adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Dimezzare i consumi con la curva cicloide

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Dimezzare i consumi con la curva cicloide

    Ciao a tutti
    girovagando per il web ho trovato questa nuova teoria basata sulle caratteristiche fisiche della curva "cicloide" riportata sulla gestione di un motore endotermico tramite centralina montata su una autovettura. E' un dispositivo chiamato KDS Kinetic Drive System dal suo ideatore il Sig. Leonardo Grieco, sembrerebbe solo fisica applicata!
    Molto interessante!

    https://www.youtube.com/watch?v=rCU0enleJTg


    Salutoni
    Furio57
    Ultima modifica di Furio57; 27-04-2014, 19:52.
    L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
    LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
    Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

  • #2
    L'energia generata, grazie alla forza gravitazionale, da un corpo puntiforme che transita dal punto A a quello B (con A ad una quota superiore a B) è sempre uguale, sia in un percorso rettilineo che in quello a cicloide, l'unica cosa che cambia, nel secondo caso, è il tempo (brachistocrona). Applicando questo principio fisico al caso in esame non vedo quindi il perchè (e neppure il come) un autovettura dovrebbe consumare di meno.
    Una piccola idea sul come il dispositivo funzioni realmente me l'ero già fatta, la conferma è stata uno dei commenti leggibili in calce al video che riporto....
    "...sono un rivenditore ed installatore autorizzato di dispositivi di guida per disabili. "L'invenzione" in questione e' solo una frizione automatica che simula il movimento del piede sulla frizione, dispositivo che si utilizza su vetture a cambio manuale per clienti con patologia tipo paraplegia. Questa "invenzione" esiste da 20 anni, ma purtroppo la stessa funziona con un elettronica differente. Rileva la velocita' della vettura e, se superiore a 20 kmh la frizione viene rilasciata per diversi motivi: 1- avete mai guidato una VETTURA IN CURVA senza trazione??? 2- sapete che cosi' facendo il cuscinetto reggispinta delle frizione della vettura durera' non piu' di 15.000 km? (sostituzione frequente dello stesso con smontaggio inerente del cambio di velocita') 3- sapete che se i freni li cambiavate di norma ogni 30.000 km li cambierete cosi' ogni 15.000? 4-dimenticavo importantissimo: la vettura con questo dispositivo fara' consumare in modo esuberante le bronzine di spallamento dell'albero motore, proprio perche' per motissimo tempo viene applicata una forza laterale sull'albero motore, cosa che non deve assolutamente accadere per cosi' tanto tempo,ma SOLO PER IL TEMPO DI UN BILANCIO IN SALITA O PER UNA CAMBIATA. Andate a zappare e non vendete vetro per ZUCCHERO!?"
    In definitiva caro Furio mi sa che sto KDS è solo l'ennesima bufala.
    Domotica: schemi e collegamenti
    e-book Domotica come fare per... guida rapida

    Commenta


    • #3
      Lupino,
      Sei sicuro che si tratti di una specie di frizione automatica?
      Hai visto un disegno, o meglio ancota il brevetto?
      Perche' c' e' chi dice sia un volano, chi un riduttore a ingranaggi, e altre ipotesi.

      Pero' e' inteessante, fa venire a galla i pesci abboccaloni.

      Commenta


      • #4
        alcune impressioni e riflessioni qui

        Commenta


        • #5
          Su wikipedia, vedi" Lancia Augusta-ruota libera".

          Non ha avuto fortuna perche'
          1- la benzina costa *troppo poco*;
          2- per utilizzare al meglil la ruota libera bisogna sapere guidare con grande attenzione e anticipando tutte le mosse;
          3- e' l' esatto contrario di come piace a quasi tutti, accelerazione a tutto motore e frenate intense.

          Inoltre c' e' l' equivoco che, accelerando e procedendo poi in folle per riaccelerare subito dopo, si consumi meno che mantenedo una velocita' costante, accelerando lentamente e mantenendo grande distanza dal veicolo che precede, in modo da poter evitare per quanto possibile di frenare.

          In altre parole, bisogna saper guidare, mentre molti/e guidano macchine anche bellissime senza capire una mazza di cosa stanno facendo, vedi gli imbecilli che si infilano in galleria senza pensare a come uscirne se qualcosa va storto.

          Commenta


          • #6
            Sicuro no, è una possibile spiegazione di come funzioni il sistema ... nel video lo stesso Sig. Grieco indica come il suo apparato lavori sulla frizione infatti sull'auto di prova il relativo pedale è "eliminato".
            Per il resto, da "addetto ai lavori" (autista) come non essere d'accordo con te!
            Domotica: schemi e collegamenti
            e-book Domotica come fare per... guida rapida

            Commenta


            • #7
              Lo sai Lupino cosa gli ho fatto una volta a un bilico che mi tampinava?

              Allora ero su una salita in autostrada, limite 100 e divieto di sorpasso per i camion;
              Io su Panda young a metano, procedo costante a 105 di tachimetro e questo bilico del caxxo mi si si avvicina a un metro dal paraurti, sfareggia e suona il clackson ... accelero un po' tanto che lui possa vedere i miei stop, e poi pianto una frenata disumana, un secondo o due e rido' gas... vedo nello specchietto il bilico che si impunta davanti, butta fumo blu dalle gomme, e il rimorchio comincia a sbandare verso il guardrail a sinistra ... realizzo che se qualcuno lo stava sorpassando ne avrei provocato lo spiaccicamento ... per dire che non bisogna rompere troppo i cosi alle pande.

              Ora se mi succede una cosa del genere levo il gas ... fino a quaranta, anche trenta all' ora, se mi lasci distanza accelero, se ti avvicini rallento, MA NON MI PUOI TOCCARE!!! Vedi gli autisti in cabina che sbavano dalla rabbia ... statemi lontano, oppure sorpassate, a me in pericolo non mi ci dovette mettere.

              Commenta


              • #8
                Posso riportare la mia piccola esperienza sulla cicloide della quale lessi tempo fa.
                Da circa un paio di mesi utilizzo uno stile di guida "diciamo" in "stile cicloide" con la mia vettura, ovviamente tutto in manuale e non sempre.
                Sarà per tale motivo o perché tale tecnica obbliga a gestire il mezzo in un modo totalmente differente anticipando di molto tutte le gestioni di velocità, frenata, curva, sorpasso etc. ma devo dire che ho notato dei piccoli vantaggi e ripeto senza automatismi e soprattutto con molto buon senso che tale stile guida implica.
                I consumi sono passati a circa 5,4 L X 100 Km a circa 4,9 L X 100 Km
                Non è il massimo, ma è pur sempre un buon risultato considerando che è un prova e che non uso sempre tale stile ( a volte lo dimentico o non si può attuare ).
                In merito alle sollecitazioni meccaniche ed usure varie dei componenti non posso permettermi di giudicare, posso avere la sensazione che alcuni aspetti siano positivi ed altri meno.
                Forse, se tutto fosse automatizzato seriamente ed abbinato ad elettroniche di controllo soprattutto con mezzi ibridi che spengono il motore a combustione interna potrebbe portare notevoli vantaggi in termini di consumi e di usure del veicolo.
                Pur non di meno impone uno stile di guida in antitesi rispetto alla stressante guida comune, ed abituarsi è difficile se non si coglie una piccola sfumatura che molti non riescono a percepire, ovvero è inutile fare partenze brucianti e frenare all'ultimo momento ma occorre osservare molto bene oltre ed avere la capacità di prevedere i flussi in funzione della situazione in cui ci si trova.
                Regolamento: http://www.energeticambiente.it/misc.php?do=vsarules

                Commenta


                • #9
                  Ciao Elisabetta, certo, con uno stile di guida "idoneo", soprattutto in percorsi cittadini conosciuti e non eccessivamente trafficati si arriva ad una discreta riduzione dei consumi.
                  ...procedo costante a 105 di tachimetro e questo bilico mi si si avvicina...
                  Pensa che già solo per questo l'autista era passibile di una sanzione amministrativa (multa) variabile tra i 1600 e i 7300 euro circa più le spese dell'officina demandata al controllo del limitatore di velocità ... violava infatti ben 3 articoli del C.d.S.
                  - Distanza di sicurezza (ai 105 km/h dev'essere di almeno 32m)
                  - Limite di velocità (per i complessi di veicoli, in autostrada, è di 80km/h)
                  - Limitatore di velocità chiaramente manomesso
                  Domotica: schemi e collegamenti
                  e-book Domotica come fare per... guida rapida

                  Commenta


                  • #10
                    La vettura in curva "senza trazione" ... o in folle se vogliamo ha esattamente la stessa tenuta (Anzi anche di più dato che parte dell'aderenza gomme non è impegnata dal freno motore) che in marcia. Non essendoci l'effetto giroscopico dell'albero motore risulta più maneggevole e questo inganna ...

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da umbi Visualizza il messaggio
                      La vettura in curva "senza trazione" ... o in folle se vogliamo ha esattamente la stessa tenuta (Anzi anche di più dato che parte dell'aderenza gomme non è impegnata dal freno motore) che in marcia. Non essendoci l'effetto giroscopico dell'albero motore risulta più maneggevole e questo inganna ...
                      .

                      Ah si ? Prova a schiacciare la frizione nel bel mezzo di una curva e poi raccontami che effetto fa !
                      Per piacere non diciamo scempiaggini che dimostrano un' assoluta incompetenza sulle basi piu elementari della guida. Ma veramente tu sei convinto di quello che dici?.
                      Manca l'effetto giroscopico dell'albero motore ? Che fai spegni anche il motore in curva ?
                      Ma per piacere .... e' meglio che tu vada a piedi o al massimo in bicicletta .
                      Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                      Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                      Commenta


                      • #12
                        A parte che l'effetto giroscopico col motore al minimo è moooooolto inferiore .... in ogni caso : Non capisco perché il moderatore ti permetta di impestare con la tua arroganza e maleducazione tutti i thread ? Non hai pensato per caso che a me non interessi la tua opinione di come debba andare in giro ?

                        In fondo ti riveli per quello che sei : Un borioso maleducato

                        Per chi voglia capire i vantaggi dell'albero motore controrotante (Escluso SERMAN che sa già tutto )

                        http://www.giornalemotori.com/2011/0...controrotante/
                        Ultima modifica di umbi; 28-06-2014, 20:07.

                        Commenta


                        • #13
                          Buoni ragazzi, buoni ....
                          ...La vettura in curva "senza trazione" ... o in folle se vogliamo ha esattamente la stessa tenuta (Anzi anche di più dato che parte dell'aderenza gomme non è impegnata dal freno motore) che in marcia...
                          E' vero, o meglio, è in parte vero se correttamente formulato.
                          Partendo dal presupposto che il comportamento corretto da tenere nell'affrontare le curve è tutt'altro, ad una velocità costante, sia essa dettata dall'avere il cambio in folle, che una marcia inserita con un minimo di acceleratore, corrisponde comunque la medesima tenuta.
                          ...l'effetto giroscopico dell'albero motore risulta più maneggevole e questo inganna...
                          Qui non si sta parlando di motociclette ma di autovetture; in queste l'effetto giroscopico del albero motore sul comportamento del mezzo è minimo o comunque relativamente ininfluente, tanto meno sulla tenuta dell'autovettura in curva. Per il resto è normale che i piloti (indifferentemente di moto o auto da pista ma anche aerei tipo caccia o acrobatici) preferiscano una minor "maneggevolezza" (leggasi instabilità) nel loro mezzo visto che, generalmente, ad essa corrisponde anche una maggiore reattività nel rispondere ai comandi.
                          Domotica: schemi e collegamenti
                          e-book Domotica come fare per... guida rapida

                          Commenta


                          • #14
                            Difatti nel LINK che ho postato la Yamaha ha l'albero controrotante in modo da annullare col suo effetto anche l'effetto giroscopico della ruota ... "de gustibus" .... questo vale anche per le quattro rute dove l'albero motore si porta in rotazione anche il volano che ha peso e dimensioni importanti rispetto all'albero motore dato che si solito si parla di frizioni monodisco a secco ... al contrario delle moto che sono quasi sempre pluridisco ...... Difatti basta chiedere ai proprietari GUZZI (Monodisco a secco) se ne sentono l'effetto ...

                            Commenta


                            • #15
                              [QUOTE=umbi;119547437]A parte che l'effetto giroscopico col motore al minimo è moooooolto inferiore .... in ogni caso : Non capisco perché il moderatore ti permetta di impestare con la tua arroganza e maleducazione tutti i thread ? Non hai pensato per caso che a me non interessi la tua opinione di come debba andare in giro ? Perchi voglia capire i vantaggi dell'albero motore controrotante (Escluso SERMAN che sa già tutto ).

                              Siamo permalosi eh ? Se non vuoi commenti, non scrivere e' molto semplice, e sopratutto non scrivere minchiate..
                              Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                              Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da umbi Visualizza il messaggio
                                Difatti nel LINK che ho postato la Yamaha ha l'albero controrotante in modo da annullare col suo effetto anche l'effetto giroscopico della ruota ... "de gustibus" .... questo vale anche per le quattro rute dove l'albero motore si porta in rotazione anche il volano che ha peso e dimensioni importanti rispetto all'albero motore dato che si solito si parla di frizioni monodisco a secco ... al contrario delle moto che sono quasi sempre pluridisco ...... Difatti basta chiedere ai proprietari GUZZI (Monodisco a secco) se ne sentono l'effetto ...
                                Altra stupidata, la Guzzi come la Bmw deve l'effetto giroscopico al fatto di avere il cardano come sanno anche i sassi. La frizione non c'entra una mazza. Ma dove ti documenti su Novella 2000?
                                Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                                Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                                Commenta


                                • #17
                                  Ciao a tutti
                                  Originariamente inviato da serman Visualizza il messaggio
                                  Altra stupidata, la Guzzi come la Bmw deve l'effetto giroscopico al fatto di avere il cardano come sanno anche i sassi. La frizione non c'entra una mazza...
                                  Ciao Serman, caspita ti sai fare un sacco di amici! Come sempre, molto gentili, educati ed "intelligenti" i tuoi interventi come fanno gli altri arroganti della tua "cricca". Evidentemente lo sapranno anche i sassi, ma tu non lo sai. Usando un tuo termine mi pare che le "minchiate" le scrivi tu...L'effetto giroscopico sulle moto lo si ha dalla rotazione del volano quando in asse con quello della moto, come sulle Guzzi con i cilindri a V, e penso anche sulle vecchie BMW bicilindriche con i cilindri contrapposti. Il volano comprende il gruppo frizione monodisco, quindi l'intervento di umbi è pertinente non come il tuo dove la trasmissione cardanica NON c'entra un tubo, tant'è che per esempio le MV Agusta 750 "Super Sport" e "America" come altre, pur avendo questo tipo di trasmissione e avendo un motore "tradizionale", non lamentavano e non lamentano nessun effetto giroscopico!

                                  Aurevoir
                                  Furio57
                                  Ultima modifica di Furio57; 30-06-2014, 10:38.
                                  L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                                  LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                                  Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Magari è stato studiato in altra sezione del forum, ma considerato il fatto che qui in questa discussione lo si cita a proposito ed anche a sproposito, non farebbe male a nessuno rivisitare tale fenomeno ( giroscopico ) e le implicazioni che ne conseguono, a me piacerebbe molto ascoltare/leggere le opinioni a riguardo ma che vengano avallate da riscontri non viscerali :-)

                                    f.sco

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Optmun, se tale argomento ti interessa, non converrebbe aprire un thread ad ok? Qui si parla o, meglio, si parlava (l'ultimo post è vecchio più di 2 anni) di tutt'altro
                                      Domotica: schemi e collegamenti
                                      e-book Domotica come fare per... guida rapida

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Originariamente inviato da umbi Visualizza il messaggio
                                        ... la Yamaha ha l'albero controrotante in modo da annullare col suo effetto anche l'effetto giroscopico della ruota ...
                                        Questo non è vero!
                                        Gli effetti giroscopici NON SI ANNULLANO, mai, che l'albero giri in avanti o indietro, che ci siano masse controrotanti o meno.
                                        Naturalmente, SE funziona il QEG, SE funziona il MEG, SE funziona l' accaccaò, può funzionare anche l'annullamento dell'effetto giroscopio; ma che questi apparati funzionino succede solo nel mondo dei sogni, nel quale -come è noto- è possibile modulare anche la gravità, la velocità della luce, le sezioni d'urto nelle interazioni nucleari, e tante altre cose, insieme al Secondo Principio della Termodinamica.

                                        Purtroppo MEG QEG e accaccaò non funzionano ... e quindi una massa rotante fa l'effetto giroscopio e questo effetto non c'è niente al mondo che lo possa annullare, salvo errori.

                                        Saluti.


                                        T

                                        Commenta


                                        • #21
                                          L'effetto giroscopico fa parte intrinseca delle leggi fisiche applicate alle masse in rapida rotazione quindi, ci piaccia o meno dobbiamo tenerne conto. Il "trucco" per minimizzare al massimo consiste nel far si che tale effetto rimanga confinato in un raggio di rotazione molto contenuto... il risultato sarà che la sua azione ( giroscopica ) risulti poco influente per il sistema dove si genera.

                                          f.sco

                                          Commenta

                                          Attendi un attimo...
                                          X
                                          TOP100-SOLAR