Elettricità Fredda (nuova forma di freeenergy) - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Elettricità Fredda (nuova forma di freeenergy)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Elettricità Fredda (nuova forma di freeenergy)

    Qualcuno di voi ha letto il libro di Peter Lindemann "The Free Energy Secrets of Cold Electricity" in questo libro si parla di una nuova forma i energia che tesla scoprì durante i suoi esperimeti, in particolare tutto partì dagli strani effetti che si verificavano allo staccare e attivare un circuito in DC (tensione continua) durate queste prova si accorse che strani impulsi di energia si creavano quando si creavano impulsi (scariche) unidirezionali. non vi dico gli effetti...... ci vorrebbe un libro per spiegarli...... comunque la cosa alla base della manifestazione di questa energia che lui chiamava energia radiante era quella di effettuare una scarica monodirezionale quindi egli per aumentare l'efficenza di questo effetto utilizzo uno speciale sparkgap ad estinzione magnetica cioe l'arco veniva intrrotto bruscamente dal campo mgnetico creato da due potenti magnti.
    Sono stati studiati da tesla stesso gli effetti duei vari impulsi.... come durata ed ad ogni durata compredeva una serie di effetti gli impulsi dell'ordine dei millisecondi erano dolorosi per che si trovava nelle vicinaze... quelli dell ordione dei microsecondi non davano fastidio e creavano un elettricità fredda cioe nella stanza era come se la temperatura si abbassasse.. ma la cosa sorprendende di questa elettricità fredda o energia radiannte si ha quando lui stesso prende una barra di rame piegata ad U ed ai capi colega dellle lampade a filamento.... (voi penserete sono in corto :blink: ) be nei suoi esperimeti questa energia radiante faceva accedre qeste lampade ad una luminosità sorprendente seza che esse riscaldino... :wacko: egli stesso descrisse quesato fenomeno che una nuova forma di energia che non predilige la greststenza minore del cavo di rame ma quelle delle lampade....
    questo sorta di effetto si creerebbe quando ad esempio un condesatore HV si scaricasse ma non deltutto cioe un impulso unidirezionale magari su un gorsso cavo in rame...

    La domada che vi pongo qualcuno di voui ha mai effettuato esperimeti in questa direzione?
    qualcuino ha mai costruito un Sparkgap con estizio dell' arco con magneti permaneti? se si ne possiamo discutere?

  • #2
    forse hai trovato la chiave di lettura!!!!vedrai che qualcuno presto ti risponderà :woot:

    Commenta


    • #3
      Caro Nabucodor,
      i primi trasmettitori radio funzionavano con questo principio, veniva creata una scarica elettrica che generava parecchie armoniche a radiofrequenza che venivano ricevute a grande distanza.
      Se hai qualche esperienza di radiantismo saprai bene quanto siano fastidiose le scariche elettriche atmosferiche nei ricevitori.
      Per quanto riguarda "l'elettricità fredda" se hai l'occasione di sperimentare con l'alta tensione scoprirai diverse cosette curiose, per esempio, se ti avvicini ad uno spillo a cui sia applicata una tensione di -10.000 v. sentirai un venticello fresco. Se gli avvicini un tubo al neon lo vedrai accendersi.

      Ciao.
      *** Firma irregolare rimossa d'ufficio. ***

      Commenta


      • #4
        Si tutto vero,ma Nabucodor si riferiva a ben altro.....

        Forza ragazzi scaricatevi il libro da emule e iniziate a leggere

        The Free Energy Secrets of Cold Electricity.....

        Commenta


        • #5
          Se si fa scorrere corrente alternata in un tubicino di rame pieno,si vedrà che la corrente scorre solo sulla superficie esterna del tubicino.Piu' è alta la frequenza, piu' la corrente scorre sulla 'buccia' del tubo,e non dentro di esso.Le lampadine emettevano luce fredda perchè venivano strappati fotoni dalla superficie esterna del filamento,mentre l'interno del filamento non aveva elettroni marcianti:è l'effetto pelle. La barra piegata a U poi altro non è che un'antenna ricevente operante su svariati MHz: è a U per diminuire l'effetto induttivo e aumentare l'effetto capacitivo.La U la si riscontra spesso su circuiti di telecomandini operanti a 400 Mhz. Che poi Tesla avesse sfruttato qualche altra anomalia dei campi E.M. non è possibile certo smentirlo,di certo era geniale.

          Commenta


          • #6
            OggettoVolante la tua spiegazione va bene ma se la lambada la immergo nell'acqua? e poi nell'aaquaci metto le mani? be secondo tesla o quello che ha sperimentao questa nuova forma di energia faceva si che si accendesse lostesso... quindi qui c'è qualcosa che non torna..... secondo me è una altro stato dell' energia se vuoi la chiami radiate o latro e si crea come quando si cra il colpo di ariete nei tubi un impulso non di alta frequeza ma Unidirezionale cioe in una sola direzione crava questo effetto radiate che elettricità non era ed a contatto cone altri materiali quele rame ecc. ritornava nella sua forma di elettricità quale noi la conosciamo....
            Comunque sto cercando di fare quelche prova ma ho dei problemi con lo Sparkgap ad estisione magnetica..... qualuno di vuoi mi può aiutare?

            grazie

            Commenta


            • #7
              Studiate la fisica!!! E la matematica! Poi andate a leggere le cose su emule, e ragionateci sopra ma da informati. claudiomenegatti ha ragione anche in un circuito in corrente continua se interrotto bruscamente si formano delle "onde". Tutto si spiega con un po di equazioni differenziali niente di metafisico basta un pò di analisi. Analisi 2 la chiamavano una volta!! Comunque anche con un esempio più semplice si ci può arrivare : se prendi una molla e la carichi e poi bruscamente la lasci andare si metterà ad oscillare con moto smorzato. Ugualmete un circuito in cui scorre una corrente continua contiene sempre un induttanza e se lo spezzi bruscamente in quel punto si crea una capacità, bene l'insieme di induttanze e capacità dal punto di vista elettrico si comporta come un sistema massa-molla. Il problema è che Tesla era un pioniere e come tale dava nomi tutti suoi alle cose che scopriva, nomi come elettricità fredda fanno molto effetto...La matematica di meno....Fermi tanto per dirne una per togliersi la curiosità di perchè una trottola sta in piedi s'è dovuto studiare da solo la meccanica razionale.

              Commenta


              • #8
                CITAZIONE (Nabucodor @ 31/7/2006, 00:58)
                Comunque sto cercando di fare quelche prova ma ho dei problemi con lo Sparkgap ad estisione magnetica..... qualuno di vuoi mi può aiutare?

                Premetto che il consiglio che ti danno gli altri nello studiare la fisica è sensato.
                Detto questo, torniamo a noi:
                come deve essere questo Sparkgap, qual'è il problema che hai incontrato di preciso? Posso aiutarti a risolverlo.

                Commenta


                • #9
                  CITAZIONE (OggettoVolanteIdentificato @ 30/7/2006, 23:06)
                  Piu' è alta la frequenza, piu' la corrente scorre sulla 'buccia' del tubo,e non dentro di esso.

                  Confermo. questo vale per qualsiasi tipologia di onda (in liuteria il legno superficiale è importantissimo per la corretta riproduzione delle armoniche superiori dello strumento, e quello interno per le fondamentali e prime armoniche), però non credo risolva il problema della U immersa in acqua, quantomeno per cosa ne so io.

                  Vorrei far presente che su emule c'è anche un video intitolato "cold electricity".

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X