annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Acqua Calda

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Acqua Calda

    Ciao ragazzi, sto per finire la turbina da 1 KW di Hugh Piggot ed venuto il moemtno di decidere cosa farci:

    1) Se la collego a un inverter o alle batterie posso usarla per fare andare qualche macchinario.

    2) Se con l'inverter la rivendo alla rete l'enel mi fa troppi casini e non vale la pena

    3) E se la collegassi a una serpentina per scaldare l'acqua oppure la casa stessa? A questo punto non potrei fare a meno dei raddrizzatori e della batteria? L'elica gira sempre e scalda l'acqua (che serve sempre) oppure tiene un p pi calda la casa.

    Cos a senso la n3 mi sembra la soluzione pi pratica: che ne dite voi?


  • #2
    A prescindere dalla quantità dovresti comunque trasformare la corrente in quanto resistenze a 12v sono difficili da trovare.

    Commenta


    • #3
      Quindi diciamo che l'inverter e le batterie devo metterle lo stesso?

      Commenta


      • #4
        Molto probabilmente.
        Il generatore non ti produce energia stabile ma oscilla da 0 a ....... diciamo 31v .

        Commenta


        • #5
          Cosa dici quindi, mi conviene caricare batterie?

          Commenta


          • #6
            CITAZIONE (blackbombay @ 21/3/2008, 11:54)
            A prescindere dalla quantità dovresti comunque trasformare la corrente in quanto resistenze a 12v sono difficili da trovare.

            Premesso che non esistono resistenze "a 12 V" ma resistenze di valore Ohmmico definito e di potenza di dissipazione (Watt) definita, si possono utilizzare delle banali lampade 12 V per auto messe in parallelo secondo le necessità.
            Sulle lampadine, nell'ampolla o nella fascia dei contatti metallici, ci sono scritte sia la tensione che la potenza a quella tensione.
            <img src=">

            Commenta


            • #7
              CITAZIONE (Wilmorel @ 21/3/2008, 12:53)
              CITAZIONE (blackbombay @ 21/3/2008, 11:54)
              A prescindere dalla quantità dovresti comunque trasformare la corrente in quanto resistenze a 12v sono difficili da trovare.

              si possono utilizzare delle banali lampade 12 V per auto messe in parallelo secondo le necessità.
              Sulle lampadine, nell'ampolla o nella fascia dei contatti metallici, ci sono scritte sia la tensione che la potenza a quella tensione.
              <img src=">

              si parlava di acqua calda.......................... :unsure:

              Commenta


              • #8
                Oddio, in realtà anche di aria. Pensavo a questo: casa in montagna isolata e abitata soprattutto nel weekend e d'estate. Molto terreno sgombro (e mio) intorno. Buon vento, anche se un p incostante. Metto la miniturbina e la attacco a qualche rudimentalissimo sistema di riscaldamento. Poi quando non ci sono e il riscaldamento spento la turbina tiene la casa appena appena calda.

                Non la trovo proprio ghiacciata quando vengo su in inverno.

                Mentre sono l, in ogni caso devo chiedere meno energia alla caldaia a gasolio.

                Secondo voi, con un 0.5-0.6 KW effettivi per qualche ora al giorno, stimando a occhio, si potrebbe fare andare una piccola stufa elettrica o qualcosa di ancora pi semplice senza usare batterie?

                Commenta


                • #9
                  Provate ad attaccare un carico resistivo al vs eolico, si fermera' o quasi.....e come metterlo in corto.

                  Commenta


                  • #10
                    Premetto che sono MOLTO ignorante!

                    ma...

                    CITAZIONE
                    Provate ad attaccare un carico resistivo al vs eolico, si fermera' o quasi.....

                    quale carico non lo ( a me ne vengono in mente tanti )? Se volessi fare andare delle lampadine?

                    A presto!
                    www.energeticambiente.it

                    www.energoclub.org

                    Commenta


                    • #11
                      CITAZIONE (SolarPrex @ 21/3/2008, 16:44)
                      Premetto che sono MOLTO ignorante!

                      ma...

                      CITAZIONE
                      Provate ad attaccare un carico resistivo al vs eolico, si fermera' o quasi.....

                      quale carico non lo ( a me ne vengono in mente tanti )? Se volessi fare andare delle lampadine?

                      A presto!

                      beh ti sei perso la classica batteria.
                      sai non sono un pivello, di generatori alla piggot ne ho costruiti, pertanto fai te.

                      Commenta


                      • #12
                        Anche io non l'ho capita...pensavo che al massimo fosse un carico eccessivo a fermarlo. Altrimenti a cosa serve?

                        Commenta


                        • #13
                          CITAZIONE (blackbombay @ 21/3/2008, 13:44)
                          CITAZIONE (Wilmorel @ 21/3/2008, 12:53)
                          si possono utilizzare delle banali lampade 12 V per auto messe in parallelo secondo le necessità.
                          Sulle lampadine, nell'ampolla o nella fascia dei contatti metallici, ci sono scritte sia la tensione che la potenza a quella tensione.
                          <img src=">

                          si parlava di acqua calda.......................... :unsure:

                          Chiedo scusa per lo svarione.
                          Ovviamente non si possono immergere in acqua delle lampadine...
                          <img src=">

                          In ogni caso, una comune resistenza da boyler o da lavatrice o lavastoviglie a 220 Volt, pu essere collegata alla corrente continua 12 Volt, ricordando che la potenza utile si riduce secondo la formula:
                          W12 = (12^2)*W220/220^2
                          esempio per una stufetta da 2kW:
                          W12 = 12*12*2000/220*220 = 5,95 W
                          Molto poco...
                          <img src=">



                          Edited by Wilmorel - 21/3/2008, 17:51

                          Commenta


                          • #14
                            Mi sa che alla fine ci devo mettere batteria e inverter! Cos a senso, secondo voi quanto si spende con 1KW massimo e pochissime pretese?

                            Grazie

                            Commenta


                            • #15
                              Ciao Domitianus,
                              mi sono trovato nella tua stessa condizione appena ho terminato il mio generatore,
                              in effetti il concetto da capire il seguente:
                              il generatore che stai costruendo produce potenza soltanto se le pale girano ad alta velocità, cio il carico elettrico deve presentarsi soltanto dopo che le pale hanno raggiunto una certa velocità.
                              Se colleghi una resistenza da 1 ohm (1000 watt a 33 volt circa) direttamente al generatore , gli impedirai di partire perch già con i primi 2 - 3 volt che genererà avrai un assorbimento di 2 - 3 ampere che manderanno le pale già lente in uno stallo profondo, indipendentemente dal vento che tira in quel momento.

                              Collegando invece una batteria al generatore, la turbina non "vedrà" alcun carico fino a che la sua tensione non avrà superato quella della batteria (ex. 24 volt), a quella tensione le pale "volano" veloci e da li in poi pu spingere in funzione del vento disponibile.

                              Nelle prime prove che ho fatto con il mio generatore avevo trovato un modo per "simulare" il comportamento resistivo di una batteria utilizzando dei diodi in serie.
                              Cio ogni diodo genera una caduta di tensione di 0.6 volt (tipo comune al silicio) se ne colleghi in serie 40 hai una caduta di tensione di 24 volt.

                              Per fare questo io ho usato dei comuni ponti raddrizzatori da 35 ampere che al loro interno hanno 4 diodi in serie e parallelo (ogni ponte dà una caduta di tensione di circa 1.2 volt)

                              In questo modo, senza usare batterie potevo far partire la turbina che fino a circa 16 volt andava a vuoto e poi , quando i diodi entravano in conduzione, la turbina alimentava una resistenza da 0,5 ohm ricavata da elementi di stufa elettrica da 220 volt tagliati e collegati in parallelo fino a raggiungere circa 0,5 ohm

                              Chiaramente la potenza dissipata nei diodi pari a V*I quindi un pacco di watt!, a me non importava perch ero interessato solo a fare misure eletttriche e non volevo usare quella energia, ma credo che nel tuo caso il calore disperso dai diodi e dalla resistenza possono esserti utili per scaldare la tua baita (aria).

                              Considera inoltre che esistono resistenze elettriche per scaldabagno funzionanti a bassa tensione, le vendono i negozi specializzati in accessori per roulottes e campeggio in genere, dovresti per trovare il modo di utilizzare anche il calore dei ponti raddrizzatori, non so per esempio bullonandoli direttamente su una superficie metallica a contatto con l'acqua del boiler.

                              Questa un idea...
                              il bello di ste cose provare per primo...
                              Facci sapere,
                              Emilio
                              Emilio D'Alessandro.

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              TOP100-SOLAR