annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

ATTENZIONE giocare con l'acqua è molto pericoloso

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ATTENZIONE giocare con l'acqua è molto pericoloso

    Explosion at California water fuel research company kills inventor

    Penso sia il caso di mettere questo 3D all'inizio di tutte le discussioni, se i moderatori sono d'accordo..
    Ultima modifica di Armando de Para; 20-06-2010, 10:27. Motivo: Segnalazione ai moderatori
    una goccia d'acqua deionizzata e bidistillata ad una analisi specifica degli elementi in essa contenuti in ppb (parti per miliardo) risulta possedere in se tutti gli elementi che compongono il nostro pianeta ad eccezione delle terre rare, è in pratica la nostra impronta digitale.

  • #2
    Ma quanto HHO stavano facendo?????
    Vedi lavorare con celle Grandi !!!! Occhio!!!!
    Lo Zeppelin insegna

    Il problema secondo me è stato lo stoccaggio !

    MAI TENERE HHO IN CONTENITORI
    Sono vere e proprie bombe(dato dal rapporto stechiometrico perfetto)basta una scarica elettrostatica e BOOMMMM.

    Quindi produrre HHO secondo le esigenze!!!

    YouTube - Esplosione HHO

    ciaooo
    Ultima modifica di Gianfranco; 20-06-2010, 09:35.
    Framoro...

    Commenta


    • #3
      Ovviamente sono tutti effetti delle implosioni!


      Originariamente inviato da Gianfranco Visualizza il messaggio
      Sono vere e proprie bombe(dato dal rapporto stechiometrico perfetto)basta una scarica elettrostatica e BOOMMMM.
      L'idrogeno ha lo stesso effetto anche se brucia con l'ossigeno dell'aria.

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da jowind Visualizza il messaggio
        Ovviamente sono tutti effetti delle implosioni!
        Si e come ha sottolineato Gianfranco devono aver stoccato una grandissima quantità di gas per ottener e un effetto così drammatico.
        una goccia d'acqua deionizzata e bidistillata ad una analisi specifica degli elementi in essa contenuti in ppb (parti per miliardo) risulta possedere in se tutti gli elementi che compongono il nostro pianeta ad eccezione delle terre rare, è in pratica la nostra impronta digitale.

        Commenta


        • #5
          grandissima quantità di gas per ottener e un effetto così drammatico.
          Oppure hanno trovato il modo di saltare la fase,elettrolisi-HHO e utilizzano direttamente H2O come combustibile
          Framoro...

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da Gianfranco Visualizza il messaggio
            utilizzano H2O come combustibile
            E quale sarebbe il comburente?

            Commenta


            • #7
              Ho letto la cronaca del dramma accaduto, ho letto le vostre considerazioni, se non ho capito male, stando al commento di Bob Boys si stava cercando
              di immagazinare HHO compresso in un thank contenente fibra di Carbonio
              che come afferma Boyce è un'ordigno altamente esplosivo. Lo stesso Boyce afferma in sostanza che il gas HHO non va mai compresso; in linea
              con quanto ho sostenuto io con l'amico Joewind che postò l'esperimento
              della siringa aspirando e comprimendo l'HHO sì da snaturare lo stesso gas formando la cosidetta miscela tonante che potrebbe esplodere anche
              senza scintillazione apparente, con semplice contatto con aria ionizzata.
              Gianfranco è stato molto chiaro nel concetto di elettrostaticità. A chi non
              è mai successo elettrizzarsi mentre si scende dalla macchina e prendere
              la scossa con scintillazioni mentre si tocca una maniglia metallica?
              In effetti siamo noi a dare la scossa alla maniglia solo che la maniglia non la avverte, la avvertiamo invece noi e che scoppole certe volte. Ora
              questa elettrostaticità è presente sempre con le sue scintille anche invisibili anche se non avvertiamo la scossa le scintille partono lo stesso
              benchè non si vedono sono presenti. Non parliamo poi di fibre, qualcuno
              ricorda di aver udito il crepitio e visto forti scintillazioni mentre si toglieva
              il maglione in fibra al buio? Forse Bob Boyce si riferiva a questo, questa ditta stava studiando un metodo per immagazzinare l'HHO che non si immagazzina ma deve essere on demand, sotto chiave, lasciatevelo
              dire da uno come me che passa parte del suo tempo libero a giocare
              con questo gas particolare ed innocuo se non sottoposto a forzature di
              compressione e stoccaggio. Regards.

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Gianfranco Visualizza il messaggio
                Oppure hanno trovato il modo di saltare la fase,elettrolisi-HHO e utilizzano direttamente H2O come combustibile
                OH2 o se meglio preferisci auqca....
                una goccia d'acqua deionizzata e bidistillata ad una analisi specifica degli elementi in essa contenuti in ppb (parti per miliardo) risulta possedere in se tutti gli elementi che compongono il nostro pianeta ad eccezione delle terre rare, è in pratica la nostra impronta digitale.

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da shardanaelettronica Visualizza il messaggio
                  il gas HHO non va mai compresso
                  Stai affermando una cosa falsa, di cui non puoi essere sicuro e di cui non conosci le conseguenze. L'aumento di pressione non cambia la natura del gas, ma ne fa aumentare le quantità in uno stesso volume. E in una bombola mettendo sia combustibile che comburente pronti ad essere innescati aumentano a dismisura le possibilità di combustine.

                  Originariamente inviato da shardanaelettronica Visualizza il messaggio
                  l'esperimento della siringa aspirando e comprimendo l'HHO sì da snaturare lo stesso gas formando la cosidetta miscela tonante che potrebbe esplodere anche senza scintillazione apparente, con semplice contatto con aria ionizzata.
                  Come si legge non hai capito un bel niente di quell'esperimento, quel gas non esplode perchè il tipo ha dato qualche pigiatina allo stantuffo, quella mossa l'ha fatta solamente per dimostrare che all'interno della siringa vi era del gas. L'esplosione è dovuta alla natura del gas.

                  Originariamente inviato da shardanaelettronica Visualizza il messaggio
                  dire da uno come me che passa parte del suo tempo libero a giocare
                  con questo gas particolare ed innocuo se non sottoposto a forzature di compressione e stoccaggio. Regards.
                  Questa è un'altra falsità, non puoi dire che questo gas è innocuo se non compresso, solo perchè tu ne usi quantità piccole che non comportano danni irreparabili, non ti auguro di dimenticarti l'elettrolizzatore acceso di notte dentro una stanza chiusa e che il gas prodotto sautri l'ambiente... sai che fine faresti all'accensione dell'interruttore della luce? (senza nessuna compressione)

                  Commenta


                  • #10
                    Infatti Joewind
                    la produzione di HHO come da me specificato va sotto chiave io non lascio il Pwm attaccato quando non serve. Quanto a produzione di HHO son a livelli pari a Lorenz se non qualcosina di più perchè ogni tanto mi
                    confronto con questo amico che ha intanto concretizzato, tu Joewind elencami un tuo solo manufatto, per giunta vai a consultare la sibilla cumana per evocarne gli auspici. Se fosse come dici tu più che con convinzione, con arroganza ci saremmo riempiti qualche serbatoio d'idrogeno compresso e liquefatto e saremo andati in giro in macchina
                    a sbaffo perchè la compressione non è importante in un gas, aumenta
                    solo il volume. Credo che il tuo professore di elettrochimica di Pisa sia una persona indubbiamente preparata e competente. Sei tu l'alunno che non ha capito il semplice esperimento della compressione della siringa a vuoto
                    cioè con aria (che è sempre un gas) lasciando andare di colpo schizza via
                    lo stantuffo, evidentemente non sai ricaricarti nemmeno le cartucce della stampante, altro che celle elettrolitiche con te tocca farti fare la O col bicchiere. Regards.

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da jowind Visualizza il messaggio
                      L'aumento di pressione non cambia la natura del gas, ma ne fa aumentare le quantità in uno stesso volume. E in una bombola mettendo sia combustibile che comburente pronti ad essere innescati aumentano a dismisura le possibilità di combustione.
                      Non posso che quotare Jowind. A parte che chi parla di "natura del gas" bisognerebbe che spiegasse cosa s'intende... Termine quantomai vago.
                      La cara (per me) Vecchia Chimica, che non ha nessuna pretesa di raggiungere la Divina Nuova Chimica, spiegherebbe anche il perché. Secondo la cinetica chimica, la velocità di reazione è direttamente proporzionale alla concentrazione di almeno uno dei reagenti (elevata al suo coefficiente d'ordine). Sapendo poi che la pressione è direttamente proporzionale alla concentrazione (basta usare la legge dei gas perfetti) ecco giustificato il concetto che: un aumento di pressione dei reagenti può innescare una reazione spontanea (H2+O2 è, per l'appunto, spontanea!), senza addirittura bisogno che ad essa venga fornita la propria energia d'attivazione.

                      Posso domandare invece come la Nuova Chimica spiegherebbe lo stesso fenomeno?


                      Originariamente inviato da Shardanaelettronica;
                      ci saremmo riempiti qualche serbatoio d'idrogeno compresso e liquefatto
                      Shardanaelettronica,
                      mi piacerebbe davvero che tu mi spiegassi come saresti in grado di liquefare l'idrogeno (e portartelo appresso sull'automobile) dal momento che la sua temperatura critica è - 239,95°C.
                      Ultima modifica di Nabla; 21-06-2010, 00:59.

                      Commenta


                      • #12
                        sarebbe simpatico che tutti i vari "sperimentatori" e "ricercatori indipendenti" e "scienziati non allineati", oltre ad avere delle cognizioni più approfondite di chimica e fisica "non alternativa" (ho letto alcune cose anche in questo 3d........), familiarizzassero con termini quali

                        "atmosfera esplosiva"

                        "miscela esplosiva"

                        e, la normativa in materia
                        TITOLO VIII-bis? - PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
                        http://www.inail.it/cms/pubblicazion...Capitolo81.pdf

                        poi, ognuno se la giochi pure come preferisce

                        Odisseo
                        (E d'un tratto capii che il pensare è per gli stupidi, mentre i cervelluti si affidano all'ispirazione. (cit. Arancia meccanica) - Ma se quella non arriva, il cervelluto stà inguaiato assai (Odisseo - Gigantosaurus Carinii Patagoniae)

                        Commenta


                        • #13
                          Caro Nabla
                          natura del gas l'ho già abbondantemente precisato un gas anomalo ho
                          persino sottolineato non miracoloso come ingiustamente mi si attribuisce,
                          cosa che non ho mai detto. Grazie per avermi informato che l'drogeno
                          vada compresso e raffreddato a meno 239 gradi per esser immagazinato
                          in serbatoi d'idruri metallici, la cosa mi è nuova!!!!! Siccome non stiamo
                          parlando di H2+O (vedi elettrolisi classica con cella di Hoffman) ma,
                          di HHO ovvero idrogeno e ossigeno monoatomici che scaturisce a bassa
                          pressione dalle celle di cui stiamo parlando. Tu e Joewind siete fuori tema, avete una gran confusione in testa, tuttavia dite delle cose giustissime, e trovo che siete entrambi molto preparati ma se si parla
                          di fischi perchè voi parlate di fiaschi? non è la stessa cosa benchè, molti
                          fiaschi gli abbiamo avuti anche noi sperimentatori, ci mancherebbe altro
                          che tutto si profilasse secondo le nostre congetture sempre e comunque.
                          Un'esempio significativo come già dissi da tempo è che il motore a scoppio non mette mai in moto con la sola HHO, occorre avviarlo col
                          suo carburante per cui è concepito, va bene anche lo spry "Carbo clean".
                          Una volta avviato balbetta e può spegnersi subito come anche dopo
                          un'ora o più. Perchè accade questo? perchè nonostante la fasatura portata agli estremi, il volano non è concepito per il vacuum prodotto
                          dall'HHO che corrisponde in sostanza ad uno scoppio inverso. Io
                          personalmente non son molto bravo in meccanica dei motori, mi appoggio
                          di volta in volta all'amico Lorenz che nel settore è espertissimo e d'una chiarezza adamantina, non so se alla Z-Hydro è stato rifatto il volano
                          o si sia proceduto ad un'accensione elettronica ed anche se lo sapessi
                          non potrei dirvelo perchè fa parte di un segreto professionale. Va da sè
                          che L'HHO può essere spinto negli iniettori alla bisogna con una pompa
                          di sentina di pochi bar, spinto non compresso per accumularlo per cui, come giustamente hai sottolineato Nabla occorrono pressioni e temperature molto spinte. Regards.

                          Commenta


                          • #14
                            per favore, vogliamo piantarla una buona volta di parlare di implosioni ?

                            idrogeno e ossigeno quando si combinano insieme a produrre vapor d'acqua, esplodono

                            la semplice equazione di stato dei gas perfetti spiega la cosa in maniera drammaticamente semplice

                            P x V = N x R x T

                            P : pressione
                            V : volume
                            N : numero moli di gas
                            R : costante universale dei gas
                            T : temperatura espressa in gradi Kelvin

                            fatevi i vostri conti con 1 mole di ossigeno e 2 moli di idrogeno a 25°C (rammento che una mole di gas occupa 22,4 Litri) che reagiscono producendo 2 moli di vapore d'acqua alla temperatura di circa 2000°C e, scoprite da soli, a parità di volume, la pressione sviluppata

                            poi, venite pure a spiegare se si può parlare di "implosione"

                            Odisseo
                            (E d'un tratto capii che il pensare è per gli stupidi, mentre i cervelluti si affidano all'ispirazione. (cit. Arancia meccanica) - Ma se quella non arriva, il cervelluto stà inguaiato assai (Odisseo - Gigantosaurus Carinii Patagoniae)

                            Commenta


                            • #15
                              Allora Odisseo, mettiamoci
                              d'accordo su una cosa almeno non stiamo a parlare sempre delle stesse
                              cose riscaldate. Io sostengo che l'hho è implosivo e siccome son buono
                              ti lascio credere che sia esplosivo per il semplice fatto che vi ostinate in continuazione a parlare di H2+O di cui non s'è parlato se non per il fatto
                              di dire che non è la stessa miscela dell'HHO. Se C6, batti un colpo.
                              Posso dirti in confidenza quando l'HHO diviene esplosivo? Ebbene si te lo
                              dico, quando catalizziamo l'acqua con carbonato di potassio allora avremo una miscela esplosiva, benchè molto meno esplosiva di H2. il perchè ce lo possono spiegare i nostri amici chimici con le loro formule.
                              Se però come procedo io scindo l'acqua senza catalizzatori e continuo filtraggio ho implosione che vi piaccia o no. La mia acqua e sempre limpida
                              ed a temperatura ambiente nell'idrolizzatore e produce in maniera copiosa senza il ricorso a sode caustiche o carbonati vari. Son quegli accorgimenti che ogni tanto impariamo ad utilizzare come quando piove
                              cerchiamo un posto di riparo. Regards.

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da shardanaelettronica Visualizza il messaggio
                                Siccome non stiamo
                                parlando di H2+O (vedi elettrolisi classica con cella di Hoffman) ma,
                                di HHO ovvero idrogeno e ossigeno monoatomici che scaturisce a bassa pressione dalle celle di cui stiamo parlando.
                                Shardana, senza offesa... ti prego di leggere bene ciò che di seguito scriverò e che con molta pacatezza e senza presunzione ti prego di capire le motivazioni che mi spingono ad insistere su questo argomento.

                                La chimica e in particolare l'elettrochimicha non è il mio settore specialistico, perchè sono un Ingegnere Meccanico e mi occupo di progettazione meccanica, ma l'ho studiata come tutti gli ingegneri generici; ma ho il supporto di mio fratello che è appunto Ing Chimico e che guarda caso ha fatto la tesi di laurea su elettrochimica utilizzando celle elettrolitiche per lo studio di particolari anodi in Titanio rivestiti di Ossido di Iridio e Tantalio.

                                Esistono 2 tipi di elettrolisi:
                                1) Elettrolisili con separazione degli elettrodi, nella quale vengono raccolti separatamente i gas prodotti come puoi vedere in questa immagine. Chiamato appunto elettrolizzatore di Hofmann.

                                2) Eletrolisi con elettrodi in unico recipiente con miscelazione dei gas prodotti, che è proprio quella che fai tu e che può essere schematizzata come in questa figura.

                                Stabilito questo possiamo affermare, come ci suggerisce la chimica che le reazioni che avvengono nei due metodi sono del tutto simili.
                                E sopratutto che i gas prodotti sono sempre O2 (Ossigeno gassoso) all'anodo e H2 (Idrogeno Gassoso) al Catodo.

                                Purtoppo (per le tue teorie) come ho già detto il fantomatico HHO non è altro che una miscela di H2 e O2. Il gas formato da H monoatomico e O monoatomico non esiste, o per essere più precisi, H monoatomico e O monoatomico, si possono trovare miscelati a H2 ed O2, ma le loro percentuali sono bassissime e sicuramente trascurabili rispetto ai gas veri e propri che restano H2 ed O2.

                                Inoltre la così, da te, detta "bassa pressione", in realtà è la pressione atmosferica e resta uguale nei due casi sopracitati, visto che non credo che tu operi a pressioni minori di quella ambiente, a causa di complicanze enormi dal punto di vista pratico nel utilizzo di pompe da vuoto.

                                Io ti ho qui riportato il mio punto di vista, la documentazione (se vuoi ce ne è altra) e tutte le prove sono a favore delle teorie che ti ho appena espresso.
                                Ciò che affermi tu non si trova su nessun libro di chimica e non credo che nessun chimico possa avallare le tue teorie.
                                Per finire vorrei farti una domanda:
                                Visto che non sei un esperto di chimica come fai ad affermare che il gas che produci tu è formato da H ed O monoatomici senza la minima prova?
                                Lo hai fatto analizzare?
                                Lo hai esaminato in un qualche modo?

                                Ciao
                                Ultima modifica di jowind; 21-06-2010, 13:57.

                                Commenta


                                • #17
                                  Potremmo stare all'infinito
                                  a dibattere su cose diverse, seppur affini, non troveremmo mai un punto d'incontro poichè io le constato de manu e de visu queste cose che vi ho descritto, pur riconoscendo che voi non avete capito male quel che avete
                                  letto o studiato nei vostri libri di chimica e di fisica, confermo in pieno che
                                  avete ragione da vendere per quel che s'è studiato. Purtroppo in pratica
                                  le cose non funzionano così, nella specificità del gas d'acqua o gas Brown. Vedete questa volta non l'ho voluto chiamare HHO per non farvi saltare sulle sedie e tirarmi i libri di chimica addosso ehehehehehe.
                                  Vedi Joewind hai detto delle cose interessantissime la prima è che sei un
                                  ingegnere meccanico addetto a progettazioni meccaniche e questo potrebbe tornare anche a nostro vantaggio si tratterebbe in sostanza di trasformare un motore a scoppio in un motore ad implosione, ho visto
                                  qualcosa nel web difficilmente applicabile a motori già concepiti, si trattava di invertire l'apertura e la chiusura delle valvole d'aspirazione
                                  e scarico, penso sia fattibile, io non son capace a disegnare benchè abbia
                                  nella testa anche in senso figurativo su come potrei procedere. Altra cosa
                                  interessante che hai postato è la tesi elettrochimica di tuo fratello, sarebbe stata interessantissima da consultare per via degli esperimenti
                                  di idrolisi con anodi di titanio iridato e tantalato. Non dispongo di Iridio
                                  perchè allora sarei stato ricco e invece son un povero eheheheh dispongo invece di diversi grammi di bottoncini di Tantalio purissimo ed anche un filo di 4metri x 1mm di diametro di tantalio, ovviamente mi servono per altri esperimenti estranei all'idrolisi. Comunque ti ringrazio
                                  anticipatamente se vorrai collaborare per quanto ti possa essere possibile a concepire questo motore vacuum. Non vi son problemi per la costruzione, lo collaudo io in campagna così se esplode esplodo solo io
                                  così mi tolgo di mezzo alle palle ehehehehe. Memento audere semper
                                  diceva il grande Vate. Kind regards.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da odisseo Visualizza il messaggio

                                    fatevi i vostri conti con 1 mole di ossigeno e 2 moli di idrogeno a 25°C che reagiscono producendo 2 moli di vapore d'acqua alla temperatura di circa 2000°C e, scoprite da soli, a parità di volume, la pressione sviluppata
                                    2 Moli di Idrogeno = 2 grammi
                                    1 mole di ossigeno = 16 grammi

                                    1 mole di OSSIGENO + 2 moli di IDROGENO = 18,016 grammi = 1 MOLE DI ACQUA

                                    Mi spieghi come produci DUE MOLI DI ACQUA?

                                    Originariamente inviato da odisseo Visualizza il messaggio
                                    poi, venite pure a spiegare se si può parlare di "implosione"
                                    Odisseo
                                    SPIEGALO TU CHE SEI BRAVO CON LA CHIMICA
                                    una goccia d'acqua deionizzata e bidistillata ad una analisi specifica degli elementi in essa contenuti in ppb (parti per miliardo) risulta possedere in se tutti gli elementi che compongono il nostro pianeta ad eccezione delle terre rare, è in pratica la nostra impronta digitale.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originariamente inviato da jowind Visualizza il messaggio
                                      Purtoppo (per le tue teorie) come ho già detto il fantomatico HHO non è altro che una miscela di H2 e O2. Il gas formato da H monoatomico e O monoatomico non esiste, o per essere più precisi, H monoatomico e O monoatomico, si possono trovare miscelati a H2 ed O2, ma le loro percentuali sono bassissime e sicuramente trascurabili rispetto ai gas veri e propri che restano H2 ed O2.
                                      Non sono le terorie di Shardana, ma di Santilli che per quanto controverse:

                                      Magnecules have also been invoked as an explanation for a purported "HHO gas", which Santilli claims is "a new form of water" produced by electrolysis.[14][15] The name comes from the supposed chemical structure (H × H)–O, where “×” represents a "magnecular bond" and “?” a conventional molecular bond. This has subsequently been adopted by water-fueled car scams and pseudoscience involving electrolysis machines and water torches.[16] It is claimed that these devices produce HHO gas, with a number of unique properties, instead of the usual oxyhydrogen gas, which is simply a mixture of diatomic hydrogen and oxygen gases.

                                      Santilli's theory has been discredited by other scientists as having 'many serious misinterpretations, and misunderstandings of the “data” presented... [the paper] creates some doubt as to whether [the author] actually knows the difference between a gas chromatograph (GC) and a mass spectrometer (MS).'[15]


                                      In conclusion, the author provides absolutely no scientific evidence that supports the existence of a new form of matter called “HHO gas.” From the data presented, the gaseous product from the electrolyzer behaves in the same manner as would be expected of a mixture of hydrogen, oxygen, and watervapor.
                                      Ruggero Santilli - Wikipedia, the free encyclopedia

                                      Hanno avuto evidenze scientifiche che non sono state ripetute in altre parti del mondo (russi non inclusi) oltre al laboratorio militare dove sono state dimostrate, scusa ma non ho tempo di cercarti i papers e i risultati che sono disponibili su google, se ritrovo i pdf dei papers e i documenti originali delle analisi in pdf nel vecchio pc te li posto.
                                      Per questo motivo non li trovi nei libri di chimica ne tantomeno tuo fratello può averle studiate se non avendo una passione particolare per questo genere di cose, ma visto che il suo titolo di studio è MOLTO attinente...mi chiedo che tipo di passione possa avere a questo punto
                                      una goccia d'acqua deionizzata e bidistillata ad una analisi specifica degli elementi in essa contenuti in ppb (parti per miliardo) risulta possedere in se tutti gli elementi che compongono il nostro pianeta ad eccezione delle terre rare, è in pratica la nostra impronta digitale.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Originariamente inviato da Armando De Para;
                                        2 Moli di Idrogeno = 2 grammi
                                        1 mole di ossigeno = 16 grammi
                                        1 mole di OSSIGENO + 2 moli di IDROGENO = 18,016 grammi = 1 MOLE DI ACQUA
                                        Mi spieghi come produci DUE MOLI DI ACQUA?
                                        Armando De Para,

                                        cito testualmente dal mio libro di chimica delle scuole superiori - Antonio F. Gimigliano, La materia in formule, Editrice La Scuola - lasciando perdere quello di Chimica Generale dell'università (ché non mi pare proprio il caso di scomodarlo).

                                        pag. 80, 3^ riga dall'alto
                                        2*H2 + O2 --> 2*H2O
                                        si puo leggere ora nei modi seguenti:
                                        a. due molecole d'idrogeno reagiscono con una molecola d'ossigeno e dànno due molecole d'acqua;
                                        b. due moli d'idrogeno reagiscono con una mole d'ossigeno e dànno due moli d'acqua;
                                        c. 4 g d'idrogeno reagiscono con 32 g d'ossigeno e dànno 36 g d'acqua.

                                        Poi, da pagina 81 a 83, ci sono un po' d'esercizi, tra cui anche letture di altre equazioni chimiche.

                                        Posso domandare quali scuole superiori hai fatto? Perché non mi vengono in mente scuole superiori dove non s'insegni chimica...
                                        Vorrei che tutti i lettori della discussione prendessero atto del tuo livello d'incompetenza in chimica: non sei nemmeno in grado di leggere un'equazione chimica e dimostri di non sapere neanche cosa siano la "massa molare" e la "mole". (Nell'altra discussione mistificavi sull'angolo di legame nella molecola d'acqua.) Questa è una lampante carenza dei più elementari fondamenti della materia.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Scusate ma solo per dire che secondo me basta ricordare le parole
                                          "reagente limitante".

                                          Lo scrivo poi criticate tanto mi troverete qualcosa di errato:

                                          2H2O+e -->2H2 + O2ok e questa è la reazione bilanciata.

                                          Naturalmente è vero il contrario in cui abbiamo la generazione d'energia. Vedi pila a combustibile.

                                          Quindi parlando di moli la reazione d'esplosione o combustione è tra 4moli di idrogeno e due d'Ossigeno.

                                          Bene ora posso essere insultato ach'io.
                                          Grazie

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originariamente inviato da Bellerofont3 Visualizza il messaggio
                                            secondo me basta ricordare le parole "reagente limitante".
                                            Però io non ho mica capito cosa c'entra... Il reagente limitante è quello che viene usato completamente in una reazione. Quindi?

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Era riferito al discorso delle moli, sull' implodere ed esplodere non mi pronuncio dato che qualsiasi ipotesi considera solo ambienti perfetti in cui abbiamo solo quei gas e in quantitativi decisi da noi, cosa non corrispondente alla realtà.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Santili ha preso il nobel?

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da jowind Visualizza il messaggio
                                                  Santili ha preso il nobel?
                                                  No non ancora ha un caratteraccio, ma grazie a lui e alla sua matematica che oggi i satelliti possono uscire dall'atmosfera e viaggiare nello spazio con estrema precisione.

                                                  Informati bene...
                                                  una goccia d'acqua deionizzata e bidistillata ad una analisi specifica degli elementi in essa contenuti in ppb (parti per miliardo) risulta possedere in se tutti gli elementi che compongono il nostro pianeta ad eccezione delle terre rare, è in pratica la nostra impronta digitale.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originariamente inviato da Bellerofont3 Visualizza il messaggio
                                                    Era riferito al discorso delle moli, sull' implodere ed esplodere non mi pronuncio dato che qualsiasi ipotesi considera solo ambienti perfetti in cui abbiamo solo quei gas e in quantitativi decisi da noi, cosa non corrispondente alla realtà.
                                                    Grazie!!
                                                    [OT ON]
                                                    X Nabla se vuoi ci scambiamo i CV in privato ti va?
                                                    Ho fatto la stesa proposta anche a Joewind ma non ho avuto riscontri...
                                                    Dai che facciamo a chi ce l'ha più duro o più grosso ragazzi...in questo sono certo che mi battete...ma sul resto del CV mi sa che vi fate tanto male
                                                    [OT OFF]
                                                    una goccia d'acqua deionizzata e bidistillata ad una analisi specifica degli elementi in essa contenuti in ppb (parti per miliardo) risulta possedere in se tutti gli elementi che compongono il nostro pianeta ad eccezione delle terre rare, è in pratica la nostra impronta digitale.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Dear Armando
                                                      Santilli ha preso il Nobel? Secondo Joewind è il premio Nobel che fa il genio, non ha mai pensato che l'accademia di Svezia s'è sbagliata anche con il Nobel per la letteratura a Dario Fò. Credo d'aver capito dove vanno ad arrancare questi due pivelli Nabla e Joewind aspirano al Nobel senza
                                                      aversi mai imbrattato le mani di grasso ed utilizzato un cacciavite. Al massimo potete aspirare alla fascia di cartone con le orecchie d'asino
                                                      che i maestri mettevano in capo quand'ero bambino alle elementari.
                                                      Scherzo ovviamente se riuscite ad afferrare almeno l'ironia. Andate a vedere Santilli anzichè fossilizzarvi nel vostro triste mondo formulaceo,
                                                      già vi dissi che l'arroganza e la prosopopea non hanno regno. Adesso
                                                      fra non molto ci direte: "guarda che tu non sai chi sono io, son figlio
                                                      dell'Ing. tal dei tali biscugino della comare di Rubia che a suo tempo
                                                      era pronipote di Einstain ecc." Joewind non per voler entrare in merito
                                                      ad indagini distorsive della professione, ma non avevi detto che dovevi
                                                      andare a consultare il tuo professore di elettrochimica a Pisa? poi risulta
                                                      improvvisamente che tuo fratello è laureato in elettrochimica con una tesi
                                                      guardacaso impostata su anodi di titanio iridato, non è che ci stai raccontando qualche bugietta? guarda, lo sai che a dire le bugie ti cresce il pisellino eheheheheheh (adesso verrai a raccontarci bugie a nastro) ihihihihi. Qualche bugia distorsiva è sempre consentita Joe l'importante
                                                      è che non ci creda tu stesso poichè sarebbe la sindrome di Caligola che
                                                      andrebbe curata seriamente. Tu Nabla continua a sgranare formule tratte
                                                      dal tuo libro di chimica e non cercare mai Gas di Brown implosione con google come t'ha suggerito più volte Armando ed altri, rimani fossilizzato
                                                      nel tuo libro di Antonio F. Gimigliano che farai una gran carriera ehehehe. Considerate le mie estrusioni come simpatiche dimostrazioni
                                                      d'affetto nei vostri confronti perchè in effetti vi voglio bene e vi ammiro
                                                      moltissimo. Regards.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        premetto che sono un utente non saltuario,di più,e peraltro interessato agli stirling e stop.
                                                        Cercavo qualcosa su carburanti alternativi e sono finito qui.

                                                        Per la cronaca,100 centesimi di maturità scientifica (chimica base inclusa) e attualmente studente di ingengeria meccanica 1° anno,passato l'esame di fondamenti di chimica con 25/30.

                                                        Ora,non sono un fisico,nè un matematico nè sopratutto un chimico,ma appunto qualcosa l'ho studiato.
                                                        Se sparo cavolate prego chi ha studiato almeno quanto me (e non ci vuole moltissimo,basta la 5° liceo visto che la chimica base universitaria è praticamente la stessa) di correggermi con una asserzione scientifica e non pseudoscientifica.

                                                        Moltissimi post sono semplici risposte vaghe,senza senso. Parlare con persone che rispondono così è comer cercare di inchiodare il mare ad una parete.

                                                        NON DITEMI CHE CIO' CHE E' SCRITTO SUI LIBRI SONO UN MONTE DI CAVOLATE.
                                                        Quella roba non è sui libri di testo per niente,è stata scoperta e dimostrata,dove si cita una teoria non provata è chiaramente scritto a caratteri cubitali su ogni libro.

                                                        Ora veniamo al sodo.

                                                        L'elettrolisi dell'acqua porta ad ottenre come già scritto H2 e O2 nelle relative proporzioni 2 a 1 come ci dice la cara vecchia H2O.
                                                        Eventuali tracce di H e O monoatomici è probabile ma in concentrazioni pressoché nulle, ed essendo tali atomi estremamente reattivi,hanno vita brevissima,finiscono per ricombinarsi nelle più stabili molecole biatomiche.

                                                        I legami di tali molecole sono covalenti. Questo legame "magneculare" non è mai stato osservato,non ci sono prove scientifiche reali della sua esistenza,né mi pare di vedere in giro anche solo ipotesi avvallate da qualche conto che non sia 1+1=2.
                                                        Sembra quasi che entalpia ed entropia siano giocattoli,come se l'energia di attivazione di una reazione del tipo H + H = H2 fosse infinita.

                                                        Quando qualcuno posterà uno straccio di prova,allora l'ipotesi potrà essere considerata valida e degna di approfondimento adeguato.
                                                        CIO' NON SIGNIFICA DI CERTO "NON INDAGATE SUL FENOMENO" , la scienza,ad ogni livello, vive sulla ricerca. Siamo meno di niente nell'universo,andare a tentoni non lo vedo grave.
                                                        Puntarsi su una cosa convintissimi della certezza delle proprie idee può esser nobile ma è stupido,scientificamente parlando.

                                                        Il modo migliore di provare l'esistenza di questo fantomatico gas è di ANALIZZARLO. Non di crearlo per poi bruciarlo subito in un motore e dire "oh funziona allora esiste".
                                                        In queli motori potrebbe tranquillamente finire una banalissima miscela di H2 e O2,girerebbero lo stesso.
                                                        Per non parlare del fatto che un motore che produce il suo stesso combustibile,come già scritto nel thread,è destinato a spegnersi,salvo fatina magica che aggiunge energia dal nulla. (non per sminuire le ricerche sulla free energy,che trovo molto interessanti,dico davvero).

                                                        Questa storia dell'implosione poi non mi arriva. Alcuni più preparati di me hanno tirato in ballo la cavitazione mi pare,io sono rimasto a quella delle eliche e delle turbine quindi non mi pronuncio.
                                                        Se questa implosione non è frutto del legame "magneculare",allora non vedo da dove possa arrivare.
                                                        Poi,questo fantomatico legame,di che natura è ? Non è covalente. Non è ionico. Non è nemmeno un'interazione di waals.
                                                        E non mi pare nemmeno un granché stabile,o vivremmo in un mondo con l'idrogeno legato con questo legame.

                                                        Non per fare il SanTommaso, ma la scienza da che mondo è mondo è andata sempre avanti con ipotesi,esperimenti di conferma e così via. E grazie a Popper sappiamo pure che la scienza può sbagliare,ma deve smentirsi da sola.
                                                        Un motore che gira,per quanto possa girare bene,non è una prova scientifica valida,non dimostra NULLA riguardo alla natura del combustibile e comburente impiegati.
                                                        Un'analisi spettrogrfica sarebbe più credibile,ma a quanto pare l'esistenza di questo gas è così certa che non serve nemmeno provare che c'è davvero.

                                                        E poi,dalle foto del link mi pare che la disgrazia avvenuta sia implicabile più ad una esplosione che ad un'implosione.

                                                        Personalmente : chi continua ciecamente a credere ad ogni teoria propugnata via internet con video di motori che girano magicamente ad acqua o di energia che spunta dal niente senza uno straccio di prova,beh,mi pare ingenuo. Lo ripeto e spero che non saranno scritte fiumane di insulti (anche perché sul forum ripasserò probabilmente tra sei mesi quindi non ne terrei di conto ...),NON E' SBAGLIATO CREDERE NELLA RICERCA,MA CREDERE FERMAMENTE IN TEORIE CHE NON SONO MINIMAMENTE SUPPORTATE DA PROVE SCIENTIFICHE INOPPUGNABILI APPROVATE DALLA STESSA COMUNITA' SCIENTIFICA E' STUPIDO.
                                                        E non dite "oh no anche tu sei stato abbagliato,ah povero ragazzo". Mi pare patetico.

                                                        In sostanza, FATTI NON PUGNETTE,come dice il simpatico comico.


                                                        saluti.
                                                        Volpe

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originariamente inviato da Nabla Visualizza il messaggio
                                                          Armando De Vorrei che tutti i lettori della discussione prendessero atto del tuo livello d'incompetenza in chimica: non sei nemmeno in grado di leggere un'equazione chimica e dimostri di non sapere neanche cosa siano la "massa molare" e la "mole". (Nell'altra discussione mistificavi sull'angolo di legame nella molecola d'acqua.) Questa è una lampante carenza dei più elementari fondamenti della materia.
                                                          Vorrei che tutti i lettori prendessero atto che non segui attentamente la discussione...
                                                          Qui si sta discutendo di Ossigeno molecolare o Ossigeno atomico, di Idrogeno molecolare o Idrogeno atomico?

                                                          Fonte: "Green Book" della IUPAC, IUPAP e ISO, 1993

                                                          * Convertire in grammi 1,8 mol di ossigeno atomico (O):

                                                          Massa atomica relativa dell'ossigeno = 16,00
                                                          m = M(Massa molare) × n(moli) = 16,00 g mol-1 × 1,8 mol = 29,00 g

                                                          * Convertire in grammi 2,6 mol di ossigeno molecolare (O2):

                                                          Massa molecolare relativa dell'ossigeno = 32,00
                                                          m = M × n = 32,00 g mol-1 × 2,6 mol = 83 g

                                                          * Calcolare le moli per generare 24 g di O:

                                                          Massa atomica dell'ossigeno (O) = 16,00 u
                                                          n=m/m(atomica)=24 g/16,00 u=1,5 mol


                                                          Nell'altra discussione non ho mistificato nulla ho riportato una pubblicazione, se per te non è giusta è piena di errori etc, la discuti e la contesti nel modo e nel luogo più idoneo non certo prendendotela con me accusandomi di essere un mistificatore o peggio un analfabeta o inetto, fai molta attenzione con le offese, non so chi sei ma di certo sei un tantino presuntuoso e maleducato.
                                                          una goccia d'acqua deionizzata e bidistillata ad una analisi specifica degli elementi in essa contenuti in ppb (parti per miliardo) risulta possedere in se tutti gli elementi che compongono il nostro pianeta ad eccezione delle terre rare, è in pratica la nostra impronta digitale.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Originariamente inviato da Vulpes Visualizza il messaggio
                                                            I legami di tali molecole sono covalenti. Questo legame "magneculare" non è mai stato osservato,non ci sono prove scientifiche reali della sua esistenza,né mi pare di vedere in giro anche solo ipotesi avvallate da qualche conto che non sia 1+1=2.
                                                            Sembra quasi che entalpia ed entropia siano giocattoli,come se l'energia di attivazione di una reazione del tipo H + H = H2 fosse infinita.
                                                            Quando qualcuno posterà uno straccio di prova,allora l'ipotesi potrà essere considerata valida e degna di approfondimento adeguato.
                                                            Se non lo avevi trovato questo link spero ti sarà utile, sono 9 parti con almeno 200 download in divertsi link e sottolink
                                                            NEW STRUCTURE MODELS OF HADRONS, NUCLEI AND MOLECULES PERMITTED BY HADRONIC MECHANICS, THEIR EXPERIMENTAL VERIFICATIONS AND THEIR INDUSTRIAL APPLICATIONS

                                                            In questo link osserva la figura 22 NEW STRUCTURE MODELS OF HADRONS, NUCLEI AND MOLECULES PERMITTED BY HADRONIC MECHANICS, THEIR EXPERIMENTAL VERIFICATIONS AND THEIR INDUSTRIAL APPLICATIONS.

                                                            Se mi consenti dai un'occhiata anche ai 5 volumi di questo link
                                                            Hadronic Mathematics, Mechanics and Chemistry
                                                            Originariamente inviato da Vulpes Visualizza il messaggio
                                                            Questa storia dell'implosione poi non mi arriva. Alcuni più preparati di me hanno tirato in ballo la cavitazione mi pare,io sono rimasto a quella delle eliche e delle turbine quindi non mi pronuncio.
                                                            Se questa implosione non è frutto del legame "magneculare",allora non vedo da dove possa arrivare.
                                                            Magari scrivimi in privato che sulla cavitazione qualcosina la so...

                                                            Originariamente inviato da Vulpes Visualizza il messaggio
                                                            Poi,questo fantomatico legame,di che natura è ? Non è covalente. Non è ionico. Non è nemmeno un'interazione di waals.
                                                            E non mi pare nemmeno un granché stabile,o vivremmo in un mondo con l'idrogeno legato con questo legame.
                                                            Magari magnetico!!!
                                                            una goccia d'acqua deionizzata e bidistillata ad una analisi specifica degli elementi in essa contenuti in ppb (parti per miliardo) risulta possedere in se tutti gli elementi che compongono il nostro pianeta ad eccezione delle terre rare, è in pratica la nostra impronta digitale.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR