annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Costi burocratici

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Costi burocratici

    Una azienda a cui ho chiesto un preventivo mi ha informato che questo comprende anche le pratiche burocratiche. Il classico preventivo "chiavi in mano". Per quanto riguarda la DIA pero' sono stato informato che ha un costo di 300 euro circa, al che mi e' venuto il sospetto che si occupano delle pratiche ma non e' incluso il loro costo, almeno non di tutte. Spero di sbagliarmi. Ma non oso chiedere quanto mi costerebbe la richiesta e l'allaccio all'enel, pratica gse, eventuali lavori di muratura strettamente necessari a far entrare un secondo contatore ecc.. Chiedo qui di essere illuminato riguardo a questi cosiddetti "costi secondari" prima di dare certezza ai miei sospetti e farmi un'idea piu' completa sui reali costi da affrontare e per meglio comprendere l'eventuale contratto che andrei a firmare.

  • #2
    Verifica bene che sia veramente chiavi in mano. Già che ti dicano che la DIA non è compresa mi fa puzzare la cosa.
    Un installatore serio, quando dice chiavi in mano, dovrebbe proporti l'impianto completo di tutta la burocrazia che ci sta dietro.
    Ciao

    Commenta


    • #3
      Ma e' verosimile che una dichiarazione di inizio attivita' compilata da me il comune chieda 300 euro? Che e' una tassa perche' si ha intenzione di produrre energia pulita?
      Ultima modifica di nll; 10-09-2012, 22:24. Motivo: Citazione integrale non consentita. Violazione Art.3 del regolamento del forum

      Commenta


      • #4
        Per la DIA ci sono solo i costi fissi dei diritti di segreteria, pari a 51,00 €!! non mi risulta ci siano altri costi fissi...

        Commenta


        • #5
          ciao Marduk, in prima battuta ti consiglio di chiarire l'aspetto DIA che per impianti parzialmente integrati risulta come manutenzione ordinaria, quindi non soggetta a DIA (chiama in comune) per quanto riguarda il "chiavi in mano" la DIA non deve essere necessariamente inclusa, infatti un installatore serio ed aggiungo onesto, la fa fare dal cliente che sicuramente risparmierà qualcosa, ad ogni modo le nuove normative sulla DIA sono cambiate ma non tutti hanno recepito la nuova direttiva anche se è nazionale.quindi può accadere che qualche comune non sia "informato" su quando sia necessaria e quando no, per questo motivo chiamali e chiedi

          ...dimenticavo qui trovi una lunga discussione sull'argomento http://www.energeticambiente.it/foto...omplanari.html

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da marduk Visualizza il messaggio
            ...
            Stai facendo confusione, la DIA non la fa l'azienza, le pratiche si, le opere murarie sono un'altra cosa ancora.

            Ritengo invece onesto NON includere la DIA in costi dell'azienda.

            Anch'io non la includo mai, e se e' necessaria ( e mi preparo prima per sapere SE serve no ) contatto un geom. ed il comune e poi la fa direttamente il cliente con il geom. senza che io debba ricaricare questo servizio.
            I costi fissi del comune sono di ca. 52 EURO , quelli per la redazione variano da 450 a 1200 euro , dipende dallo studio incaricato.

            Inoltre sappi che la DIA non e' sempre necessaria.
            1 informarsi in comune SE l'impianto e' NON integrato oppure non complementare alla falda ( es. tetto piano impianto parz. integrato ma NON complanare ) se serve la dia

            2 se l'impianto e' totalm. integrato, o parz. integrato e complementare alla falda, non e' necessaria la DIA in quanto l'opera e' classificata come man. ordinaria, quindi basta una comunicazione all'urp ( uff. relaz. pub. ) del comune per l'ufficio tecnico, in cui dici che fai questo lavori. la comunicazione NON e' soggetto a commissione ed a giudizio, quindi puoi partire subito con i lavori.
            Nei comuni dove non ci sono impianti e si e' i primi ci si deve armare di pazienza ed andare nell'ufficio tecnico con i riferimenti legislativi .

            Rimane il fatto che chi ti ha fatto la proposta commerciale evidentemente ( sei qui a chiedere ) non ti ha dato tutte le informazioni, quindi a prescindere e' sintomo di scarsa preparazione, o non ha nemmeno contattato l'ufficio comunale per chiedere della dia.

            A te la conclusione.

            saluti,
            Andrea
            Ultima modifica di nll; 10-09-2012, 22:24. Motivo: Eliminazione citazione integrale. Violazione art.3 del regolamento del forum
            TUTORIAL VIDEO PER NEOFITI E NON SOLO ( contatore quadri etc )
            http://www.youtube.com/user/socosnc/videos
            web/public?name=SOCO_SOLAR_PLANT[/URL]

            Commenta


            • #7
              Mi scuso se scrivo nel post errato,
              in chiusura del 2012 con l'avvento del Vconto come scorporate i costi degli impianti?

              Sto collaborando con uno studio tecnico che effettua progettazione nel settore,
              e mentre il mio datore di lavoro si occupa della progettazione e della gestione degli installatori,
              io mi occupo di tutta la parte burocratica (Enel, Terna, Gse, Ufficio delle dogane ed AEEG...)

              Con la corsa alla chiusura del IV conto mi sono trovata a svolgere
              per ovvi tentativi di allaccio entro agosto con ENEL
              e relativa presentazione delle pratiche al GSE nei canonici 15gg di scadenza:
              Doppio del lavoro, nella metà del tempo rispetto ai periodi più calmi,
              ed io vengo pagata ad ore e non a progetto,
              pertanto mi sono spettati doppio lavoro ma metà dei soldi...

              Siccome vorrei rivalutare la mia situazione contrattuale
              oltre che propormi ad altri studi per effettuare lo stesso lavoro
              come scorporereste dai costi che su altri forum hanno indicato intorno ai 350€/kW
              la parte relativa alle mie competenze, escludendo la progettazione

              sono aperta sia alla possibilità di lavorare un TOT/kW
              che ad un adeguato fisso TOT/pratica consapevole del fatto che al variare delle dimensioni di potenza
              è più onerosa la parte progettuale (sia di analisi che di responsabilità) che quella burocratica

              Spero mi possiate consigliare

              Commenta


              • #8
                Costi ENEL DISTRIBUZIONE, senza IVA - allaccio, in funzione di distanza dalla cabina MT e potenza richiesta. il preventivo si paga in anticipo 100 200 euro, poi fornito il preventivo hai 60 gg per confermarlo ... (se scade ripaghi 100 / 200 €...)

                se ti avvali anche del servizio di misura, per impianti > 20 kw, senza IVA - 100 per posa misuratori (200 se > 30kw) e annualmente 330 euro/anno

                Commenta


                • #9
                  Inoltre devi pagare per il riconoscimento incentivo al GSE il contributo per il 5 conto

                  E non dimentichiamo, per il futuro, quanto sarà in esercizio:
                  CONTRIBUTO AEEG ogni anno, se il ricavo supera 40.000 euro
                  dal 2013 CONTRIBUTO AL GSE per 0,0005 €/kwh prodotto + iva
                  23,24 per Diritto Licenza Officina Elettrica (Dogane) solo > 20kwh
                  IMU se devi accatastare l'impianto a terra, o adeguare la rendita dell'immobile ...
                  per il RID contributo amministrativo al GSE (in % alle fatture)
                  per il SSP contributo annuale amministrativo 30 (o 45) euro +iva fisso

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X
                  TOP100-SOLAR