annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

come e' andata a finire

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • come e' andata a finire

    Salve a tutti e' da un po' che non scrivo e volevo chiedere a Quantum leap e il suo collega luigi.gmb senza che rivelassero segreti di ufficio come stesse procedendo il loro lavoro inerente a questa discussione
    http://www.energeticambiente.it/sistemi-per-auto-idrogeno-acqua/14731141-auto-ad-idrogeno-fai-da-te.html
    n
    essuna in me ha destato piu' interesse a speravo si potesse vedere qualche piccolo risultato in termini di prototipi o brevetti un grazie anticipati e un augurio per un risultato positivo

  • #2
    Caro "putrechigi", come sai l'odore delle idee e l'odore di soldi,portano al silenzio.Io h eseguito lo stesso esperimento con la stessa acqua e con le stesse piastre di alluminio con lo stesso spessore.Sono arrivato alla conclusione che potr generare idrogeno senza nessuna corrente
    elettrica.St sviluppando un sistema per fermare a piacere la reazione e questa la cosa pi importante,il residuo risultante riciclabile.
    Un saluto da"giopi-areand"

    Commenta


    • #3
      Ciao giopi piacere di conoscerti cio' che dici e' difficile da credere se non supportato da documenti o filmati a comprovare, ma se avresti ragione saresti uno dei papabili per i prossimi nobel sicuramente ti attireai addosso decine di domande e commenti la prima te la faccio io:saresti piu' preciso nelle tue affermazioni? rendimenti,configurazioni ecc..
      un saluto

      Commenta


      • #4
        Caro "putrechigi",ti rispondo volentieri,appena posso ti mander l'immagine della mia DRY Celle.Non c' niente da premio Nobel,l'alluminio
        immerso in una certa dose di elettrolita genera idrogeno da solo,certo si consuma,ma la risultante riciclabile,il segreto se cos si pu dire far cessare la reazione a piacere.Io h fatto andare la mia cella con 12Vcc.,quando mi sono accorto che staccando la tensione,questa cella
        continuava a generare idrogeno,tanto che per fermarla h dovuto vuotarla dell'elettrolita.In seguito h pensato il modo migliore per far cessare la reazione a mio piacere ed in modo sicuro,altrimenti la pressione potrebbe salire alle stelle con m compreso.Come constaterai niente Premio Nobel.Un saluto "giopi-areand".

        Commenta


        • #5
          Ecco come v a finire

          Caro "putrechigi",ti mando le immagini del mio lavoro,quello che vedi in basso una delle due DRY Celle in Alluminio.
          Come vedi una l' gi smontata per fare le modifiche che in precedenza ti h descritto.Quando si partecipa ad un forum,
          non bastano le parole, ma bisogna far vedere i fatti,io l' sempre fatto.Non come fanno certuni che scrivono romanzi senza
          far vedere nulla.Io mi ritengo un povero pensionato che h la passione della ricerca,dedico tutto il mio tempo a questo
          perch sin da bambino mi sempre piaciuto.Certo costa,ma d'altronde se non lo fai seriamente o solo mentalmente non
          provi la soddisfazione di vedere una tua idea realizzarsi.Comunque nonostante tutto ci sono tanti bravi ragazzi in questo
          forum.Peccato che ci sia solo Internet,vorrei averli tutti come vicini di casa.Ti mando un saluto "giopi-areand".Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   FILE0027.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 763.0 KB 
ID: 1926804Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   FILE0028.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 831.2 KB 
ID: 1926805Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   FILE0030.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 928.0 KB 
ID: 1926806Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   FILE0031.JPG 
Visite: 3 
Dimensione: 761.5 KB 
ID: 1926807

          Commenta


          • #6
            Bel lavoro giopi-areand ! Ti posso chiedere in che zona abiti ? Io abito dalle parti di Bergamo (in provincia).Volevo far vedere il video del mio lavoro anche se tratta di una saldatrice HHO http://www.youtube.com/watch?v=DurrntTq04w

            Commenta


            • #7
              Caro "lezioneaurea",molto ben fatto anche il tuo cannello,complimenti.Io di l ci sono gi passato,ne h fatto uno che credo abbastanza
              potente,che cola il ferro o l'acciaio pieno di dimensioni abbastanza cosiderevoli.Ora st progettando un riscaldamento di H2O da 90 litri.
              H trovato uno scambiatore idoneo all'HHO.La strada lunga,ma speriamo sempre di arrivare all'obbiettivo.Peccato che come dicevo
              in precedenza non siamo vicini di casa.Io sono un Emiliano che vive nel Veneto,esattamente a Riese PioX in provincia di Castelfranco
              Veneto.Comunque prosegui che vedo ai l'ingenio e sei preciso e bravo, tutto questo io lo vedo,non ti arrendere mai.Speriamo di risentirci
              saluti "giopi-areand".

              Commenta


              • #8
                Ciao giopi complimenti per l'assemblaggio io se non ti infastidisce continuo con le domande, quale e' la sua produzione media in ordine di litri/minuto? potrebbe ridurre considerevolmente il consumo di carburante su un'autovettura di media cilindrata? hai fatto esperimenti in tale caso? mi paicerebbe poter guidare uno scooter che va completamente ad idrogeno, quae e' il suo consumo elettrico?
                un saluto
                putre

                Commenta


                • #9
                  Ciao "putrechigi" come avrai visto dalle immagini,lo st modificando come ti h gi detto.I dati li dar quando avr sperimentato,ma ti garantisco che quando l'h provato, mi sono spaventato come h visto salire il flussometro ed h dovuto intervenire per fermare la reazione .Io curo molto anche la sicurezza,indispensabile per lavorare tranquilli; sto sperimentando un bubbler ed un Flash Back Arrestor
                  speciale non con lana di Bronzo fine,ma con un altro materiale che h scovato e che resiste a temperature molto alte inoltre facile da trovare senza acquistarlo negli USA.Inoltre h progettato anche un piccolo ma efficente miscelatore per iniettare direttamente nella benzina o nel gasolio.I lavori in pentola sono tanti,ma bisogna avere pazienza,io come pensionato il tempo non mi manca,ma c' anche il
                  problema disponibilit di danaro,senza trascurare la famiglia.Le attrezzature e gli strumenti per fortuna non mi mancano,un saluto da"giopi-areand".

                  Commenta


                  • #10
                    Quando si parla di idrogeno la parola sicurezza assume un valore immensamente grande e credo che curarla nei minimi dettagli e' il minimo qui nessuno a fretta le mie sono pure e semplici domande prenditi tutto il tempo tranqui l'importante non darsi a gambe levate come molti aime' fanno mandando i propri lavori dentro i cassetti dietro luato compenso sicuramente non e' il caso di questo forum ma credo che senza l'omerta' del caso si verrebbe a conoscenza di tante cose interessanti a lui ne avrebbe doncora grazie per il tuo contributo, speravo che shardana fosse nei paraggi lui ne avrebbe di consigli da darti
                    un saluto

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao"putrechigi", io ci tengo a precisare che quando faccio ricerca,la faccio a 360 gradi.Io posseggo a titolo personale sicurezze per idrogeno
                      di natura industriale,quindi mi rifaccio su questi modelli e non quelli che si possono trovare su internet.Poi io li collaudo molte volte ,perch voglio essere sicuro.Per quanto concerne il comportamento ,ognuno libero di agire come crede,non siamo tutti uguali,ognuno partecipa come crede ai forum con i mezzi che h e con il suo cervello.Per i consigli si gradiscono sempre,ma personalmente non me la cavo male,
                      comunque grazie,"giopi-areand".

                      Commenta


                      • #12
                        sai e' tutto molto strano,che fine ha fatto la curiosita' mi aspettavo decine di domande invece niente, si puo' venire a trovarti per vedere i tuoi prototipi in funzione?

                        Commenta


                        • #13
                          Caro"putrechigi",ti aspettavi domande da m?Io non h bisogno di fare domande .Io leggo e cerco come ti h gi detto a 360 gradi,poi quando ora faccio vedere i miei lavori.Appena sar pronto te li mostrer anche con un eventuale video,ma non h ancora inventato nulla di eccezzionale,io applico le mie idee con i mezzi che h,tutto qu senza polemiche,perch queste non giovano.Io non carpisco nulla,se non quello liberamente pubblicato.Spero tu abbia capito.Saluti "giopi-areand".

                          Commenta


                          • #14
                            Ciao giopi una domanda te la faccio io, quanto si consumano le piastre?
                            e che tipo si alimentazione dai?
                            "Non date da mangiare ai troll"
                            http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

                            Commenta


                            • #15
                              Caro "GabriChan",intendi quelle in alluminio o quelle inox.L'alluminio non si consumato,perch quando h visto che con il mio elettrolita generava lo stesso anche senza tensione e la pressione saliva,l'h fermato svuotandolo alla svelta,quindi non h lavorato che pochi minuti.Invece le piastre inox che hanno lavorato qualche centinaio di ore,non h visto un consumo veramente visibile,anche perch io le faccio andare Vcc.,ma ogni tanto in tempi a mio piacere inverto la polarit.Se ai altre domande fatti avanti,un saluto da "giopi-areand".

                              Commenta


                              • #16
                                Ciao Giopi avevo capito che avessi fatto lavorare per un p le piastre in alluminio, e avevi trovato la soluzione del problema all'usura di queste come quantum leap e luigi.
                                Un'altra domanda potrebbe essere qunto hho produci? e con quanta potenza?
                                "Non date da mangiare ai troll"
                                http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

                                Commenta


                                • #17
                                  Ciao"GabriChan",io mi riferivo alla prima esperienza,quando nel forum si parlava di ricavare l'idrogeno dall'alluminio.Ora uso un sistema diverso,ma per ora non posso dire ancora nulla,sinch non h terminato le mie prove,prima di dare dei dati bisogna essere sicuri di quello che si dice,ma credo di essere sulla buona strada.Per ora dovrai accontentarti di questo,appena avr cose certe ti far sapere .Di "luigi e quantum leap,non h pi saputo niente,forse mi sono perso qualcosa.Saluti da"giopi-areand".

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Ciao giopi non eri tu a fare le domande ma come gabrisperavo il resto del forum dato che la produzione di hho senza tnsione credo sia una novita'

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Ciao,non una novit,ma una cosa risaputa,il problema il controllo ed il cosumo delle piastre.Un saluto "giopi-areand".

                                      Dimenticavo,vatti a rileggere i vecchi post,che parlano di produzione idrogeno con alluminio."giopi-areand"
                                      Ultima modifica di sandro-meg; 22-09-2011, 18:29. Motivo: consecutivi

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Originariamente inviato da putrechigi Visualizza il messaggio
                                        Salve a tutti e' da un po' che non scrivo e volevo chiedere a Quantum leap e il suo collega luigi.gmb senza che rivelassero segreti di ufficio come stesse procedendo il loro lavoro
                                        Ciao a tutti.

                                        Era da un p che avevo la stessa curiosit, al riguardo.
                                        Come procedono i lavori, per favore? Si pu saperne qualcosa pur mantenendo l'accordo di non divulgazione?
                                        Molte grazie!

                                        E... complimenti a voi sperimentatori (davvero bravo, Giopi-areand!).

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Salve a tutti,

                                          scusate ma mi era sfuggita.
                                          Non posso dirvi nulla eccetto che gli esperimenti continuano. Non li eseguo io direttamente ma ne dirigo l'andamento.
                                          Il prototipo (i prototipi) sono ancora lungi dall'industrializzazione. Non facile raggruppare un multi-sistema (impianto chimico, sistema elettrico, impianto a gas, sistema di controllo) e risolvere tutti i problemi.

                                          Per chi si vuole cimentare nel primo passo pu cominciare dall' http://www.energeticambiente.it/sist...ento-zero.html
                                          ?"Se pensi che una cosa sia impossibile, la renderai impossibile" (Bruce Lee)

                                          Commenta


                                          • #22
                                            ciao quantum speravo in notizie piu' belle se siete ancora lontano dal brevettare qualcosa allora la cosa non e' poi cos semplice purtroppo comunque rimaniamo in attesa e vi faccio i miei piu' sinceri auguri

                                            Commenta


                                            • #23
                                              l'altro giorno ci ho provato anche io.. ho realizzato una cella scorrevole rettangolare,con a parte sopra che potesse andare su e gi con le giuste guarnizioni a simulare un'effetto siringa.. l'ho riempita con acqua e una soluzione di soda caustica e nella parte superiore ci ho montato 3 piastre da 12x18x0,8 mm di alluminio... la parte superiore era forata con un tubicino che andava nel bubbler... beh devo ammettere che la produzione anche senza corrente elettrica c' e si vede... per ho dovuto metterla da parte per questa settimana perch sono sommerso di lavoro.. comunque se alimentassi le 3 piastre con della corrente non s quello che potrebbe succedere..

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Grazie Quantum Leap.
                                                Mi ero proprio dimenticato di rispondere.

                                                Beh, allora in bocca al lupo.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  replicare l'esperimento

                                                  salve sono Luca, prima volta che scrivo su questo forum.
                                                  Sono geometra e non ho le basi tecnico-scientifiche per comprendere a pieno i temi trattati.
                                                  Per quanto riguarda 'esperimento di Luigi vorrei avere alcune conferme dati, prima di sottoporre alcune mie considerazioni, e provare a replicare l'esperimento.
                                                  1. La Marea di Luigi viaggia su strada con un fabbisogno "massimo" di 12 lpm di "gas" prodotto dalla sua cella elettrolitica - giusto ?
                                                  2. Il fabbisogno energetico per la produzione di tale "gas" circa 360W - giusto ?
                                                  3. L'alternatore della Marea fornisce (14Vx80Ah) circa 1100-1200 W quindi pu fornire energia per la cella e per gli altri apparati del'auto (fanaleria, etc) - corretto?
                                                  4. Il sistema di Luigi on-demand in "differita" per usare un termine televisivo in quanto prima manda in pressione la cella a tre litri per 4 atmosfere, la successiva produzione, dopo l'accensione dell'auto, ripristina la quantit consumata - chiedo conferma -
                                                  5. La cella di Luigi quindi a tenuta in ingresso e non pu ripristinare l'acqua consumata con alimentazione a caduta - ho capito bene?
                                                  ringrazio chi pu darmi conferma di quanto sopra, poi se ho capito bene volevo esporre come intendo fare.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    idrogeno per auto

                                                    sale a tutti vi ringrazio del lavoro che fate e dei preziosi consigli ai meno esperti ,io sono uno di quelli . mi presento ,sono un elettrotecnico ,opero nel settore degli impianti elettrici e termotecnici , sono appassionato di energia rinnovabile del fai da te ecc.
                                                    leggendo il forum in questione mi sono appassionato all'idea di cstruire celle ad idrogeno sia per l'auto che per tutti gli usi ove convenga.
                                                    volevo chiedervi ,posseggo un'auto 1.6 8v alimentata a benzina /gpl brc sequent , se l'idrogeno prodotto dalle celle ,venisse immesso,dopo essere stato asciugato con un filtro o un condensatore direttamente negli inettori dell'impiato gpl ,(staccando il tubo gas e chiudendo la bombola)visto che l'idrogeno cos prodotto pronto per bruciare, non avrebbe bisogno di ulteriore aria, comunque scusate la mia ignoranza ,o i due elementi che compongono l'idrogeno dovrebbero essere divisi ,e inseriti nel motore separati ,cio l 'idrogeno negli iniettori e l'ossigeno nel collettore, scusate ancora per l'ignoranza ,
                                                    spero che possiate delucidarmi, grazie mille in anticipo a presto

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      gpl hho

                                                      Ciao Kikko, anch'io possiedo una Renault Scenic 1,6 cc alimentata a gpl e tempo fa mi chiedevo la stessa cosa cio se fosse possibile alimentare direttamente dagli iniettori del motore dedicati al gpl con hho o idrogeno prodotto in loco.
                                                      Sono in contatto con l'installatore meccanico che a suo tempo mi ha messo l'impianto (BRC), il quale disposto a fare dei test sul mio motore provando a fornire hho per verificare e monitorare il comportamento . Il gas (hho) lo creerei attraverso (in un primo tempo) un mio elettrolizzatore esterno non installato a bordo, quindi la prova la farei con l'auto in officina e l'elettrolizzatore collegato alla presa di corrente. Vediamo se la mappatura della centralina va modificata , trascriviamo i dati relativi e vediamo il comportamento del motore poi ti sapr dire.Per i tempi della prova tutto dipender da quando il meccanico disponibile vista la mole di lavoro che ha da smaltire. Un Saluto

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        autorisposte

                                                        leggendo altri interventi sul forum, soprattutto quelli di shardanaelettronica ho avuto risposte adeguate,
                                                        e mi sto facendo convinto delle teorie del simpatico sardo, che la cella per avere resa alta deve essere con liquido in movimento e pretrattato con varie tecnologie . Deduco quindi che non possa andare in pressione la cella elettrolitica.
                                                        Per avere un accumulo di gas con pressione un po' superiore a quella di esercizio degli iniettori , serve quindi un piccolo compressore e una mini bombola. Ottenere una cella con alta resa sarebbe un risultato enorme per un neofita dilettante, quindi il preoccuparsi dello stoccaggio e del successivo utilizzo del gas in questa fase sembra prematuro, ma per come ho in mente io la cella importante sapere subito come si pu portare il gas in pressione dopo! Se qualcuno mi pu aiutare sarei grato. Saluti Luca !

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          salve a tutti desideravo porre alla vostra attenzione delle considerazioni fatte in rete sulla produzione di idrogeno ,e di ossidrogeno.
                                                          come ben sappiate ci che si produce dalle celle autocostruite o in vendita , ossidrogeno ( cio pronto per bruciare ), leggendo su wikipedia del voltmetro di hofmann ,mi sono chiesto se queso progetto poteva funzionare ,in quanto riesce a produrre separetamente sia idrogeno che ossigeno .In rete esistono discussioni ( di esperti fisici e chimici) sulla pericolosit di immagazzinare ossidrogeno cio il prodotto che esce fuori dalle celle , invece se si riuscisse a creare celle come qelle del ( voltmetro di hofmann ), forse potremmo immagazzinare ad un pressione relativamente bassa cio circa 4-5 bar di solo idrogeno,(che con le dovute precauzioni potrebbe essere piu' sicuro) per poi immetterlo direttamente negli elettroiniettori e l'ossigeno immetterlo nel collettore di aspirazione allego testo di wikipedia. grazie per la cortese attenzione a presto

                                                          • Un bastoncino incandescente di legno, messo sul tubo di raccolta di Hofmann per controllare se presente l'ossigeno.



                                                          • Un tizzone ardente molto brillante, che indica la presenza di idrogeno nel tubo di raccolta.Il voltametro di Hofmann un apparato per elettrolizzare l'acqua inventato da August Wilhelm von Hofmann (18181892). Consiste di 3 cilindri verticali uniti, solitamente in vetro. Il cilindro centrale aperto in cima per permettere l'aggiunta di acqua e un composto ionico per migliorarne la conduttivit, come piccole quantit di acido solforico. Un elettrodo in platino viene messo sul fondo di ognuno dei cilindri esterni, connesso con i terminali positivi e negativi di una sorgente elettrica. Quando viene fatta scorrere una corrente attraverso il voltametro di Hofmann, si forma ossigeno gassoso all'anodo e idrogenogassoso al catodo. Ogni gas lascia l'acqua e si raccoglie in cima ai due tubi esterni.
                                                            La presenza di gas nel tubo di raccolta si pu rilevare con un fiammifero o "scheggia di legno ardente"; l'ossigeno far immediatamente erompere la fiamma del fiammifero facendola diventare di un bianco luminoso e bruciare vigorosamente, mentre la presenza di gas di idrogeno far bruciare il fiammifero appena un poco pi brillantemente.

                                                            • Un bastoncino incandescente di legno, messo sul tubo di raccolta di Hofmann per controllare se presente l'ossigeno.



                                                            • Un tizzone ardente molto brillante, che indica la presenza di idrogeno nel tubo di raccolta.


                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            per quanto riguarda la produzione di idrogeno separato dall'ossigeno ci sono sul mercato ottime attrezzature per produrlo e stoccarlo in pressione. Per l'energia immessa per produrre idrogeno superiore a quella che si ottiene dallo stesso idrogeno utilizzato come combustibile in un motore. Sembra che l'hho, o comunque "un gas" combustibile-comburente che esce miscelato da una elettrolisi di acqua con particolari trattamenti, produca, usato in un motore, una energia tale da far marciare un auto e produrre corrente necessaria per l'elettrolisi. Io sto facendo i disegni di una dry cell con gli elettrodi a forma di "casetta" , due fori acqua uno in alto in cui passa un tubo di plastica coi forellini in basso, (distribuzione tipo springler) e uno in basso dove l'acqua esce, in modo da mantenerla sempre in circolo e un foro in alto (nel sottotetto) dove esce il gas . Per comprimerlo dentro una bomboletta a 4/5 bar , mi sto documentando sulle pompe a membrana e sui dispositivi anti ritorno di fiamma. Se questo mi riesce, mander il tutto a iniettori maggiorati come ha fatto luigi. Se la cella mi produce 12 litri al minuto di questo "gas" con 360 W, l'auto stando agli esperimenti di Luigi dovrebbe marciare.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR