- Curiosità - Il pavimento radiante aumenta il tempo tra le ricariche della legna ? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

- Curiosità - Il pavimento radiante aumenta il tempo tra le ricariche della legna ?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • - Curiosità - Il pavimento radiante aumenta il tempo tra le ricariche della legna ?

    Per curiosità, un riscaldamento di tipo radiante (pavimento, soffitto ecc) in abbinamento ad una caldaia a legna aumenta il tempo tra 2 ricariche ? In teoria l'acqua contenuta negli accumuli sarebbe sfruttabile fino ai 30 gradi contro i 50 di un termosifone, quindi nei puffer ho più kw utili ?

  • #2
    Ma le calorie sono di più solo se hai più Delta T.
    Quindi a parità di kcal consumate ci vuole la stessa legna.

    MP




    Inviato utilizzando Tapatalk
    Tutto ciò che scrivo sono solo opinioni personali.
    IMHO ovviamente.

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da summicron Visualizza il messaggio
      In teoria l'acqua contenuta negli accumuli sarebbe sfruttabile fino ai 30 gradi contro i 50 di un termosifone, quindi nei puffer ho più kw utili ?
      Beh...anche nei termi puoi sfruttare sino a 20 gradi accumulo (diciamo sino a circa 22-23) come nel pavimento...non é che li alimenti a 30 loro si rifiutano di scambiare...diciamo che ci metteranno un po più tempo a freddare accumulo, ma per freddarlo, lo freddano pure i termi.
      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

      Commenta


      • #4
        Ciao,
        ho risposto dal telefono e la mia risposta non era chiara.

        Diciamo che se prendiamo due accumuli uguali a 80 gradi nella parte alta e 70 in quella bassa, il primocolegato ai termosifoni e il secondo ad un pavimento radiante, tendenzialmente il secondo impiegherà più tempo a "scaricarsi".

        Ovviamente a parità di condizioni climatiche e classe energetica della casa.
        Però diciamo anche che il radiante per funzionare bene deve andare 24h/24h e che alla fine la stessa casa devi scaldare quindi servono le stesse calorie.
        Poi ovviamente con il pavimento scarichi di più il puffer (con i termosifoni tendenzialmente sotto i 45 non rende più) quindi maggiore frequenza però con minor legna (sempre per il discorso che le kcal sono sempre le medesime). E dato che in una caldaia ci va tot legna al massimo, l'accumulo DEVE essere dimensionato sulla caldaia e sui "consumatori" di calore per fare sempre cariche piene e avere lunghissime autonomie.

        Questa a mio avviso è la teoria.

        I calcoli non sono semplicissimi da fare.
        Io ad esempio ho 2000 lt di puffer e vado a pellet con una 60kW (sottodimensionata) e dovrei aumentare il litraggio non per il surplus ma per ovviare al sottodimensionamento.
        In futuro mi piacerebbe sostituire la caldaia a gasolio con una legna/pellet, già rido se mi metto a calcolare quanti litri dovrei aggiungere di puffer e quanto caricare la caldaia (nel funzionamento a legna).

        Ma

        Ciao!

        MP
        IMHO ovviamente.

        Commenta


        • #5
          Il termo sotto 45 rende poco ma rende..cioè se vuoi portare accumulo a 20, per avere più capienza alla ricarica e per far freddare meno la casa nel frattempo, puoi...basta che continui a circolare...
          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

          Commenta


          • #6
            Quindi, se ho capito bene, più la temperatura di ritorno è alta più il puffer deve essere grande.
            Un ritorno basso necessita di puffer più piccoli a parità di consumi della casa.

            Quindi vien da pensare che non porti vantaggi in termini di tempo che intercorre tra una ricarica e l'altra giusto ?

            Commenta


            • #7
              Il puffer serve per ricevere il surplus prodotto dalla caldaia. Per avere maggiore autonomia tra una ricarica e l'altra dovrai avere vano di carico grande con puffer adeguato e magari gestione in climatica dell'impianto.

              Commenta


              • #8
                sUmmicron...la T di ritorno è alta se la T di mandata è alta..ma se a vuoi freddare un accumulo per averlo interamente disponibile PE successiva accensione, anche coi termi lo fai senza problemi....non vedo alcuna differenza di capacità termica tra termi e radiante a parità di dimensione accumulo.
                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                Commenta


                • #9
                  ..............in questi giorni fuori dalla finestra ci sono dai -3°/-5° C e personalmente scaldo la mia abitazione di 110mq con 22°/2.5°C dalle 06 alle 22 con una mandata ai radiatori di 44°C a punto fisso con la casa abitata tutto il dì ................la sensazione di confort all'interno dell'abitazione è semplicemente gradevole e senza sbalzi di caldo e freddo.
                  Il puffer lavora moltissimo portandolo alla sera ad una temperatura di 85°C e il consumo di legna medio compreso di acs è di 35/40 Kg al dì...........

                  Commenta


                  • #10
                    Fabrizio, ma arrivi a 85 la sera perchè lo accendi la sera quando rientri? e poi lo usi il giorno dopo?
                    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                    Commenta


                    • #11
                      ciao.......no accendo al mattino e le cariche non sono complete (2 mezze cariche) e la sera verso le 22.00 con impianto fermo ( ho radiatori in ghisa di enormi dimensioni) porto il puffer a 85°C per poi utilizzarlo alla ripartenza il giorno successivo..........

                      Commenta


                      • #12
                        non riesco a capire se il radiante aumenti il tempo tra 2 ricariche di legna.
                        In teoria a parità di consumi i kw necessari sono sempre gli stessi

                        Commenta


                        • #13
                          Infatti..i consumi non cambiano...che cambia è solo la potenza che di solito di usa in erogazione, cioè i ritmi di solito vengono usati con erogazione di potenza elevata, mentre il radiante marcia a potenza piu bassa (ma per piu ore)

                          questo significa che a parita di potenza del generatore, il radiante IMPONE un accumulo piu grande..mentre in teoria coi termi potresti erogare piu potenza e quindi usare un accumulo piu piccolo (usando la casa come accumulo), ma accettando il fatto che qaundo eroghi la T interna sale molto e poi quando spegni man mano scende (minor comfort abitativo).

                          Metti di generare con la caldaia 30 kw..metti che i termi possano erogare 20 e il pavimento possa erogare 10.

                          Se la casa ha bisogno di 180 kwh, devi fare 6 ore di fuoco..al termine dei quali coi termi avrai 60 kwh di esubero, con radiante 120 kwh, da dover stoccare.

                          Quando accumulo sarà freddo?
                          Coi termi dopo 3 ore (cirrca..in relata 4 perche manmano che si fredda i termi non erogano piu 15 ma meno)..col radiante dopo 12 ore.

                          Ti conviene freddarlo velocemente? ovvio che no..ti conviene dopo le 6 ore iniziale, fermarti e usare le altre 3 ore dopo magari 10 ore..idem con radiante, ti conviene usare 5-6 kw per ora sino d arrivare alla successiva ricarica col pavimento ancora caldo, erogando man ano quel ch serve.

                          La tua dmanda quindi nn ha alcuna utilita pratica.
                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                          Commenta


                          • #14
                            Grazie per la spiegazione,
                            sono quasi completamente allo scuro sul funzionamento corretto di un impianto a biomasse.

                            Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio

                            questo significa che a parita di potenza del generatore, il radiante IMPONE un accumulo piu grande..
                            Scuriosando un depliant di accumuli Eta (pag 6) in realtà sembrerebbe che più è bassa la temperatura di ritorno
                            meno capacità di accumulo serve

                            Commenta


                            • #15
                              l'accumulo lo scaldi sempre a 80..dopo di che se "immagini" di sfruttarlo sino a 60 gradi (mandata tipca dei termi), hai solo 20 gradi di salto utili..se mandi al radiante a 30 ne hai 50..molti di più..MA questo vale SE devi CONTINUAMENTE alientare i term a 60.

                              TUTTAVIA i termi vengono usati NON in continuo come un radiante ma in certi (brevi)intervalli (poche ore)....ma NESSUNO vieta che puoi freddare accumulo ala stessa T del radiante (ovvio a caldaai spenta) facendo circlare acqua nei termi ...e quindi i pratica la spazio utile per la successiva riaccensione è IDENTICO .
                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                              Commenta

                              Attendi un attimo...
                              X