Welcome!

Benvenuto nel Forum EnergeticAmbiente! Siamo un insieme di persone che hanno a cuore il Pianeta Terra e che si prendono in qualche modo la responsabilità di proteggerlo dalla stupidità umana. Per poter scrivere o scaricare foto e documenti devi prima registrarti. Vedrai anche meno pubblicità. Basta 1 minuto, un nome inventato e una mail dove ricevere le notifiche delle risposte.

La registrazione è gratuita e puoi farla -QUI-

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

gestione riscaldamento su due piani

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • gestione riscaldamento su due piani

    Buongiorno a tutti.

    ho un "problemino", se così si può definire nell' impianto di riscaldamento.
    in pratica ho la mandata (dopo miscelatrice comandata dalla climatica) che va a un "T" da qui poi ai due collettori. il primo che serve i termosifoni del piano terra si trova fisicamente nel locale caldaia. il secondo è collegato con un tubo e si trova nel locale lavanderia al primo piano, poi da li si collegano i vari termo. idem per i collettori dei ritorni. quello di sopra ha un altro tubo che lo porta in locale caldaia.da qui poi ci sono i due circolatori, collegati da un lato ai collettori dei ritorni (con valvola unidirezionale) dei due piani e dall' altra collegati assieme con un "T" che li unisce e li riporta al puffer.
    ora il problema: se partono tutti e due assieme va tutto bene. però spesso il primo piano lo faccio girare meno del piano terra...e da qui poi quando riattaccoil piano primo l'acqua calda non ne vuole sapere di circolare. per farla andare devo forzare la mandata a 60 e più gradi, se sta sotto sopra non arriva acqua calda.

  • #2
    mi sà che hai stravolto il funzionamento regolare della climatica, ma come spieghi è difficile seguirti.. meglio se fai uno schizzo dell'impianto per capire meglio..
    Caldaia red compact 24 easy clean - Termocamino 30 kW - puffer 1300 Lt., scambiatore 40 + 12 piastre acs - centralina climatica HCC5 Sorel - zona climatica "C" - 1384 gradi giorno - casa 360 MC - temperatura interna 22° h 18/24..

    Commenta


    • #3
      Devi sostituire il primo Tee con un collettore dimensionato (area sezione collettore = somma aree sezione sole prese + 50%)... vado a memoria, ma se cerchi in rete trovi le tabelle.

      Con i circolatori se elettronici, va ancora peggio, nel senso che è obbligatorio il collettore.

      Non serve sul ritorno.

      Commenta


      • #4
        si i due circolatori sono elettronici. ah...quindi serve un collettore specifico?
        conta che non ho unidirezionali sulle mandate dopo il tee

        Commenta


        • #5
          ... posta uno schema.

          In generale se due circolatori pescano da un solo "tubo" devi inserire un collettore, dimensionato (intendo la sezione del tubone dove si innestano le due prese dei relativi circolatori) come detto sopra.

          Commenta


          • #6
            lo schema è questo. ho variato qualche piccolezza ma è montato così

            impianto riscaldamento puffer all' italiana.jpg

            Commenta


            • #7
              andava messo un collettore dopo la miscelatrice riscaldamento, con i relativi due circolatori in mandata miscelata.
              alias Dott Nord Est

              la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
              qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

              Commenta


              • #8
                i circolatori li ho messi sui ritorni in quanto leggendo qui sul forum mi pareva di aver capito fosse meglio, in quanto la temperatura è più bassa e ne preserva l' usura.

                per il mio problema immaginavo fosse legato al bilanciamento dei due piani, ma non ne ero sicuro...anche per il fatto che sto ancora finendo di fare lavori e ho ancora termosifoni da collegare.
                comunque provvedo con un regolatore di flusso per "strozzare" la linea al piano terra.

                ah, aprofitto per aggiungere ulteriore carne al fuoco: ad oggi sono abbastanza soddisfatto dell' impianto. la caldaia fa massimo 3 accensioni al giorno. però sono convinto si possa migliorere l' uso del puffer.
                sulla parte elettrica ho messo un deviatore che mi permette di selezionare il termostato della ripartenza della caldaia tra quello situato a 4\4 di altezza (uso così in estate per sola acs) e quello posto a 3\4 che uso attualmente per far rimanere l' ultimo quarto alto del puffer sempre in temperatura. ho collegato come da disegno, ma pensavo magari di usare anche l' attacco posto sul cappello del puffer...
                Ultima modifica di athxp; 05-12-2020, 08:42.

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da athxp Visualizza il messaggio
                  i circolatori li ho messi sui ritorni in quanto leggendo qui sul forum mi pareva di aver capito fosse meglio, in quanto la temperatura è più bassa e ne preserva l' usura.

                  per il mio problema immaginavo fosse legato al bilanciamento dei due piani,...
                  Dopo una mix è lo stesso, lavoreranno sotto i 60-70 gradi.

                  Chiaramente è colpa del bilanciamento dei due circuiti. Ma è piu' semplice impedirlo attraverso un collettore che bilanciare perfettamente i due circuiti, se non impossibile, da quando sono arrivati i circolatori elettronici autoadattanti.

                  Per logica, ora che l' hai messo, il puffer andrebbe utilizzato per intero da cima a fondo.

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da athxp Visualizza il messaggio
                    i circolatori li ho messi sui ritorni in quanto leggendo qui sul forum mi pareva di aver capito fosse meglio, in quanto la temperatura è più bassa e ne preserva l' usura.
                    dopo la mix il circolatore lavora già a una T° più bassa



                    per il mio problema immaginavo fosse legato al bilanciamento dei due piani, ma non ne ero sicuro...anche per il fatto che sto ancora finendo di fare lavori e ho ancora termosifoni da collegare.
                    comunque provvedo con un regolatore di flusso per "strozzare" la linea al piano terra.
                    se non erro, ci sono dei regolatori di flusso automatici

                    ah, aprofitto per aggiungere ulteriore carne al fuoco: ad oggi sono abbastanza soddisfatto dell' impianto. la caldaia fa massimo 3 accensioni al giorno. però sono convinto si possa migliorere l' uso del puffer
                    .
                    il ritorno impianto sarebbe stato meglio metterlo sul ritorno caldaia (si accentuava la stratificazione)
                    alias Dott Nord Est

                    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                    qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da scresan Visualizza il messaggio
                      Dopo una mix è lo stesso, lavoreranno sotto i 60-70 gradi.

                      Chiaramente è colpa del bilanciamento dei due circuiti. Ma è piu' semplice impedirlo attraverso un collettore che bilanciare perfettamente i due circuiti, se non impossibile, da quando sono arrivati i circolatori elettronici autoadattanti.

                      Per logica, ora che l' hai messo, il puffer andrebbe utilizzato per intero da cima a fondo.
                      scusa ma non ho presente come può essere un collettore con bilanciamento. io alla fine ho 3 tubi, una mandata e due diramazioni. se ho inteso bene devo regolare il flusso della mandata al piano terra che è quella più agevolata riducendolo. ad ora, dato che sono in pieno inverno e non posso fermare l' impianto, ho provato semplicemente chiudendo di circa metà la il rubinetto prima del collettore caldo del piano terra.


                      Originariamente inviato da GiuseppeRG Visualizza il messaggio
                      dopo la mix il circolatore lavora già a una T° più bassa




                      se non erro, ci sono dei regolatori di flusso automatici.


                      il ritorno impianto sarebbe stato meglio metterlo sul ritorno caldaia (si accentuava la stratificazione)

                      bene, questa primavera appena posso spegnere il riscaldamento so cosa fare. montare collettore o altro sistema per bilanciare le due mandate calde. spostare il ritorno del riscaldamento sulla linea più bassa del puffer.

                      per la parte alta si può migliorare qualcosa?

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da athxp Visualizza il messaggio
                        montare collettore o altro sistema per bilanciare le due mandate calde.
                        semplice collettore con due gruppi di rilancio per due zone distinte

                        IMG_20181205_181229916 (Copia).jpg
                        alias Dott Nord Est

                        la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                        qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                        Commenta


                        • #13
                          in pratica dovrei mettere quata valvola qua

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da athxp Visualizza il messaggio
                            scusa ma non ho presente come può essere un collettore con bilanciamento. io alla fine ho 3 tubi, una mandata e due diramazioni. se ho inteso bene devo regolare il flusso della mandata al piano terra che è quella più agevolata riducendolo. ad ora, dato che sono in pieno inverno e non posso fermare l' impianto, ho provato semplicemente chiudendo di circa metà la il rubinetto prima del collettore caldo del piano terra.





                            ...
                            Perfetto, hai "bilanciato" manualmente l' impianto creando uno strozzo che di fatto aumenta, pareggiando, la prevalenza dei circuiti dei due piani.

                            I collettori non sono "bilancianti" ma lavorano al contrario, impediscono che i due circolatori interferiscano l' uno con l' altro "rubandosi" l' acqua.

                            La regola è quella di dimensionare in modo corretto il collettore (il tubo grosso) rispetto alle prese dei due circolatori (ma potrebbero essere anche n con prese di sezione s1, s2, s3 con misure diverse).

                            Con 70-90 euro di spesa (collettore + mantello isolante) risolvi.

                            Il lavoro che fanno le valvole del tuo link, lo fanno già e perfettamente i circolatori elettronici .... basta scegliere il programma adatto!!

                            Commenta


                            • #15
                              scusami scresan ma non ho capito alcuni passaggi...

                              ora ho fatto sta cosa provvisoria col rubinetto. però sopra non avevi detto che con circolatori elettronici (che variano la portata automaticamente) era necessario un sistema di bilanciamento automatico?!
                              quale sarebbe il componente che dovrei acquistare?

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              TOP100-SOLAR