adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

problematica con imprevista con Enel Catania

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • problematica con imprevista con Enel Catania

    Ciao a tutti,
    un problema imprevisto che sta ponendo enel nel collegamento di un impiantino FV per il condominio in cui abito e che mi ha sorpreso non poco:
    cerco di illustrare il caso:

    Condominio con contatore unico trifase e contratto da 5KW per Ascensore e altri servizi come luce scala, luce garage e centralina TV.
    Si realizza un impianto FV da 3KW da installare su una delle 3 fasi.

    Enel esegue il sopralluogo dopo la richiesta di connessione e dice che per poter collegare l'impianto pretende di voler sdoppiare il contatore e lasciarne uno trifase per l'ascensore ed uno monofase per gli altri servizi.

    Motivo: nei condomini moderni non è più possibile realizzare un unico contatore per ascensore e servizi come invece si poteva fare una volta.

    Io sono un condomino ed anche un progettista elettrico e non riesco e rendermi conto del perchè fare una difficoltà del genere in un impianto preesistente da 40 anni.
    Non ho progettato l'impianto FV ma a mio parere la ditta fornitrice ha fatto bene il progetto ed anche l'impianto, non ha toccato per niente il quadro dell'impianto utilizzatore rimanendo con il FV a monte dello stesso e realizzando un quadro dedicato tra Inverter e contatore che va direttamente appunto al contatore senza interessare il quadro generale delle utenze.

    Avete idea se ci sono state problematiche simili o se l'ENel può arrogarsi un diritto del genere? si può eventualmente fare intervenire qualche autorità?


    Infine anche volendo acconsentire ad una richiesta del genere mi domando ma a cosa vorrebbe Enel farci collegare il monofase visto che l'impianto del condominio è unico. Intendo un unico quadro generale alimentato dall'unico contatore che comanda l'ascensore e altri servizi con un magnetotermico generale e un magnetotermico differenziale per ogni singolo carico (uno per l'ascensore trifase ed uno per ognuna delle 3 utenze monofase ciascuna alimentata da una delle 3 fasi dell'alimentazione trifase comune)


    mi sapete dare un suggerimento?
    saluti

    Nicola

  • #2
    Figurati, a te almeno hanno risposto io e' da due mesi che aspetto loro notizie su dove posizionare i contatori e il loro sopraluogo, a tutt'oggi scena muta, che fare? a chi rivolgersi?

    Commenta


    • #3
      Antoniuccio,
      ti devo anche dire che sono riuscito a risolvere tutto con l'aiuto dei colleghi dell'enel di Acireale e dello sportello per il PV di Catania brillantemente.

      in sostanza studiando le carte abbiamo capito che il problema reale era solo che il contratto di fornitura non specificava che si trattava di un contratto per Ascensore. Errore di 40 anni fa. Per cui la problematica dei tecnici di Enel era che installando un nuovo contatore elettronico bidirezionale dotato di limitatore l'ascensore non avrebbe funzionato per cui l'iniziale suggerimento iniziale riportato.

      Chiarito che ci siamo attivati subito per correggere l'errore contrattuale e richiedere questa modifica del contratto, mi hanno fatto alcune (poche) prescrizioni giuste sulla installazione che faremo e che ci consentiranno di poter collegare l'impianto alla rete Enel senza difficoltà. E così stanno preparando il preventivo per il collegamento.

      La domanda era partita a metà luglio (non so quando recapitata), il sopralluogo il 3 settembre, non male in ogni caso.


      Dovresti capire come mai da te non si sono fatti sentire sembra sei di Catania anche tu, giusto?

      se ti posso essere di qualche aiuto fammi sapere
      ciao

      Commenta


      • #4
        Tante volte ENEL per ignoranza pratica o per ..... motivi ancestrali si inventa delle soluzioni non sicuramente ottimali per l'utente finale.
        Il fatto è che loro hanno il coltello dalla parte del manico e non eisite, credo, un motivo si contenzioso legale ...... che porterrebbe alla rottura definitiva dei rapporti.
        Buona giornata e buon lavoro a tutti.
        ENER

        Commenta


        • #5
          ma a volte invece si trovano soluzioni ottimali per tutti

          Ener,
          probabilmente in un certo numero di casi è vero.
          In questo caso particolare vi è stata invece una discussione aperta e molto equilibrata, seguita da uno studio delle normative preciso e pacato che ed anche utile che ha portato ad una soluzione che è la migliore possibile per l'utente finale ed è in linea con le norme e le prescrizioni tecniche.
          Infine devo anche testimoniare che i tecnici Enel hanno fornito un paio di buone raccomandazioni per migliorare alcune parti dell'impianto che saranno anche recepite dalla ditta installatrice.
          Per cui quello che all'inizio era sembrato un incubo alla fine è risultato una esperienza estremamente positiva.

          Oltre ad avermi dato l'opportunità di stringere dei rapporti di stima reciproca con l'ufficio preposto ai collegamenti per la zona ed anche con lo sportello per gli impianti FV qui a Catania.

          Io crdo che se strutture come questa che ho avuto modo di conoscere fossero presenti su tutto il territorio vi sarebbe un grosso beneficio allo sviluppo degli impianti FV collegati con Enel
          ciao

          Commenta

          Attendi un attimo...
          X
          TOP100-SOLAR