adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sicurezza sul lavoro

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sicurezza sul lavoro

    Ho appena visto di sfuggita una notizia che scorreva nei sottotitoli del TG2 e riportava una notizia del tipo: &quot;morta una persona caduta da un tetto mentre montava pannelli solari&quot;.<br>Ho cercato nel televideo ma non ho trovato nulla.... non vorrei avere preso un abbaglio, ma se è una notizia vera, oltre a dispiacermi per la persona che ha perso la vita e per la sua famiglia a cui posso solo fare le condoglianze, sarebbe il primo caso di morte sul lavoro per un impianto solare di cui io ho sentito parlare.<br>L&#39;aumento del lavoro per gli installatori può indurre qualcuno a risparmiare sulle sicurezze: è meglio spendere un pò di più che rischiare fatti come questo.... è anche un tema molto di attualit&agrave;.<br><br>Qualcuno ha notizie in più su questo incidente?<br><br>saluti<br>carest
    - AGGIORNAMENTO A GENNAIO 2020 - del foglio di calcolo con costi e confronti delle tariffe elettriche https://www.energeticambiente.it/for...17#post1813217

  • #2
    Non ho notizie dirette sull&#39;incidente, ma avendo grande esperienza nel sttore della sicurezza dei luoghi di lavoro ti dirò che non è ne il primo ne l&#39;ultimo purtroppo....<br>L&#39;accesso a tetti e luoghi rialzati per l&#39;installazione di pannelli, vista la relativa velocit&agrave; del lavoro viene spesso fatta senza alcuna precauzione ne misura di sicurezza...<br>Se vi fate installare i pannelli a casa PRETENDETE dagli installatori l&#39;uso come minimo di cinture anticaduta...non risparmiate 500 euro su decine di migliaia per la sicurezza, eviterete molti molti problemi oltre ad avere la coscienza più tranquilla.<br>Tengo anche a precisare che spesso le ditte che non rispettano le norma sulla sicurezza, secondo il mio personale parere, sono meno affidabili anche sotto altri aspetti; chi sa fare il lavoro e lo fa da tempo senza improvvisazione è organizzato di tutto punto e si vede&#33;

    Commenta


    • #3
      chiedo a chi è più esperto di mè nel tema della sicurezza, ma dove ti puoi attaccare con la cintura anticaduta su di un tetto?

      Commenta


      • #4
        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (massimo p @ 28/3/2008, 08:53)</div><div id="quote" align="left">chiedo a chi è più esperto di mè nel tema della sicurezza, ma dove ti puoi attaccare con la cintura anticaduta su di un tetto?</div></div><br>Il modo si trova sempre.<br>1) sul tetto ci sono spesso strutture fisse: comignoli, pali, ecc, ecc<br>2) se non ci sono o sono insicuri si prende una corda lunga e la si attacca (ad esempio su una ringhiera) sulla facciata del fabbricato opposta alla facciata di caduta<br>3) Se non si può risolvere in nessun modo si realizza un punto fermo temporaneo sicuro e in posizione comoda per lavorare, che andr&agrave; rimosso a lavoro finito

        Commenta


        • #5
          Sull&#39;incidente di cui sopra occorso in Emilia Romagna, da quello che ho sentito dai telegiornali è occorso ad un ingegnere in fase di sopralluogo sul tetto di un capannone industriale per cedimento della copertura.<br>Io ritengo che sia molto presumibilmente da attribuirsi al cedimento per calpestamento di un &quot;lucernaio&quot; in vetroresina realizzato in materiale trasparente ondulato che dall&#39;esterno con tetto sporco è pochissimo visibile, poichè piano ed integrato con le lastre di &quot;eternit&quot; che normalmente hanno sotto il solaio in cemento armato.<br>I tetti di questo tipo con fasce trasparenti sono un ulteriore pericolo gravissimo e sottovalutato.<br>Per il punto di attacco cinture la norma UNI prevede determinate caratteristiche meccaniche.<br>Ogni tetto dovrebbe avere la predisposizione dei punti di attacco (Ci sono modelli commercializzati) sulla base di un piano di sicurezza che dovrebbe esistere in ogni costruzione, per consentire l&#39;accesso sicuro per ispezioni e manutenzioni.<br>Io credo che, almeno per il futuro, sar&agrave; nostra responsabilit&agrave; richiedere ed imporre se non gi&agrave; esistente un punto di ancoraggio fisso da usare in fase di montaggio, e da lasciare per i successivi accessi di controllo periodico che noi necessariamente prevediamo nel progetto.
          GIULIANO
          _____________
          ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

          Commenta


          • #6
            quoto pienemente....<br><br>Se non trovate punti di aggancio...ecco la soluzione che adotto io...<br>una volta finito ill gancio si svita e si rimette il coppo.....poi si riavvita quando si deve fare qualche manutenzione.. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/890d0d061189cb215b9a084e9a10b520.gif" alt=":shifty:"><br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/47ddc60259a6579cd3c62a469d3fadc7.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

            Commenta


            • #7
              la notizia è vera purtroppo<br>è successo a cascine di buti in prov di pisa nella z.i. , conosco bene quella zona è qui vicino a me<br>la notizia è su tutti i giornali come il Tirreno e la Nazione<br><br>da quello che ho letto sembra che ha ceduto il tetto in eternit di un capannone ed è volato di sotto per 7 mt<br>era un giovane ing. di modena di 34 anni<br><br>potrei scannarvi l&#39;articolo del giornale ma penso che fra poco si trovi online<br><br>per i commenti aspetto di saperne di più non dai giornali<br><br>saluti<br><br><br>Mario<br>minieol ico.it

              Commenta


              • #8
                La prima cosa che controllo quando devo fare un sopralluogo su un tetto ,<br>e&#39; visionare la copertura anche da sotto in modo da farmi un&#39;idea piu&#39; completa su dove posso camminare .<br><br>Vorrei un&#39;informazione:<br>uso un&#39;imbragatura con attacco post , ieri parlando con un architetto , mi ha detto che le imbragature devono essere cambiate ogni 5 anni ,<br>sapete qualche cosa in merito?

                Commenta


                • #9
                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (snowstorm @ 28/3/2008, 11:13)</div><div id="quote" align="left">La prima cosa che controllo quando devo fare un sopralluogo su un tetto ,<br>e&#39; visionare la copertura anche da sotto in modo da farmi un&#39;idea piu&#39; completa su dove posso camminare .<br><br>Vorrei un&#39;informazione:<br>uso un&#39;imbragatura con attacco post , ieri parlando con un architetto , mi ha detto che le imbragature devono essere cambiate ogni 5 anni ,<br>sapete qualche cosa in merito?</div></div><br>L&#39;accesso sui tetti anche piani (e su tutte le strutture poste in altezza non dotate di adeguate protezioni), a meno che non siano previsti appostite passerelle o siano espressamente realizzati per essere calpetsati (tipo terrazzi), deve essere fatto con sitemi anticaduta....non è possibile dire che una struttura in eternit o altro materiale possa resistere perchè non è fatta per essere calpestata&#33; Anche sui tetti di coppi, basta che si rompe un coppo, inciampate e venite giù dal tetto rompendovi il collo&#33;<br>Per quanto riguarda la sostituzione delle attrezzature, visto che affidiamo loro la vita, è consigliabile verificarle sempre prima di indssarle, e periodicamente. Vanno conservate con cura, lontano dal sole e da fonti di calore, senza subire abrasioni (sono particolarmente delicate per questo) e sostituite ogni volta che si cade (si spera mai ma meglio con l&#39;imbracatura che senza <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f339c642b49bafd4a3e55910ccb40cd3.gif" alt="">), la sostituzione perdiodica non so se sia obbligatoria ogni 5 anni ma io non aspetterei così tanto, se lavori e te lo auguro, si logorer&agrave; molto prima.<br>

                  Commenta


                  • #10
                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">da quello che ho letto sembra che ha ceduto il tetto in eternit di un capannone ed è volato di sotto per 7 mt<br>era un giovane ing. di modena di 34 anni</div></div><br>Ecco perche nessuna delle soluzioni dette è in regola con la 626.<br><br>Bisogna che il punto di appoggio sia indioendente dalla struttura.<br>Io uso le cinte attaccate alla gru, con l&#39;imbracatura a norma, dopo, stasera metto qualche foto delle imbracatura da usare.<br><br>Questo è il modo giusto.<br><br><br>Nel caso di tetto in cemento, è accettabile l&#39;ancoraggio al cemento. (comunque obbligatorio).<br><br>Nel caso di coperture industriali, io mi fido della mia gru, del tetto, specialmente in eternit, nun mi fido mai.<br><br><br>Quanto mi fanno arrabbiare certe aziende, io vorrei strozzarne i titolari.<br>Un grande lavoro mi è stato portato via da un&#39;azienda che ha mandato tre Rumeni raccattati per strada sul tetto in eternit per togliere l&#39;etrnit e mettere i pannelli in poliuretano.<br><br>se l&#39;avessi avuto sotto mano l&#39;avrei strozzato. Quando servono gli ispettori sul lavoro non ci sono mai.

                    Commenta


                    • #11
                      La mia imbragatura me la regalo&#39; un amico ,<br>mai usata ma la teneva in magazzino (quindi al buio e al chiuso) da un bel po&#39; di tempo e attualmente i 5 anni sono scaduti,<br>ma e&#39; praticamente nuova

                      Commenta


                      • #12
                        Il problema sta che se succede qualcosa, inail non paga la famiglia dell&#39;infortunato&#33;&#33;&#33;<br><br>non andiamo a risparmiare sulla sicurezza&#33;

                        Commenta


                        • #13
                          Quello che non capisco è perchè questa morte non ha provocato lo stesso scalpore che hanno suscitato altre morti tipo gli operai della Thyessen?<br><br>
                          Impianto 10,12 kW - 44 pannelli Ningbo Qixin 230W - Inverter PowerOne 10.0 OUTD FS - Località Bari - Tilt 20° - Azimut 0° SUD

                          Commenta


                          • #14
                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (nhio83 @ 28/3/2008, 13:41)</div><div id="quote" align="left">Il problema sta che se succede qualcosa, inail non paga la famiglia dell&#39;infortunato&#33;&#33;&#33;<br><br>non andiamo a risparmiare sulla sicurezza&#33;</div></div><br>Scusami Nhio ma non devi scrivere cose inesatte....il forum serve per discutere e dare informazioni, una di queste è che l&#39;Inail paga TUTTI gli infortuni sul lavoro a prescindere che ci sia l&#39;assicurazione...se il lavoratore, magari in nero, viene mandato a lavorare su un tetto senza protezioni e muore poi neppure gli danno un&#39;indennit&agrave; alla famiglia??? Ma che scherzi&#33;?&#33; L&#39;indennit&agrave; gliela danno eccome ma come si dice....meglio la salute dei soldi no? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/274717ec50b0a034090750298fc43130.gif" alt=""><br><br>La 626/94 non individua tecnicamente alcuna soluzione ma impone comunque il rispetto di requisiti di sicurezza degli operatori.<br>Tenete presente che i proprietari delle case su cui si va ad operare, in quanto committenti, posso essere ritenuti responsabili in caso di incidente e condannati a pesanti pene detentive e pecuniarie...<br><br>Di seguito un estratto chiarificatore (tratto dal sito della Mistral azienda che produce sistemi anticaduta):<br><br><i>PUNTI DI ANCORAGGIO<br>norma di riferimento UNI-EN 795<br><br>Definizione: elemento a cui un DPI componente di un sistema anticaduta può essere applicato.<br>Tutti gli ancoraggi fissi o mobili usati con lo scopo specifico di proteggere dai rischi di caduta devono essere conformi alla norma UNI-EN 795 .<br>·Non è richiesta la marcatura CE per gli ancoraggi fissi facenti parte della struttura originale o installati su essa (travi, ponteggi, tasselli) di cui però deve essere accertata l&#39;adeguata resistenza ai carichi dinamici derivanti da una caduta (R = 1000 daN).<br><br>Esempio: un tripode, essendo mobile e portatile è considerato un DPI, mentre un tassello installato nel muro, essendo fisso nella sua sede, non è un DPI. (in ogni caso ne deve essere garantita la resistenza al carico dinamico = 1000 daN).<br>Solamente dopo aver individuato un adeguato punto d&#39;ancoraggio, si potranno definire le tipologie dei connettori e dei collegamenti tra ancoraggio ed operatore, anche tenendo presente le dimensioni del suo campo di lavoro.<br><br>SUDDIVISIONE DEGLI ANCORAGGI IN CLASSI<br>Tenendo presente le diverse strutture cui un punto d&#39;ancoraggio andr&agrave; fissato e la necessit&agrave; di fornire all&#39;operatore la possibilit&agrave; di movimento, i punti d&#39;ancoraggio si dividono in diverse tipologie o classi vedi norma EN 795)<br><br>Classe A1:ancoraggi destinati ad essere fissati a strutture verticali , orizzontali o inclinate (pareti colonne, putrelle, architravi) per esempio un tassello con golfare installato nel muro.<br>Classe A2: ancoraggi destinati ad essere fissati sulle travi portanti dei tetti inclinati (rimuovendo la copertura di tegole) per esempio staffa con anello fissata ad una trave del tetto.<br>Classe B: ancoraggi portatili (per esempio treppiede).<br>Classe E: ancoraggi a corpo morto (per esempio blocco di cemento).<br><br>Tali classi di ancoraggi vengono definiti fissi in quanto costituiscono un punto singolo d&#39;aggancio ed il campo di lavoro consentito all&#39;operatore è definito dalla lunghezza del cordino di collegamento (fisso, guidato o retrattile).<br><br>ANCORAGGI MOBILI SCORREVOLI<br><br>Classe C: dispositivi d&#39;ancoraggio costituiti da una linea flessibile (in cavo, fune metallica o cinghia) orizzontale (si intende per orizzontale una linea con pendenze inf. a 15°)<br>Classe D:dispositivi d&#39;ancoraggio costituiti da una linea rigida (canalina/rotaia metallica) orizzontale.<br>Queste due ultime classi d&#39;ancoraggi permettono all&#39;operatore di muoversi lungo la linea d&#39;ancoraggio rimanendo sempre collegati ad essa. Collegando alle linee orizzontali un adeguato dispositivo di tipo retrattile si aumenta in maniera significativa l&#39;area del campo di lavoro in cui l&#39;operatore si può muovere in sicurezza. I dispositivi d&#39;ancoraggio appartenenti alle classi A-B-E sono di semplice ed immediata installazione mentre i dispositivi appartenenti alle classi C e D necessitano di attenta progettazione e maggiori tempi per l&#39;installazione.<br><br>Nel Fascicolo di sicurezza previsto dal DL494 (DL528) andrebbero previsti tali tipi di ancoraggi da installare durante la costruzione del sito (civile od industriale) in modo da permettere di effettuare le future opere di manutenzione gi&agrave; disponendo di un sicuro punto d&#39;ancoraggio. </i><br><br><span class="edit">Edited by iloche - 28/3/2008, 15:01</span>

                            Commenta


                            • #15
                              Percè in italia ce ne talmente tanto che no fa + notizia.<br><br>Perchè in italia nun c&#39;è + informazione.<br><br>Siamo in coma farmacologico, ci tengono sotto sedativi per ste cose è meglio nun saerle.<br><br>La tissen all&#39;inizio fu passata come quarta-qunta notizia, solo dopo si so accorti che la gente si è infervorata lo stesso.<br><br>Quanto odio l&#39;informazione italliana.

                              Commenta


                              • #16
                                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Quello che non capisco è perchè questa morte non ha provocato lo stesso scalpore che hanno suscitato altre morti tipo gli operai della Thyessen?</div></div><br>Perchè in quel caso erano morti degli operai, vittime del lavoro.<br>Se invece muore un artigiano, un ingegnere, un perito che cade dal tetto, non fa notizia.<br>Si pensa sempre che &quot;sia colpa sua&quot; l&#39;operaio invece &quot;è sempre colpa del datore di lavoro&quot;<br><br>Ovviamente con tutto il rispetto e per i morti. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9afdb92ea66de4d4a506222129b2fca1.gif" alt=""><br><br>Tornando al discorso principale: quante volte andiamo a fare un sopralluogo, ci portano sul tetto e un pò a spintoni un pò coi denti ci arrampichiamo per vedere il sito.<br>Ho provato a dire che &quot;non mi sentivo sicuro&quot;, ma il cliente e anche l&#39;installatore che mi accompagnava, mi hanno guardato con aria di sufficienza.<br>Quindi non rimane che sperare che anche questa volta vada bene&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d62a14d8807e50b4067b0a36af700ed2.gif" alt=":wacko:"><br><br>Io ho cinquant&#39;anni, un fisico poco &quot;tonico&quot;, due figli e moglie a carico. Gi&agrave; solo rompermi una gamba sarebbe un grosso problema.<br>Che faccio, mi rifiuto di fare il sopralluogo?<br>Giuliano<br>

                                Commenta


                                • #17
                                  io personalmente &quot;consiglio caldmente &quot;il cliente finale di istallare una lina vita insieme all&#39;impianto FV

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Brutta brutta roba quella che è successa. ragazzi dovremo veramente imporre a tutti i livelli massima sicurezza.<br>sinceramente sarei potuto essere io, giusto ieri sono salito su tetto di 10gradi in rame per ispezione e misure. poi è inizato a piovere e sono subito sceso, i ragazzi dell&#39;impresa sono rimasti su a lavorare.<br><br>Riflettiamo un attimo&#33;&#33;&#33;&#33;<br>

                                    Commenta


                                    • #19
                                      ecco il link ad un articolo di un quotidiano...<br><a href="http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/modena/2008/03/28/75915-volo_sette_metri_morto_ingegnere.shtml" target="_blank">http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/mo...ingegnere.shtml</a><br>

                                      Commenta


                                      • #20
                                        ciao a tutti,<br><br>mio fratello è un architetto e qualche settimana fa si trovava su un tetto un pò malconcio ad effettuare un sopralluogo quando all&#39; improvviso ha ceduto una lastra ed è caduto da un&#39; altezza di circa 4 metri&#33; Non so quale santo sia stato, fatto sta che si, si è rotto un bel pò di cose, ma è vivo e si sta riprendendo&#33; Questo solo per dire che a volte la passione per il lavoro e lo spirito di dedizione, come pure portare il pane a casa, ti portano a, diciamo così, trascurare le misure di sicurezza. Poi, a mio modo di vedere, c&#39;è sempre una vocina dentro che ti dice: tanto a me non mi capita&#33;&#33; Insomma, i rischi non possono mai essere eliminati, però sul luogo di lavoro, bisogna essere davvero molto attenti e tenere gli occhi e le orecchie aperti.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (recoplan @ 28/3/2008, 18:52)</div><div id="quote" align="left">ecco il link ad un articolo di un quotidiano...<br><a href="http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/modena/2008/03/28/75915-volo_sette_metri_morto_ingegnere.shtml" target="_blank">http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/mo...ingegnere.shtml</a></div></div><br>grazie per il link recoplan<br><br>rinnovo le condoglianze alla famiglia di Massimo, alla moglie e ai figli piccoli che non rivedranno più il padre.<br>Lunedi, in occasione del funerale, propongo una sorta di &quot;minuto di raccoglimento&quot;; anche se non so come poterlo attuare praticamente.<br><br>e a tutti ricordo di fare attenzione sui tetti<br><br>carest
                                          - AGGIORNAMENTO A GENNAIO 2020 - del foglio di calcolo con costi e confronti delle tariffe elettriche https://www.energeticambiente.it/for...17#post1813217

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originariamente inviato da ingsamba Visualizza il messaggio
                                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"<div><br>Il modo si trova sempre.<br>1) sul tetto ci sono spesso strutture fisse: comignoli, pali, ecc, ecc<br>2) se non ci sono o sono insicuri si prende una corda lunga e la si attacca (ad esempio su una ringhiera) sulla facciata del fabbricato opposta alla facciata di caduta<br>
                                            Originariamente inviato da nhio83 Visualizza il messaggio
                                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b></b></div><div id="quote" align="left"<br>Io uso le cinte attaccate alla gru, con l'imbracatura a norma, dopo, stasera metto qualche foto delle imbracatura da usare.<br><br>Questo è il modo giusto.<br
                                            Salve a tutti, vorrei riprendere l'argomento...
                                            I sistemi proposti da Ingsamba sono davvero sicuri?
                                            Le gru hanno dei punti certificati per potersi agganciare?

                                            Immagino quindi che per installare l'impianto fotovoltaico sia necessaria anche l'installazione di una linea di vita certificata dove ancorarsi. (con conseguente aumento dei costi dell'impianto).

                                            Ma in pratica... quanti installatori rispettano veramente tutte le regole di sicurezza?

                                            Visto che questo è il mio prima messaggio ci tengo a precisare che non voglio fare polemica, anzi, capire meglio come stanno le cose.

                                            Un saluto, Stefano

                                            Commenta


                                            • #23
                                              caro Stefano benvenuto
                                              Tanto per fare charezza tu che ambito svolgi nel settore FV ?
                                              -----
                                              L'istallazione e l'utilizzo di una "linea di ancoraggio" provvisoria o no è indispensabile durante i lavori di istallazione e di manutenzione di un qualsiasi manufatto in quota (oltre i 2 mt di altezza ) .

                                              Ciao da Recoplan

                                              Commenta


                                              • #24
                                                adesso sono curioso di vedere tutti i fenomeni che parlano di prezzi chiavi in mano senza nemmeo aver fatto una visita al sito proponendo prezzi "sbalorditivi" ..............e la sicurezza?

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  per la mia esperienza in cantiere purtroppo spesso la sicurezza non è un costo in più, ma solo un atteggiamento mentale! per non perdere 10 minuti o per lavorare più "liberamente" spesso si tralasciano le più elementari misure di sicurezza, e purtroppo devo dire che gli artigiani sono quelli che più spesso non le osservano, e parlo di lattonieri, antennisti, ecc., in particolare quando non vi è un vero e prorpio cantiere, e quindi un responsabile della sicurezza

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originariamente inviato da recoplan Visualizza il messaggio
                                                    io personalmente "consiglio caldmente "il cliente finale di istallare una lina vita insieme all'impianto FV
                                                    Io consiglio sempre uno o più golfari (i punti di ancoraggio sicuro permanenti) in caso di qualsivoglia intervento su tetto. Possono sempre servire, anche solo per andare se qualche tegola perde, figuriamoci se hai un impianto in copertura...

                                                    La sicurezza in cantiere?
                                                    Un bel problema che dovrebbe essere una preoccupazione per tutti, e finisce per essere solo una condanna a morte di alcuni.

                                                    Perchè ce n'è per tutti, dai committenti alle maestranze.
                                                    I primi che vogliono risparmiare e consegnato il lavoro l'altro ieri, i datori di lavoro che nella maggior parte dei casi l'importante è correre ma diciamocelo, anche gli operai questo gran rispetto della propria vita... eh?
                                                    Chi ha provato a discutere con chi sta approntando un ponte in modo "artistico", che lagna per vedere qualche moschettone attaccato a dove dovrebbe essere attaccato, per non vedere i caschi sulle teste e non appesi alle cime dei pali mozzicone di ponte sporgenti, a portata di mano se arriva il coordinatore ma non dove devono se arriva una tegola dal piano cornicione.
                                                    Il partito dei "non si preoccupi, non è il primo giorno che lo faccio sa", che ogni anno lascia il proprio contributo di sangue sui selciati.

                                                    Ma ci stupiamo? Ha ragione criccux, la sicurezza o ce l'hai in testa o non ce l'hai.
                                                    Siamo il paese in cui, per farci portare, a tutti, le cinture in auto e salvarci la capoccia, c'è voluta una legge e la minaccia di perdere punti e non poter guidare. Perchè da soli, ciascuno, sembravamo non volerci arrivare a tutelarci da soli.

                                                    Non c'è sicurezza senza cultura della sicurezza, un paese in cui basterebbe cambiare proprio poco della normativa vigente per fare sicurezza sul serio.
                                                    Ma tutto si predica, pur di non fare quel poco che servirebbe.
                                                    E a pensar male vien da credere che un motivo ci sarà.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Originariamente inviato da Denew Visualizza il messaggio
                                                      Il partito dei "non si preoccupi, non è il primo giorno che lo faccio sa", che ogni anno lascia il proprio contributo di sangue sui selciati.
                                                      In effetti chi ha avuto l'esperienza di fare da 'committente' in un lavoro edile resta allibito dalla distanza che intercorre fra la teoria (a volte quasi comica nelle normative) e la realtà del 'machismo edilizio' sul campo. A mio parere sarebbe molto utile estendere le sanzioni non solo a appaltatore o addirittura committente (che spesso nemmeno sa cosa succede in cantiere, nè può saperlo!), ma anche al lavoratore stesso. Cosa che ora a quanto ne so accade molto raramente. Ispettori del lavoro non è che manchino, ma a me pare (sbaglierò!) che ambiscano molto di più a vagare per uffici e negozi, dove il massimo pericolo è inciampare nella borsa della segretaria, a spulciare inutili scartoffie sempre prive del dovuto timbro previsto dalla circolare vattelapesca, invece che sorvegliare i veri lavori pericolosi.
                                                      Sul fatto della sicurezza nel montaggio dei pannelli e della sua influenza sul costo finale credo ci sia molta strada da fare, purtroppo.
                                                      “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                      O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        L'ideale sarebbe utilizzare anche dispositivi di protezione collettiva, oltre a quelli individuali, come un parapetto. Ma, al di là del fatto che sulla sicurezza si dovrebbero prendere tutte le precauzioni necessarie, mi chiedevo se solamente le cinture di sicurezza, secondo il decreto, sono sufficienti...non bisognerebbe valutare il rischio residuo?
                                                        Ciao

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          a mio modesto parere aver coinvolto il committente nella responsabilità sulla sicurezza è una grossa porcheria, primo perchè il committente non ha normalmente competenza in materia, secondo perchè non gli si può chiedere di sorvegliare l'esecuzione dei lavori.
                                                          Io credo che la normativa vigente sia più che sufficiente, il problema è giustamente l'applicazione, ma sull'operato degli ispettori non mi pronuncio..... (onde evitare denuncie!!!)
                                                          Daccordo invece sull'estendere le sanzioni al lavoratore, in quanto spesso le responsabilità sono individuali, ho visto spesso la baracca di cantiere piena di caschi protettivi, e non un operaio metterselo in testa, tu mandi una raccomandata, li richiami, ma come te ne vai quelli lo ributtano in baracca, e poi ci si indigna coi datori di lavoro.....

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Rispondo con piacere a Recoplan, allora diciamo che sto collaborando con un azienda che inizia ora a montare i primi impianti fotovoltaici e ce la mettiamo tutta per fare le cose per bene.
                                                            La sicurezza quindi è molto importante e ritengo sia un ottima referenza su come un'azienda lavori, è proprio per questo che ho piacere di sapere voi come affrontate il problema.
                                                            Stiamo iniziando ora, sappiamo che avremo molta strada da fare ma se non si parte col piede giusto non si va molto lontano!!

                                                            un saluto, Stefano

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR