adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sfruttare la luce diffusa o ridotta con il silicio.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sfruttare la luce diffusa o ridotta con il silicio.

    Salve
    Vista la localizzazione della mia abitazione perderei molte ore di sole e dovrei quindi cercare di sfruttare la luce diffusa e i momenti di illuminazione ridotta.
    Mi hanno proposto di utilizzare pannelli kaneka da 60w, ma occuperebbero una superficie eccessiva. Oltre al CIS e ai pannelli con cdte first-solar difficilmente ottenibili per un privato, quali altre soluzioni ci sono al silicio?

    Grazie

  • #2
    Ciao Alex!
    Mi viene in mente solo l'amorfo.
    Ma sei sicuro che ti convenga?Fai una indagine seria...

    Commenta


    • #3
      I problemi sono:
      - circondato da monti, quindi il sole sorge e tramonta prima. Vorrei quindi sfruttare almeno la luce diffusa.
      - L'anno scorso ha fatto agosto "variabile" per usare un eufemismo. Quest'anno è così maggio.
      - Da qualche anno sono aumentati i giorni di nebbia.
      - La presenza di alcuni camini ineliminabili potrebbe provocare alcune zone d'ombra durante il giorno.

      Avevo hanno proposto anche i bisol (credo a tripla giunzione) ma il prezzo dovrebbe salire.
      Forse gli sharp NA potrebbero essere un buon compromesso tra spazio e amorfo.
      Che ne pensate?

      L'amorfo si degrada così tanto rispetto al policristallino al passare degli anni?

      Commenta


      • #4
        il valore di Wp indicato per i moduli in amorfo è quello già "stabilizzato" (nei primi 2/3 mesi di funzionamento hai una sovraproduzione del 15-20%), poi la riduzione annua è simile a quella del mono e del poli (degrado di circa 0,6-0,8%)

        Commenta


        • #5
          forse forse ti conviene farti fare un sopralluogo con studio clinometrico , una relazione ed uno studio di fattibilità connesso , e poi decidere.

          Da come dici mi sembra un caso di "valletta" stretta, e magari non e' il caso di fare FV, meglio investire in un cappotto per l'edificio, ventilare il tetto, o cambiare infissi con doppi o tripli vetri con camere d'argon o simili, risc. a pavimento, insomma RISPARMIO ENERGETICO e non produzione.

          I finanziamenti, se poi se in prov. di MI sono a tasso zero, coprono anche questi interventi.

          PS I BISOL , se è la marca, sono pannelli normali , cioe poli-cristallino, ma assemblati in Slovenia, non sono tripla giunzione.
          Costeranno forse di piu' perche' made in europa, ma vojo dire se vuoi spendere qualcosina in piu' del china, prendi made in ITALY vero !!!!!

          saluti,
          Andrea
          TUTORIAL VIDEO PER NEOFITI E NON SOLO ( contatore quadri etc )
          http://www.youtube.com/user/socosnc/videos
          web/public?name=SOCO_SOLAR_PLANT[/URL]

          Commenta


          • #6
            Ciao
            ho sbagliato il nome sono BIOSOL, tecnologia tripla giunzione della uni-solar.
            Non è una valle stretta (avrei già rinunciato) però perdo comunque qualcosa a inizio e fine giornata

            http://www.energeticambiente.it/atta...1&d=1212222276

            Vedrò per il un sopralluogo con studio clinometrico.

            Ciao
            File allegati

            Commenta

            Attendi un attimo...
            X
            TOP100-SOLAR