annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Etere moderno

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Etere moderno

    Dopo il famoso esperimento di Michelson-Morley e della teoria della relativita di Einstein, il mondo scientifico ha abbandonato la ricerca dell'etere. Questo e' quello che la maggior parte delle persone pensa, ma e' veramente cosi' ? C'e' stata una vera prova definitiva a conferma di una o l'altra tesi ? E' solido come pensava Maxwell ed Hertz oppure e' gassoso come pensava Lorentz e Tesla ? O ancora e' qualcosa d'altro....


    “Quando Dr. Heinrich Hertz intraprese i suoi esperimenti dal 1887 al 1889 il suo obiettivo era di dimostrare una teoria che ipotizza un medium che riempie tutto lo spazio, chiamato etere, che è senza struttura, di una inconcepibile sottigliezza e ancora solido e avente una rigidità incomparabilmente più grande di quella dell’acciaio più duro. Ottenne alcuni risultati e il
    mondo intero acclamò essi come la verifica sperimentale di quella teoria adorata. Ma in realtà quello che osservò porta a provare solo la sua ingannevolezza.
    Ho sostenuto già per diversi anni che tale medium così come supposto non può esistere, e che dobbiamo accettare piuttosto la prospettiva che tutto lo spazio è riempito con una sostanza gassosa. Nel ripetere gli esperimenti di Hertz con apparati di gran lunga migliorati e molto più potenti, mi sono convinto che quanto aveva osservato non erano altro che gli effetti di onde longitudinali in un medium gassoso, vale a dire, onde, propagate attraverso la compressione e l’espansione alternata. Egli aveva osservato onde nell’etere pressappoco della natura di onde sonore nell’aria”
    Fonte: New York Herald Tribune, 22 settembre 1929 "Nikola Tesla Espone Nuove Teorie Radio


    Sempre Tesla riguardo alla relatività' di Einstein :
    “« un magnifico abito matematico che affascina, abbaglia e rende la gente
    cieca di fronte ad errori impliciti. La teoria è come un mendicante vestito
    color porpora che la gente ignorante scambia per un re..., i suoi esponenti
    sono uomini brillanti, ma sono metafisici, più che fisici...» ”
    Ma perché' molti fisici dell'epoca e,anche attualmente, non condividono il credo scientifico che nega l'esistenza dell'etere? Il discorso e' complesso e può' dare vita a varie spiegazioni.
    Certo e' che ci sono molte conferme per la teoria della relatività' , ma basta ? Sicuramente attualmente e' la più' completa teoria, ma non per questo deve essere questa la spiegazione per il futuro sopratutto a causa dei molti paradossi e di qualche esperimento/effetto che la negherebbe.
    Molti hanno spiegato che lo stesso esperimento di Michelson-Morley sia errato (SpringerLink - Journal Article) per via della contrazione di Lorentz-Fitzgerald e anche per la impossibilita' di misurare delle interferenze con le modalità di quel esperimento.(senza contare il fatto della reale durata temporale dell'esperimento)
    Comunque il risultato del calcolo della velocità' non fu nullo come molti penserebbero ma bensì di ben 8,4 Km/s rispetto ai 30 Km/s che ci si aspettava e comunque ben superiore della sensibilità' del dispositivo. Lo stesso Miller che rifece l'esperimento di Michelson-Morley trovo quasi il medesimo risultato e, inoltre,trovo che la velocità' variava a secondo del periodo, tutte prove a discredito della teoria della relatività.(http://prometeo.sif.it:8080/papers/online/sag/022/01-02/pdf/04.pdf)


    Inoltre bisogna ricordare il famoso effetto Sagnac (Effetto Sagnac - Wikipedia) da cui e' poi originato l'altro esperimento di Michelson-Gale (con l'effettiva misurazione della rotazione terrestre).
    Logicamente i fautori dell'etere spiegano questo esperimento come la conferma dell'etere (http://www.brera.unimi.it/SISFA/atti/2003/16-34Selleribari.pdf) mentre i fautori di Einstein la spiegano tramite complicatissimi calcoli astrusi che pochi riescono a capire ma , sopratutto , tanti non si trovano d'accordo. (Effetto Sagnac — Ulisse)
    Certo e' che questi dispositivi (Girobussole a fibre ottiche) funzionano e trovo difficile spiegarli tramite la relatività' ristretta o quella generale.
    Inoltre sempre più' spesso vengono rifatti ulteriori test tipo quelli di Silvertooth (http://160.114.99.91/astrojan/silverto.pdf) o quello italiano di Consoli ([physics/0306094] Vacuum condensates and `ether-drift' experiments) che danno la conferma alla teoria dell'etere o della relatività' ,ma sempre piu' insistentemente si cerca una soluzione verso un qualcosa che spieghi certi fenomeni.
    Logicamente in questa sezione io sono per l'esistenza dell'etere ,altrimenti molti dispositivi non avrebbero nessuna possibilità' di funzionare non esistendo le famose onde longitudinali/scalari e io non mi divertirei con i miei 'MEG'.
    Vi linko per ultimo la visione più' moderna verso un nuovo tipo di 'etere' condiviso e cercato da molti. (Associazione Italiana del Vuoto - XVI Congresso AIV - Catania Ottobre 2002 - Immagini e relazioni principali)







  • #2
    Il cosi detto "vuoto assoluto" dello spazio interplanetario è composto da particelle virtuali.

    Quindi l'etere esiste perchè composto da particelle virtuali.

    Senza le particelle virtuali, la luce non può propagarsi.

    Come l'aria è il supporto delle onde sonore sonore, così le particelle virtuali sono il supporto delle onde elettromagnetiche.

    Esiste la teoria secondo la quale, prima del famoso big bang, la velocità della luce era ZERO, perchè ancora non esistevano le particelle virtuali, poi c'è stato l'apocalittico big bag e la velocità della luce era molto superiore a c, infatti il volume dell'universo è molto più grande di quanto la luce avrebbe permesso con l'attuale velocità.
    Terminato il processo della grande inflazione, la velocità della luce si è stabilizata a c.
    Esiste l'ipotesi, non ancora dimostrata, che la velocità della luce non sia perfettamente costante ma leggerissimamente in diminuzione, questa diminuzione è causata dall'espansione dell'universo e quindi dalla dilatazione dello spazio-tempo.
    Forse anche l'universo è una giganstesca particella virtuale che compare e scompare, ma anche questo non è stato ancora dimostrato.
    i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

    Commenta


    • #4
      E' possibile materializzare le particelle virtuali e renderle reali, applicando altissima tensione continua al condensato di bose einstein.
      E' già risaputo che in un campo coulombiano molto forte, i raggi X e raggi gamma materializzano le particelle virtuali.
      Però si vorrebbe materializzare le particelle virtuali senza spendere energia.

      La materializzazione delle particelle virtuali dipende dal prodotto di 2 fattori: lintensità del campo elettrico e la frequenza delle onde elettromagnetiche.

      Potrei fare campo elettrico poco intenso, ma allora dovrei alzare moltissimo la frequenza delle onde elettromagnetiche quindi spendere tanta energia, quindi raggi X e raggi gamma.
      Al contrario potrei fare un campo elettrico intensissimo e allora basterebbero le onde elettromagnetiche già presenti ovunque per materializzare materia dal niente.
      Ma purtroppo l'intensità del campo elettrico è l'imitato dalla temperatura ambiente; un esempio lampante è l'effetto termoelettronico delle vecchie valvole in cui il campo elettrico tende a cadere perchè gli elettroni riescono a passare nel vuoto e riescono a farlo perchè la temperatura è stata fatta di proposito alta.
      Solo con il condensato di Bose Einstein io potrei fare un campo elettrico sufficientemente intenso per creare materia dal nulla, pardon: per convertire particelle virtuali in particelle reali.
      Tra l'altro poi... nel condensato di Bose Einstein, la velocità della luce è ridotta a pochi metri al secondo, si tratta di una situazione strana che assomiglia un pochettino all'ambiente che c'era quando ci fu il big bang, a quel tempo la velocità della luce era quasi zero e siccome il principio di indeterminazione di Heisenberg dipende moltissimo dalla velocità della luce, ne consegue che la comparsa di particelle virtuali sono facilmente determinabili e quindi facilmente "sfruttabili" dal punto di vista energetico.
      Con il condensato di Bose Einstein è possibile addirittura rifare il famoso big bang, in questo caso, la produzione di energia è nell'ordine di miliardi di GIGAwatt.

      Fonti:
      Il vuoto quanto meccanico
      Ultima modifica di sandro-meg; 21-09-2009, 08:03. Motivo: inserimento fonti
      i peggiori nemici del fotovoltaico sono gli speculatori edilizi perché costruiscono alveari di 15 piani anziché case di zero piani.

      Commenta


      • #5
        Aggiorno questa discussione dopo la recente scoperta fatta dal Cern dove hanno trovato che i neutrini,molto probabilmente,superano la velocita' della luce .( Particles break light-speed limit : Nature News ).
        Questa non e' proprio una vera novita' infatti altre volte si era pensato che i neutrini potessero essere piu' veloci della luce ma mancavano delle prove incontrovertibili per una conferma ufficiale.(ora ci siamo quasi)
        Volevo far notare una piccola ma interessante cosa che si ripete nelle misure dell'etere....

        Velocita' della luce =299792458 m/s
        Velocità del neutrino =299799958 m/s
        Differenza di velocità = 7500 m/s

        La differenza di velocita' e' ,guarda caso,sempre quella misurata (su per giu') dagli esperimenti eseguiti da MM o Miller e &.(vedi doc. precedenti) e' cioe' la velocità misurata della terra rispetto l'etere .
        E' logico che e' una misura grossolana ma se si considera che fino ad ora la velocita' dei neutrini sarebbe stata quasi uguale a quella della luce (diamola quindi per buona), questa sarebbe una nuova misura della velocita' della terra rispetto all'etere che corrisponde a quelle finora misurate.
        Sono curioso di sapere quello che pensate a riguardo.....
        Ultima modifica di sandro-meg; 04-10-2011, 17:02. Motivo: Modifica velocita neutrino

        Commenta


        • #6
          Non l'ho mica capita: l'esperimento di MM dice che la terra è in quiete rispetto all'etere.

          Commenta


          • #7
            Penso che ancora una volta si stia facendo revisionismo storico.
            Possibile che non sia ancora entrato nella testa che dopo MM ce ne sono stati altri:

            Brillet & Hall[1] 1979
            Wolf et al.[2] 2003
            Müller et al.[3] 2003
            Wolf et al.[4] 2004
            Wolf et al.[5] 2004
            Antonini et al.[6] 2005
            Stanwix et al.[7] 2005
            Herrmann et al.[8] 2005
            Stanwix et al.[9] 2006
            Müller et al.[10] 2007
            Eisele et al.[11] 2009
            Herrmann et al.[12] 2009


            Si, 10^-17.
            Questa tabella la vogliamo tenere in testa, prima di citare ossessivamente sempre e solo MM?

            Buona lettura:


            Sig. Rossi, ci può fornire 1kg di nickel arricchito?

            Commenta


            • #8
              Tia se leggevi i documenti del primo post (bastava quello di Consoli,Percorsi) non serviva che elencavi tutti quei doc.
              Infatti, utilizzando le trasformazioni di Lorentz (e non quelle di Galilei) per connettersi al sistema privilegiato lorentziano, e correggendo con gli indici di rifrazione dei mezzi gassosi usati nei vari esperimenti, i piccoli effetti osservati acquistano un'importanza cruciale. Essi suggeriscono piuttosto un moto della Terra caratterizzato da una velocita assoluta di circa 200 km/s (valore proiettato nel piano dell'interferometro). Tale conclusione non e in contraddizione con gli esperimenti piu recenti in cavita ottiche criogeniche giacche in questi ultimi, che sono eseguiti nel vuoto piu spinto disponibile oggi, le differenze quantitative tra le due interpretazioni della relativita sono al limite dell'osservabilita.Si discute un esperimento dedicato che potrebbe fornire una risposta definitiva sull'argomento.
              (http://prometeo.sif.it:8080/papers/online/sag/022/01-02/pdf/04.pdf)

              P.S.Qui l'ultimo paper di Consoli http://arxiv.org/pdf/1106.1277
              Ultima modifica di sandro-meg; 26-09-2011, 17:25. Motivo: aggiunta paper

              Commenta


              • #9
                Non ci metto neanche il becco sul fatto che gli esperimenti con cavità criogeniche non siano da prendere in considerazione (si vede che all'etere gli stanno antipatiche). Mi basta giusto citare questo studio: JSTOR: An Error Occurred Setting Your User Cookie
                Fatto in ARIA. Misurato la velocità della luce in diverse posizioni. Sempre risultati in linea con la velocità della luce, incertezza strumentale di 0,1 km/s, piu che sufficiente a rilevare il "vento dell'etere a 200 km/s".
                Sig. Rossi, ci può fornire 1kg di nickel arricchito?

                Commenta


                • #10
                  Be che sappiamo con precisione la velocita' della luce non e' un mistero....nessuna la nega.
                  Sappiamo inoltre che sia nella relativita' di Einstein che nella teoria di Lorentz si possono spiegare i risultati che si ottengono sperimentalmente.
                  Quindi dove starebbe il punto di Froome (se mi dai il paper completo mi posso fare una idea piu' precisa) che nega quanto detto da Consoli, Selleri e & (e non sono pochi).
                  Inoltre mi spiegheresti come sia possibile che una particella dotata di massa possa essere piu' veloce di C ?
                  E' un tachione ? E tanto che siamo in argomento, dove e' andato a finire il bosone di Higgs (sembra proprio che non lo trovino...eppure dovrebbe esserci per la teoria comunemente accettata).
                  Certo possono modificare la teoria attuale ma generando altri paradossi.
                  Siamo in un momento storico veramente interessante per la fisica.

                  Commenta


                  • #11
                    Continuate a citare l'esperimento di MM ed il fatto che abbiamo misurato qualcosa. Anche in quell'esperimento li che ho citato hanno fatto le misure, non le hanno fatte in cavita criogeniche, ed hanno ottenuto un risultato in linea con l'attuale velocità della luce. Non 200km/s sopra o sotto tale valore.
                    Sig. Rossi, ci può fornire 1kg di nickel arricchito?

                    Commenta


                    • #12
                      1)D. C. Miller, The Ether-Drift Experiment and the Determination of the Absolute Motion of the Earth, Review ofModern Physics,
                      5, 203-242, (1933)
                      2). G. F. Smoot et al., Detection of Anisotropy in the Cosmic Blackbody Radiation, Physical Review Letters,
                      39,No 14, 898-901, (1977)
                      3)R. A. Muller, The Cosmic Background Radiation and the New Aether Drift, Scientific American,
                      238, 64, (1978)
                      4). E. W. Silvertooth, Experimental detection of the ether, Speculations in Science and Technology,
                      10, No 1, 3-7,(1986)5). M. Consoli and E. Constanzo, Motion toward the Great Atractor from an ether-drift experiment, arXiv:astroph/
                      0601420 v. 2, (2006) (analysis of 3 Modern laboratory experiments, two in Germany and one in Australia

                      Se mi dai il link originale di Froome sapro come ha operato ma ,come vedi sopra (e ho preso solo alcuni), i risultati possono essere in contrasto con il credo scientifico attuale.(non ti giro TUTTE le misure di Consoli,le puoi trovare da solo)
                      Se non hai il link ,almeno spieghi come ha operato Froome e come ha misurato la velocita' della luce ? Ha cercato solo quello o ha ricercato la velocita' della terra rispetto l'etere ? e come ?
                      Grazie
                      Ultima modifica di sandro-meg; 26-09-2011, 22:20.

                      Commenta


                      • #13
                        Originariamente inviato da sandro-meg Visualizza il messaggio
                        2). G. F. Smoot et al., Detection of Anisotropy in the Cosmic Blackbody Radiation, Physical Review Letters, 39,No 14, 898-901, (1977)
                        3)R. A. Muller, The Cosmic Background Radiation and the New Aether Drift, Scientific American,
                        238, 64, (1978)


                        Sarebbe meglio leggere attentamente i lavori che si citano, tanto per evitare di prendere cantonate. STai parlando di questo: http://muller.lbl.gov/COBE-early_his...otropy-PRL.pdf
                        Gli autori non parlano affatto di etere, ne della sua esistenza. Hanno analizzato i dati, hanno visto un effetto doppler (nella radiazione di fondo) e da quello hanno ricavato la velocità della terra rispetto alla radiazione.


                        Non ho tempo per guardare gli altri lavori attentamente.

                        Se mi dai il link originale di Froome sapro come ha operato ma ,come vedi sopra (e ho preso solo alcuni), i risultati possono essere in contrasto con il credo scientifico attuale.(non ti giro TUTTE le misure di Consoli,le puoi trovare da solo)
                        Se non hai il link ,almeno spieghi come ha operato Froome e come ha misurato la velocita' della luce ? Ha cercato solo quello o ha ricercato la velocita' della terra rispetto l'etere ? e come ?
                        Grazie
                        Non esiste il "credo" scientifico.
                        Non solo, la velocità della luce è stata misurata una infinità di volte, con diversissimi setup strumentali. Se l'etere esiste, se MM c'aveva visto giusto, allora questi 200km/s dovrebbero saltar fuori. Non si sono mai visti.
                        Cioè intendiamoci, con setup seri, non coi barattoli di caffè come guide d'onda.
                        Ultima modifica di nll; 27-09-2011, 12:08. Motivo: Riparato tag QUOTE
                        Sig. Rossi, ci può fornire 1kg di nickel arricchito?

                        Commenta


                        • #14
                          Tra l'altro, a scanso di equivoci, viosto che poi uno loegge la parola "aether" e pensa a chissa cosa, di leggersi http://muller.lbl.gov/COBE-early_his...otropy-PRL.pdf e (anche) l'ultima pagina, dove cita appunto "the new aether drift", e come ho scritto sopra si capisce cosa voglion o dire gli autori.
                          The Cosmic Background Radiation and the New Aether Drift, Scientific American
                          è la versione divulgativa dell'articolo linkato sopra.




                          Ultima modifica di tia86; 26-09-2011, 22:38.
                          Sig. Rossi, ci può fornire 1kg di nickel arricchito?

                          Commenta


                          • #15
                            Non vedo perche' non ti piacciono i lavori di Muller gia' che confermano la velocita' della terra uguale a quelle sperimentate da MM fino ad ora da Consoli e &.
                            Inoltre ti sto dicendo che e' difficile capire quale delle due teorie e' quella esatta,forse non lo sono nessuna delle due.
                            Se l'etere esiste, se MM c'aveva visto giusto, allora questi 200km/s dovrebbero saltar fuori. Non si sono mai visti.
                            Si che esistono e non solo con MM,ti ho gia' nominato Miller,Sivelrtooth,Consoli e &, poi ognuno prende gli esperimenti a lui piu' congegniali per la visione della relativita' o quella di Lorentz.Inoltre Consoli e' molto piu' recente di MM se non ti piacciano i suoi dati completi.
                            Ma tornando a noi come lo spieghi la velocita' dei neutrini maggiore di C ? Non e' un 'colpetto' alla relativita' ?

                            Commenta

                            Sto operando...
                            X
                            TOP100-SOLAR