adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Nuove norme antinfortunistiche sui tetti

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Nuove norme antinfortunistiche sui tetti

    Ciao a tutti, mi è stato detto da un collega che da Maggio di quest'anno è obbligatorio inserire almeno un punto sicuro sui tetti in cui si effettuano nuovi impianti fv o solari.
    Da quel che ne sapevo era obbligatorio solo in Toscana con la legge del 01/2005.
    In pratica non è più sufficiente che so, montare l'impianto FV con un ponteggio che poi viene smontato, ma bisogna pensare anche alla manutenzone futura.
    Mi sembra un ottimo provvedimento! se è vero che è stato fatto (da chi non saprei) obbligherebbe tutti finalmente a mettere in sicurezza in modo definitivo il tetto prima di fare il lavoro!
    Ho provato a fare ricerche di questo provvedimento ma non ho trovato nulla...
    Ne sapete niente? O è una bufala?

    Saluti.
    Pierluigi

  • #2
    Originariamente inviato da pierluigi giorgi Visualizza il messaggio
    Ciao a tutti, mi è stato detto da un collega che da Maggio di quest'anno è obbligatorio inserire almeno un punto sicuro sui tetti in cui si effettuano nuovi impianti fv o solari.

    Saluti.
    Pierluigi
    intendi tipo un golfare fissato con stop chimico, collante fischer od altro , in cui affrancare la cinghia life-line ?

    o 2 golfari o punti e montare proprio una life line ?
    TUTORIAL VIDEO PER NEOFITI E NON SOLO ( contatore quadri etc )
    http://www.youtube.com/user/socosnc/videos
    web/public?name=SOCO_SOLAR_PLANT[/URL]

    Commenta


    • #3
      ciao, considera che si in Toscana è obbligatorio su tutti i tetti oggetto di ristrutturazione, nuova costruzione...prevedere sistemi anticaduta, progettati e certificati, con tanto di manutenzione. Ma la legge 494/96 in materia di sicurezza nei cantieri edili aveva già presvito la realizzazione di sistemi anticaduta, e questa è una Legge nazionale.

      Considera comunque che deve esserci una certificazione del sistema che installi (che siano golfari che sia linea vita) certificazione della ditta che li installa, certificazione della tenuta (prova a strappo ecc.) quest'ultima te la può verificare un ing. con un minimo di calcolo a seconda del tipo di solaio sul quale vai a installare il sistema anticaduta.

      Saluti.

      Commenta


      • #4
        Ciao

        in alcuni comuni della Lombardia è stata resa obbligatoria la "linea vita"

        Un sistema di protezione fisso per la manutenzione delle falde... una corda di acciaio corre lungo il colmo del tetto fissata a due staffe di acciaio laterali fissate chimicamente.... il tutto con segnaletica obbligatoria da apporre all'accesso al tetto.

        Mi hanno chiesto ben 3.000 euro per l'nstallazione di questo sistema.

        L'idea è buona... anche se si "scaricano" (ma probabilmente questo avveniva anche prima!!!) i costi della sicurezza nei cantieri sull'utente finale........ il costo mi sembra elevato per il tipo di sistema e di materiale impiegato (nel mio caso 2 staffe tasselli chimici e 12 metri di cavo d'acciaio!!!!!)

        Probabilmente la normativa, trattandosi di sicurezza, dovrebbe dare anche indicazioni sui costi da applicare all'utente finale..... non ritengo giusto "guadagnare" anche su questo.

        Ciao
        luciano - Impianto fotovoltaico da 5,25 in DRESANO - MI
        “Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita” A. Einstein

        Commenta


        • #5
          Probabilmente la normativa, trattandosi di sicurezza, dovrebbe dare anche indicazioni sui costi da applicare all'utente finale..... non ritengo giusto "guadagnare" anche su questo.

          Ciao[/QUOTE]

          Senti un pò in giro, il costo è un tantino alto, anche in toscana appena uscì l'obbligo dei sistemi anticaduta, i prezzi erano così alti, oggi trovi aziende che con 600,00 installano i ganci sottotegole, con tutte le certificazioni del caso. Un caso con linea vita, è costato 1500,00 euro....

          Il guadagnare su queste cose......beh ogni lavoro sai bene che viene pagate, in questo caso è vero che lo scambio è troppo elevato. Non sono sicura che esistano dei tariffari sui costi della sicurezza, però sappi che nel 100% dei cantieri che ho seguito, non c'è stato un committente che ha voluto per legge pagare i costi fissi della sicurezza (che sempre per legge) andrebbero invece pagati all'impresa edile.

          Commenta


          • #6
            Negli ultimi anni si è registrato un forte impulso all'installazione dei dispositivi di ancoraggio derivante da modifiche al regolamento locale di igiene o da leggi regionali - provinciali.
            Queste “MISURE LEGISLATIVE” hanno introdotto l'obbligo di presentazione, in caso di nuove costruzioni o di interventi di rifacimento "sostanziale" della copertura, delle soluzioni progettuali adottate per la messa in sicurezza della stessa.

            La Regione Toscana (DPGR n° 62 del 23/11/2005) ha iniziato in tal senso:
            Il presente regolamento, in attuazione dell'art. 82, c. 16 della L.R. 1/2005, definisce istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da adottare nella progettazione e realizzazione di interventi edilizi riferiti a nuove costruzioni o ad edifici esistenti al fine di garantire, nei successivi lavori di manutenzione sulla copertura, l'accesso, il transito e l'esecuzione dei lavori in condizioni di sicurezza.


            Nella Regione Lombardia non esiste una specifica legge regionale.
            Tutte le province hanno modificato il capitolo 3° del R.L.I. inerente alla installazione di dispositivi di ancoraggio.
            I Lombardi sono ancora in attesa che la Regione emani una legge specifica come per la Regione Toscana.

            Nel resto dell'Italia non c'è chiarezza ....
            Buona giornata e buon lavoro a tutti.
            ENER

            Commenta


            • #7
              Ciao.. sia ben chiaro.... chi lavora deve essere pagato! E, come ho scritto, anche senza la "linea vita" i costi della sicurezza, come cliente, sono convinto di averli sempre pagati.

              Il problema è che non ho chiamato un'impresa per avere la "linea vita".
              L'impresa ha un appalto lavori da 15.000 euro!!! Se mi chiede in + 3.000 euro per la "linea vita"...... vabbè aspetto!!!

              Già te mi parli di 1.500 euro..... vedi!!

              un ciao a tutti
              Ultima modifica di luciexpo; 25-05-2008, 11:32.
              luciano - Impianto fotovoltaico da 5,25 in DRESANO - MI
              “Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita” A. Einstein

              Commenta


              • #8
                Linea vita - installazione

                Riprendo questa interessante (anche se tralasciata) discussione in quanto sono intenzionato ad installare una "linea vita" sul colmo, in considerazione del fatto che più volte devo salire sul tetto per sgomberare la neve dai pannelli e quindi immaginate una falda con 30° di inclinazione e a 9 metri d'altezza non è proprio sicuro salirci in condizioni di sicurezza.
                Chiedo pertanto se qualcuno ha adottato un sistema anticaduta a norma di legge, posto che sarei intenzionato a montare due "torrette" da 50 cm in corrispondenza del colmo, collegate da apposita fune metallica per una lunghezza max di 5 m.

                Inoltre ci vuole qualche autorizzazione da parte del Comune?
                Prezzi?

                ...........grazie Giuseppe
                Belluno 408 mlsm = Impianto semi-integrato da 2,96 kWp =16 pannelli Mitsubishi TD185MF-5 = Inverter SMA Sunny Boy 3000IT = tilt 30° = SUD-15°. In funzione dal 21.10.2009 = Rendimento anno 2010 pari a 1218,58 kWh/kWp Rendimento anno 2011 pari a 1437.16 kWh/kWpRendimento anno 2012 pari a 1361,14 kWh/kWp

                Commenta


                • #9
                  La linea vita di fatto non è sempre obbligatoria.
                  Obbligatoria è invece la messa in sicurezza del tetto quando ci sono operatori presenti e questo non sempre si ottiene con la linea vita.
                  Ci sono altri interventi che possono sostituirla: ponteggio, lavorare con il cestello, parapetti e altro ancora.
                  Non so chi di voi ha lavorato con linea vita e retrattile sulla schiena .... non è il massimo della comodità.
                  Buona giornata e buon lavoro a tutti.
                  ENER

                  Commenta


                  • #10
                    Leggendo questa discussione, non ho resistito a farci parte anch'io,che come installatore devo essere competitivo con chi esegue il montaggio dei moduli sulle falde non rispettando le più elementari regole di sicurezza.C'è ancora gente che sale sui tetti e si aggancia ai comignoli una vergogna.Comunque per usare in sicurezza la linea vita gli operatori devono seguire un corso apposito per essere in regola.

                    Commenta


                    • #11
                      Questo mi sta bene. Ma io, privato, dovendo salire tante volte sul tetto per lo sgombero della neve o per la pulizia dei pannelli o semplicemente per verificare se non vi siano tegole rotte o il controllo dell'antenna tv, ho bisogno di avere un sistema di ritenuta adeguato. Finora ho sempre indossato l'imbrago che uso normalmente per le ferrate, assicurato con una corda da parte di un amico che rimane all'interno della mansarda mantenendola in tensione ma sicuramente non mi da la massima fiducia, perciò mi piacerebbe poter installare una torretta in prossimità del colmo su cui agganciare la corda e relativo bloccante. Per questo motivo avevo chiesto se qualcuno aveva già montato qualcosa di simile.Poi in un altro 3D è stato fatto l'elenco degli incidenti avvenuti sui tetti durante l'installazione del ftv.

                      Ciao e Buon 2011
                      Belluno 408 mlsm = Impianto semi-integrato da 2,96 kWp =16 pannelli Mitsubishi TD185MF-5 = Inverter SMA Sunny Boy 3000IT = tilt 30° = SUD-15°. In funzione dal 21.10.2009 = Rendimento anno 2010 pari a 1218,58 kWh/kWp Rendimento anno 2011 pari a 1437.16 kWh/kWpRendimento anno 2012 pari a 1361,14 kWh/kWp

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da kebrox Visualizza il messaggio
                        Per questo motivo avevo chiesto se qualcuno aveva già montato qualcosa di simile.
                        Ho messo la linea vita "Economy-Line" della Sicurpal.
                        Montata 1700 euro (ma si puo' avere anche a 1500 o giu' di li').

                        Esistono poi anche singoli pali di ancoraggio a costi molto inferiori.

                        Qui da me non servono permessi, immagino dipenda da Comune a Comune.

                        mp

                        Commenta


                        • #13
                          fin che tengono dei prezzi del genere per un pezzo di acciaio credo che nessuna persona le installera' sul proprio tetto.
                          Impianto Tot.Integrato da 4,07 kwp; 22 moduli Aleo s16 da 185w inverter SMA 4000tl-20 Orientamento: 10 pannelli -60° sud, 12 pannelli +20° sud.Tilt 18°
                          Ubicazione: Pordenone

                          Commenta


                          • #14
                            se uno vuole risparmiare può farsi da sè qualcosa del genere o trovare i pezzi adatti poi se ne assume la responsabilità,io ho fatto saldare al fabbro delle anelle alla struttura un non integrato sul tetto,la sicurezza ci vuole le certificazioni sono dettagli

                            Commenta


                            • #15
                              fin che tengono dei prezzi del genere per un pezzo di acciaio credo che nessuna persona le installera' sul proprio tetto.
                              Non è il costo del materiale a incidere sul costo totale ..... bensì la certificazione che ti viene rilasciata, in pratica copia e incolla di altre certificazioni fatte a suo tempo ad altri, il tutto per mantenere impiegati/e as fare un ***** tutto il giorno, ma non è finita ...... se installi i semplici occhielli (2-3 per tetto) non sei tenuto ad eventuale manutenzione ..... diversamente se installi la linea vita ..... obbligatoriamente (indipendentemente dall'utilizzo !!!) devi farla "verificare" da un addetto (specialista) anno per anno ...... chiaramente dietro CONGRUO COMPENSO !!!
                              Ora alla luce dei fatti, un pezzo di acciaio inox ...... non vi dà l'idea che sia un ulteriore tassa a chi dispone di una fonte "ecologica" ???
                              Dimenticavo ..... nelle disposizioni attuali .... prima di installare qualunque tipo di fonte energetica sul tetto ..... si devono installare a norma e certificare i previsti ancoraggi, diversamente ...... ciccia!

                              Commenta


                              • #16
                                certificazioni sono dettagli
                                appunto dettagli ..... un domani deve salire una persona .... non necessariamente addetta all'impianto ..... e chiede se sono certificati .... tu che fai ???
                                P.S.
                                condivido pienamente quello che hai fatto fare al fabbro<!-- / message -->

                                Commenta


                                • #17
                                  appunto me ne assumo la responsabilità,a parte il fatto che serve a mè
                                  non vorrei dire castronerie ma qualsiasi artigiano si può costruire una linea vita anche non in acciaio poi se uno vuole stare tranquillo a livello di responsabilità installerà quella certificata,comunque nel 2010 mi ero informato per una linea vita da 30 mt da installare qui in città mi avevano chiesto1800 € in fiera una ditta del trentino me la poteva fornire per circa 1000 € e sembrano tanti anche quelli

                                  Commenta


                                  • #18
                                    linea vita a Mantova, qualcuno sa se è obbligatoria o meno? o solo in certi casi tipo rifacimento coperture? da preventivi ho 3000 euro più iva per 21 ml acciaio inox 9mm certificata 10 anni oppure 1700 più iva fune zincata da certificare ogni anno... che ne pensate...

                                    Commenta


                                    • #19
                                      io ho fatto saldare 4 anelle al fabbro alla sottostruttura poi ci tiro
                                      un cavo di 24 mt dovrebbe tenere
                                      File allegati

                                      Commenta


                                      • #20
                                        io ho messo 4 ganci sottotegola ancorate ai travi certificate....costo 10 euro l'una
                                        Impianto Tot.Integrato da 4,07 kwp; 22 moduli Aleo s16 da 185w inverter SMA 4000tl-20 Orientamento: 10 pannelli -60° sud, 12 pannelli +20° sud.Tilt 18°
                                        Ubicazione: Pordenone

                                        Commenta


                                        • #21
                                          ..il fai da te..

                                          Comprendo e condivido l'indignazione per i prezzi delle linee vita, ma, almeno qui nei dintorni di Firenze, è praticamente impossibile pensare di applicare un'alternativa non contemplata dalle norme vigenti.. Il prezzo delle conseguenze di un controllo, sarebbe davvero esoso..

                                          Commenta

                                          Attendi un attimo...
                                          X
                                          TOP100-SOLAR