adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Vortice aria in aspirazione su motori a combustione interna

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Vortice aria in aspirazione su motori a combustione interna

    Salve a tutti. Sono nuovo di questo forum, che ho scoperto casualmente.
    Esplorando le sezioni e cercando per parole chiave mi sono molto stupito di non trovare nulla su due sistemi di economizzazione di carburante molto diffusi in Francia. Si tratta del sistema AVEC e del sistema G-Pantone.
    Mentre il sistema G-Pantone è di una certa complessità costruttiva e sembra per ora dare i risultati migliori solo su motori diesel di una certa dimensione, l'AVEC è di una semplicità sconcertante e può essere installato facilmente sul motore di molte automobili ordinarie, indipendentemente dal sistema di alimentazione.
    Si tratta in pratica di creare un vortice nell'aria di aspirazione.
    Io ho fatto la prova inserendo un semplice "vorticatore" ritagliato da una latta metallica nel tubo di gomma che porta l'aria dal filtro al motore (a benzina). Il risultato, dopo quasi 3000 km di sperimentazione, è una riduzione del consumo intorno al 10%, con un deciso guadagno di coppia a basso regime.
    Unico inconveniente la riduzione dell'effetto di "freno motore". La prova migliore del guadagno di coppia è una certa curva a tornante molto ripida che ho sempre dovuto fare in prima marcia: da quando ho installato il mio AVEC la faccio tranquillamente in seconda!
    Tengo a precisare che, facendo l'agente di commercio e compilando da sempre la carta carburanti in modo accurato e veritiero, ho una documentazione storica dei miei consumi assolutamente attendibile, prima e dopo l'installazione.
    Non mi dilungo ora in spiegazioni tecniche, che comunque fornirò volentieri, e vi rimando al Forum francese degli sperimentatori del sistema AVEC:
    [url=http://vortex.francophone.free.fr/]Le forum des exp

  • #2
    Non so perchè il sistema abbia troncato le ultime righe del mio post qui sopra...

    Saluti a tutti, in attesa di commenti.

    Franzmaximilian
    Energia Nucleare ???
    No, Grappa !!!

    Commenta


    • #3
      Sembra che a nessuno interessi ridurre i consumi di carburante.....

      Sono molto perplesso da questo forum: in alcune sezioni trovo discussioni interessanti, scientificamente sostanziate e tutto quel clima di cooperazione che ci aspetta da un forum. In altre solo pippe mentali, para-scienza, ideologismi sterili e poco altro...
      Staremo a vedere.
      Franz

      Commenta


      • #4
        Aggiornamento dopo 6000 km percorsi con il sistema AVEC installato:
        confermo una riduzione media dei consumi nell'ordine del 10%, ma ho notato una riduzione fino al 15% nelle lunghe percorrenze autostradali quando il motore gira costantemente a circa 2/3 del regime massimo.

        E' vero che questi dati sono altamente soggettivi per ciascun motore e ciascun "vorticatore" e stile di guida. Quello che mi stupisce è che l'argomento non susciti alcun interesse.
        Ridurre i consumi del 10%, e di conseguenza la produzione di CO2, a fronte di un lavoro di mezz'ora a costo=0 non mi sembra cosa da poco!

        Saluti
        Francesco

        Commenta


        • #5
          potresti mettere qualche link al prodotto che utilizzi ,foto del montaggio ecc. ....
          forse in questo modo stuzzicherai la curiosità dei membri del forum .

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da tamerlano Visualizza il messaggio
            potresti mettere qualche link al prodotto che utilizzi ,foto del montaggio ecc. ....
            forse in questo modo stuzzicherai la curiosità dei membri del forum .
            Più che altro prima di credere a tutto quello che leggiamo, ci potrebbe interessare il metodo di prova, come si arriva a determinare certi valori, in modo che ognuno e libero di capire se il risultato e solo oggettivo oppure ci sono prove strumentali che possono provarla.

            Commenta


            • #7
              E' un argomento di cui si era parlato anche qui anni fa, le prime idee risalgono agli anni 20, sono sotanzialmente turbine statiche e migliorano l'erogazione a bassi regimi. Sul forum francese linkato vi sono molte sperimentazioni dei vari utenti su consumi ed erogazioni di coppia e potenza.

              Commenta


              • #8
                ciao, Purtroppo non ci capisco niente in francese. Non avresti un disegno da postare?

                Commenta


                • #9
                  sarebbe bello avere qualche foto del sistema che hai costruito e di come e dove lo hai installato, oltre ad informazioni precise su marca e modello dell'auto.

                  inoltre per fare la prova del 9 dovresti togliere il "vorticatore" e verificare che i consumi tornino ad essere quelli di un tempo, e che non si riesca più a fare il tornante ripido in seconda. dopodiché rimontando il sistema tutto dovrebbe tornare allo stato attuale.

                  fammi sapere, perché a quanto dici il sistema è molto interessante e non costa nulla, ragion per cui sarei disposto a fare volentieri qualche prova

                  Commenta


                  • #10
                    Fontz, Risultati della traduzione per http://vortex.francophone.free.fr/

                    IIIFurlaIII, eccole:
                    File allegati

                    Commenta


                    • #11
                      Dove si trovano queste turbine statiche ?

                      Commenta


                      • #12
                        Gpl, fai prima a fartela. Quella blu si fa in 2 minuti.

                        Commenta


                        • #13
                          Scusatemi, ma sono stato assente per qualche tempo.
                          Devo un po' di risposte, anche se mi sembrava di essere stato abbastanza esaustivo, e comunque non parlo francese nemmeno io, ma leggerlo non è mica tanto difficile.

                          In primo luogo, anche se c'è chi le vende (non ricordo più dove le ho viste, scusate), le turbine statiche sono alla portata anche di chi non pratica normalmente bricolage di alcun genere.
                          Nel mio caso ho preso una latta robusta e con pochi tagli di cesoia ho fatto la mia turbina. Da vedere è brutta e irregolare in confronto a quelle delle foto riportate sopra, ma funziona lo stesso.
                          Qualche consiglio, che riprendo dalla lettura del forum francese:
                          - non usare materiale troppo sottile perché con la altissima velocità che raggiunge l'aria in aspirazione potrebbe deformarsi: niente lattine di birra!
                          - non ostruire eccessivamente il condotto in cui si inserisce la turbina, quindi meglio non fare pale troppo grandi
                          - in genere un taglio di circa 1,5 -2 cm, piegando poi l'aletta a 45° va bene
                          - il numero di pale è molto variabile da uno sperimentatore all'altro. ho visto immagini sul forum di sistemi da 4 a 12 pale ma in media 6 sembrano andare bene. la mia turbina ne ha 5.
                          - la posizione ideale delle turbine. Per i super raffinati, in grado di smontare un motore, il posto ideale sarebbe davanti all'ingresso di ogni cilindro....ma questa è roba per pochi. Per noi umani è sufficiente piazzarla davanti al all'entrata della distribuzione. Nel mio caso (molto semplice) di una vecchia KIA Carens 1.8 a benzina, un tubo di gomma del diametro interno di 6 o 7 cm porta l'aria dal filtro al motore. Lungo questo tubo si trovano dei sensori collegati alla centralina elettronica (il debimetro?). Ho scollegato il tubo dal lato motore e ci ho infilato dentro la turbina, richiuso e punto.
                          Attenzione a verificare che la turbina non possa essere "aspirata" nel motore!!! Non essendo più protetti dal filtro dell'aria che è a monte, eventuali corpi estranei che entrassero provocherebbero una bella frittata di valvole.... Le alette devono stare dal lato del filtro dell'aria, NON da quello del motore.
                          - occhio al senso di rotazione del turbine generato. Deve poter seguire il percorso successivo senza rompersi, altrimenti non ha praticamente effetto.
                          Senso orario o antiorario dipenderanno dalla geometria dei condotti del vostro motore
                          - I risultati più evidenti si ottengono su motori di vecchia concezione, quando lo studio della fluidica dei condotti era approssimativo se non inesistente e non c'erano aiuti elettronici (o erano limitati) nella gestione del motore.
                          - I possessori di vecchi diesel dovrebbero verificare anche una marcata diminuzione della fumosità.

                          Quanto alle misure dei consumi, come avrete letto, ho atteso di avere percorso 3000 km (circa 5 pieni) prima di azzardarmi a scrivere qualcosa.
                          Al momento dell'installazione della turbina l'auto aveva poco più di 90.000 km e facendo io la carta carburanti in modo onesto (temo siamo in pochi...) ho un storico ragguardevole e conosco perfettamente i miei consumi nelle diverse condizioni. Nei 3.000 km precedenti alla installazione non avevo fatto alcun intervento che potesse avere influenza sui consumi (gomme, olio, filtri, candele), nè li ho fatti successivamente per altri 6.000 km.
                          Credo quindi che le mie valutazioni siano piuttosto attendibili e confermo una riduzione complessiva nell'ordine del 10% abbondante.

                          Nel forum francese si trovano anche alcuni post in cui si ipotizzano teorie che spieghino il fenomeno. Alcune mi sembrano azzardate, altre meno, come quella di un fenomeno di ionizzazione dell'aria sulle punte e gli spigoli delle pale per effetto dell'accumulo elettrostatico dato dalla frizione dell'aria sul metallo in un tubo isolato elettricamente. Da chimico posso immaginare che una presenza accresciuta di ioni favorisca reazioni radicaliche di rottura delle catene degli idrocarburi, migliorando di conseguenza la combustione.
                          Inoltre, anche a banale senso comune, mi sembra evidente che una aumentata turbolenza favorisca la miscelazione aria-combustibile. Ma su questo lascio il campo agli ingegneri...

                          Non mi resta che consigliarvi di provare anche voi!!! Se non fate ca..ate mostruose, i rischi di fare danno sono minimi ed il costo è ridicolo!

                          Postate i vostri risultati!

                          Franz
                          Ultima modifica di Franzmaximilian; 23-10-2008, 22:36.

                          Commenta


                          • #14
                            Dimenticavo di segnalare una cosa importante!
                            Chi ha una centralina elettronica che gestisce il motore potrebbe notare all'inizio qualche comportamento strano.
                            Il fatto è che la centralina lavora con una certa taratura, e noi gli andiamo a scombinare il sistema!
                            Niente paura: in genere le centraline hanno funzioni di auto-apprendimento perché devono sapersi adattare alle mutevoli condizioni di lavoro (es. temperatura, densità dell'aria, umidità dell'aria, ottani della benzina ecc. ecc.)
                            Potreste avere qualche starnuto e qualche brontolio iniziale, ma si sistema tutto da solo!

                            Commenta


                            • #15
                              Vuoi una mia teoria?

                              Strozzi un poco la sezione di aspirazione e per questo aspiri meno aria. La centralina elettronica come hai giustamete detto si autoadatta, e pompa pertanto meno benzina.
                              otterresti un risultato simile anche lascando il cavo dell' acceleratore, o incollandoci un tappo di sughero sotto...

                              Posto che NON ho motivo di NON crederti, la lieve miglioria ai bassi regimi che rilevi sarebbe anche giustificabile dal "restringimento" (collettori stretti= fluso più veoce ai bassi carichi) .

                              Sono pertanto sicuro che hai perso un bel po' (diciamo il 10%?) di potenza...

                              Per smentirti le ipotesi di miracolo (volevo provare anch' io il frullino...poi ci ho pensato su e ho lasciato stare):

                              LA turbolenza vorticosa si crea senza altro, e se vai a regime costante anche si mantiene.

                              ma come sopravvive al momento in cui attraversa il corpo farfallato? In particolar modo se parziamente chiuso? e ancor di più nel normale utilizzo stradale che prevede un continuo apri e chiudi del gas?

                              Inoltre la solita considerazione troppo banale per essere anche sbagliata che fa inorridire i complottisti...

                              Se con un profilino seghettato dopo il demimetro l'auto consuma il 10 (dieci!) per cento in meno SENZA PERDERE POTENZA, allora...


                              perchè le case automobilistiche investono milioni di euro per fare motori a fasatura variabile, valvole ad apertura variabile, differenziata od addirittura pneumatica comandata elettronicamente, sistemi multijet ad iniezioni multiple di combustibile ad altissima pressione direttamente nel cilindro per spremere qualche piccolo aumento di resa da un motore, se basterebbe aggiungerci una lattina di fagioli ritagliata?


                              Strano anche che in formula uno (dove hanno tutt' altri sponsor) dove dieci chili di benzina caricati in meno ti farebbero vincere la gara con un' auto dell' anno scorso, non adottino la lattina turbo-ionizzante o i magneti ionizzatori di molecole apolari sul tubo del carburante..
                              Ultima modifica di marcomato; 24-10-2008, 19:29.

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da marcomato Visualizza il messaggio
                                Posto che NON ho motivo di NON crederti, la lieve miglioria ai bassi regimi che rilevi sarebbe anche giustificabile dal "restringimento" (collettori stretti= fluso più veoce ai bassi carichi).
                                Non direi, é solo una perdita di carico localizzata, non un restringimento dei condotti di aspirazione.
                                Tra l'altro non mi spiego neanche la perdita del freno motore (dovrebbe essere esattamente il contrario).

                                Commenta


                                • #17
                                  Originariamente inviato da marcomato Visualizza il messaggio
                                  ......................
                                  Posto che NON ho motivo di NON crederti, la lieve miglioria ai bassi regimi che rilevi sarebbe anche giustificabile dal "restringimento" (collettori stretti= fluso più veoce ai bassi carichi) .

                                  Sono pertanto sicuro che hai perso un bel po' (diciamo il 10%?) di potenza...

                                  Per smentirti le ipotesi di miracolo (volevo provare anch' io il frullino...poi ci ho pensato su e ho lasciato stare):

                                  LA turbolenza vorticosa si crea senza altro, e se vai a regime costante anche si mantiene.

                                  ma come sopravvive al momento in cui attraversa il corpo farfallato? In particolar modo se parziamente chiuso? e ancor di più nel normale utilizzo stradale che prevede un continuo apri e chiudi del gas?

                                  Inoltre la solita considerazione troppo banale per essere anche sbagliata che fa inorridire i complottisti...

                                  Se con un profilino seghettato dopo il demimetro l'auto consuma il 10 (dieci!) per cento in meno SENZA PERDERE POTENZA, allora...
                                  li ritagliata?...............................
                                  Comprendo benissimo le tue obiezioni.
                                  Sopratutto quella del corpo farfallato non me la spiego nemmeno io.

                                  Il fatto è che, visto che ho considerato i rischi minimi, ho voluto provare per pura curiosità, e la cosa ha funzionato al primo colpo!
                                  Sul forum francese citato c'è più di un caso in cui non si è ottenuta alcuna miglioria e diversi hanno dovuto provare vorticatori o sistemazioni diverse prima di ottenere risultati decenti. In questo senso mi considero fortunato.

                                  Quanto alla potenza, direi di no, che non si avvertono particolari diminuzioni.
                                  Certo, la potenza non saprei come misurarla nemmeno empiricamente...

                                  Ma se anche fosse, la potenza non sarebbe persa uniformemente a tutti i regimi, ma solo a quelli più elevati, dove l'effetto della strozzatura (per quanto minima) inizia a farsi sentire.
                                  In altre parole, portando in grafico la potenza in funzione del regime di rotazione, la curva non sarebbe più bassa, ma semplicemente si fermerebbe prima. Ora, visto che guido in città, su statali ed autostrade e non in pista, che me ne frega se la potenza massima è quella che ho a (tanto per dire) 5000 giri invece che a 6000? E chi mai ci arriva a 5000 giri? In autostrada a 130 Km/h sto a poco più di 4000....

                                  Ti dirò di più: essendo tendenzialmente tirchio e raramente di fretta, avevo l'abitudine di viaggiare in autostrada sui 110-120 km/h. Ora viaggio, quando posso, a 130 fissi e consumo meno di prima!

                                  Un'altra osservazione empirica che mi ero dimenticato di aggiungere.
                                  La scorsa estate in Francia ho fatto un pieno di Super a 98 ottani (costava come la nostra 95 ottani) . Non ho notato alcuna differenza di prestazioni rispetto al solito. Avevo già usato quella benzina premium altre volte gli anni scorsi, quindi senza il vorticatore, e la differenza la sentivo eccome!

                                  Detto questo, ribadisco che non sono un ingegnere e non so dare altre spiegazioni teoriche, se non quella che una forte turbolenza delll'aria non può che far del bene alla combustione. Mi limito a riportare e condividere un'esperienza pratica per me positiva. Per questo invito te e tutti a provare.
                                  Se evitate di fare sciocchezze, rischi non ce ne sono e alla peggio avete sprecato mezz'ora del vostro tempo....

                                  Saluti

                                  Franz

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da hot_coil Visualizza il messaggio
                                    Non direi, é solo una perdita di carico localizzata, non un restringimento dei condotti di aspirazione.
                                    Tra l'altro non mi spiego neanche la perdita del freno motore (dovrebbe essere esattamente il contrario).
                                    Mi sono dato questa spiegazione: a parità di benzina immessa a pedale rilasciato, questa brucia meglio e quindi rende di più. Forse per recuperare freno motore si dovrebbe rimappare la centralina per diminuire l'erogazione in quelle condizioni... Chi lo sa?

                                    Franz

                                    Commenta


                                    • #19
                                      C'é persino chi applica un turbinatore alla fine del terminale di scarico.
                                      Zoomers Exhaust Works - Performance Exhaust Systems, Exhaust Tips, and Cat-backs

                                      Altri vorticatori in aspirazione:
                                      *** MAGNUM&reg EURO TUNINGSHOP, Performance chip, Exhaust, Air filter, Performance part ***
                                      Ultima modifica di hot_coil; 24-10-2008, 22:24. Motivo: Link errato

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Immaginavo che la tua risposta sarebbe stata di questo tipo, Franz.
                                        Sono contento che hai ottenuto dei buoni risultati per quello che è il tuo utilizzo dell' autovettura.

                                        In verità è un poco come se avessi sostituito il tuo 1.8 con un 1.6... L'unica maniera empirica di notare la perdita di potenza è schiacciare a tavoletta in quinta e verificare che (a parità di condizioni di auto-clima-benzina-strada) la velocità max è diminuita.

                                        Giustamente dici che a te non frega... e buon per te.
                                        Ti faccio anche i complimenti perchè rispetti i limiti.

                                        Io purtroppo ho un po' il demone del piede pesante, e in più per "ammiraglia" ho una fiesta 1.2 che ci mancherebbe pure che vado a depotenziare.

                                        Inoltre come te sono "avveduto", e di spendere tot di bollo e di assicurazione per poi aver un' auto che di fatto ha una potenza minore di quella a libretto mi disturberebbe.

                                        In ogni caso sono convinto che l'operazione, se per un utilizzo"all' americana" ovvero motore grosso in rettilineo a velocità costante, può apportare qualche beneficio, sulla smart da usare in città non può che essere controproducente.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Sarà anche come dici Marcomato, però non ho affatto la sensazione di guidare una macchina più lenta o più spompata. Anzi, confesso che da quando ho montato il "coso" mi lascio andare un po' di più e tengo una media più alta in autostrada.
                                          Per farti un esempio, mi è sempre piaciuto guidare in montagna su strade tortuose e con i tornanti. Quando ho davanti guidatori "di pianura" o peggio ancora stranieri che le montagne le aveveno viste solo in cartolina, dò di matto. Sono arrivato al punto, anni fa con una vecchissima Ibiza con motore 903 cc (quello della 127 per intenderci), di superare a destra in mezzo ad un tornante una grossa macchina olandese che curvava praticamente da ferma...
                                          E' in città e dintorni che guido tranquillo come un vecchietto.
                                          Mi è anche capitato di guidare per qualche tempo una macchina a gas, e caspita se sentivo la differenza commutando a gas a benzina e viceversa!
                                          Ebbene, in condizioni di guida "allegra" in montagna non ho affatto avuto l'impressione di guidare un mezzo più "pesante" di prima, anzi!
                                          E comunque il consumo è rimasto un bel 10% sotto a quanto avevo negli anni scorsi.
                                          In altre parole, la tua spiegazione mi sembra sensata, a leggerla.... però la mia esperienza vissuta la smentisce. Tutto qui, senza ombra di polemica.

                                          Se lo schema del tuo motore lo consente senza tanti casini, perchè non provi?

                                          Ciao
                                          Franz

                                          Commenta


                                          • #22
                                            mi domando , e chiedo :
                                            se un aggeggio del genere ,autocostruito con materiali di recupero ,fosse tanto vantaggioso , non vedo perchè i tecnici motoristici delle grandi case automobilistiche mondiali non lo montano di serie,magari ottimizzato per i loro motori ....
                                            con questo non dico che sono scettico o non sono convinto del funzionamento del vorticatore , ma preferirei dei grafici di rendimento piuttosto che delle impressioni "a pelle "
                                            i numeri non mentono ...

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Tamerlano, mi sono chiesto le stesse cose anch'io.
                                              Però non sono un ingegnere e non ho nemmeno mezzi e risorse per poter fare delle indagini in modo scientificamente valido.
                                              So solo che ho provato e, almeno nel mio caso, funziona.

                                              Non sto pubblicizzando un prodotto commerciale e non sono un talebano di qualche tecnologia o supposta tale. Sono solo una persona di discreta cultura tecnica e scientifica (sono un chimico), che avendo letto casualmente di un sistema semplice per economizzare carburante, senza investire un euro e in mezz'ora di lavoro, ha voluto provare.
                                              Il risultato positivo ha sorpreso anche me.
                                              Per questo ho pensato di condividere l'esperienza, senza pretendere di ammantarmi di conoscenze che non ho.

                                              Se sei in grado di produrre i grafici di potenza e coppia sei solo benvenuto!
                                              Io, più che sensazioni a pelle e misure fatte col contachilometri ed il misuratore fiscale degli erogatori non posso fare.
                                              So benissimo che per dare un valore scientifico alle mie affermazioni dovrei come minimo verificare la correttezza della taratura del contachilometri (non potendo mettere mano ai misuratori fiscali che "devo" assumere come attendibili). Non l'ho fatto e non lo farò perchè non era quello il mio scopo.
                                              Però funziona....
                                              Franz

                                              Commenta


                                              • #24
                                                A dire il vero io mi meraviglio che a meravigliarsi siano gli scettici senza voglia di provare

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  ciao ragazzi,
                                                  sono stato incuriosito dall'argomento già qualche tempo fa da zintolo e adesso scopro che anche Franz e altri ne parlate.

                                                  ieri sera, di fretta, ho costruito qualcosa del genere. invece, però, del classico vortex, visto che non trovavo una scatoletta adeguata all'imbocco del mio carburatore, ho perforato il tappo di un barattolo, con un utensile fatto all'istante, incidendo la lamiera in modo triangolare in modo che il triangolino fosse arricciato tipo il vortex.

                                                  da premettere che il motore, di una vecchia 127 accoppiato con un alternatore da 4,5 Kw trifase, è alimentata direttamente dalla bombola di gpl il cui flusso regolato dal regolatore passa in un tubo di Pitot da ma costruito rivelandomi il consumo esatto in tempo reale.

                                                  ovviamente regolo l'apertura della valvola a farfalla manualmente trovando il giusto rapporto aria-gas fino a raggiungere il minimo consumo al raggiungimento di 150 V costantemente monitorato dal tester.

                                                  premetto anche che queste condizioni sono ormai fisse da mesi e vicino alla colonnina dell'acqua, che mi indica il flusso di gas, è segnato ed è costante da sempre.

                                                  appena metto il coperchio forellato, ovviamente a motore caldo e assicuratomi del livello della colonnina, il motore prende una rotazione anomala e muovendo i controlli per trovare la giusta carburazione mi accorgo che avevo troppo gas. dopo pochi secondi stabilizzo i miei 150 V e controllando la colonnina............sorpresa........avevo un consumo di circa il 15% in meno!!!!! volevo migliorare ma dovevo scappare quindi........niente.

                                                  questa mattina mi sono riproposto e faccio la prima evoluzione!!!!

                                                  doppia sorpresa..........il mio motore consumava quel 15% in meno anche senza vortex ma.....forse......con la lamiera bucherellata avevo un leggerissimo vantaggio ma......diciamo niente!!!!!

                                                  sono curioso di vedere nei prossimi giorni.

                                                  ciao

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Saluti a tutti.
                                                    Sono molto curioso di sapere come è poi andata ad andel55!
                                                    Per parte mia posso aggiornare i miei dati sui consumi dopo circa 12.000 km dall'installazione del mio "vorticatore". Confermo in pieno la riduzione di consumi del 10% !!!
                                                    Probabilmente potrebbero essere anche qualcosa di più, perchè da quando consumo meno ho preso a "correre" un po' di più in autostrada: in pratica tengo dove posso i 130 km/ora reali (misurati dal GPS) , mentre prima dell'installazione andavo in genere sui 115-120. Il confronto con 90.000 km percorsi prima dell'installazione, di cui ho dettaglaito archivio, mi sembra qualcosa di attendibile!
                                                    Un ultima nota positiva: in occasione di un recente tagliando mi hanno chiesto se avessi cambiato o pulito le candele dopo il tagliando precedente, cosa che non ho fatto. Chiesta una spiegazione, mi hanno detto di averle trovate particolarmente pulite! Non ho più dubbi che il sistema sia efficace!
                                                    Tempo fa ho potuto parlarne, purtroppo di fretta, con un ingegnere motorista. Mi ha confermato che secondo lui è possibilissimo che la cosa dia vantaggi, sopratutto su motori di concezione un po' vecchiotta (il mio ne ha 6 di vita ed almeno 12 di progettazione). Secondo lui gli effetti dovrebbero essere trascurabili sui motori + moderni, ma ha anche aggiunto che non si sorprenderebbe di misurare consumi minori del 20% su un diesel aspirato di 25 anni fa. Secondo lui a quei tempi c'era scarsissima ottimizzazione nella fluidica dell'aspirazione e basta poco per migliorare le prestazioni. Purtroppo la chiacchierata si è dovuta limitare a 10 minuti....
                                                    Qualcun' altro ha fatto qualche esperimento?

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Quello è il 90% del miglioramento: la miglior turbolenza a qualsiasi regime, senza però variare la sezione o avere troppe perdite di carico (è importante non avere le lamelle fino al centro del condotto, ma solo nell'anello più esterno).
                                                      Il restante 20% ( ) si può ottenere con una ionizzazione ben studiata (evoluzione sempre francese dell'avec) del flusso di aria in ingresso.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Salve a tutti.
                                                        Io sono nuovo e ho aperto una discussione che riprendeva questo tema.
                                                        Qualcuno ha trovato altre informazioni sui possibili sistemi di risparmio carburante?
                                                        Grazie

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Bè mi sembrano risultati clamorosi. Non dico incredibili.
                                                          Non ho totuto leggere tutto ma finora quello che ho capito è che il vortice (o comunque una rugosità in aspirazione) migliora la distribuzione del carburante e quindi la combustione. C'è da pensare allora che oggi un bel po' di benzina se ne vada ad arricchire parte della miscela mentre il resto rimane impoverito. La miscela ricca non brucia tutta la benzina e questo fa aumentare i consumi. La sonda lambda non se ne accorge perchè MEDIAMENTE la composizione dello scarico va bene, ma se ne accorge il catalizzatore che deve smaltire un bel po' di benzina non bruciata e di NOx prodotti dalla porzione di miscela povera.
                                                          Ma il 10% è enorme, significa proprio una pessima distribuzione della benzina nella miscela.
                                                          Proverò a starci dietro. Se è vero è clamoroso.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Da profano quale sono nella meccanica, posso solo spulciare la rete alla ricerca d'informazioni (diciamo che...fa parte del mio lavoro).
                                                            E' un argomento interessante, però.

                                                            Alcune testimonianze:
                                                            http://www.quanthomme.info/qhsuite/R...nsavec2006.htm
                                                            http://www.quanthomme.info/qhsuite/R...nsavec2007.htm
                                                            http://www.quanthomme.info/qhsuite/R...nsavec2008.htm
                                                            http://www.quanthomme.info/qhsuite/R...nsAVEC2009.htm

                                                            Sembrano parecchie le testimonianze a favore di tale sistema e non solo montato sui veicoli.
                                                            C'è qualche test anche sulle caldaie.
                                                            Un risparmio fino al 25%, può essere allettante.

                                                            Ultima modifica di michylee; 28-10-2009, 09:51. Motivo: post troncato

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR