autocostruzione windbelt Qualcun'altro l'ha costruito - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

autocostruzione windbelt Qualcun'altro l'ha costruito

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • autocostruzione windbelt Qualcun'altro l'ha costruito

    Ciao a tutti!
    Ho Costruito un micromicrogeneratore eolico tipo windbelt come ho trovato su sito :
    How to Make - Instructables search Instructables

    Ecco il mio:
    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Windbelt1mia.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 31.6 KB 
ID: 1977722
    e un particolare
    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Windbelt2mia.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 27.3 KB 
ID: 1977723


    Tra un po' lo metto nei miei video,

    Qualcun altro ha provato che confrontiamo soluzoni e risultati?
    Grazie Alessio
    Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
    http://it.youtube.com/user/alessiof76

  • #2
    mi ha incuriosito tanto questo sistema,inizierò a costruiro anche io per provare!
    peccato ci sinao pochi siti che spiegano l'idea
    grazie

    Commenta


    • #3
      Ho messo una prova su YouTube - Mio Generatore Eolico Windbelt
      Il carico è di 100 ohm e l'oscilloscopio è a 0.1V/div ho fatto andare il generatore con l'asciugacapelli Il risultato varia MOLTO con la tensione del nastro, nel mio caso un nastro di videocassetta.
      Collegando un duplicatore di tensione in uscita ci accendo un led con l'aria del climatizzatore a 2 ma è complicato da riprendere

      Caio a tutti
      Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
      http://it.youtube.com/user/alessiof76

      Commenta


      • #4
        Mai avrei pensato che questa cosa risaltasse fuori!
        Ricordo che a suo tempo, quando il forum era ancora sulla vecchia piattaforma, ci fu un interessante disquisizione: nuova soluzione mini eolico - Fai Da Te (Mini-micro eolico) trasferito su www.energeticambiente.it
        In pratica ne è venuto fuori che il sistema era ed è, scusate la franchezza, un'immane e colossale nonchè galattica porcata per tutti i motivi citati e descritti nella vecchia discussione e tutt'ora validi.
        Leggete e meditate...
        Secondo alcuni autorevoli testi di tecnica aeronautica, il calabrone non può volare, a causa della forma e del peso del proprio corpo in rapporto alla superficie alare. Ma il calabrone non lo sa e perciò continua a volare. Igor Sikorsky

        Commenta


        • #5
          Mi sono riletto l'articolo...
          Io preferisco provare testare e poi decidere visto che non mi è costato nulla stò cercando qualcuno con cui confrontare i risultati.
          Per me sperimentare è un hobby, chi va a pescare non lo fa necessariamente per mangiare i pesci che pesca, c'è chi va a funghi anche se al supermercato li troverebbe con meno fatica, a me piace sperimentare.

          Con la corrente d'aria in casa il windbelt già vibra,se poi lo metto in terrazza che mi faccia corrente per il campanello piuttosto che la stazione barometrica per me è già un risultato.

          Il rumore non è tanto, fa Frrrr come fanno le foglie del mio glicine quando c'è vento. Comunque abito in prossimità di un incroci e problemi di rumorosità diurna e notturna sono ben altri!

          Cosa ho provato:

          nastro rigido (cellophan da fiori tagliato) e teso
          vibra subito ma l'oscillazione è ridotta e produce poco niente

          nastro rigido meno teso
          si muove con più fatica ma con maggiore oscillazione produce (a colpi)

          nastro da videocassette (è un po' elastico)
          oscilla e "svergola", i risultati cambiano molto con la tensione dello stesso

          Da Provare:
          nastro più lungo o più corto, non credo che un nastro da 2m mi dia risultati doppi di uno da 1m ma devo provare e trovare il rapporto ideale

          tipo di tensionamento a contrappeso o elastico/molla

          altri tipi di nastro

          Visto che questo windbelt si costruisce con materiali di recupero qualcun altro ci vuole provare o si fanno solo ipotesi?
          E poi un generatore eolico tradizionale non me lo posso installare sul terrazzo altrimenti....

          Ciao a tutti!
          Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
          http://it.youtube.com/user/alessiof76

          Commenta


          • #6
            Dimenticavo:

            LA sonda dell'oscilloscopio nel video è 10:1. Proverò a vedere in auto quanti Volt mi da a 10 Km ora magari con un carico meglio adattato dei 100 ohm
            Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
            http://it.youtube.com/user/alessiof76

            Commenta


            • #7
              ciao
              nella discussione sulla vecchia piattaforma se ne era parlato a livello teorico, ma da quel che mi ricordo nessuno si era cimentato nella costruzione, già solo per questo apprezzo molto la tua realizzazione, che , devo dire, mi sembra ben fatta (anche se dalle foto non si capisce molto..
              purtroppo non posso dare informazioni o esserti d'aiuto con esperienze analoghe (io ho appena ultimato un generatore "classico" savonius), comunque seguirò volentieri lo svolgimento degli esperimenti.. buon lavoro!!
              un saluto
              Tommaso


              *** Firma irregolare parzialmente rimossa d'ufficio. ***

              Commenta


              • #8
                Ecco 2 foto del "trasduttore" ex testina di hard disk, spero si veda meglio:
                [ATTACH]Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   16112008043.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 317.0 KB 
ID: 1913682[/ATTACH]

                Il nastro (ex cassetta VHS) è fissato con nastro isolante, avevo provato a fissarlo con dadino vitina e 2 rondelline ma appesantivano troppo la struttura,
                dato che la tensione è proporzionale all'oscillazione della testina e all'accelerazione/velocità della stessa , i risultati erano peggiori (al meno per come l'ho realizzato io)

                Sviluppi:

                Tendendo il nastro si arriva a farlo "risuonare" la frequenza in uscita aumenta e quindi è possibile avere più corrente (o mi sbaglio?); ma le oscillazioni della testina sono ridotte e quindi la tensione in uscita è piuttosto bassa.

                Il mio windbelt non è omnidirezionale, se l'aria arriva di fianco il nastro si flette ma non si muove, forse le due pareti laterali della versione originale migliorano le cose... da provare

                Sempre nel mio caso l'oscillazione del nastro e della testina è ad una frequenza piuttosto bassa, se non è in modo di risonanza è a frequenze sub audio e non fa praticamente rumore se non le spurie

                IDEA:
                se lo stesso sistema invece che utilizzare un nastro provassi a farlo andare con qualcosa di simile ad una bandiera?

                Alla prossima Ciao Alessio
                File allegati
                Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                http://it.youtube.com/user/alessiof76

                Commenta


                • #9
                  Visto che energia ne produce pochina ho pensato di utilizzarlo come altoparlante a nastro : YouTube - Windbelt come altoparlante a nastro :^) / Windbelt as ribbon loudspeaker :^)

                  Provateci con una turbina !
                  Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                  http://it.youtube.com/user/alessiof76

                  Commenta


                  • #10
                    Ma quello che si sente suonare nel video è lui, il windbelt? E' tutto suo quel volume?
                    Secondo alcuni autorevoli testi di tecnica aeronautica, il calabrone non può volare, a causa della forma e del peso del proprio corpo in rapporto alla superficie alare. Ma il calabrone non lo sa e perciò continua a volare. Igor Sikorsky

                    Commenta


                    • #11
                      E' il windbelt he suona, Il volume l'ho un po' aumentato in fase di editing, il video è fatto col cellulare e il microfono è dal lato opposto della fotocamera, comunque fa un confronto con la voce di mia figlia ,mettendo a manetta il compattino philips si sente quanto un paio di cuffie.. con 20 ohm di impedenza ci vorrebbe molta più tensione per aumentare il volume... l'ho fatto un po per scherzo..
                      Ultima modifica di AlessioF76; 06-01-2009, 17:40.
                      Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                      http://it.youtube.com/user/alessiof76

                      Commenta


                      • #12
                        Ne ho fatto uno di più piccino:
                        Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   windbelt2b.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 470.3 KB 
ID: 1915079

                        YouTube - Windbelt secondo prototipo funziona con un soffio

                        funziona anche con un ventilatore tascabile, purtroppo la tensione in uscita è bassa 0.2-1V AV volevo aumentarla ma se uso un duplicatore a diodi butto via metà potenza sui diodi stessi..

                        Qualche Consiglio?
                        Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                        http://it.youtube.com/user/alessiof76

                        Commenta


                        • #13
                          Complimenti per l'impegno!
                          Sperimentare con una ottima strumentazione come stai facendo tu, confrontando diverse soluzioni e registrando i dati è sempre un fatto positivo e direi scientifico.
                          Poi si possono anche imboccare vicoli ciechi...Anch'io appartengo alla categoria degli scettici rispetto a questo dispositivo, ma la tua sperimentazione merita un plauso.

                          Per migliorare le prestazioni, alcuni banali suggerimenti:
                          -Colloca il nastro in una sorta di imbuto trapezio che incrementi la velocità della corrente d'aria.
                          -Utilizza più di un dispositivo (immagina alette di tende alla veneziana), collegati elettricamente in serie con diodi al germanio (OA, OC) ,che hanno una minore caduta di tensione (circa 0,2 - 0,35 volt).
                          -Prova nastri di diversa larghezza.

                          Commenta


                          • #14
                            prova a farlo + teso dovrebbe rendere 1 pelo di + (non troppo) e il filo + lungo (beh poi dipende dalla sorgente ke usi il ventilatore o 1 spiffero...poi per i collegamenti con i diodi al germanio non in serie ma in parallelo quindi 1 filo di 1generatore lo colleghi con 1 filo dell'altro generatore e quello fa da polo - poi gli altri 2 fili che ti rimangono ci metti 1 diodo ad ognuno e le 2 uscite dei 2diodi le unisci insieme e quello è il tuo+ è il modo+ efficiente, nella serie hai minimi di 0volt + fequenti dato ke se non sei nella semionda positiva con tutti e 2 sei in perdita

                            ah ultima cosa 1 condensatore tra il + e - buone sperimentazioni facci sapere...

                            Commenta


                            • #15
                              Un duplicatore di tensione con diodi al germanio? ho capito male?
                              casomai posta uno schema

                              Ho provato anche la configurazione a magnete mobile, ho trovato una bobina adatta e ho pazientemente lavorato dei magneti al neodimio (a 80 gradi si smagnetizzano e le polveri sono nocive, poi si attaccano a qualsiasi cosa ferromagnetica nel raggio di 3 cm) alla prima prova hanno dato risultati positivi (1V) ; se li metto più grandi (+campo magnetico=+energia) il windbelt non vibra a sufficienza, se li metto piccoli i risultati sono analoghi al mio sistema. Mi servono al meno 40 cm di nastro, più lo accorcio più esponenzialmente aumenta la difficoltà ad ottenere energia, il "segreto" deve essere l'elasticità e la tensione del nastro. più si allunga il nastro meno è rilevante la sua elasticità e la sua tensione, per farlo vibrare più facilmente è consigliabile aumentare la tensione dello stesso su un lato in modo che "svergoli".

                              Ho visto altri video che accendono senza circuiti moltiplicatori led ma non è proprpio banale forse hanno usato testine di HD più performante, ne ho smontate 4 ma sono elettricamente identiche
                              Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                              http://it.youtube.com/user/alessiof76

                              Commenta


                              • #16
                                ciao, ecco il circuitino che ti dicevo, poi ti ho messo anche i duplicatori + efficenti che mi vengono in mente, ovviamente usa solo diodi al germanio e condensatori grandi per avere poco ripple, secondo me con la doppia bobina semplicemente semi-raddrizzata 1 led rosso ce lo accendi ma se non fosse sufficiente prova i duplicatori

                                ciao, buone sperimentazioni ancora....
                                File allegati

                                Commenta


                                • #17
                                  Ecco la mia "nuova testina" Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   bella.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 418.4 KB 
ID: 1915167

                                  Per alzare la tensione il sistema che ho trovato più efficace è questo:
                                  Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   moltiplicatore di tensione.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 26.3 KB 
ID: 1915166

                                  Un semplice duplicatore accende il led solo con una grossa escursione della testina, un moltiplicatore 4X è sufficiente, 5X mi perde troppa energia, stò provando con un 3X , molto importnte è la tensione del nastro affinchè "svergoli"correttamente , a breve pubblicherò un video con le misure
                                  Ciao a tutti e un particolare ringraziamento ai "sostenitori"
                                  Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                                  http://it.youtube.com/user/alessiof76

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Ho filmato i primi risultati con un nastro così corto , purtroppo per aumentare la tensione in uscita perdo in efficienza ma da quì si può solo migliorare, se notate il windbelt non fa un gran rumore

                                    il video:YouTube - windbelt3 prime prove
                                    Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                                    http://it.youtube.com/user/alessiof76

                                    Commenta


                                    • #19
                                      ciao alessio
                                      i tuoi dispositivi mi piacciono, sono sicuramente piu originali dei classici generatori
                                      comunque per aumentare la tensione in uscita, se hai a disposizione corrente alternata monofase, potresto usare un trasformatorino, tipo quelli che si trovano all'interno delle prese per le lampade alogene (220V--->12V) chiaramente da utilizzare al contrario (12--->220) però così avresti una moltiplica di quasi 20 volte.
                                      sennò un altro sistema che mi viene in mente, dopo aver raddrizzato la corrente con un ponte di diodi, è l'utilizzo di un semplice circuitino con un amplificatore operazionale , ad esempio un LM317 (in realtà si utilizzano per l'elaborazione di impulsi, ma se le potenze in gioco sono di scarsa entità....)
                                      un saluto
                                      Tommaso


                                      *** Firma irregolare parzialmente rimossa d'ufficio. ***

                                      Commenta


                                      • #20
                                        avevo provato con i trasformatori uno da
                                        5W 4-8-12-220V (tipo per campanelli)
                                        un torioidale 30W 15+15-220V
                                        uno da 50W a lamierini 18+18-220V
                                        un trasformatorino da 1cm^3 per "accoppiare transistor"
                                        collegando la testina al trasformatore la tensione della testina cade i brutto. Nel migliore dei casi, con collegando la testina ai 18+18V in uscita avevo una volta e mezza la tesione della testina a vuoto
                                        MIA SPIEGAZIONE:
                                        La frequenza del windbelt a testina da 40cm è attorno ai 20Hz la resistenza della testina è di 20 ohm; i trasformatori sono dimensionati per 50HZ, per trasferire senza troppe perdite e avere una impedenza di ingresso ragionevolmente alta ci vorrebbe un nucleo magnetico molto grosso come per i trasformatori audio. In soldoni ci vorrebbe un trasformatore ad hoc.

                                        In compenso ho smontato il rocchetto del trasformatore da campanello, all'interno ci ho fatto passare il nastro con 2 magneti (ex hard disk) et voilà, windbelt versione originale, la tensione in uscita è simile al sistema con testina ma la frequenza è più alta e dipende dal peso dei magneti e dalla lunghezza/tensione del nastro...

                                        A breve i risultati
                                        Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                                        http://it.youtube.com/user/alessiof76

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Originariamente inviato da tommy_sp Visualizza il messaggio
                                          ciao alessio
                                          i tuoi dispositivi mi piacciono, sono sicuramente piu originali dei classici generatori
                                          comunque per aumentare la tensione in uscita, se hai a disposizione corrente alternata monofase, potresto usare un trasformatorino, tipo quelli che si trovano all'interno delle prese per le lampade alogene (220V--->12V) chiaramente da utilizzare al contrario (12--->220) però così avresti una moltiplica di quasi 20 volte.
                                          sennò un altro sistema che mi viene in mente, dopo aver raddrizzato la corrente con un ponte di diodi, è l'utilizzo di un semplice circuitino con un amplificatore operazionale , ad esempio un LM317 (in realtà si utilizzano per l'elaborazione di impulsi, ma se le potenze in gioco sono di scarsa entità....)
                                          I trasformatori sono ottimizzati per lavorare ad una frequenza di 50 Hz, credo che difficilmente si riesca ad ottenere un 50 Hz in uscita da questo generatore, facendoli lavorare ad esempio a 10 Hz sono quasi un corto citrcuito secco, le considerazioni di AlessioF76 sono perfette.
                                          L' LM317 NON E' UN OPERAZIONALE, bensì un regolatore lineare di tensione (poi non ho capito il discorso dell'elaborazione degli impulsi ma poco c'entra comunque...)
                                          Secondo alcuni autorevoli testi di tecnica aeronautica, il calabrone non può volare, a causa della forma e del peso del proprio corpo in rapporto alla superficie alare. Ma il calabrone non lo sa e perciò continua a volare. Igor Sikorsky

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ne ho fatto uno di prova a magnete mobile, usando come "bobina" il rocchetto di un trasformatorino da campanelli, la tensione di uscita mi accende un LED senza problemi! ha funzionato al primo colpo (con l'esperienza che ho fatto nei 3 precedenti vorrei vedere!)
                                            Ecco il video:
                                            YouTube - winddbelt 4 magnete mobile
                                            Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                                            http://it.youtube.com/user/alessiof76

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Ho pubblicato un nuovo video con il confronto e foto tra windbelt Bobina mobile e windbelt magnete mobile: YouTube - IL mio generatore eolico windbelt com'è fatto e come funziona

                                              Ciao a tutti!
                                              Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                                              http://it.youtube.com/user/alessiof76

                                              Commenta


                                              • #24
                                                ciao alessio,
                                                il secondo windbelt (a magnete mobile) mi sembra potenzialmente migliore MA temo tu abbia fatto un grave errore di fondo: il flusso magnetico deve concatenare la bobina assialmente, non radialmente come hai fatto tu... in parole povere il flusso magnetico variabile deve insistere sulla faccia superiore della bobina, e non sul lato.
                                                sono convinto che se tu ruotassi la bobina di 90 gradi otterresti risultati molto ma MOLTO migliori, considerando che attualmente ottieni già risultati discreti nonostante la direzione errata.
                                                comunque a vedere i progressi del tuo lavoro mi sta venendo voglia pure a me di costruirmi un piccolo windbelt
                                                un saluto
                                                Tommaso


                                                *** Firma irregolare parzialmente rimossa d'ufficio. ***

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  wind belt

                                                  ciao e complimenti
                                                  e se ne metti una per ogni estremita?
                                                  comunque una ottima idea
                                                  bravo

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    citazione:
                                                    >sono convinto che se tu ruotassi la bobina di 90 gradi otterresti risultati molto ma >MOLTO migliori, considerando che attualmente ottieni già risultati discreti nonostante la >direzione errata.
                                                    Pensavo anch'io
                                                    ho provato ma ho ottenuto risultati inferiori, per quello ho proceduto col bobina mobile, e solo quando ho fatto la prova con la bobina in questo modo ho ripreso in mano il magnete mobile, probabilmente il flusso è più "concatenato" (?) i magneti sono magnetizzati fuori standard (?) tra poco c'è una fiera e vedo di procurarmi rame a "basso costo" per i miei esperimenti.

                                                    >e se ne metti una per ogni estremita?
                                                    Non ho provato.. proverò!
                                                    Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                                                    http://it.youtube.com/user/alessiof76

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      l'unica motivazione che mi viene in mente è che i magneti che usi siano magnetizzati radialmente anzichè assialmente... ma anche in questo caso ho delle perplessità: il movimento del magnete relativamente alla bobina sarebbe comunque errato: se il magnete fosse effettivamente magnetizzato così dovrebbe traslare all'interno della bobina, da una faccia all'altra, e non da un lato all'altro....
                                                      tienici aggiornati comunque su come procedono le prove
                                                      un saluto
                                                      Tommaso


                                                      *** Firma irregolare parzialmente rimossa d'ufficio. ***

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Il magete originariamente era a "mezzaluna" proveniente da una testin di hard disk, l'ho tranciato in 2 parti che restano magneticamente attaccate tra loro con il nastro in mezzo..
                                                        Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
                                                        http://it.youtube.com/user/alessiof76

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          per quanto riguarda la disposizione magneti-bobine non so che dire, però se così ottieni risultati mogliori allora tienila così!!

                                                          per quanto riguarda la disposizione dei magneti bobine lungo il nastro... stavo pensando, ma perche non mettere due magneti mobili non alle estremità ma a (rispettivamente) 1 terzo e 2 terzi del nastro? secondo me così avresti oscillazioni più ampie, e di conseguenza uno spostamento lineare del magnete (=>variazione del flusso magnetico) maggiore
                                                          un saluto
                                                          Tommaso


                                                          *** Firma irregolare parzialmente rimossa d'ufficio. ***

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Sperimentare e' sempre interessante, anche solo per comprendere. E poi da un'idea ne nasce un'altra.
                                                            Quindi complimenti.

                                                            Nel caso specifico non trascurare che l'energia che puoi ottenere e' quella contenuta nell'aria. Quindi dipende dalla velocita' del vento, ma soprattutto dalla superficie che l'oggetto espone all'aria.
                                                            Inoltre l'oggetto generatore deve essere in grado di rallentare l'aria, per estrarne l'energia cinetica.
                                                            Tenete conto che se non mi sbaglio con un vento di 10 km/h si ottiene circa 10W ogni metro quadro al massimo teorico.

                                                            Partendo da questo direi che un dispositivo come questo ha poche speranze di divenire effettivamente un generatore di potenza utile.

                                                            Ma come dicevo da un'idea ne viene un'altra. Ti butto li quindi alcune cose che mi vengono in mente, magari sono di stimolo per sperimentare ancora!

                                                            Che succederebbe se una parete di un palazzo fosse riempita di nastri paralleli? O se facessi un nastro molto lungo attaccato ad un pallone areostatico ?

                                                            Un altro punto e' la massimizzazione del trasferimento di energia. La resistenza di carico dovrebbe essere pari a quella interna del generatore. Se con 100 ohm ottieni 2 mA e con 50 ohm ne ottieni 3 applici la formula R = (R2I2-R1I2)/(I2-I1) ed ottieni 50 ohm.

                                                            Invece sul trasduttore che dovrebbe trasformare la vibrazione del nastro in energia elettrica non so aiutarti. Ma vedrei meglio un campo magnetico distribuito sfruttando il supporto ed una spira che segue il contorno del nastro.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X