adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Incentivi ed inflazione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • carest
    ha risposto
    Originariamente inviato da stjopa70 Visualizza il messaggio
    Una precisazione per chiudere il quadro:
    il CE dice: "i valori [...] saranno decurtati del 2% per ciascuno degli anni di calendario successivi al 2008"
    quindi nel 2010 saranno decurtati di un ulteriore 2% rispetto al 2009.
    Saluti,
    Stjopa70
    Hai ragione; mi ero espresso male.

    per omaccio e Gus Hansen:
    Per piccoli impianti privati conviene sempre lo scambio sul posto, oltre che per il migliore rientro economico (come spiegato da Gus Hansen, anche se i "18"cent/kWh sono molto variabili... ne abbiamo parlato in altre discussioni e sto preparando un foglio di calcolo sui costi dell'energia elettrica per utenze casalinghe, da mettere nella sezione risparmio in casa), anche per il fatto che per poter fare la vendita devi avre la partita IVA e un relativo commercialista che ti possa seguire le (molte) pratiche burocratiche da portare avanti..... in definitiva non ne vale proprio la pena e lo si può ragionevolmente fare solo per potenze molto più grandi di 3-6kWp.

    saluti
    carest

    Lascia un commento:


  • GusHansen
    ha risposto
    Stiamo attenti a non confondere ulteriormente...... la tariffa, una volta assegnata dal GSE è FISSA X 20 ANNI; se però l'impianto lo fai (collegato in rete) nel 2009 e 2010 la tariffa è inferiore del 2% rispetto ad oggi, ma fissa sempre x 20 anni.
    Oltre il 2010 dovrà essere definita con un nuovo decreto o un completamento, altrimenti rimarranno le tariffe 2009-2010.

    saluti
    carest
    Si, vero. Non è che se uno fa l'impianto nel 2018 ha solo 10 anni di CE. Forse mi ero spiegato male.

    Buono ho capito, per piccole taglie conviene autoconsumare fino all'osso!
    L'incentivo del GSE ti arriva comunque, la differenza sta nell'energia venduta che per impianti così piccoli viene utilizzato il ritiro dedicato se si tratta di vendita. Il valore dell'energia venduta è di €/kWh 0,098 (aggiornato trimestralmente sul sito dell'AEEG). Quindi invece di pagare i 18 c/€ al kWh e risquoterne quasi 10 (perdita di circa 9 c/€) si fa un conguaglio annuale sull'energia prodotta e consumata andando a risparmiare quei 9 c/€.

    Sbaglio carest?

    Ciao

    Lascia un commento:


  • stjopa70
    ha risposto
    Originariamente inviato da carest Visualizza il messaggio
    ... nel 2009 e 2010 la tariffa è inferiore del 2% rispetto ad oggi...
    Una precisazione per chiudere il quadro:
    il CE dice: "i valori [...] saranno decurtati del 2% per ciascuno degli anni di calendario successivi al 2008"
    quindi nel 2010 saranno decurtati di un ulteriore 2% rispetto al 2009.

    Saluti,
    Stjopa70

    Lascia un commento:


  • omaccio
    ha risposto
    Buono ho capito, per piccole taglie conviene autoconsumare fino all'osso!

    Lascia un commento:


  • carest
    ha risposto
    Originariamente inviato da GusHansen Visualizza il messaggio
    L'incentivo che io sappia scende il 2% anno e se per consumi familiari non ha proprio senso fare la vendita. ....

    Ciao
    Stiamo attenti a non confondere ulteriormente...... la tariffa, una volta assegnata dal GSE è FISSA X 20 ANNI; se però l'impianto lo fai (collegato in rete) nel 2009 e 2010 la tariffa è inferiore del 2% rispetto ad oggi, ma fissa sempre x 20 anni.
    Oltre il 2010 dovrà essere definita con un nuovo decreto o un completamento, altrimenti rimarranno le tariffe 2009-2010.

    saluti
    carest

    Lascia un commento:


  • GusHansen
    ha risposto
    L'incentivo che io sappia scende il 2% anno e se per consumi familiari non ha proprio senso fare la vendita. Lo scambio sul posto è stato proprio pensato per aumentare il risparmio a queste utenze.

    Ciao

    Lascia un commento:


  • portoclimaenergy
    ha risposto
    Originariamente inviato da omaccio Visualizza il messaggio
    Ciao ragazzi volevo porre un quesito a solo titolo informativo:
    sapete se nel caso di Fotovoltaico in conto energia l'incentivo è rivalutabile con l'inflazione oppure è 0,xx euro da qui a 20 anni?

    Mi è venuto questo dubbio in quanto un mio collega quest'anno sta valutando l'installazio di fotovoltaico sul tetto di casa (da 3 a 6 Kw) allettato dagli incentivi che lo stato da; io gli avevo proposto di optare per lo scambio sul posto ma lui insiste sul prendere gli incentivi. Se questi però non sono legati ad una rivalutazione in base all'inflazione annua tra 20 anni varranno nulla o quasi giusto?

    Grazie!
    Forse avete confusione.. gli incentivi del nuovo conto energia sono ventennali e non rivalutabili, lo scambio sul posto c'è in ogni caso, salvo che uno non opti per un impianto di P maggiore rispetto il fabbisogno e fare la vendita dell'energia non autoconsumata.. ma assolutamente per piccoli impianti non c'è convenienza..
    Ciao e buon pranzo a tutti

    Lascia un commento:


  • Alby62
    ha risposto
    l'incentivo è fisso per 20 anni , e lo scambio sul posto lo devi fare cmq,

    Lascia un commento:


  • omaccio
    ha iniziato la discussione Incentivi ed inflazione

    Incentivi ed inflazione

    Ciao ragazzi volevo porre un quesito a solo titolo informativo:
    sapete se nel caso di Fotovoltaico in conto energia l'incentivo è rivalutabile con l'inflazione oppure è 0,xx euro da qui a 20 anni?

    Mi è venuto questo dubbio in quanto un mio collega quest'anno sta valutando l'installazio di fotovoltaico sul tetto di casa (da 3 a 6 Kw) allettato dagli incentivi che lo stato da; io gli avevo proposto di optare per lo scambio sul posto ma lui insiste sul prendere gli incentivi. Se questi però non sono legati ad una rivalutazione in base all'inflazione annua tra 20 anni varranno nulla o quasi giusto?

    Grazie!
Attendi un attimo...
X
TOP100-SOLAR