adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Potenza installata superiore ai consumi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Potenza installata superiore ai consumi

    Buongiorno,<br>da tempo sto seguendo il forum ma non sono riuscito ancora a trovare una risposta a questo dubbio:<br><br>ho il classico contratto Enel da 3 kW e ho la possibilit&agrave; di installare un impianto da 4 kWp: la produzione dell&#39;impianto sarebbe superiore in immissione - considerando le varie perdite dei pannelli e dell&#39;inverter - alla potenza del contratto. Dalla delibera 89/07 so che &quot;il cliente può mantenere invariata la potenza relativa al proprio contratto in prelievo anche se installa un impianto di produzione di potenza maggiore&quot;. Non mi è chiarò però se devo comunque pagare la differenza fra la potenza (nominale) prodotta e quella da contratto e se sì quanto.<br><br>Grazie a tutti<br><br>P.S.: se dovesse esistere una discussione simile, potreste indicarmi il link?

  • #2
    Non sono sicuro di aver capito bene la domanda ma provo a darti una risp.<br>Mantieni il contratto con enel ma se la corrente che produci basta a coprire i tuoi consumi le bollette ti arriveranno con un addebito di 10KW.....circa 2 euri e quindi si possono considerare del tipo.....nn c&#39;è nulla da pagare&#33;<br>Sovradimensionare l&#39;impianto serve solo a perdere tutta la convenienza (anche economica) del farsi l&#39;impianto fotovoltaico.....mi spiego: se ti fai finanziare l&#39;impianto interamente dalla banca e lo sovradimensioni finisce che anziché rientrare dell&#39;investimento in 9-15 anni (dipende da dove lo fai.....nord, centro, sud italia, esposizione etc) ci impieghi degli anni in più......il che vuol dire che conviene solo alla banca.<br>Inoltre, non è facile trovare una banca che ti fa un mutuo per tempi superiori a 15 anni con un interesse decente.<br>spero di esserti stato utile.<br><br>Ovviamente trattasi di 10 KWh.........

    Commenta


    • #3
      Grazie per la risposta, ma la mia domanda era un&#39;altra (non sono riuscito a spiegarmi). Provo a riformulare:<br>se ho un impianto che in immissione supera i kWh del contratto Enel (o di qualsiasi altro distributore) devo pagare qualcosa e se sì quanto? In particolare se riuscissi a produrre 4 kWh e il contratto è da 3 kWh quanto mi costa?<br><br>Grazie a tutti

      Commenta


      • #4
        Non devi fare conti di questo tipo perchè il problema nn sussiste.......puoi benissimo farti un impianto da 4KWp avendo un contratto da 3KW......nn devi pagare nulla in più.....semplicemente avresti a disposizione (quando l&#39;impianto è in funzione....leggasi ore diurne di produzione) 3+4KW di potenza elettrica a disposizione..................puoi accendere quello che vuoi e il limitatore di potenza nn interverr&agrave; mai&#33;&#33;&#33;<br>Devi poi valutare l&#39;opportunit&agrave; di fare un impianto sovradimensionato......

        Commenta


        • #5
          Provo io per quanto ne so.<br><br>Innanzitutto distinguiamo la potenza (kW) dall&#39;energia (kWh).<br><br>Il problema dell&#39;energia prodotta (kWh) è il più semplice: se in un anno con l&#39;impianto da 4kW produci meno energia di quanta ne consumi allora tutto OK (la soluzione è certamente lo &quot;scambio sul posto&quot. Se ne produci di più allora devi valutare se ti conviene fare lo &quot;scambio sul posto&quot; e buttare l&#39;energia in eccesso oppure scegliere la cessione in rete e farti riconoscere anche l&#39;energia in eccesso (però ad un valore molto basso).<br><br>Il problema della potenza installata è completamente diverso. L&#39;Enel, nel momento in cui deve allacciare un impianto da 4kW, ti installa un contatore da 4,5kW che è diverso da quello che hai oggi installato (3kW). Credo che il contratto possa rimanere da 3kW per cui non pagheresti nulla in più come canone (se è questo che ti preoccupa). Sottolineo il CREDO<br>

          Commenta


          • #6
            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Zamora64e @ 13/3/2008, 18:32)</div><div id="quote" align="left">Provo io per quanto ne so.<br><br>Innanzitutto distinguiamo la potenza (kW) dall&#39;energia (kWh).<br><br>Il problema dell&#39;energia prodotta (kWh) è il più semplice: se in un anno con l&#39;impianto da 4kW produci meno energia di quanta ne consumi allora tutto OK (la soluzione è certamente lo &quot;scambio sul posto&quot. Se ne produci di più allora devi valutare se ti conviene fare lo &quot;scambio sul posto&quot; e buttare l&#39;energia in eccesso oppure scegliere la cessione in rete e farti riconoscere anche l&#39;energia in eccesso (però ad un valore molto basso).<br><br>Il problema della potenza installata è completamente diverso. L&#39;Enel, nel momento in cui deve allacciare un impianto da 4kW, ti installa un contatore da 4,5kW che è diverso da quello che hai oggi installato (3kW). Credo che il contratto possa rimanere da 3kW per cui non pagheresti nulla in più come canone (se è questo che ti preoccupa). Sottolineo il CREDO</div></div><br>Quando l&#39;Enel ti collega l&#39;impianto ti mette i contatori senza limitatore con il sezionatore a 64 A o 120 A, per cui il problema del limitatore non si pone più, io comunque consigli odi metterlo perché se uno ha il contratto da 3 kW e durante il giorno con l&#39;impianto in funzione ha disponibili 7 kW la sera, quando l&#39;impianto è spento, se continua a impegnare la stessa potenza si trova con il contratto rifatto d&#39;ufficio e perde la fascia sociale e gli aumentano i canoni..

            Commenta


            • #7
              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (snapdozier @ 13/3/2008, 18:37)</div><div id="quote" align="left">Quando l&#39;Enel ti collega l&#39;impianto ti mette i contatori senza limitatore con il sezionatore a 64 A o 120 A, per cui il problema del limitatore non si pone più, io comunque consigli odi metterlo perché se uno ha il contratto da 3 kW e durante il giorno con l&#39;impianto in funzione ha disponibili 7 kW la sera, quando l&#39;impianto è spento, se continua a impegnare la stessa potenza si trova con il contratto rifatto d&#39;ufficio e perde la fascia sociale e gli aumentano i canoni..</div></div><br>Urp, se ho ben capito la situazione è questa:<br>1. non pago nessuna &quot;una tantum&quot; per collegare un impianto che produce più di quanto è il contratto del distributore<br>2. per rimanere nella &quot;fascia sociale&quot; ovvero quella garantita dal AEEG devo mettere un limitatore.<br><br>Ora sono sicuro di prendere un sacco di insulti ma la domanda la devo fare:<br>per limitatore intendi un magnetotermico? con che caratteristiche (3300/220=15 A)? e dove conviene installarlo (la mia testa mi dice subito a valle del generale dell&#39;impianto e a monte del contatore bidirezionale)?<br><br>Scusate se sto scrivendo oscenit&agrave;&#33;

              Commenta


              • #8
                Zamora.........so bene che c&#39;è differenza tra KW e KWh........ho solo fatto un conticino a spanne per spiegarmi velocemente.............ciau

                Commenta


                • #9
                  Se ho capito quanto richiesto, vorrei integrare le risposte:<br>-se fai un impianto da 4Kw ed hai un contratto da 3 (con tolleranza 3,3), in ingresso avrai sempre la possibilit&agrave; di prelievo dalla rete di 3 Kw;<br>-se la produzione è eccedente al consumo che in quel momento hai, immetti in rete l&#39;energia in surplus, e te la recuperi poi,<br>Per quanto riguarda l&#39;allacciamento all&#39;Enel, la stessa di fa pagare circa 69,6377 euro per ogni Kw in più della potenza contrattuale che hai gi&agrave;.<br>Esempio: hai il contratto da 3 kw, puoi immettere in rete 4,5Kw, pagherai all&#39;allacciamento una tantum .69,6377x1,5(Kw).<br>Comunque il contatore bidirezionale di scambio può essere tarato in entrata ed in uscita con dei valori diversi, quindi nessun problema.<br>in relazione a fare un impianto che produce più di quello che adesso consumi ribadisco che conviene sempre farlo per i seguenti motivi.<br>-rispetto al vecchio conto energia, tutta la produzione (sia consumata in loco , che immessa in rete) viene incentivata,<br>è sbagliato dire che non conviene in quanto con l&#39;eccesso di energia, se ti installi un condizionatore d&#39;aria con pompa di calore, usi detta energia sia per rinfrescarti, che per riscaldarti, e quindi paghi meno gas.Ti sembra poco????? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/48b94600c1d28f45674e9ba5aa1b2a07.gif" alt="">

                  Commenta


                  • #10
                    A ribadire quanto detto da ciosforo:<br><br>Con un impianto da 4KW produrrai molto di piu&#39; di quanto consumi adesso. Ti conviene quindi buttare molto piu&#39; di ora sull&#39;elettricita&#39; tutti i tuoi consumi energetici: pompe di calore per consumare meno gas, scaldabagno elettrico sempre per lo stesso motivo: non paghi elettricita&#39; fino all&#39;ammontare della tua produzione. Se ti avanza, puoi tenerlo in dote per tre anni. Poi lo perdi e lo regali all&#39;ENEL.<br><br>Mariano<br><br>

                    Commenta


                    • #11
                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ciosforo @ 13/3/2008, 20:43)</div><div id="quote" align="left">Se ho capito quanto richiesto, vorrei integrare le risposte:<br>-se fai un impianto da 4Kw ed hai un contratto da 3 (con tolleranza 3,3), in ingresso avrai sempre la possibilit&agrave; di prelievo dalla rete di 3 Kw;<br>-se la produzione è eccedente al consumo che in quel momento hai, immetti in rete l&#39;energia in surplus, e te la recuperi poi,<br>Per quanto riguarda l&#39;allacciamento all&#39;Enel, la stessa di fa pagare circa 69,6377 euro per ogni Kw in più della potenza contrattuale che hai gi&agrave;.<br>Esempio: hai il contratto da 3 kw, puoi immettere in rete 4,5Kw, pagherai all&#39;allacciamento una tantum .69,6377x1,5(Kw).<br>Comunque il contatore bidirezionale di scambio può essere tarato in entrata ed in uscita con dei valori diversi, quindi nessun problema.<br>in relazione a fare un impianto che produce più di quello che adesso consumi ribadisco che conviene sempre farlo per i seguenti motivi.<br>-rispetto al vecchio conto energia, tutta la produzione (sia consumata in loco , che immessa in rete) viene incentivata,<br>è sbagliato dire che non conviene in quanto con l&#39;eccesso di energia, se ti installi un condizionatore d&#39;aria con pompa di calore, usi detta energia sia per rinfrescarti, che per riscaldarti, e quindi paghi meno gas.Ti sembra poco????? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/57420f7b08decbba83b642053ad4f574.gif" alt=""></div></div><br>Prima di tutto grazie per la risposta<br>Ti vorrei chiedere da dove provengono quei 69,6377 euro per kW (ovvero viene stabilita dalll&#39;AEEG oppure dipende dal distributore).<br>

                      Commenta


                      • #12
                        <br>Ti vorrei chiedere da dove provengono quei 69,6377 euro per kW (ovvero viene stabilita dalll&#39;AEEG oppure dipende dal distributore).<br>[/QUOTE]<br><br>Detta quota è la tariffa euro/Kw di potenza contrattuale che paghi una volta sola(al momento della variazione della taratura in immissione del contatore- <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/10983c360794e90a9d6e66badf60860c.gif" alt=""> allacciamento dell&#39;imp.f.v.) ed è stabilita dall&#39;ente gestore di rete (ENEL o municipalizzate.)

                        Commenta


                        • #13
                          <br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Il problema della potenza installata è completamente diverso. L&#39;Enel, nel momento in cui deve allacciare un impianto da 4kW, ti installa un contatore da 4,5kW che è diverso da quello che hai oggi installato (3kW). Credo che il contratto possa rimanere da 3kW per cui non pagheresti nulla in più come canone (se è questo che ti preoccupa). Sottolineo il CREDO</div></div><br>Se non vado errato, è la norma tecnica Cei 82-24 (vado a memoria) che vincola ad avere impianti fotovoltaici di pot. &lt; o = alla massima di contratto; puoi cambiare il tipo di contratto, ma poi questa spesa in + vale la candela?<br><br>cmq non sono certo della norma, ma del fatto che la pot. non può superare quella di contratto si.<br><br><br>

                          Commenta


                          • #14
                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (andrea&#46;ales @ 15/3/2008, 13:06)</div><div id="quote" align="left">Se non vado errato, è la norma tecnica Cei 82-24 (vado a memoria) che vincola ad avere impianti fotovoltaici di pot. &lt; o = alla massima di contratto; puoi cambiare il tipo di contratto, ma poi questa spesa in + vale la candela?<br><br>cmq non sono certo della norma, ma del fatto che la pot. non può superare quella di contratto si.</div></div><br>Ciao andrea.ales,<br>questa volta non sono d&#39;accordo io <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/fd29cced1bbd1ebe55ead8ac8667e7e4.gif" alt=""><br>La 82-24 riguarda &quot;Componenti di sistemi fotovoltaici - moduli esclusi BOS&quot; (probabilmente ti riferivi alla 82-25 ma è una guida - non una norma - e non mi sembra che ci sia scritto nulla del genere).<br>L&#39;esatto contrario di quanto affermi è scritto nella 89/07 (vedi pure <a href="http://www.autorita.energia.it/elettricita/index.htm" target="_blank">http://www.autorita.energia.it/elettricita/index.htm</a>).<br><br>Ciao

                            Commenta


                            • #15
                              ciao a tutti, allora a me non hanno detto il vero, ossia in fase di firma del contratto con la ditta mi avevan detto che non potevo installare un impianto di potenza eccedente al contatore enel oppure se volevo farlo dovevo richiedere all&#39;enel il cambio di potenza ossia passare dal 3 kw al 4,5kw con aggravio di canone e via dicendo...

                              Commenta


                              • #16
                                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (benello @ 15/3/2008, 18:22)</div><div id="quote" align="left">ciao a tutti, allora a me non hanno detto il vero, ossia in fase di firma del contratto con la ditta mi avevan detto che non potevo installare un impianto di potenza eccedente al contatore enel oppure se volevo farlo dovevo richiedere all&#39;enel il cambio di potenza ossia passare dal 3 kw al 4,5kw con aggravio di canone e via dicendo...</div></div><br>Stando alle scartoffie mi sa tanto di sì.<br>Probabilmente un fondo di verit&agrave; c&#39;è: se installi un impianto che produce più di quanto hai di contratto potresti creare un circolo vizioso (aumento dei consumi per utilizzare tutta l&#39;energia prodotta => aumento della probabilit&agrave; di avere elettrodomestici accesi contemporaneamente => aumento della probabilit&agrave; di sforare la potenza di contratto).<br><br>Ciao

                                Commenta


                                • #17
                                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ciosforo @ 13/3/2008, 20:43)</div><div id="quote" align="left">Se ho capito quanto richiesto, vorrei integrare le risposte:<br>-se fai un impianto da 4Kw ed hai un contratto da 3 (con tolleranza 3,3), in ingresso avrai sempre la possibilit&agrave; di prelievo dalla rete di 3 Kw;<br>-se la produzione è eccedente al consumo che in quel momento hai, immetti in rete l&#39;energia in surplus, e te la recuperi poi,<br>Per quanto riguarda l&#39;allacciamento all&#39;Enel, la stessa di fa pagare circa 69,6377 euro per ogni Kw in più della potenza contrattuale che hai gi&agrave;.<br>Esempio: hai il contratto da 3 kw, puoi immettere in rete 4,5Kw, pagherai all&#39;allacciamento una tantum .69,6377x1,5(Kw).<br><u>Comunque il contatore bidirezionale di scambio può essere tarato in entrata ed in uscita con dei valori diversi, quindi nessun problema.</u><br>in relazione a fare un impianto che produce più di quello che adesso consumi ribadisco che conviene sempre farlo per i seguenti motivi.<br>-rispetto al vecchio conto energia, tutta la produzione (sia consumata in loco , che immessa in rete) viene incentivata,<br>è sbagliato dire che non conviene in quanto con l&#39;eccesso di energia, se ti installi un condizionatore d&#39;aria con pompa di calore, usi detta energia sia per rinfrescarti, che per riscaldarti, e quindi paghi meno gas.Ti sembra poco????? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8707d48aabb2671571a0fa911f538681.gif" alt=""></div></div><br>Forse non mi sono spiegato bene, ma pensavo che il concetto sulla possibilit&agrave; della diversa taratura del contatore&quot;bidirezionale&quot; di scambio fosse chiaro. Mahh................................. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/14b2b88f05debce91b52e29259872845.gif" alt=":wacko:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4940ce1d1a45b93a3c86875093e009d5.gif" alt=""> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/acedf7dabbe3f7b7d0ce00419785eb81.gif" alt=":blink:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ee9f8b710fb3ebf1362398e310da9c3f.gif" alt=":woot:">

                                  Commenta

                                  Attendi un attimo...
                                  X
                                  TOP100-SOLAR