adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Fusibili lato DC e Diodo di Blocco

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Fusibili lato DC e Diodo di Blocco

    Ciao a tutti,
    Ho alcuni dubbi sul diodo di blocco e sui fusibili lato DC che mi hanno installato, per un impianto di UNA SOLA stringa da 2Kwp, max 5,5 Ampere e max 570V.

    I due cavi discesa DC dai pannelli, vanno ad un portafusibili con 2 fusibili Italweber CH10 (10A 500V alternata, 1,00W).
    In uscita ai fusibili, sul cavo del Positivo che va all'inverter, c'è un DIODO della "International Rectifier" codice 12F120 (Diodo senza dissipatore veramente piccolo con filetto per serrare il cavo)

    1) Secondo il vostro parere i fusibili sono corretti??? Credo proprio che servano quelli per DC e non per AC; di che amperaggio vanno presi per questo impianto?

    2)Il DIODO di blocco SERVE??? Se si, quale mi consigliate?

    Ciao e grazie.
    Il mio impianto (con dati produzione mensili e corrispettivi GSE): http://digilander.libero.it/fabiocasi/

  • #2
    dilettanti allo sbaraglio?

    Ciao,
    se quello che descrivi è vero c'è da piangere.
    Quanto tempo fa lo hanno realizzato?

    Comunque il diodo di blocco non serve con una sola stringa e presumibilmente potevi anche non mettere i fusibili che comunque da 10A sono giusti.

    certamente però se li metti devono essere per DC e non per AC, i 500V dovrebebro essere suff. ma meglio fare un calcolo per la V massima del tuo impianto per essere sicuro.

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da ngrasso Visualizza il messaggio
      Ciao,
      se quello che descrivi è vero c'è da piangere.....
      Concordo, allucinante
      Impianto FV 2,94 kWp 23° -85 est 1° CE e 3 PDC Riello aria 13 kWt dal 2007.
      Caminetto aria Montegrappa CMP05 10,5 kWt, 4* dal 2011. Caldaia a metano Riello Family 26K.Twingo Electric Zen dal 2021

      Commenta


      • #4
        Ciao a tutti,

        Installati pochi mesi fa!!!!

        Visto che mi avete convinto a "litigare" con l'installatore ;-)
        cosa mi consigliate di pretendere che mi modifichi /Installi???

        ((Ma servono ifusibili anche sul lato AC o bastano gli scaricatori?))

        Grazie ancora
        ciao.
        Il mio impianto (con dati produzione mensili e corrispettivi GSE): http://digilander.libero.it/fabiocasi/

        Commenta


        • #5
          Ciao,
          prima di "litigare", intanto è opportuno che descrivi a fondo il tuo impianto con dati certi, se hai dei dubbi su qualche dato dillo.
          Aiutati leggendo una delle mille discussioni su "problemi" vari degli impianti per renderti conto di quali dati bisogna sapere, i dati sotto sono il minimo per iniziare una discussione.
          -Ubicazione impianto, basta la provincia
          -Marca e modello inverter
          -Marca e modello pannelli
          -orientamento e inclinazione
          Se hai lo schema postalo, togliendo i riferimenti personali tuoi e dell'installatore.
          Eventuali ombre e tutto quello che può essere utile per capire certe scelte.
          Con quello che hai postato non si può dire nulla a parte battute.

          ho cercato di essere anche sublimale
          Impianto FV 2,94 kWp 23° -85 est 1° CE e 3 PDC Riello aria 13 kWt dal 2007.
          Caminetto aria Montegrappa CMP05 10,5 kWt, 4* dal 2011. Caldaia a metano Riello Family 26K.Twingo Electric Zen dal 2021

          Commenta


          • #6
            allora hai detto che hai 1 stringa da circa 2KWp se non sbaglio, manca di sapere quale inverter hai o almeno quale è la sua corrente massima in AC in uscita comunque a naso per un 2KWp circa 12A in uscita dal tuo inverter al massimo, probabilmente 10A:

            1) Tieni gli scaricatori di sovratensione sul lato DC in ogni caso.

            2) Tieni eventualmente solo i fusibili sul lato DC da 10A e DC con V> della tua Vmax calcolata a vuoto in condizioni di minima temperatura (es -10°C). Anche se In realtà potresti levare pure questi

            3) Fatti levare e rimborsare i diodi di blocco ed eventualmente anche i fusibili per AC che sono sbagliati. Lascia il sezionatore per corrente continua (spero che ce ne sia uno oppure hai un sezionatore con fusibili estraibili?).

            3) Sul lato AC i Fusibili non sono necessari se subito all'uscita del tuo inverter hai almeno un magnetotermico diciamo da 16A. Se non hai all'uscita del tuo inverter un limitatore di corrente (come un magnetotermico) allora dei fusibili sempre da 16 ampere ci vogliono.

            4) dopo il magnetotermico da 16A o i fusibili da 16 A ci deve essere il contatore GSE, e dopo questo metterai gli scaricatori di sovratensione (buono se te li hanno messi, sperando che non li abbiano sbagliati) infine un interruttore generale possibilmente con modulo differenziale da con dI=0.3A (anche quest'ultimo non obbligatorio ma secondo me opportuno)

            di solito quest'ultimo interruttore è anche a monte del tuo impianto utilizzatore ed è identificato come dispositivo generale da ENEL.

            spero di esserti stato utile ciao

            Nicola



            Originariamente inviato da cyberbob Visualizza il messaggio
            Ciao a tutti,

            Installati pochi mesi fa!!!!

            Visto che mi avete convinto a "litigare" con l'installatore ;-)
            cosa mi consigliate di pretendere che mi modifichi /Installi???

            ((Ma servono ifusibili anche sul lato AC o bastano gli scaricatori?))

            Grazie ancora
            ciao.

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da ngrasso Visualizza il messaggio
              3) Sul lato AC i Fusibili non sono necessari se subito all'uscita del tuo inverter hai almeno un magnetotermico diciamo da 16A. Se non hai all'uscita del tuo inverter un limitatore di corrente (come un magnetotermico) allora dei fusibili sempre da 16 ampere ci vogliono.

              4) dopo il magnetotermico da 16A o i fusibili da 16 A ci deve essere il contatore GSE, e dopo questo metterai gli scaricatori di sovratensione...

              spero di esserti stato utile ciao

              Nicola
              Grazie 1000; per specificare:
              Una sola stringa con 10 Sanyo HIP-215NKHE1 + Aurora PVI2000 (VocMax=574V a -20°C; Max CorrenteMPPT 5,21A), Angolo Tilt 23°, orientamento SUD+15° Ovest, vicino MONZA.

              Ombra possibile SOLAMENTE prime ore della mattina (Fino alle 9,00) solo nei mesi estivi causa camino posizionato lateralmente dietro i pannelli.

              SCHEMA ELETTRICO IMPIANTO è in allegato. (E' esattamente così com'è, solo senza il diodo di blocco)

              !!! Mi pare di capire che NON è come suggerisci; il mio impianto, dai pannelli va al Sezionatore DC portafusibili ABB per 2 fusibili classici 38mm x 10,3 più 2 DEHN DG PV500 SPC, QUINDI all'inverter, e DIRETTAMENTE AL contatore GSE, l'uscita GSE va al quadro CA con magneotermico/differenziale 16A/In0,3A e poi va all'ingresso di casa.

              1) Ma va bene così o il quadro CA deve essere TRA INVERTER E GSE????
              2) Avrei identificato i fusibili adatti x DC nei: ITALWEBER o Ferraz Shawmut, 10A 600Vcc; sono OK???
              3) Il diodo LO FACCIO togliere!

              Arcigrazie
              File allegati
              Il mio impianto (con dati produzione mensili e corrispettivi GSE): http://digilander.libero.it/fabiocasi/

              Commenta


              • #8
                Ciao,
                premesso che non sono un installatore, mi risulta che il magnetotermico differenziale, che è adeguato, dovrebbe trovarsi tra l'inverter e il contatore "GSE".
                sempre secondo me i fusibili non servono, e comunque non capisco cosa dovrebbero proteggere
                Il diodo LO FACCIO togliere!
                giusto.
                Ricordati che devi sempre scollegare prima il lato AC e dopo il lato DC per mettere l'impianto fuori servizio.
                Sbrigati a collegarlo al PC
                Impianto FV 2,94 kWp 23° -85 est 1° CE e 3 PDC Riello aria 13 kWt dal 2007.
                Caminetto aria Montegrappa CMP05 10,5 kWt, 4* dal 2011. Caldaia a metano Riello Family 26K.Twingo Electric Zen dal 2021

                Commenta


                • #9
                  Per i puristi dell'elettrotecnica: i fusibili (se adeguati) o l'interruttore magnetotermico (non differenziale) hanno lo scopo di proteggere il circuito conto le sovracorrenti (sovraccarico e\o cortocircuito). Il differenziale serve da protezione contro i contatti diretti.
                  Se metti un interruttore magnetotermico differenziale ... "ti passa la paura".

                  Originariamente inviato da gigisolar Visualizza il messaggio
                  sempre secondo me i fusibili non servono, e comunque non capisco cosa dovrebbero proteggere
                  ciao ciao
                  A2C - Fotovoltaico Salerno

                  Commenta


                  • #10
                    PEr quanto riguarda il diodo......

                    questa è la scheda tecnica. http://doc.chipfind.ru/pdf/irf/12f120.pdf

                    Posso dirvi che, il diodo, serve come blocco quando si mettono + stringhe, il dimensionamento è adeguato, quello è un diodo metallico, regge fino a 1200 V e 12 Ampere, per cui non era sbaglito metterlo se ci fossero state 2 stringhe.

                    Quello che mi salta all'occhio è che probabilmente, dovevano fare due stringhe, invece ne hanno messa una.

                    Ho fatto un impianto simile, proprio con 10 hip 215. lo fatto con due stringhe, perche il mio inverter non reggeva.
                    Se mi date 5 minuti, guardo la scheda tecnica e vi dico di +.

                    ANzi, guardate la tensione massima dell'aurora, vedete se regge, il problema è che i sanyo, hanno una tensione molto alta, superano i 50 V, il che significa che 10 X 50 fa 500V, quindi gli scarocatori che hanno usato sono troppo piccolimentre i fusibili vanno bene, anzi ci vogliono, il diodo, infine anche con una sola stringha, protegge da lato inv, cioè, mettiamo che un fulmine sovraccarica un trasformatore e brucia l'inv., cosa che è successa ed è finita su questo forum poco tempo fa, il diodo, protegge i pannelli, cioè si scalderà, arrivato a 12A fino a fondersi se aumenta ancora la corrente, ma ti salva i pannelli comunque.

                    Forse, non hanno pensato a questo i tuoi istallatori, però controlla un attimo la tensione dei pannelli, quella di cortocircuito, e quella di regime, i 500V dovresti superarli, e quando li superi, i pannelli scaricano a massa, non dentro l'inverter.

                    controlla se L'Inverter regge i 500 e passa volt
                    sigpicI problemi di un impianto cominciano con la porta di una banca e finiscono davanti alla sua cassaforte

                    Commenta


                    • #11
                      La Voc (Tensione a circuito aperto max) è 51,6V;
                      la Vmp (Tensione a max.potenza) è 42V.
                      Secondo l'Aurora Designer V1.2, con i miei panelli, la VocMax a -20°C è di 574V, la Vmp MAx a -20°C è 478V.

                      Il software dice che il PVI2000 per la mia configurazine va benissimo.

                      1) Mi viene però davvero il dubbio sugli scaricatori DEHN DG PV500!!!!!! che devo fare???
                      2) per i fusibili avrei identificato l' ITALWEBER 1464010 oppure il Ferraz Shawmut DCT10-2; corretti??
                      3) un fulmine???? se viene giù un fulmine sui pannelli o nella rete elettrica, dubito che scaricatori classeII odun fusibile
                      o diodo salvino i pannelli no????
                      Il mio impianto (con dati produzione mensili e corrispettivi GSE): http://digilander.libero.it/fabiocasi/

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da tipli Visualizza il messaggio
                        Per i puristi dell'elettrotecnica: i fusibili (se adeguati) o l'interruttore magnetotermico (non differenziale) hanno lo scopo di proteggere il circuito conto le sovracorrenti (sovraccarico e\o cortocircuito). Il differenziale serve da protezione contro i contatti diretti.
                        Se metti un interruttore magnetotermico differenziale ... "ti passa la paura".
                        ciao ciao
                        Ciao tipli,
                        mi sono espresso male, so bene a cosa servono i fusibili, è che in questa applicazione non capisco cosa proteggono.
                        La massima sovraccorrente nel circuito DC è uno sputo più alta della corrente nominale dei pannelli (corrente di cortocircuito), se per un guasto l'inverter cortocircuita i pannelli non succede nulla di pericoloso ai pannelli e sicuramente i fusibili leggermente sovradimensionati, come devono essere, non si fondono.
                        Da studi postati in questo forum è emerso che i pannelli possono sopportare fino a tre volte la corrente nominale senza danneggiarsi, per questo motivo che i fusibili devono essere usati con impianti con più di tre stringhe e calcolati per un valore doppio della corrente nominale, poi c'è chi li mette anche con due stringhe, ma con una unica stringa non riesco proprio a capire cosa dovrebbe proteggere.
                        Per quel che riguarda il differenziale, non penso che sia a protezione delle persone, la corrente mortale è stata stabilita in circa 36 mA, un differenziale da 300 mA ti uccide, tra l'altro Aurora lo ha integrato, monitorizza in tempo reale i mA in dispersione e se superano non mi ricordo se 20 o 30mA si disconnette con relativi messaggi di allarme.

                        un fulmine???? se viene giù un fulmine sui pannelli o nella rete elettrica, dubito che scaricatori classeII odun fusibile
                        o diodo salvino i pannelli no????
                        sono d'accordo sui pannelli, dalla rete dipende....
                        e comunque parliamo dei scaricatori, diodi e fusibili non proteggono dal fulmine, generalmente servono per creare solo problemi i primi consumando inutilmente potenza, tra l'altro la maggior parte dei diodi guasti che mi è capitato di vedere erano sempre fusi, cioe non si erano aperti ma erano diventati conduttori senza "semi".
                        Ultima modifica di gigisolar; 17-10-2008, 18:55.
                        Impianto FV 2,94 kWp 23° -85 est 1° CE e 3 PDC Riello aria 13 kWt dal 2007.
                        Caminetto aria Montegrappa CMP05 10,5 kWt, 4* dal 2011. Caldaia a metano Riello Family 26K.Twingo Electric Zen dal 2021

                        Commenta


                        • #13
                          Diciamo che in presenza di una scarica, data da un fulmine, la corrente, per arrivare ai pannelli, e distruggerli, deve superare il diodo. è come una porta sbarrata, certo, si può sfondare, ma dopo essere sfondato ha fatto perdere potenza al colpo.

                          quindi, protezione dalla rete ne fa!.

                          Cewrto, è una protezione remota, una possibilità remota, ma sai, ci sono in ballo tanti soldi che stanno lì per almeno 20 anni e +......

                          Cmq, ripeto, non penso che l'abbiano messo apposta, lo hanno messo perchè ininzialmente avevano l'intensione delle 2 stringhe.

                          PEr quanto riguarda la tensione dell'Aurora, dovrebbe reggere, e poi lavora con un singolo array, per cui non ha due stringhe con due mppt, solo, che prova a misuare la tensione che arriva sugli estremi lato dc.

                          Io con il mio impianto, in una giornata nuvolosa, arrivavo a 490 V, per cui non era consilgiato mettere gli scaricatori a 500 v. Rischi che se arriva a 500v, staccano tutto!

                          Prova a misurare le tensioni, e se si avvicinano troppo fatti cambiare gli scaricatori!
                          sigpicI problemi di un impianto cominciano con la porta di una banca e finiscono davanti alla sua cassaforte

                          Commenta


                          • #14
                            In linea teorica sicuramente siamo prossimi ai 500V!!!! mannaggia!

                            Ma per il DIODO, lo levo o lo lascio?? (Se deve progettere i pannelli dalla rete e non dalle tensioni inverse di altre stringhe inesistenti, NON CE NE VOGLIONO 2??? (uno sul + e anche sul - ???)

                            Per i FUSIBILI sul DC, oltre a fare da sezionatori dei pannelli, a cosa servono?? Anche questi possono proteggere dalla RETE??? se si non devono essere in AC??? Boh!

                            Il differenziale/magnetotermico va TRA L'inverter e il GSE o DOPO il GSE???
                            Il mio impianto (con dati produzione mensili e corrispettivi GSE): http://digilander.libero.it/fabiocasi/

                            Commenta


                            • #15
                              Il diodo protegge dalla rete, magari lascialo, mettine uno anche sull'altro filo, i fusibili ci vogliono, lato cc, lato a c c'è il megnetotermico all'uscita dell'inverter, o comunque dopo il gse e prima del punto di consegna.

                              Per la prossimità ai 500v, io nel mio caso preferii fare 2 stringhe. Se il tuo installatore ne ha fatta una, magari ha controllato, oppure ha gia altri impianti simili, e sa che in regime, non supera mai i 500V, per cui potrebbero andare bene gli scaricatori.

                              Vedi, io preferisco dimensionare tenendo conto dei dati di cortocircuito e circuito aperto, in pratica gli estremi del pannello, oltre non va mai.

                              Di solito i pannelli stazionano sui dati di regime, ma in alcuni casi può aumentare l'esposizione, ad esempio, un impianto che si trova su un rifugio del CAI, sul gran sasso, il rifugio franchetti, in pratica i pannnelli si trovano su un tetto in mezzo alla neve che fa da specchio, con un temperatura molto bassa, i pannelli sparavano come pochi, li si avvicinavano alle caratteristiche estreme, non tutti i casi sono come questo, ma ecco perche, non sapendo cio che succede da qui a 20 anni, io preferisco dimensionare con i dati estremi.

                              Certo, poi, con + stringhe hai una piccola percentuale in + di perdite, ma ripeto, è una scelta progettuale!
                              sigpicI problemi di un impianto cominciano con la porta di una banca e finiscono davanti alla sua cassaforte

                              Commenta


                              • #16
                                Ciao gigi, cominciamo col dire che volevo scrivere "indiretti"... ma spero che si fosse capito. Cmq tutto il mio ragionamento si riferiva al lato AC e non DC!!!
                                ciao ciao

                                PS: e cmq stavo facendo ironia... sono certo che i più esperti sappiano assolutamente la differenza tra protezione del circuito e protezione contro i contatti indiretti.


                                Originariamente inviato da gigisolar Visualizza il messaggio
                                Ciao tipli,
                                mi sono espresso male, so bene a cosa servono i fusibili, è che in questa applicazione non capisco cosa proteggono.
                                La massima sovraccorrente nel circuito DC è uno sputo più alta della corrente nominale dei pannelli (corrente di cortocircuito), se per un guasto l'inverter cortocircuita i pannelli non succede nulla di pericoloso ai pannelli e sicuramente i fusibili leggermente sovradimensionati, come devono essere, non si fondono.
                                Da studi postati in questo forum è emerso che i pannelli possono sopportare fino a tre volte la corrente nominale senza danneggiarsi, per questo motivo che i fusibili devono essere usati con impianti con più di tre stringhe e calcolati per un valore doppio della corrente nominale, poi c'è chi li mette anche con due stringhe, ma con una unica stringa non riesco proprio a capire cosa dovrebbe proteggere.
                                Per quel che riguarda il differenziale, non penso che sia a protezione delle persone, la corrente mortale è stata stabilita in circa 36 mA, un differenziale da 300 mA ti uccide, tra l'altro Aurora lo ha integrato, monitorizza in tempo reale i mA in dispersione e se superano non mi ricordo se 20 o 30mA si disconnette con relativi messaggi di allarme.


                                sono d'accordo sui pannelli, dalla rete dipende....
                                e comunque parliamo dei scaricatori, diodi e fusibili non proteggono dal fulmine, generalmente servono per creare solo problemi i primi consumando inutilmente potenza, tra l'altro la maggior parte dei diodi guasti che mi è capitato di vedere erano sempre fusi, cioe non si erano aperti ma erano diventati conduttori senza "semi".
                                A2C - Fotovoltaico Salerno

                                Commenta


                                • #17
                                  allora riepilogando ribadisco i precedenti consigli:
                                  lato DC:
                                  se io fossi te:
                                  1) Diodi subito fuori, non protegge da niente anzi in breve tempo si guasterà come ha già detto qualcuno e quindi faranno danno
                                  2) Fusibili: io li leverei pure, ma se li vuoi fare lasciare non ritengo possano fare danno
                                  3) lascerei solo gli SPD (2) sempre Denh ma da 600V (ci sono nel catalogo Denh) o da 1000V
                                  4) ci vuole un sezionatore per staccare la stringa lato DC tra pannelli e inverter (non puoi non averlo)

                                  lato AC:
                                  1) subito all'uscita dell'inverter un magnetotermico caratteristica B da 16A
                                  2) Contatore GSE
                                  3) scaricatori di sovratensione Dehn (2)
                                  4) dispositivo generale interrutore magnetotermico curva C da 16 + mod Diff da 0.3* (prodezione differenziale della linea da questo interruttore fino all'inverter).

                                  infine verifica la V di isolamento dei Sanyo, dovrebbe essere 1000V ma meglio essere sicuri (non ho la scheda tecnica)

                                  *Per i commenti sulle correnti mortali: ricordatevi che la protezione differenziale da inserire dipende dalla resistenza del circuito che si creerebbe in caso di contatto e quindi dalla resistenza di terra in primis. Il valore di 0.3 indicato deve essere verificato in funzione della resistenza di terra dell'impianto.

                                  ciao a tutti

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Diodi subito fuori, non protegge da niente anzi in breve tempo si guasterà come ha già detto qualcuno e quindi faranno danno
                                    Scusa? SPiegame sta cosa? MA davvero?

                                    ci vuole un sezionatore per staccare la stringa lato DC tra pannelli e inverter (non puoi non averlo)
                                    Hai presente i sezionatori con portafusibili? magari usa quelli!

                                    Scusa il tono ironico. Tecnicamenet ciò che hai detto è tutto giusto, solo, che lui il suo impianto c'è l'ha gia, bello e fatto, ed aggiungere tutto ciò che hai detto tu sono soldi....

                                    Che dovrebbe sborsare lui, poichè non sono obbligatori, non può pretenderli dal suo installatore, magari, sarebbe stato carino dirglielo !
                                    Sai altrimenti può pensare di aver un'impianto scadente, invece magari c'è stato solo qualche errore da parte di chi l'ha installato. ( per quanto riguarda gli scaricatori però fatteli cambiare )

                                    Sai, non lo trovo giusto mettersi qui a fare i sapientoni sul lavoro di qualcun'altro, magari ci poossono essere stati errori, sicuramente poco gravi, come il diodo, oppure gli scaricatori, però non siamo stati noi li sul lavoro, quindi non possiamo giudicare se ci siano colpe, soprattutto, l'installatore potrebbe aver seguito il progetto, ed in questo caso la colpa è del progettista!
                                    sigpicI problemi di un impianto cominciano con la porta di una banca e finiscono davanti alla sua cassaforte

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Ciao,
                                      se ho dato l'impressione di voler fare il sapientone mi dispiace.
                                      CyberBOB aveva chiesto aiuto al forum manifestando dei dubbi sul suo impianto. Se nessuno gli vuole dire che in quell'impianto vi sono errori macroscopici (al di là di qualunque ragionevole dubbio o condizione tecnica) che a mio parere devono essere notificati a chi ha fatto l'impianto per rimediare (e non a spese di CyberBOB perchè sono errori evidenti) a cosa serbirebbe il forum?
                                      La mia intensione era di aiutarlo a chiedere spiegazioni all'installatore.

                                      ciao e scusa ancora

                                      nicola

                                      Originariamente inviato da Bellocostruzioni Visualizza il messaggio
                                      Scusa? SPiegame sta cosa? MA davvero?



                                      Hai presente i sezionatori con portafusibili? magari usa quelli!

                                      Scusa il tono ironico. Tecnicamenet ciò che hai detto è tutto giusto, solo, che lui il suo impianto c'è l'ha gia, bello e fatto, ed aggiungere tutto ciò che hai detto tu sono soldi....

                                      Che dovrebbe sborsare lui, poichè non sono obbligatori, non può pretenderli dal suo installatore, magari, sarebbe stato carino dirglielo !
                                      Sai altrimenti può pensare di aver un'impianto scadente, invece magari c'è stato solo qualche errore da parte di chi l'ha installato. ( per quanto riguarda gli scaricatori però fatteli cambiare )

                                      Sai, non lo trovo giusto mettersi qui a fare i sapientoni sul lavoro di qualcun'altro, magari ci poossono essere stati errori, sicuramente poco gravi, come il diodo, oppure gli scaricatori, però non siamo stati noi li sul lavoro, quindi non possiamo giudicare se ci siano colpe, soprattutto, l'installatore potrebbe aver seguito il progetto, ed in questo caso la colpa è del progettista!

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Si, anche secondo me ci sono stati errori.

                                        MA quelloc he intendevo dire, è che mentre può chiedere la sostituzione degli scaricatori, perchè sotto dimensionati secondo me, magari anche il diodo ( anche se secondo me nun fa nulla che sia lì, poi IMHO ), glielo possono togliere,

                                        gli scaricatori lato AC, non sono obbligatori, e tu li avevi mensionati, giustamente, servono, ma non li può pretendere dal suo installatore!

                                        Il sezionatore lato dc, molto probabilmente usa quello con portafusibili!

                                        Il magnetotermico lato ac, magari lo ha e non è stato mensionato......

                                        Intendevo questo.....Lui può pretendere di cambiare ogni componente che riduca la funzionalità dell'impianto, ma le altre cose.....no

                                        Cmq, sei stato molto preciso, e se lui vorra, metterà proprio quei pezzi!
                                        sigpicI problemi di un impianto cominciano con la porta di una banca e finiscono davanti alla sua cassaforte

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Grazie a tutti ragazzi,
                                          direi che siete stati chiari ed avete ragione entrambi...

                                          - Il Sezionatore DC è fatto con il Portafusibili (5Amprere 500 Vac!!!)
                                          - Tra Inverter e GSE NON C'è veramente niente, ma sono ad 1 metro di cavo. Il magnetotermico/Differenziale 16A Idn=0,3A è DOPO il GSE, tra il contatore e l'allaccio all'impianto di casa.

                                          Non ho ancora finito di pagare... quindi....
                                          1) L'isolamento Sanyo è si di 1000V. Ho visto che sui DEHN per FV c'è il 500,700 e 1000V. Direi di spingere x farmi mettere iul 700V VERO????
                                          2) Ma i per i fusibili, devo chiedere quelli specifici x FV in DC?? Magari ad 8A????
                                          3) Tra inverter e GSE DEVO mettere il Magnetotermico x forza o visto che c'è soolo 1 mt. di cavo ed è posto dopo è indifferente?

                                          Ciao e spero di non disturbarvi più.
                                          Il mio impianto (con dati produzione mensili e corrispettivi GSE): http://digilander.libero.it/fabiocasi/

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Fusibili da 5A, MA è poco, guarda la corrente in cortocircuito! Mi pare che sia 5,16 A

                                            Metti fusibili per corrente continua...e da 600V.

                                            I Dhen ci sono da 600V, metti quelli!
                                            sigpicI problemi di un impianto cominciano con la porta di una banca e finiscono davanti alla sua cassaforte

                                            Commenta


                                            • #23
                                              problemi con un inverter aurora pvi 6000

                                              salve,questo mio cliente ha questo problema:
                                              accende inverter e gli da allarme "riso low"
                                              ho misurato gli homm da ogni singola stringa (4) a vuoto, neutro-terra poi fase-terra e mi da valori di 25 homm +/-.
                                              All'ingresso dell'inverter ho notato lo zoccoletto (diodo)che sta a monte prima del sezionatore principale sfiammato.
                                              Quindi credo che sia quello il problema pero' mi piacerebbe avere dei consigli e se mi sto sbagliando avere dei chiarimenti in merito grazie!!

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Rispondo in rosso tra le righe.

                                                Originariamente inviato da cyberbob Visualizza il messaggio
                                                - Il Sezionatore DC è fatto con il Portafusibili (5Amprere 500 Vac!!!)
                                                - Tra Inverter e GSE NON C'è veramente niente, ma sono ad 1 metro di cavo. Il magnetotermico/Differenziale 16A Idn=0,3A è DOPO il GSE
                                                1) L'isolamento Sanyo è si di 1000V. Ho visto che sui DEHN per FV c'è il 500,700 e 1000V. Direi di spingere x farmi mettere iul 700V VERO???? SARANNO SUFFICIENTI SPD CON TENSIONE NOMINALE DI 580/600V
                                                2) Ma i per i fusibili, devo chiedere quelli specifici x FV in DC?? Magari ad 8A???? PERSONALEMNTE UTILIZZO UN SEMPLICE INTERRUTTORE MAGNETOTERMICO 4P ADATTO PER DC (ES: MARCA GE), CHE MI FUNGE DA PRINCIPALEMNTE DA SEZIONAMENTO E DIFFICILEMNTE SI GUASTA.
                                                3) Tra inverter e GSE DEVO mettere il Magnetotermico x forza o visto che c'è soolo 1 mt. di cavo ed è posto dopo è indifferente?
                                                IN GENERE SAREBBE SUFFICIENTE UN SEZIONATORE; E' STRANO CHE ENEL NON LO ABBIA RICHIESTO PERCHE' VOGLIONO IL SEZIONAMENTO A MONTE E A VALLE DEL CONTATORE. SICCOME L'IMPIANTO RISULTA GIA' ALLACCIATO, IO LASCEREI IL MONDO COM'E'!

                                                Ciao e spero di non disturbarvi più.
                                                SALUTI
                                                Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
                                                Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
                                                Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
                                                ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
                                                Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  p.s: consiglio di togliere il diodo. per esperienza personale, in un impianto, mi sono saltati più volte e l'ultima ha preso fuoco danneggiando 4 moduli FTV (in quanto la cassetta di campo era inserita sotto i pannelli).

                                                  saluti
                                                  Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
                                                  Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
                                                  Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
                                                  ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
                                                  Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

                                                  Commenta

                                                  Attendi un attimo...
                                                  X
                                                  TOP100-SOLAR