adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

pannelli cinesi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • pannelli cinesi

    salve, sono nuovo di qui, vorrei sapere se qualcuno conosce case di produzione di pannelli fotovoltaici cinesi.

  • #2
    qualcuno mi ha rimandato alle greenpages: non va bene, un servizio a pagamento &#33;<br>voglio provare ad importarne un po, ma sopratutto voglio capire i prezzi che praticano.

    Commenta


    • #3
      </span><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (nicthepic @ 9/2/2005, 09:07)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>qualcuno mi ha rimandato alle greenpages: non va bene, un servizio a pagamento &#33;<br>voglio provare ad importarne un po, ma sopratutto voglio capire i prezzi che praticano.</td></tr></table><span id='postcolor'><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Nicthepic bentrovato&#33; Non esiste per ora una produzione di pannelli fotovoltaici cinese a prezzi bassi come sono abituati a fare. Per fortuna&#33; Ma penso sia solamente una questione di tempo.<br>Il motivo che importano anche loro le celle dall&#39; estero e quindi non possono scendere di prezzo pi di tanto.<br>Ho avuto qualche esemplare di pannello fotovoltaico come campione per importarli come vuoi fare tu, ma distinguere questi pannelli dalla spazzatura difficile. Esteticamente si presentano bene, ma quanto a caratteristiche, lasciano molto a desiderare. Stesso discorso per quelli indiani. E&#39; evidente che non sono abituati a lavorare con la qualit&agrave; e importano celle che sono scarti di produzione. In qualsiasi caso non sono certificati e per gli impianti in casa nostra non vanno bene.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>
      L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
      LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
      Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

      Commenta


      • #4
        strano, a febbraio vado al cebit e mi informo meglio.<br>nel frattempo, qualcuno sa darmi dritte su inverter in rete?<br>che normative seguono?

        Commenta


        • #5
          <table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (nicthepic @ 7/2/2005, 18:26)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>salve, sono nuovo di qui, vorrei sapere se qualcuno conosce case di produzione di pannelli fotovoltaici cinesi.</td></tr></table><br> Ciao,<br>prova a dare un&#39;occhiata a questo link:<br><a href='http://www.eco-web.com/cgi-local/sfc?a=/index/country/index.html&b=/index/country/hu.html' target='_blank'>http://www.eco-web.com/cgi-local/sfc?a=/in...country/hu.html</a><br><br>dovresti trovare un po&#39; di indicazioni.
          *** Firma irregolare rimossa d'ufficio. ***

          Commenta


          • #6
            questa storia dei pannelli cinesi diventata una bufala tutti ne parlano<br>nassuno li ha mai visti adesso si scopre che costano poco perch sono cinesi<br>ma nessuno sa quanto.<br><br>ma un po di seriet&agrave; quando?<br>magari la seriet&agrave; cinese che costa poco?

            Commenta


            • #7
              non credo che se si torvera&#39; un pannello cinese il costo sara&#39; di molto inferiore a quelli tedeschi od europei in genere.<br>i cinesi sono forti perche hanno mano d&#39;opera a basso costo, tassazioni basse, ma la componentistica di base la pagano piu&#39; o meno come noi.<br>un buon pannello saolare non ha tanta mano d&#39;opera, ma ha molto silicio, quindi il costo materiale preponderante.<br>probabilmente, se e quando si metteranno a farli, avranno dei costi di massimo un terzo inferiori a quelli europei.<br>la mia domanda era per vedere se il futuro ci imporra&#39; anche questo come prodotto cinese, come per l&#39;elettronica consumer. <br>per ora ci salviamo.

              Commenta


              • #8
                <table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> </td></tr><tr><td id='QUOTE'>Ciao a tutti &nbsp;<br>Ciao Nicthepic bentrovato&#33; Non esiste per ora una produzione di pannelli fotovoltaici cinese a prezzi bassi come sono abituati a fare. Per fortuna&#33; Ma penso sia solamente una questione di tempo.<br>Il motivo che importano anche loro le celle dall&#39; estero e quindi non possono scendere di prezzo pi di tanto.<br>Ho avuto qualche esemplare di pannello fotovoltaico come campione per importarli come vuoi fare tu, ma distinguere questi pannelli dalla spazzatura difficile. Esteticamente si presentano bene, ma quanto a caratteristiche, lasciano molto a desiderare. Stesso discorso per quelli indiani. E&#39; evidente che non sono abituati a lavorare con la qualit&agrave; e importano celle che sono scarti di produzione. In qualsiasi caso non sono certificati e per gli impianti in casa nostra non vanno bene.<br><br>Salutoni<br>Furio57 &nbsp;</td></tr></table><br><br>Buona serata a tutti, <br><br>non riesco davvero a comprendere l&#39;invidia verso il commercio cinese. E&#39; vero che hanno danneggiato e mandato a gambe all&#39;aria molte imprese/commercianti......ma altrettanto vero che forse grazie a loro che i prezzi in alcuni settori non continuano ad aumentare (vedi l&#39;abbigliamento).<br>Con questo non voglio assolutamente sposare la loro causa (lo sfruttamento del lavoro una delle piaghe mondiali da risolvere&#33;&#33;&#33 ma mi piacerebbe che gli imprenditori italiani fossero un p pi lungimiranti e facessero un pochino di pi l&#39;interesse del cliente. Questo non vuol dire ricercare il fallimento, bens il successo&#33;<br>Non bisogna solo confrontare il prezzo e la qualit&agrave; del prodotto........MA ANCHE LA QUALITA&#39; DEL SERVIZIO<br><br>Ma cosa hanno di cos schifoso i pannelli cinesi, oltre a non essere certificati? Qualcuno conosce l&#39;efficienza di conversione?<br><br>Emanuele<br><br>

                Commenta


                • #9
                  sui cinesi ci sarebbe da dire.<br>solo una piccola riflessione: in italia godiamo di uno stato sociale, se ci ammaliamo abbiamo diritto ad essere curati, si recepisce uno stipendio concordato tra lavoratori e imprenditori, si cerca di stare meglio in tutti i campi, ecologia compresa.<br>e lo paghiamo.<br> vero, gli schiavi cinesi permettono ai grossi industriali " GRANDI OPPORTUNITA&#39; "<br>ma vi assicuro che pochi operai o salariati, ora contenti di spendere poco perche comprano "made in china" a poco prezzo, saranno contenti quando la loro azienda chiudera&#39; , e non potranno andare a lavorare in cina&#33;<br>un picolissimo esempio nel mio campo un UPS fatto da me mi costa 240 euro, comprato in cina, piu&#39; o meno equivalente, 140 euro. sui 240 euro di lavorazioni varie ne ho 80, vuol dire che di solo materiale mi costa di piu&#39;: significa che nel costo del mio materiale sono compresi gli stipendi dell&#39;indotto (distributori, avvolgitori , operai specializzati per le scatole ecc. ecc.)<br>questa gente, piu&#39; o meno, sra&#39; anche quella che contribuira in un modo o nell&#39;altro a far comprare i miei prodotti<br>Vedete voi, se questa catena si spezza, alla fine ci rimettiamo tutti&#33;

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br> <br><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (Mele77 @ 1/3/2005, 20:39)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>...non riesco davvero a comprendere l&#39;invidia verso il commercio cinese. E&#39; vero che hanno danneggiato e mandato a gambe all&#39;aria molte imprese/commercianti...</td></tr></table><br>Ciao Mele77&#33; Ma quale invidia, sono loro che ci invidiano non solo la nostra genialit&agrave; tutta italiana, ma anche il nostro alto tenore di vita (se va avanti cos, ancora per poco). Poi il fatto che hanno danneggiato l&#39; economia sufficiente per tenerli lontani, come i loro prodotti. <br><br><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> </td></tr><tr><td id='QUOTE'>...ma altrettanto vero che forse grazie a loro che i prezzi in alcuni settori non continuano ad aumentare (vedi l&#39;abbigliamento).</td></tr></table><br>Ma scusa, chi se ne frega? Io mi sono sempre vestito decentemente senza griffe.<br>Poi ci sono settori molto pi importanti che non l&#39; abbigliamento.<br><br><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> </td></tr><tr><td id='QUOTE'><br>Con questo non voglio assolutamente sposare la loro causa (lo sfruttamento del lavoro una delle piaghe mondiali da risolvere&#33;&#33;&#33 ma mi piacerebbe che gli imprenditori italiani fossero un p pi lungimiranti e facessero un pochino di pi l&#39;interesse del cliente. Questo non vuol dire ricercare il fallimento, bens il successo&#33; Non bisogna solo confrontare il prezzo e la qualit&agrave; del prodotto........MA ANCHE LA QUALITA&#39; DEL SERVIZIO</td></tr></table><br>L&#39; interesse per il cliente specialmente sottoforma di qualit&agrave;, ma normalmente chi acquista guarda solo il prezzo, e quindi....ma poi che servizio danno i cinesi? Comunque sotto un certo prezzo "fisiologico" non si pu scendere, per farlo si deve portare la fabbrica da loro o in India, come stanno facendo gli imprenditori pi "grossi". Non so cosa sta aspettando il governo a mettere il dazio su tutte le merci provenienti dall&#39; oriente, anche quelle dei nostri imprenditori prodotte l&agrave; e riimportate in Italia, pardon in Europa.<br><br><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> </td></tr><tr><td id='QUOTE'><br>Ma cosa hanno di cos schifoso i pannelli cinesi, oltre a non essere certificati? Qualcuno conosce l&#39;efficienza di conversione?</td></tr></table><br>Il fatto di non essere certificati significa molte cose, fra le quali la durata sconociuta, la resistenza alle intemperie comprese la grandine non verificata, una potenza effettiva costante non garantita ecc. ecc., per quanto riguarda il pannello che ho in prova ha un rendimento in condizioni ottimali di posizionamento e solarizzazione non superiore al 10% ed poco sensibile, spazzatura&#33; appunto. <br><br> <br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 7/3/2005, 09:00</span>
                    L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                    LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                    Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                    Commenta


                    • #11
                      vero su tutto, il problema : quanto costava??

                      Commenta


                      • #12
                        Riguardo al mondo cinesi mi sembra che si stia facendo di un erba un fascio (non so se si dice cos ma il senso chiaro).<br><br>Ci sono ditte certificare e ditte non certificate. Ovviamente quelle certificate sono una minoranza ma ci sono.<br><br>Il prezzo per un terno al lotto sia per quelli che comprano le celle dall&#39;esterno sia per quelli che se le producono. <br>Non vero che il pannello cinese costa meno per e secondo me qui interviene una questione delicata di mercato.<br>Il prezzo del mercato mondiale regolato da grossi produttori, cio a seconda del prezzo che fanno loro tutti gli altri si devono adeguare in quelche modo.<br>I grossi produttori giapponesi sono riusciti a ottenere un sistema di produzione altamente automatizzato ed efficente che nessun altro ancora in grado di realizzare e probabilmente hanno deciso di non fare lievitare il prezzo anche di fronte a una richiesta di mercato superiore alle produzioni. (tanto di cappello alla SHARP) <br>La SHARP ha appena attivato nuove linee di produzione per 315-400 MWp/anno. <a href='http://www.photon-magazine.com/' target='_blank'>photon-magazine</a><br>Questa scelta ha portato i piccoli produttori cinesi, indiani, russi, italiani ect. a non poter competere sul rapporto qualit&agrave;/prezzo e a fare fatica a sopravvivere.<br><br>Pensate che SHARP in ITALIA viene venduto a poco pi di 3 Euro passando almeno in 3 mani dopo la fabbrica. Il pannello cinesi migliore lo trovi a poco meno di 3 ancora da importare e sdoganare.<br>Pensate che SHARP si rifiuta di offrire quanit&agrave; grosse (MWp) ma preferisce quantit&agrave; minore con consumo costante nel tempo.<br><br>Il mercato del Fotovoltaico veramente un mercato strano.<br><br>Saluti a tutti. <br><br><span class="edit">Edited by fede29 - 5/3/2005, 16:23</span>

                        Commenta


                        • #13
                          questa sembra una buona informazione, ma sara&#39; vera?<br>quali sono le tue fonti?

                          Commenta


                          • #14
                            Le mie fonti sono derivata dalla ricerca di mercato effettauta, nella quale sono state setacciate con visite anche nelle aziende di produzione, circa 50 ditte e questa un po&#39; la situazione che si recepita dagli stessi produttori.<br>

                            Commenta


                            • #15
                              cinesi stanno bene a casa loro, qundo compro qualsiasi cosa gurdo l&#39;etichetta, non la marca ma il made in ....se e&#39; asiatico non lo compro nemmeno se lo regalano.<br>stanno uccidendo il mercato in tutto il mondo, solo xche&#39; vengono pagati con un pezzo di pane e un pugno di riso<br><br>viva il made in italy.<br><br>ciao da roby68s

                              Commenta


                              • #16
                                cmq i pannelli cinesi non sono una bufala, i cinesi sfornano pannelli a basso costo da anni.<br>Per acquistarli e/o visionarli basta andare su questi siti<br><br><a href='http://www.ebigchina.com/' target='_blank'>http://www.ebigchina.com/</a><br><a href='http://www.made-in-china.com/' target='_blank'>http://www.made-in-china.com/</a><br><br>dove si trovano i prodotti a disposizione per l&#39;esportazione. Di solito per i prezzi bisogna contattare un incaricato che cmq risponde alle mail nel giro di poche ore.<br>Quello che rende effettivamente i pannelli cinesi POCO convenienti, nonostante la loro esplicita convenienza formale, sono le spese e i balzelli massacranti collegati all&#39;esportazione e al fatto che per spedirti merce a costi ragionevoli spesso devi fare dei contratti per importare anche (e allo stesso tempo) prodotti-diversi provenienti da settori merceologici diversi (oltretutto)<br>In futuro se regolarizzeranno il loro mercato non potra&#39; altro che andar peggio (dal punto di vista della spesa <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> ) e dubito pure che mai potremo vedere il cinese sotto i portici che vende pannelli solari assieme ai cani giocattolo rotolanti e alla pomata di tigre.<br><br>ps. cmq a Parma, al parco ducale, trovai un anno fa un cinese con la moglie (o la figlia.. non si capisce mai che eta&#39; abbiano he he) che vendeva, frammisti alle altre cianfrusaglie, lenti di fresnel a4 "per la lettura senza occhiali di libri e quant&#39;altro" a 1 euro <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>[ meno che ebay o su natura-e dove al minimo ne trovi 2 per 3 euro + spese postali <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/rolleyes.gif' border='0' valign='absmiddle'> e come lo zio banchiere soleva ripetere al piccolo lord "ogni soldino risparmiato e&#39; un soldino guadagnato" ... canticchiando... ma insomma il concetto non cambia. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> ]

                                Commenta


                                • #17
                                  non ho capito questi panelli costano poco ( in base alle loro prestazione ) o no ?<br><br>se costano 1/4 di quelli italiani potrebbe essere vantaggioso comprarli. <br><br><span class="edit">Edited by ricerca - 2/4/2005, 20:07</span>

                                  Commenta


                                  • #18
                                    <center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (csf0137 @ 2/4/2005, 11:55)</div><div id='QUOTE' align='left'>..., i cinesi sfornano pannelli a basso costo da anni. ]</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao csf0137 se per te per un pannello fotovotaico da 68 watt a 340 Us &#036; per un minimo di 10 pezzi ancora da importare, un buon prezzo...<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>
                                    L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                                    LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                                    Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                                    Commenta


                                    • #19
                                      <center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'>se per te per un pannello fotovotaico da 68 watt a 340 Us &#036; per un minimo di 10 pezzi ancora da importare, un buon prezzo...</div></center><br><br>...dipende che ditta hai valutato.<br>Qualche mese fa avevo trovato (spulciando qua e la) prezzi decisamente migliori, resta pero&#39; il prezzo esorbitante dell&#39;importazione che come avevo detto rende il tutto poco economico. Cio&#39; non toglie pero&#39; che i pannelli a bassocosto (rispetto ai costi -occidentali-) vengono da loro prodotti ... che poi siano economici "per noi" questo e&#39; tutto un altro discorso. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/happy.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>

                                      Commenta


                                      • #20
                                        <span style='color:blue'><span style='font-size:21pt;line-height:100%'>Ciao a tutti ,<br>volete vedere una ditta cinese andate a questo sito <a href='http://www.yingligroup.com/xinnengyuan/xnyemain/it.htm' target='_blank'>INDUSTRIA CINESE DA 50MW/ ANNO</a></span></span>

                                        Commenta


                                        • #21
                                          <center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (roby68s @ 11/4/2005, 21:04)</div><div id='QUOTE' align='left'><span style='color:blue'><span style='font-size:21pt;line-height:100%'>Ciao a tutti ,<br>volete vedere una ditta cinese andate a questo sito <a href='http://www.yingligroup.com/xinnengyuan/xnyemain/it.htm' target='_blank'>INDUSTRIA CINESE DA 50MW/ ANNO</a></span></span></div></center><br> E sai il costo di questi pannelli?<br>E come li forniscono qui da noi?

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ciao ,<br>penso che sul loro sito ci siano indicazioni anche sulla vendita.<br><br>ciao roby68s

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Si ma ragazzi i dazzi su questi prodotti ci sono o n o ci sono ?<br><br>se ci sono come si fanno a pagare ?

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Volete vedere i cinesi???<br>www.alibaba.com

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Ho lavorato e collaborato con ditte cinesi, indiane ed orientali in genere; ho rilevato una capacita&#39; imprenditoriale ed una onesta di gran lunga superiore a ditte Blasonate Italiane. comunque la generalizzazione in questi casi sempre da evitare. Ing Miky

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (roby68s @ 1/4/2005, 12:35)</div><div id="quote" align="left">cinesi stanno bene a casa loro, qundo compro qualsiasi cosa gurdo l&#39;etichetta, non la marca ma il made in ....se e&#39; asiatico non lo compro nemmeno se lo regalano.<br>stanno uccidendo il mercato in tutto il mondo, solo xche&#39; vengono pagati con un pezzo di pane e un pugno di riso<br><br>viva il made in italy.<br><br>ciao da roby68s</div></div><br>Chissa quanta roba cinese ha comprato fin&#39;ora.<br>Lo sai che molte marche si fanno fare la roba in Cina, le importano a Malta dove cambiano l&#39;etichetta in &quot;made in europe&quot;, poi le portano in italia dove ci attaccano la marca e ci mettono l&#39;etichetta &quot;made in italy&quot;.<br>O altre si fanno fare la roba in italia (made in italy) da laboratori cinesi.<br>Forse ti conviene di pi comprare roba con l&#39;etichetta &quot;made in china&quot; almeno sai che non ti hanno raggirato, questo almeno fino a quando vestire &quot;made in china&quot; non andr&agrave; di moda.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      un mio amico ha chiesto un preventivo in cina e gli hanno chiesto 4 dollari watt pi trasporto e dogana che non s quantificare.-

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Con la mia societa&#39; di ricerca alcuni mesi orsono proposi a una ditta Italiana, economicamente alla frutta, di convertirsi nella produzione di pannelli solari partendo da wafer prodotti in cina.<br>In effetti i campioni che mi sono stati inviati avevano un rendimento molto buono e sottoposti a processo di invecchiamento accellerato secondo norme iso avevano dato una vita media 45 anni con una deviazione standard molto piccola.<br>Molti nazionalisti derisero la mia idea di laminare in Italia; tenete conto che i wafer sono come fogli di carta e un pacco grande come una 24 ore ne contiene un numero fenomenale.<br>Il Progetto completo di costruzione dello stabilimento e&#39; ancora dormiente nel mio cassetto aspetta sempre dei finanziatori che potrebbe essere una societa&#39; ad azionariato diffuso. Magari la crezione di una cooperativa o spa potrebbe essere una risposta.<br>Le spese di trasporto si riducono in modo fenomenale e anche la probabilita&#39; di ricevere pannelli rotti.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          ritornando ai pannelli cinesi, oggi ho parlato con un tizio<br>che li importa da america e giappone.<br>mi diceva che, per ora, non sono convenienti, costano<br>suppergi come da noi.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Ciao a tutti <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/92a64038a4213fa78e834124699be2e5.gif" alt=""><br>Prezzi &quot;decenti&quot; si trovano anche in Italia, ecco un esempio <a href="http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=4297937" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=4297937</a><br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/813df8aaa53047dddac86cae968b438f.gif" alt="">
                                                            L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                                                            LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                                                            Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR