adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

pannelli fotovoltaici cinesi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • pannelli fotovoltaici cinesi

    Hio sentito dire che in Cina fanno pannelli fotovoltaici che costano molto meno di quelli commerciati da noi. Purtroppo i siti di costruttori cinesi che ho visitato non riportano i prezzi. Qualcuno mi sa dire se la notizia e' vera o e' una bufala? Grazie.

  • #2
    E meno male che qualcosa prodotto in cina non si riesce a comprare, altrimenti l&#39;economia europea sarebbe gi&agrave; in ginocchio.<br><br>Ma non pensate mai che se compriamo qualsiasi cosa made in china perchè costa meno, tutto questo meccanismo porter&agrave; sempre ricadute negative sull&#39;economia interna?<br><br>E a farne le spese alla fine è sempre il consumatore, cioè il cittadino, per un suo stesso errore nelle modalit&agrave; di consumo.<br><br>O vogliamo far diventare competitive le aziende europee, pagando i dipendenti con stipendi cinesi, per abbassare i prezzi dei prodotti? A questo vogliamo arrivare?<br><br>UN POCO PIU&#39; DI <b>CONSUMO CRITICO </b> FA BENE A TUTTI <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c866759e07a22a49f65796ca641d40aa.gif" alt="">

    Commenta


    • #3
      tramite dei contatti di amici che sono la, una ditta cinese mi ha proposto Fv a 2,9€ a watt<br><br>ho chiesto delle certificazioni o altro materiale per capire la qualit&agrave; del prodotto e per fine mese mi inviano tutto<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (taote @ 15/2/2007, 20:48)</div><div id="quote" align="left">UN POCO PIU&#39; DI <b>CONSUMO CRITICO </b> FA BENE A TUTTI <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7aef66515ff5f7154bc06c62bbc34359.gif" alt=""></div></div><br>mi sta bene quando il consumo critico mi da un vantaggio di qualit&agrave;<br><br>per quanto riguarda i salari, bhe è un pò dura cambiare un gigante come la cina quando noi ci creiamo delle leggi che legano i costruttori italiani a spese folli.

      Commenta


      • #4
        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">tramite dei contatti di amici che sono la, una ditta cinese mi ha proposto Fv a 2,9€ a watt</div></div><br>E magari ci ha anche speculato conoscendo i prezzi italiani.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ho chiesto delle certificazioni o altro materiale per capire la qualit&agrave; del prodotto e per fine mese mi inviano tutto</div></div><br>Qui non mi scandalizzo, perchè ormai una buona fette dei produttori Italiani fanno autocertificazioni, non fanno controlli da associazioni accreditati (da chi poi), mi fa ridere chi scrive certificato ISO9001, la ISO non emette certificazioni, e la 9001 non è una garanzia di qualit&agrave; del prodotto, sarebbe più corretto scrivere conforme alla norme xyz, oppure conformit&agrave; alla norma xyz ocertificato dal ente XXX.<br><br><span class="edit">Edited by pinetree - 15/2/2007, 22:14</span>

        Commenta


        • #5
          Per come ci sono cinesi in Italia, il fatto che non vendano anche i pannelli mi sorprende. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d1b09cbf9b1b225e1c489c90c6ebb1f5.gif" alt=":huh:">
          ciao
          Giorgio
          Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

          Commenta


          • #6
            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (giorgio demurtas @ 15/2/2007, 22:13)</div><div id="quote" align="left">Per come ci sono cinesi in Italia, il fatto che non vendano anche i pannelli mi sorprende. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ac65cc9975fab4cfc9715a3ddb28ed6b.gif" alt=":huh:"></div></div><br>Come fa a sorprenderti, 100 cinesi in un capannone che lavorano 12 ore all&#39;giorno, mangiano e dormono in azienda, possono produrre un ritorno sul capitale che l&#39;FV se la sogna.<br><br>A proposito questo succede in Italia alla luce del sole, in Cina è peggio.

            Commenta


            • #7
              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (pinetree @ 15/2/2007, 22:12)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">tramite dei contatti di amici che sono la, una ditta cinese mi ha proposto Fv a 2,9€ a watt</div></div><br>E magari ci ha anche speculato conoscendo i prezzi italiani.</div></div><br>la prima mail mi avevano sparato 3,1e al watt<br><br>e il bello che non importa la quantit&agrave; (che sinceramente ho trovato strano) volendo potrei ordinare anche solo un kW

              Commenta


              • #8
                E&#39; possibile che alla base dei prezzi alti sul fotovoltaico ci siano delle speculazioni ( ad es. noi compriamo pannelli da multinazionali che hanno comprato dai cinesi, cosi&#39; ho<br>sentito dire, un po&#39; come funziona per il petrolio), quindi penso che una onesta importazione con un giusto guadagno per la ditta importatrice ma senza speculazione faccia bene a tutti.<br>Si dice che il fotovoltaico costa molto perche&#39; per lavorare il silicio si consuma molta energia, ma l&#39;energia costa lo stesso a noi come ai cinesi, la manodopera incide poco sul prezzo. Se la notizia quindi e&#39; vera, ben venga, soprattutto per un mercato cosi&#39; importante.

                Commenta


                • #9
                  La Cina punta molto sul FV, oltre all&#39;eolico e al nucleare. (<a href="http://newton.corriere.it/PrimoPiano/News/2005/08_Agosto/29/aerogeneratori.shtml" target="_blank">http://newton.corriere.it/PrimoPiano/News/...eneratori.shtml</a>)<br>In Cina sono attive al momento 153 industrie produttrici di pannelli. Più che in tutte le altre nazioni del mondo messe assieme (<a href="http://www.enf.cn/it/database/panels-china.html" target="_blank">http://www.enf.cn/it/database/panels-china.html</a>).<br>Suntech Power da sola vende di più di molte aziende mondiali, pannelli di ottima qualit&agrave;. Molti analisti finanziari la vedono con enormi prospettive future (<a href="http://www.all-wall-street.com/analisi/ipo/suntech/default.html" target="_blank">http://www.all-wall-street.com/analisi/ipo...ch/default.html</a>)<br>La Cina importa il 90&#37; del Silico che utilizza e al momento i prezzi che le industrie cinesi possono fare sono tenuti alti (&#33 dallo shortage, che però presumibilmente andr&agrave; ad esaurirsi nel giro di un paio d&#39;anni (<a href="http://www.enerpoint.it/news/news_show.php?id=435" target="_blank">http://www.enerpoint.it/news/news_show.php?id=435</a>).<br><br>Secondo me l&#39;idea che ciò che è cinese è per forza di scarsa qualit&agrave; potrebbe durare poco. Chi vivr&agrave; vedr&agrave;. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b22fb53a2fba3f9c4e57ce583ebefc4f.gif" alt=""><br>
                  “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                  O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                  Commenta


                  • #10
                    Una considerazione molto &quot;disastrosa&quot; e un po&#39; [OT]<br><br>Io personalmente non compero oggetti made in China o roba del genere per le normali necessit&agrave; in quanto le condizioni socio-economiche dei lavoratori sono indecenti, Molti reportage indicano come molte fabbriche utilizzino per la produzione persone in stato di detenzione a livello di GULAG &#33;<br>Questo si applica sopratutto al comparto tessile e manufatturiero, dove non occorre una conoscenza specifica e condizioni di lavoro particolarmente difficili da ottenere (controllate pure tra i reportage di Radio24, e dei siti di informazione libera)<br><br>Questione diversa è per l&#39;informatica e l&#39;elettronica... in quanto gli ambienti di produzione oltre ad essere estremamente curati hanno bisogno di personale molto specializzato.<br>perchè devo pagare 1200 euro un PC portatile made in china solo perchè brandizzato, quando made in china con marchio cinese mi costa 600? (e per di piu&#39; me lo danno con Linux e non con winzozz??) e con assistenza italiana?<br>Ora, scusate se è poco, vabene il consumo critico, e quelle belle-balle del commercio etico... ma una persona mediamente impiegata con il classico stipendio &quot;sotto-i-mille&quot; se non f&agrave; qualche sano conto in tasca come puo&#39; avere un tenore di vita decente??? Sfido chiunque di voi a dimostrare che ha scelto un cellulare (o i cellulari&#33;&#33;&#33; ) utilizzando il criterio del &quot;questo costa di piu&#39; ma è fatto in europa&quot;....<br>Sinceramente se arrivassero pannelli PV con un prezzo decente per qualit&agrave; e per watt sarebbe un bello sprono alle aziende nostrane a essere veramente concorrenziali non come le banche&#33;<br><br>Ri-scusate lo sfogo...<br>anche in campo degli scooter siamo nella stessa minestra... se gli scoter cinesi arrivassero sul nostro mercato a prezzi abbordabili (600/900 euri, qualcuno li commercia ma non hanno certo risonanza) contro le produzioni nostrane (ad esempio il lepton prodotto qui&#39; a padova che costa 2300 e rotti euri) sarebbe una bella scossa al mercato sia della produzione che dell&#39;uso.<br>Forse sono un po&#39; fuori di cranio.... ma chiss&agrave;...<br><br>Disaster-tirchio

                    Commenta


                    • #11
                      come gi&agrave; riportato da qualcuno:<br><a href="http://www.enf.cn/it/trade.html" target="_blank">http://www.enf.cn/it/trade.html</a><br>qui c&#39;è un &#39;indicazione di prezzo

                      Commenta


                      • #12
                        Siamo sicuri che se compriamo a prezzi esagerati del fotovoltaico ad es. dalla sharp, questa li ha costruiti nel rispetto dei lavoratori e dell&#39;ambiente (le maggiori accuse fatte ai cinesi)? Queste multinazionali non sono fesse, mi sa che li comprano loro dai cinesi poi ricaricano il prezzo dopo averci messo il loro logo. E poi del resto, cosa scuserebbe i prezzi cosi&#39; alti? Da quel che ne so io la manodopera incide un minimo sui prezzi, ma e&#39; la quantita&#39; di energia spesa per farli che li fa costare tanto (almeno cosi&#39; ci hanno sempre raccontato). Quindi i cinesi li vendono a prezzi onesti, poi in occidente, visto che la gente si e&#39; ormai assuefatta alle favole dei costi esagerati e non competitivi, li vendono al prezzo che vogliono. Prendono 2 piccioni con una fava: 1) fanno tanti soldi con un semplice passaggio di mano 2) non vanno ad urtare gli interessi dei giganti dell&#39;energia perche&#39; con quel che costano, i pannelli fotovoltaici rimangono un mercato di nicchia per pochi &quot;sentimentali&quot; con molti soldi.<br>Per questo tipo di cose come l&#39;energia pulita non vale il discorso &quot;sosteniamo la nostra industria&quot; quando e&#39; l&#39;industria occidentale stessa che ci specula sopra (e per una cosa cosi&#39; importante).

                        Commenta


                        • #13
                          Forse non avete chiari i <b>macro-effetti </b> di di tutto questo.....<br><br>E&#39; un discorso generale, che implica prospettive socioeconomiche future enormi, e in tutti i settori produttivi;<br>di questo passo le industrie europee chiuderanno battenti in casa e apriranno in Cina dove sia manodopera che energia costano meno, quindi le schiere dei disoccupati europei si allargheranno;<br>le industrie cinesi o europee in cina avranno sempre spazi maggiori nel mercato europeo, avvantaggiate nella concorrenza, soprattutto dall&#39;ignoranza di quello che c&#39;è dietro al meccanismo (vi siete mai chiesti come fa un cinese che vende padelline, saponette e vestitini a due soldi, a pagare affitti x i locali commerciali di tremila-cinquemila euro al mese? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ffe970f4c0bb8729e1ad20f2c67aae12.gif" alt=":"> );<br>alle aziende italiane che vorranno rimanere sul mercato non rester&agrave; altro che tagliare salari e personale, oltre ad abbassare impercettibilmente e progressivamente la qualit&agrave; dei prodotti;<br><br>quindi con stipendi sempre più &#39;competitivi&#39;, disoccupati alla disperata ricerca di &#39;qualsiasi&#39; lavoro, fette di mercato che si liberano, il made in china sar&agrave; sempre più il prodotto x le famiglie europee medie, xchè con prezzi &#39;migliori&#39;.<br><br><br><b>FRA QUALCHE DECENNIO SAREMO TUTTI CINESI&#33;<br><br>IL CITTADINO HA UN GRANDE POTERE DEMOCRATICO: IL VOTO? NO&#33;.... IL CONSUMO&#33;&#33;<br><br>TUTTI NOI TRAMITE I NOSTRI CONSUMI DECIDIAMO OGNI GIORNO IN CHE DIREZIONE VA LA SOCIETA&#39;&#33;</b>

                          Commenta


                          • #14
                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (frenkpace @ 15/2/2007, 23:10)</div><div id="quote" align="left">Si dice che il fotovoltaico costa molto perche&#39; per lavorare il silicio si consuma molta energia, ma l&#39;energia costa lo stesso a noi come ai cinesi, la manodopera incide poco sul prezzo. Se la notizia quindi e&#39; vera, ben venga, soprattutto per un mercato cosi&#39; importante.</div></div><br>balle&#33;<br>qui in italia l&#39;energia costa moolto di piu&#39;.<br>in cina, russia, india ecc ecc, non hanno le tasse che gravano mediamente qui in europa, sopratutto sull&#39;energia.<br>in russia costava un decimo l&#39;anno scorso.<br>il che vuol dire 8 euro a MW al posto di 80......

                            Commenta


                            • #15
                              E&#39; un discorso generale, che implica prospettive socioeconomiche future enormi, e in tutti i settori produttivi;<br>di questo passo le industrie europee chiuderanno battenti in casa e apriranno in Cina dove sia manodopera che energia costano meno, quindi le schiere dei disoccupati europei si allargheranno<br><br>taoye<br><br>e tutto questo perche&#39; non si comperano i pannelli solari della sharp ? Mi sembra un po&#39; esagerato. del resto qui&#39; e&#39; di questo che si sta parlando, della possibilita&#39; di installare un impianto solare fotovoltaico a prezzi competitivi senza cascare in qualche forma di speculazione che sta facendo dei danni enormi al problema energetico e dello sviluppo delle energie alternative.<br>Del resto chi ti installera&#39; l&#39;impianto sara&#39; italiano, con una crescita di nuovi posti di lavoro, e&#39; italiano chi potra&#39; investire i soldi in una piccola centrale fotovoltaica che a questi prezzi diventa un buon business, se vuoi fatti arrivare solo i wafer poi falli assemblare da italiani etc. Sinceramente, a me di far fare soldi (speculatori, ripeto) alla sharp non me ne puo&#39; fregare di meno.<br>In generale secondo me il tuo discorso e&#39; valido, ma non in questo caso, soprattutto davanti ad una speculazione; le multinazionali imparino ad accontentarsi e ad agire anche per il bene comune, che vuol dire anche una equa spartizione della ricchezza ( ad es. rendendo possibile un piccolo business privato sull&#39;energia, come sembra si possa fare, in modo da poterci guadagnare tutti, le multinazionali, i cittadini,l&#39;occidente,l&#39;oriente, la salute nostra e del pianeta etc.).<br><br>balle&#33;<br>qui in italia l&#39;energia costa moolto di piu&#39;.<br>in cina, russia, india ecc ecc, non hanno le tasse che gravano mediamente qui in europa, sopratutto sull&#39;energia.<br>in russia costava un decimo l&#39;anno scorso.<br>il che vuol dire 8 euro a MW al posto di 80......<br><br><br>nicthepic<br><br><br>Bene, cosi&#39; si capisce perche&#39; il fotovoltaico cinese costa cosi&#39; poco.

                              Commenta


                              • #16
                                non parlavo della sharp in particolare, ma dico solo che è bene conoscere sempre quello che si compra, almeno sapere dove e come sono prodotte, per rendersi conto delle conseguenze dei propri consumi. E questo vale anche x il FV.<br><br>Se volte prezzi cinesi x gli impianti, allora ci vorrebbe un C. E. con tariffe cinesi&#33;&#33;<br><br>Non credo che vi piacerebbe<br><br>Si vogliono pannelli a basso costo prodotti senza tasse ecc.. però poi tariffe incentivanti che danno rendimenti che sfidano i BOT.<br><br>Andate a vedere in Germania se i cittadini comprano pannelli cinesi<br><br>Il FV non è un modo x fare guadagni facili.<br><br>Siamo sempre i soliti Italiani <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/29e15355839f2998f2b5af13d331862b.gif" alt="-_-">

                                Commenta


                                • #17
                                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (taote @ 16/2/2007, 12:01)</div><div id="quote" align="left">Forse non avete chiari i <b>macro-effetti </b> di di tutto questo.....</div></div><br>Io credo che li abbiamo chiarissimi tutti più o meno. Quello che forse non è chiaro a molti è che non c&#39;è alcuna possibilit&agrave; di opporsi a questa situazione, esattamente come per i luddisti del 19° secolo non c&#39;era alcuna possibilit&agrave; di frenare il progresso tecnologico.<br>La Produzione di massa si è spostata verso i paesi emergenti e nessuna mobilitazione per l&#39;acquisto europeo potr&agrave; modificare mai questa realt&agrave;.<br>Il problema, concretissimo, della mancanza di assorbimento di forza lavoro da parte dell&#39;industria è grave, ma non sar&agrave; risolto immaginando improbabilissime rivincite dell&#39;occupazione &quot;dignitosa&quot;. I tempi dei 10.000 operai in bicicletta a Mirafiori o ad Arese sono finiti. E non torneranno.<br>La cosa può sembrare catastrofica, e per molti può anche esserlo inutile negarlo, specie in paesi come l&#39;Italia che hanno fatto un feticcio della distribuizione di reddito tramite lavoro dipendente. Ma alla fine il cambiamento ha portato in passato sempre a miglioramenti. Putroppo non si fa la frittata senza rompere qualche uovo e trovarsi nei panni dell&#39;uovo, ammetto, è abbastanza antipatico. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/19ad66fd737aca86349a1469aaef0720.gif" alt=":P"><br><br>Qui il miglioramento potrebbe essere immaginare un futuro dove una parte importante della societ&agrave; produrr&agrave; il proprio reddito fornendo l&#39;energia &quot;coltivata&quot; a livello periferico e distribuito, secodo il concetto dell&#39;agrienergia.<br>La difficolt&agrave; di tale visione sta soltanto in due aspetti: 1) la tariffa che il resto della societ&agrave; sar&agrave; disposta a pagare per acquistare questa quota energetica 2) il costo di investimento necessario per installare l&#39;impianto.<br><br>I cinesi saranno fondamentali, ormai è pressoche certo, nell&#39;abbassare i costi di impianto e ben vengano le loro offerte concorrenziali (non è che le liberalizzazioni e l&#39;abbassamento dei prezzi tramite concorrenza si può appaltare solo a tassisti e avvocati eh&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/19ad66fd737aca86349a1469aaef0720.gif" alt=":P"> ). Al resto dovremo pensare da soli. E pensarci pure presto.
                                  “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                  O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                  Commenta


                                  • #18
                                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Quello che forse non è chiaro a molti è che non c&#39;è alcuna possibilit&agrave; di opporsi a questa situazione</div></div><br>Io insisto che <b>si può e si deve </b> essere critici nei consumi<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">esattamente come per i luddisti del 19° secolo non c&#39;era alcuna possibilit&agrave; di frenare il progresso tecnologico.</div></div><br>a differenza loro oggi tutti, anche i cittadini, hanno la possibilit&agrave; di essere informati e di scegliere, quindi essere parte attiva e fondamentale dei processi di trasformazione economica e sociale<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Al resto dovremo pensare da soli. E pensarci pure presto</div></div><br>condivido <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/eb13cc3d329ac9278c9265101e14385e.gif" alt="">

                                    Commenta


                                    • #19
                                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (taote @ 16/2/2007, 15:02)</div><div id="quote" align="left">Io insisto che <b>si può e si deve </b> essere critici nei consumi</div></div><br>Si, si sono d&#39;accordo. Ma è una strategia che, per quanto condivisibile in molti campi, non dar&agrave; grandi risultati globali e nel caso specifico dei pannelli FV non mi trova comunque d&#39;accordo. Anche perchè come giustamente dicono altri, gran parte della produzione &quot;di marca&quot; è cinese rimarchiata.<br>Al momento la priorit&agrave; è far scendere i costi del FV, non difendere dei posti di lavoro che non esistono o quasi in Europa. Chi non regge la concorrenza cinese si sposter&agrave; presto sui pannelli a film sottile e poi su quelli a alto rendimento, cercando di mantenere sempre un certo vantaggio tecnologico e di qualit&agrave;. Sar&agrave; una bella lotta da cui uscir&agrave; il vero FV del futuro. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9eb6672941bac960a1857bc67cac07ad.gif" alt="">
                                      “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                      O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Forse è giusto che la nostra economia sia sottomessa a quella cinese, questo non lo dico perchè io sono cinese (io sono milanese) ma perchè qui in Italia c&#39;è fiscalit&agrave; complicatissima da presa in giro.<br>Tantissimi falsi invalidi, tantissimi prepensionamenti, tantissime richieste agevolazioni statali poi false, il pescatore napoletano che riceve il contributo statale perchè c&#39;è la mucillagine, come se la mucillagine fosse un evento improvviso di adesso, categorie protette senza liberalizzare, sindacati che prendono soldi dallo perchè autano a compilare il casino di dichiarazioni di redditi da loro stessi inventato tanti anni fa.<br>eccetera, eccetera, eccetera.<br>e potrei scrivere una enciclopedia, ma non ho ne il tempo ne lo spazio.<br><br>Tutte queste scemate in Cina nopn esistono ed è logico che succede quello che succede, senza volere il sistema cinese va a colpire i sistemi malati, anche questa cosa è parte dell&#39;evoluzione in cui il più debole deve essere stritolato per lasciare posto al più forte, se non fosse cosi tutto resterebbe fermo immutabile per un milione di anni (è gi&agrave; accaduto veramente nella preistoria in cui l&#39;animale prima di sapiens non si evolvette per un milione di anni).

                                        Commenta


                                        • #21
                                          <br>Stato:<br><br><br><br> non parlavo della sharp in particolare, ma dico solo che è bene conoscere sempre quello che si compra, almeno sapere dove e come sono prodotte, per rendersi conto delle conseguenze dei propri consumi. E questo vale anche x il FV.<br><br>Se volte prezzi cinesi x gli impianti, allora ci vorrebbe un C. E. con tariffe cinesi&#33;&#33;<br><br>Non credo che vi piacerebbe<br><br>Si vogliono pannelli a basso costo prodotti senza tasse ecc.. però poi tariffe incentivanti che danno rendimenti che sfidano i BOT.<br><br>Andate a vedere in Germania se i cittadini comprano pannelli cinesi<br><br>Il FV non è un modo x fare guadagni facili.<br><br>Siamo sempre i soliti Italiani<br><br>taote<br><br><br>Non e&#39; questione di approfittare, ma anzitutto evitare che altri approfittino dei nostri soldi. Bisogna essere anche pratici, cioe&#39; saper comprare al miglior prezzo e questo vale per qualsiasi situazione e per qualsiasi prodotto, a maggior ragione comprare fotvoltaico a prezzi competitivi la qual cosa sarebbe utilissima per incentivare la crescita dell&#39;energia alternativa. Capisco anche che in questo sito c&#39;e&#39; chi fa business con le energie alternative, ma davanti alla grande importanza sociale, ecologica, politica che hanno le energie alternative, dire certe cose e&#39; un arrampicarsi sui vetri. A me piacciono le soluzioni, e il fotovoltaico a certi prezzi e&#39; una ottima soluzione, le polemiche le conservo per i videogiochi, le radioline, i televisori etc.Ciao.

                                          Commenta

                                          Attendi un attimo...
                                          X
                                          TOP100-SOLAR