adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Celle fotovoltaiche plastiche

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Celle fotovoltaiche plastiche

    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Un nuovo tipo di celle fotovoltaiche sono state sviluppate da scienziati del U.S. Department of Energy&#39;s Lawrence Berkeley National Laboratory (Berkeley Lab) e della University of California at Berkeley (UCB). Queste innovative celle solari sono di tipo semiconduttore polimero e sono una via di mezzo tra nanotecnologie e plastiche elettroniche.<br><br>Dal 1997, anno in cui sono state scoperte le plastiche conduttive, contenenti legami chimici coniugati doppi che danno la possibilit&agrave; agli elettroni di muoversi liberamente, si è palesato un importante interesse nell’impiego di questi nuovi materiali per la fabbricazione di celle fotovoltaiche.<br><br>Rispetto alle celle fotovoltaiche tradizionali la cui produzione, fino ad oggi, è stata pesantemente gravata dagli elevati costi di produzione dei singoli dispositivi, queste nuove celle sono molto più economiche e hanno il vantaggio che possono essere stampate come una normale plastica, con una forma qualsiasi. L’unico inconveniente è rappresentato dalla bassa efficienza di conversione della luce in energia elettrica.<br>Paul Alivisatos<br><br>Paul Alivisatos, responsabile del progetto e direttore del Molecular Foundry, centro per le nanoscienze presso i Berkeley Lab, sostiene che queste innovative celle sono state concepite utilizzando polimeri assieme a nanotubi di semiconduttore con “cluster” composti da 100-100000 atomi.<br>Janke Dittmer, Wendy Huynh, e Paul Alivisatos<br><br>Janke Dittmer, uno dei ricercatori coinvolti nel progetto, asserisce che l’impiego di materiali ibridi, composti da semiconduttori inorganici e polimeri organici, offre il vantaggio di poter sfruttare al meglio le potenzialit&agrave; di ciascuno dei due sistemi. I semiconduttori inorganici danno delle prestazioni elettroniche impeccabili, adatte per l’impiego nella messa a punto di celle fotovoltaiche. I polimeri organici hanno il vantaggio di poter essere processati a temperature ambiente fornendo un substrato flessibile come le normali plastiche a costi molto competitivi.<br><br>Gli scienziati del U.S. Department of Energy&#39;s Lawrence Berkeley National Laboratory (Berkeley Lab) hanno concretizzato i risultati della ricerca in una cella solare messa a punto con un materiale ibrido costituito da sottili nanotubi dispersi in una matrice polimerica il cui spessore è di 200 nanometri. Racchiuso tra due elettrodi il dispositivo produce una tensione 0.7 volt.<br><br>La disposizione degli elettrodi e lo strato di nanotubi e polimeri può avvenire semplicemente mediante processi successivi che fanno leva su determinate reazioni chimiche in soluzione liquida. Le celle fotovoltaiche, frutto di questo procedimento, hanno prodotto un’efficienza del 1,7 per cento. Uno scarso risultato se si considera che le attuali celle fotovoltaiche raggiungono un livello standard del 10 per cento, mentre le celle più sofisticate, composte di materiale semiconduttore laminato, raggiungono un livello di efficienza fino al 35 per cento.<br><br>Tuttavia, i ricercatori conoscono gi&agrave; i procedimenti che consentiranno un rapido miglioramento nelle prestazioni.</div></div><br>ciao<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Da alcuni anni vengono prodotti e studiati polimeri sintetici utilizzabili per la costruzione di apparecchiature sia fotovoltaiche che, più genericamente, opto-elettroniche. In modo assai sbrigativo possiamo dire che quando la luce impatta su superfici costruite con questi materiali fotovoltaici si mettono in moto le cariche elettriche elementari, gli elettroni, con il risultato che si ottiene corrente elettrica. In realt&agrave; finora i progressi nel campo del fotovoltaico, dell&#39;elettronica, dell&#39;optoelettronica e della riproduzione delle immagini li dobbiamo all&#39;utilizzo di materiali inorganici come il silicio. Esiste, ora, la concreta possibilit&agrave; che esso possa essere sostituito da materiali organici oppure ibridi organico-silicio. L&#39;utilizzo di questi materiali organici polimerici spazia in molti campi compreso quello della costruzione di pannelli foto-voltaici per la produzione di energia elettrica. Il centro nazionale delle ricerche Cnr finanzia una struttura di nome Istituto per la Sintesi Organica e Fotoreattivit&agrave; ( ISOF ).<br><br>L&#39;utilizzo di questi materiali è assai attraente per diversi motivi<br><br>· Il numero di tali materiali è virtualmente illimitato.<br><br>· Sono flessibili e leggeri.<br><br>· Si possono ottenere da soluzioni.<br><br>· È possibile depositarli in film ultra-sottili su molti tipi di superficie.<br><br>· Possono essere ottenuti da un numero assai elevato di materie prime e di sistemi produttivi. Di conseguenza è elevata la possibilit&agrave; di ridurre i costi.<br><br>Gi&agrave; Alan Heeger, nobel per la chimica nel 2000, ha condotto ricerche innovative su celle solari realizzate in materiale plastico: economiche, versatili e pulite. Più recentemente una squadra di ricercatori dell&#39;universit&agrave; californiana Ucla composta dal professor Yang Yang e dai suoi collaboratori Gang Li e Vishal Shrotriya ha annunciato la scoperta di polimeri plastici che si comportano come il silicio e possono essere usati per costruire pannelli fotovoltaici. È accertato che il rendimento attuale di questi manufatti raggiunge il 4,4% contro quello del silicio che è del 15-20%. Il prof. Yang si dice sicuro che, nel giro di due anni, verr&agrave; messo in commercio un prodotto di questa natura con un rendimento confrontabile con quello del silicio, una vita media di 15 - 20 anni ed un costo di circa il 20% dei pannelli al silicio.<br><br>Pertanto è forte l&#39;attesa per la loro commercializzazione. La situazione della ricerca è abbastanza caotica anche perché sono molti i filoni promettenti, sono molti i materiali interessanti ed è grande la paura di imboccare costosi vicoli ciechi. Ci sono molti annunci di gruppi di ricerca...<br><br>· Taluni assicurano che sar&agrave; possibile stendere strati sottili di questi materiali con tecniche affini alla verniciatura sulle pareti degli edifici ed ottenere energia elettrica.<br><br>· Altri hanno sperimentato, e con successo, anche materiali fotovoltaici di provenienza vegetale. Su internet sono comparsi articoli che riferiscono dell&#39;utilizzo di derivati del mirtillo, altri parlano di pigmenti vegetali e di altri materiali simili alla clorofilla. Il campo è aperto a tante fantasiose possibilit&agrave;.<br><br>· Tutti si dicono sicuri che il 2008 sar&agrave; l&#39;anno in cui alcuni di questi materiali verranno messi in commercio.<br><br>· Anche la Stmicroelectronics ha annunciato il proprio coinvolgimento nella ricerca e nella sperimentazione di questi materiali.<br><br>La stampa riporta anche di truffe rifilate ad utenti troppo entusiasti e troppo impazienti da parte di operatori di pochi scrupoli che millantano il possesso di questa tecnologia non è ancora in commercio. La prospettiva più interessante sembra essere il costo. Con una spesa tra i 1.000 ed i 2.000 euro, infatti, sarebbe possibile installare una potenza di 3 chilovatt ossia la normale utenza domestica. Se così fosse molte delle cose dette e scritte in questi ultimi anni ed alcune delle iniziative prese dai vari governi andrebbero riviste.<br><br>Concentriamoci sui seguenti aspetti:<br><br>1) Incentivo del conto energia;<br><br>2) Marginalit&agrave; della tecnologia fotovoltaica di cui ha parlato il professor Rubbia.<br><br>Incentivo del conto energia<br><br>Sia il precedente governo italiano che l&#39;attuale hanno emesso apposite disposizioni di legge e regolamenti per concedere agli utenti che installano pannelli fotovoltaici la possibilit&agrave; di vendere all&#39;azienda elettrica di distribuzione tutta o parte dell&#39;energia prodotta dal proprio impianto. L&#39;azienda pagher&agrave; questa fornitura con una tariffa superiore a quella della sua fornitura verso l&#39;utente. L&#39;incentivo sarebbe assai conveniente se ognuno avesse il denaro per l&#39;acquisto dell&#39;impianto.<br><br>Anche se alcune regioni offrono facilitazioni ai proprio cittadini ed alcune banche concedono mutui agevolati, rimane il fatto che gli attuali impianti al silicio hanno un costo di 7.000-8.000 euro al chilowatt. Per una normale utenza domestica (3 chilowatt) la somma da spendere sarebbe intorno ai 20.000 euro. Nel momento in cui fosse possibile installare 3 chilowatt con 1.000-2000 euro l&#39;incentivo sarebbe da spostare sull&#39;acquisto dell&#39;impianto. Tutti, infatti, avrebbero interesse a prodursi in casa la corrente per diminuire di molto l&#39;importo della bolletta e magari non avrebbero i contanti.<br><br>La “marginalit&agrave;” del fotovoltaico<br><br>Secondo il prof. Rubbia le tecnologie fotovoltaiche sono destinate a rimanere marginali. I motivi addotti riguardano la discontinuit&agrave; della materia prima (la luce) e la difficolt&agrave; di accumulare l&#39;energia elettrica. Bisogna riconoscere che di notte la luce solare manca ed in certe giornate è scarsa rendendo poco efficienti le tecnologie fotovoltaiche. Questo ragionamento, solo a prima vista, sembra inoppugnabile.<br><br>Se e quando i costi dei pannelli fotovoltaici saranno assai più bassi tutti potranno installarne assai più del necessario in modo da usare l&#39;energia elettrica in eccesso in vario modo......ad esempio:<br><br>· per produrre idrogeno dall&#39;acqua ed alimentare motori a scoppio puliti quando la luce manca.<br><br>· Per fondere sali, nitrati di sodio e di potassio, ed accumulare calore da usare per produrre vapore e quindi corrente elettrica. Per realizzare, insomma, la tecnologia del solare termodinamico dello stesso Rubbia senza gli specchi parabolici per concentrare il calore solare.<br><br>· pompare acqua a monte di una diga per alimentare la cascata e produrre energia idro-elettrica quando serve.<br><br>· Alimentare compressori per avere aria compressa con la quale alimentare motori.<br><br>Sono solo alcuni esempi.<br><br>Non è dato sapere se e quando avremo il fotovoltaico a basso costo con le tecnologie oggetto di questo scritto ed attualmente allo studio dei ricercatori. Una cosa è sicura: per il pieno utilizzo di queste tecnologie ci sar&agrave; assoluto bisogno di un altro prezioso ingrediente: la fantasia.</div></div><br>

  • #2
    €nz,<br><br><span style="font-size:14pt;line-height:100%">e&#39; vietato dalla lagge italiana copiare testi di altri senza citare la fonte e senza avere il loro permesso.</span><br><br>Cancelleremo questo messaggio, puoi modificare il tuo post iniziale inserendo solo i link, grazie?<br><br>Ciao<br>Mario
    Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
    -------------------------------------------------------------------
    Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
    -------------------------------------------------------------------
    L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
    Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
    ------------------------------------------------

    Commenta


    • #3
      ok...rispetto la regola del forum.<br>procedi pure<br><br>ciao

      Commenta

      Attendi un attimo...
      X
      TOP100-SOLAR