Generatore eolico da un ventilatore - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Generatore eolico da un ventilatore

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Generatore eolico da un ventilatore

    Oggi come tanti giorni dell'anno a casa mia tira un vento poderoso, allora ho preso 1 ventilatore (normale estivo, tripala da 30 cm diametro), 1 voltmetro e mi son detto: " se la scienza non è un'opinione la lancetta deve muoversi!"
    Non so molto a riguardo se non qualche noziione dell'università da rispolverare... ma come mai non ho letto neanche un micragnoso milliampere?
    Se prendendo un motore elettrico e trasformandolo in alternatore si ottiene un terzo della potebnza elettrica io dovrei ottenere da 34 watt a 220 almeno 10 watt sbaglio? si ma a che velocià delle pale si ottiene qualcosa se non quella nominale di quando funziona a corrente?
    ad occhio giravano davvero tanto come la prima velocità di quando le accendi normalmente..
    Il mio voltmetro-amperometro ha sensibilità 0.5/250 mA e 10/1000 volt, sia in alternata che in continua...come mai la lancetta non si smuoveva?
    se non sbaglio la corrente che circola nel ventilatore normalmente è 34/220 = 0.15 Ampere.. non so quasi niente di elettrica ma ditemi voi:
    magari cambiando motore (ne ho 2 della girante + 3 delle pompe della lavatrice + 1 da 9 volt che funziona con 6 pile stilo) posso ottenere qualche watt giusto di soddisfazione, magari per ricaricare pile da 1.5 volt usando un trasformatore?
    che succede alla pila e al trasformatore quando il ventilatore gira tanto forte o piano? si rovina?

  • #2
    CITAZIONE (tulipe78 @ 18/1/2006, 15:48)
    Il mio voltmetro-amperometro ha sensibilità 0.5/250 mA e 10/1000 volt, sia in alternata che in continua...come mai la lancetta non si smuoveva?

    Sicuro di aver predisposto il tester per le misure in corrente alternata ?


    Maury

    Commenta


    • #3
      eh si ho rifatto prove varie collegandolo a un trapano con velocità variabile, poi soffiando col compressore per vedere la migliore direzione , e il risultato è stato del tutto deludente al vento: in casi rarissimi di raffiche forti veevo 1 volt.. ma com'è possibile?cosa si può fare per migliorare il tutto?

      Commenta


      • #4
        Caro Tulipe,
        il tuo ventilatore non ha dato i risultati aspettati per un semplice motivo, il motore non ha magneti permanenti nè collegamenti tali da autoindurre una corrente che crei un campo magnetico per innescare la generazione.
        Se tu avessi utilizzato, giusto per avere soddisfazione, la tua ventola collegata ad una banale pompa da lavatrice, ti saresti crogiolato nell'osserrvare la lancetta, o i numeri, avanzare velocemente.

        Ciao.
        *** Firma irregolare rimossa d'ufficio. ***

        Commenta


        • #5
          vero claudio!infatti ho subito fatto la prova con la pompa da una trentina di watt col magnete permanente e ora si che si vedono i risultati..
          vabeh son modesti: a circa 150 giri/min vedo 30 mA e 20 volt, e aumentando la velocità la corrente rimane costante mentre aumenta la differenza di potenziale vi portano i conti?
          Poi la girante è talmente piccola rispetto al ventilatore (rapporto= 10 volte) che credo si potrebbe mettere una puleggia così da farlo girare 10 volte + veloce ottenendo 0.03 *200= 6 watt...certo che gli attriti saranno forse proibitivi bisogna fare prove...
          certo rispetto alle 30 nominali non è niente, ma in una giornata son diciamo (considero il vento per 10 ore) 10*6=60 watt gratis meglio di niente no?ci ricarico qualche batteria se mi spiegate come si fa wink.gif

          Per trasformalra in cnontinua a questo punto mi serve un raddrizzatore ma non so dove posso trovarne uno ..altrimenti così alternata la corrente a che serve?

          dove si trovano facilmente (auto o elettrodomestici demoliti) motori con magneti permanente + grandi?
          Che gusto la sperimentazione!!

          Commenta


          • #6
            Ciao Francesco, biggrin.gif biggrin.gif biggrin.gif

            Senza nessunissima offesa, ma sei proprio sicuro di esserti laureato in ingegneria?

            Dai discorsi che fai blink.gif sad.gif blink.gif sembri più un avvocato o un dottore in economia e commercio!!!!!

            A parte le mie insulse considerazioni......Se vuoi notizie sugli aerogeneratori vai alla sezione "Eolica"

            Saluti
            Paolo

            Commenta


            • #7
              eh si paolo sono un compagno di Vieri e Delpiero e sponsorizzo Cepu ma non dirlo a nessuno!
              vabeh oh ho la curiosità di un ragazzino e a 27 anni adoro ancora stupirmi delle piccole cose in un mondo pieno di menefreghisti, affaristi insensibili..
              basta guardare questo forum per capire che spirito positivo, curiosità, inventiva e sensibilità ambientale diversi dal solito ci accomuna tutti...
              poi purtroppo la pratica all'università (della produzione industriale cioè con un solo esame su motori e uno su elettrotecnica il resto di tipo manageriale e gestionale ) è 0 non avrei mai visto motori elettrici se non sfasciassi tutto ciò che mi capita sotto mano in garage ..
              l'esperienza insegna tutto o no?si ora leggerò ma ci son talmente tanti post che non sapevo dove iniziare smile.gif

              Commenta


              • #8
                Caro Tulipe,
                se hai la costanza di sfasciare, potrai divertirti con le stampantine.
                Di solito hanno motori passo-passo che si prestano molto al gioco, a scopo didattico, ovviamente.

                Ciao.
                *** Firma irregolare rimossa d'ufficio. ***

                Commenta


                • #9
                  Claudio wow! ma qualunque stampante tipo quelle a getto d'inchiostro? ne avrei 2 pronte pronte all'esperimento biggrin.gif

                  oggi ho trovato una miniera d'oro: uno sfasciacarrozze con caldaie, lavatrici, metallo, tubi, motori e radiatori di ogni genere...sono andato per un circolatore per la mia stufa che la pompetta della lavatrice dopo un pò non va + (si vede che è fatta solo per l'acqua fredda e non per uso continuativo)
                  Non ce l'aveva ma in compenso a 2 euro (neanche li voleva) ho preso una bella serpentina di metallo zincato da 8 mm lunghezza circa 12 metri totale, tipo quelle di raffreddamento dietro ai freezer ma + grande; ci viene fuori quasi un mezzo metro quadrato guarda caso pensavo al pannello solare termico che volevo realizzare in priomavera... wink.gif visto i prezzi del rame molto utili i tubi di metallo

                  per l'eolico penso continuamente a come costruire con materiali di fortuna qualcosa che resista a vento forte e pioggia ma ancora il progetto deve iniziare del tutto devo leggere i vostri post appena ho + tempo...

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao Tulipe, se continui le frequentazioni degli sfascia carrozze, potresti rinvenire cosette interessanti, per esempio, ci sono lavatrici abbastanza vechiotte che hanno la regolazione elettronica del motore.
                    Questo motore è a corrente continua con i magneti ... quindi ... può essere utilizzato come generatore ...
                    *** Firma irregolare rimossa d'ufficio. ***

                    Commenta


                    • #11
                      grazie claudio ma come li riconosco?basta che appoggio un cacciavite nel nucleo e vedo se viene attratto giusto?la prox volta ci provo quelli che lavorano li mi guardano come dei marziani (molti son extracomunitari che neanche capiscono bene l'italiano) quando faccio richieste particolari ma non importa tongue.gif

                      Commenta


                      • #12
                        Il tuo ventilatore ha un motore asincrono monofase, che non è una macchina elettrica reversibile perchè non c'è nulla atto a produrre il campo magnetico (nel funzionamento da generatore).
                        Per fare il generatore in casa, la cosa migliore è un motore in cc, il quale è reversibile perchè ha i magneti permanenti.
                        Se i magneti sono nello statore, il rotore ha le spazzole ed esce corrente continua.
                        Se i magneti sono nel rotore, spazzole non ce ne sono (è un brushless), ed esce corrente alternata. (una cosa tipo il generatore sincrono).

                        ciao

                        Edited by claudiomenegatti - 29/1/2006, 12:34
                        ciao
                        Giorgio
                        Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

                        Commenta


                        • #13
                          CITAZIONE (claudiomenegatti @ 22/1/2006, 10:36)
                          Ciao Tulipe, se continui le frequentazioni degli sfascia carrozze, potresti rinvenire cosette interessanti, per esempio, ci sono lavatrici abbastanza vechiotte che hanno la regolazione elettronica del motore.
                          Questo motore è a corrente continua con i magneti ... quindi ... può essere utilizzato come generatore ...

                          Ciao a tutti smile.gif
                          Ciao Claudio appoggio in pieno quanto hai scritto, vorrei aggiungere che alcune lavatrici con il motore in continua normalmente a 48 Volt non hanno magneti permanenti, ma l'eccitazione è separata che richiede uno specifico circuito di controllo.

                          Salutoni
                          Furio57 biggrin.gif
                          L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                          LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                          Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                          Commenta


                          • #14
                            CITAZIONE (claudiomenegatti @ 22/1/2006, 10:36)
                            Ciao Tulipe, se continui le frequentazioni degli sfascia carrozze, potresti rinvenire cosette interessanti, per esempio, ci sono lavatrici abbastanza vechiotte che hanno la regolazione elettronica del motore.
                            Questo motore è a corrente continua con i magneti ... quindi ... può essere utilizzato come generatore ...

                            ciao a tutti, avrei un paio di domande:

                            sapete dove posso trovare un elenco di nomi e modelli di lavatrice a cui poter cannibalizzare il motore a magneti permanenti?

                            se trovassi uno di questi motori secondo voi sarebbe possibile collegare direttamente l´elica, oppure bisogna mettere una puleggia con cinghia per aumentare il numero di giri?

                            ciao
                            MaX

                            Commenta


                            • #15
                              mariomaggi dirà la sua:è lui l'esperto!

                              però il motore asincrono può funzionare da generatore.
                              bisogna che esso si autoecciti.
                              praticamente si deve scollegare il generatore dal carico
                              e fare in modo che il residuo magnetico del traferro rotorico carichi dei condensatori collegati allo statore.
                              questi condensatori iniziano ad erogare energia allo statore che produce campo magnetico.a questo punto il sistema si stabilizza
                              e si può collegare il carico.quest'ultimo deve essere adeguato altrimenti assorbirà tutta l'energia, anche quella per l'autoeccitazione.
                              saluti.

                              Commenta


                              • #16
                                Ciao,calma prima di dire che un motore asincrono non puo' generare !!!
                                Puo cenerare in due modi ,o lo si collega in rete e li si fornisce coppia motrice all'albero mediante turbina idroelettrica o motore ecc,ma previa autorizzazione dell'ente distributore e dispositivi di interfaccia e di controllo per proteggere la rete,chiamati DV601 e DV 604 (pannello semplificato)secondo la normativa Enel DK5940 per il parallelamento di alternatori sincrono con interfaccia DV601 o asincroni con DV604 fino a 20kw in BT e se concesso fino a 50KW.
                                O se per il funzionamento in isola basta autoeccitarlo mediante condensatori,ma sorge il problema che quando si alimentano carichi fortemente induttivi tipo altri motori ecc si rischia di diseccitarlo,ma si puo rimediare con cicuiti elettronici di controllo,io ho costruito una turbina idraulica che mi fornisce 230v monofase e 3.5kw mediante un motore asincrono trifase autoeccitato con condensatori, consiglio l'uso di motori trifase ad alta efficenza,lasciate perdere i motori monofase a spazzole,per uso eolico suggerisco di raddrizzare la tensione e utilizzarla in corrente continua a bassa tensione 24V
                                Ciao.
                                ps. fatevi un giro nel "ghetto" di questo forum dell'idroelettrico!!! e cercate Sandro..., lui é l'esperto in trasformare motori asincroni in alternatori.

                                Edited by buran001 - 16/4/2006, 00:44

                                Commenta


                                • #17
                                  beh da uno sfasciacarrozze io cercherei una dinamo, anni fa erano montate nelle 500 e nelle 126 per caricare la batteria, poi sono state sostituiti dagli alternatori, piu moderni e che cominciano a caricare da 800 giri/min ma hanno bisogno di una tensione iniziale di eccitazione per produrre elettricità, arrivati a regime si autosostentano e la tensione di eccitazione non serve più (vedi la spia rossa del generatore sul cruscotto dell'automobile, quando l'alternatore arriva a regime si spegne,la spia è direttamente collegata alla tensione di eccitazione) ; la dinamo comincia a caricare da 1000 giri/min circa ed non ha bisogno di eccitazione,d'altronde un motore funzionante in corrente continua se viene alimentato gira se invece gli viene trasmetto un moto all'albero motore genera tensione.......ricordi di esperimenti di gioventù

                                  Commenta


                                  • #18
                                    CITAZIONE (renzo3454 @ 18/6/2006, 01:05)
                                    beh da uno sfasciacarrozze io cercherei una dinamo, anni fa erano montate nelle 500 e nelle 126 per caricare la batteria, poi sono state sostituiti dagli alternatori, piu moderni e che cominciano a caricare da 800 giri/min ma hanno bisogno di una tensione iniziale di eccitazione per produrre elettricità, arrivati a regime si autosostentano e la tensione di eccitazione non serve più (vedi la spia rossa del generatore sul cruscotto dell'automobile, quando l'alternatore arriva a regime si spegne,la spia è direttamente collegata alla tensione di eccitazione) ; la dinamo comincia a caricare da 1000 giri/min circa ed non ha bisogno di eccitazione,d'altronde un motore funzionante in corrente continua se viene alimentato gira se invece gli viene trasmetto un moto all'albero motore genera tensione.......ricordi di esperimenti di gioventù

                                    Ciao Renzo3454 bentrovato! Non esserne così certo, i motori in CC come le dinamo possono avere l'eccitazione in serie o eccitazione separata, le dinamo in parallelo o anch'esse ad eccitazione separata. Quelle di cui parli tu sono dispositivi ad eccitazione con magneti permanenti.

                                    Salutoni
                                    Furio57 <img src=">
                                    L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                                    LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                                    Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                                    Commenta


                                    • #19
                                      generatore eolico da ventilatore?

                                      Salve ragazzi. Sono nuovo di questo forum e a diggiuno di elettronica, ma vorrei cimentarmi nella costruzione di un piccolo generatore eolico domestico.
                                      Ho visto in giro per internet che in definitiva si tratta di una dinamo con delle pale, una specie di ventilatore al contrario. Se è così, non si potrebbe usare un vero e proprio ventilatore, visto che le dinamo sono delle macchine elettriche reversibili? Forse produrrebbe pochissima energia, ma a me non ne serve molta.
                                      So che sembra ingenuo, ma sono molto incuriosito.
                                      Grazie

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Utilizzare un ventilatore? Si può, ma la resa non sarebbe ottimale comunque sul sito del progetto meg c'è un pdf per creare un piccolo gen utilizzando una ruota di bicicletta e una dinamo da bici. Per il ventilatore potresti prendere la ventola e collegarla a un motorino di una vecchia stampante, su youtobe uno spagnolo ci è riuscito ad accendere un led. Comunque se guardi tra le vecchie discussioni troverai maggiori informazioni da utenti che magari hanno già realizzato un congegno tipo quello che vuoi realizzare.
                                        Ciao Or.Ma.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Qui trovi una discussione analoga, ma ne esistono altre:

                                          Commenta


                                          • #22
                                            grazie, do un'occhiata....

                                            Commenta

                                            Attendi un attimo...
                                            X