annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Funzionano bene solo le austriache???

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Non ho dubbi che tu chieda il budget e consigli per il meglio.
    Laguna2 29 con kit R e sonda Ntc 4650
    Puffer 600 lt senza serpentine 750
    iva e trasporti inclusi
    installazione valvole e termo boiler anche non ho il dato preciso totale.

    Commenta


    • #32
      quindi 5.400 caldaia e puffer base, senza null'altro, giusto?
      ti scrivo qualcosa in pvt, non voglio violare il regolamento

      detto questo, visto che devi ancora scegliere la produzione acs, ti consiglio di meditare bene, per non commettere altro errore.....
      poi, come sempre dico, i soldi sono tuoi e fai come vuoi
      alias Dott Nord Est

      la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
      qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

      Commenta


      • #33
        caldaia, puffer, kit r per l'istallazione e sonda NTC incluso trasporto e IVA

        Commenta


        • #34
          Io ho una italiana (Carinci Prestige 350) meno "raffinata" della tua essendo una policombustibile ma a parte la questione pulizia, mancando il compattatore cenere automatizzato, per il resto é una cannonata.
          La pulisco mediamente ogni 3 giorni nel braciere, la carico ogni 4/5 giorni avendo un serbatoio generoso da 180 kg, una volta al mese faccio la pulizia totale drgli scambiatori e drl corpo caldaia.
          Come spesa tra caldaia, accessori e puffer sono arrivato a circa 11mila euro esclusa elettronica.
          Recuperati 5450 euro dal conto termico e circa 2500 con la semplice detrazione per quello che era consentito, tolta la botta iniziale della spesa non é male alla fine.
          Ammetto però che senza la "droga" degli incentivi molto probabilmente avrei aggiunto solamente un puffer al termocamino presente in casa e buonanotte al secchio


          Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
          Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

          Commenta


          • #35
            Originariamente inviato da bel mi metano.. Visualizza il messaggio

            Questo commento non l'ho proprio capito.
            Cosa c'entrano Parmalat e Alitalia con la meccanica?
            .....
            Era proprio quello che volevo evidenziare.

            Nulla.

            Non esiste una regola per cui le caldaie austriache siano migliori di quelle nostrane o il contrario.

            Tutte "teorie" di marketing.

            Aggiungerei un' ulteriore parametro che nessuno spesso considera. L' obsolescenza programmata. Nel caso delle caldaie a biomassa i parametri delle emissioni in atmosfera, che diminuiscono di anno in anno.

            Anche se la caldaia ti durerà 15 anni (perfetto funzionamento) fra 15 anni sarà comunque da buttare.

            Direi che il parametro da considerare, visti gli ultimi 15 anni, è una durata max di 5 anni.

            Oppure pensi che con l' arrivo dei miliardi della UE, che dico miliardi... milioni !!! fra 5 anni i comuni o le regioni allargheranno le maglie sulle emissioni dei generatori????

            Unico parametro da considerare sono le stelle ambientali. La tua caldaia è un ottimo prodotto se ne ha 5 (*****)!!

            Commenta


            • #36
              Originariamente inviato da scresan Visualizza il messaggio


              Tutte "teorie" di marketing.
              beh beh beh....... mi limito a non commentare, va....... altrimenti andiamo alle solite.

              alias Dott Nord Est

              la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
              qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

              Commenta


              • #37
                Originariamente inviato da scresan Visualizza il messaggio



                Aggiungerei un' ulteriore parametro che nessuno spesso considera. L' obsolescenza programmata. Nel caso delle caldaie a biomassa i parametri delle emissioni in atmosfera, che diminuiscono di anno in anno.

                Anche se la caldaia ti durerà 15 anni (perfetto funzionamento) fra 15 anni sarà comunque da buttare.

                Direi che il parametro da considerare, visti gli ultimi 15 anni, è una durata max di 5 anni.

                Unico parametro da considerare sono le stelle ambientali. La tua caldaia è un ottimo prodotto se ne ha 5 (*****)!!


                esattamente quello che penso io........spero solo che la mia non mi dia problemi nel breve 4/5 anni....
                d'altra parte come dice il mio nome: bel mi metano!!!!

                Commenta


                • #38

                  Originariamente inviato da GiuseppeRG Visualizza il messaggio
                  ti ripeto per l'ennesima volta la mia opinione:
                  un nuovo impianto deve essere il giusto compromesso tra prestazioni, aspettative, esigenze, budget

                  se uno guarda solo lo "spendere meno possibile", consiglio sempre una bella coperta sulle spalle per scaldarsi e un secchio al sole per l'acs. Il prezzo così facendo diventa IMBATTIBILE


                  continui a mandare la discussione, che invece sarebbe interessante, in vacca.
                  ti svelerò un segreto: si può spendere molti soldi e spenderli male. oppure pochi e spenderli bene. oppure, anche il contrario.
                  quando ottieni un lavoro eseguito "a regola d'arte" con la minor spesa possibile CHE NON E' la minore in assoluto, hai generalmente speso bene.



                  curiosità: ma tu ti concedi mai a qualche piacere nella vita, o eviti tutto perchè "costa" più del minimo ?

                  i soldi che ho speso tra modelli e chitarre, supera di gran lunga una delle tue tanto amate caldaia da 10000 euro. senza contare quelli spesi in hifi e dischi. qua, è una seconda caldaia.
                  ti basta o vuoi che continuo?


                  cmnq come sempre dico, libertà di opinioni per tutti !!! tu hai la tua, io ho la mia, altri avranno la loro.



                  conteggio semplicissimo:
                  se con boiler normale spendi 1 euro, con boiler PDC per avere il medesimo risultato spendi mediamente 0.28 euro

                  uh....strano come qui spingi in tutte le maniere per il boiler pdc. invece poi quando si tratta di caldaie...alla pdc per riscaldamento non sembri molto "attaccato"....eppure anche quella ha rendimenti molto elevati...chissà...


                  il conto termico lo recuperi in 90 gg dalla firma del contratto GSE

                  vero. però devi imparare a dire tutto. sono massimo 400 euro se sotto i 150 litri. oppure 700 se sopra i 150 litri.


                  beh, in primis esiste la garanzia
                  cmnq questo discorso vale per qualsiasi articolo, anche per il frullatore o l'automobile
                  se non vuoi nessun rischio, come detto scherzosamente, un secchio al sole e nulla si rompe.
                  si. la garanzia però è generalmente due anni. ma dato che su queste macchine il tempo di ammortamento è lungo, se si spacca dopo 5 o 6?
                  sia chiaro, io sono assolutamente pro pompa di calore. tuttavia sto valutando cosa mettere a casa.
                  anzi, aprirò una discussione a tal proposito.

                  Commenta


                  • #39
                    Originariamente inviato da GiuseppeRG Visualizza il messaggio
                    come sempre dico, ogni persona ha le sue esigenze
                    se fossi io, con 80 lt mi laverei al massimo i piedi, che ti devo dire? abbiamo esigenze diverse
                    non centra quante docce al giorno, ma tu ad esempio, non puoi fisicamente fare 3/4 docce di seguito o contemporaneamente, quindi questo è un gap
                    è come quel tizio che ha sempre mangiato pane e patate, è sempre vissuto, e dice che così va bene. Solo che, quando assaggia il risotto..... beh, forse cambia idea....


                    se vabbè....con 80 litri ti lavi i piedi..come hai scritto te qualche post prima: si commenta da sola.
                    che poi per fare più docce contemporaneamente serve un requisito fondamentale: avere due docce distinte. magari uno non le ha, quindi a che serve?
                    tuttavia abbiamo scoperto che con 80 litri di umile boiler elettrico in 4 o 5 ci si fa tranquillamente tutti la doccia. magari non una filata all'altra, ma credo sia un malus molto relativo e trascurabile.






                    anche qui libertà di opinioni
                    tu lo ritieni un fattore meramente economico, io invece lo ritengo un fattore economico + un fattore prestazionale e di benessere
                    in un'auto non metti gli interni in pelle per consumare meno, ma perchè ti piacciono


                    continui a paragonare cose sbagliate: gli interni in pelle sono un plus. l' acqua calda una necessità. ma una volta che trovi il modo di averla a sufficienza per fare la doccia in maniera decorosa, puoi anche farla accendendo un solo fiammifero.



                    ingombrano meno di un puffer

                    IMG_20180620_181442285 (Copia).jpg

                    si...un po' meno, hai furbamente fatto la foto in prospettiva : ) intanto richiede un locale apposito per essere messo. non tutti lo hanno...o magari lo hanno ma non ha più spazio.
                    un boiler classico, volendo può anche essere messo nel bagno stesso.

                    Commenta


                    • #40
                      i soldi che ho speso tra modelli e chitarre, supera di gran lunga una delle tue tanto amate caldaia da 10000 euro. senza contare quelli spesi in hifi e dischi. qua, è una seconda caldaia.
                      ti basta o vuoi che continuo?
                      e perchè non hai preso una tromba in plastica ? costava meno....
                      come vedi, sono sempre punti di vista e opinioni
                      tu spendi nelle chitarre, altri spendono nelle caldaie
                      per questo io non critico nessuna delle due soluzioni....... basta conoscerle.
                      alias Dott Nord Est

                      la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                      qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                      Commenta


                      • #41
                        Originariamente inviato da athxp Visualizza il messaggio

                        si...un po' meno, hai furbamente fatto la foto in prospettiva : ) intanto richiede un locale apposito per essere messo. non tutti lo hanno...o magari lo hanno ma non ha più spazio.
                        un boiler classico, volendo può anche essere messo nel bagno stesso.
                        se manca lo spazio, non si mette, o si mette altrove.
                        la biomassa, e i relativi componenti, non sono per tutti..............
                        se uno non ha spazio, non lo fa.
                        è come chi vuole l'elefante in casa ma non ha lo spazio per la gabbia: si prende il canarino....
                        alias Dott Nord Est

                        la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                        qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                        Commenta


                        • #42
                          Originariamente inviato da bravo666 Visualizza il messaggio
                          Io ho una italiana (Carinci Prestige 350) meno "raffinata" della tua essendo una policombustibile ma a parte la questione pulizia, mancando il compattatore cenere automatizzato, per il resto é una cannonata.
                          La pulisco mediamente ogni 3 giorni nel braciere, la carico ogni 4/5 giorni avendo un serbatoio generoso da 180 kg, una volta al mese faccio la pulizia totale drgli scambiatori e drl corpo caldaia.
                          Come spesa tra caldaia, accessori e puffer sono arrivato a circa 11mila euro esclusa elettronica.
                          Recuperati 5450 euro dal conto termico e circa 2500 con la semplice detrazione per quello che era consentito, tolta la botta iniziale della spesa non é male alla fine.
                          Ammetto però che senza la "droga" degli incentivi molto probabilmente avrei aggiunto solamente un puffer al termocamino presente in casa e buonanotte al secchio


                          Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
                          grazie per la tua testimonianza.
                          Possibile che nessun altro abbia una caldaia italiana sulla quale informarci del suo funzionamento.
                          O un'austriaca?

                          Commenta


                          • #43
                            Sono solo 7 giorni che uso questa moderna caldaia.
                            Magari si romperà fra 3 giorni ma per ora posso dire questo:
                            1) 7 giorni di uso 9 sacchi da 15 kg mi sembra equo (ancora non fa ACS)
                            2) veramente totalmente autopulente, ho controllato il braciere 3/4 volte ed era sempre perfetto! scambiatori non è proprio previsto di ispezionarli (va smontata per farlo)
                            3) niente più fuliggine in tutta la stanza, mi sembra un sogno
                            4) 4/5 accensioni nella giornata
                            5) grazie al puffer avere la disponibilità dell'acqua calda all'istante è una ****ta
                            6) continuo a non capire a cosa serve la valvola miscelatrice, se la temperatura del puffer è impostata in modo da darmi il confort richiesto

                            Commenta


                            • #44
                              Originariamente inviato da bel mi metano.. Visualizza il messaggio
                              6) continuo a non capire a cosa serve la valvola miscelatrice, se la temperatura del puffer è impostata in modo da darmi il confort richiesto
                              una cosa è la T° in puffer, e un'altra il "confort" in casa

                              la T° da tenere nel puffer è quella ideale che deriva dal rapporto di: minori accensioni giornaliere di caldaia / T° adeguata per acs e riscaldamento / T° ottimale per disperdere il giusto
                              (normalmente per un'impianto a pellet si aggira sui 65/70°, ma è tutto da valutare)

                              il confort in casa si ottiene avendo una mandata la più bassa possibile, ma sufficiente a riscaldare la casa
                              (questo comporta consumi inferiori e corpi riscaldanti mai bollenti. Il massimo si ha con la gestione climatica, che adegua la T° di mandata in base alla T° esterna)

                              alias Dott Nord Est

                              la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                              qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                              Commenta


                              • #45
                                Originariamente inviato da bel mi metano.. Visualizza il messaggio

                                grazie per la tua testimonianza.
                                Possibile che nessun altro abbia una caldaia italiana sulla quale informarci del suo funzionamento.
                                O un'austriaca?
                                Io sono già alla terza caldaia italiana. A parte la prima che era un pochino più modesta, con le altre due mi sono trovato alla grande

                                Inviato dal mio YAL-L21 utilizzando Tapatalk

                                Commenta


                                • #46
                                  Originariamente inviato da bel mi metano.. Visualizza il messaggio

                                  grazie per la tua testimonianza.
                                  Possibile che nessun altro abbia una caldaia italiana sulla quale informarci del suo funzionamento.
                                  O un'austriaca?
                                  io sono alla seconda italiana, la terza sarà austriaca
                                  se non fossi del settore e non conoscessi le differenze, continuerei con le italiane, ma...... conoscendo le differenze, e potendo spendere qualcosa in più..... non ho difficoltà a scegliere

                                  CIMG0005 [800x600].JPG IMG_1434 (Copia).JPG


                                  alias Dott Nord Est

                                  la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                                  qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                                  Commenta


                                  • #47
                                    Originariamente inviato da fabrizio_64 Visualizza il messaggio
                                    Io sono già alla terza caldaia italiana. A parte la prima che era un pochino più modesta, con le altre due mi sono trovato alla grande

                                    Inviato dal mio YAL-L21 utilizzando Tapatalk
                                    che caldaia hai ora?

                                    Commenta


                                    • #48
                                      Io vado a legna. Tecnobioma

                                      Inviato dal mio YAL-L21 utilizzando Tapatalk

                                      Commenta


                                      • #49
                                        Originariamente inviato da bel mi metano.. Visualizza il messaggio
                                        Sono solo 7 giorni che uso questa moderna caldaia.
                                        Magari si romperà fra 3 giorni ma per ora posso dire questo:
                                        1) 7 giorni di uso 9 sacchi da 15 kg mi sembra equo (ancora non fa ACS)
                                        2) veramente totalmente autopulente, ho controllato il braciere 3/4 volte ed era sempre perfetto! scambiatori non è proprio previsto di ispezionarli (va smontata per farlo)
                                        3) niente più fuliggine in tutta la stanza, mi sembra un sogno
                                        4) 4/5 accensioni nella giornata
                                        5) grazie al puffer avere la disponibilità dell'acqua calda all'istante è una ****ta
                                        6) continuo a non capire a cosa serve la valvola miscelatrice, se la temperatura del puffer è impostata in modo da darmi il confort richiesto
                                        io ho anche una caldaia a pellet italiana. mi trovo bene, seppur abbia qualche "pecca" che ho scritto nel topic dedicato senza nascondere nulla.

                                        occhio che i consumi di pellet o legna che sia, sono dati in minima parte dalla caldaia. in misura più grande da come è studiato l'impianto ...e in massima misura dalle qualità termiche della casa.

                                        Commenta


                                        • #50
                                          Ho fatto una piccola comparazioen di alcune caldaie a legna da 35kW italiane ed estere in base a peso, volume carico e litraggio acqua , eccolo . Ho evidenziato i valori di preggio . Quelle bolzanine ed estere sono tutte in classe 5 , mentre alcune italiane no. Poi bisognerebbe comparare pure la componentistica e gli accessori come sonde lamba, attuatori, regolazioni automatiche, etc etc . Possiamo dire che non serve prorpio andare all'estero per avere ottime caldaie a livello delle austriache /tedesce. Basta andare a Bolzano Eta e Froling non se la cavano male.Però sempre in tedesco parlano , idem coi prezzi .
                                          CALDAIE.JPG
                                          solarfocus,windhager, froling,eta,waltis,kwb, considerando peso caldaia,vano carico e tecnologia costruittiva questi sono i marchi per andare sul sicuro.
                                          Ultima modifica di Le Cheval; 05-03-2021, 23:05.

                                          Commenta


                                          • #51
                                            Salve anche io sono stato da un installatore Hertz che cosi a braccio mi ha indicato una spesa da 15-16.000,00 euro per sostituire la mia caldaia a legna con una hertz da 27 kw dotata di tutti i componenti centralina touch etc.. con puffer da almeno 1500,00 il tutto dovrebbe rientrare nel 100% secondo voi ne vale la pena? E vero che i soldi dovrebbero essere restituiti ma c'è sempre un margine di rischio con controlli Agenzia Entrate e comunque dovrei anticiparli....
                                            In alternativa mi avrebbe consigliato vivamente pdc... (da 11kw forse basterebbe anche 7 da valutare con dati L. 10) spendendo anche molto meno ma non conosco bene le pdc... Dovrei riscaldare una bifamiliare su due piani PT mq 105, P1 mq 75 totale 180 mq radiatori in alluminio in entrambe le case, sempre con 110 farei cappotto da cm 14 zona climatica E temperature notturne spesso sotto zero (minime anche di -9 per 2 o 3 notti anno). Per la sanitaria potrei utilizzare l'impianto esistente con collettori solari e puffer da valutare. La pdc riuscirà a scaldare anche nei giorni più freddi? quanto potrà essere indicativamente il consumo di kw per il solo riscaldamento?

                                            Commenta


                                            • #52
                                              se puoi mettere pdc fallo. finalmente avrai un riscaldamento comodo. però ti serviranno anche pannelli solari..
                                              se invece vuoi rimanere a legna, ok. ma io non spenderei mai tutti quei soldi...
                                              p.s la legna la fai te o la compri?

                                              Commenta


                                              • #53
                                                Originariamente inviato da francesco.salotti Visualizza il messaggio
                                                La pdc riuscirà a scaldare anche nei giorni più freddi? quanto potrà essere indicativamente il consumo di kw per il solo riscaldamento?
                                                Io dopo fatto il cappotto da 10 Cm ho dimezzato i consumi, 2 inverni a metano stesso costo della precedente legna
                                                Con la differenza che giro l'interruttore e mi scaldo
                                                Pdc gia ordinata, 9 Kw per 283 Mq

                                                Se fai cappotto non ti pentirai di aver buttato la legna, spendi i soldi in isolamento, magari quelli della caldaia spendili sul tetto con isolamento e fotovoltaico
                                                Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                                Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                                Utente EA dal 2009

                                                Commenta


                                                • #54
                                                  Originariamente inviato da francesco.salotti Visualizza il messaggio
                                                  Salve anche io sono stato da un installatore Hertz che cosi a braccio mi ha indicato una spesa da 15-16.000,00 euro per sostituire la mia caldaia a legna con una hertz da 27 kw dotata di tutti i componenti centralina touch etc.. con puffer da almeno 1500
                                                  15/16.000 non sono pochi, dipende dall'insieme dell'impianto com'è composto e che lavori servono


                                                  il tutto dovrebbe rientrare nel 100% secondo voi ne vale la pena?
                                                  se fai il 110% DEVI essere seguito da un tecnico responsabile, quindi in base alla certificazione attuale/futura ti darà i fabbisogni e i dati per decidere la strada da intraprendere


                                                  E vero che i soldi dovrebbero essere restituiti ma c'è sempre un margine di rischio con controlli Agenzia Entrate e comunque dovrei anticiparli....
                                                  l'ADE ha tempo 8 anni, a fine lavori, per fare i relativi controlli


                                                  In alternativa mi avrebbe consigliato vivamente pdc...
                                                  anche questa è una soluzione, dipende sempre dalla certificazione attuale/futura


                                                  quanto potrà essere indicativamente il consumo di kw per il solo riscaldamento?
                                                  questo dato, che sia legna o PDC, risulta dalla certificazione di progetto futuro che ti deve fare il tecnico responsabile

                                                  alias Dott Nord Est

                                                  la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                                                  qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                                                  Commenta


                                                  • #55
                                                    occhio al 110...sulla carta sembra tutto facile. nella realtà, serve il salto di due classi...e se si ha già biomassa in casa è un problema in quanto anche una casa da sola scarsamente/per niente isolata che dovrebbe essere classe g (la mia è così da ape del 2012) utilizzando appunto fonti rinnovabili per il riscaldamento sale di moltisimo. io ho proprio in questi giorni la relazione tecnica in arrivo per fare il cappotto. vedremo quel cancro di pellet dove mi porterà...

                                                    Commenta


                                                    • #56
                                                      Originariamente inviato da athxp Visualizza il messaggio
                                                      utilizzando appunto fonti rinnovabili per il riscaldamento sale di moltisimo. io ho proprio in questi giorni la relazione tecnica in arrivo per fare il cappotto. vedremo quel cancro di pellet dove mi porterà...
                                                      se tu avessi avuto gasolio o gas avresti speso di più fino ad ora.....
                                                      quindi, non è simpatico "denigrare" quello che fino ad ora ti è stato utile..... solo perchè lo stato ti "regala" dei soldi....
                                                      alias Dott Nord Est

                                                      la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                                                      qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                                                      Commenta


                                                      • #57
                                                        Originariamente inviato da francesco.salotti Visualizza il messaggio
                                                        Salve anche io sono stato da un installatore Hertz che cosi a braccio mi ha indicato una spesa da 15-16.000,00 euro per sostituire la mia caldaia a legna con una hertz da 27 kw dotata di tutti i componenti centralina touch etc.. con puffer da almeno 1500,00 il tutto dovrebbe rientrare nel 100% secondo voi ne vale la pena? E vero che i soldi dovrebbero essere restituiti ma c'è sempre un margine di rischio con controlli Agenzia Entrate e comunque dovrei anticiparli....
                                                        In alternativa mi avrebbe consigliato vivamente pdc... (da 11kw forse basterebbe anche 7 da valutare con dati L. 10) spendendo anche molto meno ma non conosco bene le pdc... Dovrei riscaldare una bifamiliare su due piani PT mq 105, P1 mq 75 totale 180 mq radiatori in alluminio in entrambe le case, sempre con 110 farei cappotto da cm 14 zona climatica E temperature notturne spesso sotto zero (minime anche di -9 per 2 o 3 notti anno). Per la sanitaria potrei utilizzare l'impianto esistente con collettori solari e puffer da valutare. La pdc riuscirà a scaldare anche nei giorni più freddi? quanto potrà essere indicativamente il consumo di kw per il solo riscaldamento?
                                                        No non mi torna qualcosa forse non capisco se il fabbisogno della casa facciamo che sia 12 Kw ma perche una caldaia a legna da 27 Kw
                                                        non è che se cambi il combustibile devi cambiare la potenza del generatore
                                                        Ma 12Kw necessari senza il cappotto ?? ma ora con che tipo di generatore ti scaldi e di quale potenza ?
                                                        Fare il cappotto è cosa saggia e furba ti porta a risparmiare indipendentemente dal generatore
                                                        Con potenze così piccole la PDC può essere una soluzione valida

                                                        Commenta


                                                        • #58
                                                          Originariamente inviato da Nicht Visualizza il messaggio


                                                          Con potenze così piccole la PDC può essere una soluzione valida
                                                          concordo...... con 12 kW ante cappottatura, che poi andranno ad essere molti meno, una PDC ha senso.

                                                          ma ad esempio è da vedere se uno fa il lavoro per un senso tecnico, o anche per piacere personale: ho un'infinità di clienti che usano legna con impianti prestanti solo per il piacere personale di usarla.

                                                          tutto dipende....


                                                          alias Dott Nord Est

                                                          la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                                                          qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                                                          Commenta


                                                          • #59
                                                            Originariamente inviato da GiuseppeRG Visualizza il messaggio

                                                            se tu avessi avuto gasolio o gas avresti speso di più fino ad ora.....
                                                            quindi, non è simpatico "denigrare" quello che fino ad ora ti è stato utile..... solo perchè lo stato ti "regala" dei soldi....
                                                            e invece.....è un anno che uso la caldaia a pellet che ricordo era compresa nella casa (e benedetto il giorno in cui ho deciso di usarla e non spendere un euro in impianto a legna, altrimenti ora si che starei tirando giù i santi). ora semplicemente mi trovo che in una cascina con isolamento basso, scaldarsi a biomassa figura come "risparmio energetico". che boiata immonda...ma tanto è, e ora vedrò il da farsi : )

                                                            tu vedi (e vendi) i generatori. il punto è che con una casa ben isolata la spesa per il riscaldamento si riduce drasticamente...e non ha più senso alcuno spendere 15000 euro di impianto a biomassa.


                                                            p.s io sono nato e cresciuto nelle campagne...tutti qui han sempre usato legna per scaldarsi. chi se ne fa una ragione è chi se la produce da se perchè tanto ha campi e boschi da tenere puliti. NESSUNO è contento di armeggiare con caldaia e legna. nessuno. ma tutti ne vorrebbero fare a meno.

                                                            Commenta


                                                            • #60
                                                              Originariamente inviato da athxp Visualizza il messaggio

                                                              NESSUNO è contento di armeggiare con caldaia e legna. nessuno. ma tutti ne vorrebbero fare a meno.
                                                              premesso che ogni persona ha e può avere le sue opinioni, compreso te.... quello che secondo il mio umile parere erri è pensare ed affermare che tutti la pensino come te.
                                                              Tu dici che NESSUNO è contento, mentre io posso affermare che alcuni (e più di quel che pensi) invece sono contenti di farlo.
                                                              Se poi nella tua zona ci siano impianti mal fatti e difficili da gestire, beh.... questo è un'altro paio di maniche.
                                                              Se non erro sei della zona di Cuneo, vuoi vedere qualche impianto a legna nella tua zona di cui i proprietari sono pienamente soddisfatti ?

                                                              IMG-20180108-WA0006.jpg

                                                              alias Dott Nord Est

                                                              la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                                                              qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                                                              Commenta

                                                              Sto operando...
                                                              X
                                                              TOP100-SOLAR