adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

interter monofosi o trifasi?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • interter monofosi o trifasi?

    Ciao a tutti,<br>devo fare un preventivo per un impianto da 10KWp per un cliente che ha un allacciamento trifase bt.<br>Non ho mai trattato questa tipologia di impianti e il mio dubbio se usare 3 inverter monofasi o 1 inverter trifase a parte ovviamente le considerazioni di tipo economico.<br><br>Aspetto suggerimenti&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5d800beaae89a223811b8f42ff3e40fe.gif" alt=""><br><br>Ciao.

  • #2
    La risposta dipende dalla scuola di pensiero: i vantaggi e gli svantaggi esistono per entrambe le tipologie.<br>Secondo me potrebbe essere conveniente usare tre inverter se hai problemi di ombreggiamente o orientamenti diversi, ma ... dipende&#33;<br>Per avere un aiuto pi concreto dovresti inserire pi dati.<br><br>Ciao

    Commenta


    • #3
      OK.<br>I pannelli stanno tutti su una falda unica con inclinazione di circa 18 e direzione S-E inolttre non ci sono problemi di ombreggiamenti.

      Commenta


      • #4
        A parte la valutazione sui costi io preferisco pi monofasi (potrebbero, nel tuo caso, bastarne due) poich in caso di guasto su una sezione le altre possono continuare a produrre.
        GIULIANO
        _____________
        ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

        Commenta


        • #5
          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 12/3/2008, 20:30)</div><div id="quote" align="left">A parte la valutazione sui costi io preferisco pi monofasi (potrebbero, nel tuo caso, bastarne due) poich in caso di guasto su una sezione le altre possono continuare a produrre.</div></div><br>Dico la mia.<br>in caso di normale funzionamento tutto ok, vendi tutta l&#39;energia all&#39;enel e rientri con lo scambio sul posto.<br>Ma in caso di black-out per far funzionare le utenze trigase per qualche ora al giorno(penso per esempio al riscaldamento) devi avere 3 fasi, quindi scarterei i 2 inverter.<br>

          Commenta


          • #6
            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (led72 @ 12/3/2008, 18:15)</div><div id="quote" align="left">Ciao a tutti,<br>devo fare un preventivo per un impianto da 10KWp per un cliente che ha un allacciamento trifase bt.<br>Non ho mai trattato questa tipologia di impianti e il mio dubbio se usare 3 inverter monofasi o 1 inverter trifase a parte ovviamente le considerazioni di tipo economico.<br><br>Aspetto suggerimenti&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ebf13d3d9d26f1cf299ec8ffa8242253.gif" alt=""><br><br>Ciao.</div></div><br>Con un inverter trifase diminuisci le complicazioni e i componenti e le conseguenti perdite.

            Commenta


            • #7
              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Guiotto @ 12/3/2008, 20:35)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 12/3/2008, 20:30)</div><div id="quote" align="left">A parte la valutazione sui costi io preferisco pi monofasi (potrebbero, nel tuo caso, bastarne due) poich in caso di guasto su una sezione le altre possono continuare a produrre.</div></div><br>Dico la mia.<br>in caso di normale funzionamento tutto ok, vendi tutta l&#39;energia all&#39;enel e rientri con lo scambio sul posto.<br>Ma in caso di black-out per far funzionare le utenze trigase per qualche ora al giorno(penso per esempio al riscaldamento) devi avere 3 fasi, quindi scarterei i 2 inverter.</div></div><br>Blackout? Vendere l&#39;energia all&#39;Enel? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/03e0ee01fe5b8057198470c5fd474d13.gif" alt=":woot:"><br><br>In caso di blackout l&#39;impianto non pu e non deve funzionare&#33;<br>L&#39;energia poi non viene venduta all&#39;Enel.....<br><br>La soluzione con 2 inverter monofase invece un&#39;ottima soluzione, probabilmente la migliore in questo caso, in quanto un inverter trifase verrebbe a costare certamente pi dei due monofase, e inoltre avrebbe (per potenze cos basse) certamente un&#39;efficienza inferiore a questi ultimi.<br><br>In genere la taglia di potenza in cui ci si pone il problema se sia meglio optare per 1 trifase o pi monofase si aggira attorno ai 20 kW; al di sotto di questa taglia normalmente risulta preferibile utilizzare pi monofase, al di sopra 1 trifase.<br><br>In ogni caso bene valutare volta per volta ci che si vuole ottenere dall&#39;impianto e ci che si ha a disposizione come materiale per poter fare correttamente scelte di questo tipo.<br><br>Ciao

              Commenta


              • #8
                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 12/3/2008, 20:30)</div><div id="quote" align="left">A parte la valutazione sui costi io preferisco pi monofasi (potrebbero, nel tuo caso, bastarne due) poich in caso di guasto su una sezione le altre possono continuare a produrre.</div></div><br>Ok per la tolleranza ai guasti ma perche 2 invece che 3? Avrei uno sbilanciamento di circa 5 kW su una fase (quella non caricata dall&#39;impianto FV) e anche se tollerata dalle DK (mi pare al massimo 6kW di sbilanciamento) non mi convince pi di tanto.....<br>Inoltre l&#39;impianto sarebbe in modalit&agrave; di scambio sul posto al servizio di una falegnameria che ha un fisso di 30kW e diversi macchinari con motori trifase.<br>Vorrei sentire delle argomentazione tecniche al riguardo di chi sostiene la soluzione a 2 inverter cos da potermi convincere.<br><br>Ciao. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8ee28321c37a6ab8a676c6295219ecfe.gif" alt="">

                Commenta


                • #9
                  Nessuno altro ha qualcosa da dire? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e4a08c5b7ddd5e9864052243fa2c2292.gif" alt=":huh:">

                  Commenta


                  • #10
                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (led72 @ 13/3/2008, 08:28)</div><div id="quote" align="left">Ok per la tolleranza ai guasti ma perche 2 invece che 3? Avrei uno sbilanciamento di circa 5 kW su una fase (quella non caricata dall&#39;impianto FV) e anche se tollerata dalle DK (mi pare al massimo 6kW di sbilanciamento) non mi convince pi di tanto.....<br>Inoltre l&#39;impianto sarebbe in modalit&agrave; di scambio sul posto al servizio di una falegnameria che ha un fisso di 30kW e diversi macchinari con motori trifase.<br>Vorrei sentire delle argomentazione tecniche al riguardo di chi sostiene la soluzione a 2 inverter cos da potermi convincere.<br><br>Ciao. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/94471b53d585ab46ab1546a8d130a484.gif" alt=""></div></div><br>Che argomentazioni tecniche vorresti? Non danno nessun premio per gli impianti migliori dal punto di vista estetico purtroppo&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/aaa546938e346ee7ecee51cc9f1ac546.gif" alt=""><br>Essendo un impianto connesso in rete non vedo nessun problema, in quanto, come hai ricordato tu stesso, lo sbilanciamento tollerato dalle DK...<br>Se vuoi per ti do un altra argomentazione: mettere un inverter trifase adatto al tuo impianto da 10 kW come minimo costerebbe al tuo cliente alcune migliaia di euro in pi rispetto alla soluzione con due o tre monofase, che tra loro non differiscono poi pi di tanto.<br><br>Piuttosto ricordati che assolutamente indispensabile un sistema di rifasamento altrimenti il cliente verr&agrave; a cercarti per far pagare a te le penali che gli arriveranno&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5545d710e6b68ba6d3eabc9f1ff86075.gif" alt=":P"><br><br>Ciao<br>

                    Commenta


                    • #11
                      che c&#39;entra il sistema di rifasamento con l&#39;impianto fv?<br>mi sfugge qualcosa?<br>se l&#39;impianto della falegnamentia ha bisogno di rifasamento, non a prescindere dal fotovoltaico?

                      Commenta


                      • #12
                        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (FVOr @ 17/3/2008, 12:45)</div><div id="quote" align="left">che c&#39;entra il sistema di rifasamento con l&#39;impianto fv?<br>mi sfugge qualcosa?<br>se l&#39;impianto della falegnamentia ha bisogno di rifasamento, non a prescindere dal fotovoltaico?</div></div><br>Sembrerebbe che ti sfugga si&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1dea698478fa0555938c159932ea1461.gif" alt=":P"><br><br>Certo che le necessit&agrave; di rifasamento prescindono dal fotovoltaico, ma siccome l&#39;impianto fotovoltaico ti copre solo la parte di energia attiva, uno sfasamento tollerabile prima della sua realizzazione, dal punto di vista della rete pu non esserlo pi nel momento in cui tu dalla rete prelevi sempre la stessa quantit&agrave; di energia reattiva, ma al limite zero energia attiva (in quanto fornita dal tuo impianto fotovoltaico), e quindi, come facilmente comprensibile, la percentuale di energia reattiva richiesta prelevata dalla rete supererebbe il 50% di quella attiva (soglia limite per non incorrere in penali).<br>Ecco perch bene verificare il sistema di rifasamento (o se non esiste realizzarlo) contestualmente alla realizzazione di un impianto fotovoltaico per utenze industriali.<br><br>Ciao

                        Commenta


                        • #13
                          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gigisolar @ 13/3/2008, 22:34)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (fcattaneo @ 13/3/2008, 15:36)</div><div id="quote" align="left">....... il FV e&#39; SEMPRE meglio il SUD pieno, tilt circa 30.</div></div><br>c&#39; da dire che se lasci <a href="http://sunbird.jrc.it/pvgis/apps/pvest.php?lang=it&amp;map=europe" target="_blank">PVGIS</a> libero di trovare inclinazione ed orientamento ottimale, appare sempre un offset (azimuth) di -2.0.<br>Mi associo ai complimente per il tuo sito.<br>ciao</div></div><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Phaelon @ 17/3/2008, 14:06)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (FVOr @ 17/3/2008, 12:45)</div><div id="quote" align="left">che c&#39;entra il sistema di rifasamento con l&#39;impianto fv?<br>mi sfugge qualcosa?<br>se l&#39;impianto della falegnamentia ha bisogno di rifasamento, non a prescindere dal fotovoltaico?</div></div><br>Sembrerebbe che ti sfugga si&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4068b557cac715b7cac2bd74b8fa30b3.gif" alt=":P"><br><br>Certo che le necessit&agrave; di rifasamento prescindono dal fotovoltaico, ma siccome l&#39;impianto fotovoltaico ti copre solo la parte di energia attiva, uno sfasamento tollerabile prima della sua realizzazione, dal punto di vista della rete pu non esserlo pi nel momento in cui tu dalla rete prelevi sempre la stessa quantit&agrave; di energia reattiva, ma al limite zero energia attiva (in quanto fornita dal tuo impianto fotovoltaico), e quindi, come facilmente comprensibile, la percentuale di energia reattiva richiesta prelevata dalla rete supererebbe il 50% di quella attiva (soglia limite per non incorrere in penali).<br>Ecco perch bene verificare il sistema di rifasamento (o se non esiste realizzarlo) contestualmente alla realizzazione di un impianto fotovoltaico per utenze industriali.<br><br>Ciao</div></div><br>grazie mille. hai perfettamente ragione, non avevo pensato a questo aspetto <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8b42a037467a8223d55aab8d33f62e07.gif" alt=""><br>ogni tanto bene rinfrescare la memoria <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4068b557cac715b7cac2bd74b8fa30b3.gif" alt=":P"><br>

                          Commenta


                          • #14
                            Grazie Phaelon per la tua risposta, molto chiara. Girando per le piccole e medie aziende, chiedo sempre le bollette e.... sono spesso illeggibili. Molti pagano per la troppa energia reattiva prelevata ma non se ne rendono conto. in fondo pagano 1200/1800 al mese in fondo sono pochi soldi. Quanto pu costare il sistema di rifasamento?

                            Commenta


                            • #15
                              visto che ormai una domanda tonta l&#39;ho fatta... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/269b73f1ee101826773186cdcb3d59e3.gif" alt=""><br>ne faccio un&#39;altra, qusta volta poco &quot;fotovoltaica&quot; ma comunque elettrotecnica: <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/466a15c6caad6cb5c5d7fa7a955d8fa3.gif" alt=""><br>La necessit&agrave; di rifasare chiaramente visibile dalle bollette in un impianto esistente, ma quando si tratta di un nuovo impianto come vi comportate?<br>La presenza di tanti motori trifase lascia pochi dubbi sul fatto che ci sia un cosf basso, ma &quot;l&#39;entit&agrave;&quot; del rifasamento possibile calcolarlo prima?

                              Commenta


                              • #16
                                si<br><br>sapendo la simultaneit&agrave; dei motori e la pot di targa<br><br>sapendo la simultaneit&agrave; dei motori e la pot di targa

                                Commenta


                                • #17
                                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Phaelon @ 17/3/2008, 14:06)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (FVOr @ 17/3/2008, 12:45)</div><div id="quote" align="left">che c&#39;entra il sistema di rifasamento con l&#39;impianto fv?<br>mi sfugge qualcosa?<br>se l&#39;impianto della falegnamentia ha bisogno di rifasamento, non a prescindere dal fotovoltaico?</div></div><br>Sembrerebbe che ti sfugga si&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/08e795cdff6d82e999d04ea101bfd3cc.gif" alt=":P"><br><br>Certo che le necessit&agrave; di rifasamento prescindono dal fotovoltaico, ma siccome l&#39;impianto fotovoltaico ti copre solo la parte di energia attiva, uno sfasamento tollerabile prima della sua realizzazione, dal punto di vista della rete pu non esserlo pi nel momento in cui tu dalla rete prelevi sempre la stessa quantit&agrave; di energia reattiva, ma al limite zero energia attiva (in quanto fornita dal tuo impianto fotovoltaico), e quindi, come facilmente comprensibile, la percentuale di energia reattiva richiesta prelevata dalla rete supererebbe il 50% di quella attiva (soglia limite per non incorrere in penali).<br>Ecco perch bene verificare il sistema di rifasamento (o se non esiste realizzarlo) contestualmente alla realizzazione di un impianto fotovoltaico per utenze industriali.<br><br>Ciao</div></div><br>complimenti per la chiarezza .<br><br>saluti,<br>Andrea
                                  TUTORIAL VIDEO PER NEOFITI E NON SOLO ( contatore quadri etc )
                                  http://www.youtube.com/user/socosnc/videos
                                  web/public?name=SOCO_SOLAR_PLANT[/URL]

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Andrea abbiamo aggiunto un p di variabili al nostro consumo: l&#39; ideale sarebbe fare un p di conti (per la convenienza verso l&#39; Enel) e poi attuare un rifasamento automatico in base alla necessit&agrave;.<br>Qualcuno ha idea di come fare?

                                    Commenta


                                    • #19
                                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Leo1 @ 20/3/2008, 12:24)</div><div id="quote" align="left">Andrea abbiamo aggiunto un p di variabili al nostro consumo: l&#39; ideale sarebbe fare un p di conti (per la convenienza verso l&#39; Enel) e poi attuare un rifasamento automatico in base alla necessit&agrave;.<br>Qualcuno ha idea di come fare?</div></div><br>come fare cosa?<br> un impianto esistente di cui conosci il cosf?<br>esistono dei gruppi di rifasamento a gradini, se quello che vuoi sapere... (ma non sono sicura di aver capito cosa ti serve <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6a65249b50f724a5d0b6dfa073e789d7.gif" alt=""> )<br>

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Abbiamo stabilito , senza dubbio, che con il nostro impianto andiamo a sconvolgere le bollette Enel (o simili) prevedibilmente ( sto parlando di potenze superiori ai 20kW) nelle officine di produzione dove dovremmo inserire il fotovoltaico.<br>Esempio pratico : Officina di produzione meccanica : macchine utensili, forni ad induzione, saldatrici etc etc.<br>Sicuramente paga(abbiamo le copie delle bollette) ogni tanto il sovraprezzo per l&#39; energia reattiva .<br>Decidiamo di mettere sul tetto del capannone 50/40 kWp .<br>sicuramente peggioreremo la sua situazione per l&#39; energia reattiva? se si come porvi rimedio ...

                                        Commenta


                                        • #21
                                          l&#39;impianto ha cosf=1 si dovrebbero fare 2 calcoli su quello che vede la rete .................<br><br>il fv =1 intendo<br><br>comunque dal punto di vista reattivo peggiorativo mi s&agrave;

                                          Commenta


                                          • #22
                                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">....comunque dal punto di vista reattivo peggiorativo mi s&agrave;</div></div><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">....peggioreremo la sua situazione per l&#39; energia reattiva?</div></div><br>Beh, il caso di alby62, con l&#39;impiantone da 50 KWp dovrebbe rispondere a queste domande.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (alby62 @ 10/1/2008, 18:22)</div><div id="quote" align="left">per le aziende rimangono i soliti costi fissi , ma diminuisce di molto la spesa per la reattiva , l&#39;inverter lavora sempre con cos- fi pari a 1 , e vie una diminuzione della potenza di picco ( quell&#39;onere molto dispendioso , se solo per un ora / anno tu hai assorbito quella potenza te la paghi per tutto l&#39;anno)basta stare attenti a non commettere manovre dispendiose quando nuvoloso, piove ,c&#39; nebbia o neve .</div></div><br>Ciao
                                            Impianto FV 2,94 kWp 23 -85 est 1 CE e 3 PDC Riello aria 13 kWt dal 2007.
                                            Caminetto aria Montegrappa CMP05 10,5 kWt, 4* dal 2011. Caldaia a metano Riello Family 26K.Twingo Electric Zen dal 2021

                                            Commenta

                                            Attendi un attimo...
                                            X
                                            TOP100-SOLAR