Geometricamente è uguale ad una banale batteria di pile al piombo di autovettura, ma i materiali sono tutti diversi.
Al posto della scatola di plastica c'è una scatola di piombo.
Al posto delle piastre di piombo ci sono pannelli fotovoltaici, ogni piastra ha pannelli fotovoltaici in ambedue le facciate.
Al posto del liquido elettrolita ci sono scorie radioattive che sono lo scarto delle centrali nucleari a fissione.
--------------------------------------
Se le scorie radioattive sono fortemente radioattive è meglio perché rendono di più.

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO.
La scatola sta in una cantina buia con la luce spenta, (non si vede niente).
Le scorie emettono radioattività, la radioattività investe il pannelli fotovoltaici.
I pannelli fotovoltaici producono elettricità.
I pannelli fotovoltaici sono collegati in serie allo scopo di aumentare la tensione elettrica.
La cella produce elettricità per migliaia di anni perché la radioattività dura migliaia di anni.
La scatola deve essere di piombo per impedire alla radioattività di uscire fuori dalla scatola.

È possibile sostituire il piombo con il cemento armato, però il cemento armato ha un peso maggiore perché deve essere più spesso.
È vero che il peso specifico del piombo è maggiore ma è più sottile.
-------------------------------------
Secondo me se le scorie radioattive NON sono sassi ma polvere, è meglio perché se è polvere è possibile aumentare il numero dei pannelli fotovoltaici quindi aumentare la densità energetica.
Di conseguenza sarebbe meglio che durante la costruzione della cella, le scorie siano anticipatamente polverizzate allo scopo di ottimizzare il sistema.