adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Antifurto per pannelli fotovoltaici

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Antifurto per pannelli fotovoltaici

    Ciao,<br>un ottimo sistema antifurto studiato e brevettato dall&#39;ENEA che render&agrave; inutile il pannello se tolto dalla sua posizione di installazione originale:<br><a href="http://www.lavoripubblici.it/2007/dettaglio_notizia.php?agap=czo4OiJNekEyTUE9PSI7" target="_blank">http://www.lavoripubblici.it/2007/dettagli...iJNekEyTUE9PSI7</a><br><br>Ciao,<br>Roy
    Essere realisti e fare l'impossibile

  • #2
    proprio &quot;semplice e a basso costo&quot; non mi sembra, però è funzionale.<br>
    ciao
    Giorgio
    Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

    Commenta


    • #3
      Scusa ma come può un sistema a gps costare poco?

      Commenta


      • #4
        magari rispetto a un pannello che costa 800€&#33;<br>Cmq enea è un bell&#39;istituto, sanno il fatto loro.<br>
        ciao
        Giorgio
        Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

        Commenta


        • #5
          tutto ok il problema è cosa capita in caso di violenti campi elettrostatici dovuti a caduta di fulmini nelle vicinanze, c&#39;è anche la possibilit&agrave; che i circuiti interni GPS e cpu mosfet ecc vadano in tilt con due conseguenze A Il sistema mette in corto le uscite e si inchioda in questa condizione mettendo fuori uso l&#39;impianto ( e non è detto che poi si ripristini in automantico ) B il sistema si guasta completamente mette in corto circuti il pannello e si inchioda in questo stato C si guasta tutto il sitema e il corto circuito dell&#39;uscita non funziona più rendendo inefficente il gps e quindi il sistema antifurto

          Commenta


          • #6
            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (eroyka @ 11/3/2008, 10:58)</div><div id="quote" align="left">Ciao,<br>un ottimo sistema antifurto studiato e brevettato dall&#39;ENEA che render&agrave; inutile il pannello se tolto dalla sua posizione di installazione originale:<br><a href="http://www.lavoripubblici.it/2007/dettaglio_notizia.php?agap=czo4OiJNekEyTUE9PSI7" target="_blank">http://www.lavoripubblici.it/2007/dettagli...iJNekEyTUE9PSI7</a><br><br>Ciao,<br>Roy</div></div><br>ottimo. stavo appunto cercando qualcosa riguardo la prevenzione contro furti dei pannelli.<br><br>anche io penso che incider&agrave; parecchio sul costo del pannello.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (emgus @ 8/4/2008, 14:26)</div><div id="quote" align="left">tutto ok il problema è cosa capita in caso di violenti campi elettrostatici dovuti a caduta di fulmini nelle vicinanze, c&#39;è anche la possibilit&agrave; che i circuiti interni GPS e cpu mosfet ecc vadano in tilt con due conseguenze A Il sistema mette in corto le uscite e si inchioda in questa condizione mettendo fuori uso l&#39;impianto ( e non è detto che poi si ripristini in automantico ) B il sistema si guasta completamente mette in corto circuti il pannello e si inchioda in questo stato C si guasta tutto il sitema e il corto circuito dell&#39;uscita non funziona più rendendo inefficente il gps e quindi il sistema antifurto</div></div><br>cacchio, tutte ste cose possono succedere?

            Commenta


            • #7
              Salve a tutti, sapete il costo di questo sistema e dove lo vendono?<br>Grazie

              Commenta


              • #8
                potrebbe non essere ancora disponibile e nel caso sia gia sul mercato penso che sia a dispozione dei produttori. Poi da loro arriveranno i moduli con &quot;incastonato&quot; il dispositivo antifurto. nell&#39;articolo si legge:<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">il dispositivo messo a punto dall&#39;ENEA, semplice e a basso costo, <b>rappresenta una importante opportunit&agrave; per i produttori di moduli fotovoltaici, ed in particolare concorre a rendere competitiva ed innovativa la tecnologia dell&#39;industria nazionale rispetto al mercato estero</b>.</div></div><br>si legge anche che è :<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">una scheda laminata <b>che è parte integrante del pannello fotovoltaico</b>, impossibile da rimuovere se non distruggendo il modulo stesso</div></div><br>quindi non si compra l&#39;antifurto, ma il pannello con integrato l&#39;antifurto.<br><br>almeno cosi ho capito io
                Il mio sito:www.unmondodifferente.com Campagne, iniziative, notizie, comportamenti per avere un mondo piu pulito, risparmiare soldi ed evitare sprechi di energia.

                Commenta


                • #9
                  Il problema è che i moduli sono lo stesso potenzialmente a rischio furto: sono convinto che la maggior parte dei ladri di moduli non sappiano distinguere la differenza tra un modulo e l'altro...
                  Pensate che ho saputo di furti effettuati al sud che, per smontare i moduli hanno usato degli attrezzi tipo "piede di porco" anzichè svitare le viti.
                  Qualche giorno fa mi è successo che dei ladri hanno tentato di rubare dei moduli fotovoltaci su un impianto che ho realizzato un anno fa da 20 kWp (125 moduli), installati sopra un tetto piano di un edificio in costruzione.
                  Il caso ha voluto che le operazioni di smontaggio e di discesa dal tetto si siano probabilmente protratte più del dovuto, fatto sta che la mattina gli operai che sono andati al lavoro in cantiere hanno trovato tutti i moduli accatastati in ordine, al piano terra, pronti per essere caricati su un camion.
                  Pensate che invece di scollegare i cavi dai multiconact li hanno tagliati proprio ad 1-2 cm dalla scatola di giunzone!!! (che tra l'altro è del tipo non accessibile!) Gente come questa cosa cosa volete che ne sappia se un modulo ha un dspositivo antifurto... se ne accorgerà al massimo quando lo venderà al ricettatore... ma a quel punto non lo restituirà certamente al legittimo proprietario....perciò ben magra consolazione....

                  Commenta


                  • #10
                    il sistema enea non è destinato all'utente finale, ma è proposto ai costruttori, infatti deve essere inserito nella fase di assemblaggio del modulo o di costruzione delle celle

                    Commenta


                    • #11
                      Sii che bello cosi vedo sul pc che il mio modulo é finito in Africa!!! Una volta smontato e caricato in un furgone il GPS non piglia piu,e non viene piu alimentato,una volta ripiazzato e messo al sole inizzia a ritrasmettere in GSM le coordinate del GPS !

                      Tirando tirando un sitema GPS/GSM puo' venire a costare circa 150€ a livello commerciale,a livello di costo di realizzo anche meno,la modifica per interromere l'alimentazione é un arma a doppio taglio,io non lo farei...

                      Scusate vado ot...
                      Ad oggi é molto facile interfacciare un economico GPS a un GSM per l'invio delle cordinate rilevate,con un PC e linea telefonica o GSM si puo seguire da remoto e vedere su mappa la posizione precisa con scarto di pochi metri !

                      Anni addietro tali sitemi erano sitemi costosissimi per automobili o barche di lusso,addirittura alcuni sitemi usavano il satellitare bidirezionale (la rete gsm era agli inizzi e l'analogico ETACS...) !

                      Bè anni fà un pazzo stufo dei furti nella casa al mare ha portato la sua lavatrice dall'elettrauto e gli ha fatto installare un sitema GPS gestito da una socetà straniera a costi esagerati,per non parlare dell'abbonamento al servizzio,ha registrato la sua lavatrice come una fiat panda e la ripiazzata in casa,c'era anche la foto dove si vedevano scatole di derivazione con dentro batterie e altre con varie scede e cavi,passa un po di mesi e gli arriva una telefonata in casa,era la socetà che lo avvisava del strano spostamento della sua auto,apparive e spariva in diversi punti sul suo territorio,sta di fatto che i caramba hanno pizzicato in pieno dopo 10 giorni i ladri e il nuovo "proprietario" proprio durante il trasloco dal furgone alla casa ! (se non erro aveva investito piu di 10 milioni di vecchie lire !) ma sai che soddisfazione!
                      Ad oggi si fa con 150-200 euro e privatamente senza intermediari o costi di servizzio,tranne la sim GSM ricaricabile! (é in voga già in molte moto,scooter)

                      Commenta


                      • #12
                        Ciao Buran
                        forse sono io che ho letto male, ma il brevetto Enea (il dispositivo non esiste e probabilmente non esisterà mai) non parla di GSM.
                        Perchè scrivi che interrompere l'alimentazione è un arma a doppio taglio ??
                        Ciao, Hike

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Hike Visualizza il messaggio
                          Ciao Buran
                          forse sono io che ho letto male, ma il brevetto Enea (il dispositivo non esiste e probabilmente non esisterà mai) non parla di GSM.
                          Perchè scrivi che interrompere l'alimentazione è un arma a doppio taglio ??
                          Grazie !
                          Ciao, Hike
                          PS: ah, un'altra cosa. Quali sono i sistemi antifurto comunemente usati per difendere un campo fotovoltaico e, se possibile, quali sono i costi relativi ??

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da Hike Visualizza il messaggio
                            PS: ah, un'altra cosa. Quali sono i sistemi antifurto comunemente usati per difendere un campo fotovoltaico e, se possibile, quali sono i costi relativi ??
                            un bell'anello di continuità bilanciato, semplice, a costo bassissimo e che non genera dei falsi allarmi.

                            Commenta


                            • #15
                              Ciao MicroWatt,
                              cosa intendi per "anello di continità bilanciato" un loop di conduzione a cavo ??
                              Passante per dove ??
                              grazie !

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da Hike Visualizza il messaggio
                                Ciao MicroWatt,
                                cosa intendi per "anello di continità bilanciato" un loop di conduzione a cavo ??
                                Passante per dove ??
                                grazie !
                                Esattamente, passante per tutte le cornici dei moduli. Se lo tagliano te ne accorgi perché l'anello è interrotto, se lo "cortocircuitano" te ne accorgi perché l'anello è bilanciato e la resistenza vista ai capi del conduttore è inferiore a quella che hai previsto. E ha la bellissima caratteristica che è immune ai falsi allarmi, cioè scatta solo se qualcuno ha avuto la bella idea di appropriarsi indebitamente dei pannelli.

                                Commenta


                                • #17
                                  grazie, chiarissimo.
                                  Ma cosa intendi per 'bilanciato' ??
                                  Esiste qualcosa di simile in commercio ?
                                  E se con delle tronchesi da metallo si tagliasse la cornice il bastante per liberare il cavo ??

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Con bilanciato intendo semplicemente che lo realizzi con diverse resistenze distribuite sull'anello (si forse il termine è inappropriato). Non credo esista niente in commercio ma non è complicato realizzarlo.
                                    Sicuramente il malintenzionato puo' rompere la cornice...ma deve sapere che tipo di antifurto è installato, ci deve perdere tempo, rovina il pannello..

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Si, non è complicato realizzare un cavo del genere. Anche se basterebero un paio di coccodrilli per neutralizzarlo e senza rovinare il pannello.
                                      E' comunque interessante.

                                      Commenta

                                      Attendi un attimo...
                                      X
                                      TOP100-SOLAR