebbe mai funzionato ed in più abbiamo il vantaggio di acqua super controllata e non acqua di fiume impestata da scarafaggi e sterco di coccodrilli.
                            i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

                            Commenta

                            Attendi un attimo...
                            X