adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Installazioni Plurime

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Installazioni Plurime

    Ciao Ragazzi... il mio dubbio consiste nel capire come gestire un cliente che abbia la possibilit&agrave; (nonch la necessit&agrave di collegare pi contatori ad un unico impianto su un solo tetto ad esempio. Pu essere il caso di una famiglia con padre e figlio (con rispettive famiglie) che abitano sotto lo stetto tetto in due appartamenti distinti con due contatori distinti. La casa mettiamo sia intestata tutta al padre... ma i contatori ovviamente avranno due utenti diversi. Posso in questo caso &quot;spezzare&quot; virtualmente l&#39;impianto? Ossia posso collegare che so 3Kw al padre e 3Kw al figlio? Ovvio che essendo cmq l&#39;impianto su un unico tetto di una unica propriet&agrave; verr&agrave; a tutti gli effetti incentivato dal CE come un 6Kw il cui incentivo andr&agrave; al padre(proprietario del fabbricato)...<br>Non so se mi sono spiegato.<br>Grazie.. io non ho trovato una risposta nella &quot;infinita&quot; normativa e legislazione... e non ho esperienza pratica in materia da consentirmi di dare una risposta.<br><br>Grazie e ciao Fabio

  • #2
    Guarda che quel che conta la potenza collegata all&#39;utenza.<br>Quindi tu puoi installare sul tetto 6 kwp, ma collegarne met&agrave; ad una utenza e met&agrave; all&#39;altra. Cos risultano 2 impianti da 3kwp. anche se visivamente sembrano uno solo.

    Commenta


    • #3
      Sono daccordo... il sistema in se non dovrebbe avere problemi di installazione. Il mio dubbio riguarda le varie autorizzazioni. Il CE avr&agrave; bisogno di un contatore unico che contabilizzi prima della divisione nelle due utenze (visto che l&#39;intestatorio del contratto con il GSE solo il proprietario del fabbricato), in modo da computare i soldi per il proprietario del fabbricato e poi che si fa...si definiscono due contratti di Scambio sul posto per i due contatori? Si possono fare questi passaggi?

      Commenta


      • #4
        Non credo.<br>Il figlio si deve far firmare dal padre un documento dove si d&agrave; la disponibilit&agrave; d&#39;uso del tetto e quindi si procede con due richieste indipendenti al GSE, una la fa il padre e una la fa il figlio.<br><br>Gianni<br>

        Commenta


        • #5
          bisogna solo fare come se fossero due impianti separati, con la differenza che il figlio deve avere l&#39;autorizzazione dal padre.

          Commenta


          • #6
            MMM... mi pare un sistema molto complicato...taote... siamo sicuri che basti una autorizzazione del padre? Mi pare troppo facile. E fare quindi due impianti separati, con due CE nonostante l&#39;installazione sullo stesso tetto?<br>Ohi... io la vedo difficile... difficile che sia autorizzabile dal GSE... questo intendo. Il bello che di situazioni simili sono strapieno... anche ad esempio un unico proprietario con 2 o 3 contatori...come fa a fare lo scambio sul posto? Fa 3 impianti diversi? Non possibile...altrimeni si aggirerebbe la regola dell&#39;unico proprietario dell&#39;impianto... 10 impianti da 3Kw con 10 contatori invece che 1 da 30Kw...sai che manna per l&#39;incentivo???<br>

            Commenta


            • #7
              ti dico che cos.. salvo casi particolari.<br><br>Quando ci sono 2 proprietari x 2 impianti dovrebbe andare tutto liscio, basta che chi non proprietario dell&#39;immobile abbia l&#39;autorizzazione dall&#39; altro. Lo stesso vale nei condomini, diversi inquilini possono fare impianti diversi (quindi diversi proprietari) purch siano autorizzati.<br><br>Ho invece dubbi sul fatto che un proprietario di 3 diversi contatori sullo stesso immobile possa fare 3 impianti. Conviene che faccia l&#39;unificazione delle utenze e quindi un impianto unico. Se invece lo stesso proprietario ha 3 impianti su 3 immobili diversi pu farli tutti e tre....<br><br>Il discorso legato quindi maggiormente alla unit&agrave; immobiliare o la particella catastale.<br><br>Per esempio un mio committente vuole fare un impianto da almeno 50kwp su terreno, io gli ho consigliato di spezzarlo in impianti non superiori ai 20kwp (per ragioni fiscali, tralatro ancora non del tutto chiare). Quindi alla fine ne faremo 4 da 20kwp, ma il terreno deve essere diviso in 4 particelle catastali distinte, per far risultare 1 impianto su ogni particella.<br><br>saluti

              Commenta


              • #8
                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (taote @ 7/4/2007, 14:41)</div><div id="quote" align="left">Quando ci sono 2 proprietari x 2 impianti dovrebbe andare tutto liscio, basta che chi non proprietario dell&#39;immobile abbia l&#39;autorizzazione dall&#39; altro. Lo stesso vale nei condomini, diversi inquilini possono fare impianti diversi (quindi diversi proprietari) purch siano autorizzati.<br><br>Ho invece dubbi sul fatto che un proprietario di 3 diversi contatori sullo stesso immobile possa fare 3 impianti. Conviene che faccia l&#39;unificazione delle utenze e quindi un impianto unico. Se invece lo stesso proprietario ha 3 impianti su 3 immobili diversi pu farli tutti e tre....<br><br>Il discorso legato quindi maggiormente alla unit&agrave; immobiliare o la particella catastale.</div></div><br>Anche a me risulta cos...<br><br>Da FAQ a GRTN (anzi ex GRTN)<br><br><i>Requisiti Soggetti Responsabili:<br>a) Se una persona fisica proprietaria di pi immobili in luoghi separati, pu presentare una domanda per ciascuno<br>degli immobili?<br>48<br>S. La Delibera dellAutorit&agrave; per lEnergia Elettrica e il Gas n 188/05, infatti, prevede che il soggetto responsabile dellimpianto<br>non possa presentare pi di una domanda entro la stessa scadenza per il medesimo sito (art. 3.1).</i>

                Commenta


                • #9
                  Quindi riassumendo mi confermate che il sistema abbastanza semplice nella sua solita complicazione... su un unico tetto si possono dividere diversi impianti se vi sono diversi proprietari con l&#39;autorizzazione del proprietario dell&#39;immobile. Per quel che riguarda quanto detto da taote al riguardo di installazioni su particelle catastali diverse direi che non cisono particolari problemi di sorta... si tratta in effetti a tutti gli effetti (scusate il giro di parole) di immobili diversi. Al massimo come dicevi tu occorrer&agrave; un frazionamento per definire la 3 particelle diverse.<br>Questione diversa invece per un unico proprietario con diversi contatori cosa in effetti non fattibile. A quel punto conviene incanalare tutta l&#39;energia prodotta su un unico contatore o riunire in effetti quelli esistenti.<br>Ho un committente in effetti con una situazione particolare ma facilmente risolvibile e lo pongo volentieri come caso a cui ispirarsi. Due fabbricati (uno con copertura in eternit ed uno normale... un agricoltore...-)) e due contatori... cosa semplice quindi sparare i due impianti sui due contatori diversi e con quelli gestire i due CE....<br>Direi che mi pare che questa sia la cosa giusta.

                  Commenta


                  • #10
                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (fabjordan @ 10/4/2007, 16:15)</div><div id="quote" align="left">Quindi riassumendo mi confermate che il sistema abbastanza semplice nella sua solita complicazione... su un unico tetto si possono dividere diversi impianti se vi sono diversi proprietari con l&#39;autorizzazione del proprietario dell&#39;immobile. Per quel che riguarda quanto detto da taote al riguardo di installazioni su particelle catastali diverse direi che non cisono particolari problemi di sorta... si tratta in effetti a tutti gli effetti (scusate il giro di parole) di immobili diversi. Al massimo come dicevi tu occorrer&agrave; un frazionamento per definire la 3 particelle diverse.<br>Questione diversa invece per un unico proprietario con diversi contatori cosa in effetti non fattibile. A quel punto conviene incanalare tutta l&#39;energia prodotta su un unico contatore o riunire in effetti quelli esistenti.<br>Ho un committente in effetti con una situazione particolare ma facilmente risolvibile e lo pongo volentieri come caso a cui ispirarsi. Due fabbricati (uno con copertura in eternit ed uno normale... un agricoltore...-)) e due contatori... cosa semplice quindi sparare i due impianti sui due contatori diversi e con quelli gestire i due CE....<br>Direi che mi pare che questa sia la cosa giusta.</div></div><br>Direi di si. Considera che occorrerebbe non far figurare il medesimo Mister X come proprietario di entrambi i contatori (se posti sul medesimo sito).<br><br>Indipendentemente da ci, in questo caso caso, avere due impianti separati sarebbe un vantaggio per godere in un caso del bonus +5&#37; per la rimozione amianto qualora sia possibile fare un&#39;integrazione architettonica completa. Infatti, se l&#39;impianto fosse unico (zone amiantifere e non ;-) ) vincerebbe (a quanto ne sappiamo oggi) la tariffa pi bassa. Quindi niente bonus amianto.<br>Comunque aspettiamo la delibera per veder confermati i nostri ragionamenti.

                    Commenta


                    • #11
                      Una cosa salta agli occhi... per gli impianti grandi piazzati a terra si riesce facilemtne ad aggirare il limite di grandezza dell&#39;impianto... chiaro che se uno vuole fare 200Kw non ha senso fare 10 particelle per fare 10 impianti da 20Kw (anche se... ) con 10 contatori e 10 CE.... ma per piccoli impianti da 40-50-60Kw...direi che ne vale la candela... c&#39; poi anche il problema della VIA... per impianti a terra sopra i 20 Kw obbligatoria... si aggira facendo 2 impianti da 20 kw in due particella affiancate?<br>bella domanda

                      Commenta


                      • #12
                        Ciao a tutti,<br> dalle mie parti i villaggi di edilizia popolare sono pieni di villette a schiera, virtualmente dei condomini in orizzontale.<br>Un condominio di tale specie, pu essere considerato persona giuridica?<br>In tal caso avrebbe diritto al CE?<br>Ammesso che ci sia possibile, come potrebbero suddividere i condomini l&#39;energia prodotta dal condominio?<br>Ci sono gi&agrave; delle normative o delle consuetudini riconducibili al caso?<br>Qualcuno ha gi&agrave; posto delle domande simili con casi analoghi?<br>La mia ricerca finalizzata alla organizzazione di aiuti a livello comunale per iniziative del genere e rappresenta un campione di domande che ci sono state poste in assemblea pubblica per la presentazione di una realizzazione fotovoltaica sui tetti di alcuni edifici comunali.<br>Ringrazio chiunque vorr&agrave; darmi una mano.<br>Osvaldo

                        Commenta


                        • #13
                          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Osvaldo @ 23/4/2007, 23:32)</div><div id="quote" align="left">Ciao a tutti,<br> dalle mie parti i villaggi di edilizia popolare sono pieni di villette a schiera, virtualmente dei condomini in orizzontale.<br>Un condominio di tale specie, pu essere considerato persona giuridica?<br>In tal caso avrebbe diritto al CE?<br>Ammesso che ci sia possibile, come potrebbero suddividere i condomini l&#39;energia prodotta dal condominio?<br>Ci sono gi&agrave; delle normative o delle consuetudini riconducibili al caso?<br>Qualcuno ha gi&agrave; posto delle domande simili con casi analoghi?<br>La mia ricerca finalizzata alla organizzazione di aiuti a livello comunale per iniziative del genere e rappresenta un campione di domande che ci sono state poste in assemblea pubblica per la presentazione di una realizzazione fotovoltaica sui tetti di alcuni edifici comunali.<br>Ringrazio chiunque vorr&agrave; darmi una mano.<br>Osvaldo</div></div><br>Puoi guardare le FAQ sul sito del GSE.<br><br>Comunque: non si pu suddividere l&#39;energia prodotta da un unico impianto tra i vari condomini.<br>Se al <u>condominio</u> intestato un contatore (es. quello relativo alle parti comuni quali illuminazione, pompe CT ecc), tale contatore pu eventualmente beneficiare del conto energia di un possibile impianto FV.<br><br>Altre vie: ogni inquilino provvede a farsi un impianto privato (es. si trova un accordo su come dividere il tetto condominiale nel caso di condomini &quot;verticali&quot;, ammesso che ci sia possibile) intestato al singolo contatore di propriet&agrave;;<br><br>si unificano tutte le utenze in unico contatore e si suddividono spese e benefici secondo una qualche modalit&agrave; (es. millesimi).<br><br>Occorre discuterne con l&#39;amministratore. E non cosa da poco.

                          Commenta


                          • #14
                            <br>Ciao ste.sa,<br> non solo con l&#39;amministratore, la maggior parte di questi condomini non hanno nemmeno l&#39;amministratore, non hanno nemmeno un contratto per alimentare elettricamente le parti comuni. Ed allora devi discutere anche con le mogli (o mariti) dissenzienti e relative suocere. Risultato, a nessuno interessa affrontare l&#39;argomento, n ai tecnici n alle ditte interessate.<br>Eppure una realizzazione di poniamo 4 impianti da 1 kWp in una casa a schiera, darebbe la possibilit&agrave; non solo di elettrificare le parti comuni, ma di condividere magari anche l&#39;elettricit&agrave; per le lavanderie, con tutti i regolamenti del caso, naturalmente.<br>Anche l&#39;accesso al credito per l&#39;installazione sarebbe facilitato, come amministrazione comunale potremmo agevolare sia l&#39;assistenza al credito che al progetto, oltre all&#39;agevolazione per gli oneri di urbanizzazione nel caso di volumetrie aggiuntive.<br><br>Osvaldo

                            Commenta


                            • #15
                              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">si unificano tutte le utenze in unico contatore e si suddividono spese e benefici secondo una qualche modalit&agrave; (es. millesimi).</div></div><br>Unificare le utenze la vedo una cosa irrealizzabile nella pratica, perch si perderebbe di vista il consumo della singola utenza.<br>Mettiamo che per 4 utenze unificate si dimensioni l&#39;impianto con 12 KWp, quindi in una regione del sud circa 16000 KWh/anno<br>l&#39;anno dopo due utenze installano l&#39;impianto di condizionamento, usano la lavatrice tutti i giorni, si fanno pizze tutte le sere, si lasciano le luci accese anche di giorno, ecc... pensando che l&#39;elettricit&agrave; sia gratuita, dopo un anno si rendono conto di aver consumato pi di quello che hanno prodotto.<br>Chi paga la differenza?<br>La divisione per millesimi non ha pi senso, bisognerebbe comunque installare dei contatori di consumo, ma anche questo non risolve la potenza istantanea massima disponibile dalle utenze.<br>Ammettiamo che il contratto dell&#39;ENEL sia di 12KW e che tutte e quattro le famiglie usino la lavatrice nello stesso istante, poi mogari uno accende il forno elettrico, l&#39;aspirapolvere ecc... ed il contatore scatta, chi ne subisce il danno la normale famiglia che vive normalmente, esattamente come facciamo noi.<br>Credo che unificando le utenze scatti una corsa al consumo che sia assolutamente dannosa (non dimenticate che siamo italiani).<br><br>Non vedo qual sia il problema nel realizzare quattro impianti separati, forse bisogna fare dei cavidotti aggiuntivi, ma dal punto di vista funzionale ognuno ha la responsabilit&agrave; dei prorpi consumi&#33;<br><br>Saluti<br>Salmec
                              L'esperienza ci che ti fa commettere errori nuovi invece di quelli vecchi.
                              Arthur Bloch

                              Commenta


                              • #16
                                Ciao Salmec,<br> certo la soluzione che prospetti la pi logica, potendo ognuno libero di fare o non fare il suo impianto e se lo gestisce come vuole.<br>Quello a cui pensavo io era la possibilit&agrave; di fare un impianto aggiuntivo, un quinto contratto quindi condominiale, dedicato alle parti comuni, comprese le lavanderie, a cui potrebbero contribuire i singoli coprendo per esempio il vialetto d&#39;ingresso, o il parcheggio comune. Una realizzazione di 4 kWp condominiale avrebbe un costo inferiore, e mi darebbe la possibilit&agrave; di 5.000 kwh annui da suddividere, se non fossero sufficienti potrei sempre pescarne di pi dalla rete, senza toccare le 4 utenze &quot;normali&quot;.<br>Capisco che complicato, ma non mi sembra impossibile, sempre che ci sia la volont&agrave; delle parti,<br>ciao<br> Osvaldo

                                Commenta


                                • #17
                                  Nulla impossibile, per le 4 utenze DEVONO essere tutte d&#39;accordo altrimenti non se ne fa niente.<br>Nel mio palazzo sono anni (dal bando dei 10000 tetti fotovoltaici) che lo propongo per le utenze comuni e ascensore, ma interessa poco agli altri condomini e appena si parla di costi.... l&#39;argomento gi&agrave; chiuso. Ora st provando a farlo solo per la mia utenza, ma dei paletti ce ne sono sempre: nel 2005 non si raggiunto il minimo dei 2/3 del&#39;assemblea, nel 2006 volevano avere prima il progetto definitivo e dividere la superficie nel tetto in modo che ci possa essere lo spazio per tutti (giustissimo)... adesso spero nel 2007.<br><br>Saluti<br>carest
                                  - AGGIORNAMENTO A GENNAIO 2020 - del foglio di calcolo con costi e confronti delle tariffe elettriche https://www.energeticambiente.it/for...17#post1813217

                                  Commenta


                                  • #18
                                    vorrei sapere se volendo realizzare a terra un impianto da 500 kW , lo vorrei autorizzare in tempi successivi da 50 kW.Vorrei sapere quali aggravi avrei per l&#39;impianto, e quali conseguenze, al posto di cstruirl una sola volta da 500.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (felicelucia @ 30/4/2007, 11:07)</div><div id="quote" align="left">vorrei sapere se volendo realizzare a terra un impianto da 500 kW , lo vorrei autorizzare in tempi successivi da 50 kW.Vorrei sapere quali aggravi avrei per l&#39;impianto, e quali conseguenze, al posto di cstruirl una sola volta da 500.</div></div><br>Scusami<br>ma per realizzare un impianto da 500 kW ovvero 2.500.000 Euri o gi di li chiedi consiglio ad un forum ? non per sminuire nessuno di questo forum ma per un investimento del genere vorrei vedere in faccia il mio interlocutore.<br>Se contrariamente parlare tanto per parlare allora possiamo discuterne.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        in realt&agrave; nn ho la dispnibilit&agrave; per realizzal, vlevo solo capire se conviene tecnicmanete ed economicamente fare pi impanti sullo stesso sito (con punti di connessione differenti) oppure no....

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Spero tu stia parlando di impianti a terra... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5b71bb93e388de8c322589910573f5d3.gif" alt=":blink:"> ...<br><br>Nelle integrazioni architettoniche, l&#39;installazione in pi tranche la vedo gi&agrave; pi dura... dovrebbe essere ben studiata anche nell&#39;ambito delle problematiche di processo edilizio... ahi&#33; ahi&#33;

                                          Commenta

                                          Attendi un attimo...
                                          X
                                          TOP100-SOLAR