adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Fotovoltaico e Pompe di calore detrazione del 55%

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Fotovoltaico e Pompe di calore detrazione del 55%

    Piccola premessa: cosa dice il comma 344 della Finanziaria 2007?<br>Dice che se io ho una casa fatta in un certo modo con un determinato involucro, con un certo rapporto S/V, una certa esposizione certe finestrature ecc.. ecc.., a seguito del calcolo termotecnico per questa casa mi occorrono tot kWh/mq.<br>In una certa tabella Allegato C del DL 192/2005 sono riportati dei valori limite dell&#39;indice di prestazione energetica che dicono che se hai una casa con un rapporto S/V di 0,9 e sei in zona C con 901 gradi giorno per 100 mq non dovresti superare i 6000 kWh all&#39;anno.<br>Questi 6000 kWh tu li devi produrre in qualche modo per riscaldare casa e mantenerla a 20°C.<br>Nelle intenzioni del legislatore se tu incrementi l&#39;isolamento dell&#39;involucro edilizio, cappotto infissi copertura pavimenti ecc.. rifai il calcolo del fabbisogno energetico e ottieni una diminuzione del fabbisogno superiore al 20&#37; (nel caso dell&#39;esempio 1200 kWh), tu puoi richiedere la detrazione del 55&#37; per tutti gli interventi che hai fatto (nota bene anche per coperture e pavimenti attualmente non previsti).<br>Il ragionamento che si può fare a questo punto è:<br>se io invece di intervenire sull&#39;involucro, installo un sistema che mi produca sempre i miei 6000 kWh, ma ne consumo solo 4800 kWh, l&#39;impianto che ho messo è incentivabile?<br><br>la sua installazione ricade nella detrazione del 55&#37;?<br>Un impianto realizzabile potrebbe essere quello costituito da pompe di calore geotermiche ovvero acqua/acqua ed aria/acqua ed un impianto fotovoltaico, oppure ancora più semplicemente PDC aria/aria diciamo canalizzata sempre servita da un impianto FV.<br><br>Riporto ora quanto scritto nella Circolare 36 dell&#39;Agenzia delle Entrate del 31 maggio 2007:<br><br>Data l&#39;assenza di specifiche indicazioni normative, si deve ritenere che<br>la categoria degli &quot;interventi di riqualificazione energetica&quot; comprenda<br><b>qualsiasi intervento</b>, o insieme sistematico di interventi, che incida sulla<br>prestazione energetica dell&#39;edificio, realizzando la maggior efficienza<br>energetica richiesta dalla norma.<br> Vi rientrano a titolo esemplificativo, la sostituzione o l&#39;installazione<br>di impianti di climatizzazione invernale anche con generatori di calore non<br>a condensazione, con pompe di calore, con scambiatori per teleriscaldamento,<br>con caldaie a biomasse, gli impianti di cogenerazione, rigenerazione, gli<br>impianti geotermici e gli interventi di coibentazione non aventi le<br>caratteristiche indicate nei commi successivi.<br><br>Ho evidenziato in grassetto il termine qualsiasi intervento perchè a questo punto l&#39;intervento di riqualificazione energetica costituito da PDC + FV potrebbe beneficiare della detrazione del 55&#37;.<br>Caso tipico potrebbe essere un edificio esistente dotato di impianto a termosifoni e caldaia.<br>Sostituisco il tutto installando un impianto di riscaldamento a pannelli radianti a pavimento, pompa di calore xxxxx/acqua e pannelli fotovoltaici.<br><br>Cosa ne pensate?<br><br>Lasciamo perdere per il momento il discorso Conto Energia.<br><br>
    Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

  • #2
    E&#96; proprio questo il punto Dotting....e lasciamo veramente perdere il CE.<br>Il modo piu&#96; pulito per sfruttare il solare e&#96; sicuramente l&#96;FV associato a Pdc, ma e&#96; anche il piu&#96; costoso, e per questo deve venire incentivato, promosso, pubblicizzato.....deve diventare una sorta di moda, al posto magari di cambiare l&#96;automobile o conprarsi un plasma.....<br>Parli di FEP della climatizzazione invernale, figurati poi i vantaggi di quella estiva quando il fresco serve proprio quando c’e&#96; tanto sole....e ci paventano black-out.<br>A mio avviso il sistema proposto da AD80 e&#96; sicuramente il piu&#96; competitivo. Senza tanta burocrazia ti produci energia elettrica (FV, eolico, quello che vuoi) e te la usi, se non e&#96; sufficiente te la prendi dalla rete e se questa viene a mancare hai una autonomia che ti permette con tranquillita&#96; di alimentare i sistemi vitali dell&#96;abitazione e ancora di piu&#96;.<br>Si puo&#96; partire con 600Wp e poi col tempo ( quando diminueranno i prezzi) aumentarli a piacere fino a diventare quasi indipendente....il tutto senza domande, autorizzazioni, contatori vari e relativi canoni.<br>Ti faccio l&#96;esempio della mia abitazione, una palazzina su tre piani in zona E, con 2700GG dove sono installati una caldaia a gasolio e una Pdc dual split di quelle ad inverter con rendimento elevato. Mi sono meticolosamente calcolato il FEP e sono intorno ai 37000 se poi aggiungi il fabbisogno di ACS salgo a 42000, capisci che tagliare del 20&#37; solo con FV diventano un botto di soldi. Cosi&#96; ho limitato l&#96;FV alla sola pompa di calore, e con il solare termico ho introdotto la produzione di acqua calda per ACS e integrazione al riscaldamento rispettivamente limitate al 70&#37; del Q_W e al 30&#37; del Q_H.<br>Risultano comunque 8 pannelli da 165Wp con il sistema AD80 e 5 pannelli termici di una nota ditta austriaca con un puffer da 1000lt.<br>La spesa si aggirerebbe sui 20000 euro che senza incentivi ammortizzerei in 15 anni, con il 36&#37; in 10 e con il 55&#37; in 6 anni........e senti senti.....considerando una vita media di 20anni dell&#96;impianto produrrei 70 tonnellate in meno della maledetta CO2.<br><br>Posso inbarcarmi con una spesa di 20000 con la prospettiva di smettere di perderci fra 10 o 15 anni? Nonostante tenga molto alla terra e meno al portafoglio, mi sembra un salto nel buio.<br>Posso pero&#96; aspettare che qualcuno che ha, e deve, avere orecchie per intendere (e che magari legge di straforo questo nostro simpatico forum) si dia una mossa e faccia veramente qualche cosa......qualche cosa di schietto, pulito, facile e onesto.<br>L&#96;anno che verra&#96; posso anche evitare di cambiare forzatamente la mia euro 1 o magari venderla proprio e usare i mezzi pubblici. Io i 20000 ce li metto, magari con un bel finanziamento a doc in 5 anni, ma dopo 5 o 6 anni tutto deve finire.<br>Un saluto a tutti bgv3000.<br>

    Commenta


    • #3
      Cari utenti del forum,<br><br>E&#39; oramai assodato che TUTTI gli interventi che permettono una riduzione del 20&#37; del FAEP possono godere di una detrazione del 55&#37; in 3 anni.<br>Quindi anche FV+PdC.<br><br>In questo caso il GSE dice che non si può cumulare la detrazione con l&#39;incentivo CE per gli impianti realizzati ai sensi del decreto 19/2/07 e che l&#39;incentivo deve essere ridotto del 30&#37; per gli impianti realizzati ai sensi dei decreti 28/7/05 e 6/2/06.<br>Su questa interpretazione ho dei forti dubbi.<br>Infatti l&#39;Art. 9 del decreto 19/2/07 e l&#39;Art.10 dei decreti precedenti &quot;Condizioni per la cumulabilit&agrave;.....&quot;, fa riferimento alla Legge 289 del 2002 (quella delle ristrutturazioni per intenderci) anche in caso di proroghe e modificazioni della stessa.<br><br>A questo punto, il quesito è: l&#39;Art. 1 c. 344 della Finanziaria è una &quot;modificazione&quot; della L.289/2002 o meno?<br><br>Bisognerebbe contattare uno studio di esperti fiscalisti..... o se qualcuno ha degli amici competenti tanto meglio...<br><br>Ciao,<br>Eubrun

      Commenta


      • #4
        Scusate la domanda, magari Off Topic, ma il discorso fatto poc&#39;anzi dall&#39;utente <b>eubrun</b>, è valido anche per la detrazione del 36&#37; ???

        Commenta


        • #5
          Si per la prima affermazione.<br>Per quanto riguarda la cumulabilit&agrave; tra CE e detrazione, questa è chiaramente esclusa (o ridotta del 30&#37 nel caso si sfrutti la detrazione per le ristrutturazioni del 36&#37; (legge 289 del 2002).<br><br>Eubrun

          Commenta


          • #6
            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (eubrun @ 4/6/2007, 19:32)</div><div id="quote" align="left">Per quanto riguarda la cumulabilit&agrave; tra CE e detrazione, questa è chiaramente esclusa (o ridotta del 30&#37 nel caso si sfrutti la detrazione per le ristrutturazioni del 36&#37; (legge 289 del 2002).<br><br>Eubrun</div></div><br>Scusa Eubrun, ma la riduzione della detrazione al 30&#37; qualora si cumuli quest&#39;ultima con il Conto Energia è un&#39;operazione fattibile oppure è solo una mera ipotesi?<br>

            Commenta


            • #7
              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (bgv3000 @ 2/6/2007, 16:59)</div><div id="quote" align="left">E&#96; proprio questo il punto Dotting....e lasciamo veramente perdere il CE.<br><br>Si puo&#96; partire con 600Wp e poi col tempo ( quando diminueranno i prezzi) aumentarli a piacere fino a diventare quasi indipendente....il tutto senza domande, autorizzazioni, contatori vari e relativi canoni.<br><br>La spesa si aggirerebbe sui 20000 euro che senza incentivi ammortizzerei in 15 anni, con il 36&#37; in 10 e <b>con il 55&#37; in 6 anni.</b>.......e senti senti.....considerando una vita media di 20anni dell&#96;impianto produrrei 70 tonnellate in meno della maledetta CO2.</div></div><br>Mi sono permesso di evidenziare in grassetto un&#39;affermazione del tuo intervento e di riportare le altre che ritengo più interessanti per riaffermare la grande opportunit&agrave; offerta da questa interpretazione ufficiale del comma 344, che gi&agrave; avevamo intravisto in alcuni interventi nel forum.<br>Quanto al raffrescamento estivo con condizionatori e fotovoltaico, sarebbe splendido che i nostri &quot;dipendenti&quot; capissero finalmente che la strada per il vero risparmio energetico è quella.<br><br>Sistema in fase, niente costi di distribuzione e produzione di energia distribuita.<br><br>Però, come hai fatto osservare fintanto che un kW di FV installato mi costa 7000 euro, si ha qualche remora ad anticipare tutti questi soldi.<br>
              Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

              Commenta


              • #8
                La riduzione del 30&#37; dell&#39;incentivo CE è possibile solo per chi è stato ammesso ai sensi del DM 28/07/2005 e 6/2/2006.<br><br>Ciao,<br>Eubrun

                Commenta


                • #9
                  [/QUOTE]Però, come hai fatto osservare fintanto che un kW di FV installato mi costa 7000 euro, si ha qualche remora ad anticipare tutti questi soldi.[/QUOTE]<br><br>scusate, ma devo intervenire.<br><br>Innanzitutto ringrazio bgv3000, poi faccio notare che qualora uno non volesse anticipare subito i 7000 euro (che comunque non sono mica tantissimi rispetto a quelli che servirebbero per il C.E., dove l&#39;impianto te lo devi fare tutto e subito e non si scappa, visto che gli inverters dedicati hanno tensioni d&#39;ingresso da 250 a 500 V e devi quindi avere non 7000 ma almeno 25000 euro pronti) noi abbiamo anche una finanziaria che consente di pagare rate dell&#39;ordine dei 250 euro al mese o modulabili sulla cifra che costa la bolletta.<br><br>E a me non pare eccessivo farmi anticipare 7000 euro da una finanziaria (non 25000) e poi pagare un paio di pannelli FV all&#39;anno per 5 anni vedendo da subito i miei risultati.<br><br>Due pannelli FV all&#39;anno costano 1300 euro circa , non è una spesa impossibile, sopratuttto in un paese come questo, dove moltissima gente piange miseria e poi ha in garage il SUV da 50000 euro <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5ddd41ee03134fc95aee1f8878b6795a.gif" alt="&lt;_&lt;">

                  Commenta


                  • #10
                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Su questa interpretazione ho dei forti dubbi.<br>Infatti l&#39;Art. 9 del decreto 19/2/07 e l&#39;Art.10 dei decreti precedenti &quot;Condizioni per la cumulabilit&agrave;.....&quot;, fa riferimento alla Legge 289 del 2002 (quella delle ristrutturazioni per intenderci) anche in caso di proroghe e modificazioni della stessa.<br><br> A questo punto, il quesito è: l&#39;Art. 1 c. 344 della Finanziaria è una &quot;modificazione&quot; della L.289/2002 o meno?</div></div><br>Eubrun ha tralasciato di citare l&#39;ultima parola del testo del paragrafo 4 dell&#39;articolo 9 del DM 19/2/2007:<br>4. Le tariffe incentivanti di cui all’articolo 6 e il premio di cui all’articolo 7 non sono applicabili all&#39;elettricit&agrave; prodotta da impianti fotovoltaici per i quali sia stata riconosciuta o richiesta la detrazione fiscale richiamata all&#39;articolo 2, comma 5, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, anche nel caso di proroghe e modificazioni della medesima <u><b>detrazione.</b></u>.<br><br>Non si parla quindi di modifiche della legge 289, ma di modifiche alla detrazione IRPEF.....<br><br>Ciao<br>Giovanni

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao pdrgnnnn,<br><br>Stiamo parlando di analisi logica in italiano:<br>la detrazione fiscale a cui si fa riferimento è quella &quot;richiamata all&#39;articolo 2, comma 5, della legge 27 dicembre 2002, n. 289,&quot;<br>e le proroghe e modificazioni si riferiscono alla &quot;medesima detrazione&quot;, quindi a quella della legge 289, non ad altre....<br><br>Non mi sembra che ci siano dubbi sull&#39; interpretazione dell&#39;italiano.<br><br>Ciao,<br>Eubrun<br>

                      Commenta


                      • #12
                        Ciao Eubrun,<br>secondo me le detrazioni previste in Finanziaria 2007 sono &quot;proroghe e modificazioni&quot; della &quot;medesima detrazione&quot; prevista dalla Finanziaria 2003. Le proroghe e modificazioni si fanno tramite altri Decreti, un Decreto non può modificare se stesso.<br>Ma non sono un fiscalista....&#33;&#33;&#33;&#33;<br>Quando si tratta di interpretare, ne possono venire fuori di tutti i colori (basta leggere un pò di giurisprudenza&#33;&#33<br><br>Ciao<br>Giovanni

                        Commenta


                        • #13
                          Ho inviato il seguente quesito agli esperti de Ilsole24ore, <a href="http://esperto-energia.ilsole24ore.com/" target="_blank">http://esperto-energia.ilsole24ore.com/</a> :<br><br>Alla luce della Circolare 36 del 31 maggio dell&#39;Agenzia delle Entrate:<br>Non effettuo alcun intervento sull&#39;involucro edilizio, sostituisco caldaia e termosifoni ed installo PDC xxxx/acqua, pannelli radianti a pavimento e fotovoltaico, il FEP è inferiore del 21&#37; rispetto a quanto previsto dalle tabelle per quell&#39;edificio esistente, posso beneficiare del 344 per tutti gli interventi suddetti?<br><br>Altra domanda se fosse possibile ottenere la detrazione del 55&#37; anche sul FV, posso richiedere il conto energia?
                          Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                          Commenta


                          • #14
                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 11/6/2007, 11:01)</div><div id="quote" align="left">Ho inviato il seguente quesito agli esperti de Ilsole24ore, <a href="http://esperto-energia.ilsole24ore.com/" target="_blank">http://esperto-energia.ilsole24ore.com/</a> :<br>Alla luce della Circolare 36 del 31 maggio dell&#39;Agenzia delle Entrate:<br>Non effettuo alcun intervento sull&#39;involucro edilizio, sostituisco caldaia e termosifoni ed installo PDC xxxx/acqua, pannelli radianti a pavimento e fotovoltaico, il FEP è inferiore del 21&#37; rispetto a quanto previsto dalle tabelle per quell&#39;edificio esistente, posso beneficiare del 344 per tutti gli interventi suddetti?<br>Altra domanda se fosse possibile ottenere la detrazione del 55&#37; anche sul FV, posso richiedere il conto energia?</div></div><br>io ho fatto una cosa simile, però nei confronti dell&#39;Agenzia delle Entrate.<br>Questo è il testo:<br><br><br>RACCOMANDATA CON AVVISO DI RICEVIMENTO<br><br><br><br> All’ Agenzia delle Entrate –<br> Centro Operativo di Pescara –<br> Via Rio Sparto 21 –<br> 65129 – PESCARA<br><br><br>OGGETTO: Interventi di riqualificazione energetica – Richiesta informazioni<br><br><br> Si richiama il sottocitato periodo della Circolare n° 36/E datata 31/05/2007 dell’Agenzia delle Entrate:<br> “Data l&#39;assenza di specifiche indicazioni normative, si deve ritenere che la categoria degli &quot;interventi di riqualificazione energetica&quot; comprenda qualsiasi intervento, o insieme sistematico di interventi, che incida sulla prestazione energetica dell&#39;edificio, realizzando la maggior efficienza<br>energetica richiesta dalla norma”.<br> Evidenziato quanto sopra si richiede allo spettabile ufficio in indirizzo opportuno chiarimento in merito al fatto che l’intervento di installazione di pompa di calore con annesso impianto fotovoltaico di adeguate dimensioni, per modalit&agrave; costruttiva e operativa non beneficiante di incentivi ai sensi dei decreti denominati “Conto Energia”, con contestuale presentazione all’ENEA di opportuno attestato di qualificazione energetica comprovante il raggiungimento dei limiti imposti dalla L 296/06 su base D.Lgs 192/05 e s.m.i., possa fruire della detrazione su base imponibile lordo del 55&#37; delle spese sostenute se trattasi si spesa compresa fra 30000 euro e 100000 euro o, se trattasi di spesa inferiore a 30000 euro, di detrazione su base imponibile lordo del 36&#37; delle spese sostenute senza obbligo di presentazione di attestato di qualificazione energetica all’ENEA.<br> Si richiede cortesemente, altresì, di chiarire le modalit&agrave; dell’eventuale corresponsione della detrazione nell’uno e nell’altro caso.-<br><br> Con osservanza<br> Dott. Ing. Andrea D’Angelo<br>

                            Commenta


                            • #15
                              Per il momento tutto tace, ho un gran brutto presentimento.<br>All&#39;Agenzia avevo gi&agrave; chiesto il 20 marzo, niente.<br>Tu hai avuto molte risposte, vero&#33;&#33;&#33;
                              Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                              Commenta


                              • #16
                                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 11/6/2007, 15:04)</div><div id="quote" align="left">Per il momento tutto tace, ho un gran brutto presentimento.<br>All&#39;Agenzia avevo gi&agrave; chiesto il 20 marzo, niente.<br>Tu hai avuto molte risposte, vero&#33;&#33;&#33;</div></div><br>La raccomandata l&#39;ho spedita l&#39;altro ieri.<br><br>Farò passare i 30 giorni necessari per legge a darmi risposte scritte, poi renderò pubblica la cosa........lo scopo è proprio questo, sennò non la mandavo la raccomandata.......<br><br>Ovviamente (ma avrebbe del miracoloso) se rispondono prima faccio girare la notizia prima.<br><br>L&#39;unica cosa sicura è che gli romperò tanto le palle da non farli dormire la notte, se non mi danno risposta nei tempi e modi adeguati.<br><br>Ho le corna dure, e prsto se ne accorgeranno....... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/478ade9d6dd749f622e0c53e2058ded9.gif" alt=":angry:">

                                Commenta


                                • #17
                                  Scusa ad80 se ho capito bene la tua idea è quella di installare qualche pannello ogni anno vero?<br>Io sono d&#39;accordo sull&#39;idea ma credo che il CE ti incentivi se installi tutto l&#39;impianto in blocco.<br>Poi l&#39;inverter lo devi dimensionare correttamente se ogni anno aggiungi pannelli devi cambiare anche inverter sai che spesa?<br>Io nn sono un tecnico del settore ma credo funzioni così...

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Be l&#39;idea era di BGV3000:<br><br>Si puo&#96; partire con 600Wp e poi col tempo ( quando diminueranno i prezzi) aumentarli a piacere fino a diventare quasi indipendente....il tutto senza domande, autorizzazioni, contatori vari e relativi canoni.<br><br>Di cui condivido sopratutto la seconda parte circa la rottura di palle di domande, ecc.. per il CE.
                                    Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 12/6/2007, 11:19)</div><div id="quote" align="left">Be l&#39;idea era di BGV3000:<br>Si puo&#96; partire con 600Wp e poi col tempo ( quando diminueranno i prezzi) aumentarli a piacere fino a diventare quasi indipendente....il tutto senza domande, autorizzazioni, contatori vari e relativi canoni.<br>Di cui condivido sopratutto la seconda parte circa la rottura di palle di domande, ecc.. per il CE.</div></div><br>ALT&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>L&#39; idea, la prima volta, è stata di G. De Santis, titolare del brevetto e di cui io sono il principale collaboratore.<br><br>Io l&#39;ho diffusa moltissimo poichè sono un ingegnere per l&#39;Ambiente ed il Territorio (specializzato appunto nella gestione energetica del territorio e degli edifici) e mi sono convinto delle sua validit&agrave; dopo aver fatto un&#39;accurato studio sull&#39;impatto dell&#39;immissione in rete (paragonato a quello dell&#39;uso di questa tecnologia) sulla rete di distribuzione elettrica italiana.<br><br>Quello che <u>nessuno</u> ha fatto a livello centrale prima di uscirsene con l&#39;incentivazione dell&#39;immissione in rete.<br><br>Questo la dice lunga sulla coscienza ambientale di chi all&#39;ambiente è preposto.<br><br>Molti non saranno d&#39;accordo con me, ma non mi stanco mai di affermare che in certi posti nelle autorit&agrave; centrali dovrebbero starci <b>dei tecnici</b>, non dei politici.<br><br>Rispondendo anche a Clash faccio presente che io NON HO NESSUNA INTENZIONE DI AVERE A CHE FARE CON IL CONTO ENERGIA.<br>E non solo per la rottura di palle delle domande, ma proprio perchè è una bufala dal punto di vista tecnico.<br><br>Infatti l&#39;inverter <b>è progettato e lavora proprio con standard diversi da quelli degli inverter di immissione</b>, che consentono di mettere qualsiasi cosa si voglia nel lato DC, perchè lui accetta e bilancia in miscelazione di potenza solo in base alla potenza prodotta della fonte energetica, e il più (eventuale) lo prende dalla rete.<br><br>Non deve equilibrare la potenza entrante e quella uscente dalla macchina come fanno gli inverter di immissione/scambio, perchè il meccanismo di equilibratura è automaticamente insito nel sistema di bilanciamento della potenza, che è proprio il brevetto innovativo.<br><br>E sfatiamo subito qualsiasi dubbio sul fatto che non si possa fare una cosa come installare poco alla volta dei pannelli FV.<br><br>Con la mia macchina <b>si può fare e per di più con qualsiasi tipo di FER in ingresso</b>.<br><br>L&#39;unica cosa è che non avrei bisogno di nessun doppio contatore e questo non piace a chi domina la scena energetica.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Dove posso trovare un approfondimento su quanto da te esposto?

                                        Commenta


                                        • #21
                                          [QUOTE][Infatti l&#39;inverter è progettato e lavora proprio con standard diversi da quelli degli inverter di immissione, che consentono di mettere qualsiasi cosa si voglia nel lato DC, perchè lui accetta e bilancia in miscelazione di potenza solo in base alla potenza prodotta della fonte energetica, e il più (eventuale) lo prende dalla rete.<br><br>Non deve equilibrare la potenza entrante e quella uscente dalla macchina come fanno gli inverter di immissione/scambio, perchè il meccanismo di equilibratura è automaticamente insito nel sistema di bilanciamento della potenza, che è proprio il brevetto innovativo./QUOTE]<br><br>Ciao ad80, la cosa che dici è interessante, quindi un impianto così non ha lo scambio sul posto, o sbaglio?, la corrente prodotta si deve consumare al momento?<br>Grazie, Ciao.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Si ma se uno ne produce in eccesso che si f&agrave; nn la si usa? mi sa di spreco... oppure si torna e mettere le batterie di accumulo.... Nn so vorrei capire meglio&#33;&#33;&#33;

                                            Commenta


                                            • #23
                                              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (clash4 @ 12/6/2007, 14:48)</div><div id="quote" align="left">Si ma se uno ne produce in eccesso che si f&agrave; nn la si usa? mi sa di spreco... oppure si torna e mettere le batterie di accumulo.... Nn so vorrei capire meglio&#33;&#33;&#33;</div></div><br>Ti speigo alcuni punti salienti del brevetto:<br><br>Non si effettua immissione in rete o scambio sul posto. Si autoconsuma quello che viene prodotto (togliendo di mezzo, così, i problemi legati al fatto di immettere in rete).<br><br>Gli accumulatori sono gi&agrave; previsti nella configurazione costruttiva, quindi i surplus di energia vengono solo &quot;spostati&quot; di ora.<br><br>E&#39; anche per questo che non è necessario mettere un impianto da 3 kWp, ma basta gi&agrave; metterne 1,8-2 e si va bene lo stesso.<br><br>I picchi di potenza sono gestiti dalla macchina mediante gli accumulatori, che sono batterie d&#39;auto proprio perchè adatte alla trazione (grosse correnti in poco tempo, invece di quelle che lavorano in scarica, con correnti più basse e più costanti).<br><br>Comunque, trattandosi di un ibrido fra uno stand-alone, un UBS e un inverter classico, ha in sè tutti i vantaggi delle 3 tecnologie.<br><br>1) non resti mai a piedi, nemmeno quando c&#39;è black-out<br><br>2) hai un pacco d&#39;accumulo piccolo (2 batterie da 24V 42 Ah per auto possono gi&agrave; bastare e costano circa 160 euro (mica tanto), ma se ne usi 2 da 24V 200 Ah va bene lo stesso e aumenti la tua autonomia in caso di black-out fino a 5 ore).<br><br>3) ci puoi attaccare tutta l&#39;utenza, non solo le apprecchiature &quot;vitali&quot;, come in alcuni altri brevetti che ho visto, senz&#39;altro comunque utili, ma di fatto dei piccoli stand-alone.<br><br>Se volete avere più informazioni le metterò nel sito <a href="http://www.ecotecnologie.net" target="_blank">www.ecotecnologie.net</a>, attualmente in fase di costruzione.<br><br>Oppure, se non volete aspettare, il mio indirizzo e-mail è andrea.dangelo80@virgilio.it<br><br><span class="edit">Edited by ad80 - 12/6/2007, 15:36</span>

                                              Commenta


                                              • #24
                                                La solita colpa ai politici, che per carit&agrave;, ne hanno tanta. Ma anche Voi tecnici, che non siete ancora in grado nel 2007 di riprogettare una rete per l&#39;immissione in massa di energia elettrica, la dice lunga sulla Vostra preparazione, sulla Vostra dinamicit&agrave;.<br>O forse fate sempre e solo lo stesso giochetto, quello che faceva la chiesa davanti alle scoperte di Da Vinci , o Copernico, ecc. ecc.<br><br>Lo scarica barile server sempre ad una sola cosa, provare, e sottolineo provare, a mettersi l&#39;anima in pace. A buon intenditor.....

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (MrDish @ 12/6/2007, 15:34)</div><div id="quote" align="left">La solita colpa ai politici, che per carit&agrave;, ne hanno tanta. Ma anche Voi tecnici, che non siete ancora in grado nel 2007 di riprogettare una rete per l&#39;immissione in massa di energia elettrica, la dice lunga sulla Vostra preparazione, sulla Vostra dinamicit&agrave;.<br>O forse fate sempre e solo lo stesso giochetto, quello che faceva la chiesa davanti alle scoperte di Da Vinci , o Copernico, ecc. ecc.<br>Lo scarica barile serve sempre ad una sola cosa, provare, e sottolineo provare, a mettersi l&#39;anima in pace. A buon intenditor.....</div></div><br>La rete elettrica non è stata progettata dalla mia generazione, ma almeno 50 anni fa, quando le cose erano molto diverse e la soluzione più geniale era proprio quella della rete.<br>Adesso le cose stanno cambiando parecchio e prima di intraprendere una iniziativa del genere bisognava pnsare alla realt&agrave; attuale che andrai a modificare con le tue iniziative.<br>Questo è il principio fondante delle valutazioni di impatto ambientale, no?<br>Ci sono molti tecnici (e per molti versi lo sono anch&#39;io, che non voglio certo mettermi sul piedistallo a fare il Savonarola della situazione) che peccano di mancanza di dinamicit&agrave; e di iniziativa e questo è vero.<br>Ma se c&#39;è un&#39;altra cosa che è vera è che quelli che sono dinamici e hanno iniziativa e idee chiare li fanno scappare da questo paese, così si forma una specie di &quot;selezione naturale&quot; (naturale mica tanto) che privilegia quelli meno dinamici ma più &quot;allineati&quot;.<br>E questo non ha colore politico.<br>Caro mio.........il fatto è che nella vita si deve pure mangiare e il problema della politica (e anche la sua caratteristica da sempre) è che questa altro non è se non allocazione di risorse.<br>Risorse che togli da qualche parte per darle a qualcun altra.<br>E le risorse da molti anni vengono tolte alla ricerca VERA, cioè a quella che non mette l&#39;economia e i grandi affari al centro, ma la sostenibilit&agrave; ambientale e la fattibilit&agrave; tecnica.<br><br>Allora se io pecco di mancanza di dinamicit&agrave; e competenza faccio pubblica ammenda...........<br><br>ma se veramente peccassi di mancanza di dinamicit&agrave; (come tecnico) non staresti nemmeno a vedere la mia risposta (e tutti gli minterventi che ho fatto, perchè negli ultimi due anni ho mosso mezzo mondo per questo motivo, guarda il mio numero di interventi........ ci sono pure denunce, trasmissioni e interrogazioni parlamentari sulle questioni legate all&#39;immissione in rete).<br>Queste cose le faccio gratuitamente e, fra l&#39;altro, a me chi lo fa fare a togliere tempo al mio lavoro e fare la parte dell&#39;eretico con una bella giornata come questa, che potrei pure andarmene a mare, per fare capire che tutto sommato c&#39;è del buono e che bisogna dargli credito?<br><br>Quindi se il tuo commento era rivolto a me..............beh..............lascio comunque agli altri il giudizio sulla mia dinamicit&agrave;, competenza ecc.., perchè non sono avvezzo a giudicarmi da solo.<br><br>Non sarebbe nemmeno sensato.<br>

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Scusate l&#39;OT.<br>Era ovviamente riferito al sistema, non prenderla come un&#39;affronto AD80. Tu dici che il problema è politico, io ti dico che dal 1900 la politica ha sicuramente le sue colpe, ma i tecnici le loro, vuoi per la semplicissima logica lobbistica (io ci sto e ci rimango) che sappiamo benissimo come funziona, vuoi per lo spreco delle risorse verso talvolta l&#39;una o l&#39;altra parte.<br>Concordo con te che la rete fu una cosa geniale, ma chi se ne prese carico allora non lascia ancora andare la preda.<br>Se il monopolista avesse attuato tutte le direttive per l&#39;aumento della capacit&agrave; immissiva che negli anni si sono ripetuti, per concedere anche a terzi la capacit&agrave; di immettere energia come produttori (oltretutto abbiamo tanto idroelettrico, valvola di sfogo dell&#39;energia in surplus), forse le cose andrebbero diversamente, oggi.<br>Il fatto che poi i &quot;cervelli&quot; migrano perchè in Italia non è possibile fare ricerca se non imbavagliati, hai la mia piena comprensione.<br>Ripeto, non prenderla personalmente, vedila come &quot;Voi Tecnici&quot;, visto che ci sei e ti ci sei messo.<br>Poi quello che fai può essere pregievole, sempre che il primo a gioirne sia tu.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (clash4 @ 12/6/2007, 11:03)</div><div id="quote" align="left">Scusa ad80 se ho capito bene la tua idea è quella di installare qualche pannello ogni anno vero?<br>Io sono d&#39;accordo sull&#39;idea ma credo che il CE ti incentivi se installi tutto l&#39;impianto in blocco.<br>Poi l&#39;inverter lo devi dimensionare correttamente se ogni anno aggiungi pannelli devi cambiare anche inverter sai che spesa?<br>Io nn sono un tecnico del settore ma credo funzioni così...</div></div><br>E&#39; vero, ma solo perchè per immettere in rete la maggioranza degli inverter ha tensioni lato DC alte.<br>Quindi l&#39;unica cosa possibile è mettere in serie almeno qualche decina di pannelli per avere tensioni adeguate.<br><br>Quindi chi fa immissione in rete è automaticamente portato a farsi l&#39;impianto FV tutto e subito.<br><br>Solo che si tratta di un capitale con un notevole accumulo iniziale, che quindi necessita un mutuo.<br><br>Inoltre, se ci pensi, questo esclude automaticamente le altre FER, che hanno tutte un multiplo di 12 V come usicta per motivi commerciali ormai consolidati da un secolo ..............perchè?<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (MrDish @ 12/6/2007, 16:20)</div><div id="quote" align="left">Scusate l&#39;OT.<br>Era ovviamente riferito al sistema, non prenderla come un&#39;affronto AD80. Tu dici che il problema è politico, io ti dico che dal 1900 la politica ha sicuramente le sue colpe, ma i tecnici le loro, vuoi per la semplicissima logica lobbistica (io ci sto e ci rimango) che sappiamo benissimo come funziona, vuoi per lo spreco delle risorse verso talvolta l&#39;una o l&#39;altra parte.<br>Concordo con te che la rete fu una cosa geniale, ma chi se ne prese carico allora non lascia ancora andare la preda.<br>Se il monopolista avesse attuato tutte le direttive per l&#39;aumento della capacit&agrave; immissiva che negli anni si sono ripetuti, per concedere anche a terzi la capacit&agrave; di immettere energia come produttori (oltretutto abbiamo tanto idroelettrico, valvola di sfogo dell&#39;energia in surplus), forse le cose andrebbero diversamente, oggi.<br>Il fatto che poi i &quot;cervelli&quot; migrano perchè in Italia non è possibile fare ricerca se non imbavagliati, hai la mia piena comprensione.<br>Ripeto, non prenderla personalmente, vedila come &quot;Voi Tecnici&quot;, visto che ci sei e ti ci sei messo.<br>Poi quello che fai può essere pregievole, sempre che il primo a gioirne sia tu.</div></div><br>Un piccolo malinteso che andava chiarito subito.<br><br>Grazie del pronto chiarimento <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/2fc6c22f2f4ddee033ec6aef60c058fc.gif" alt="">

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        <b>Dal sito dell&#39;ENEA sezione domande risposte:</b><br><br>34<br><span style="color:red"><i>D - Ho intenzione di installare alcuni pannelli fotovoltaici sopra il tetto per il fabbisogno di casa mia. Non mi sembra però che siano incentivati dal &quot;decreto edifici&quot;. E&#39; vero? Eventualmente non sono disponibili altre agevolazioni?</i></span><br>R - Il &quot;decreto edifici&quot; non riguarda il fotovoltaico e quindi non sono agevolati da tale decreto tale tipologia di impianti ma è possibile avvalersi o delle agevolazioni del 36&#37; (vedi la guida dell&#39;Agenzia delle Entrate) o del &quot;decreto fotovoltaico&quot; reperibile nella sezione &quot;La normativa&quot;. Il soggetto attuatore di tale decreto non è però l&#39;ENEA ma il Gestore dei Servizi Elettrici (<a href="http://www.grtn.it" target="_blank">www.grtn.it</a>) al quale è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni<br><br><br><b>Io scrivo all&#39;ENEA:</b><br><br>On Wed, 06 Jun 2007 19:40:56 +0200<br> Studio_................ &lt;..................@libero.it> wrote:<br>> Per cortesia, con riferimento alla domanda n°34 riguardante in particolare i pannelli fotovoltaici<br>> e perchè &lt;&lt;fabbisogno di casa mia>> vuol dire tutto e niente.<br>><br>> Vorrei sapere se la vostra risposta rimane la stessa, anche nel caso in cui io decida di attuare un<br>> intervento di riqualificazione energetica di cui all&#39;articolo n°1, comma 344, della legge<br>> finanziaria 2007 che non specifica alcuna tipologia di intervento, ma richiede esclusivamente<br>> il risultato della riduzione del 20&#37; rispetto ai valori tabellati, dell&#39;indice di prestazione energetica<br>> per la climatizzazione invernale, che otterrei, alimentando la mia pompa di calore proprio<br>> con l&#39;impianto fotovoltaico in questione.<br>> La riduzione dell&#39;indice di prestazione energetica, deriver&agrave; a questo punto principalmente<br>> dal fatto che l&#39;energia primaria indispensabile sar&agrave; auto prodotta e con fonte rinnovabile.<br>><br>> Grazie per la pazienza.<br><br><b>L&#39;ENEA risponde:</b><br><br>Se lei riesce con un impianto fotovoltaico a ridurre l&#39;indice di prestazione energetica come richiesto è senz&#39;altro ammissibile alla detrazione del 55&#37;.<br>Cordiali saluti.<br><br>ENEA - GdL Finanziaria 2007<br><a href="http://efficienzaenergetica.acs.enea.it" target="_blank">http://efficienzaenergetica.acs.enea.it</a><br><br><b>Il conto energia però:</b><br><br>Art. 9.<br>Condizioni per la cumulabilit&agrave; di incentivi<br>1. Le tariffe incentivanti di cui all&#39;art. 6 e il premio di cui all&#39;art. 7 non sono applicabili all&#39;elettricit&agrave; prodotta da impianti fotovoltaici per la cui realizzazione siano o siano stati concessi incentivi pubblici di natura nazionale, regionale, locale o comunitaria in conto capitale e/o in conto interessi con capitalizzazione anticipata, <span style="color:red">eccedenti il 20&#37; del costo dell&#39;investimento</span>. Le tariffe incentivanti di cui all&#39;art. 6 e il premio di cui all&#39;art. 7 sono applicabili all&#39;elettricita&#39; prodotta da impianti fotovoltaici per la cui realizzazione siano o siano stati concessi incentivi pubblici di natura locale, regionale o comunitaria in conto capitale e/o in conto interessi con capitalizzazione anticipata, nel solo caso in cui il soggetto responsabile dell&#39;edificio sia una scuola pubblica o paritaria di qualunque ordine e grado o una struttura sanitaria pubblica.<br><br><br>Pensavo di far rientrare tutto nel conto energia e poi, auto ridurmi la detrazione dell&#39;IRPEF dal 55&#37;, al 20&#37; dimostrando il tutto con conti alla mano; ovviamente per la parte di fotovoltaico utilizzata dalla pompa di calore, che guarda caso, con il conto energia, è quanto basta anche per gli altri consumi elettrici dell&#39;abitazione.<br>Tutto sommato non mi pare poi male.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Scox @ 14/6/2007, 15:45)</div><div id="quote" align="left">Pensavo di far rientrare tutto nel conto energia e poi, auto ridurmi la detrazione dell&#39;IRPEF dal 55&#37;, <b>al 20&#37; dimostrando il tutto con conti alla mano</b>; ovviamente per la parte di fotovoltaico utilizzata dalla pompa di calore, che guarda caso, con il conto energia, è quanto basta anche per gli altri consumi elettrici dell&#39;abitazione.<br>Tutto sommato non mi pare poi male.</div></div><br>Ciao Scox,<br><br>scusami, puoi speigarmi meglio la parte che ho sottolineato in neretto? Come faresti a dimostrare il tutto? Grazie e buona giornata.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Se il mio impianto, per la parte fotovoltaico costa € 20.000,00 come da fatture, io non detrarrò il 55&#37; ossia € 11000,00 ma solamente € 4000,00.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR