annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Vorrei creare un bioreattore.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • pigrecosan
    ha risposto
    x tony per cercare materiale su internet usa emule e fai ricerche sui .doc trovi libri dall a alla z sulle alghe in stile universitario più che sufficiente per rispondere a qualsiasi domanda iniziale.
    x armeroc il processo per creare olio dalle alghe una volta fatte crescere e setacciate, devi prima essicarle fino a una consistenza più o meno del tabacco con un essicatoio solare (meglio) una volta che hai la mista se son alghe da olio dovrebbero produrre un 50% di olio messe sotto ad una pressa, anche fatta in casa...si trovano vari progetti su internet.solo allora capisci se son alghe buone da olio altrimenti il processo di arrivare all'olio va ripetuto con un altro ceppo di alghe. il problema vero dunque è proprio trovare l'alga del "tuo ambiente" adatta a produrre olio. Solo il 25% delle specie alghe lo fanno. altrimenti se uno vuole saltare questo importante passaggio puoi acquistare un ceppo di alghe già studiato e cercare di ricreare le condizioni climatiche adatte per portarlo in produzione. questa è una tabellina da cui partire con le qualità di alghe più famose
    Strain Lipid Content (oil) Growth Medium Price
    Chlamidomonas reinhardi 21% Soil/water $30
    Chlamidomonas moewusii 14% Soil/water $30
    Dunaliela salina 15% Seawater $30
    Chorella pyrenoidiosa 2% Freshwater $30
    Nannaochloropsis 21% Soil/seawater $30
    Coccolithophora 12% Soil/Seawater $30
    Chlorella protothecoides 14% Soil/seawater $30
    Chorella minutissima 44% Seawater $30
    Porhyriduim 9.0 to 14% Soil/water $30
    Tetraselmis 45.7% Seawater $30
    Isochrysis galbana 7% Soil/Seawater $30
    Pleurochrysis carterae 21.9% Soil/seawater $30

    Lascia un commento:


  • felicelucia
    ha risposto
    Energy efficiency and renewables to grow | Energy Efficiency | Mar-13

    Lascia un commento:


  • gordini-motori
    ha risposto
    esiste esiste,Armerock cerca bene, comunque internet è pieno di letteratura e di società che stanno facendo sforzi immani, inn italia come al solito i soliti baroni universitare prima mangiano tutto confidando nella novità e ignoranza, dopo il deserto e solo persone diffidenti, ciao

    Lascia un commento:


  • armerock
    ha risposto
    dobbiamo ancora fare i test di composizione cmq le nostre non sono alghe da olio però mi sembrava strano che una miscela di alghe(anche con un buon quantitativo di olio) + acqua bruci...
    Cmq la olio bundas ??? ma che alga è ? a che famiglia appartiene ? O.o su internet non si trova...è un OGM ?

    Lascia un commento:


  • gordini-motori
    ha risposto
    perchè, sei perplesso, hai mai fatto prove con microemulsioni di olii vegetali, e usati come carburante, io sono all 4 generazione di questi carburanti, come sperimentazione oggettiva, le micro alghe il prossimo passo, aaa, lipidi quanto è la percentuale per singola molecola algale,che ti risulta in beuta, noi usiamo la olio bundas

    Lascia un commento:


  • armerock
    ha risposto
    mmm...bho...

    Lascia un commento:


  • gordini-motori
    ha risposto
    no, solo la poltiglia algale, poi la useremo cosi, dopo averla microemulsionata,

    Lascia un commento:


  • armerock
    ha risposto
    puoi rispondere alle mie domande almeno per il processo ? voglio provare con le mie! Prendi l'acqua+alghe dal bioreattore e poi ? concentri le alghe? fai evaporare l'acqua? come arrivi alla sostanza che poi bruci?

    Lascia un commento:


  • gordini-motori
    ha risposto
    sei antico, quanti lipidi hai nelle tue alghe in percentuale, io non posso dirtelo ma non serve esterificare è stupido, saluti

    Lascia un commento:


  • armerock
    ha risposto
    mmm ma spiegami bene...tu prendi quindi dal bioreunaattore le alghe più acqua e attui una filtrazione e poi essicazione almeno, poi le alghe seccate le bruci giusto? Quanto sono grandi i vostri bioreattore?che alghe coltivate?
    Scusami la curiosità ma non ne avevo mai sentito parlare...di solito dalle alghe vengono estratti i lipidi e poi con transesterificazione viene trasformato in biodiesel.

    Lascia un commento:


  • gordini-motori
    ha risposto
    esattamente questo è lo scopo, raccogli e usi, altrimenti che senso ha, abbiamo gia oli di semi vari

    Lascia un commento:


  • armerock
    ha risposto
    gordini su grandi quantità si puoi usare acqua potabile, e puoi usarla anche su alcune specie di macroalghe...cmq voi producete le alghe e poi usi direttamente le cellule come combustibile ? O.o nessuna lavorazione ? O.O

    Lascia un commento:


  • gordini-motori
    ha risposto
    be veramente noi usiano acqua del rubinetto anche per sperimentare, le vasche son meglio gestibili dei reattori circolari verticali,le alghe sono per fornire solo lipidi, come fanno nel dettaglio, non è sotto mia considerazione, io guardo solo che il tutto giri e stia in piedi finanziariamente,coltivi e usi come combustibile direttamente, saluti

    Lascia un commento:


  • armerock
    ha risposto
    Bè dipende da che alga vuoi coltivare....Ogni alga per crescere in massima efficenza, necessita di precise quantità di precisi sali. Quindi per ricreare le condizioni ottimali devi avere dell'acqua distillata e deionizzata ( senza ioni = sali) e mettere i sali ideali per quell'alga! Se invece utilizzi quantità industriali di soluzione (per i bioreattori o vasche) allora utilizzi acqua potabile ( ovviamente per alghe di acqua dolce) e ti limiti ad aggiungere solo i micronutrienti.....però avrai una efficenza inferiore.
    Poi tra il bioreattore e le vasche dipende dove ti trovi per decidere cosa è meglio (condizioni climatiche,biologiche del luogo) ...Entrambi hanno pro e contro.

    Lascia un commento:


  • gordini-motori
    ha risposto
    non so dove e come, comunque per le alghe in generale non serve acqua distillata, il bio reattore, è solo problemi di spazio, e per il ricircolo dell'acqua usata, olio dipende dal ceppo e dai lipidi contenuti, luce, perenne a led, si è vero si può usare le vasche,ma è più difficile controllare l'inquinamento da batteri, saluti

    Lascia un commento:


  • armerock
    ha risposto
    Ciao! Io lavoro come tirocinante in un laboratorio dove stiamo coltivando 3 specie diverse di microalghe ! Prima di tutto per le alghe non hai bisogno di un bioreattore...noi lo facciamo a livello di laboratorio con piccole quantita cmq se usi microalghe di acqua dolce devi usare acqua distillata e filtrata ! e poi aggiungere i sali specifici per la crescita di quell'alga e l'ambiente dove cresce deve essere abbastanza sterile se lavori su piccole quantità!
    E poi la lucee ! devi usare o la luce solare...oppure dei neon apposta con circa 16 ore di luce e 8 di buio circa.
    Adesso ti ho dato un quadro generale per come puoi allevare le alghe..Se hai domande specifiche chiedi pure,vedrò cosa posso fare!
    invece per la parte di estrazione degli oli non me ne intendo tanto...noi usiamo le alghe per altri scopi...

    Lascia un commento:


  • gordini-motori
    ha risposto
    8000 lit di cosa, ogni due giorni, è da film per caso, fondi europei per cosa, comunque io sono già da tempo nelle alge, gia sperimentato piccole quantità per ora, 1 ho due litri di poltiglia verde, differente e fare un carburante, e carburante serve ai motori, comunque costi dei reattori da 100 lt circa 3000 cadauno, più impianti vari per l'acqua luce perenne climatizzazione, è un poco più complessa la cosa, comunque buona fortuna,la teoria non è la realtà, saluti

    Lascia un commento:


  • tony995
    ha risposto
    io vorrei creare del biodiesel per le auto della mia famiglia ed ho contato che ci vogliono circa 2000 lt di bio all'anno, non riesco a produrlo tramite l'olio esausto, quindi avrei bisogno di una fonte energetica sicura che mi alimenti le auto in modo da risparmiare (sai che 2000 lt di diesel costano attualmente 3300€, io con il biod pago 3 volte in meno in media).
    Dato che l'olio delle microalghe si solidifica a -12°C lo potrei anche utilizzare senza transesterificare (la temperatura del mio garage in inverno è intorno ai 0 gradi in campania).
    Faccio esperimenti per aprire un azienda di biocarburanti, sto studiando chimica, e secondo me gli oli esausti e i grassi animali sono come una riserva e non possono essere le materie prime del mio impianto (produzione ogni 2 giorni 8000 Lt) quindi mi affido alle alghe e ai fondi europei e di invitalia per la mia azienda. ho un piccolo terreno soleggiato di 500 mq in disuso e vorrei coltivare le alghe, visto che non so niente in materia vorrei imparare a coltivarle in modo da avere la mia autosufficienza energetica ed economica.

    Lascia un commento:


  • gordini-motori
    ha risposto
    evasione, guarda che non è come credi, le alge crescono meglio libere poco di acqua e via, tipo piscina,se vuoi iniziare, i fitobioreattori è solo roba da laboratorio,poi che te ne fai, biodiesel, oppure per cremine di bellezza, saluti

    Lascia un commento:


  • tony995
    ha risposto
    perchè vorrei avere una soluzione compatta chiusa che eviti l'evasione delle alghe:
    sai come posso costruirlo?

    Lascia un commento:


  • gordini-motori
    ha risposto
    perchè nel bio reattore,

    Lascia un commento:


  • tony995
    ha iniziato la discussione Vorrei creare un bioreattore.

    Vorrei creare un bioreattore.

    Salve a tutti facendo un giro sulla rete sono riuscito a trovare solo dei video che non si capiscono.
    Vorrei iniziare la coltivazione delle alghe o microalghe.
    Potete darmi indicazioni su come coltivare le alghe, che tipo di alghe per produzione olio, estrazione olio e come costruire un reattore.
    Grazie
    Tony995
Sto operando...
X
TOP100-SOLAR