annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Calcolo kWh

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Calcolo kWh

    Vorrei calcolare, conoscendo i metri cubi di metano che consumo in un anno, quanti kWh mi servono per avere lo stesso riscaldamento, magari usando delle PDC che mediamente hanno un COP di 3 o 3,5, e per quanto riguarda il metano usando una caldaia a condensazione.<br>Questo per poter valutare se riuscirei a far andare anche il riscaldamento invernale con il FV abbinato al CE.<br>Percio&#39; la domanda è: per fare il calore prodotto da un metro cubo di metano quanti kWh ci vogliono?<br>Tralasciando il rendimento della caldaia, magari assumendolo del 100&#37; e non considerando il guadagno delle PDC.<br>1 m3=kWh ???<br><br><br>

  • #2
    ciao giuseppe,<br><br>ci sono PDC che raggiungono COP 5,5 e che non hanno bisogno di caldaia a condensazione integrativa..<br><br>non ti so fare un conto preciso al momento... dovrei chiedere al tecnico...<br><br>se mi dici quali sono i tuoi consumi annui di metano magari posso fare una stima.. hai un impianto a pavimento?<br><br><br>se abbini PDC + FV puoi avere tutto il fabbisogno di energia che ti serve in casa.<br><br><span class="edit">Edited by taote - 18/3/2007, 12:52</span>

    Commenta


    • #3
      Ciao Taote, anch&#39;io ho gli stessi dubbi di Giuseppe.<br>Mediamente consumo 4000 mc anno di metano, non ho l&#39;impianto a pavimento ma quello tradizionale e non ho la caldaia a condensazione.<br>Quanti kwh per anno mi occorrerebbero per far andare tutto con il CE?<br>Quale tipo di PDC dovrei eventualmente installare?<br>Scusa l&#39;impertinenza ma a che ora vai a letto visto che posti sempre in ore impossibili?
      -Impianto da 100 kWp - 420 moduli TopRaySolar 240W e 8 inverter Power-One 12,5 kW dal 2010
      -Impianto da 5,04 kWp CE - 24 moduli Aleo 210W, inverter Power-One 6 kW dal 2007
      -Impianto da 5,06 kWp in SSp - 22 moduli 230 W, inverter Power-One 6 kW dal 2019
      -Auto elettrica BMW I3, piano cottura ad induzione, PDC Nimbus 70 Net

      Commenta


      • #4
        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Giuseppe123 @ 17/3/2007, 01:04)</div><div id="quote" align="left">Vorrei calcolare, conoscendo i metri cubi di metano che consumo in un anno, quanti kWh mi servono per avere lo stesso riscaldamento, magari usando delle PDC che mediamente hanno un COP di 3 o 3,5, e per quanto riguarda il metano usando una caldaia a condensazione.</div></div><br>Il metano rende in base al suo Potere Calorifico, valore che dovresti trovare in bolletta.<br><br>Per esempio, con 38,5MJ/m<sup>3</sup> il conto è:<br><br><br>sapendo che 1MJ=0,278 kWh<br><br>1 x 38,5 x 0,278 = 10,7 kWh/m<sup>3</sup><br><br>Ragionando sul reale invece, potresti buttarla giù così:<br>Dato che la tua attuale caldaia (non nuova e non a condensazione, supponiamo) avr&agrave; un rendimento intorno al 80&#37;, dovresti considerare che i m<sup>3</sup> che registri sono in realt&agrave; maggiorati a causa di tale perdita.<br>Se potessi usare un sistema elettrico che ipoteticamente avesse 100&#37; di rendimento (tipo radiatori a resistenza) dovresti ridurre il risultato in fabbisogno di kWh del 20&#37;, moltiplicando per 0,8.<br><br>Però dato che l&#39;impianto sar&agrave; a PdC certamente avrai un rendimento ridotto dal fatto che l&#39;impianto esistente è fatto per lavorare con acqua più calda, adatta alla caldaia, quindi con una superficie di scambio non ideale.<br><br>Assumiamo quindi che i 2 valori si pareggino.<br><br>Non tiresta che considerare il rendimento (COP) della P.d.C., che il costruttore dichiara in funzione della temperatura di esercizio. Tieni presente che, a meno di aggiungere radiatori o di fare un impianto a pavimento, non dovrai troppo discostarti dall&#39;attuale temperatura dell&#39;acqua di circolazione, per cui il rendimento vero della P.d.C. sar&agrave; ragionevolmente intorno a 2,5.<br><br>Il conto quindi viene:<br>E(kWh) = E(m<sup>3</sup> metano) x PC(pot. calorif. in MJ) x 0,278 / 2,5<br><br>Qui dovresti avere una stima di massima della potenza richiesta dal tuo nuovo sistema FV + PdC.<br><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0d273d065d106eef647a529f180e50d5.gif" alt=""><br><br><span class="edit">Edited by ElettroRik - 17/3/2007, 09:12</span>
        "Una nuova verità scientifica non trionfa perché i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perché alla fine muoiono, e nasce una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari." Max Planck

        Commenta


        • #5
          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Giuseppe123 @ 17/3/2007, 01:04)</div><div id="quote" align="left">Vorrei calcolare, conoscendo i metri cubi di metano che consumo in un anno, quanti kWh mi servono per avere lo stesso riscaldamento, magari usando delle PDC che mediamente hanno un COP di 3 o 3,5, e per quanto riguarda il metano usando una caldaia a condensazione.</div></div><br>Dovrebbero essere circa 10 KWH per Metro cubo.<br>Quindi calcolando un cop medio stagionale di 4, fa circa 2,5 KWH per ogni metro cubo di gas che consumi.<br><br>Ciao,<br>F.<br><br>
          Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
          Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

          Commenta


          • #6
            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Scusa l&#39;impertinenza ma a che ora vai a letto visto che posti sempre in ore impossibili?</div></div><br>Spesso guardo la TV fino a tardi poichè programmi culturali e film d&#39;autore li mandano sempre a orari impossibili....<br>altre volte rientro tardi... x fortuna posso gestirmi la giornata in modo da non dovermi alzare troppo presto la mattina... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7fd27ff75ebe37df8c46487ff1d6bc54.gif" alt=":lol:"><br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Non tiresta che considerare il rendimento (COP) della P.d.C., che il costruttore dichiara in funzione della temperatura di esercizio. Tieni presente che, a meno di aggiungere radiatori o di fare un impianto a pavimento, non dovrai troppo discostarti dall&#39;attuale temperatura dell&#39;acqua di circolazione, per cui il rendimento vero della P.d.C. sar&agrave; ragionevolmente intorno a 2,5.</div></div><br>Il COP di 2,5 mi sembra pochino anche con radiatori tradizionali se partiamo da 5,5... che calcolo hai fatto?

            Commenta


            • #7
              Prima di tutto grazie per le risposte<br><br>comunque le PDC le abbinerei ad un impianto a parete che realizzerò, non avevo chiaro la corrispondenza tra m3 di gas e kWh, adesso e&#39; molto più chiaro, controllando i consumi dello scorso anno dovrei capire se con il mio FV (4,8kW/p) riuscirò anche a far andare il riscaldamento invernale. (il condizionamento estivo non mi interessa sono a L&#39;Aquila).<br>Interessanti le PDC con COP 5,5, potrei avere qualche indicazione e dove trovarle?<br>

              Commenta


              • #8
                Giuseppe ti posso mettere in contatto x un preventivo con una ditta di Lanciano(CH).<br><br>ci sentiamo in mp

                Commenta


                • #9
                  ok, grazie<br>

                  Commenta


                  • #10
                    Per tutti:<br><a href="http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5264651" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5264651</a><br><br>Per accedere direttamente alla tabella:<br><a href="http://web.tiscali.it/risparmio_energetico/Tabella_confronto.xls" target="_blank">http://web.tiscali.it/risparmio_energetico...a_confronto.xls</a><br><br>I valori indicati per il COP della pompa di calore sono reali e rilevati sulle centinaia di impianti che ho installato dal 1976.<br>Un valore di 5,5 per il COP si può ottenere solo con impianti a bassa temperatura, max 35°, scordatevi di utilizzare una PDC con un impianto a termosifoni se non come preriscaldamento, ma è una cavolata.<br>5,5 lo danno con impianti geotermici con doppie sonde geotermiche verticali, ma gli impianti che ho visto a Monaco non superavano i 4,5.<br>I francesi con le loro sonde orizzontali ad espansione diretta del fluido refrigerante su grandi superfici dicono di arrivare a 5,5 e temperature di 60°.<br>Nella visita rapida che ho fatto a Spezia su un impianto simile non ho potuto verificare il COP, ma la temperatura massima che si poteva raggiungere era di 50°, ergo...<br>Mettendo nel cul.. di una pompa di calore aria/acqua un GE che mi forniva l&#39;energia per la pompa e facendogli digerire tutta l&#39;aria di raffreddamento ed i gas di scarico sono arrivato a calcolare un COP di 5,23.<br><br>Morale prima di credere a COP di 5,5 state molto attenti.<br><br><span class="edit">Edited by dotting - 18/3/2007, 13:24</span>
                    Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                    Commenta


                    • #11
                      Come ho gi&agrave; detto, i produttori di PdC forniscono una tabella o grafico del COP in funzione della temperatura.<br><br>Usando quel valore, l&#39;errore commesso nella stima è minimo.
                      "Una nuova verità scientifica non trionfa perché i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perché alla fine muoiono, e nasce una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari." Max Planck

                      Commenta


                      • #12
                        ma infatti 5,5 è il COP in condizioni ideali, come tu hai descritto.. in alternativa si deve aggiungere qualche radiatore. E comfermo la doppia sonda acqua/acqua (una di captazione e una di rimmissione).

                        Commenta


                        • #13
                          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (ElettroRik @ 18/3/2007, 12:47)</div><div id="quote" align="left">Come ho gi&agrave; detto, i produttori di PdC forniscono una tabella o grafico del COP in funzione della temperatura.<br><br>Usando quel valore, l&#39;errore commesso nella stima è minimo.</div></div><br>Le prove fatte presso il parco tecnologico Polaris di Pula(CA) hanno evidenziato che i dati riportati dai produttori di PDC commercializzate in Italia sono errate in eccesso per 1-1,5 punti.<br>Posso mettere nel mio spazio web i risultati dello studio da lunedì, fanno parte di una tesi di laurea.<br><br>Questo perchè in Italia non c&#39;è nessun organismo di controllo.<br>In Svizzera prima di poter commercializzare una pompa devono essere fatte presso un&#39;organizzazione governativa tutte le verifiche sui rendimenti.<br>
                          Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                          Commenta


                          • #14
                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Giuseppe123 @ 17/3/2007, 01:04)</div><div id="quote" align="left">Vorrei calcolare, conoscendo i metri cubi di metano che consumo in un anno, quanti kWh mi servono per avere lo stesso riscaldamento, magari usando delle PDC che mediamente hanno un COP di 3 o 3,5, e per quanto riguarda il metano usando una caldaia a condensazione.<br>Questo per poter valutare se riuscirei a far andare anche il riscaldamento invernale con il FV abbinato al CE.<br>Percio&#39; la domanda è: per fare il calore prodotto da un metro cubo di metano quanti kWh ci vogliono?<br>Tralasciando il rendimento della caldaia, magari assumendolo del 100&#37; e non considerando il guadagno delle PDC.<br>1 m3=kWh ???</div></div><br>Nel manuale ei certificazione SACERT per gli edifici trovi al punto 7.5 gli apporti energetici convertiti negli equivalenti termici.<br><br>In quel caso in un impianto FV usato per contribuire al riscaldamento l&#39;energia elettrica prodotta va moltiplicata per 2,7 per ottenere la quantit&agrave; di energia termica estraibile, in modo da poterla rendere omogenea con gli altri apporti energetici.<br><br>2,7 (cioè 1/0,37, che è il fattore di conversione da energia elettrica a termica) è appunto la media del COP delle PdC, che <b>va a moltiplicare</b>, non a dividere l&#39;apporto di energia, sia essa termica o elettrica.<br><br>Mi spiego meglio con un esempio:<br><br>una PdC da 12000 BTU (comunemente usata nelle case) da appunto 12000 BTU/h, equivalenti a 12, 668 MJ/h, per cui:<br><br>12,668*1000000/3600 = 3520 J/s = 3,52 kW<br><br>Ma una PdC non consuma 3,52 kWp, sennò tutto l&#39;impianto elettrico non bsterebbe per una sola PdC.<br><br>Ergo: quei 3,52 sono <u>kW termici</u>.<br><br>Infatti in realt&agrave; una PdC consuma mediamente 1,3 kW elettrici e moltiplicando per il COP ottengo la potenza termica di una PdC.<br><br>Ovviamente il discorso di come va calcolata la potenza termica di una caldaia a metano fila:<br><br>P = Q*Pc*n<br><br>con n = rendimento (tal quale, perchè è termico) della caldaia<br>Q= portata del metano per unit&agrave; di tempo<br>Pc=potere calorifico

                            Commenta


                            • #15
                              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 18/3/2007, 13:34)</div><div id="quote" align="left">Le prove fatte presso il parco tecnologico Polaris di Pula(CA) hanno evidenziato che i dati riportati dai produttori di PDC commercializzate in Italia sono errate in eccesso per 1-1,5 punti.</div></div><br>Ma... questo errore.... intendi 1- 1,5 punti percentuali o dal 100&#37; al 150&#37; ?<br><br>Perchè se è il secondo caso, ci sta il penale per truffa, e la immediata risoluzione di qualunque contratto.
                              "Una nuova verità scientifica non trionfa perché i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perché alla fine muoiono, e nasce una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari." Max Planck

                              Commenta


                              • #16
                                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (ElettroRik @ 21/3/2007, 09:30)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (dotting @ 18/3/2007, 13:34)</div><div id="quote" align="left">Le prove fatte presso il parco tecnologico Polaris di Pula(CA) hanno evidenziato che i dati riportati dai produttori di PDC commercializzate in Italia sono errate in eccesso per 1-1,5 punti.</div></div><br>Ma... questo errore.... intendi 1- 1,5 punti percentuali o dal 100&#37; al 150&#37; ?<br><br>Perchè se è il secondo caso, ci sta il penale per truffa, e la immediata risoluzione di qualunque contratto.</div></div><br>Io ho parlato di 1- 1,5 punti, cioè un COP dichiarato 3,5 è in realt&agrave; 2-2,5.<br><br>E&#39; in corso da sei anni una causa civile con richiesta di rimborso miliardario delle vecchie lire per truffa.
                                Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                                Commenta


                                • #17
                                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 21/3/2007, 09:42)</div><div id="quote" align="left">Perchè se è il secondo caso, ci sta il penale per truffa, e la immediata risoluzione di qualunque contratto.</div></div><br>Io ho parlato di 1- 1,5 punti, cioè un COP dichiarato 3,5 è in realt&agrave; 2-2,5.<br><br>E&#39; in corso da sei anni una causa civile con richiesta di rimborso miliardario delle vecchie lire per truffa.[/QUOTE]Un&#39;altra causa per truffa?<br><br>Allora la truffa è più comune di quanto pensavo..........mi sa che a pansare male forse si pecca, ma raramente ci si sbaglia......... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7fffb77124448ca0a621847aaa79d8cf.gif" alt="&lt;_&lt;"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0504c51f9df6631fb5cb613fd585b39a.gif" alt="">

                                  Commenta


                                  • #18
                                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 21/3/2007, 09:42)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ElettroRik @ 21/3/2007, 09:30)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 18/3/2007, 13:34)</div><div id="quote" align="left">Le prove fatte presso il parco tecnologico Polaris di Pula(CA) hanno evidenziato che i dati riportati dai produttori di PDC commercializzate in Italia sono errate in eccesso per 1-1,5 punti.</div></div><br>Ma... questo errore.... intendi 1- 1,5 punti percentuali o dal 100&#37; al 150&#37; ?<br><br>Perchè se è il secondo caso, ci sta il penale per truffa, e la immediata risoluzione di qualunque contratto.</div></div><br>Io ho parlato di 1- 1,5 punti, cioè un COP dichiarato 3,5 è in realt&agrave; 2-2,5.<br><br>E&#39; in corso da sei anni una causa civile con richiesta di rimborso miliardario delle vecchie lire per truffa.</div></div><br>Ok.<br><br>Quindi, per esempio, prendiamo questo <a href="http://www.vaillant.it/linebreak/mod/netmedia_pdf/data/1040_SistemiGeotermici.pdf" target="_blank">PDF</a> a pag. 6.<br><br>C&#39;è la seguente tabella:<br><br>Definizione Resa riscaldamento/ Rendimento consumo in kW, dove Pt = Potenza termica e Pe = Potenza elettrica:<br><br><table border="0" id="table1" cellspacing="0" cellpadding="0" width="1009"><tr><td width="100">Modello</td><td>Pt / Pe (s.salina 0°C - acqua 35°C)&nbsp;&nbsp;</td><td>Cop</td><td width="43">&nbsp;</td><td width="297">Pt / Pe (s.salina 0°C - acqua 50°C)&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;</td><td width="233">Cop</td></tr><tr><td width="100">VWS 8/1 C</td><td width="303">&nbsp;7,1/1,6</td><td width="41">4,4</td><td width="43">&nbsp;</td><td width="297">6,8/2,4</td><td width="233">2,9</td></tr><tr><td width="100">VWS 11/1 C</td><td width="303">&nbsp;10,2/2,2</td><td width="41">4,6</td><td width="43">&nbsp;</td><td width="297">9,4/3,1</td><td width="233">3,0</td></tr><tr><td width="100">VWS 16/1 C</td><td width="303">&nbsp;15,1/3,7</td><td width="41">4,1</td><td width="43">&nbsp;</td><td width="297">13,8/4,8</td><td width="233">2,9</td></tr><tr><td width="100">VWS 18/1 C</td><td width="303">&nbsp;17,7/3,9</td><td width="41">4,</td><td width="43">&nbsp;</td><td width="297">16,5/5,0</td><td width="233">3,3</td></tr><tr><td width="100">&nbsp;</td><td width="303">Pt / Pe (acqua 10°C - acqua 35°C)&nbsp;</td><td width="41">&nbsp;</td><td width="43">&nbsp;</td><td width="297">Pt / Pe (acqua 10°C - acqua 50°C)&nbsp;</td><td width="233">&nbsp;</td></tr><tr><td width="100">VWW 8/1 C</td><td width="303">&nbsp;9,4/1,6</td><td width="41">6,0</td><td width="43">&nbsp;</td><td width="297">8,6/2,2</td><td width="233">3,9</td></tr><tr><td width="100">VWW 11/1 C</td><td width="303">13,6/2,1</td><td width="41">6,4</td><td width="43">&nbsp;</td><td width="297">12,3/3,1</td><td width="233">4,0</td></tr><tr><td width="100">VWW 16/1 C</td><td width="303">19,6/3,7</td><td width="41">5,3</td><td width="43">&nbsp;</td><td width="297">18,5/5,1</td><td width="233">3,6</td></tr><tr><td width="100">VWW 18/1 C</td><td width="303">&nbsp;23,1/4,3</td><td width="41">5,4</td><td width="43">&nbsp;</td><td width="297">21,1/5,8</td><td width="233">3,6</td></tr></table><br><br><br><br>Tu dici che questi dati non sono affidabili?<br>Cioè, se effettivamente entro con 0°C ed esco con 50°C non ho QUEL rapporto tra Potenza termica/consumo elettrico ?<br><br>Cioè... capirei che si azzardi una &#39;pubblicit&agrave; ingannevole&#39; giocando su alcune variabili omesse, eccetera, (di solito sui depliant è riportato il COP della migliore condizione in tabella), ma poi il professionista deve (o dovrebbe) far ricorso a questa tabella, non al valore dichiarato dal depliant &#39;commerciale&#39;.<br><br>Mi pare strano che tali dati siano falsati così tanto, specie quando sono certificati da enti seri....<br><br><span class="edit">Edited by ElettroRik - 21/3/2007, 12:08</span>
                                    "Una nuova verità scientifica non trionfa perché i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perché alla fine muoiono, e nasce una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari." Max Planck

                                    Commenta


                                    • #19
                                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (ElettroRik @ 21/3/2007, 11:49)</div><div id="quote" align="left">Mi pare strano che tali dati siano falsati così tanto, specie quando sono certificati da enti seri....</div></div><br>No, non confondiamo la lana con la seta.<br>Quella che hai citato non è una pdc Vaillant, ma è una Geoterm svizzera e lì se bleffi sono dolori, non stanno a fare cause civili o penali te la fanno togliere dal mercato.<br><br>Il pdf che hai linkato è un esempio di dati seri ed io in altre discussioni l&#39;ho additata come apparato descritto con dati corretti:<br>il più serio che si legge è questo:<br>la pdc è in grado di fornire acqua a 35°C per impianti di riscaldamento, acqua a 50°C per ACS.<br>Non 55° o 60° come sparano altri.<br>
                                      Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 21/3/2007, 12:04)</div><div id="quote" align="left">Quella che hai citato non è una pdc Vaillant, ma è una Geoterm svizzera</div></div><br>intendi che Vaillant distribuisce geotherm?<br><br>Ok. Quindi se nel conto della serva (partendo dai mc di metano consumati della vecchia caldaia) si prende un Cop 2,5 per un impianto a radiatori (magari con il 50&#37; in più di elementi aggiunti), si può essere nel ragionevole?<br><br>A questo punto, il 2,5 verrebbe ulteriormente incrementato a circa 3- 3,2 tenendo conto del rendimento termico della caldaia stessa.<br>Questo valore dovrebbe portare all&#39;incirca il consumo elettrico del nuovo impianto a PdC geo in sostituzione della vecchia caldaia, partendo dai mc/anno di metano.<br><br>Ti torna?
                                        "Una nuova verità scientifica non trionfa perché i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perché alla fine muoiono, e nasce una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari." Max Planck

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Purtroppo dove sono io le PDC geo penso non riescano a funzionare, è tutta roccia e ghiaia.<br>E penso che anche quelle aria/acqua, la temperatura esterna è spesso prossima allo zero anche durante il giorno.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            perchè non possono funzionare? Le trivellazioni si fanno anche su roccia e ghiaia, magari non devi scavare nemmeno molto e arrivi alla falda acquifera.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (Giuseppe123 @ 22/3/2007, 00:24)</div><div id="quote" align="left">Purtroppo dove sono io le PDC geo penso non riescano a funzionare, è tutta roccia e ghiaia.<br>E penso che anche quelle aria/acqua, la temperatura esterna è spesso prossima allo zero anche durante il giorno.</div></div><br>C&#39;è una soluzione molto semplice che ho gi&agrave; sperimentato e di cui sto analizzando i rendimenti.<br>Uno studio più approfondito sar&agrave; svolto da laureandi l&#39;inverno prossimo.<br>Cogenerazione ad aria utilizzabile in qualunque condizione climatica.<br>Si tratta di utilizzare un piccolo GE, preferibilmente diesel e ancora meglio trasformato ad olio di colza, anche se la cogenerazione a gasolio è considerata comunque fonte rinnovabile, raffreddato ad aria accoppiato ad una PDC aria/acqua.<br>Il rendimento teorico è pari al 100&#37;, in quanto vengono utilizzati anche i fumi di combustione.<br>Ho smontato la mia PDC che ha funzionato per 42 giorni con un GE attaccato al cul.. , mia moglie mi stava uccidendo perchè qui in Sardegna è ripreso il freddo, ed ho verificato che evaporatore e compressore sono perfettamente puliti.<br>saluti
                                              Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (taote @ 22/3/2007, 02:02)</div><div id="quote" align="left">perchè non possono funzionare? Le trivellazioni si fanno anche su roccia e ghiaia, magari non devi scavare nemmeno molto e arrivi alla falda acquifera.</div></div><br>Hanno provato in molti a cercare l&#39;acqua, non per le PDC ma per altri fini, ma nessuno è riuscito a trovarla, anche andando molto in profondit&agrave;.<br>Mi devo rassegnare........<br>

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Giuseppe123 @ 22/3/2007, 15:21)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (taote @ 22/3/2007, 02:02)</div><div id="quote" align="left">perchè non possono funzionare? Le trivellazioni si fanno anche su roccia e ghiaia, magari non devi scavare nemmeno molto e arrivi alla falda acquifera.</div></div><br>Hanno provato in molti a cercare l&#39;acqua, non per le PDC ma per altri fini, ma nessuno è riuscito a trovarla, anche andando molto in profondit&agrave;.<br>Mi devo rassegnare........</div></div><br>ma anche senz&#39;acqua una PDC terra/acqua come la vedi?(è + costosa sicuramente)

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    penso che a questo punto, volendo usare le PDC, userei quelle aria/acqua o aria/aria,<br>il COP sara basso in certi momenti, ma non si puo&#39; fare altrimenti.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      ???...... scusate mi sembrava di essere entrato nel forum del FV......<br><br>cmq Giuseppe, ma non hai un pò di terreno per utilizzare PDC geo orizzontale?<br><br>&#39;notte a tutti

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (Bhelfys @ 23/3/2007, 01:06)</div><div id="quote" align="left">???...... scusate mi sembrava di essere entrato nel forum del FV......<br><br>cmq Giuseppe, ma non hai un pò di terreno per utilizzare PDC geo orizzontale?<br><br>&#39;notte a tutti</div></div><br>Hai ragione in questo forum non si capisce più una mazza.<br>Vedi discussioni su caldaie a legna nel solare termico, questa geotermica non ci sta a fare niente qua, il risparmio energetico in Finanziaria lo attaccano dove capita.<br>In parole povere è un casino.<br><br>Riguardo alle pdc geo con sonde orizzontali, attenzione che anche l&agrave; vendono molto fumo.<br>saluti
                                                        Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          solo un&#39;utima domanda, poi eventualmente inizio un discussione da un&#39;altra parte piu&#39; adatta...<br>pdc geo con sonde orizzontali?<br><br>come funzionano?<br><br>

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Non c&#39;è bisogno di aprire un&#39;altra discussione, trovi tutte le informazioni qua:<br><a href="http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5336402" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5336402</a><br>ci sono i link ai siti.
                                                            Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR